Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista giugno 2011
Rapporto

L'estratto privato del tè verde protegge i reni

Da Nathaniel S.W. Luce
L'estratto privato del tè verde protegge i reni

Più di 26 milione Americani soffrono dal rene cronico malattia-molto senza conoscerlo.1

L'individuazione tempestiva è critica perché, se preso a tempo con analisi del sangue, molte forme di danno del rene sono reversibili.

Se il danno del rene è permesso progredire incontrollato, un paziente può dovere contare sulle droghe effetto-inclini laterali,2,3 o persino peggiore, sessioni di dialisi tre volte un la settimana. I pazienti sottoposti a dialisi di dialisi renale soffrono molti cattivi effetti, particolarmente ai loro sistemi vascolari e le loro durate sono accorciate significativamente.

In 2011, un gruppo dei ricercatori ha riferito che l'estratto del tè verde nella formula del tè verde di Extension® di vita ha impedito il danno del rene negli animali da laboratorio dati la gentamicina, a 4 un rinomato antibiotico comunemente prescritto affinchè il suo potenziale induca il danneggiamento profondo dei reni, compreso l'insufficienza renale di stadio finale.

In questo articolo, i risultati dei loro risultati coercitivi sono dettagliati, con i meccanismi di fondo di azione da cui il tè verde estrae i fattori multipli dell'obiettivo implicati nel danno del rene. Inoltre scoprirete i dati coercitivi sulla capacità del tè verde di sostenere e promuovere la salute sistema di ampiezza attraverso una gamma di circostanze relative all'età.

Protezione completa provata

Il tè verde è stato usato per i millenni come bevanda dipromozione ed i suoi estratti stanno raggiungendo il riconoscimento dagli scienziati seri intorno al mondo.Il tè verde 5,6 è ricco di composti del polifenolo chiamati catechine, di cui epigallocatechin-3-gallate (EGCG) è migliore studiato ed ha indicato la più grande gamma di effetti benefici.5-7

In uno studio investigativo recente, il Dott. Francesco Marotta ed i colleghi al gruppo di ricerca di ReGenera per Invecchiamento-intervento a Milano, Italia, hanno scelto di usare l'estratto del tè verde del prolungamento della vita che consiste dei polifenoli di 98% (45% compreso EGCG) per accertare di se potesse proteggere i ratti da danno del rene quel risultati dall'uso della gentamicina antibiotica.4

Protezione completa provata

La gentamicina è un antibiotico che è ampiamente usato per il trattamento delle infezioni del rene e dell'apparato urinario. Purtroppo, la gentamicina inoltre è diventato rinomata per il danno delle strutture vulnerabili nel rene, particolarmente i tubuli minuscoli in cui l'urina è prodotta. Uno dei modi in cui la gentamicina esercita i suoi effetti distruttivi è avviando la produzione delle specie reattive dell'ossigeno (ROS), mentre allo stesso tempo altera le difese antiossidanti naturali. Questo uno-due provoca il danneggiamento diretto dei tubuli del rene, che poi è complicato più ulteriormente tramite lo sviluppo dei cambiamenti infiammatori localizzati.8

Quando il gruppo di Marotta ha trattato i ratti del laboratorio con gentamicina sola, hanno visto precisamente quei cambiamenti distruttivi nei reni degli animali, con prova nell'urina della disfunzione del rene e dello sforzo ossidativo.4 ma quando hanno amministrato l'estratto del tè verde del prolungamento della vita contemporaneamente ad una dose di gentamicina, essi ha scoperto che potrebbero invertire la maggior parte di quei risultati nocivi. I risultati di Marotta, presentati all'inizio del 2011, confermano il lavoro più in anticipo che rivela che gli estratti del tè verde esercitano gli effetti antiossidanti ed antinfiammatori potenti, sia nel rene che in altri tessuti.9,10 e poiché la maggior parte delle malattie relative all'età comprendono la combinazione di sforzo e di infiammazione ossidativi, quella è notizie potenti per la gente interessata a usando il tè verde come componente importante di un programma a carattere scientifico di longevità.

Protezione antiossidante ed antinfiammatoria potente

Il lavoro di Marotta sottolinea il valore e l'importanza di utilizzare un estratto alto-purificato, ricchi in EGCG, per massimizzare gli effetti protettivi. I nuovi studi continuano ad essere pubblicati e confermano il fatto importante che EGCG agisce agli obiettivi multipli per ridurre l'impatto dello sforzo e dell'infiammazione ossidativi. Direttamente pulisce i radicali liberi come conseguenza della sua struttura chimica.I 11,12 EGCG del tè verde inoltre amplificano indirettamente i livelli di sistemi antiossidanti cellulari, come quelli concentrati su glutatione, che attenuano normalmente la quantità di sforzo ossidativo in cellule e mitocondri.4,9

Un beneficio principale degli estratti del tè verde è che sopprimono l'infiammazione sulle parti anteriori multiple. Riducono la produzione delle citochine infiammatorie, in parte sopprimendo “l'interruttore generale„ del fattore-kappaB nucleare chiamato infiammazione (N-F-KB).10,13,14 che l'effetto può aiutare per impedire le conseguenze infiammatorie l'inizio e la promozione del cancro.14 EGCG inoltre girano le vie biochimiche sopra d'inibizione in cellule di sistema immunitario, effetti antinfiammatori di ulteriore mediazione.15

Protezione antiossidante ed antinfiammatoria potente

Gli estratti del tè verde esercitano una miriade di cosiddetti effetti “epigenetici„, in modo da significa che promuovono l'espressione dei geni utili e sopprimono molti di quelli con gli effetti deleteri.16,17 Alto-si sono purificati, di aumenti ricchi EGCG della rapida dei prodotti degli estratti del tè verde nell'attività antiossidante del plasma in esseri umani.18,19 che può offrire un vantaggio sopra tè verde semplicemente bevente, perché l'estratto di EGCG è assorbito molto più prontamente nella forma asciutta della polvere che proviene dalle bevande del tè verde.18,20

Lavorando a tanti obiettivi importanti di invecchiamento umano, il tè verde e le sue numerose componenti forniscono un vasto spettro della protezione contro le malattie degeneranti multiple.

Cancro

Oggi capiamo il cancro, indipendentemente dal suo tipo, per essere il risultato di un processo a più stadi. L'inizio del Cancro comprende il danno iniziale o la modifica del DNA dalle tossine, dalla radiazione, o dagli agenti infettante. L'accumulazione degli agenti mutageni in geni che regolano la proliferazione delle cellule è l'evento intiating stante alla base. La promozione del Cancro si presenta come conseguenza dei fattori interni, comprendenti spesso i fattori infiammatori. Una volta che un tumore comincia a svilupparsi, invade il tessuto secernendo gli enzimi che “fonde„ la matrice circostante e generando i nuovi vasi sanguigni nel processo chiamato l'angiogenesi. Per concludere, i cancri si moltiplicano e si spargono quando hanno sparso i piccoli pacchi delle cellule maligne che secernono le loro proprie molecole di adesione, aiutante li per trovare la terra fertile per l'instaurazione dei tumori nuovi lontano dal sito primario originale.

Ora sappiamo che possiamo intervenire a ciascuno di questi punti e polifenoli del tè verde, particolarmente EGCG, siamo attivi contro la maggior parte di loro.21 Poiché i cancri sono duri da curare, molto interesse è messo a fuoco sui modi che gli estratti del tè verde possono fornire il chemoprevention, fermanti i cancri molto prima che diventino clinicamente evidenti.22

Gli estratti del tè verde impediscono il danno del DNA attraverso le loro proprietà antiossidanti ed inoltre avviano i meccanismi innati della riparazione del DNA per rattoppare rapidamente il danno prima che sia trasmesso alle nuove cellule.23 negli studi umani, il consumo di tè verde o le sue catechine rapidamente riduce il danno del DNA in tutto il corpo, con conseguente escrezione riduttrice delle sequenze di DNA nocive nell'urina.„24,25

Le caratteristiche antinfiammatorie di EGCG aggiungono un altro strato della protezione, contribuente a ridurre la produzione delle citochine infiammatorie in tessuto sollecitato. Ciò è stata ben documentata nella gente al rischio conosciuto per tumore del colon, che è fra le malignità adulte più comuni. I tumori del colon cominciano solitamente come polipi benigni che subiscono il cambiamento maligno in risposta ai fattori infiammatori locali nell'intestino. Gli estratti del tè verde possono rallentare o fermare quella transizione riducendo la produzione delle citochine infiammatorie.26

Quando i cancri nascenti cominciano svilupparsi, degli gli estratti ricchi EGCG del tè verde revocano la loro diffusione da parecchi meccanismi. Impediscono l'espressione di un fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF), che è richiesto per la generazione di nuovi vasi sanguigni per alimentare il tumore crescente.27,28 ed essi giù-regoli la produzione delle proteine difusione chiamate proteinasi metalliche della matrice (MMPs) che sono essenziali affinchè sia la diffusione locale che metastatica accadano.29,30

Per concludere, le cellule tumorali possono essere avviate per subire la morte programmata, o gli apoptosi; gli estratti del tè verde sono fra i molti nutraceuticals capaci dell'induzione degli apoptosi via molti meccanismi differenti in cellule tumorali.12,31

Gli studi umani confermano questi risultati notevoli del laboratorio. Gli estratti del tè verde producono una risposta clinica rapida almeno in 69% delle donne con le lesioni del virus di papilloma umano (HPV) sulle loro cervici, che a sua volta riduce drammaticamente il loro rischio di cancro cervicale.32 un altro virus, HTLV-1, causativo sono associati con la leucemia a cellula T adulta ed il consumo quotidiano di estratto del tè verde ha ridotto significativamente il numero delle particelle virali in gente infettata.33

I risultati drammatici stanno comparendo riguardo agli estratti del tè verde e del carcinoma della prostata. Il tessuto umano della prostata rapidamente accumula i polifenoli del tè quale EGCG dopo il completamento orale.34 uomini con determinati risultati di biopsia chiamati HG-PIN (neoplasia intraepiteliale prostatica di prima scelta) sono ad un rischio di 30% di sviluppare il carcinoma della prostata in un anno, rendente loro i candidati per intervento urgente.35 quando gli oncologi italiani hanno curato gli uomini che hanno avuti HG-PIN con un estratto del tè verde, hanno trovato soltanto un tasso di 3% di sviluppo del cancro, rispetto a 30% nel gruppo di controllo.35 punteggi di sintomo e qualità della vita globale migliori pure. Uno studio successivo ha dimostrato gli effetti a lungo termine del supplemento, riducenti le nuove diagnosi del cancro di quasi 80%.36

Gli studi successivi hanno indicato coerente la riduzione del rischio di carcinoma della prostata avanzato negli uomini, riducente spesso le loro probabilità per sviluppare il cancro di quasi 50%.37 e gli estratti del tè verde possono ridurre i livelli dell'antigene prostatico specifico (PSA), mentre inibiscono la produzione dei fattori che migliorano la diffusione del tumore.28

Una riduzione virtualmente identica di rischio (51%) è stata indicata in adulti a rischio di tumore del colon.38 in quello studio, la dimensione di nuovi tumori era inoltre più piccola nel gruppo dell'estratto del tè verde che nel gruppo di controllo.

Le cellule di cancro al seno rispondono in un modo notevole agli estratti del tè verde, passanti dal ricevitore dell'estrogeno dell'difficile--ossequio (ER) - tipi negativi alle cellule ER-positive che sono favorevoli al trattamento con le droghe standard.I 17 estratti del tè verde inoltre regolano favorevole i geni soppressori del tumore del cancro al seno.39

Che cosa dovete conoscere: Gli estratti del tè verde proteggono i reni
  • Un 2011 di modello dell'animale rivelatore che lo stesso estratto del tè verde trovato in estratto del tè verde del prolungamento della vita ha assicurato la protezione significativa dei reni contro la gentamicina antibiotica comune-prescritta.
  • Gli estratti del tè verde sono ricchi di catechine, molecole flavonoidi con gli effetti antiossidanti ed antinfiammatori potenti.
  • I loro meccanismi multi-mirati a di azione inoltre sono stati indicati per sostenere la salute sistema di ampiezza contro cancro, la malattia cardiovascolare, il peso corporeo non sano e la sensibilità in diminuzione dell'insulina.

Salute cardiovascolare

C'è ampia prova epidemiologica che indica che gli aiuti del consumo del tè verde modulano il rischio di malattie cardiovascolari.40-42 fino ad oggi, sebbene, i meccanismi di fondo siano sconosciuti.43 mentre la nostra immagine delle cause reali di aterosclerosi è diventato più chiara, tuttavia, noi inoltre hanno cominciato a vedere come le catechine in tè verde possono funzionare agli obiettivi multipli per ridurre il nostro rischio.44

L'ossidazione e l'infiammazione sono i punti più iniziali nella produzione della disfunzione endoteliale, i cambiamenti pericolosi nei tessuti del nave-rivestimento del sangue che possono condurre alla parete arteriosa che si irrigidisce ed infine alla formazione di placche. EGCG ed altre catechine del tè verde agiscono potente per migliorare la funzione endoteliale.45-47 migliorano la produzione di ossido di azoto utile (NO), che a sua volta segnala le pareti della nave per rilassarsi e dilatare in risposta a flusso sanguigno.44,48,49

Salute cardiovascolare

Gli estratti del tè verde riducono la pressione sanguigna nei soggetti umani.50,51 ha migliorato la funzione endoteliale è un meccanismo, ma altri sono attivi pure. Il tè verde desensibilizza i canali di calcio-segnalazione con gli effetti sulla troponina cardiaca degli enzimi, migliorante la funzione del cuore durante la fase (diastolica) di rilassamento.52 e gli estratti del tè verde inoltre inibiscono l'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE), che urta sulla pressione sanguigna.43 per concludere, gli estratti del tè verde riducono il ritocco cardiaco pericoloso negli animali di peso eccessivo ed obesi, la limitazione della rigidezza della nave e la riduzione del rischio cardiovascolare.53

Gli aiuti degli estratti del tè verde per modificare favorevole i profili del lipido, riducenti i livelli di lipoproteina a bassa densità (LDL) quello, una volta ossidati, avvia l'infiammazione supplementare e contribuisce a coltivare le placche arteriose.50,51,54 ed indicatori di circolazione di infiammazione, specialmente quelli avviati dall'obesità, sono ridotti dagli estratti del tè verde, mentre quelli quale il adiponectin, che riducono l'infiammazione in relazione con grassa, sono sostenuti.55

In virtù delle loro caratteristiche antiossidanti e della loro capacità modulare l'espressione genica, gli estratti del tè verde può contribuire a combattere la lesione pericolosa riperfusione/di ischemia (IR) che segue un attacco di cuore o un colpo.La lesione di 56 IR crea “una tempesta„ degli ossidanti e delle citochine che possono fare più danno che l'evento originale. I numerosi studi sugli animali rivelano le dimensioni a cui EGCG migliora l'ambiente ischemico, avvianti le vie biochimiche che limitano la portata della lesione di IR.40,57,58

Ma forse le notizie più emozionanti tutto il circa di tè verde e della malattia cardiovascolare sono il suo effetto potenziale su composizione corporea, specialmente sui depositi grassi, ora conosciuti per essere la fonte di citochine pericolose che installato noi per la maggior parte delle circostanze croniche. L'animale e gli studi umani dimostrano che degli gli estratti ricchi EGCG del tè verde possono ridurre il grasso, limitare la produzione in relazione con grassa di citochina e contribuire a ridurre il peso corporeo.50,59

Di combattimento “Diabesity„

L'obesità e perfino il sovrappeso moderato, sono precursori della sindrome e del diabete di tipo 2 metabolici, conducenti alcuni ricercatori a riferirsi all'intera sindrome come “diabesity.„60 EGCG ed altre catechine in tè verde combattono l'obesità da molti meccanismi differenti.61 EGCG è un composto termogenico, cioè, avvia il corpo per bruciare il calore dei prodotti e del grasso, contribuente a consumare i depositi del grasso anche a riposo.62-64 EGCG inoltre migliora il controllo del glucosio e modifica la composizione corporea con le alterazioni nell'espressione genica in animali da laboratorio ha alimentato una dieta ad alta percentuale di grassi.65

Gli estratti del tè verde migliorano la sazietà, la sensibilità della pienezza dopo il cibo.66 che questo effetto può contribuire per ridurre l'apporto calorico totale. Gli estratti inoltre producono il malassorbimento delicato del carboidrato, inibente gli zuccheri rapidamente dall'entrare nella circolazione sanguigna dopo un pasto.67

Di combattimento “Diabesity„

Atti di EGCG via parecchi meccanismi per ridurre la quantità di grasso che il corpo mette via nei adipocytes, per esempio limitando la risposta delle cellule grasse a stimolazione dell'insulina.68 EGCG inoltre direttamente inibiscono un enzima vitale per formazione di trigliceridi, contribuente a ridurre il carico totale del corpo di questi grassi pericolosi.I 69 estratti del tè verde possono limitare la sintesi grassa in cellule di fegato pure.70

Questi cambiamenti biochimici hanno impatto reale negli studi umani. Gli uomini e le donne obesi perdono più peso quando limita l'assunzione di caloria e completando con gli estratti del tè verde che controlli gli oggetti che limitano soltanto l'assunzione di caloria.50,71-77 la composizione corporea inoltre è colpita favorevole dai supplementi del tè verde, con riduzione di depositi grassi viscerali e riduzioni significative della circonferenza della vita.50,74,78

L'esercizio rimane una componente chiave di tutto il buon programma di perdita di peso e l'aiuto di supplementi del tè verde che esercita la gente perde sicuro ancor più peso.La pressione sanguigna 79, LDL e gli indicatori di infiammazione inoltre sono ridotti tipicamente in pazienti obesi che usando i supplementi del tè verde.16,50,59,72,76

Gli estratti del tè verde migliorano la sazietà, la sensibilità della pienezza dopo il cibo. Questo effetto può contribuire a ridurre l'apporto calorico totale.

Gli estratti del tè verde combattono il diabete/componenti metaboliche di sindrome del diabesity pure. Gli estratti del tè verde aiutano la glicemia di controllo e riducono i livelli di emoglobina A1c, l'indicatore del sangue connesso con glucosio cronicamente elevato.L'estratto del tè verde 74,80 migliora la sensibilità e la tolleranza al glucosio dell'insulina negli studi animali ed umani, mentre brucia diretto grasso i suoi effetti termogenici.81-85 per concludere, la riduzione di LDL e l'aumento in lipoproteina ad alta densità (HDL) veduta con di una miscela nutriente ricca di polifenolo compreso tè verde, il melograno e la vitamina C ha un effetto benefico potente sui pazienti diabetici, che sono a rischio delle complicazioni cardiovascolari.86

Riassunto

All'inizio del 2011, un gruppo dei ricercatori ha riferito che lo stesso estratto del tè verde contenuto nella formula del tè verde del prolungamento della vita ha impedito il danno del rene in un modello animale facendo uso di gentamicina, un rinomato antibiotico comunemente prescritto per offensivo e perfino distruggere i reni. Gli estratti del tè verde sono ricchi di catechine, molecole flavonoidi con gli effetti antiossidanti ed antinfiammatori potenti. I loro meccanismi multi-mirati a di azione inoltre sono stati indicati per sostenere la salute sistema di ampiezza contro cancro, la malattia cardiovascolare, il peso corporeo non sano e la sensibilità in diminuzione dell'insulina.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Riferimenti

1. Disponibile a: www.kidney.org/kidneydisease/ckd/index.cfm#facts. 18 marzo 2011 raggiunto.

2. Disponibile a: http://www.mayoclinic.com/health/steroids/HQ01431. 1° aprile 2011 raggiunto.

3. Disponibile a: http://www.mayoclinic.com/health/ace-inhibitors/HI00060/NSECTIONGROUP=2. 1° aprile 2011 raggiunto.

4. Marotta F, Naito Y, Lorenzetti A, et al. vecchiaia e suscettibilità renale alle droghe. Il tè verde di grande purezza migliora il danno ossidativo renale indotto da gentamicina in ratti invecchiati. Presentato a: VII regione europea del congresso IAGG- UE. Invecchiamento sano e attivo per i tutti i europei “II.„ 14-17 aprile 2011. Bologna, Italia.

5. Wolfram S. Effects di tè verde e di EGCG su salute cardiovascolare e metabolica. J Coll Nutr. 2007 agosto; 26(4): 373S-88S.

6. Moderno PM, Carvalho m., BM del Silva. Brevetti recenti sul camellia sinensis: fonte di salute che promuove i composti. Pat Food Nutr Agric recente. 2009 novembre; 1(3): 182-92.

7. Feng WY. Metabolismo delle catechine del tè verde: una panoramica. Droga Metab di Curr. 2006 ottobre; 7(7): 755-809.

8. Quiros Y, Ferreira L, Sancho-Martínez MP, et al. dosi Sotto-nefrotossiche di gentamicina predispone gli animali a sviluppare la lesione acuta del rene ed espellere la proteina dell'attivatore di m2 del ganglioside. Rene Int. 2010 novembre; 78(10): 1006-15.

9. Salem ea, Na di Salem, Kamel m., et al. miglioramento di nefrotossicità della gentamicina dall'estratto del tè verde in ratti uninephrectomized come modello di insufficienza renale progressiva. Ren Fail. 2010;32(10):1210-5.

10. EL-Mowafy, Al-Gayyar millimetro, Salem ha, EL-Mesery ME, Darweish millimetro. Effetti protettivi chemioterapeutici e renali novelli per il tè verde (EGCG): ruolo della segnalazione ossidativa di infiammatorio-citochina e di sforzo. Phytomedicine. 1° dicembre 2010; 17(14): 1067-75.

11. Na di Kelsey, HM di Wilkins, Linseman DA. Antiossidanti di Nutraceutical come agenti neuroprotective novelli. Molecole. 2010;15(11):7792-814.

12. Zhang H, cao D, Cui W, Ji m., Qian basi di Zhong L. Molecular, di X di thioredoxin e thioredoxin riduttasi-ha mediato le azioni prooxidant di (-) - epigallocatechin-3-gallate. Med libero di biol di Radic. 15 dicembre 2010; 49(12): 2010-8.

13. Byrav DS, Medhi B, Vaiphei K, Chakrabarti A, Khanduja chilolitro. Valutazione comparativa delle dosi differenti dell'estratto del tè verde da solo e congiuntamente a sulfasalazina nelle malattie intestinali infiammatorie sperimentalmente indotte in ratti. Dig Dis Sci. 17 novembre 2010.

14. Gutierrez-Orozco F, BR di Stephens, Neilson AP, R verde, Ferruzzi MG, Bomser JA. Il tè verde e nero inibisce da produzione IL-8 e dalla la secrezione indotte da citochina in cellule tumorali gastriche del AGS via inibizione di attività N-F-kappaB. Med di Planta. 2010 ottobre; 76(15): 1659-65.

15. Hong Byun E, Fujimura Y, Yamada K, Tachibana H. TLR4 che segnala via inibitoria indotta dal polifenolo epigallocatechin-3-gallate del tè verde tramite il ricevitore del laminin 67-kDa. J Immunol. 1° luglio 2010; 185(1): 33-45.

16. Il YUN JM, Jialal I, Devaraj S. Effects del gallato del epigallocatechin sul numero a cellula T regolatore e della funzione nella magra obesa del V. si offre volontariamente. Br J Nutr. 2010 giugno; 103(12): 1771-7.

17. Li Y, yuan YY, Meeran MP, Tollefsbol A. Riattivazione epigenetica sinergica dell'ricevitore-alfa dell'estrogeno (ERalpha) dall'inibitore combinato di deacetylase del polifenolo e dell'istone del tè verde in cellule di cancro al seno ERalpha-negative. Mol Cancer. 2010;9:274.

18. Benzie SE, Szeto YT, lo sforzo JJ, Tomlinson B. Consumption di tè verde causa l'aumento rapido nel potere antiossidante del plasma in esseri umani. Cancro di Nutr. 1999;34(1):83-7.

19. Cibo HH, Cai Y, Hakim IA, et al. farmacocinesi e sicurezza dei polifenoli del tè verde dopo amministrazione con dose multipla del gallato del epigallocatechin e del polyphenon E in individui in buona salute. Ricerca del Cancro di Clin. 15 agosto 2003; 9(9): 3312-9.

20. Henning MP, Niu Y, Lee NH, et al. biodisponibilità ed attività antiossidante dei flavanoli del tè dopo consumo di tè verde, tè nero, o un supplemento dell'estratto del tè verde. J Clin Nutr. 2004 dicembre; 80(6): 1558-64.

21. CS di Yang, tè di Wang X. Green e prevenzione del cancro. Cancro di Nutr. 2010 ottobre; 62(7): 931-7.

22. Laurie SA, Miller VA, Sc di Grant, Kris MG, NG KK. Studio di fase I sull'estratto del tè verde in pazienti con il cancro polmonare avanzato. Cancro Chemother Pharmacol. 2005 gennaio; 55(1): 33-8.

23. Katiyar SK. Il tè verde impedisce il cancro di pelle del non melanoma migliorando la riparazione del DNA. Biochimica Biophys dell'arco. 15 aprile 2011; 508(2): 152-8.

24. Hakim IA, RB di Harris, cibo HH, decano M, Brown S, Ali IU. Effetto di un intervento di quattro mesi del tè su danno ossidativo del DNA fra i fumatori pesanti: ruolo dei genotipi della S-transferasi del glutatione. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2004 febbraio; 13(2): 242-9.

25. Luo H, Tang L, Tang m., et al. prova di chemoprevention di IIa di fase dei polifenoli del tè verde in individui ad alto rischio di cancro del fegato: modulazione di escrezione urinaria dei polifenoli del tè verde e del hydroxydeoxyguanosine 8. Carcinogenesi. 2006 febbraio; 27(2): 262-8.

26. Il DA augusto, landò J, Caputo D, Hong J, Lee MJ, CS di Yang. L'ingestione di tè verde rapidamente fa diminuire i livelli della prostaglandina E2 in mucosa rettale in esseri umani. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 1999 agosto; 8(8): 709-13.

27. Tsao COME, Liu D, Martin J, et al. fase II ha randomizzato, prova controllata con placebo dell'estratto del tè verde in pazienti con le lesioni premaligne orali ad alto rischio. Ricerca di Prev del Cancro (Phila). 2009 novembre; 2(11): 931-41.

28. McLarty J, Bigelow RL, Smith m., Elmajian D, Ankem m., Cardelli JA. I polifenoli del tè fanno diminuire i livelli del siero di antigene prostatico specifico, di fattore di crescita dell'epatocita e di fattore di crescita endoteliale vascolare nei pazienti di carcinoma della prostata ed inibiscono la produzione del fattore di crescita dell'epatocita e del fattore di crescita endoteliale vascolare in vitro. Ricerca di Prev del Cancro (Phila). 2009 luglio; 2(7): 673-82.

29. Effetti di Roomi Mw, di Monterrey JC, di Kalinovsky T, di Rath m., di Niedzwiecki A. Comparative di EGCG, tè verde e una miscela nutriente sui modelli dell'espressione MMP-2 e MMP-9 nelle linee cellulari del cancro. Rappresentante di Oncol. 2010 settembre; 24(3): 747-57.

30. Farabegoli F, Papi A, Orlandi M. (-) - Epigallocatechin-3-gallate giù-regola EGFR, MMP-2, MMP-9 e EMMPRIN ed inibisce l'invasione delle cellule tamoxifene-resistenti MCF-7. Rappresentante di Biosci. 2011 aprile; 31(2): 99-108.

31. Lee MH, Han DW, Hyon SH, parco JC. Apoptosi delle cellule umane di fibrosarcoma HT-1080 da epigallocatechin-3-O-gallate via induzione di p53 e dei caspases come pure soppressione di Bcl-2 e del fattore-kappaB nucleare fosforilato. Apoptosi. 2011 gennaio; 16(1): 75-85.

32. Ahn WS, Yoo J, Huh interruttore, et al. effetti protettivi degli estratti del tè verde (polyphenon E e EGCG) sulle lesioni cervicali umane. Cancro Prev di EUR J. 2003 ottobre; 12(5): 383-90.

33. Sonoda J, Koriyama C, Yamamoto S, et al. carico del provirus HTLV-1 nei linfociti periferici del sangue dei trasportatori HTLV-1 è diminuito bevendo del tè verde. Cancro Sci. 2004 luglio; 95(7): 596-601.

34. I polifenoli di Henning MP, di Aronson W, di Niu Y, et al. del tè e le teaflavine sono presenti nel tessuto della prostata degli esseri umani e dei topi dopo il consumo del tè verde e nero. J Nutr. 2006 luglio; 136(7): 1839-43.

35. Bettuzzi S, Brausi m., Rizzi F, Castagnetti G, Peracchia G, Corti A. Chemoprevention di carcinoma della prostata umano tramite la somministrazione orale delle catechine del tè verde in volontari con neoplasia intraepiteliale della prostata di prima scelta: un rapporto preliminare da uno studio di un anno di prova-de-principio. Ricerca del Cancro. 15 gennaio 2006; 66(2): 1234-40.

36. Brausi m., Rizzi F, Bettuzzi S. Chemoprevention di carcinoma della prostata umano dalle catechine del tè verde: due anni più successivamente. Un aggiornamento di seguito. EUR Urol. 2008 agosto; 54(2): 472-3.

37. Kurahashi N, Sasazuki S, Iwasaki m., Inoue m., consumo del tè verde di Tsugane S. e rischio di carcinoma della prostata in uomini giapponesi: uno studio prospettivo. J Epidemiol. 1° gennaio 2008; 167(1): 71-7.

38. Shimizu m., Fukutomi Y, Ninomiya m., et al. estratti del tè verde per la prevenzione degli adenomi colorettali metachronous: uno studio pilota. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2008 novembre; 17(11): 3020-5.

39. Ripari LN, il profilo di espressione dello scià m., di Efferth T, di Farwell mA, di Zhang B. MicroRNA delle cellule di cancro al seno umane MCF-7 e l'effetto di tè verde polyphenon-60. Genomica Proteomics del Cancro. 2010 settembre-ottobre; 7(5): 261-77.

40. Liou YM, SR di Hsieh, Wu TJ, Chen JY. L'estratto del tè verde dato prima di ischemia-riperfusione del miocardio regionale in ratti migliora la contrattilità del miocardio attenuando il sovraccarico del calcio. Pflugers Arch. 2010 novembre; 460(6): 1003-14.

41. Il Ou HC, canzone TY, Yeh YC, et al. EGCG protegge da da disfunzione endoteliale indotta LDL ossidata inibendo la segnalazione di LOX-1-mediated. J Appl Physiol. 2010 giugno; 108(6): 1745-56.

42. Mulvihill EE, Huff Mw. Proprietà di Antiatherogenic dei flavonoidi: implicazioni per salute cardiovascolare. Può J Cardiol. 2010 marzo; 26 supplementi A: 17A-21A.

43. Persson IA, Persson K, Hagg S, Andersson RG. Effetti di tè verde, di tè nero e del tè di Rooibos sull'enzima di conversione dell'angiotensina e sull'ossido di azoto in volontari sani. Salute pubblica Nutr. 2010 maggio; 13(5): 730-7.

44. Hodgson JM, piccola fattoria KD. Flavonoidi del tè e salute cardiovascolare. Mol Aspects Med. 2010 dicembre; 31(6): 495-502.

45. Kim W, Jeong MH, Cho SH, et al. effetto del consumo del tè verde sulla funzione endoteliale e cellule endoteliali di circolazione del progenitore in fumatori cronici. Circ J. 2006 agosto; 70(8): 1052-7.

46. Alexopoulos N, Vlachopoulos C, Aznaouridis K, et al. L'effetto acuto del consumo del tè verde sulla funzione endoteliale in individui in buona salute. EUR J Cardiovasc Prev Rehabil. 2008 giugno; 15(3): 300-5.

47. Nagaya N, Yamamoto H, Uematsu m., et al. tè verde inverte la disfunzione endoteliale in fumatori in buona salute. Cuore. 2004 dicembre; 90(12): 1485-6.

48. Oyama J, Maeda T, Kouzuma K, et al. catechine del tè verde migliora la disfunzione endoteliale dell'avambraccio umano ed ha effetti antiatherosclerotic in fumatori. Circ J. 2010; 74(3): 578-88.

49. CE di Reiter, Kim JA, Quon MJ. Il gallato del epigallocatechin del polifenolo del tè verde riduce l'espressione endothelin-1 e la secrezione in cellule endoteliali vascolari: ruoli per la chinasi proteica Amp-attivata, Akt e FOXO1. Endocrinologia. 2010 gennaio; 151(1): 103-14.

50. Nagao T, Hase T, Tokimitsu I. Un estratto del tè verde alto in catechine riduce il grasso corporeo ed i rischi cardiovascolari in esseri umani. Obesità (Silver Spring). 2007 giugno; 15(6): 1473-83.

51. Mp di Nantz, Rowe CA, Bukowski JF, Parsifal ss. La capsula standardizzata del camellia sinensis abbassa i fattori di rischio cardiovascolari in un randomizzato, la prova alla cieca, studio controllato con placebo. Nutrizione. 2009 febbraio; 25(2): 147-54.

52. Tadano N, Du CK, Yumoto F, et al. azioni biologiche delle catechine del tè verde su troponina cardiaca C. Br J Pharmacol. 2010 novembre; 161(5): 1034-43.

53. Rickman C, Iyer A, Chan V, tè verde di Brown L. attenua il ritocco cardiovascolare ed i sintomi metabolici negli alti ratti di carboidrato-federazione. Curr Pharm Biotechnol. 2010 dicembre; 11(8): 881-6.

54. H cantata, settimana di min, Lee W, et al. Gli effetti di ingestione del tè verde oltre quattro settimane sugli indicatori aterosclerotici. Ann Clin Biochem. 2005 luglio; 42 (pinta 4): 292-7.

55. GASCROMATOGRAFIA di Bakker, van Erk MJ, Pellis L, et al. Una miscela dietetica antinfiammatoria modula l'infiammazione e lo sforzo ossidativo e metabolico in uomini di peso eccessivo: un approccio di nutrigenomics. J Clin Nutr. 2010 aprile; 91(4): 1044-59.

56. Akhlaghi m., l'estratto del tè verde di Bandy B. Dietary aumenta le attività enzimatiche di fase 2 nella protezione contro ischemia-riperfusione del miocardio. Ricerca di Nutr. 2010 gennaio; 30(1): 32-9.

57. Canzone dk, Jang Y, Kim JH, Chun kJ, Lee D, Xu Z. Polyphenol (-) - gallato del epigallocatechin durante la dimensione di infarto di limiti di ischemia via l'attivazione mitocondriale del canale di K (ATP) nei cuori isolati del ratto. Coreano Med Sci di J. 2010 marzo; 25(3): 380-6.

58. Yanagi S, Matsumura K, Marui A, et al. pretrattamento orale con un polifenolo del tè verde per la cardioprotezione contro la lesione di ischemia-riperfusione in un modello isolato del cuore del ratto. J Thorac Cardiovasc Surg. 2011 febbraio; 141(2): 511-7.

59. Matsuyama T, Tanaka Y, Kamimaki I, Nagao T, Tokimitsu I. Catechin ha migliorato sicuro i livelli elevati di grasso, di pressione sanguigna e di colesterolo in bambini. Obesità (Silver Spring). 2008 giugno; 16(6): 1338-48.

60. Farag YM, sig. di Gaballa. Diabesity: una panoramica di un'epidemia in aumento. Trapianto del quadrante di Nephrol. 2 novembre 2010.

61. KA del boschetto, Lambert JD. Il laboratorio, epidemiologico e gli studi umani di intervento indicano che il tè (camellia sinensis) può essere utile nella prevenzione dell'obesità. J Nutr. 2010 marzo; 140(3): 446-53.

62. Dulloo AG, Duret C, Rohrer D, et al. efficacia dei ricchi di un estratto del tè verde in polifenoli della catechina e caffeina nell'aumento 24 dispendi energetici di h e dell'ossidazione grassa in esseri umani. J Clin Nutr. 1999 dicembre; 70(6): 1040-5.

63. Hursel R, sig.ra di Westerterp-Plantenga. Ingredienti termogenici e regolamento del peso corporeo. Int J Obes (Lond). 2010 aprile; 34(4): 659-69.

64. Boschmann m., Thielecke F. Gli effetti di epigallocatechin-3-gallate su termogenesi e su ossidazione grassa in uomini obesi: uno studio pilota. J Coll Nutr. 2007 agosto; 26(4): 389S-95S.

65. Chen N, Bezzina R, Hinch E, et al. il tè verde, tè nero e il epigallocatechin modifica la composizione corporea, migliora la tolleranza al glucosio e differenziale alterano l'espressione genica metabolica in ratti hanno alimentato una dieta ad alta percentuale di grassi. Ricerca di Nutr. 2009 novembre; 29(11): 784-93.

66. Glucosio postprandiale, insulina e sazietà di influenza del tè verde di Josic J, di Tholen Olsson A, di Wickenberg J, di Lindstedt S, di Hlebowicz J. Does negli individui sani: una prova controllata randomizzata. Nutr J. 2010 30 novembre; 9(1): 63.

67. Zhong L, Furne JK, MD di Levitt. Un estratto di tè neri, verdi e del gelso causa il malassorbimento del carboidrato ma non del triacilglicerolo in volontari sani. J Clin Nutr. 2006 settembre; 84(3): 551-5.

68. Il CF di Hsieh, Tsuei YW, Liu il CW, et al. gallato del epigallocatechin del tè verde inibisce la stimolazione dell'insulina dell'assorbimento del glucosio del adipocyte via il ricevitore del laminin di 67 kilodalton e le vie Amp-attivate della chinasi proteica. Med di Planta. 2010 ottobre; 76(15): 1694-8.

69. Kao cc, Wu BT, Tsuei YW, Shih LJ, Kuo YL, Kao YH. Catechine del tè verde: inibitori della deidrogenasi di glycerol-3-phosphate. Med di Planta. 2010 maggio; 76(7): 694-6.

70. Parcheggi HJ, Dinatale DA, Chung MIO, et al. l'estratto del tè verde attenua la steatosi epatica facendo diminuire la lipogenesi adiposa e migliorando le difese antiossidanti epatiche nei topi di ob/ob. Biochimica di J Nutr. 22 luglio 2010.

71. Auvichayapat P, Prapochanung m., Tunkamnerdthai O, et al. efficacia di tè verde su perdita di peso in Thais obeso: Una prova randomizzata e controllata. Physiol Behav. 27 febbraio 2008; 93(3): 486-91.

72. Di Pierro F, Menghi ab, Barreca A, Lucarelli m., Calandrelli A. Greenselect Phytosome come aggiunta ad una dieta ipocalorica per il trattamento di obesità: un test clinico. Altern Med Rev. 2009 giugno; 14(2): 154-60.

73. Hursel R, Viechtbauer W, sig.ra di Westerterp-Plantenga. Gli effetti di tè verde su manutenzione del peso e di perdita di peso: una meta-analisi. Int J Obes (Lond). 2009 settembre; 33(9): 956-61.

74. Nagao T, Meguro S, Hase T, et al. Di una bevanda ricca di catechina migliora l'obesità ed il controllo della glicemia in pazienti con il diabete di tipo 2. Obesità (Silver Spring). 2009 febbraio; 17(2): 310-7.

75. Tsai CH, WC di Chiu, Yang NC, Ouyang cm, Yen YH. Una formula novella della sostituzione del pasto del tè verde per perdita di peso fra gli individui obesi: un test clinico controllato randomizzato. Alimento Sci Nutr di Int J. 7 settembre 2009: 1-9.

76. Basu A, Sanchez K, Leyva MJ, et al. il completamento del tè verde colpisce il peso corporeo, i lipidi e la perossidazione lipidica negli oggetti obesi con la sindrome metabolica. J Coll Nutr. 2010 febbraio; 29(1): 31-40.

77. Sig.ra di Westerterp-Plantenga. Catechine del tè verde, caffeina e regolamento di immunizzazione corporea. Physiol Behav. 26 aprile 2010; 100(1): 42-6.

78. Wang H, Wen Y, Du Y, et al. effetti di catechina ha arricchito il tè verde su composizione corporea. Obesità (Silver Spring). 2010 aprile; 18(4): 773-9.

79. Maki KC, ms di Reeves, agricoltore m., et al. consumo della catechina del tè verde migliora la perdita grassa addominale indotta dall'esercizio in adulti di peso eccessivo ed obesi. J Nutr. 2009 febbraio; 139(2): 264-70.

80. Fukino Y, Ikeda A, Maruyama K, Aoki N, Okubo T, iso H. Randomized ha controllato la prova per un effetto del completamento verde della polvere dell'tè-estratto sulle anomalie del glucosio. EUR J Clin Nutr. 2008 agosto; 62(8): 953-60.

81. Venables MC, Hulston CJ, Cox ora, Jeukendrup EA. Ingestione dell'estratto del tè verde, ossidazione grassa e tolleranza al glucosio in esseri umani in buona salute. J Clin Nutr. 2008 marzo; 87(3): 778-84.

82. Hininger-Favier I, Benaraba R, baie S, Anderson RA, Roussel. L'estratto del tè verde fa diminuire lo sforzo ossidativo e migliora la sensibilità dell'insulina in un modello animale di insulino-resistenza, il ratto di fruttosio-federazione. J Coll Nutr. 2009 agosto; 28(4): 355-61.

83. Il Ramadan G, EL-Beih nanometro, Abd El-Ghffar ea. Effetti di Modulatory dell'estratto acquoso del tè verde nero del V. su disfunzione di iperglicemia, di iperlipidemia e del fegato nei modelli diabetici ed obesi del ratto. Br J Nutr. 2009 dicembre; 102(11): 1611-9.

84. Qin B, Polansky millimetro, Harry D, Anderson RA. I polifenoli del tè verde migliorano il muscolo cardiaco mRNA ed i livelli della proteina di vie del segnale relative ad insulina ed al metabolismo dei lipidi e di infiammazione in ratti insulina-resistenti. Mol Nutr Food Res. 2010 maggio; 54 supplementi 1: S14-23.

85. Roghani m., Baluchnejadmojarad T. Hypoglycemic ed attività antiossidante ipolipidica e di effetto di epigallocatechin-gallato cronico in ratti streptozotocin-diabetici. Patofisiologia. 2010 febbraio; 17(1): 55-9.

86. Fenercioglu AK, Saler T, Genc E, Sabuncu H, Altuntas Y. Gli effetti di polifenolo-contenere gli antiossidanti sullo sforzo e sulla perossidazione lipidica ossidativi in diabete di tipo 2 mellito senza complicazioni. J Endocrinol investe. 2010 febbraio; 33(2): 118-24.