Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista giugno 2011
Su

Ottimizzi le vostre difese interne contro esposizione a radiazioni
Il pubblico rispetterà il nostro avvertimento questo volta?

Da Stevens adottivo
Ottimizzi le vostre difese interne contro esposizione a radiazioni

Ai tempi di questa scrittura, tre reattori nucleari nel Giappone sono stati paralizzati, scaricanti le particelle radioattive nell'aria, il mare e l'acqua freatica. Una crisi medica potenziale è stata generata-un che i membri di Extension® di vita sono stati avvertiti circa tempo fa.1,2

Pochi giorni dopo i reattore-fornitori nucleari il tsunami devastante del Giappone impressionante dello ioduro di potassio composto radioprotective non hanno fatti lasciare inventario.3

Lo ioduro di potassio di ragione deve essere disponibile per un'emergenza nucleare è che il più cancerogeno degli isotopi radioattivi di iodio (iodine-131) può distruggere il tessuto della tiroide e causare il cancro. Se lo ioduro di potassio è contenuto tempo, satura la ghiandola tiroide con iodio in modo dallo iodio radioattivo non può entrare facilmente.

Lo ioduro di potassio è l'intervento primario più importante da proteggere da tumore della tiroide. Lungamente è stato approvato da FDA a questo fine.4

Sulla base dei nostri avvertimenti risalente del 2002, la maggior parte dei nostri membri già avevano immagazzinato su e sono stati preparati in caso d'emergenza.

Non ognuno ha fatto attenzione al nostro consiglio priore. C'era stato un'emergenza nucleare negli Stati Uniti, quelle senza accesso immediato allo ioduro di potassio potrebbe essere esposto agli importi letali di iodio radioattivo.

Le particelle radioattive danneggiano molto più della ghiandola tiroide, poichè la leucemia ed altri cancri sono elevati in quelle esposte a radiazione. Sappiamo che la radiazione infligge il danneggiamento del radicale libero delle nostre cellule. Fortunatamente, i dati complementari rivelano molte delle sostanze nutrienti già prese dai membri del prolungamento della vita possono ottimizzare le sue difese contro esposizione a radiazioni.

Che cosa sono il fronte degli Americani di rischi reali dal Giappone?

Maggio 2002 nell'emissione di prolungamento della vita Magazine®, abbiamo pubblicato un articolo nominato “rivendicazione per Linus Pauling.„5

Questo articolo (ristampato con l'edizione di questo mese), descritto un rapporto in ritardo dal nostro governo federale con cui hanno ammesso quella prova nucleare in superficie che ha avuto luogo fra 1951 e 1962 direttamente causati almeno 15.000 morti del cancro negli Stati Uniti.6,7

Che cosa sono il fronte degli Americani di rischi reali dal Giappone?

Se non fosse per Linus Pauling, la prova nucleare in superficie sarebbe continuato, migliaia di uccisione più Americani da cui il governo federale inizialmente reclamato era cenere radioattiva “inoffensiva„.5,7,8

Quando quel Linus Pauling stava avvertendo circa i pericoli letali di fallout radioattivo, il nostro governo federale stava inventando i modi per avere lui (ed altri) incarcerati sulle simulazioni che erano nemici dello stato.

Ma era non solo prova in superficie negli Stati Uniti che stavano causando questi cancri. La prova nucleare in superficie in ex Unione Sovietica e sulle isole del Pacifico usate dagli Stati Uniti e dai suoi alleati inoltre stava generando le particelle radioattive che hanno raggiunto gli Stati Uniti.7,9,10

Sappiamo oggi che le piccole quantità di radiazione dai reattori giapponesi paralizzati stanno individuande negli Stati Uniti.Uno stato di 11,12 funzionari di governo là non è il pericolo. Il registro del nostro governo quando si tratta del riconoscimento delle conseguenze a lungo termine di esposizione a radiazioni, tuttavia, è abbastanza misero.

Poiché la maggior parte dei membri del prolungamento della vita riconoscono i pericoli che i radicali liberi posano ai tessuti sani, già stanno ottenendo un certo grado di protezione prendendo le sostanze nutrienti che amplificano la protezione naturale contro radiazione.

Nel caso in cui i livelli di radiazione nella punta degli Stati Uniti, sembrino prudenti aumentare la sua ingestione delle sostanze nutrienti specifiche che sono descritte in questo articolo.

Un batterio che prospera dentro i reattori nucleari!

La maggior parte della gente pensa che la radiazione sia tossica a tutti gli organismi viventi.

Non così con un batterio ha chiamato i radiodurans del D.,13 di cui livelli ultraelevati di superossido dismutasi degli antiossidanti (ZOLLA) e la catalasi gli permette di prosperare dentro i reattori nucleari.14

Di radiazione uccisioni acutamente infliggendo danneggiamento del radicale libero delle cellule vita sostenenti. dovuto il suo naturalmente alto stato antiossidante, radiodurans del D. può resistere ad una dose di radiazioni che è 3.000 volte maggior di che cosa ucciderebbe un essere umano.15,16

Le strutture cellulari delicate sono ossidate in presenza degli alti livelli di radiazione.17 dati intriganti suggeriscono che quello mantenere gli alti livelli degli antiossidanti conferisca almeno la protezione parziale contro i radicali liberi indotti da radiazioni.18

Così mentre è importante avere ioduro di potassio a disposizione per proteggere la ghiandola tiroide nel caso di un'emergenza nucleare,19 livelli elevati antiossidanti cellulari di mantenimento potrebbero aggiungere uno strato supplementare della protezione alle cellule in tutto il corpo.20,21

Questo articolo in primo luogo spiega come lo ioduro di potassio protegge più d'importanza la ghiandola tiroide e poi, descrive gli antiossidanti specifici ed altre sostanze nutrienti che hanno dimostrato gli effetti radiazione-protettivi negli studi pubblicati pari-esaminati.

Ioduro di potassio: Prima linea difesa

Il tumore della tiroide è la malignità più comune causata tramite l'esposizione ai materiali liberati dalle centrali atomiche nocive.22 incidenti del reattore liberano una serie di elementi radioattivi, il più comune di quale è chiamato iodine-131.Lo iodio radioattivo 22,23 è assorbito prontamente nel corpo soprattutto da inalazione di aria contaminata ed anche da ingestione di vegetazione, della latteria e della carne contaminate. Rapidamente è preso nella ghiandola tiroide.24 nella tiroide, la radiazione ionizzante emanata dall'isotopo danneggia il DNA e causa il cancro.

Potete bloccare l'assorbimento di iodio radioattivo nella ghiandola tiroide richiedendo ad una dose di mg 130 dello ioduro di potassio non più successivamente di 2 ore dopo inalazione o ingestione possibile di iodio radioattivo. (Nota che 130 mg è il dosaggio adulto. La dose per le età dei bambini 3-18 anni è 65 mg; la dose per gli anni month-3 dei bambini 1 è 32 mg e la dose per gli infanti fino a di 1 mese è 16 mg.)23-26

La ghiandola tiroide assorbe ugualmente tutte le forme di iodio; fornendo al corpo gli importi ottimali di iodio sotto forma di ioduro di potassio impedisce lo iodio radioattivo il raggiungimento del tessuto vulnerabile della tiroide negli importi apprezzabili. Una dose dello ioduro di potassio presa giustamente può ridurre il rischio di tumore della tiroide di un fattore di 3 ed è il singolo più efficace modo di impedimento del tumore della tiroide che segue un disastro nucleare.23,24

Tenga le compresse dello ioduro di potassio disponibili facilmente nella vostra casa, ufficio ed alcun veicolo-là non è rifornimento né capacità di produzione ancora sufficiente ottenerle durante l'evento reale. (Malgrado la legislazione congressuale che lo affida in mandato sia disponibile, solo lo stato del Vermont ha implementato un programma per la distribuzione dello ioduro di potassio ai suoi cittadini che vivono entro 10 miglia degli impianti nucleari dello stato.)27

Lo ioduro di potassio, tuttavia, non dovrebbe essere preso in maniera regolare come protezione generale. Ci sono altre sostanze nutrienti, tuttavia, che sono state indicate confer ad un beneficio radioprotective multitargeted. Possono contribuire a massimizzare la capacità del vostro corpo di resistere agli effetti di radiazione ionizzante, la fonte di danno del radicale libero che infine conduce a cancro indotto da radiazioni.28-34

Polifenoli

I polifenoli sono molecole versatili trovate in piante. Agiscono attraverso una gamma di vie biomolecolari nel corpo, compreso modifica favorevole di espressione genica che protegge i tessuti da radiazione ionizzante.35,36

I resveratroli, la quercetina ed i polifenoli del tè verde si allineano fra dei la radioprotectants migliore studiati e maggior parte potenti in questa classe. Il resveratrolo è sia un radioprotector in tessuto sano che inoltre ha attività antitumorale.37,38 nei modelli animali, il resveratrolo è stato indicato per proteggere i cromosomi da danno indotto da radiazioni.39 le sue proprietà antiossidanti impediscono la radiotossicità a fegato ed agli intestini tenui animali, due tessuti il immediatamente sensibili ai cattivi effetti della radiazione.40

La quercetina ed i suoi composti relativi proteggono i lipidi e le proteine dalle dosi altrimenti-letali di radiazione gamma, ancora in gran parte attraverso le loro proprietà antiossidanti.La quercetina 41 ed altri polifenoli non solo forniscono la protezione dalle radiazioni cromosomica, ma inoltre proteggono il DNA mitocondriale da danno indotto da radiazioni dell'ossidante.La quercetina 42 inoltre migliora i cambiamenti biochimici in globuli bianchi umani dopo esposizione a radiazioni.43

Il gallato del epigallocatechin del polifenolo (EGCG), derivato da tè verde, inoltre protegge gli animali da radiazione al corpo intero, dal blocco dell'ossidazione del lipido e dal prolungamento della durata.I 44 estratti del tè verde possono proteggere le cellule rapidamente di riproduzione nell'intestino e nei follicoli piliferi dagli effetti offensivi della radioterapia, da una forma di esposizione a radiazioni molto più intensa della tomografia computerizzata tipica (CT) dose-e da una che somiglia più molto attentamente agli effetti immediati dell'esposizione ad un disastro della centrale nucleare.45,46

Che cosa dovete conoscere: Ottimizzi le vostre difese interne contro radiazione
  • Ottimizzi le vostre difese interne contro radiazione
    Lo ioduro di potassio è il singolo intervento più importante per impedire il danno letale esposizione a radiazioni.
  • Per quasi una decade, la vita Extension® ha avvertito della necessità critica per gli individui di mantenere il loro proprio rifornimento dello ioduro di potassio nel caso di un evento nucleare.
  • La negligenza enorme di governo e un pubblico non informato hanno condotto ad una scarsità mondiale dello ioduro di potassio in mezzo del disastro nucleare in corso del Giappone, creante il potenziale per molte morti evitabili da esposizione a radiazioni.
  • Oltre a tenere i rifornimenti adeguati dello ioduro di potassio a disposizione per protezione dalle radiazioni a breve termine, i resveratroli, i polifenoli del tè verde, la genisteina composta derivata della soia ed i minerali e gli antiossidanti della traccia possono permettere la protezione a lungo termine da esposizione a radiazioni micidiale.

Soia

La soia contiene una ricchezza delle sostanze dipromozione, fra loro vari con gli effetti radioprotective notevoli. La genisteina, un isoflavone, può proteggere i topi dalla lesione da radiazioni di ionizzazione dopo un d'una sola dose.51 un meccanismo sono la sua protezione contro perossidazione lipidica indotta da radiazioni, che una volta incontrollata interrompe le membrane cellulari e le strutture.La genisteina 52 inoltre stimola la produzione dei globuli rossi e bianchi che seguono la radiazione al corpo intero, ancora dopo il poco quanto d'una sola dose.53,54 (le cellule staminali del sangue in midollo osseo sono fra il più vulnerabile agli effetti micidiali della radiazione.) A causa della sua induzione potente delle citochine che stimolano la nuova formazione del globulo, la genisteina è nell'ambito dello studio intensivo come modo proteggere il personale militare e civile da una minaccia nucleare potenziale.55

La soia inoltre contiene un inibitore di enzimi radioprotective conosciuto come l'inibitore dell'arciere-Birk (BBI).56 BBI attivano i geni in questione nella riparazione del DNA, facente lo fra i composti più importanti per impedire o l'attenuazione degli effetti di radiotossicità.57,58 BBI inoltre stabilizzano gli enzimi che produrrebbero altrimenti l'arresto indotto da radiazioni della crescita della cellula epiteliale.59 notevolmente, BBI migliora la sopravvivenza delle cellule sane, ma le cellule non malate, dopo esposizione a radiazioni.60,61 BBI sopravvive all'elaborazione nei prodotti commerciali della soia (per esempio, latte di soia, concentrato della soia ed isolati della proteina di soia), rendentegi un radioprotectant altamente accessibile.62,63

Curcumina ed altri estratti della pianta

La prova scientifica coercitiva suggerisce che molti estratti della pianta abbiano effetti dimodificazione del gene importante che sono pertinenti nella protezione dei nostri corpi dall'esposizione a radiazioni.

Centrali nucleari nel 2011

Reattori di potenza nucleari totali, globali

44247

Le percentuali dell'elettricità del mondo

15%48

Più grande produttore di energia nucleare

U.S.A.49,50

Numero delle centrali nucleari in U.S.A.

10449

Le percentuali di potere degli Stati Uniti dai reattori nucleari

20%49,50

La curcumina, derivata dalla curcuma della spezia del curry, esercita gli effetti radioprotective potenti come conseguenza del suoi antiossidante e caratteristiche di disintossicazione.64 supplementi della curcumina riducono la formazione di danno e del tumore del DNA in ratti; riducono sia il danno che la perossidazione lipidica del DNA in globuli bianchi umani coltivati.La curcumina 65,66 ha “azione doppia.„ I suoi effetti antiossidanti proteggono il tessuto normale da radiazione. Ma inoltre aumenta i geni responsabili della morte delle cellule nei cancri, migliorando la distruzione del tumore tramite la radiazione.67 il risultato sono sopravvivenza aumentata in animali esposti a radiazione ad alta dose.68

Insieme, l'aglio e lo zenzero inoltre permettono la protezione dalle radiazioni significativa. Il contenuto elevato dello zolfo dell'aglio sostiene i sistemi antiossidanti naturali.I 69 estratti dell'aglio proteggono i globuli rossi da danno da radiazione da un meccanismo in relazione con il glutatione.70 in topi, gli estratti dell'aglio sono stati indicati per prevenire danni il danno da radiazione to i cromosomi in cellule vulnerabili del midollo osseo.71 via un meccanismo fisiologico discreto, l'aglio estrae gli aumenti X-Ray-mediati downregulate nel sistema nucleare infiammatorio di fattore-kappaB (N-F-KB).I 72 estratti dello zenzero amplificano l'attività del glutatione e riducono la perossidazione lipidica da un meccanismo separato e complementare.73 questi estratti direttamente puliscono una miriade di radicali liberi dell'azoto e dell'ossigeno subito dopo della loro formazione tramite radiazione.74-76

Le ricerche di laboratorio indicano che gli estratti di ginkgo biloba riducono gli effetti dei fattori clastogenici— materiali esterni (plutonio compreso ed altre sostanze radioattive) quel frammento o cancellano il DNA ed infliggono il danno cromosomico, conducendo alla proliferazione del cancro e di mutazione.77,78 questo effetto sono così potenti che è risultato utile nella cura dei lavoratori nella centrale nucleare di Cernobyl lungamente dopo la loro esposizione.79 più recentemente, estratti del ginkgo rivelati proteggere gli organi degli animali da danno indotto da radiazioni diretto.80 del ginkgo esseri umani protetti anche da danno delle cellule che segue trattamento radioattivo dello iodio per la malattia della tomba di hyperthyroid.81

Il ginseng è un'altra pianta importante nella medicina tradizionale che conferisce effetti radioprotective sostanziali.82,83 vari estratti del ginseng sono stati indicati per proteggere da danno indotto da radiazioni del DNA.84-86 protegge i follicoli piliferi ed altro rapidamente riprodurrsi (ma) tessuti sani da danno tramite radiazione.87,88 i suoi effetti antiossidanti hanno provocato la protezione di vari tessuti sensibili alla radiazione, compreso le cellule in midollo osseo, milza e testicoli.I 82,89 effetti immunomodulatori del ginseng lo rendono particolarmente utile nella difesa dei nostri corpi contro le devastazioni della lesione da radiazioni.90 un estratto nordamericano del ginseng recentemente sono stati trovati per proteggere i globuli bianchi umani da danno del DNA anche fino a 90 minuti che seguono l'esposizione a radiazioni.91 che lo fa di grande interesse a difesa ed a sicurezza nazionale ricercatore-e al grande pubblico in un'era di preoccupazione circa la sicurezza della centrale nucleare.91

La silimarina, un composto attivo trovato nel cardo selvatico di latte, è ben nota affinchè la sua capacità protegga le cellule di fegato dall'alcool e dalle varie tossine chimiche. Meno ben noto è il suo potere di proteggere il tessuto del fegato da danno da radiazione pure.92,93 riduce il danno del DNA ed estende la sopravvivenza in animali esposti ai livelli pericolosi di radiazione.Il radicale-lavaggio libero e gli effetti antiossidanti diretti di 94 silimarine sono accreditati fornire questi risultati.95

Rischi di radiazione e di energia nucleare
Curcumina ed altri estratti della pianta

È stato conosciuto dagli anni 40 che cosiddetto DNA umano di ionizzazione di danni da radiazione, causante molti generi differenti di cancri, specialmente il tumore della tiroide e le leucemie.La radiazione ionizzante 22.142.143 inoltre causa la malattia da radiazioni immediata e catastrofica che segue l'esposizione a breve termine e ad alta dose. Gli avvenimenti recenti a Fukushima Daiichi Nuclear Power Station del Giappone serviscono da ricordo grave che queste minacce sono nè futuristiche nè teoriche.

Ci sono stati otto incidenti della centrale atomica, ciascuno che causa più di $300 milioni nei danni materiali, dal 1975.144-146 mentre i costi nelle vite umane e la salute a lungo termine dalla tragedia di Fukushima rimangono sconosciuti, possiamo invitare per essere sostanziali. Il disastro nucleare precedente peggiore, in Cernobyl nel 1986, ha provocato 237 casi della malattia da radiazioni acuta con 31 morte immediata e più di 5.400 casi di tumore della tiroide durante i 22 anni che seguono l'incidente.22,142,147-149 il rischio di tumore della tiroide che segue quell'incidente è stato determinato per essere aumentato volta 4,5 della volta in adulti, 12,7 in adolescenti e volta 87,8 in bambini.142

Cisteina dell'N-acetile

la cisteina dell'N-acetile o il NAC è un composto contenente zolfo che sostiene i sistemi antiossidanti intracellulari naturali, specialmente glutatione, rendente lo un efficace agente radioprotective.il NAC 96 minimizza i danni al fegato da radiazione nei modelli del topo, riducendo il danno ossidativo ed il DNA risultante danno-entrambi prima e dopo esposizione a radiazioni.97,98 da un meccanismo di fondo separato di azione, il NAC stimola il rilascio delle citochine conosciute per proteggere il midollo osseo dalla lesione da radiazioni.il NAC 99 inoltre protegge le cellule del midollo osseo da radiazione, in gran parte impedendo il danno del DNA.100.101 una miscela multi-composta compreso le vitamine C ed E più NAC hanno aumentato significativamente una sopravvivenza dei 30 giorni dei topi esposti ad una dose potenzialmente letale dei raggi x.102 notevolmente, l'effetto era lo stesso se il supplemento è stato dato prima o dopo l'esposizione.

Soia

S-adenosylmethionine (stessi)

Come NAC, S-adenosylmethionine (stesso) è un composto potente essenziale per il mantenimento dei livelli cellulari di glutatione.103.104 enzimi vitali per DNA riparano (e quindi protezione del cancro) non possono funzionare correttamente in assenza dei donatori metilici come stessi.105 all'inizio del 2010 abbiamo imparato che quello radiazione ionizzante sopprime stessi livelli nei modelli animali.106 aumentare stessi livelli degli animali, d'altra parte, ha minimizzato il danno del DNA da radiazione ionizzante.106

Vitamine antiossidanti

Le vitamine “di ACE„ (A, C ed E) protezione antiossidante provata offerta come conseguenza delle loro strutture molecolari. Le alte assunzioni di queste vitamine e di altri antiossidanti sono state indicate per proteggere i piloti da danno cromosomico indotto da radiazioni, 107di linea aerea un rischio professionale per coloro che lavora alle elevate altitudini. I supplementi di ACE sono stati proposti come “alimentazioni spaziali„ per proteggere gli astronauti dai livelli elevati di radiazione.108

Il beta-carotene, il precursore di vitamina A, in primo luogo è stato usato clinicamente come conseguenza dell'incidente nucleare di Cernobyl come trattamento prima linea per i bambini dalla regione. Il completamento ha ridotto la quantità di lipidi ossidati indotti da radiazioni.109 studi sugli animali più controllati hanno indicato che la vitamina A potrebbe invertire le anomalie indotte da radiazioni di espressione genica che potrebbero condurre a cancro.110-112 altri studi indicano che la vitamina A migliora altri effetti di radiazione e migliora la morte delle cellule cancerogene.Altri 113 ancora studi rivelano che la vitamina A può realmente impedire la morte indotta da radiazioni delle cellule sane.114

Colleen Fitzpatrick, insieme ai sistemi antiossidanti naturali quale glutatione, aiuti protegge il DNA ed i cromosomi da danno ossidativo.115-117 Colleen Fitzpatrick inoltre inibisce la morte indotta da radiazioni dei globuli umani con modulazione di espressione genica protettiva.118 notevolmente, la vitamina C può neutralizzare “i radicali longevi„ indotti da radiazioni (LLRs) che destabilizzano i cromosomi ed inducono le mutazioni cancerogene.119 la capacità di ricambiare entrambi i radicali classici e LLRs possono essere vitali nell'impedire il danno genetico la radiazione.119

Come vitamina C, la vitamina E estigue i radicali liberi si formano una volta che, riducendo la loro tossicità, un effetto vitale nella protezione dalle radiazioni.28 d'importanza, la vitamina E migliora l'effetto d'inibizione di radiazione sul tessuto del cancro mentre gli studi sugli animali normali simultaneamente proteggenti cells.120 indicano che la vitamina E protegge significativamente i topi dalla morte dopo l'esposizione ai livelli altrimenti letali di raggi gamma.121 intrigante, questo effetto è il risultato di modulazione delle citochine; è accompagnato dagli aumenti importanti nella nuova formazione del globulo soppressa tramite radiazione.121,122

Uno studio notevole fra i tecnici dei raggi x rivela appena come le vitamine antiossidanti potenti possono essere. I tecnici della radiologia sono nominalmente protetti dalla protezione elaborata, ma ancora sono esposti in modo innaturale agli alti livelli di radiazione nel corso di una vita. Di conseguenza, tendono ad avere livelli elevati dell'ossidazione del tessuto. Ma quando un gruppo di tecnologie è stato completato giornalmente con le vitamine la C (500 mg) e la E (150 mg) per 15 settimane, i loro indicatori dell'ossidazione del tessuto si sono precipitati ed i loro livelli di antiossidanti naturali (quali glutatione e glutatione perossidasi in globuli rossi) sono aumentato significativamente.123

Ginseng

Acido lipoico

L'acido lipoico si riferisce a spesso come “l'antiossidante universale„ perché estigue i radicali liberi sia negli ambienti acquosi che lipido-solubili, quali le membrane cellulari.L'acido lipoico 124 esiste in due forme di specchio-immagine: acido R-lipoico ed acido S-lipoico. Mentre la maggior parte dei prodotti disponibili nel commercio contengono una miscela di 50:50 delle due forme, solo l'acido R-lipoico è prodotto tramite i processi vitali ed è così probabile essere il più potente dei due.La prova coercitiva 125.126 suggerisce che l'acido lipoico possa offrire la protezione importante contro le minacce posate dai vari tipi di esposizioni a radiazioni.

Una volta usato congiuntamente ad altri antiossidanti compreso selenio, vitamina C, la vitamina E, la cisteina dell'N-acetile ed il coenzima Q10, acido lipoico contribuito per migliorare sopravvivenza dei topi che seguono irradiamento dal corpo intero. Questo studio era particolarmente considerevole perché la combinazione antiossidante era efficace anche quando amministrato 24 ore dopo una dose di esposizione a radiazioni che è spesso letale.127

L'acido lipoico mostra i benefici per l'appoggio della salute immune degli individui che sono stati coinvolgere nella pulizia dell'incidente nucleare di Cernobyl, anche anni dopo l'evento. Undici - dodici anni dopo la pulizia di Cernobyl, partecipanti di studio hanno ricevuto 600 mg di quotidiano lipoico dell'acido per due mesi. I segni di salute immune generale migliore ed i globuli bianchi chiamati neutrofili hanno dimostrato una capacità migliore di ingerire le cellule d'invasione ed i detriti cellulari.128

La radioterapia come componente di trattamento del cancro causa frequentemente gli effetti contrari su salute della pelle quali il gonfiamento e un aspetto bruciato. Quando le cellule epiteliali animali sono state incubate con acido lipoico, hanno avvertito meno lesione delle cellule, rispetto alle cellule epiteliali che non hanno ricevuto la radiazione ma acido lipoico. Questi risultati di promessa suggeriscono che l'acido lipoico possa avere applicazioni importanti nella conservazione della salute della pelle in individui che devono subire la radioterapia del cancro.129

Altre sostanze nutrienti Radioprotective potenti

Trace Minerals

Le difese antiossidanti interne del vostro corpo, compreso superossido dismutasi, catalasi e glutatione perossidasi tutto dipendono dai minerali della traccia come cofattori per la loro funzione. Lo zinco ed il manganese sono di importanza particolare per il sostenimento della resistenza al corpo intero a radiazione ionizzante. I supplementi dello zinco sono stati indicati per proteggere i ratti da danneggiamento ossidativo dei loro globuli rossi incitati da iodio radioattivo.130.131 e un midollo osseo protetto di supplemento dello zinco, ma non cellule del tumore, da danno indotto da radiazioni.132 poiché i mitocondri producono i gran quantità dei radicali liberi, sono particolarmente suscettibili di danno da radiazione. Sia lo zinco che il manganese forniscono la protezione dalle radiazioni mitocondrio-specifica potente negli studi sugli animali.133

Altre sostanze nutrienti Radioprotective potenti

La maggior parte delle sostanze nutrienti con attività antiossidante potente possono essere prevedute per proteggervi da esposizione a radiazioni dai test medicali e dagli aumenti temporanei nella radiazione nell'ambiente.134 oltre a quelli già esaminati, c'è prova concreta per protezione dalle radiazioni dagli estratti di spirulina, che proteggono le cellule del midollo osseo da danno del DNA.La melatonina 135 inoltre protegge la divisione delle cellule e fare circolare i globuli dalla lesione cromosomica tramite radiazione.I 136.137 estratti della liquirizia bloccano il danno del DNA e proteggono gli organelli cellulari da radiazione.138 l'uva spina indiana (officianalis di Emblica) aumentano il tempo di sopravvivenza e riducono la mortalità dei topi esposti a radiazione al corpo intero.139 effetti comprendono la protezione contro perossidazione lipidica e la protezione delle cellule didivisione nell'intestino.140 Carnosic acido ed altri estratti dei rosmarini proteggono da danno con la loro attività antiossidante, entrambi del DNA prima e dopo esposizione a radiazioni.141

Trace Minerals

Riassunto

Lo ioduro di potassio è il singolo intervento più importante per impedire il danno letale esposizione a radiazioni. La vita Extension® tempo fa ha avvertito il pubblico americano di tenere i rifornimenti dello ioduro di potassio a disposizione in caso di catastrofe nucleare. Non ognuno ha rispettato il nostro avvertimento.

Abbiamo predetto, i creatori principali dello ioduro di potassio del mondo non sono riuscito a mantenere i rifornimenti adeguati e si sono esauriti in mezzo del disastro nucleare in corso del Giappone. Oltre a tenere i rifornimenti adeguati dello ioduro di potassio a disposizione per protezione dalle radiazioni a breve termine, esiste una vasta matrice delle sostanze nutrienti scientifico-convalidate che possono ottimizzare le difese naturali del vostro corpo contro esposizione a radiazioni.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a
1-866-864-3027.

Riferimenti

1. Ioduro di potassio del blocco M. Assicurazione contro un'emergenza di radiazione. Prolungamento della vita Magazine®. 2002 dicembre; 8(12): 42-8.

2. VanZile J. Protecting voi stessi in un'emergenza nucleare. Prolungamento della vita Magazine®.2004 dicembre; 10(12): 56-62.

3. Il merluzzo A. Anxiety sopra radiazione guida vendite si solleva per una droga contro tumore della tiroide. New York Times. 15 marzo 2011.

4. Weiss JF, sig. di Landauer. Storia e sviluppo degli agenti radiazione-protettivi. Int J Radiat Biol. 2009 luglio; 85(7): 539-73.

5. Faloon W. Come lo vediamo: Rivendicazione per Linus Pauling. Prolungamento della vita Magazine®. 2002 maggio; 8(5).

6. Disponibile a: http://archives.cnn.com/2002/US/03/01/nuclear.fallout/index.html. 1° aprile 2011 raggiunto.

7. Gilbert es, CE della terra, Simon SL. Effetti sulla salute da precipitazione radioattiva. Salute Phys. 2002 maggio; 82(5): 726-35.

8. RA di Kerber, fino a JE, Simon SL, et al. Uno studio di gruppo sulla tiroide relativamente a precipitazione radioattiva dalle prove delle Armi nucleari. JAMA. 3 novembre 1993; 270(17): 2076-82.

9. Disponibile a: http://www.rense.com/general20/atom.htm. 1° aprile 2011 raggiunto.

10. Il CD di Gilbert es, di Huang L, di Bouville A, dell'iceberg, i tassi del cancro di Ron E. Thyroid e le dosi 131I dalla bomba nucleare atmosferica del Nevada prova: un aggiornamento. Ricerca di Radiat. 2010 maggio; 173(5): 659-64.

11. Le tracce di S. Radiation di potere hanno trovato in latte degli Stati Uniti. Wall Street Journal. 31 marzo 2011.

12. Disponibile a: http://www.livescience.com/13507-infographic-japan-radiation-levels.html. 4 aprile 2011 raggiunto.

13. Slade D, resistenza di Radman M. Oxidative Stress nei radiodurans di Deinococcus. Microbiologia Mol Biol Rev. 2011 marzo; 75(1): 133-91.

14. Disponibile a: http://www.thelivingcosmos.com/Extremophiles/RadiationResistant_12May06.html. 29 marzo 2011 raggiunto.

15. Le SEDERE di Patel, Moreau la m., Widom J, et al. ossido di azoto endogeno regolano il recupero dei radiodurans resistenti alle radiazioni di Deinococcus del batterio dall'esposizione a luce UV. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 27 ottobre 2009; 106(43): 18183-8.

16. Disponibile a: http://web.mst.edu/~microbio/BIO221_2007/D_radiodurans.htm. 29 marzo 2011 raggiunto.

17. Cadetto J, Douki T, Ravanat JL. Misura di danno basso oxidatively generato in DNA cellulare. Ricerca di Mutat. 15 febbraio 2011.

18. Malhomme de La Roche H, Seagrove S, Mehta A, Divekar P, Campbell S, Curnow A. Facendo uso delle fonti dietetiche naturali di antiossidanti da proteggere da DNA indotto da radiazioni ultravioletto e visibile danneggi: un'indagine su ingestione umana del tè verde. J Photochem Photobiol B. 2010 3 novembre; 101(2): 169-73.

19. Jang m., Kim HK, Choi CW, CS di Kang. Stima della dose della tiroide con l'amministrazione dello ioduro di potassio (KI) in un'emergenza nucleare. Dosimetria di Radiat Prot. 2008;132(3):303-7.

20. Thompson JS, CHU Y, vetro J, Tapp aa, Brown SA. Il superossido dismutasi mimetico, M40403 del manganese, protegge i topi adulti da irradiamento dal corpo intero letale. Ricerca libera di Radic. 2010 maggio; 44(5): 529-40.

21. Wambi CO, Sanzari JK, Sayers cm, et al. effetti protettivi degli antiossidanti dietetici sulla sopravvivenza ematopoietica irradiamento-mediata dal corpo intero delle cellule e dell'animale del protone. Ricerca di Radiat. 2009 agosto; 172(2): 175-86.

22. Carcinogenesi di Williams D. Radiation: lezioni da Cernobyl. Oncogene. 2008 dicembre; 27 supplementi 2: S9-18.

23. Jang m., Kim HK, Choi CW, CS di Kang. effetto Età-dipendente dello ioduro di potassio sull'irradiamento della tiroide da 131I e da 133I nell'emergenza nucleare. Dosimetria di Radiat Prot. 2008;130(4):499-502.

24. Profilassi di Jaworska A. Iodine che segue gli incidenti nucleari. Tidsskr né Laegeforen. 4 gennaio 2007; 127(1): 28-30.

25. Takamura N, Nakamura Y, Ishigaki K, et al. blocco della tiroide durante l'emergenza di radiazione delle nelle aree ricche di iodio: effetto di un dosaggio dello stabile-iodio. Ricerca di J Radiat (Tokyo). 2004 giugno; 45(2): 201-4.

26. Disponibile a: http://www.fda.gov/Drugs/EmergencyPreparedness/BioterrorismandDrugPreparedness
dosaggi del #What di /ucm072265.htm. 29 marzo 2011 raggiunto.

27. Carney JK, deFlorio F, Erickson N, prevenzione delle situazioni di emergenza nucleare di McCandless R. Enhancing: Programma della distribuzione del Vermont per lo ioduro di potassio. Salute pubblica Manag Pract di J. 2003 settembre-ottobre; 9(5): 361-7.

28. PA di Riley. Radicali liberi nella biologia: sforzo ossidativo e gli effetti di radiazione ionizzante. Int J Radiat Biol. 1994 gennaio; 65(1): 27-33.

29. Radicali liberi della zanna YZ, di Yang S, di Wu G., antiossidanti e nutrizione. Nutrizione. 2002 ottobre; 18(10): 872-9.

30. Weiss JF, sig. di Landauer. Protezione dalle radiazioni dagli antiossidanti. Ann N Y Acad Sci. 2000;899:44-60.

31. Weiss JF, sig. di Landauer. Protezione contro le radiazioni ionizzanti dalle sostanze nutrienti e dai phytochemicals antiossidanti. Tossicologia. 15 luglio 2003; 189 (1-2): 1-20.

32. Klingler W, Kreja L, Nothdurft W, Selig C. Influence dei composti radioprotective differenti sul radiotolerance e sulla distribuzione del ciclo cellulare delle cellule umane del progenitore del granulocytopoiesis in vitro. Br J Haematol. 2002 ottobre; 119(1): 244-54.

33. Okunieff P, Swarts S, Keng P, et al. antiossidanti riduce le conseguenze di esposizione a radiazioni. Adv Exp Med Biol. 2008;614:165-78.

34. Vijayalaxmi, Reiter RJ, ST di Herman, Meltz ml. La melatonina riduce il danno primario indotto da radiazioni del DNA di gamma nei linfociti del sangue umano. Ricerca di Mutat. 2 febbraio 1998; 397(2): 203-8.

35. Annabi B, Lee YT, Martel C, Pilorget A, Bahary JP, Beliveau R. Radiation indotta-tubulogenesis in cellule endoteliali si contrappone a dalle proprietà antiangiogeniche del polifenolo del tè verde (-) epigallocatechin-3-gallate. Biol Ther del Cancro. 2003 novembre-dicembre; 2(6): 642-9.

36. Il KA di Bickenbach, Veerapong J, Shao MIO, et al. resveratroli è un efficace induttore da di terapia genica guidata CArG dell'TNF-alfa. Cancro Gene Ther. 2008 marzo; 15(3): 133-9.

37. Bader Y, Getoff N. Effect dei resveratroli e delle miscele dei resveratroli e della mitomicina C sulle cellule tumorali nell'ambito di irradiamento. Ricerca anticancro. 2006 novembre-dicembre; 26 (6B): 4403-8.

38. Reagan-Shaw S, Mukhtar H, Ahmad N. Resveratrol comunica la fotoprotezione delle cellule normali e migliora l'efficacia della radioterapia in cellule tumorali. Photochem Photobiol. 2008 marzo-aprile; 84(2): 415-21.

39. Carsten CON RIFERIMENTO A, Bachand, Bailey MP, Ullrich RL. Il resveratrolo riduce le frequenze indotte da radiazioni di aberrazione cromosomica in cellule del midollo osseo del topo. Ricerca di Radiat. 2008 giugno; 169(6): 633-8.

40. Velioglu-Ogunc A, Sehirli O, Toklu hertz, et al. resveratroli protegge da danno epatico ed ileale indotto per irradiazione via la sua attività antiossidante. Ricerca libera di Radic. 2009;43(11):1060-71.

41. Chawla R, Arora R, Sagar RK, et al. 3-O-beta-D-Galactopyranoside di quercetina come principio attivo dal hexandrum del Podophyllum di elevata altitudine e valutazione delle sue proprietà radioprotective. Z Naturforsch C. 2005 settembre-ottobre; 60 (9-10): 728-38.

42. IP di Shukla SK, di Chaudhary P, di Kumar, et al. protezione da danno indotto da radiazioni di DNA genomico e mitocondriale da un estratto di ramnoidi di Hippophae. Circondi Mol Mutagen. 2006 dicembre; 47(9): 647-56.

43. Devipriya N, Sudheer AR, Srinivasan m., VP di Menon. La quercetina migliora il danno indotto da radiazioni del DNA di gamma ed i cambiamenti biochimici nei linfociti periferici umani del sangue. Ricerca di Mutat. 30 giugno 2008; 654(1): 1-7.

44. Uchida S, Ozaki m., Suzuki K, effetti di Shikita M. Radioprotective di (-) - epigallocatechin 3-O-gallate (tannino del tè verde) in topi. Vita Sci. 1992;50(2):147-52.

45. SR SH e di Kim di Kim, Lee HJ, et al. apoptosi in follicoli piliferi crescenti dopo irradiazione gamma e domanda di valutazione degli agenti radioprotective. In vivo. 2003 marzo-aprile; 17(2): 211-4.

46. Lee HJ, Kim JS, luna C, et al. modifica della risposta di gamma-radiazione in topi dai polifenoli del tè verde. Ricerca di Phytother. 2008 ottobre; 22(10): 1380-3.

47. Avaialable a: http://www.iaea.org/cgi-bin/db.page.pl/pris.oprconst.htm. 18 marzo 2011 raggiunto.

48. Disponibile a: http://www.iaea.org/newscenter/pressreleases/2007/prn200719.html. 29 marzo 2011 raggiunto.

49. Disponibile a: http://www.world-nuclear.org/info/inf41.html. 18 marzo 2011 raggiunto.

50. Disponibile a: http://www.nei.org/resourcesandstats/nuclear_statistics/usnuclearpowerplants/. 18 marzo 2011 raggiunto.

51. SIG. di Landauer, Srinivasan V, seme TM. Il trattamento di genisteina protegge i topi dalla lesione da radiazioni di ionizzazione. J Appl Toxicol. 2003 novembre-dicembre; 23(6): 379-85.

52. Zavodnik libbra. L'isoflavone genistein-8-c-glycoside impedisce i danni ossidativi nella struttura e nella funzione delle membrane microsomiche del fegato del ratto. Biol Radioecol di Radiats. 2003 luglio-agosto; 43(4): 432-8.

53. Zhou Y, la TA di MI La genisteina stimola l'ematopoiesi ed aumenta la sopravvivenza in topi irradiati. Ricerca di J Radiat (Tokyo). 2005 dicembre; 46(4): 425-33.

54. TUM di Davis, Clarke TK, SR di Mog, sig. di Landauer. L'amministrazione sottocutanea della genisteina prima di irradiamento letale sostiene il multilineage, il recupero ematopoietico delle cellule del progenitore e la sopravvivenza. Int J Radiat Biol. 2007 marzo; 83(3): 141-51.

55. Singh VK, MB di tolleranza, Parekh VI, Whitnall MH, sig. di Landauer. Effetti dell'amministrazione di genisteina su induzione di citochina in topi irradiati con raggi gamma al corpo intero. Int Immunopharmacol. 2009 novembre; 9(12): 1401-10.

56. Dittmann K, Loffler H, Bamberga m., Rodemann HP. L'inibitore della proteinasi dell'arciere-Birk (BBI) modula la radiosensibilità e la differenziazione indotta da radiazioni dei fibroblasti umani nella cultura. Radiother Oncol. 1995 febbraio; 34(2): 137-43.

57. Dittmann KH, Gueven N, Mayer C, Rodemann HP. L'effetto radioprotective di BBI è associato con l'attivazione dei geni riparazione-pertinenti del DNA. Int J Radiat Biol. 1998 agosto; 74(2): 225-30.

58. Dittmann K, Mayer C, Kehlbach R, Rodemann HP. L'inibitore della proteinasi dell'arciere-Birk di radioprotector stimola la riparazione del DNA via fosforilazione del recettore del fattore di crescita dell'epidermide ed il trasporto nucleare. Radiother Oncol. 2008 marzo; 86(3): 375-82.

59. Gueven N, Dittmann K, Mayer C, Rodemann HP. L'inibitore della proteasi dell'arciere-Birk riduce l'attivazione indotta da radiazioni del ricevitore di EGF ed induce l'attività della fosfatasi della tirosina. Int J Radiat Biol. 1998 febbraio; 73(2): 157-62.

60. Dittmann KH, Dikomey E, Mayer C, Rodemann HP. L'inibitore della proteasi dell'arciere-Birk migliora la sopravvivenza clonogenic delle cellule delle cellule riparazione-competenti di ionizzazione di asportazione trattata alle radiazioni del nucleotide ma non delle cellule di xeroderma pigmentosum. Int J Radiat Biol. 2000 febbraio; 76(2): 223-9.

61. Dittmann KH, Mayer C, Rodemann HP. Protezione dalle radiazioni del tessuto normale per migliorare radioterapia: l'effetto dell'inibitore della proteasi di Birk dell'arciere. Curr Med Chem Anticancer Agents. 2003 settembre; 3(5): 360-3.

62. Friedman m., Brandon DL. Indennità-malattia e nutrizionali delle proteine di soia. Alimento chim. di J Agric. 2001 marzo; 49(3): 1069-86.

63. Losso JN. Le proprietà biochimiche e funzionali dell'alimento dell'inibitore dell'arciere-birk. Rev Food Sci Nutr di Crit. 2008 gennaio; 48(1): 94-118.

64. Choudhary D, Chandra D, cavolo RK. Modulazione di radioresponse del sistema di glyoxalase da curcumina. J Ethnopharmacol. 1999 gennaio; 64(1): 1-7.

65. Inano H, azione di Onoda M. Radioprotective di curcumina estratta dal curcuma longa LINN: effetto inibitorio su formazione di 8 hydroxy-2'-deoxyguanosine urinarii, tumorigenesis, ma non mortalità, indotta da irradiamento dei raggi gamma. Biol Phys di Int J Radiat Oncol. 1° luglio 2002; 53(3): 735-43.

66. Srinivasan m., Rajendra Prasad N, VP di Menon. L'effetto protettivo di curcumina su gamma-radiazione ha indotto il danno e la perossidazione lipidica del DNA in linfociti umani coltivati. Ricerca di Mutat. 10 dicembre 2006; 611 (1-2): 96-103.

67. GASCROMATOGRAFIA di Jagetia. Protezione dalle radiazioni e radiosensitization da curcumina. Adv Exp Med Biol. 2007;595:301-20.

68. Lee JC, PA di Kinniry, Arguiri E, et al. curcumina dietetica aumenta le difese antiossidanti in polmone, migliora la fibrosi polmonare indotta da radiazioni e migliora la sopravvivenza in topi. Ricerca di Radiat. 2010 maggio; 173(5): 590-601.

69. Herman-Antosiewicz A, Powolny aa, Singh SV. Obiettivi molecolari del chemoprevention del cancro dai organosulfides aglio-derivati. Peccato di Pharmacol di acta. 2007 settembre; 28(9): 1355-64.

70. PS di Singh, Abraham SK, PC di Kesavan. In vivo protezione dalle radiazioni con l'estratto dell'aglio. Ricerca di Mutat. 1995 dicembre; 345 (3-4): 147-53.

71. PS di Singh, Abraham SK, PC di Kesavan. Protezione dalle radiazioni dei topi dopo pretrattamento dell'aglio. Supplemento del Cancro del Br J. 1996 luglio; 27: S102-4.

72. Lee EK, interruttore di Chung, Kim JY, et al. Allylmethylsulfide Giù-regola la segnalazione nucleare indotta per irradiazione di fattore-kappaB dei raggi x in rene del topo C57/BL6. J Med Food. 2009 giugno; 12(3): 542-51.

73. GASCROMATOGRAFIA di Jagetia, ms di Baliga, Venkatesh P, Ulloor JN. Influenza della rizoma dello zenzero (zingiber officinale Rosc) sulla sopravvivenza, sul glutatione e sulla perossidazione lipidica in topi dopo esposizione al corpo intero a radiazione gamma. Ricerca di Radiat. 2003 novembre; 160(5): 584-92.

74. Jagetia G, Baliga m., Venkatesh P. Ginger (zingiber officinale Rosc.), un integratore alimentare, protegge i topi da mortalità indotta da radiazioni: meccanismo di azione. Cancro Biother Radiopharm. 2004 agosto; 19(4): 422-35.

75. Sharma A, Haksar A, Chawla R, et al. zingiber officinale Rosc. modula l'avversione condizionata indotta da radiazioni del gusto di gamma. Biochimica Behav di Pharmacol. 2005 agosto; 81(4): 864-70.

76. Haksar A, Sharma A, Chawla R, et al. zingiber officinale esibisce la protezione dalle radiazioni comportamentistica contro CTA indotto da radiazioni in un modo genere-specifico. Biochimica Behav di Pharmacol. 2006 giugno; 84(2): 179-88.

77. Emerit I, Arutyunyan R, Oganesian N, et al. fattori clastogenici indotti da radiazioni: effetto anticlastogenic dell'estratto del ginkgo biloba. Med libero di biol di Radic. 1995 giugno; 18(6): 985-91.

78. Effetti di Alaoui-Youssefi A, di Lamproglou I, di Drieu K, di Emerit I. Anticlastogenic dell'estratto del ginkgo biloba (EGb 761) ed alcuni dei suoi costituenti in ratti irradiati. Ricerca di Mutat. 15 settembre 1999; 445(1): 99-104.

79. Emerit I, Oganesian N, Sarkisian T, et al. fattori clastogenici nel plasma dei lavoratori di recupero di incidente di Cernobyl: effetto anticlastogenic dell'estratto del ginkgo biloba. Ricerca di Radiat. 1995 novembre; 144(2): 198-205.

80. Sener G, Kabasakal L, BM di Atasoy, et al. l'estratto del ginkgo biloba protegge da danno ossidativo indotto da radiazioni di ionizzazione dell'organo in ratti. Ricerca di Pharmacol. 2006 marzo; 53(3): 241-52.

81. Dardano A, Ballardin m., Ferdeghini m., et al. effetto di Anticlastogenic dell'estratto del ginkgo biloba nei pazienti del morbo di Basedow che ricevono terapia del radioiodio. J Clin Endocrinol Metab. 2007 novembre; 92(11): 4286-9.

82. Effetto di Kumar m., di Sharma Mk, di Saxena PS, di Kumar A. Radioprotective del panax ginseng sulle fosfatasi e livello di perossidazione lipidica in testicoli dei topi svizzeri dell'albino. Toro di biol Pharm. 2003 marzo; 26(3): 308-12.

83. Takeda A, Katoh N, Yonezawa M. Restoration della lesione da radiazioni da ginseng. III. Effetto Radioprotective della frazione termostabile dell'estratto del ginseng sui topi, sui ratti e sulle cavie. Ricerca di J Radiat (Tokyo). 1982 giugno; 23(2): 150-67.

84. Kim SH, Cho CK, Yoo SY, KOH KH, HG del YUN, TH di Kim. Attività in vivo radioprotective del panax ginseng e del dietilditiocarbammato. In vivo. 1993 settembre-ottobre; 7(5): 467-70.

85. TH di Kim, Lee YS, Cho CK, parco S, Choi SY, Yool SY. Effetto protettivo di ginseng sulle rotture indotte da radiazioni e sulla riparazione del doppio filo del DNA in linfociti murini. Cancro Biother Radiopharm. 1996 agosto; 11(4): 267-72.

86. Lee TK, Allison RR, O'Brien KF, et al. ginseng riduce i micronuclei rende in linfociti dopo irradiamento. Ricerca di Mutat. 10 gennaio 2004; 557(1): 75-84.

87. Kim SH, Jeong KS, Ryu SY, TH di Kim. Il panax ginseng impedisce gli apoptosi in follicoli piliferi ed accelera il recupero delle cellule midollari dei capelli in topi irradiati. In vivo. 1998 marzo-aprile; 12(2): 219-22.

88. Kim SH, figlio CH, Nah SY, Jo SK, Jang JS, DH di Shin. Modifica della risposta di radiazione in topi dal panax ginseng e dal dietilditiocarbammato. In vivo. 2001 settembre-ottobre; 15(5): 407-11.

89. Canzone JY, Han SK, Bae chilogrammo, et al. effetti Radioprotective di ginsan, un immunomodulatore. Ricerca di Radiat. 2003 giugno; 159(6): 768-74.

90. Lee TK, RM di Johnke, Allison RR, O'Brien KF, Dobbs LJ, potenziale Radioprotective del Jr. di ginseng. Mutagenesi. 2005 luglio; 20(4): 237-43.

91. Lee TK, O'Brien KF, Wang W, et al. effetto Radioprotective di ginseng americano sui linfociti umani a 90 minuti dopo irradiazione: uno studio su 40 casi. Med del complemento di J Altern. 2010 maggio; 16(5): 561-7.

92. Kozurkova m., Hakova H, Misurova E. L'effetto della silimarina, una sostanza hepatoprotective, sugli istoni del fegato in ratti irradiati. Med del veterinario (Praga). 1994;39(2-3):85-92.

93. Kropacova K, Misurova E, Hakova H. Protective ed effetto terapeutico della silimarina sullo sviluppo di danni al fegato latenti. Biol Radioecol di Radiats. 1998 maggio-giugno; 38(3): 411-5.

94. Tiwari P, Kumar A, Ali m., Mishra KP. Protezione dalle radiazioni del plasmide e dei topi cellulari dello svizzero e del DNA da silibinin. Ricerca di Mutat. 2010 gennaio; 695 (1-2): 55-60.

95. LA del Ramadan, HM di Roushdy, GM di Abu Senna, Ne di Amin, EL-Deshw OA. Effetto Radioprotective della silimarina contro epatotossicità indotta da radiazioni. Ricerca di Pharmacol. 2002 giugno; 45(6): 447-54.

96. Selig C, Nothdurft W, Fliedner TM. Effetto Radioprotective di N-acetilcisteina sulle cellule di formazione di colonie macrofago/del granulocita del midollo osseo umano. Ricerca Clin Oncol del Cancro di J. 1993;119(6):346-9.

97. Liu Y, Zhang H, Zhang L, et al. N-acetilcisteina antiossidante attenua il disturbo al fegato acuto causato dai raggi x in topi. EUR J Pharmacol. 1° dicembre 2007; 575 (1-3): 142-8.

98. Kilciksiz S, Demirel C, Erdal N, et al. L'effetto di N-acetilcisteina sui biomarcatori per danno ossidativo indotto da radiazioni in un modello del ratto. Acta Med Okayama. 2008 dicembre; 62(6): 403-9.

99. Baier JE, Neumann ha, Moeller T, Kissler m., Borchardt D, radioprotezione di Ricken D. attraverso il rilascio di citochina da N-acetilcisteina. Strahlenther Onkol. 1996 febbraio; 172(2): 91-8.

100. Demirel C, Kilciksiz S, Ay OI, Gurgul S, Ay ME, Erdal N. Effect di N-acetilcisteina su genotossicità e su citotossicità indotte da radiazioni in midollo osseo del ratto. Ricerca di J Radiat (Tokyo). 2009 gennaio; 50(1): 43-50.

101. Tiwari P, Kumar A, Balakrishnan S, Kushwaha HS, Mishra KP. La formazione indotta da radiazioni del micronucleo ed il DNA danneggiano in linfociti umani e nella loro prevenzione dai tioli antiossidanti. Ricerca di Mutat. 31 maggio 2009; 676 (1-2): 62-8.

102. Wambi C, Sanzari J, XS pallido, et al. antiossidanti dietetici protegge le cellule ematopoietiche e migliora la sopravvivenza animale dopo irradiamento dal corpo intero. Ricerca di Radiat. 2008 aprile; 169(4): 384-96.

103. Fontecave m., Atta m., Mulliez E.S-adenosylmethionine: niente va sprecato. Biochimica Sci di tendenze. 2004 maggio; 29(5): 243-9.

104. Sc di LU S-Adenosylmethionine. Cellula Biol. di biochimica di Int J. 2000 aprile; 32(4): 391-5.

105. Batra V, Mishra KP. La modulazione del profilo di metiltransferasi del DNA da inedia erogatrice metilica ha seguito da irradiazione gamma. Mol Cell Biochem. 2007 gennaio; 294 (1-2): 181-7.

106. Batra V, Sridhar S, Devasagayam TP. Cambiamento continuo migliorato del un-carbonio verso metilazione del DNA: Effetto dei supplementi dietetici di metile contro dalle le modifiche epigenetiche indotte da gamma. Le bioe di Chem interagiscono. 12 febbraio 2010; 183(3): 425-33.

107. Yong LC, SIG. di Petersen, Sigurdson AJ, LA di Sampson, EM del reparto. Le alte assunzioni antiossidanti dietetiche sono associate con frequenza in diminuzione di traslocazione cromosomica nei piloti di linea aerea. J Clin Nutr. 2009 novembre; 90(5): 1402-10.

108. Chen B, Zhou XC. Effetto protettivo degli antiossidanti dietetici naturali sui danni indotti da radiazioni dello spazio. Spazio Med Med Eng (Pechino). 2003; 16 supplementi: 514-8.

109. Ben-Amotz A, Yatziv S, Sela m., et al. effetto del completamento naturale del beta-carotene in bambini ha esposto a radiazione dall'incidente di Cernobyl. Radiat circonda Biophys. 1998 ottobre; 37(3): 187-93.

110. Ustioni FJ, Chen S, Xu G, Wu F, sig.ra di Tang. L'azione di un retinoide dietetico su induzione del cancro e di espressione genica nella pelle elettrone-irradiata del ratto. Ricerca di J Radiat (Tokyo). 2002 dicembre; 43 supplementi: S229-32.

111. L'espressione genica di Nubel T, di Dippold W, di Kaina B, di Fritz G. Ionizing E-selectin e l'adesione indotte da radiazioni delle cellule del tumore è inibita dalle lovastatine e dall'acido retinoico tutto trasporto. Carcinogenesi. 2004 agosto; 25(8): 1335-44.

112. Zhang R, ustioni FJ, Chen H, Chen S, Wu F. Alterations nell'espressione genica nella pelle del ratto ha esposto agli ioni 56Fe ed all'acetato dietetico della vitamina A. Ricerca di Radiat. 2006 maggio; 165(5): 570-81.

113. Marekova m., Vavrova J, Vokurkova D, Psutka J. Modulation degli apoptosi indotti da radiazioni di ionizzazione e dell'arresto del ciclo cellulare da acido retinoico tutto trasporto in cellule promyelocytic di leucemia (HL-60). Ricerca di Physiol. 2003;52(5):599-606.

114. Vorotnikova E, prove m., Braunhut S. Retinoids e TIMP1 impedisce gli apoptosi indotti da radiazioni delle cellule endoteliali capillari. Ricerca di Radiat. 2004 febbraio; 161(2): 174-84.

115. Lenton kJ, Therriault H, Fulop T, Payette H, JUNIOR di Wagner. Il glutatione e l'ascorbato sono correlati negativamente con danno ossidativo del DNA in linfociti umani. Carcinogenesi. 1999 aprile; 20(4): 607-13.

116. Le vitamine C di Konopacka m., di Rzeszowska-Wolny J. Antioxidant, la E ed il beta-carotene riducono il danno del DNA prima come pure dopo irradiamento dei raggi gamma dei linfociti umani in vitro. Ricerca di Mutat. 5 aprile 2001; 491 (1-2): 1-7.

117. Konopacka m., Palyvoda O, effetto inibitorio di Rzeszowska-Wolny J. di acido ascorbico dopo trattamento su danno cromosomico indotto da radiazioni in linfociti umani in vitro. Agente mutageno di Teratog Carcinog. 2002;22(6):443-50.

118. Witenberg B, Kletter Y, Kalir HH, et al. acido ascorbico inibisce gli apoptosi indotti da irradiamento di X in cellule di leucemia mieloide HL60. Ricerca di Radiat. 1999 novembre; 152(5): 468-78.

119. Waldren CA, DB di Vannais, Ueno. Un ruolo per i radicali longevi (LLR) nella mutazione indotta da radiazioni e nell'instabilità cromosomica persistente: controazione dall'ascorbato e da RibCys ma non da DMSO. Ricerca di Mutat. 13 luglio 2004; 551 (1-2): 255-65.

120. Prasad KN, Kumar B, Yan XD, Hanson AJ, WC delle Cole. succinato di Alfa-tocoferil, la forma più efficace di vitamina E per trattamento del cancro ausiliario: una rassegna. J Coll Nutr. 2003 aprile; 22(2): 108-17.

121. Singh VK, Shafran RL, Jackson NOI, terzi, seme TM, Kumar KS. Induzione delle citochine dagli analoghi radioprotective del tocoferolo. Exp Mol Pathol. 2006 agosto; 81(1): 55-61.

122. Singh VK, Brown DS, Kao TC. Il succinato dell'alfa-tocoferolo protegge i topi da gamma-radiazione tramite induzione del fattore di stimolazione delle colonie di granulociti. Int J Radiat Biol. 2010 gennaio; 86(1): 12-21.

123. La combinazione di Kayan m., di Naziroglu m., di Celik O, di Yalman K, di Koylu il H. Colleen Fitzpatrick e di E modula indotto da stress ossidativo dai raggi x nel sangue dei tecnici della radiologia del non-fumatore e del fumatore. Biochimica Funct delle cellule. 2009 ottobre; 27(7): 424-9.

124. acido Alfa-lipoico. Monografia. Altern Med Rev. 2006 settembre; 11(3): 232-7.

125. JUNIOR di Smith, alta tensione di Thiagaraj, Seaver B, Parker KK. Attività differenziale degli enanziomeri acidi lipoici nella coltura cellulare. J Herb Pharmacother. 2005;5(3):43-54.

126. Streeper RS, Henriksen EJ, Jacob S, Hokama JY, Fogt DL, Tritschler HJ. Effetti differenziali degli stereoisomeri acidi lipoici sul metabolismo del glucosio in muscolo scheletrico insulina-resistente. J Physiol. 1997 luglio; 273 (1 pinta 1): E185-91.

127. Brown SL, Kolozsvary A, Liu J, KA di Jenrow, Ryu S, Kim JH. Il completamento antiossidante di dieta che comincia 24 ore dopo l'esposizione riduce la mortalità di radiazione. Ricerca di Radiat. 2010 aprile; 173(4): 462-8.

128. Na di Zueva, LA di Metelitsa, Kovalenko, Efimov AS. Effetto immunomodulante del berlithione nei lavoratori di pulizia dell'incidente della centrale nucleare di Cernobyl. Lik Sprava. 2002;(1):24-6.

129. Davis GD, Masilamoni JG, Arul V, et al. effetto Radioprotective di acido DL-alfa-lipoico sui topi pela i fibroblasti. Biol Toxicol delle cellule. 2009 agosto; 25(4): 331-40.

130. Dani V, Dhawan dk. Ruolo Radioprotective di zinco che segue esposizione d'una sola dose del radioiodio (131I) ai globuli rossi dei ratti. J indiano Med Res. 2005 ottobre; 122(4): 338-42.

131. Dani V, Dhawan D. Zinc come un agente antiperoxidative iodine-131 dopo ha indotto i cambiamenti sul sistema antiossidante e sulla morfologia dei globuli rossi in ratti. Med dell'inferno J Nucl. 2006 gennaio-aprile; 9(1): 22-6.

132. Protezione dalle radiazioni di Floersheim GL, di Chiodetti N, di Bieri A. Differential del midollo osseo e cellule tumorali dall'aspartato dello zinco. Br J Radiol. 1988 giugno; 61(726): 501-8.

133. Epperly Mw, Gretton JE, Sikora CA, et al. la localizzazione mitocondriale di superossido dismutasi è richiesto per danno cellulare indotto da radiazioni diminuente. Ricerca di Radiat. 2003 novembre; 160(5): 568-78.

134. Alcaraz m., Acevedo C, Castillo J, et al. antiossidanti traslucidi fornisce un'efficace barriera radioprotective. Br J Radiol. 2009 luglio; 82(979): 605-9.

135. Qishen P, Guo BJ, effetto di Kolman A. Radioprotective dell'estratto da Spirulina platensis in cellule del midollo osseo del topo ha studiato usando la prova del micronucleo. Toxicol Lett. 1989 agosto; 48(2): 165-9.

136. Badr FM, abitudine OH, Harraz millimetro di EL. Effetto Radioprotective di melatonina valutato misurando danno cromosomico in cellule mitotiche e meiotic. Ricerca di Mutat. 18 agosto 1999; 444(2): 367-72.

137. Koc m., Buyukokuroglu ME, Taysi S. L'effetto di melatonina sui globuli periferici durante l'irradiamento dal corpo intero in ratti. Toro di biol Pharm. 2002 maggio; 25(5): 656-7.

138. Shetty TK, Satav JG, Nair CK. Protezione di DNA e delle membrane microsomiche in vitro dal glycyrrhiza glabra L. contro irradiazione gamma. Ricerca di Phytother. 2002 settembre; 16(6): 576-8.

139. Singh I, Sharma A, Nunia V, Goyal PK. Protezione dalle radiazioni dei topi svizzeri dell'albino dai officinalis di Emblica. Ricerca di Phytother. 2005 maggio; 19(5): 444-6.

140. Jindal A, Soyal D, Sharma A, Goyal PK. Effetto protettivo di un estratto di officinalis di Emblica contro danno indotto da radiazioni in topi. Cancro Ther di Integr. 2009 marzo; 8(1): 98-105.

141. Del Bano MJ, Castillo J, Benavente-Garcia O, et al. effetti Radioprotective-antimutageni dei composti fenolici dei rosmarini contro danno cromosomico indotto in linfociti umani dai raggi gamma. Alimento chim. di J Agric. 22 marzo 2006; 54(6): 2064-8.

142. Papadopoulou F, tumore della tiroide di Efthimiou E. dopo irradiamento di ionizzazione esterno o interno. Med dell'inferno J Nucl. 2009 settembre-dicembre; 12(3): 266-70.

143. SIG. di O'Donnell, CN di Abboud, Altman J, et al. leucemia mieloide acuta. J Compr nazionale Canc Netw. 2011 marzo; 9(3): 280-317.

144. Sovacool BK. I costi di guasto: Una valutazione preliminare degli incidenti importanti di energia, 1907-2007. Politica energetica. 2008 maggio; 36(5): 1802-20.

145. Sovacool BK. Il secolo accidentale - incidenti prominenti di energia durante i 100 anni ultimi. Esplorazione e produzione: Rassegna del gas e del petrolio. 2009;7(2):132-7.

146. Sovacool BK. Una valutazione critica di energia nucleare e di elettricità rinnovabile in Asia. Giornale dell'Asia contemporanea. 2010 agosto; 40(3): 386.

147. Hallenbeck WH. Radioprotezione. Boca Raton, FL: Stampa di CRC; 1994.

148. Muffa rf. Annotazione di Cernobyl: La storia definitiva della catastrofe di Cernobyl. Boca Raton, FL: Stampa di CRC; 2000.

149. Tronko1 m., Bogdanova T, Voskoboynyk L, Zurnadzhy L, Shpak V, tumore della tiroide indotto da radiazioni di Gulak L.: aspetti fondamentali ed applicati. Exp Oncol. 2010 settembre; 32(3): 200-4.