Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista luglio 2011
Sulla copertura

Libbre della tettoia inibendo stoccaggio grasso cellulare

Da Kirk Stokel
Libbre della tettoia inibendo stoccaggio grasso cellulare

I servizi sanitari stanno avvertendo circa le conseguenze devastanti dell'obesità, eppure medici rimangono nello scuro circa che gente di cause per accumulare tante libbre del grasso come invecchiano.

Con una serie di studi ben progettati, gli scienziati che studiano determinati estratti della pianta hanno trovato che possono bloccare lo stoccaggio grasso al livello cellulare.

In un avanzamento scientifico significativo, una nuova arma potente è stata identificata per contribuire sicuro ad indurre la perdita di peso.

Questo articolo descrive come un estratto doppio novello della pianta modula favorevole sei vie che le cellule grasse usano per avviare l'obesità.

Una volta provati sugli esseri umani in uno studio controllato con placebo, quelli che prendono questo estratto doppio della pianta hanno perso 4,05 pollici di grasso addominale e caduti 11,4 libbre dopo otto settimane… con perdita di peso osservata fin dai 14 giorni.1

Le cellule che immagazzinano il grasso sono chiamate adipocytes. Sono depositati in tutto i nostri corpi.2,3

Mentre invecchiamo, i adipocytes tendono a espandersi e riunirsi nelle aree che sono cosmetically sgradevoli e nocive alla nostra salute.

Di più grande preoccupazione sono i adipocytes che depositano in profondità in nostri addomi. Questo “grasso viscerale„ rappresenta più del grasso immagazzinato sui nostri giri vita. Il grasso viscerale è tessuto chimicamente attivo quel zangole fuori una torrente delle citochine pro-infiammatorie.4

Quelli con il grasso di gonfiamento della pancia soffrono il bombardamento costante dalle citochine tossiche che avviano la sindrome metabolica e le sue conseguenze micidiali.5,6

Questo problema diffuso ha condotto gli scienziati a cercare gli estratti della pianta che specificamente interferiscono con stoccaggio grasso del adipocyte in nostra anatomia addominale.

Indicus di Sphaeranthus
Indicus di Sphaeranthus

Come lo stoccaggio grasso indesiderato accade

Le calorie in eccesso trasformano ai depositi grassi nei adipocytes7 con un processo a più gradi conosciuto come il adipogenesis.

Quando meno calorie sono consumate, il grasso è liberato dai adipocytes per soddisfare i bisogni energetici del corpo.8,9 questo sono conosciuti come lipolisi.

Un estratto doppio della pianta è stato studiato ha basato sulla sua capacità di inibire simultaneamente il adipogenesis (stoccaggio grasso) e di migliorare la lipolisi (lipolisi e rilascio).

Frutta del mangostano
Frutta del mangostano

Come qualunque altra cellula, i adipocytes si sviluppano dalle cellule staminali non differenziate. Le cellule grasse premature e di sviluppi sono chiamate pre--adipocytes. Quando ingerite più calorie che i vostri bisogni del corpo, “giovani„ pre--adipocytes rispondono maturando nei adipocytes “adulti„.7,10-12

I adipocytes “adulti„ prendono gli acidi grassi in eccesso dalla vostra circolazione sanguigna e cominciano a espandersi. È questo processo dell'assorbimento dell'acido grasso e dell'espansione del adipocyte che infine provoca l'obesità e le sue conseguenze patologiche. Ogni caloria in eccesso contribuisce alla maturazione ed alla crescita delle cellule grasse in questo modo. Dopo certo punto, i adipocytes dilatano e sono gonfiati, molto allo stesso modo che la vostra pancia faccia.

Non tutti i adipocytes sono gli stessi. Mentre le cellule grasse distribuiscono in tutto il vostro corpo, quelli che immagazzinano in vostro cosiddetto grasso viscerale producente addome o grasso della pancia— sono più appena dello stoccaggio “contenitori.„

Le cellule grasse della pancia sono chimicamente attive. Formano il tessuto adiposo capace di liberazione delle citochine pro-infiammatorie nocive.4

In individui obesi, la massa dei depositi grassi viscerali in eccesso genera una pletora pro-infiammatoria di citochine. Questo rilascio di citochina poi esorta una cascata degli effetti nocivi che, se lasciato incontrollato, contribuisce all'inizio delle malattie degeneranti multiple.5,6

Lo stoccaggio così indesiderato del grasso corporeo accade quando le cellule staminali pre--adipocyte maturano per immagazzinare il grasso dietetico in eccesso (adipogenesis) mentre la capacità di ripartire il grasso immagazzinato (lipolisi) diminuisce.

Che cosa dovete conoscere: Stoccaggio grasso cellulare d'inibizione
Stoccaggio grasso cellulare d'inibizione
  • Un'epidemia dell'obesità continua a infuriarsi in questo paese, con più di due terzi del sovrappeso americano della popolazione o obeso.
  • La medicina convenzionale ha ancora offrire tutta la soluzione sicura, a lungo termine, pratica.
  • I ricercatori di avanguardia continuano ad identificare gli agenti d'induzione del peso naturale novello.
  • Fra il più recente è un estratto doppio della pianta che contiene gli estratti del indicus del fiore S. e della frutta del mangostano, entrambi nativo in Asia.
  • Una volta combinata, la miscela doppia risultante dell'estratto è stata trovata per influenzare favorevole sei vie biomolecolari distinte da cui le cellule grasse avviano l'obesità. Nei test clinici controllati con placebo che comprendono gli oggetti obesi, in questa perdita di peso totale sicuro indotta doppia dell'estratto di 11,4 libbre, in un declino di 2,05 nell'indice di massa corporea (BMI) ed in una riduzione di 4,05 pollici in grasso viscerale nocivo dopo appena otto settimane.1

Stoccaggio di combattimento del grasso corporeo in eccedenza

Cercando gli interventi naturali che efficacemente avrebbero inibito l'accumulazione grassa (adipogenesis) e migliorare la combustione grassa (lipolisi), gli scienziati hanno valutato più di mille piante per prova che avrebbe risposto questo ai criteri.13

Due piante di cui gli estratti hanno dimostrato gli effetti biologici significativi erano:

  1. Fiore di indicus di Sphaeranthus (indicus) dello S.13
  2. Frutta del mangostano (garcinia mangostana).13
Controlli le cellule del adipocyte non trattate con accumulazione del lipido dell'esposizione di indicus dello S.
Controlli le cellule del adipocyte non trattate con accumulazione del lipido dell'esposizione di indicus dello S.
Le cellule di Adipocyte trattate con il indicus dello S. hanno inibito l'accumulazione grassa.
Le cellule di Adipocyte trattate con il indicus dello S. hanno inibito l'accumulazione grassa.

In laboratorio, gli estratti di indicus dello S. e del mangostano potente hanno impedito il adipogenesis.

Quando le cellule sono state trattate con il indicus dello S. solo, lo stoccaggio grasso è stato inibito vicino fino a 65%, rispetto alle cellule di controllo. Le fotografie (sotto) evidenziano una differenza contrassegnato visibile fra i due gruppi delle cellule. Le cellule di controllo mostrano gonfiato, l'aspetto “spumoso„, gonfiantesi con le goccioline grasse, confrontate alle più piccole, cellule più naturalmente contornate trattate con l'estratto di indicus dello S.13

Ciascuno di questi estrae la lipolisi anche migliorata (o combustione grassa), vicino fino a 56% confrontato alle cellule di controllo.13

Identificando queste proprietà di unificazione nei due estratti, i ricercatori precisati per determinare se esibissero gli effetti migliorati una volta usate in associazione .

Hanno trovato che gli estratti di indicus e del mangostano dello S. modulano favorevole l'attività di sei vie genomiche in questione nella formazione e nella ripartizione delle cellule grasse.13

Notevolmente, questi estratti hanno ridotto l'espressione genica che promuove il adipogenesis mentre favorevole influenza un gene in questione nella lipolisi desiderabile.

La scatola a questa pagina mostra come queste piantano gli estratti, usate da solo e in associazione, positivamente modulate gli indicatori in questione nell'accumulazione grassa cellulare indesiderata inibendo il adipogenesis e promuovendo la lipolisi.

Dato queste osservazioni, i ricercatori hanno riconosciuto che questa miscela novella degli estratti della pianta potrebbe provocare la perdita di peso significativa via tre meccanismi distinti:

  1. Impedendo “le giovani„ cellule grasse (pre--adipocytes) lo sviluppo in “maturano„ le cellule grasse (adipocytes);
  2. La riduzione della quantità di adipocytes degli acidi grassi ha potuto assorbire;
  3. Ripartizione d'accelerazione dei depositi attuali del grasso dei adipocytes gonfiati.

Il punto seguente era di determinare se questi estratti della pianta inducessero la perdita di peso in animali da esperimento e-più esseri umani importante-obesi.

Impedire obesità in roditori

Quando i giovani ratti adulti sono alimentati una dieta ad alta percentuale di grassi rapidamente guadagnano il peso-appena come gli esseri umani fanno spesso.

Per studiare gli effetti degli estratti della pianta che hanno funzionato negli studi delle cellule, gli scienziati hanno alimentato ad un gruppo di giovani ratti adulti una dieta ad alta percentuale di grassi. La metà dei ratti ha ricevuto l'estratto doppio della pianta mentre l'altra metà ha servito da gruppo di controllo .13

Alla conclusione di otto settimane, il gruppo di controllo rapidamente ha guadagnato il peso. I ratti hanno alimentato una dieta ad alta percentuale di grassi e dato l'estratto doppio della pianta, d'altra parte, ha ridotto l'obesità del corpo di un 700% impressionante.13

Ciò non è sorprendente considerando questi che gli stessi estratti della pianta hanno bloccato l'accumulazione grassa da 48,5% e da 65,9% nel modello cellulare.13

Questo studio ha dimostrato che questi estratti della pianta fanno diminuire dall'l'obesità indotta da dieta in giovani ratti adulti. La vera sfida, tuttavia, è se questi stessi estratti della pianta sono efficaci in esseri umani che sono già obesi.

Come questi estratti della pianta combattono il sovraccarico di Adipocyte

La miscela novella degli estratti di indicus e del mangostano dello S. inibisce l'espansione di nuove cellule grasse mentre promuove la ripartizione dei lipidi nei adipocytes attuali. Le ricerche di laboratorio dimostrano i seguenti meccanismi molecolari che permettono a queste due piante di combattere il sovraccarico del adipocyte:

1. Proteina in relazione con la differenziazione di Adipocyte (ADRP): Stimola l'accumulazione del lipido e la formazione della gocciolina del lipido in cellule grasse.13,14 livelli riducentesi di ADRP è considerato una strategia novella per impedire o la riduzione dell'accumulazione grassa pericolosa, particolarmente nel fegato.12,13,15,16

2. Proteina obbligatoria 4 dell'acido grasso di Adipocyte: Inoltre conosciuto come aP2, questo trasporta gli acidi grassi nelle cellule grasse per stoccaggio. I livelli aumentati di aP2 sono associati con le anomalie di profilo del lipido che conducono ad aterosclerosi; possono anche essere un fattore di rischio indipendente per la sindrome e la malattia cardiovascolare metaboliche.8,11,17-25

3. Perilipin: Una proteina che ricopre le goccioline del lipido nei adipocytes, quindi proteggente i loro contenuti di grassi dalla suddivisione. Il perilipin d'inibizione promuove così la lipolisi, contribuente ad una riduzione del contenuto di grassi del adipocyte.9,26-28

4. Attivatore inhibitor-1 (PAI-1) del plasminogeno: Prodotto soprattutto dalle cellule endoteliali (del arteria-rivestimento), PAI-1 svolge un ruolo chiave nella formazione e nella ripartizione del coagulo di sangue.29 inoltre è secernuto dal tessuto adiposo.30 alti livelli di PAI-1 correlano così direttamente con l'obesità, peso corporeo e indice di massa corporea o BMI addominale.31 in presenza di questa miscela novella dell'estratto della pianta, i livelli PAI-1 infine sono stati trovati per diminuire significativamente.1

5. PPAR-gamma (ricevitore-gamma proliferatore-attivata peroxisome): “Un sensore„ metabolico primario quel avvia il adipogenesis in presenza delle calorie in eccesso.32 aiuti riducentesi di attività di PPAR-gamma impediscono le cellule grasse diventare gonfiati e disfunzionali. 7,9,14,33-36

6. Ricevitore di Beta-3-adrenergic (3AR): L'espressione genica per questo ricevitore recentemente scoperto è stata aumentata dall'estratto doppio della pianta. Regola la lipolisi (lipolisi) quando una spinta di energia è necessaria. Inserendosi il ricevitore beta-3 spontaneamente ed aumenta drammaticamente il dispendio energetico delle cellule grasse, divampante il grasso inutilizzato nel processo.6,37-41

I ricercatori hanno dimostrato che le sei vie genomiche in questione nella formazione e nella ripartizione delle cellule grasse (descritte precedentemente) sono modulate favorevole una volta esposte agli estratti di indicus e del mangostano dello S.17 questo forniscono una base scientifica per spiegare gli effetti dell'anti-obesità osservati nei test clinici umani.

Adattato da: FASEB J. aprile 2011; 25: (Incontrando supplemento astratto) 601,9. Presentato a biologia sperimentale 2011, Washington, DC. 10 aprile 2011 - no. 601,9, manifesto no A278 di programma.
Grafico 1
Adattato da: FASEB J. aprile 2011; 25: (Incontrando supplemento astratto) 601,9. Presentato a biologia sperimentale 2011, Washington, DC. 10 aprile 2011 - no. 601,9, manifesto no A278 di programma.
Adattato da: FASEB J. aprile 2011; 25: (Incontrando supplemento astratto) 601,9. Presentato a biologia sperimentale 2011, Washington, DC. 10 aprile 2011 - no. 601,9, manifesto no A278 di programma.
Grafico 2
Adattato da: FASEB J. aprile 2011; 25: (Incontrando supplemento astratto) 601,9. Presentato a biologia sperimentale 2011, Washington, DC. 10 aprile 2011 - no. 601,9, manifesto no A278 di programma.

Risultati di perdita di peso in esseri umani

Gli studi umani di perdita di peso comprendono un braccio attivo che ha ricevuto l'agente dimagrante potenzialmente efficace e un simile gruppo che hanno ricevuto un placebo inattivo.

Per valutare gli effetti di questi estratti di due piante, 60 adulti obesi sono stati reclutati e diviso stati in due gruppi. Un braccio di 30 pazienti ha funzionato come il gruppo del placebo mentre un secondo gruppo di 30 pazienti ha ricevuto 800 mg al giorno di una combinazione dei due estratti della pianta. Entrambi i gruppi hanno seguito una dieta per giorna di 2.000 calorie e sono stati chiesti di camminare 5 giorni alla settimana 30 minuti.

Alla conclusione di otto settimane, il gruppo che riceve i due estratti della pianta ha mostrato i seguenti miglioramenti:1

  1. Riduzione di un peso dal corpo intero di 11,4 libbre. Ciò era 3,7 volte maggior del gruppo del placebo.
  2. Una riduzione di 4,05 pollici dell'addome. Ciò era 2 volte maggior del gruppo del placebo.
  3. Riduzione dell'indice di massa corporea (BMI) di 2,05. Una diminuzione 3,9 cronometra maggior del gruppo del placebo.

Ciò era un randomizzato, prova alla cieca, studio controllato con placebo, il genere che FDA affida prima che approvasse le nuove droghe. I grafici a questa pagina rivelano la grandezza della riduzione grassa della pancia e di perdita di peso che si è presentata nel gruppo che riceve l'estratto doppio della pianta confrontato a placebo.1 (vedi i grafici 1 e 2)

Oltre ai risultati favorevoli veduti ad otto settimane, i ricercatori sono stati impressionati con la riduzione della circonferenza dell'anca e della vita come pure il peso corporeo perso che si è presentato nei primi 14 giorni! In effetti dopo soltanto due settimane, la perdita di peso media era di 4,6 libbre.1

Ad otto settimane, il gruppo doppio dell'estratto della pianta ha mostrato la riduzione del rapporto dell'vita--anca che era 2,2 volte maggior del gruppo del placebo. Ciò è un miglioramento importante poichè indica che il grasso viscerale pericoloso della pancia sta perdendo.

Questi risultati sono sostenuti entro un secondo, prova similmente progettata che comprende 60 oggetti obesi. Sono stati divisi in tre gruppi che hanno consistito di un braccio del placebo, di un braccio attivo che ricevono l'un estratto della pianta e di un altro braccio attivo che ha ricevuto un estratto doppio della pianta. Tutti i partecipanti hanno seguito una dieta caloria per giorna 2.000 e sono stati chiesti di camminare per 30 minuti cinque volte un la settimana 8 settimane.13

Dopo otto settimane il gruppo che riceve l'estratto doppio della pianta sperimentato statisticamente cambiamenti significativi nella loro circonferenza addominale, peso dal corpo intero e circonferenza dell'anca simile a quelle vedute nel primo studio detto precedentemente.13

Questi risultati confermativi indicano che questo estratto doppio novello della pianta può permettere agli esseri umani di invecchiamento di spargere sicuro i depositi indesiderati del grasso corporeo. Gli eventi o gli effetti collaterali avversi non importanti sono stati riferiti in qualsiasi studio.

Protezione contro trombosi coronaria

La maggior parte dei attacchi di cuore di morte improvvisa accadono quando un coagulo di sangue si forma in un'arteria coronaria, soffocando il sangue ossigenato ad una parte del muscolo del cuore.

Una proteina chiamata attivatore inhibitor-1 ( PAI-1) del plasminogeno inibisce la ripartizione normale dei coaguli di sangue arteriosi.29 alti livelli di PAI-1 sono osservati in individui obesi e sono associati con il rischio aumentato di attacco di cuore.30,31

Nel studiare l'estratto doppio della pianta, i ricercatori hanno misurato i livelli del siero di attivatore inhibitor-1 ( PAI-1) del plasminogeno. Quelli che ricevono l'estratto doppio della pianta hanno mostrato ai 24,3% la riduzione dei livelli pericolosi PAI-1, mentre il gruppo del placebo ha mostrato ai 2,4% l'aumento.1 (vedi il grafico 3)

Quelli completati con l'estratto doppio della pianta hanno avuti un calo di 60% nei livelli del trigliceride confrontati alla linea di base.1

Adattato da: FASEB J. aprile 2011; 25: (Incontrando supplemento astratto) 601,9. Presentato a biologia sperimentale 2011, Washington, DC. 10 aprile 2011 - no. 601,9, manifesto no A278 di programma.
Grafico 3
Adattato da: FASEB J. aprile 2011; 25: (Incontrando supplemento astratto) 601,9. Presentato a biologia sperimentale 2011, Washington, DC. 10 aprile 2011 - no. 601,9, manifesto no A278 di programma.

Gli oggetti dati la pianta doppia estraggono i livelli aumentati del adiponectin metabolico chiave dell'ormone.1 Adiponectin regola il quanto zucchero è in vostra circolazione sanguigna e quanto il vostro corpo riparte rapidamente il grasso. In termini di perdita grassa, i livelli elevati di adiponectin sono desiderabili. I livelli elevati del adiponectin sono associati con i depositi in diminuzione di grasso corporeo e una suscettibilità riduttrice al diabete ed alla sindrome metabolica.42

Il gruppo doppio dell'estratto della pianta indicato tende verso glucosio e colesterolo riduttori, che si pensano che accadano in risposta a perdita di grasso della pancia e di peso corporeo.1

La perdita di grasso viscerale nel gruppo doppio 4,05 dell'estratto misura, ammontando due volte a declino osservato nel placebo gruppo-è coercitiva.1 questo è importante perché il grasso viscerale libera una tempesta delle molecole pro-infiammatorie di cellula-segnalazione. Il grasso viscerale in eccesso è un fattore di rischio conosciuto per una serie di minacce serie di salute, variante dall'infiammazione sistemica contro il rischio aumentato di ipertensione, di aterosclerosi, di diabete di tipo 2 e di coronaropatia.43-45

Presi insieme, questi risultati indicano il rischio contrassegnato riduttore di malattia vascolare in individui obesi che prendono 800 mg un il giorno di questo estratto doppio della pianta.

Riassunto

L'obesità risulta dalla dimensione aumentata di diversi adipocytes (cellule grasse) dovuto accumulazione (grassa) migliorata del lipido. Peggiora come maggiori numeri di pre--adipocytes trasforma nei adipocytes disfunzionali e gonfiati.

La miscela novella degli estratti della pianta descritti in questo articolo influenza favorevole sei vie distinte da cui le cellule grasse avviano l'obesità.

Nella coltura cellulare, questi estratti della pianta riducono la capacità delle cellule grasse del progenitore (pre--adipocytes) di trasformare nelle cellule grasse gonfiate. Questi studi inoltre indicano che le componenti di questo estratto doppio della pianta riducono la quantità di acidi grassi presa dai adipocytes (adipogenesis) e facilitano la ripartizione (lipolisi) di grasso memorizzata nei adipocytes attuali.

In un test clinico controllato con placebo che fanno partecipare gli esseri umani obesi, in questa miscela del indicus dello S. ed in una perdita di peso sicuro indotta degli estratti della pianta del mangostano di 11,4 libbre, con un declino di 2,05 nell'indice di massa corporea (BMI) e una riduzione di 4,05 pollici in grasso viscerale nocivo.1

Mentre la nostra istituzione medica non è riuscito ad offrire alcune soluzioni sicure, a lungo termine, pratiche per l'odierna epidemia dell'obesità, gli agenti naturali ora sono disponibili che aumentano sostanziale gli effetti di un programma ragionevole di perdita di peso.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a
1-866-864-3027.

Proprietà antidiabetiche potenti

Lungamente stimato nella medicina tradizionale di Ayurvedic per le loro proprietà d'induzione del peso, scienziati ha confermato che estratti dal indicus di Sphaeranthus (indicus dello S.) e la frutta del mangostano (garcinia mangostana) esercita un effetto antidiabetico in esseri umani.

S. il indicus è stato usato per secoli per combattere i sintomi diabetici, per proteggere il fegato, per acquietare l'infiammazione, amplificare l'umore e l'aiuto nella digestione.46

Gli animali da laboratorio diabetici hanno trattato con le riduzioni sostanziali della mostra degli estratti di indicus dello S. in glicemia, con fegato migliorato e la funzione pancreatica.47,48 in topi insulina-resistenti, il indicus dello S. estrae i più bassi livelli del trigliceride e della glicemia mentre facilita l'assorbimento più efficiente di glucosio nel tessuto del muscolo.49 animali diabetici hanno trattato significativamente con i livelli più bassi dell'ossidazione del tessuto, 50 della mostra di indicusdello S. un fattore di fondo importante nella maggior parte delle complicazioni diabetiche pericolose.48,49

Il mangostano è una frutta commestibile che si sviluppa in tutto l'Asia Meridionale. Come il indicus dello S., le parti della frutta ed il suo succo sono stati usati per secoli per combattere il diabete e l'obesità. Un meccanismo vitale è la sua capacità di bloccare l'alfa amilasi metabolica critica degli enzimi che riparte gli amidi nello zucchero.51 stampo dell'alfa amilasi limita la punta nei livelli della glicemia che seguirebbero normalmente un pasto ricco in carboidrati. Gli estratti del mangostano inoltre inibiscono gli enzimi in questione nella sintetizzazione delle molecole grasse.33 è questa combinazione di assorbimento dello zucchero di didascalia e di produzione grassa di didascalia quei conti in parte per le sue proprietà d'induzione del peso.

Gli estratti del mangostano hanno un beneficio supplementare e considerevole. Sono stati indicati efficacemente per limitare l'infiammazione che accompagna tipicamente l'accumulazione delle cellule grasse.6,52 che questa infiammazione contribuisce direttamente ad insulino-resistenza. In uno studio coercitivo, i livelli della proteina C-reattiva dell'indicatore infiammatorio hanno diminuito significativamente53 in individui obesi che consumano il succo del mangostano dopo soltanto 8 settimane.

Riferimenti

1. Lau FC, Golakoti T, Krishnaraju avoirdupois, Sengupta K, Bagchi D. Efficacy e tollerabilità di Merastin™- A randomizzata, prova alla cieca, studio controllato con placebo. FASEB J. aprile 2011; 25: (Incontrando supplemento astratto) 601,9. Presentato a biologia sperimentale 2011, Washington, DC. 10 aprile 2011. No. 601,9, manifesto no A278 di programma.

2. SEDERE di Bunnell, Estes BT, Guilak F, Gimble JM. Differenziazione delle cellule staminali adipose. Metodi Mol Biol. 2008;456:155-71.

3. Symonds ME, si muove la H, CA di Perkins, Lomax mA. Sviluppo del tessuto adiposo - impatto dell'ambiente in anticipo di vita. Prog Biophys Mol Biol. 14 dicembre 2010.

4. Takakura Y, Yoshida T. Beta 3 agonisti del recettore adrenergico--dopo, presente e futuro. Il Giappone Yakurigaku Zasshi. 2001 novembre; 118(5): 315-20.

5. Xiao L, Zhang J, Li H, Liu J, lui L, Zhai Y. Inhibition di differenziazione del adipocyte e del adipogenesis dal angustata di Sibiraea dell'erba del cinese tradizionale. Med di biol di Exp (Maywood). 2010 dicembre; 235(12): 1442-9.

6. Bumrungpert A, Kalpravidh RW, Chuang cc, et al. Xanthones dal mangostano inibisce l'infiammazione in macrofagi umani e nei adipocytes umani esposti ai media macrofago-condizionati. J Nutr. 2010 aprile; 140 (4): 842-7.

7. Amini Z, Boyd B, Doucet J, Ribnicky dm, Stephens JM. Il mosto di malto di St John inibisce la differenziazione del adipocyte ed induce l'insulino-resistenza nei adipocytes. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 9 ottobre 2009; 388(1): 146-9.

8. Frayn KN, SEDERE di sistemazione, metabolismo e malattia cardiovascolare dell'acido grasso del tessuto adiposo di Karpe F. Curr Opin Lipidol. 2005 agosto; 16(4): 409-15.

9. Wang S, Soni chilogrammo, Semache m., et al. lipolisi e la fisiologia integrata del metabolismo energetico del lipido. Mol Genet Metab. 2008 novembre; 95(3): 117-26.

10. Lee J, Jung E, Huh S, Kim YS, Kim YW, parco D. Anti--adipogenesis dal thioinosine 6 è mediato dal downregulation di gamma di PPAR con il upregulation JNK-dipendente di iNOS. Cellula Mol Life Sci. 2010 febbraio; 67(3): 467-81.

11. Smas cm, Sul HS. Meccanismi molecolari di differenziazione del adipocyte e di azione inibitoria di pref-1. Rev Eukaryot Gene Expr di Crit. 1997;7(4):281-98.

12. Smazzi la B, Ikuyama la S, Gu JQ, et al. da espressione indotta da acido oleica di ADRP richiede sia elementi di risposta di PPAR che di AP-1 ed è ridotta da Pycnogenol con degradazione del mRNA in cellule di fegato di NMuLi. J Physiol Endocrinol Metab. 2009 luglio; 297(1): E112-23.

13. Basato sui risultati sulle analisi iniziali dei dati non pubblicati di ricerca.

14. Imamura m., Inoguchi T, Ikuyama S, et al. ADRP stimola l'accumulazione del lipido e la formazione della gocciolina del lipido in fibroblasti murini. J Physiol Endocrinol Metab. 2002 ottobre; 283(4): E775-83.

15. Grasselli E, Voci A, Canesi L, et al. effetti diretti degli iodothyronines su stoccaggio del grasso in eccesso negli epatociti del ratto. J Hepatol. 3 novembre 2010.

16. Mercato dell'informazione e innovazione Y, GM di Varela, MB di Jackson, Graham MJ, RM di Crooke, Ahima RS. Riduzione del hepatosteatosis e dei livelli di lipidi da un oligonucleotide antisenso della proteina in relazione con la differenziazione adiposa. Gastroenterologia. 2007 maggio; 132(5): 1947-54.

17. Agardh, Folkersen la L, Ekstrand J, et al. espressione di proteina acido-legante grassa 4/aP2 è correlato con instabilità della placca nell'aterosclerosi carotica. Med dell'interno di J. 2011 febbraio; 269(2): 200-10.

18. Aragones G, Ferre R, Lazaro I, et al. proteina acido-legante grassa 4 è associato con disfunzione endoteliale in pazienti con il diabete di tipo 2. Aterosclerosi. 2010 novembre; 213(1): 329-31.

19. Cabre A, Lazaro I, Cofan m., et al. livelli del plasma FABP4 è aumentato di iperlipidemia combinata familiare. Ricerca del lipido di J. 2010 maggio; 51(5): 1173-8.

20. Cabre A, Lazaro I, Girona J, et al. proteina obbligatoria 4 dell'acido grasso del plasma è associato con la dislipidemia atherogenic in diabete. Ricerca del lipido di J. 2008 agosto; 49(8): 1746-51.

21. Chmurzynska A. La famiglia del multigene delle proteine acido-leganti grasse (FABPs): funzione, struttura e polimorfismo. J Appl Genet. 2006;47(1):39-48.

22. Se di Karakas, proteina obbligatoria 4 dell'acido grasso di Almario RU, di Kim K. Serum, acidi grassi liberi ed indicatori metabolici di rischio. Metabolismo. 2009 luglio; 58(7): 1002-7.

23. Kersten S. Mechanisms di nutrizionale e regolazione ormonale di lipogenesi. Rappresentante dell'EMBO. 2001 aprile; 2(4): 282-6.

24. Toruner F, Altinova EA, Akturk m., et al. La relazione fra l'acido grasso del adipocyte che lega protein-4, retinolo che lega i livelli protein-4 e nefropatia diabetica iniziale in pazienti con il diabete di tipo 2. Ricerca Clin Pract del diabete. 19 dicembre 2010.

25. Tsai JP, Liou HH, HM di Liu, Lee CJ, Lee RP, Hsu BG. Il livello acido-legante grasso di digiuno della proteina 4 del siero correla positivamente con la sindrome metabolica nei pazienti di emodialisi. Arco Med Res. 2010 ottobre; 41(7): 536-40.

26. Li Y, Kang Z, Li S, Kong T, Liu X, acido di Sun C. Ursolic stimola la lipolisi nei adipocytes primario-coltivati del ratto. Mol Nutr Food Res. 2010 novembre; 54(11): 1609-17.

27. Nerurkar PV, Lee YK, Nerurkar VR. Il momordica charantia (melone amaro) inibisce la differenziazione umana primaria del adipocyte modulando i geni adipogenic. Med di Altern del complemento di BMC. 2010;10:34.

28. Tinahones FJ, Garrido-Sanchez L, Miranda m., et al. obesità e cambiamenti in relazione con la resistenza dell'insulina nell'espressione dei geni lipogenic e lipolitici negli oggetti morboso obesi. Obes Surg. 2010 novembre; 20(11): 1559-67.

29. Mutch NJ, Thomas L, Moore NR, Lisiak chilometro, Na della cabina. Rum "tafia", PAI-1 ed alfa-antiplasmin: ruoli complementari nella lisi di regolamento degli emboli e dei grumi del plasma. J Thromb Haemost. 2007 aprile; 5(4): 812-7.

30. Trayhurn P, legno È. Segnalazione del ruolo del tessuto adiposo: adipokines ed infiammazione nell'obesità. Transazione di biochimica Soc. 2005 novembre; 33 (pinta 5): 1078-81.

31. Attività del tessuto adiposo di Gnacinska m., di Malgorzewicz S, di Guzek m., di Lysiak-Szydłowska W, di Sworczak K. relativamente a sovrappeso o obesità. Politico di Endokrynol. 2010 marzo-aprile; 61(2): 160-8.

32. Drizzi i TUM, Houten il MP, ricevitore-gamma proliferatore-attivata Peroxisome di Auwerx J.: troppa di buona cosa causa il danno. Rappresentante dell'EMBO. 2004 febbraio; 5(2): 142-7.

33. Jiang hertz, Quan XF, tian WX, et al. inibitori della sintasi dell'acido grasso dei costituenti fenolici isolati dal garcinia mangostana. Bioorg Med Chem Lett. 15 ottobre 2010; 20(20): 6045-7.

34. Choi JH, banche COME, Estall JL, et al. droghe antidiabetiche inibisce la fosforilazione legata all'obesità di PPARgamma da Cdk5. Natura. 22 luglio 2010; 466(7305): 451-6.

35. Oben JE, Ngondi JL, Blum K. Inhibition dell'estratto del seme dell'irvingia gabonensis (OB131) sul adipogenesis come mediato via giù il regolamento dei geni di leptina e di PPARgamma ed il su-regolamento del gene di adiponectin. Salute DIS dei lipidi. 2008;7:44.

36. Tsukahara T, Hanazawa S, acido fosfatidico di Murakami-Murofushi K. Cyclic influenza l'espressione ed il regolamento della fosfodiesterasi ciclica 3B del nucleotide e della lipolisi in cellule 3T3-L1. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 7 gennaio 2011; 404(1): 109-14.

37. Una S, Han JI, Kim MJ, et al. estratti etanolici delle speci di brassica campestris. le radici di rapa impediscono dall'l'obesità indotta da dieta ad alta percentuale di grassi via il beta (3) - regolamento adrenergico di attività lipolitica del adipocyte bianco. J Med Food. 2010 aprile; 13(2): 406-14.

38. Hatakeyama Y, Sakata Y, Takakura S, Manda T, Mutoh S. Acute ed effetti cronici di FR-149175, un beta agonista di 3 recettori adrenergici, su dispendio energetico nei ratti grassi di Zucker. Comp. Physiol di J Physiol Regul Integr. 2004 agosto; 287(2): R336-41.

39. Analisi di Lima JJ, di Feng H, di Duckworth L, et al. di associazione dei polimorfismi del recettore adrenergico con obesità ed alterazioni metaboliche. Metabolismo. 2007 giugno; 56(6): 757-65.

40. Sakura H, Togashi m., agonisti del recettore adrenergico di Iwamoto Y. Beta 3 come droghe anti-obese ed antidiabetiche. Il Giappone Rinsho. 2002 gennaio; 60(1): 123-9.

41. van Baak MA, Hul GB, Toubro S, et al. effetto acuto di L-796568, un beta agonista novello di 3 recettori adrenergici, su dispendio energetico in uomini obesi. Clin Pharmacol Ther. 2002 aprile; 71(4): 272-9.

42. Ukkola O, Santaniemi M. Adiponectin: un collegamento fra adiposità in eccesso e morbilità concomitanti collegate? J Mol Med. 2002 novembre; 80(11): 696-702.

43. Il KOH H, Hayashi T, Sato KK, et al. adiposità viscerale, area grassa sottocutanea non addominale, è associato con ipertensione in uomini giapponesi: lo studio di Ohtori. Ricerca di Hypertens. 13 gennaio 2011.

44. Lee YH, Lee SH, Jung es, et al. adiposità viscerale e la severità della coronaropatia negli oggetti di mezza età con la circonferenza normale della vita e la sua relazione con lipocalin-2 e MCP-1. Aterosclerosi. 2010 dicembre; 213(2): 592-7.

45. Navarro E, Mijac V, HF di Ryder. Misura di ecografia del grasso viscerale di intrabdominal in uomini obesi. Associazione con le alterazioni nei lipidi e in insulinemia del siero. Arco Latinoam Nutr. 2010 giugno; 60(2): 160-7.

46. Galani VJ, Patel BG, DG del Rana. Indicus Linn di Sphaeranthus.: Una rassegna phytopharmacological. Ricerca di Int J Ayurveda. 2010 ottobre; 1(4): 247-53.

47. Prabhu KS, lobo R, proprietà di Shirwaikar A. Antidiabetic dell'estratto alcolico di indicus di Sphaeranthus nei ratti del diabetico della streptozotocin-nicotinammide. J Pharm Pharmacol. 2008 luglio; 60(7): 909-16.

48. Ramachandran S, Asokkumar K, Uma Maheswari m., et al. indagine sull'antidiabetico, Antihyperlipidemic e proprietà in vivo antiossidanti del indicus Linn di Sphaeranthus. nei ratti diabetici di tipo 1: Un'identificazione dei biomarcatori possibili. Evid ha basato il Med di Alternat del complemento. 2011;2011.

49. Ghaisas m., Zope V, Takawale A, Navghare V, Tanwar m., effetto di Deshpande A. Preventive del indicus di Sphaeranthus durante la progressione da di insulino-resistenza indotto da glucocorticoide in topi. Pharm Biol. 2010 dicembre; 48(12): 1371-5.

50. Shirwaikar A, Prabhu KS, Punitha È. Studi antiossidanti in vitro del indicus di Sphaeranthus (Linn). J indiano Exp Biol. 2006 dicembre; 44(12): 993-6.

51. Gabinetto EA, studio di frazionamento Analisi-guida D. di Huang degli inibitori dell'alfa amilasi dal pericarpo di garcinia mangostana. Alimento chim. di J Agric. 28 novembre 2007; 55(24): 9805-10.

52. Bumrungpert A, Kalpravidh RW, Chitchumroonchokchai C, et al. Xanthones dal mangostano impedisce l'infiammazione e l'insulino-resistenza lipopolysaccharide-mediati nelle culture primarie dei adipocytes umani. J Nutr. 2009 giugno; 139(6): 1185-91.

53. Udani JK, BB di Singh, Barrett ml, Singh VJ. Valutazione della miscela del succo del mangostano sui biomarcatori di infiammazione negli oggetti obesi: un pilota, dose trovante studio. Nutr J. 2009; 8:48.