Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista marzo 2011
Rapporto

Soluzioni naturali per le reazioni della pelle relative ai trattamenti del cancro

Da Gary Goldfaden, dal MD e da Robert Goldfaden
Soluzioni naturali per le reazioni della pelle relative ai trattamenti del cancro

Tutti abbiamo un membro della famiglia, un amico, o conosca qualcuno che abbia avvertito gli effetti collaterali temuti connessi con i trattamenti del cancro. La vita Extension® ha chiesto al dermatologo principale Gary Goldfaden, MD, di discutere lo sgradevole, l'irritazione ed i problemi dermatologici a volte dolorosi che possono accompagnare il trattamento del cancro per vedere che cosa può essere fatto circa loro. Questo articolo descrive i molti effetti collaterali delle terapie del cancro che si presentano nella pelle ed il che sostanze nutrienti e composti specifici possono essere usati per accelerare una risoluzione.

Le opzioni del trattamento più comuni per i malati di cancro oggi sono ambulatorio, radiazione e la chemioterapia. Più della metà di tutta la gente diagnosticata con cancro sono trattati con la radioterapia.1 che questa pratica comprende esporre l'area colpita ai raggi ad alta energia che uccidono le cellule tumorali e le tengono dalla crescita e dal moltiplicarsi.La radioterapia 2 può causare delicato alle reazioni severe della pelle, compresi il prurito ed il rossore, la sbucciatura e sfaldarsi e perfino sfregio permanente e la pigmentazione dell'area trattata.3,4

La chemioterapia usa le droghe che mirano ed uccidono rapidamente a dividere le cellule. Poiché le cellule tumorali si dividono più rapidamente della maggior parte delle cellule, sono particolarmente suscettibili di questo genere di attacco.

Tuttavia, ci sono cellule sane che inoltre si riproducono molto rapidamente, rendenti loro gli obiettivi principali per dalla la morte indotta da chemioterapia pure. Questi comprendono le cellule che allineano l'interno della vostra bocca, il rivestimento dei vostri intestini, i vostri globuli, le piastrine, i follicoli piliferi e le vostre cellule epiteliali.5 questo rappresentano molti degli effetti collaterali sperimentati durante la chemioterapia, compreso perdita di capelli, la nausea ed i conteggi di globulo bassi.6

I problemi di pelle, compreso le eruzioni, la sbucciatura, scoloramento, acne striandosi, di ammaccatura, estremo siccità, la sensibilità, il rossore e, sono inoltre un risultato comune della chemioterapia.7

Fortunatamente, ci sono sostanze nutrienti sicure, efficaci, naturali che possono alleviare questi effetti collaterali in relazione con la pelle di trattamento del cancro: vitamina K1, vitamina D, estratto dell'arnica Montana di fioritura europea ( arnica) della pianta, avena ed estratti concentrati del tè. Attuale combinati, contribuiscono ad accelerare la riparazione e la rigenerazione di pelle nociva derivando dagli effetti della chirurgia, della radiazione e della chemioterapia del cancro.

Trattamento attuale pre- e Post-chirurgico

Attuale trattare il sito prima che una procedura chirurgica con gli antiossidanti potenti, quale tè concentrato estragga, con i composti antinfiammatori e d'idratazioni naturali contenuti in avena chiamata avenanthramides, può contribuire a rinforzare le difese naturali della vostra pelle.8,9 postoperatorio, applicare la vitamina solubile nel grasso K1 di fattore di coagulazione contribuisce a ristabilire la capacità della pelle nociuta a di guarire dall'ammaccatura.L'arnica attuale 10,11 applicata al sito arrotolato può anche ridurre l'ammaccatura ed il gonfiore postoperatori.12,13 allo stesso tempo, la vitamina D contribuisce ad accelerare la rigenerazione della pelle,14,15 quindi che minimizzano il rischio da di sfregio e da di scoloramento indotti da chirurgia della pelle.

Supporto dagli effetti della radioterapia

Supporto dagli effetti della radioterapia

Di nuovo, pretrattare il sito della pelle con naturale, salute-promuovendo gli antiossidanti prima della radioterapia può contribuire ad assicurare un risultato dopo trattamento cosmetically favorevole.

Dopo la radioterapia, la risposta della pelle subisce solitamente tre fasi consecutive. Nella prima fase, il paziente può sperimentare itching e rossore nell'area colpita. Questa irritazione può essere ricambiata con successo con gli effetti combinati dell'azione antinfiammatoria dell'arnica e l'effetto curativo naturale della vitamina D.

Mentre il trattamento progredisce, i sintomi di secondo stadio si sviluppano spesso, compreso eccessive siccità e sensibilità, con la sbucciatura e lo sfaldamento della pelle. L'avena, con la loro idratazione potente e proprietà antinfiammatorie, agisce efficacemente per calmare, proteggere e guarire severamente ha disidratato in questa fase la pelle.16

Nel terzo e lo stadio finale, combustione reale della pelle causata tramite i risultati di radiazione nello sfregi17 e della pigmentazione indesiderata. Trattando l'area colpita con la vitamina D e gli antiossidanti naturali quali gli estratti concentrati 18,19del tè può contribuire ad accelerare il processo rigeneratore ed a ridurre lo sfregio successivo.

Potere curativo per l'ammaccatura e le ecchimosi

La chemioterapia può distruggere le cellule diformazione trovate in vostro midollo osseo. Le piastrine sono responsabili della formazione dei grumi per fermare l'emorragia interna. Mentre questo deterioramento progredisce e più piastrine sono perse, anche il trauma minimo può provocare l'ammaccatura massiccia che può richiedere i mesi per guarire.

Se il conteggio delle piastrine del paziente cade ad estremamente - i bassi livelli (una piastrina normale include un individuo in buona salute è fra 150,000-450,000 per microliter di sangue), ammaccatura spontanea possono accadere senza alcun trauma affatto.20 le ecchimosi risultanti— il termine tecnico per le grandi, toppe rossastro-blu dell'battuto di pelle-può anche essere causato dalla rottura di piccoli vasi sanguigni. Entrambe circostanze possono efficacemente essere trattate con la vitamina K1.10,11,21 i composti trovati in arnica sono stati indicati per ridurrsi gonfiare, acquietare l'infiammazione e per accelerare il recupero della pelle dall'ematoma.22-25

La vitamina K1 è inoltre ideale come trattamento per la maggior parte dei generi di lesione vascolare dovuto la suoi natura solubile nel grasso ed effetti potenti di coagulazione del sangue.26 una volta attuale applicata, la vitamina K1 penetra prontamente la pelle e viaggia in profondità nello strato interno della pelle conosciuta come il derma, in cui efficacemente mira ai capillari nocivi. La vitamina K1 e l'arnica inoltre contribuiscono naturalmente a risolvere l'ammaccatura.26

Che cosa dovete conoscere: Soluzioni per le reazioni della pelle ai trattamenti del cancro
  • Soluzioni per le reazioni della pelle ai trattamenti del cancro
    I trattamenti del cancro comuni, compreso chirurgia, radiazione e la chemioterapia, producono sgradevole, l'irritazione e le reazioni spesso dolorose della pelle.
  • L'ambulatorio e la radiazione infliggono il danneggiamento fisico della pelle sotto forma di trauma, di rottura e di bruciatura.
  • La chemioterapia, che uccide rapidamente la divisione delle cellule tumorali, inoltre distrugge le cellule sane che si dividono rapidamente-compreso le vostre cellule epiteliali.
  • La vitamina nutriente solubile nel grasso K1 penetra la pelle nociva ed aiuta la velocità la guarigione delle contusioni.
  • L'estratto dell'arnica Montana di fioritura europea della pianta esercita gli effetti antinfiammatori ed anti-itching potenti.
  • Gli antiossidanti in tè concentrato estrae il sostegno le difese libero radicali della vostra pelle.
  • I composti antinfiammatori e d'idratazioni trovati in avena hanno chiamato l'aiuto dei avenanthramides per lenire la pelle traumatizzata e per accelerare la guarigione.
  • L'avena inoltre funge da astringenti delicati e exfoliants, rimuoventi via le cellule epiteliali morte in eccesso.
  • Aiuti di vitamina D per accelerare rigenerazione della pelle.

“Striarsi venoso„ di combattimento e “stravaso„

Uno degli effetti collaterali più comuni della chemioterapia è chiamato chiarore venoso o striarsi venoso.27 questa reazione allergica delicata sono caratterizzati da un rossore localizzato o l'eruzione (accompagnata spesso dal itching) quella funziona lungo il percorso della vena iniettata. Striarsi venoso fisicamente somiglia a ma non dovrebbe essere confuso per via endovenosa con stravaso , l'amministrazione accidentale (iv) delle droghe medicinali infuse nel tessuto sano circostante. Striarsi venoso può efficacemente essere minimizzato applicando una combinazione di antiossidanti naturali all'iniezione sito-compreso arnica ed alla vitamina K-entrambi prima e dopo la chemioterapia.

Pelle asciutta, sensibile, fragile e della sbucciatura lenitiva

Lo stravaso si riferisce alla fuga di una droga della chemioterapia nello spazio extravascular, tramite perdita da una nave o da infiltrazione diretta. Lo stravaso è un genere più severo di lesione cutanea che può provocare il dolore ed il gonfiamento a lungo termine. Un antidoto poco usato ma efficace per la lesione dello stravaso della chemioterapia è l'applicazione topica di una soluzione di 70% DMSO con un tampone di cotone bianco all'area colpita. Tutto l'eccesso DMSO dovrebbe essere rimosso con un panno o un tessuto di cotone bianco. Il trattamento può essere ripetuto ogni 3-4 ore e può essere necessario affinchè quattro - otto settimane completamente risolva la lesione dello stravaso.28

Pelle asciutta, sensibile, fragile e della sbucciatura lenitiva

La pelle asciutta, ruvida, a fiocchi è spesso un effetto collaterale delle droghe della chemioterapia per due motivi principali: 1) le droghe distruggono le nuove cellule epiteliali; e 2) le droghe interferiscono con la funzione normale del vostro petrolio della pelle e delle ghiandole sudoripare naturalmente d'idratazione e protettivi.Una disidratazione di 29 estremi può manifestarsi nelle aree colpite, con conseguente gamma di effetti collaterali, dalle crepe dolorose che possono o non possono sanguinare, a itching intenso, il rossore e dall'infiammazione.

Come fattore di controllo importante nella crescita e nella sostituzione della cellula epiteliale, la vitamina D può contribuire a ricambiare questi effetti. Il tasso a cui le nuove cellule si dividono, la natura e la sincronizzazione dei loro cambiamenti come pure il loro tempo di transito alla superficie della pelle, sono tutto avviato e controllato la presenza di vitamina il D.30,31 dagli effetti antiossidanti ed antinfiammatori potenti dell'avena può anche contribuire a ridurre il rossore e l'irritazione.

Ricambio degli scoppi indotti da steroide dell'acne

Ricambio degli scoppi indotti da steroide dell'acne

Alcuni di agenti più efficaci e più comunemente usati impiegati come componente del regime terapeutico di trattamento del cancro sono steroidi— classe A di ormoni che purtroppo possono condurre ad uno scoppio di acne. Ciò accade perché gli steroidi aumentano l'attività delle ghiandole di olio nella pelle. Ciò è dove l'avena entra. Oltre ad infiammazione d'acquietamento, l'avena funge da astringente naturale. Efficacemente estraggono l'eccedenza d'olio da pelle e pori ostruiti di aiuto dai chiari. Inoltre fungono da exfoliant naturale che sfrega delicatamente le cellule epiteliali morte assenti ed altri detriti mentre aumentano la circolazione sanguigna a rigenerazione della pelle dell'aiuto.32,33

Riassunto

I trattamenti del cancro più comuni, compreso chirurgia, radiazione e la chemioterapia, producono sgradevole, l'irritazione e le reazioni spesso dolorose della pelle. L'ambulatorio e la radiazione infliggono il danneggiamento fisico della pelle sotto forma di trauma, di rottura e di bruciatura. La chemioterapia, che uccide rapidamente la divisione delle cellule tumorali, inoltre distrugge le cellule sane che si dividono rapidamente-compreso le cellule epiteliali. La vitamina nutriente solubile nel grasso K1 ristabilisce l'abilità curativa diminuita della pelle causata tramite l'attacco della chemioterapia delle piastrine. L'estratto dell'arnica Montana di fioritura europea della pianta esercita un effetto antinfiammatorio ed anti-itching potente. Gli antiossidanti in tè concentrato estrae il sostegno le difese libero radicali della vostra pelle. I composti antinfiammatori e d'idratazioni trovati in avena hanno chiamato l'aiuto dei avenanthramides per lenire la rigenerazione traumatizzata della velocità e della pelle. L'avena inoltre funge da astringenti delicati e exfoliants, rimuoventi via le cellule epiteliali morte in eccesso. Aiuti di vitamina D per accelerare rigenerazione della pelle. Una volta attuale combinati, efficacemente proteggono la pelle prima di trattamento del cancro e della guarigione e del recupero dopo trattamento della velocità.

I composti antinfiammatori e d'idratazioni trovati in avena hanno chiamato l'aiuto dei avenanthramides per lenire la rigenerazione traumatizzata della velocità e della pelle.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Riferimenti

1. Disponibile a: http://www.astro.org/PressRoom/FastFacts/documents/FFAboutRT.pdf. 21 dicembre 2010 raggiunto.

2. Disponibile a: http://www.medicinenet.com/radiation_therapy/article.htm. 21 dicembre 2010 raggiunto.

3. Disponibile a: http://www.cancer.gov/cancertopics/coping/radiation-therapy-and-you/page6. 21 dicembre 2010 raggiunto.

4. Disponibile a: http://www.wrongdiagnosis.com/s/skin_cancer/treatments.htm. 21 dicembre 2010 raggiunto.

5. Disponibile a: http://www.cancer.gov/cancertopics/chemotherapy-and-you/allpages. 21 dicembre 2010 raggiunto.

6. Disponibile a: http://www.driscollchildrens.org/health/peds/oncology/cantreat.asp. 21 dicembre 2010 raggiunto.

7. Disponibile a: http://www.chemocare.com/managing/skin_reactions.asp. 21 dicembre 2010 raggiunto.

8. LH di Dimberg, Theander O, Lingert H. Avenanthramides – un gruppo di antiossidanti fenolici in avena. Cereale chim. 1993;70(6):637-41

9. Sur R, Nigam A, Grote D, Liebel F, MD di Southall. Avenanthramides, polifenoli dall'avena, esibisce l'attività di anti-prurito ed antinfiammatoria. Ricerca di Dermatol dell'arco. 2008 novembre; 300(10): 569-74.

10. Scià NS, Lazzaro MC, Bugdodel R, et al. Gli effetti della vitamina K attuale sull'ammaccatura dopo il trattamento del laser. J Acad Dermatol. 2002 agosto; 47(2): 241-4.

11. Lou WW, Quintana A, Geronemus RG, Grossman MC. Effetti della vitamina K e del retinolo attuali su porpora indotta da laser sulla pelle di nonlesional. Dermatol Surg. 1999 dicembre; 25(12): 942-4.

12. Leu S, Havey J, LE bianco, et al. risoluzione accelerata di ammaccatura indotta da laser con l'arnica attuale di 20%: una prova controllata randomizzata rater-accecata. Br J Dermatol. 2010 settembre; 163(3): 557-63.

13. BM di Seeley, Denton ab, CS del ms di Ahn, Mosa. Effetto di arnica Montana omeopatica sull'ammaccatura nei ringiovanimenti del viso: risultati di un randomizzato, prova alla cieca, test clinico controllato con placebo. Arco Plast facciale Surg. 2006 gennaio-febbraio; 8(1): 54-9.

14. Zasloff M. Sunlight, vitamina D e le difese immuni innate della pelle umana. J investe Dermatol. 2005; 125(5): xvi-xvii. 

15. Ganz T. Defensins: peptidi antimicrobici dei vertebrati. C R Biol. 2004 giugno; 327(6): 539-49.

16. Disponibile a: http://www.activenaturalsinstitute.com/anri/library_avenanthramides.html. 22 dicembre 2010 raggiunto.

17. Disponibile a: http://www.healthcastle.com/se_radiation.shtml. 22 dicembre 2010 raggiunto.

18. Katiyar S, Elmets CA, Katiyar SK. Cancro di pelle e del tè verde: photoimmunology, angiogenesi e riparazione del DNA. Biochimica di J Nutr. 2007 maggio; 18(5): 287-96.

19. Marnewick J, Joubert E, Joseph S, Swanevelder S, P Swart, Gelderblom W. Inhibition della promozione del tumore nella pelle del topo dagli estratti di rooibos (linearis del Aspalathus) e di honeybush (intermedia) di Cyclopia, tisane sudafricane uniche. Cancro Lett. 28 giugno 2005; 224(2): 193-202.

20. Disponibile a: http://www.medicinenet.com/thrombocytopenia_low_platelet_count/article.htm. 21 dicembre 2010 raggiunto.

21. JUNIOR di Guidry, RA di Raschke, Morkunas AR. Effetti tossici delle droghe utilizzate nel ICU. Anticoagulanti e thrombolytics. Rischi e benefici. Cura Clin di Crit. 1991 luglio; 7(3): 533-54.

22. Lyss G, Schmidt TJ, Merfort I, HL di Pahl. Helenalin, un lattone antinfiammatorio del sesquiterpene da arnica, inibisce selettivamente il fattore di trascrizione N-F-kappaB. Biol chim. 1997 settembre; 378(9): 951-61.

23. Schmidt TJ. lattoni Helenanolide tipi del sesquiterpene--III. Tassi e stereochimica nella reazione del helenalin e dei helenanolides relativi con le biomolecole contenenti solfidrile. Bioorg Med Chem. 1997 aprile; 5(4): 645-53.

24. Kupchan MP, Eakin mA, Thomas. Inibitori del tumore. 69. relazioni di Struttura-citotossicità fra i lattoni del sesquiterpene. J Med Chem. 1971 dicembre; 14(12): 1147-52.

25. Lee KH, Meck R, Piantadosi C, Huang es. Agenti antitumorali. 4. Citotossicità ed attività in vitro degli esteri di helenalin e dei derivati relativi. J Med Chem. 1973 marzo; 16(3): 299-301.

26. Disponibile a: http://www.freepatentsonline.com/5510391.html. 22 dicembre 2010 raggiunto.

27. Hayden BK, Goodman M. Chemotherapy: Principi di terapia. In: Yarbro CH, Frogge MH, Goodman M. Cancer Nursing: Ed di Practice.6th e di principi. Jones & Bartlett Publishers, Inc.; 2005:361-411.

28. Disponibile a: http://www.dmso.org/articles/skkin/softiss.htm. 5 gennaio 2011 raggiunto.

29. Disponibile a: http://www.breastcancer.org/tips/hair_skin_nails/skin_care.jsp. 22 dicembre 2010 raggiunto.

30. Matsumoto K, Azuma Y, Kiyoki m., Okumura H, Hashimoto K, Yoshikawa K. Involvement del dihydroxyvitamin in modo endogeno prodotto 1,25 D-3 nella crescita e nella differenziazione dei keratinocytes umani. Acta di Biochim Biophys. 17 maggio 1991; 1092(3): 311-8.

31. MB di Holick MF, di MacLaughlin JA, di Clark, et al. fotosintesi del previtamin D3 in pelle umana e le conseguenze fisiologiche. Scienza. 10 ottobre 1980; 210(4466): 203-5.

32. Cerio R, Dohil m., Jeanine D, Magina S, Mahé E, Stratigos AJ. Meccanismo di azione e benefici clinici della farina d'avena colloidale per pratica dermatologica. J droga Dermatol. 2010 settembre; 9(9): 1116-20.

33. Kurtz es, farina d'avena di Wallo W. Colloidal: storia, chimica e proprietà cliniche. J droga Dermatol. 2007 febbraio; 6(2): 167-70.