Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista maggio 2011
Rapporto

Modi naturali contrastare un uccisore di azione furtiva

Da Kirk Stokel

Il rischio di vita di sviluppare l'ipertensione è maggior di 90% in adulti 55 anni e più vecchi.1 potete essere uno di loro. Gli esperti stimano che questo uccisore silenzioso rappresenti ogni anno 40,5 milione visite di medico.1

Modi naturali contrastare un uccisore di azione furtiva

Tristemente, quelle visite vengono spesso troppo tardi.

La pressione sanguigna male controllata danneggia lentamente i reni ed il sistema vascolare, culminante spesso in attacco di cuore, colpo, o insufficienza renale.2,3

Decine di migliaia di morti attribuibili ad ipertensione accadono ogni anno,1 eppure più potrebbero essere impedite azione correttiva erano state prese più presto nella vita. Gli studi pubblicati indicano che gli individui invecchianti che raggiungono una mera diminuzione 5-point nella pressione sanguigna diastolica possono ridurre il loro rischio per le circostanze in relazione con l'ipertensione letali vicino fino a 16%.4

In questo articolo, imparerete di una scoperta da un gruppo dei ricercatori di Cambridge che mostrano come dirigere meglio l'ipertensione facendo uso dei composti nutrienti a basso costo e disponibili facilmente.

Una scoperta affascinante

Uno studio recente dai ricercatori all'istituto di Cambridge per ricerca medica rivela la relazione pericolosa fra lo sforzo ossidativo e l'angiotensina, un ormone che amplifica spesso la pressione sanguigna ai livelli pericolosi. Aiwu Zhou e colleghi ha deciso di mettere a fuoco sulla molecola del genitore dell'angiotensina, angiotensinogen.5 facendo uso di cristallografia a raggi x ultraelevata di risoluzione, il gruppo di Zhou ha esaminato i meccanismi di fondo che determinano l'ipertensione.

Quando lo sforzo ossidativo è presente, la molecola di angiotensinogen sposta la sua forma e sommerge il sistema da angiotensina!5 questo hanno condotto alla scoperta “di un commutatore ossidativo„ quello stato di pressione sanguigna di impatti nel corpo. Il gruppo di che Zhou ha fatto è di identificare un assolutamente nuovo meccanismo fra lo sforzo e l'ipertensione ossidativi.

Ma gli scienziati nutrizionali lungamente hanno saputo che antiossidanti confer una certa protezione contro ipertensione. Così il lavoro di Zhou sta rifornendo l'interesse di combustibile rinnovato in sostanze nutrienti che combattono l'ossidazione e forniscono di punta l'equilibrio a partire dal rilascio dell'angiotensina. Le scoperte recenti indicano che una piccola manciata di composti antiossidanti può inibire l'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE) stesso, contribuendo ai loro effetti antipertensivi. Esaminiamo alcuni dei propri interventi antipertensivi della natura e come possono lavorare per tenervi in buona salute.

I proteine del siero derivati da latte sono antiossidanti che possono contribuire alle loro proprietà antipertensive.

Proteina del siero

I proteine del siero derivati da latte sono antiossidanti che possono contribuire alle loro proprietà antipertensive.6-8 inoltre contribuiscono a rilassamento del vaso sanguigno e “a rigidezza riduttrice.„9 la scoperta del professor Zhou che lo stato antiossidante direttamente colpisce la disponibilità dell'angiotensina più ulteriormente spiega come i proteine del siero possono combattere la pressione sanguigna elevata.5 studi umani dei prodotti lattiero-caseari ricchi di siero di latte o siero di latte-arricchiti dimostrano le riduzioni in modo convincente della pressione sanguigna rispetto ai pazienti caseina-completato o del placebo.9-11

Proteina del siero

Negli ultimi anni, gli scienziati hanno trovato che i proteine del siero esercitano l'enzima di conversione dell'angiotensina diretto di sostanza (ACE) - effetti inibitori.12-14 nello stomaco e nell'intestino umani, i proteine del siero ripartono nelle brevi catene molto specifiche dell'aminoacido (peptidi) che rende loro gli ACE-inibitore efficienti.15-19 le ricerche di laboratorio indicano coerente che la pressione sanguigna è ridotta in animali ipertesi dati i derivati del proteina del siero.20,21 che l'effetto è attribuito almeno in parte ad inibizione di ACE.21 l'effetto Ace-inibitorio sono sostanzialmente meno potenti che quelli dei farmaci da vendere su ricetta medica, ma qualche gente incontra gli effetti collaterali con quei farmaci.4,20 derivati del proteina del siero, al contrario, possono essere usati per i lungi periodi di tempo senza problemi significativi.Il lavoro recente 9 suggerisce che queste componenti attive del latte inoltre inibiscano il rilascio di altre molecole nave-restringentesi quale endothelin-1, offrente una seconda via per controllo di pressione sanguigna.22

Insieme, tutti questi risultati suggeriscono che i proteine del siero possano ridurre il rischio di malattia in relazione con l'ipertensione.4,23 ora esaminiamo altre sostanze nutrienti antipertensive naturali che possono collaborare con siero di latte per promuovere la vostra salute cardiovascolare.

Estratto e resveratroli del seme dell'uva

L'uva contiene molti composti biologicamente attivi, specialmente polifenoli multitargeted quale i resveratroli e proantocianidine, che sono associati con i miglioramenti nei fattori di rischio cardiovascolari.24

Gli estratti di seme dell'uva sono ricchi di composti utili. I loro costituenti includono gli antiossidanti che riducono gli indicatori dello sforzo ossidativo, quale la lipoproteina a bassa densità ossidata (LDL), che sono associati con aterosclerosi.25 che quegli effetti antiossidanti possono direttamente impedire o trattare le elevazioni nella pressione sanguigna in animali da laboratorio.26

Gli estratti di semi dell'uva funzionano agli obiettivi supplementari multipli per raggiungere i loro effetti benefici su pressione sanguigna. Combattono la formazione avanzata del prodotto finale di glycation (ETÀ),27 un punto iniziale nella produzione dell'infiammazione connessa con la malattia cardiovascolare ed il cancro.28 questo significano che gli estratti di semi dell'uva tengono la promessa non solo nell'impedire l'ipertensione, ma anche nel combattimento degli alcuni dei suoi effetti deleteri, quale danno del rene.29

Estratto e resveratroli del seme dell'uva

Gli effetti dell'estratto del seme dell'uva possono anche proteggere il cuore. In un modello sperimentale di attacco di cuore, il tessuto cardiaco dagli animali che avevano ricevuto l'estratto del seme dell'uva poteva meglio recuperare da mancanza di flusso sanguigno (ischemia), rispetto al tessuto del cuore degli animali che non hanno ricevuto l'estratto del seme dell'uva.30

I polifenoli del seme dell'uva possono anche ridurre l'sensibile-ipertensione del sale in un modello animale, che può più ulteriormente contribuire a spingere la pressione sanguigna nella gamma normale.31 per concludere, gli estratti di semi dell'uva sono stati indicati per indurre i miglioramenti conoscitivi in ratti ipertesi alterati.32

Tutti questi meccanismi contribuiscono a controllo ed al risultato di pressione sanguigna migliori nelle cadute clinicamente pertinenti vedute della pressione sanguigna negli studi umani.33 scoperte recenti circa i resveratroli, una componente principale degli estratti, la luce supplementare della tettoia sul loro meccanismo ed il loro potenziale.

Il resveratrolo è una delle molecole biologicamente attive più affascinanti conosciute a scienza. Ha una pletora di effetti benefici, agente a vari commutatori metabolici di chiave per promuovere la longevità e combattere la malattia cronica. Un antiossidante potente per diritto proprio, resveratroli inoltre migliora l'attività del complesso regolatore SIRT-1, che è associato con la durata prolungata in una miriade di modelli sperimentali.34-36 il resveratrolo inoltre inibisce le molecole di segnalazione espresse dalle cellule del vaso sanguigno che sono implicate nell'ipertensione.37 il polifenolo migliorano il modo che le cellule allineanti endoteliali vascolari reagiscono e che rispondono ai fattori che controllano la pressione sanguigna.34

La ricerca preliminare suggerisce che i resveratroli possano avere capacità Ace-inibitorie, aggiungenti al suo potenziale per il mantenimento della pressione sanguigna sana.38 ulteriormente, i resveratroli possono sopprimere alcuni degli effetti contrari di angiotensina II, quale la crescita eccessiva vascolare delle cellule di muscolo liscio (ipertrofia).39-43

In un modello animale, il resveratrolo inoltre è stato trovato per contribuire ad impedire l'ipertrofia cardiaca indotta da ipertensione.L'ipertrofia cardiaca cronica 44,45 può condurre a disfunzione e ad infarto cardiaci.I 46 effetti dell'angiotensina sono stati implicati in quel processo ed i resveratroli possono bloccare quegli effetti tramite la sua azione sulle vie multiple.45,47,48

Negli studi sugli animali, il resveratrolo riduce l'ipertensione polmonare, la pressione elevata in arterie dei polmoni che altera drammaticamente la qualità della vita nella gente con la malattia cardiaca cronica.49

Che cosa dovete conoscere: Ipertensione
  • Ipertensione
    L'ipertensione minaccia ogni anno milioni di Americani, malgrado i farmaci e le raccomandazioni circa la dieta e l'esercizio.
  • Gli antiossidanti lungamente sono stati conosciuti per assicurare la protezione contro ipertensione da vari meccanismi.
  • Alla fine del 2010, la ricerca del punto di riferimento ha rivelato che lo sforzo ossidativo direttamente aumenta la produzione dell'angiotensina pressione-aumentante dell'ormone del sangue potente. Questa scoperta presta la nuova urgenza alla ricerca per le terapie che possono ristabilire la funzione antiossidante normale.
  • Le sostanze nutrienti quali il proteina del siero e peptidi, l'estratto del seme dell'uva e gli estratti tutti del melograno hanno effetti antipertensivi superiori negli studi sugli animali umani e.
  • Tutte e tre le sostanze nutrienti ristabiliscono la funzione antiossidante e ciascuna inoltre combatte gli effetti micidiali dell'angiotensina sia riducendo la sua produzione che bloccando il suo impatto deleterio sui tessuti vulnerabili.

Melograno

Il melograno ha dimostrato i benefici per controllo cardiovascolare di pressione sanguigna e di salute.Un succo e gli estratti di 50 melograni sono ricchi di alcuni dei polifenoli più potenti della natura.51 che quelle molecole contribuiscono ad una riduzione dello sforzo ossidativo cellulare e che contribuiscono a ristabilire gli antiossidanti naturali agli efficaci valori. Come abbiamo visto, migliorando sforzo ossidativo in cellule, specialmente quelle del sistema vascolare, promessa di manifestazioni come efficaci mezzi di combattimento dell'ipertensione, perché limita la produzione di angiotensina.5

Come i proteine del siero e gli estratti di semi dell'uva, tuttavia, gli estratti del melograno inoltre direttamente inibiscono l'attività dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE), contribuente ad abbassare la pressione sanguigna.52 e come i resveratroli, gli estratti del melograno sono efficaci a bloccare alcuno del danneggiamento a valle indotto da angiotensina in tessuti vulnerabili dei cambiamenti ipertesi.53

Melograno

In ancora una terza linea di difesa, supplementi del melograno può aumentare i livelli dei complessi protettivi antiossidanti chiamati paraoxonases (PON).54 ponti sono componenti importanti della lipoproteina ad alta densità (HDL) ed ampiamente sono riconosciuti poichè fornendo gran parte del beneficio che vediamo da HDL.54,55

Un quarto viale del beneficio dagli estratti del melograno è il loro effetto sulla funzione della parete della nave. Il danno ossidativo lascia le navi vulnerabili a danno ai punti in cui la pressione sanguigna contrassegnato è aumentata dalla cosiddetta resistenza di taglio. Il succo del melograno attenua quel danno migliorando l'attività della sintasi endoteliale dell'ossido di azoto (eNOS), così mettendo a disposizione più ossido di azoto nave-dilatante .56

I benefici clinici del consumo del melograno sulla malattia cardiovascolare e sulla pressione sanguigna sono innegabili. Uno studio del punto di riferimento 2004 da Israele ha dimostrato che il consumo del succo del melograno per 3 anni ha ridotto lo spessore della parete dell'arteria carotica in pazienti con lo stringimento di quelle arterie.57 i carotidi sono il fornitore principale del sangue al cervello e l'ispessimento di quelle pareti è un precursore ai colpi devastanti. Che ispessirsi è stesso un risultato diretto dell'esposizione cronica a pressione sanguigna elevata come pure ai profili anormali del lipido. I pazienti nello studio israeliano hanno avvertito una media di rapporto di riproduzione di 12% della pressione sanguigna sistolica per la fine del primo anno.

Gli studi umani successivi hanno dimostrato i miglioramenti nel flusso sanguigno al cuore e nel cervello in pazienti con la malattia cardiovascolare, dopo il completamento del melograno.58,59 e la dilatazione flusso-mediata, una misura della capacità delle navi di rispondere ai cambiamenti di pressione, è migliorata dopo consumo di succo del melograno.60

Sforzo, ipertensione ed angiotensina dell'ossidante
Sforzo, ipertensione ed angiotensina dell'ossidante

Negli ultimi dieci anni, gli scienziati sono venuto a riconoscere l'importanza estrema dello sforzo ossidativo nella causa di ipertensione.61 di studi sugli animali, lo sforzo ossidativo aumenta la pressione sanguigna; se quello sforzo è corretto, la pressione sanguigna si normalizza.62 la causa di origine sono uno squilibrio fra produzione e l'eliminazione delle specie reattive dell'ossigeno (ROS), che gli inneschi danneggiamento dei tessuti il più direttamente in questione nel mantenimento di pressione sanguigna.63-65

Il rene ed i vasi sanguigni sono due tessuti dell'obiettivo primario di danno di ROS.64 entrambi sono compresi intimamente nel regolamento di flusso sanguigno e di pressione e sono stessi fonti ricche di ROS, che li rende particolarmente vulnerabili.Il danno di 64 ROS riduce la capacità dei vasi sanguigni di rilassarsi di fronte a flusso aumentato, che solleva la pressione sanguigna.61,65 ROS inoltre avviano le risposte infiammatorie all'interno di ed intorno alle navi che minacciano il flusso ed elevano la pressione.65,66 e cambiamento di ROS le caratteristiche di segnalazione delle cellule endoteliali vitali che sia allini le informazioni dei vasi sanguigni che del relè su pressione ad altre strutture nella nave.65 per concludere, il ROS nel cervello interrompe il sistema nervoso centrale che segnala, ulteriore pressione sanguigna d'elevamento.67

È nel rene che la furberia peggiore è fatta. Il rene è l'organo primario di controllo di pressione sanguigna, in gran parte attraverso una rete di segnalazione molecolare chiamata il sistema renina-angiotensina.

Quando il rene percepisce un calo nel flusso sanguigno, secerne un enzima chiamato renina. La renina a sua volta agisce su una molecola chiamata angiotensinogen, che è prodotto in tutto il corpo.68 colpi di forbici della renina fuori da una piccola parte della molecola di angiotensinogen, producendo una breve catena dell'aminoacido chiamata l'angiotensina I.5 un altro enzima, enzima di conversione dell'angiotensina (ACE), poi fa un colpo di forbici finale per produrre l'angiotensina attiva II. 5,68 che dell'ormonedel peptide l'angiotensina II è un restringitore potente dei vasi sanguigni, producendo un aumento immediato nella pressione sanguigna sopra il suo rilascio.68

Circa 30 anni fa di ricercatori ha sviluppato una categoria potente di droghe conosciute come gli ACE-inibitore. Queste droghe impediscono quella tappa finale in quale angiotensina I è convertito in angiotensina attiva II.5 le ha usate può contribuire correttamente ad abbassare la pressione sanguigna, sebbene inoltre portino il rischio sostanziale di effetti collaterali.4

Ma la maggior parte dei ACE-inibitore funzionano a soltanto un obiettivo molecolare, lasciante li inefficaci contro l'assalto violento dello sforzo ossidativo, che è uno stimolante potente di produzione dell'angiotensina. E, in un circolo vizioso, gli importi aumentati di angiotensina attiva più ulteriormente promuovono la produzione del ROS.65 che ha lasciato a ricerca dei ricercatori di ipertensione avido i mezzi alternativi di riduzione degli effetti indotti da stress ossidativi di angiotensina sui vasi sanguigni.

Riassunto

Le elevazioni di pressione sanguigna continuano a minacciare la nostra longevità e la nostra qualità della vita. Abbiamo saputo per anni che la gente con un'alta assunzione degli antiossidanti tende ad avere pressioni sanguigne più basse ed a soffrire più di meno dalla malattia cardiovascolare in generale. È soltanto negli ultimi dieci anni, tuttavia, che abbiamo cominciato a capire i sostegni biochimici di quell'effetto cardioprotective. Ora capiamo che lo sforzo ossidativo induca l'infiammazione in vasi sanguigni che altera la loro capacità di regolare sicuro la pressione sanguigna.

Alla fine del 2010 abbiamo imparato soltanto che uno stato di alto sforzo ossidativo induce l'angiotensina d'amplificazione dell'ormone del sangue a diventare più disponibile facilmente nel corpo. Quella scoperta ha provocato una tempesta di interesse in ricercatori che mirano a controllare la pressione sanguigna modificando lo sforzo ossidativo nel corpo. Fortunatamente, la prova scientifica solida abbonda per gli effetti protettivi di tre sostanze nutrienti. Il proteina del siero, gli estratti di semi dell'uva e gli estratti tutti del melograno funzionano ristabilendo i livelli antiossidanti sani. Abbiamo imparato che ciascuno inoltre impediscono sia l'attivazione di angiotensina che i suoi effetti distruttivi da una serie di meccanismi relativi ma complementari. Facendo uso di tutti e tre le ha insieme semplicemente significato come modo ottimizzare la vostra salute cardiovascolare.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Faccia che cosa prende per mantenere la pressione sanguigna ottimale 24 ore al giorno
Faccia che cosa prende per mantenere la pressione sanguigna ottimale 24 ore al giorno

Il prolungamento della vita lungamente ha sostenuto che i valori di pressione sanguigna ottimali su un periodo di 24 ore dovrebbero essere pari o al di sotto di 115/75 di mmHg per la maggior parte della gente.

Quando la pressione sanguigna è cronicamente sopra questo livello, o quando ascendente le punte nella pressione sanguigna si presentano durante determinati periodi del giorno, il rischio di lesione del rene e di malattia vascolare aumenta.

Mentre gli esseri umani invecchiano, la pressione sanguigna tende ad aumentare sopra le gamme ottimali, necessitanti spesso un approccio multimodale.

Facendo la sua controllare periodicamente pressione sanguigna in un ambulatorio può non riuscire ad individuare i periodi del giorno quando la pressione sanguigna può essere aumentata acutamente, come quando gli effetti di una droga di pressione sanguigna si logorano. La migliore difesa è un dispositivo domestico del monitoraggio di pressione sanguigna che è non quotato in borsa venduto in farmacie o può essere ordinato direttamente da prolungamento della vita.

Qualche gente richiede la pressione sanguigna che abbassa le droghe per raggiungere il controllo ottimale. Un farmaco generico chiamato losartan è prescritto spesso ad una dose cominciante di 50 mg una volta al giorno. Questa droga non fornisce sempre il controllo di pressione sanguigna di 24 ore, a volte necessitante due volte al giorno il dosaggio (fino a 50 mg due volte un il giorno).

Una droga più costosa chiamata Benicar® mostra coerente il migliore controllo di pressione sanguigna di 24 ore e solitamente è prescritta ad una dose cominciante di 20 mg una volta al giorno.

Un vantaggio a usando le sostanze nutrienti che contribuiscono a sostenere i livelli sani di pressione sanguigna è che la dose dei farmaci da vendere su ricetta medica può essere ridotta. Le sostanze nutrienti ed i cambiamenti di stile di vita (assunzione riduttrice di caloria/sodio e attività fisica aumentata) possono anche ridurre il dosaggio o avere bisogno di per le droghe ipotensive normative.

Qualsiasi intervento selezionate, l'ultimo obiettivo non è di superare un livello di pressione sanguigna di 115/75 a riposo durante tutta la giornata. Con un dispositivo domestico del monitoraggio di pressione sanguigna, potete controllare la vostra pressione sanguigna ad intervalli durante tutta la giornata assicurarti che qualsiasi programma che selezionate sta raggiungendo i risultati ottimali.

Riferimenti

1. Vasan RS. Il rischio residuo di vita per sviluppare l'ipertensione nel mezzo ha invecchiato le donne e gli uomini: lo studio di Framingham. JAMA. 2002; 287(8): 1003-10.

2. SIG. di Loizzo, Tundis R, Menichini F, Statti GA. Prodotti naturali ipotesi: stato attuale. Mini Rev Med Chem. 2008 luglio; 8(8): 828-55.

3. Moore J. Hypertension: cattura dell'uccisore silenzioso. Infermiere Pract. 2005 ottobre; 30(10): 16-8, 23-4, 26-7 passim; quiz 36-7.

4. FitzGerald RJ, SEDERE di Murray, Walsh DJ. Peptidi ipotesi dalle proteine del latte. J Nutr. 2004 aprile; 134(4): 980S-8S.

5. Zhou A, Carrell RW, mp di Murphy, et al. Un commutatore redox in angiotensinogen modula il rilascio dell'angiotensina. Natura. 4 novembre 2010; 468(7320): 108-11.

6. Chitapanarux T, Tienboon P, Pojchamarnwiputh S, Leelarungrayub D. Aperto identificato studio pilota del completamento ricco di cisteina dell'isolato del proteina del siero per i pazienti analcolici di steatohepatitis. J Gastroenterol Hepatol. 2009 giugno; 24(6): 1045-50.

7. Laviolette L, terre LC, Dauletbaev N, et al. effetto combinato del completamento dietetico con addestramento pressurizzato di esercizio e del siero di latte nella malattia polmonare ostruttiva cronica: un randomizzato, controllato, studio pilota della prova alla cieca. J Med Food. 2010 giugno; 13(3): 589-98.

8. Applicazioni di Marshall K. Therapeutic del proteina del siero. Altern Med Rev. 2004 giugno; 9(2): 136-56.

9. Effetti cronici dell'amico S, di Ellis V. The dei proteine del siero su pressione sanguigna, funzione vascolare ed indicatori infiammatori in individui di peso eccessivo. Obesità (Silver Spring). 2010 luglio; 18(7): 1354-9.

10. Kawase m., Hashimoto H, Hosoda m., Morita H, Hosono A. Effect dell'amministrazione del concentrato contenente latte fermentato del proteina del siero ai ratti ed agli uomini in buona salute sui lipidi e sulla pressione sanguigna del siero. Latteria Sci di J. 2000 febbraio; 83(2): 255-63.

11. Perni JJ, Keenan JM. Effetti dei peptidi del siero di latte sui fattori di rischio della malattia cardiovascolare. J Clin Hypertens (Greenwich). 2006 novembre; 8(11): 775-82.

12. Vermeirssen V, Van Camp J, Augustijns P, Verstraete W. Angiotensina-Io che converte i peptidi inibitori degli enzimi (ACE) è derivato dal pisello e dal proteina del siero. Biol di Fak Landbouwkd Toegep del signore di Meded Rijksuniv bagnata. 2002;67(4):27-30.

13. Manso mA, Lopez-Fandino R. Angiotensin I che converte attività enzima-inibitoria dei macropeptidi bovini, ovini e caprini della kappa-caseina e dei loro idrolizzati trittici. Alimento Prot di J. 2003 settembre; 66(9): 1686-92.

14. Vermeirssen V, Van Camp J, Devos L, Verstraete W. Release di attività inibitoria di conversione degli enzimi dell'angiotensina I (ACE) durante la digestione gastrointestinale in vitro: dall'esperimento in lotti al modello semicontinuo. Alimento chim. di J Agric. 10 settembre 2003; 51(19): 5680-7.

15. Abubakar A, Saito T, Kitazawa H, Kawai Y, l'analisi strutturale di Itoh T. di nuovi peptidi antipertensivi è derivato dal proteina del siero del formaggio tramite digestione della proteinasi K. Latteria Sci di J. 1998 dicembre; 81(12): 3131-8.

16. Pihlanto-Leppala A, Koskinen P, Piilola K, Tupasela T, proprietà inibitorie diconversione degli enzimi di Korhonen H. Angiotensin del proteina del siero digerisce: concentrazione e caratterizzazione di peptidi attivi. Ricerca della latteria di J. 2000 febbraio; 67(1): 53-64.

17. Ripeti meccanicamente la S, Degraeve la P, la curia la C, studio in vitro diMarziale-Gros A. su digestione dei peptidi in formaggio dell'emmental: valutazione ed influenza analitiche sui peptidi inibitori di conversione degli enzimi dell'angiotensina I. Nahrung. 2003 aprile; 47(2): 87-94.

18. Vermeirssen V, Van Camp J, Decroos K, Van Wijmelbeke L, Verstraete W. L'impatto di fermentazione e di digestione in vitro sulla formazione di attività inibitoria diconversione degli enzimi dal pisello e dal proteina del siero. Latteria Sci di J. 2003 febbraio; 86(2): 429-38.

19. Vermeirssen V, A di van der Bent, Van Camp J, van Amerongen A, Verstraete W. In silico un'analisi quantitativa calcola l'attività inibitoria di conversione degli enzimi dell'angiotensina I (ACE) in raccolte del proteina del siero e del pisello. Biochimie. 2004 marzo; 86(3): 231-9.

20. Yamamoto N, Maeno m., Takano T. Purification e la caratterizzazione di un peptide antipertensivo da un prodotto del tipo di yogurt hanno fermentato dal lactobacillus helveticus CPN4. Latteria Sci di J. 1999 luglio; 82(7): 1388-93.

21. EL della Costa, Almeida AR, Netto FM, Gontijo JA. Effetto del proteina del siero idrolizzato intraperitonealmente amministrato su pressione sanguigna e su sodio renale che trattano spontaneamente nei ratti ipertesi svegli. Braz J Med Biol Res. 2005 dicembre; 38(12): 1817-24.

22. Maes W, Van Camp J, Vermeirssen V, et al. influenza del lactokinin Ala-Leu-Pro-Incontrare-suo-Ile-Arg (ALPMHIR) sul rilascio di endothelin-1 dalle cellule endoteliali. Regul Pept. 15 aprile 2004; 118 (1-2): 105-9.

23. FitzGerald RJ, Meisel H. Milk proteina-ha derivato gli inibitori del peptide dell'enzima diconversione. Br J Nutr. 2000 novembre; 84 supplementi 1: S33-7.

24. Bertelli aa, Das dk. Uva, vini, resveratroli e salute del cuore. J Cardiovasc Pharmacol. 2009 dicembre; 54(6): 468-76.

25. Sano A, Uchida R, Saito m., et al. effetti benefici dell'estratto del seme dell'uva su LDL malondialdeide-modificato. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo). 2007 aprile; 53(2): 174-82.

26. Badavi m., Mehrgerdi FZ, Sarkaki A, Naseri Mk, Dianat M. Effect dell'estratto del seme dell'uva su cavo ha indotto l'ipertensione e la frequenza cardiaca in ratto. Biol Sci di Pak J. 15 marzo 2008; 11(6): 882-7.

27. Li X, Xiao Y, Gao H, et al. proantocianidine del seme dell'uva migliora la nefropatia diabetica via modulazione dei livelli di ETÀ, di COLLERA e di CTGF. Nefrone Exp Nephrol. 2009; 111(2): e31-41.

28. La E malata, Brehin la S, André P, et al. prodotti finiti avanzati di glycation (età) attiva i mastociti. Br J Pharmacol. 2010 settembre; 161(2): 442-55.

29. Li X, Xu L, Gao H, Li B, Cheng M. Effects degli estratti di proantocianidine del seme dell'uva sulle età e sull'espressione dell'osso protein-7 morfogenetico in ratti diabetici. J Nephrol. 2008 settembre-ottobre; 21(5): 722-33.

30. Pataki T, Bak I, Kovacs P, Bagchi D, Das dk, proantocianidine del seme di Tosaki A. Grape ha migliorato il recupero cardiaco durante la riperfusione dopo ischemia nei cuori isolati del ratto. J Clin Nutr. 2002 maggio; 75(5): 894-9.

31. Peng N, Clark JT, Prasain J, Kim H, CR bianco, Wyss JM. Effetti antipertensivi e conoscitivi dei polifenoli dell'uva in estrogeno-vuotato in, femmina, spontaneamente ratti ipertesi. Comp. Physiol di J Physiol Regul Integr. 2005 settembre; 289(3): R771-5.

32. Carlson S, Peng N, Prasain JK, Wyss JM. Effetti degli integratori alimentari botanici sulla funzione cardiovascolare, conoscitiva e metabolica in maschi ed in femmine. Med di Gend. 2008; 5 supplementi A: S76-90.

33. Sivaprakasapillai B, Edirisinghe I, Randolph J, Steinberg F, Kappagoda T. Effect dell'estratto del seme dell'uva su pressione sanguigna negli oggetti con la sindrome metabolica. Metabolismo. 2009 dicembre; 58(12): 1743-6.

34. Soylemez S, Sepici A, genere del completamento di Akar F. Resveratrol migliora indipendente la reattività endoteliale e sopprime la produzione del superossido in ratti sani. Cardiovasc droga Ther. 2009 dicembre; 23(6): 449-58.

35. Miyazaki R, Ichiki T, Hashimoto T, et al. SIRT1, un gene di longevità, espressione del ricevitore di tipo 1 dell'angiotensina II dei downregulates in cellule di muscolo liscio vascolari. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2008 luglio; 28(7): 1263-9.

36. Biala A, Tauriainen E, Siltanen A, et al. resveratrolo induce la biogenesi mitocondriale e migliora dal il ritocco cardiaco indotto Ii del ANG nei ratti transgenici che harboring i geni umani di angiotensinogen e della renina. Stampa del sangue. 2010 giugno; 19(3): 196-205.

37. Ruef J, Moser m., Kubler W, C. Induction preannunciato dell'espressione endothelin-1 dallo sforzo ossidativo in cellule di muscolo liscio vascolari. Cardiovasc Pathol. 2001 novembre-dicembre; 10(6): 311-5.

38. Melzig MF, Escher F. Induction dell'endopeptidasi neutra ed attività dell'enzima di conversione dell'angiotensina delle cellule di SK-N-SH in vitro da quercetina e dai resveratroli. Pharmazie. 2002 agosto; 57(8): 556-8.

39. Ug di Haider, Sorescu D, Griendling KK, Vollmar, Dirsch VM. Il resveratrolo sopprime l'angiotensina da Akt indotto Ii/chinasi proteica B e fosforilazione della chinasi di p70 S6 ed ipertrofia successiva in cellule di muscolo liscio aortiche del ratto. Mol Pharmacol. 2002 ottobre; 62(4): 772-7.

40. Chao HH, Juan SH, Liu JC, et al. resveratroli inibisce dall'l'espressione genica indotta Ii endothelin-1 dell'angiotensina e la proliferazione successiva in cellule di muscolo liscio aortiche del ratto. EUR J Pharmacol. 16 maggio 2005; 515 (1-3): 1-9.

41. L'ug di Haider, Roos TU, Kontaridis il MI, et al. resveratrolo inibisce delle angiotensine II ed epidermico attivazione di Akt fattore-mediata la crescita: ruolo di Gab1 e di Shp2. Mol Pharmacol. 2005 luglio; 68(1): 41-8.

42. Inanaga K, Ichiki T, Matsuura H, et al. resveratrolo attenua dall'l'espressione indotta Ii interleukin-6 dell'angiotensina e la fibrosi perivascolare. Ricerca di Hypertens. 2009 giugno; 32(6): 466-71.

43. Behbahani J, Thandapilly SJ, Louis XL, et al. resveratroli e piccola conformità dell'arteria e ritoccare nel ratto spontaneamente iperteso. J Hypertens. 29 luglio 2010.

44. Liu ZP, canzone Y, Liu ZQ, Zhang XP. Effetto preventivo dei trans-resveratroli dall'sull'ipertrofia cardiaca indotta da ipertensione in ratti parzialmente nephrectomized. Wei Sheng Yan Jiu. 2005 novembre; 34(6): 756-8.

45. Liu Z, canzone Y, Zhang X, et al. effetti dei trans-resveratroli dall'sull'ipertrofia cardiaca indotta da ipertensione facendo uso del modello parzialmente nephrectomized del ratto. Clin Exp Pharmacol Physiol. 2005 dicembre; 32(12): 1049-54.

46. Thandapilly SJ, Wojciechowski P, Behbahani J, et al. resveratrolo impedisce lo sviluppo dell'ipertrofia cardiaca patologica e della disfunzione contrattile nello SHR senza abbassare la pressione sanguigna. J Hypertens. 2010 febbraio; 23(2): 192-6.

47. Olson ER, Naugle JE, Zhang X, Bomser JA, Meszaros JG. Inibizione di proliferazione del fibroblasto e di differenziazione cardiache del myofibroblast dai resveratroli. Cuore Circ Physiol di J Physiol. 2005 marzo; 288(3): H1131-8.

48. TH di Cheng, Liu JC, Lin H, et al. effetto inibitorio dei resveratroli dall'sull'ipertrofia indotta Ii del cardiomyocyte dell'angiotensina. Arco Pharmacol di Naunyn Schmiedebergs. 2004 febbraio; 369(2): 239-44.

49. Csiszar A, Labinskyy N, Olson S, et al. resveratrolo impedisce dall'l'ipertensione polmonare indotta monocrotaline in ratti. Ipertensione. 2009 settembre; 54(3): 668-75.

50. Jurenka JS. Applicazioni terapeutiche del melograno (punica granatum L.): una rassegna. Altern Med Rev. 2008 giugno; 13(2): 128-44.

51. Basu A, succo di Penugonda K. Pomegranate: un succo di frutta cuore-sano. Rev. 2009 di Nutr gennaio; 67(1): 49-56.

52. Aviram m., consumo del succo di Dornfeld L. Pomegranate inibisce l'attività dell'enzima di conversione dell'angiotensina del siero e riduce la pressione sanguigna sistolica. Aterosclerosi. 2001 settembre; 158(1): 195-8.

53. Mohan m., Waghulde H, Kasture S. Effect del succo del melograno da su ipertensione indotta Ii dell'angiotensina nei ratti diabetici di Wistar. Ricerca di Phytother. 2010 giugno; 24 supplementi 2: S196-203.

54. Rosenblat m., Draganov D, CE di Watson, CL di Bisgaier, La Du BN, attività di paraoxonase 2 del macrofago di Aviram M. Mouse è aumentato mentre l'attività cellulare di paraoxonase 3 è diminuita nell'ambito dello sforzo ossidativo. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1° marzo 2003; 23(3): 468-74.

55. Rosenblat m., ruolo di Aviram M. Paraoxonases nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Biofactors. 2009 gennaio-febbraio; 35(1): 98-104.

56. de Nigris F, Balestrieri ml, Williams-Ignarro S, et al. L'influenza dell'estratto della frutta del melograno rispetto al succo del melograno ed olio di semi regolare su ossido di azoto e funzione arteriosa nei ratti obesi di Zucker. Ossido di azoto. 2007 agosto; 17(1): 50-4.

57. Aviram m., Rosenblat m., Gaitini D, et al. consumo del succo del melograno per 3 anni dai pazienti con stenosi dell'arteria carotica riduce lo spessore di intima-media di carotide comune, la pressione sanguigna e l'ossidazione di LDL. Clin Nutr. 2004 giugno; 23(3): 423-33.

58. MD di Sumner, Elliott-Eller m., Weidner G, et al. effetti del consumo del succo del melograno su aspersione del miocardio in pazienti con la coronaropatia. J Cardiol. 15 settembre 2005; 96(6): 810-4.

59. Ghosh D, azione di Scheepens A. Vascular dei polifenoli. Mol Nutr Food Res. 2009 marzo; 53(3): 322-31.

60. Effetti a lungo termine di Hashemi m., di Kelishadi R, di Hashemipour m., et al. acuto e del consumo del succo del melograno e di uva su reattività vascolare nella sindrome metabolica pediatrica. Giovani di Cardiol. 2010 febbraio; 20(1): 73-7.

61. DG di Harrison, Gongora MC. Sforzo ed ipertensione ossidativi. Med Clin North Am. 2009 maggio; 93(3): 621-35.

62. CS di Wilcox. Carenza ossidativa dell'ossido di azoto e di sforzo nel rene: un collegamento critico ad ipertensione? Comp. Physiol di J Physiol Regul Integr. 2005 ottobre; 289(4): R913-35.

63. Hubel CA. Sforzo ossidativo nella patogenesi di preeclampsia. Med di biol di Proc Soc Exp. 1999 dicembre; 222(3): 222-35.

64. RM di Touyz. Specie reattive dell'ossigeno, sforzo ossidativo vascolare e segnalazione redox nell'ipertensione: che cosa è il significato clinico? Ipertensione. 2004 settembre; 44(3): 248-52.

65. Escobales N, Crespo MJ. Sforzo ossidativo-nitrosative nell'ipertensione. Curr Vasc Pharmacol. 2005 luglio; 3(3): 231-46.

66. Paravicini TM, RM di Touyz. Ossidasi di NADPH, specie reattive dell'ossigeno ed ipertensione: implicazioni cliniche e possibilità terapeutiche. Cura del diabete. 2008 febbraio; 31 supplemento 2: S170-80.

67. JUNIOR di Peterson, Sharma rv, Davisson RL. Specie reattive dell'ossigeno nel neuropathogenesis di ipertensione. Rappresentante di Curr Hypertens. 2006 giugno; 8(3): 232-41.

68. Morgan L, Pipkin F, Kalsheker N. Angiotensinogen di Broughton: biologia molecolare, biochimica e fisiologia. Cellula Biol. di biochimica di Int J. 1996 novembre; 28(11): 1211-22.