Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista novembre 2011
Rapporto

Il resveratrolo attuale combatte l'invecchiamento della pelle

Da Robert Goldfaden e da Gary GolDfaden, MD
Il resveratrolo attuale combatte l'invecchiamento della pelle

Gli anni di studio clinico hanno indicato che resveratroli, una volta preso oralmente, può amplificare la durata sana attivando “i geni di longevità.„

Che cosa può sorprendersi state montando i dati scientifici che suggerite che i resveratroli attuali possano assicurare la protezione significativa contro pelle che invecchia pure.

I ricercatori della dermatologia hanno trovato che il resveratrolo attuale possiede la maggior potenza antiossidante 17-fold che il idebenone, un costoso e la droga antiossidante potente utilizzata in determinata anti-grinza screma.

In questo articolo, gli esperti Robert Goldfaden nella dermatologia e Gary Goldfaden, MD, forniscono ai lettori di Extension® di vita i dati più recenti sul resveratrolo attuale che ringiovanisce, effetti protettivi sulla pelle.

Interesse d'intensificazione in resveratroli per protezione di pelle

In natura, il resveratrolo funziona come componente dell'arsenale difensivo di una pianta. Il resveratrolo è una sostanza antimicrobica prodotta dalle piante in risposta allo sforzo, all'infezione, o alla forte radiazione UV. Negli ultimi anni, il resveratrolo in particolare si è trasformato nell'argomento di di interesse intenso dovuto le sue proprietà antiossidanti ed antinvecchiamento potenti.

Sembra che il resveratrolo eserciti i suoi effetti antiossidanti potenti su due livelli distinti: (1) pulendo i radicali liberi esistenti e (2) impedendo la loro formazione.

L'abilità antiossidante dei resveratroli è conosciuta per essere sia potente che efficiente. Infatti, è stato indicato per essere maggior di quello delle vitamine E e C. Uno studio ha dimostrato che il resveratrolo era 95% efficiente ad impedire la perossidazione lipidica, confrontata a 65% per la vitamina E e a 37% per vitamina C.1

I benefici degli estratti del tè per salute della pelle

In uno studio recente, la forza antiossidante dei resveratroli di 1% è stata confrontata a quella del idebenone di 1%. Idebenone è un antiossidante farmaceutico potente. I suoi benefici includono la protezione della pelle da danno ambientale, il miglioramento dell'aspetto delle linee sottili e delle grinze, la riduzione della siccità ed il lisciamento della struttura della pelle. I risultati dello studio hanno rivelato che i resveratroli hanno avuti una maggior capacità antiossidante sbalorditiva 17-fold che il idebenone!1

L'applicazione topica dei resveratroli proteggere da danno UVB-mediato della pelle come pure inibire dallo lo sforzo ossidativo indotto UVB è stata osservata in una serie di studi supplementari.2-4 inoltre è stato indicato per impedire il danno di UVA e la proliferazione cellulare anormale.5

Il resveratrolo può inoltre formare le molecole solubili e complesse con determinati ioni del metallo, inattivanti gli ioni in modo da non possono produrre la formazione di radicali liberi. Questa azione, congiuntamente alla sua capacità antiossidante potente, rende i resveratroli altamente efficaci nel combattimento dell'effetto offensivo dei radicali che liberi quella conduce per pelare l'invecchiamento. Il resveratrolo inoltre è riferito per stimolare la proliferazione delle cellule come pure la sintesi sane del collagene proteggendo la matrice cutanea dagli enzimi nocivi e migliorando la funzione dei fibroblasti che creano il collagene sano.6

I benefici degli estratti del tè per salute della pelle

Gli studi scientifici hanno indicato che i polifenoli in estratti del tè sono altamente efficaci a ridurre l'infiammazione e lo sforzo ossidativo che possono distruggere la salute delle vostre cellule epiteliali.7-9 il tè contiene le catechine, un gruppo molto potente di antiossidanti solubili in acqua del polifenolo che sono ossidati facilmente. Il tè verde, che è fabbricato dalle foglie di tè fresche e non fermentate in cui l'ossidazione è minima, ha catechine presenti in quantità significativa.

Il gallato di Epigallocatechin o EGCG compone la massa del contenuto totale della catechina in tè verde (circa 10-50%) ed è il più potente di tutte le catechine, con una capacità antiossidante approssimativamente 25-100 cronometra più potente di quello delle vitamine la C ed il E.10 la forza protettiva di questo antiossidante potente può salvaguardare la vostra pelle dalle devastazioni dell'esposizione UV e del danno del DNA.11 EGCG inoltre è stato indicato per contribuire a mantenere o migliorare la salute della pelle migliorando l'attuabilità dei fibroblasti della pelle.12 inoltre, l'estratto del tè verde migliora l'attività del superossido dismutasi degli enzimi, che gli aiuti estiguono i radicali in eccesso del superossido ed altre specie reattive dell'ossigeno che conducono ad invecchiamento prematuro.13 questo beneficio sono naturalmente importanti agli adulti anziani di cui la pelle perde gradualmente la sua capacità di produrre le quantità sufficienti di ZOLLA per neutralizzare adeguatamente l'attacco del radicale libero.

Che cosa dovete conoscere: Resveratroli attuali e l'altro invecchiamento della pelle di combattimento dei polifenoli
  • L'aspetto giovanile della pelle deteriora col passare del tempo dovuto i fattori intrinsechi quale lo sforzo ossidativo ed i fattori estrinseci come l'esposizione ultravioletta, fumando ed inquinamento atmosferico.
  • In circostanze ideali, il corpo usa il suo proprio rifornimento degli antiossidanti per difendersi contro i radicali liberi che colpiscono l'aspetto della pelle. Questi antiossidanti intrinsechi possono essere vuotati da invecchiamento cronologico come pure tramite l'esposizione della luce UV.
  • Il potere antinvecchiamento del resveratrolo è stato affermato nella forma orale di supplemento.
  • Un corpo crescente dei resveratroli di manifestazioni di prova può rallentare l'invecchiamento della pelle una volta applicato attuale.
  • La ricerca recente lo rivela ha attività antiossidante maggior 17 volte che il idebenone, un antiossidante farmaceutico potente utilizzato in anti-grinza screma.
  • I polifenoli supplementari trovati nel tè bianco, del tè verde ed in tè nero e negli estratti di linearis del Aspalathus dell'erba, sono stati indicati ad invecchiamento della pelle di combattimento via le vie multiple.

Il tè bianco, che è fatto dai germogli e dalle giovani foglie della pianta di tè, è cotto a vapore o infornato per inattivare l'ossidasi di polifenolo e poi è asciugato. Di conseguenza, a causa della sua ossidazione minima, il tè bianco inoltre conserva molto un'alta concentrazione di polifenoli.14

Resveratroli attuali e l'altro invecchiamento della pelle di combattimento dei polifenoli

Il processo utilizzato nella fabbricazione di tè nero massimizza intenzionalmente l'interazione fra le catechine e l'ossidasi di polifenolo. Poiché il tè nero è permesso completamente ossidarsi prima dell'essiccamento, è generalmente ricco in thearubigins e teaflavine, ma relativamente in basso di catechine monomeriche quale EGCG che forniscono il maggior potenziale antiossidante.14

Oltre alla loro attività potente del polifenolo, gli estratti del tè inoltre possiedono l'attività 15della vitamina C che aiuta nella formazione di nuovo collagene,16,17 che migliora sia l'incarnato che la struttura. L'attività della vitamina C di tè inoltre aumenta le capacità libere potenti di radicale-combattimento della vitamina la E18 e gli aiuti promuovono la pelle più leggera e più luminosa.19 l'abilità d'estinzione libera eccezionale degli estratti attuali del tè combinati con i loro molti altri benefici nel ricambio degli effetti normali di invecchiamento rendono loro gli ingredienti altamente desiderabili in tutto il regime di cura di pelle.

Il tè rosso in particolare possiede la capacità antiossidante impressionante.20 a differenza di verde, i tè neri e e bianchi, tuttavia, che vengono dalle foglie del camellia sinensis, tè rosso non è un tè vero. Il tè rosso (o rooibos) è fatto dalle foglie ossidate e secche del Aspalathus che i linearis piantano che si sviluppa soltanto in un punto sulla regione montana di Cederberg della terra- di Sudafrica nella provincia della Provincia del Capo Occidentale. Questa erba unica è stata usata dai boscimani khoisan indigeni come rimedio naturale per curare tutte le specie di disturbi che variano dalla colica infantile ad asma.

Il tè rosso contiene molti polifenoli bioactive differenti. Fra questi sono il aspalathin e il nothofagin, che appartengono ad una classe unica di flavonoidi chiamati diidrocalconi che si presentano molto raramente in piante. Infatti, il tè rosso è la sola fonte naturale conosciuta per aspalathin. Unico in termini di loro struttura chimica, aspalathin e nothofagin sia responsabile in primo luogo per il potere antiossidante impressionante del tè rosso.20 Aspalathin in particolare hanno dimostrato un'attività antiossidante ancora maggior che il gallato del epigallocatechin (EGCG) in tè verde.21 sebbene il potenziale libero di radicale-combattimento di nothofagin sia impressionante, non è abbastanza potente un antiossidante quanto il aspalathin.21

Chrysoeriol

Chrysoeriol è un altro polifenolo importante nell'erba di rooibos. Questo composto è conosciuto per la sua capacità antiossidante potente come pure le sue proprietà antinfiammatorie ed antimicrobiche.22 Chrysoeriol sono stati indicati per essere un efficace inibitore del metalloprotein della matrice che danneggia il collagene e l'elastina e l'invecchiamento prematuro della pelle di causa.23

La rutina, anche trovata in tè rosso,24 ha forti proprietà antiossidanti pure.25 conosciuto come vitamina P1, la rutina ha la capacità di chelatare gli ioni del metallo quale ferro, rendente la altamente efficace a limitare la reazione di Fenton che produce i radicali liberi pelle-offensivi.La rutina 26 inoltre sembra stabilizzare ed intensificare l'attività di vitamina C, che è vitale a produzione sana del collagene. Questi ed altri polifenoli antiossidanti in tè rosso quali quercetina, luteolina e il orientin rendono a rooibos un ingrediente unicamente potente di cura di pelle che combatte l'invecchiamento a molti livelli.24

Riassunto

Mentre il potere antinvecchiamento del resveratrolo è stato stabilito saldamente una volta preso oralmente, un corpo crescente delle manifestazioni di prova può rallentare l'invecchiamento della pelle una volta applicato attuale. La ricerca recente lo rivela ha attività antiossidante maggior 17 volte che il idebenone, un antiossidante farmaceutico potente utilizzato in anti-grinza screma. Una volta attuale applicati, i polifenoli dal tè bianco, del tè verde e dagli estratti del tè nero inoltre offrono una ricchezza dei benefici per la pelle. Il tè rosso dalla pianta di linearis del Aspalathus (rooibos) del Sudafrica offre ulteriore contributo attuale a pelle giovanile e sana.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a
1-866-864-3027.

Polifenoli: La risposta della natura all'assalto violento del radicale libero
Polifenoli: La risposta della natura all'assalto violento del radicale libero

Un'abbondanza di studi indica che i radicali liberi possono provocare la distruzione sulle varie strutture cellulari, quali il vostri DNA, proteine e membrane cellulari. Virtualmente affatto il composto nel vostro corpo che contiene una molecola dell'ossigeno, quale il perossido di idrogeno, può avviare la produzione del radicale libero. Questo processo distruttivo accade ogni giorno circa 10.000 volte, in ciascuno dei trilioni delle cellule nel vostro corpo.27

Nella vostra pelle, il danno del radicale libero infine conduce alla ripartizione delle fibre del collagene, con conseguente grinze fini ed aspetto sciolto e cascante.

In circostanze ideali, la vostra pelle usa il suo proprio rifornimento naturale degli antiossidanti enzimatici e non enzimatici per difendersi contro gli attacchi del radicale libero.28 è ben noto che l'esposizione a luce UV vuota gli antiossidanti naturali come, naturalmente, fa l'invecchiamento cronologico.29,30 senza protezione antiossidante adeguata, i radicali liberi generati dal vostro ente finalmente sopraffanno la vostra pelle, con conseguente invecchiamento prematuro.

L'applicazione topica degli antiossidanti, compreso i polifenoli, scientifico è stata indicata per assicurare la protezione da da danno indotto da Sun, rallenta l'invecchiamento della pelle, riduce l'infiammazione ed infine migliora l'aspetto della pelle.31-33

I polifenoli sono un gruppo dinamico di circa 8.000 composti organici che ampiamente si distribuiscono nel regno vegetale. Gli antiossidanti del polifenolo hanno la capacità di neutralizzare le specie reattive dell'ossigeno quali il peroxyl, l'idrossile ed i radicali del superossido donando uno dei loro elettroni, così stabilizzando la molecola e rompendo la catena ossidativa. Inoltre, alcuni antiossidanti del polifenolo sembrano essere capaci di colpire la segnalazione della cellula--cellula, la sensibilità del ricevitore, attività enzimatica infiammatoria ed il regolamento del gene, che li dà ha aggiunto liberamente l'radicale-estinzione dell'abilità.34-36

Riferimenti

1. Baxter RA. Proprietà antinvecchiamento dei resveratroli: rassegna e rapporto di nuova formulazione antiossidante potente di cura di pelle. J Cosmet Dermatol. 2008 marzo; 7(1): 2-7.

2. Aziz MH, Afaq F, Ahmad N. Prevention di danno da radiazione ultravioletto-b dai resveratroli nella pelle del topo è mediato via modulazione in survivin. Photochem Photobiol. 2005 gennaio-febbraio; 81(1):25-31.

3. Afaq F, antiossidanti di Mukhtar H. Botanical nella prevenzione del photocarcinogenesis e di photoaging. Exp Dermatol. 2006 settembre; 15(9):678–84.

4. Adhami VM, Afaq F, Ahmad N. Suppression della B ultravioletta esposizione-ha mediato l'attivazione del N-F-kappaB nei keratinocytes umani normali dai resveratroli. Neoplasia. 2003 gennaio-febbraio; 5(1): 74-82.

5. Chen ml, Li J, Xiao WR, et al. effetto protettivo dei resveratroli contro danno ossidativo di UVA ha irradiato le cellule di HaCaT. Divieto di Jhong Nan Da Xue Xue Bao Yi. 2006 ottobre; 31(5):635–9.

6. Disponibile a: http://www.everypatent.com/comp/pat6147121.html. 2 agosto 2011 raggiunto.

7. McKay DL, Blumberg JB. Una rassegna della bioattività delle tisane sudafricane: rooibos (linearis del Aspalathus) e honeybush (intermedia di Cyclopia). Ricerca di Phytother. 2007 gennaio; 21(1): 1-16.

8. Ojo OO, Ladeji O, sig.ra di Nadro. Studi sugli effetti antiossidanti degli estratti del tè verde e nero (camellia sinensis) in ratti. J Med Food. 2007 giugno; 10(2): 345-9.

9. Gawlik m., Czajka A. L'effetto di tè verde e in bianco e nero sul livello tocoferoli di gamma e di alfa in radicale libero ha indotto il danno ossidativo dei globuli rossi umani. Acta Pol Pharm. 2007 marzo-aprile; 64(2): 159-64.

10. PS di Pillai, LA di Mitscher, SR di Menon, Pillai CA, Shankel dm. Attività antimutagena/antiossidante delle componenti del tè verde e dei composti riferiti. J circonda Pathol Toxicol Oncol. 1999;18(3):147-58.

11. Katiyar SK. Fotoprotezione della pelle da tè verde: effetti antiossidanti e immunomodulatori. La droga di Curr mira a Endocr immune Metabol Disord. 2003 settembre; 3(3): 234-42.

12. L'attuabilità di Borawska MH, di Czechowska SK, di Markiewicz R, di Hayirli A, di Olszewska E, di Sahin K. Cell del fibroblasto umano normale della pelle ed i fibroblasti sono derivato dal tessuto di granulazione: effetti dei nutraceuticals. J Med Food. 2009 aprile; 12(2):429-34.

13. Li YM, Chan HY, Huang Y, Chen ZY. Le catechine del tè verde aumentano il superossido dismutasi e la catalasi in mosche della frutta. Mol Nutr Food Res. 2007 maggio; 51(5): 546-54.

14. Disponibile a: http://lpi.oregonstate.edu/f-w02/tea.html. 5 agosto 2011 raggiunto.

15. du Toit R, Volsteedt Y, Apostolides Z. Comparison del contenuto antiossidante della frutta, delle verdure e dei tè misurati come equivalenti della vitamina C. Tossicologia. 14 settembre 2001; 166 (1-2): 63-9.

16. Il Wha Kim S, Lee IW, Cho HJ, et al. fibroblasti ed ascorbato regola il epidermalization in epidermide umana ricostruita. J Dermatol Sci. 2002 dicembre; 30(3): 215-23.

17. Bell E, Rosenberg m., Kemp P, et al. ricette per la ricostituzione della pelle. J Biomech Ing. 1991 maggio; 113(2): 113-9.

18. Chepda T, Cadau m., Lassabliere F, et al. sinergia fra l'ascorbato e alfa-tocoferolo sui fibroblasti nella cultura. Vita Sci. 24 agosto 2001; 69(14): 1587-96.

19. Draelos ZD. Preparazioni di alleggerimento della pelle e la controversia dell'idrochinone. Dermatol Ther. 2007 settembre-ottobre; 20(5): 308-13.

20. McKay DL, Blumberg JB. Una rassegna della bioattività delle tisane sudafricane: rooibos (linearis del Aspalathus) e honeybush (intermedia di Cyclopia). Ricerca di Phytother. 2007 gennaio; 21(1): 1-16.

21. Snijman PW, Joubert E, Ferreira D, et al. attività antiossidante dei diidrocalconi Aspalathin e Nothofagin ed i loro flavoni corrispondenti relativamente ad altri flavonoidi di Rooibos (linearis del Aspalathus), gallato del epigallocatechin e trolox. Alimento chim. di J Agric. 12 agosto 2009; 57(15): 6678-84.

22. Mishra B, Priyadarsini KI, ms di Kumar, Unnikrishnan Mk, Mohan H. Effect di O-glycosilation sull'attività antiossidante e sulle reazioni radicali libere di un flavonoide della pianta, chrysoeriol. Bioorg Med Chem. 3 luglio 2003; 11(13): 2677-85.

23. Jin Hui Kim, giovane Ho Cho, Sung Min Park, et al. antiossidanti ed inibitore dell'espressione della matrice metalloproteinase-1 dalle foglie della ricerca di L. Arch Pharm del porticciolo dello Zostera. 2004;27(2):177-83.

24. Disponibile a: http://www.phytochemicals.info/plants/rooibos.php. 5 agosto 2011 raggiunto.

25. Metodiewa D, Kochman A, Karolczak S. Evidence per le proprietà antiradical ed antiossidanti di quattro N biologicamente attiva, N-dietilamminoetil- eteri delle ossime di flavaone: Un confronto con azione flavonoide polifenolica naturale della rutina. Vita di IUBMB. 1997;41(5):1067–75.

26. Dorozhko AI, Brodskiĭ avoirdupois, Afanas'ev IB. Chelatazione ed effetto antiradical di rutina durante la perossidazione dei lipidi dai microsomi e dai liposomi. Biokhimiia. 1988 ottobre; 53(10): 1660-6. 27.

27. Disponibile a: http://www.antioxidants-for-health-and-longevity.com/how-do-antioxidants-work.html. 26 luglio 2011 raggiunto.

28. Shindo Y, Witt E, Han D, Epstein W, imballatore L. Enzymic ed antiossidanti non enzimatici in epidermide ed in derma di pelle umana. J investe Dermatol. 1994 gennaio; 102(1): 122-4.

29. Fuchs J, Huflejt ME, Rothfuss LM, Wilson DS, Carcamo G, imballatore L. Impairment di 6 enzimatici ed antiossidanti non enzimatici in pelle da irradiamento di UVB. J investe Dermatol. 1989 dicembre; 93(6):769-73.

30. KB di Beckman, BN di Ames. La teoria del radicale libero di invecchiamento matura. Rev. 1998 di Physiol aprile; 78(2):547-81.

31. Darr D, Dunston S, Faust H, Pinnell S. Effectiveness degli antiossidanti (vitamina C ed E) con e senza le protezioni solari come photoprotectants attuali. Acta Derm Venereol. 1996 luglio; 76(4): 264-8.

32. Chiu A, Kimball ab. Ingredienti minerali e botanici attuali delle vitamine, come modulatori di danno ambientale e cronologico della pelle. Br J Dermatol. 2003 ottobre; 149(4): 681-91.

33. SR di Pinnell. Photodamage cutaneo, sforzo ossidativo e protezione antiossidante attuale. J Acad Dermatol. 2003 gennaio: 48(1): 1-19; quiz 20-2.

34. Virgili F, Marino M. Regulation dei segnali cellulari dalle molecole nutrizionali: un ruolo specifico per i phytochemicals, oltre attività antiossidante. Med libero di biol di Radic. 2008 novembre; 45(9): 1205-16.

35. Potapovich AI, Lulli D, Fidanza P, et al. polifenoli della pianta differenziale modula le risposte infiammatorie dei keratinocytes umani interferendo con l'attivazione dei fattori di trascrizione NFkB e della via di EGFR-ERK e di AhR. Toxicol Appl Pharmacol. 12 luglio 2011.

36. Chalopin m., Tesse A, Martínez MC, Rognan D, Arnal JF, alfa del ricevitore di Andriantsitohaina R. Estrogen come obbiettivo chiave di azione dei polifenoli del vino rosso sull'endotelio. PLoS uno. 1° gennaio 2010; 5(1): e8554.