Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista ottobre 2011
Rapporto

Metodi novelli per curare tossicodipendenza

Da Mark Joslin

Approach di Dott. Sponaugle alla diagnosi ed al trattamento

Approach di Dott. Sponaugle alla diagnosi ed al trattamento

L'approccio unico del Dott. Sponaugle mette a fuoco sulla determinazione dei modelli anormali di chimica del cervello e poi sulla rettifica loro. Per valutare correttamente i disordini biochimici e medici che possono distorcere la chimica del cervello e causare le varie edizioni di ansia e di dipendenza, Sponaugle conduce un'analisi completa di più di 65 prodotti chimici del cervello, degli ormoni, degli enzimi, delle tossine, degli aminoacidi, dei biomarcatori contagiosi e delle vitamine con prova di urina e del sangue.

Questa estesa valutazione permette che Sponaugle determini le cause di origine dei comportamenti inducenti al vizio di ogni individuo. In molti casi, le possibilità dell'esposizione alla muffa e le tossine di industriale inoltre sono valutate.

Il Dott. Sponaugle è critico dei programmi di trattamento convenzionali di dipendenza, notando quello la maggior parte del fuoco soltanto su uno o due aspetto di tossicodipendenza.

Invece, Sponaugle usa una combinazione di trattamenti che si riferisce a come disintossicazione nutrizionale e rapida. La disintossicazione nutrizionale di Sponaugle fornisce sicuro gli aminoacidi, le vitamine ed i minerali endovenosi agli squilibri biochimici del rimedio.

Il Dott. Sponaugle ha attinto il suo esteso addestramento di terapia intensiva e dell'anestesia per sviluppare il suo protocollo rapido della disintossicazione. In questa fase, amministra la sedazione del dispositivo di venipunzione (iv) ed altri farmaci che aiutano i sintomi del blocco o smussati di ritiro fisico. Questi sintomi sono collegati tipicamente con i livelli elevati “di ormoni di volo o di lotta„ come l'adrenalina che producono l'ansia, l'agitazione, le palpitazioni ed il jitteriness. Quelle sensibilità sgradevoli, lasciate non rivedute, fanno la disintossicazione sperimentare così scomodo che molte persone dedite preferiscono la dipendenza stessa.

Il Dott. Sponaugle personalizza il suo protocollo ad ogni paziente, che lo aiuta ad evitare c'è ne degli effetti dell'impulso in relazione con il ritiro dell'adrenalina. La sue valutazione ed equilibratura continuate dei livelli del neurotrasmettitore e dell'ormone a media o a lunga scadenza permette al processo di recupero dei suoi pazienti di essere più efficace.

Uno sguardo a Casebook di Dott. Sponaugle

Due casi da esperienza clinica del Dott. Sponaugle serviscono ad illustrare il suo approccio.

Jennifer

Jennifer era un infermiere di 54 anni che ha cominciato a bere un gran numero di vino all'età 50 (precedentemente era stata un bevitore sociale leggero soltanto). Sull'arrivo alla clinica del Dott. Sponaugle, era ritornato appena a partire 28 da un giorno, il soggiorno $46.000 ad un centro del trattamento in Arizona, ricadente gli appena quattro giorni dopo la restituzione della casa.

La scansione del cervello di Jennifer ha rivelato entrambe le aree di attività bassa della dopamina (fori della dopamina in sua corteccia prefrontale) e di una regione limbica profonda iperattiva collegata con la carenza della taurina e della serotonina. La sua scansione del cervello rivelatrice ha generalizzato l'iperattività, probabilmente dovuto istamina elevata dalla sua sindrome colante dell'intestino. La sua prova urinaria del neurotrasmettitore ha rivelato i bassi livelli della taurina e della serotonina e un livello contrassegnato elevato dell'istamina, dimostrante vivo gli squilibri chimici del cervello connessi con l'eccessivo consumo del vino.

La complicazione della sua carenza in relazione con l'alcool della serotonina era livelli della menopausa dell'estradiolo di Jennifer bassi, rendenti il suo cervello resistente a che serotonina ha prodotto. Il centro del trattamento dell'Arizona la aveva iniziata sull'serotonina-amplificazione del farmaco di SSRI (inibitore selettivo di ricaptazione della serotonina) [Lexapro®], ma non ha avuto effetto sui suoi ricevitori serotonina-resistenti della menopausa.

Il risultato netto, dice il Dott. Sponaugle, era un sistema limbico iperattivo creante un battito costante della depressione e dell'ansia. È appena sorprendente che senza ulteriore trattamento, Jennifer ha ricorso rapidamente ad automedicazione con la sua droga della scelta: alcool.

Jennifer è stata iniziata sui supplementi di alta qualità compreso 5 il hydroxytryptophan (5-HTP), permettendo che il suo cervello cominci a preparare più serotonina. Inoltre è stata data la sostituzione appropriata di estradiolo per ristabilire i suoi ricevitori della serotonina alla loro sensibilità normale. Ha usato una formula didisintossicazione, i probiotici e una combinazione di L-glutamina, di gamma-oryzanol e di erbe lenitive per contribuire a guarire il suo intestino.

Jennifer è stata senza alcool per più di 15 mesi ed esperienze assolutamente nessun bisogno per l'alcool. Jennifer descrive il suo proprio progresso come “stupendo.„

La nota del redattore: Gli individui che prendono le droghe selettive dell'inibitore di ricaptazione della serotonina quale Lexapro® non dovrebbero prendere 5-HTP.

Susan

Susan era una donna di 21 anni che è venuto alla clinica del Dott. Sponaugle con sua madre. Susan stava bevendo due litri di vodka mentre consumava 1.000 mg di OxyContin® (uno stupefacente) e 20 mg di quotidiano di Xanax® (una droga ansiolitica). I problemi di Susan avevano cominciato all'età 12, cui da tempo aveva assistito ad otto programmi di riabilitazione della droga ad un costo di $240.000.

Susan aveva cominciato attaccando il bar dei suoi genitori “per calmare il suo cervello ansioso.„ Il Dott. Sponaugle ha imparato che Susan non aveva avvertito le edizioni di ansia prima dell'età 12, che era inoltre, significativamente, l'età in cui ha cominciato ad avere suoi periodi, che erano sempre più lunghi e più pesanti di quelli dei suoi pari.

Sponaugle ha riconosciuto in Susan la presentazione classica della carenza del progesterone. Le sue ovaie stavano producendo i livelli normali di estrogeno incontrastati da progesterone, una situazione conosciuta per provocare l'ansia migliorata.35,36 il suo relativamente alto estrogeno livellano la produzione anche amplificata della dopamina, ulteriore aggiunta all'iperattività nelle regioni producenti ansia del cervello di Susan.37

Come Jennifer, poi, Susan ha cominciato bevendo la droga che calmante più disponibile facilmente potrebbe trovare: alcool. Il suo consumo dell'alcool contribuito al genere di crescita eccessiva tossica del lievito nel tratto gastrointestinale che il Dott. Sponaugle ha trovato è associato con le carenze di serotonina e di taurina (due prodotti chimici calmanti del cervello) in pazienti alcolici. Il suo intestino colante seguente ha contribuito ad attività elevata dell'istamina del cervello.

Abbastanza naturalmente, poi, Susan si è girata verso le più forti droghe che potrebbero calmare i livelli di ansia del montaggio avviati da attività in eccesso dell'istamina. Ha scoperto la natura lenitiva degli stupefacente e l'influenza calmante delle benzodiazepine (quale Xanax®).

Sponaugle ha cominciato ottimizzando i livelli ormonali di Susan (il problema originale) ed equilibrando la sua chimica del cervello. Ha disintossicato aggressivamente il suo intestino con i supplementi naturali destinati per uccidere il candida albicans del lievito ed altri organismi indesiderati. Ed ha ristabilito i livelli di sostanze nutrienti e di minerali che erano stati carenti.

Susan ora è dopo trattamento più di tre anni senza una singola ricaduta. Dice Sponaugle, “è bene sul suo modo di godere di un futuro meraviglioso.„

Riassunto

Approach di Dott. Sponaugle alla diagnosi ed al trattamento

Mentre milioni di Americani soffrono dalle dipendenze chimiche, i programmi convenzionali di trattamento e della disintossicazione hanno misero successo, con la ricaduta valuta la gamma da 50-90%. Pochi tali programmi considerano le anomalie ereditate ed acquistate complicate in chimica del cervello connessa con le dipendenze, mettenti a fuoco invece sulla frustrazione “terapia di conversazione„ o strategie mediche di disintossicazione. Marvin “Rick„ Sponaugle, MD, è un anestesista e uno specialista di dipendenza certificati bordo che comprende la scienza di cervello avanzata e la prova biochimica completa per capire il modello unico di ogni persona dedita di chimica del cervello. Usa questi informazioni per determinare precisamente come e perché ogni persona auto-sta medicando con le loro droghe della scelta per raggiungere che cosa per loro è spesso la sola parvenza “di normalità„ essi può sperimentare. Armato con questi informazioni e una comprensione della salute integrante, Sponaugle in primo luogo disintossica i suoi pazienti mentre amministra i precursori chimici del cervello carente dell'aminoacido, vitamine ed i minerali, con i farmaci per neutralizzare la loro adrenalina scomoda si solleva. Poi amministra un programma globale di equilibratura biochimica ed ormonale per rimuovere le forze motrici dietro la dipendenza. I risultati di Sponaugle parlano per se stessi: il tasso della ricaduta dei suoi pazienti è appena 9%. I pazienti ed i membri della famiglia possono trovare più informazioni a: http://floridadetox.com.

Per più visita www.floridadetox.com di informazioni o la chiamata 1-888-775-2770.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a
1-866-864-3027.

Circostanze neurologiche
Strutture del nervo sano e del nervo
Le strutture del nervo sano e del nervo hanno danneggiato da sig.ra.

Il Dott. Sponaugle riferisce i risultati particolarmente riusciti con i suoi ai programmi di trattamento basati a biochimica di dipendenza. Ora ha applicato gli stessi principi di disintossicazione e di prodotto chimico che equilibrano ad altre circostanze apparentemente intrattabili. Fra questi, il più intriganti sono la sua gestione delle malattie neurologiche quale la sclerosi a placche (ms), sclerosi laterale amiotrofica (ALS, anche chiamato Lou Gehrig's Disease), deficit di attenzione/disordine dell'iperattività (ADHD) e perfino morbo di Alzheimer (ANNUNCIO).

Dice Sponaugle, “medici degli Stati Uniti ritardano lontano dietro le loro controparti europee nel riconoscimento del ruolo svolto dalle biotossine, particolarmente quelle dalle muffe dell'interno e dalle tossine solventi quale benzene e toluene, nella causa del ms, dell'ANNUNCIO e di altre circostanze neurologiche.„ Sponaugle nota che gli studi di scienza di base lungamente hanno dimostrato una relazione fra le tossine della muffa e sig.ra38 in ms, cellule cerebrali perde la loro guaina isolante vitale del materiale della grasso-e-proteina chiamato mielina, conducente ai sintomi debilitanti della malattia. Ora è ben documentato che i funghi, compreso le muffe, liberano le tossine che attivano le cellule di sistema immunitario e le avviano per distruggere le cellule cerebrali.38,39 ciò nonostante, dice Sponaugle, medici americani continuano a dire ai loro pazienti che la causa del ms è sconosciuta.

Sta aumentando la prova che le tossine fungine svolgono un ruolo causativo in altre circostanze neurologiche pure, compreso il morbo di Alzheimer. In questa circostanza, le tossine fungine sono state identificate in cervello o tessuto nervoso reale dalle vittime dei disordini.Il tessuto 40 da questi pazienti e da quelli con altri disturbi neurologici inoltre contiene gli alti livelli di un enzima che mira alla proteina fungosa chiamata chitina, che non è trovata altrimenti nel corpo umano.41

Le muffe e le loro tossine sono distressingly prevalenti nel nostro approvvigionamento di generi alimentari. Uno studio ha dimostrato che quasi 20% dei campioni del cereale dal midwest ha contenuto una delle quattro tossine fungine più pericolose.42 Sponaugle dicono quell'in quattro Americani, 24%, hanno un fattore genetico particolare che interferisce con l'efficace rimozione delle tossine di industriale e della muffa. Vede questo fattore genetico in 80% dei suoi pazienti non dipendenti “di benessere„ che soffrono i mali comuni quali la sindrome cronica di affaticamento, la fibromialgia e perfino il malessere povero-definito, oltre ai termini neurologici quali la depressione, l'ansia, la collera ed i sintomi bipolari.

Il Dott. Sponaugle ha trasformato le sue osservazioni in pratica clinica solida. Ha progettato un modello endovenoso aggressivo del trattamento per rimozione della tossina che è di grande successo ai sintomi di diminuzione dei suoi pazienti che soffrono dal ms come pure di altri disordini debilitanti del cervello quali ALS, la malattia del Parkinson, il morbo di Alzheimer e l'autismo.

Le circostanze Non inducenti al vizio inoltre rispondono all'approccio del trattamento di Sponaugle

Fra le molte offerte del Dott. Sponaugle di programmi mirati a, vari sono puntati su che trattano le circostanze non inducenti al vizio. Queste circostanze dividono determinate caratteristiche con i disturbi di dipendenza, come produzione degli squilibri in chimica del cervello e spesso hanno un'esposizione della tossina come causa. Sponaugle ha curato con successo i pazienti con:

  • Ipoglicemia
  • Allergie alimentari
  • Svuotamento nutriente
  • Ansia/insonnia
  • ADD/ADHD (molti professionisti adulti d'esecuzione compresi)
  • Depressione
  • Sclerosi a placche
  • Morbo di Alzheimer
  • Squilibrio ormonale

Il benessere del cervello e del corpo di Sponaugle programma gli obiettivi quelli con le tossine sospettate (tossicità solvente dell'interno di industriale e particolarmente della muffa) che possono essere alla radice dei loro disordini. La suoi prova completa e modello endovenoso privato del trattamento sono stati di grande successo nel controllo delle queste circostanze.

Riferimenti

1. Disponibile a: http://www.whitehousedrugpolicy.gov/publications/pdf/consdrug_fs.pdf. 29 aprile 2011 raggiunto.

2. Disponibile a: http://online.wsj.com/article/SB10001424052748704254604574614230731506644.html. 29 aprile 2011 raggiunto.

3. Xu J, Kochanek KD, Murphy SL, Tejada-Vera B. Deaths: Dati finali per 2007. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie nazionale di Vital Statistics Reports 58/9. Centro nazionale per statistica della sanità. 2010 maggio.

4. Disponibile a: http://www.oas.samhsa.gov/spotlight/spotlight021counseling.pdf. 29 aprile 2011 raggiunto.

5. Disponibile a: http://www.caron.org/current-statistics.html. 28 aprile 2011 raggiunto.

6. Disponibile a: http://www.nida.nih.gov/podat/faqs.html. 28 aprile 2011 raggiunto.

7. Sig. di Sponaugle. Brain Chemistry e dipendenza. 2011.

8. Ufficio degli studi applicati. Abuso di droga ad più ad alto livello quasi in una decade. Rockville, MD: Ministero dei servizi sanitari e sociali; Dicembre 2010.

9. Disponibile a: http://www.whitehousedrugpolicy.gov/drugfact/prescrptn_drgs/rx_ff.html. 28 aprile 2011 raggiunto.

10. Disponibile a: http://www.adolescent-substance-abuse.com/national-drug-statistics.html. 28 aprile 2011 raggiunto.

11. Disponibile a: http://www.oas.samhsa.gov/2k10/DAWN034/EDHighlights.htm. 28 aprile 2011 raggiunto.

12. Disponibile a: http://oas.samhsa.gov/2k10/DAWN015/IllicitAbuse.cfm. 28 aprile 2011 raggiunto.

13. Cosgrove KP. Cambiamenti del ricevitore di rappresentazione negli oltraggiatori di droga umani. Cima Behav Neurosci di Curr. 2010;3:199-217.

14. Martinez D, rilascio del neurotrasmettitore di Narendran R. Imaging dalle droghe di abuso. Cima Behav Neurosci di Curr. 2010;3:219-45.

15. Weinstein. Confronto di dipendenza-un del video gioco e del computer fra gli utenti del gioco e gli utenti del non gioco. Abuso di alcool della droga di J. 2010 settembre; 36(5): 268-76.

16. Blum K, Chen AL, Chen TJ, et al. attivazione invece di blocco dei circuiti dopaminergici mesolimbic della ricompensa è un trattamento preferito di modalità a lungo termine della sindrome di carenza della ricompensa (RDS): un commento. Biol Med Model di Theor. 12 novembre 2008; 5:24.

17. George O, Koob GF. Diverse differenze nella funzione prefrontale della corteccia e nella transizione da uso della droga a farmacodipendenza. Rev. 2010 di Neurosci Biobehav novembre; 35(2): 232-47.

18. Koob GF, ND di Volkow. Neurocircuitry di dipendenza. Neuropsicofarmacologia. 2010 gennaio; 35(1): 217-38.

19. Ross S, Peselow E. La neurobiologia dei disturbi di dipendenza. Clin Neuropharmacol. 2009 settembre-ottobre; 32(5): 269-76.

20. Spooren W, Lesage A, Lavreysen H, Gasparini F, ricevitori del glutammato di Steckler T. Metabotropic: il loro potenziale terapeutico nell'ansia. Cima Behav Neurosci di Curr. 2010;2:391-413.

21. Freitas-Ferrari MC, Hallak JE, Trzesniak C, et al. Neuroimaging nel disturbo di ansia sociale: una rassegna sistematica della letteratura. Psichiatria di biol di Prog Neuropsychopharmacol. 30 maggio 2010; 34(4): 565-80.

22. KB del KOH, Kang JI, Lee JD, Lee YJ. L'attività neurale comune nel disordine di panico e nel disordine non differenziato del somatoform ha paragonato ai comandi sani. Psichiatria di J Clin. 2010 dicembre; 71(12): 1576-81.

23. Nikolaus S, Antke C, Beu m., Muller HW. GABA corticale, dopamina striatal e serotonina del mesemcefalo come gli attori chiave nei disordine-risultati di ansia e compulsivi in vivo dagli studi di rappresentazione. Rev Neurosci. 2010;21(2):119-39.

24. Bonini JS, WC di Da Silva, Da Silveira CK, Kohler CA, Izquierdo I, Cammarota M. Histamine facilita il consolidamento dell'estinzione di timore. Int J Neuropsychopharmacol. 7 gennaio 2011: 1-9.

25. Dere E, Zlomuzica A, De Souza Silva mA, LA di Ruocco, Sadile AG, Huston JP. Istamina di un neurone e l'interazione della memoria, del rinforzo e delle emozioni. Behav Brain Res. 31 dicembre 2010; 215(2): 209-20.

26. SIG. di Zarrindast, Nasehi m., Khansari m., Bananej M. Influence degli agenti dell'ossido di azoto nell'amigdala del ratto su effetto del tipo di anxiogenic indotto da istamina. Neurosci Lett. 1° febbraio 2011; 489(1): 38-42.

27. Katsui R, Kuniyasu H, Matsuyoshi H, Fujii H, Nakajima Y, plasticità di Takaki M. The della via riflessa di defecazione nel sistema nervoso enterico delle cavie. Ricerca del muscolo liscio di J. 2009 febbraio; 45(1): 1-13.

28. Maes M. L'ipotesi di citochina della depressione: infiammazione, sforzo ossidativo & nitrosative (IO&NS) ed intestino colante come nuovi obiettivi per i trattamenti aggiuntiva nella depressione. Neuro Endocrinol Lett. 2008 giugno; 29(3): 287-91.

29. Maes m., Yirmyia R, Noraberg J, et al. L'ipotesi infiammatoria & neurodegenerative (I&ND) della depressione: cavi per ricerca futura e nuovi sviluppi della droga nella depressione. Metab Brain Dis. 2009 marzo; 24(1): 27-53.

30. Mendoza C, Matheus N, Iceta R, Mesonero JE, Alcalde AI. Il Lipopolysaccharide induce l'alterazione del trasportatore della serotonina in cellule epiteliali intestinali umane. Immun innato. 2009 agosto; 15(4): 243-50.

31. Durant C, Natale D, Nutt D. La farmacologia di ansia. Cima Behav Neurosci di Curr. 2010;2:303-30.

32. Goodman A. Neurobiology di dipendenza. Una rassegna integrante. Biochimica Pharmacol. 1° gennaio 2008; 75(1): 266-322.

33. Schule C, Eser D, Baghai TC, Nothdurfter C, Kessler JS, steroidi di Rupprecht R. Neuroactive nei disordini affettivi: obiettivo per le droghe novelle di ansiolitico o dell'antidepressivo? Neuroscienza. 23 marzo 2011.

34. Kugaya A, CN di Epperson, Zoghbi S, et al. aumento in ricevitori prefrontali della serotonina 2A della corteccia dopo il trattamento dell'estrogeno in donne postmenopausali. Psichiatria di J. 2003 agosto; 160(8): 1522-4.

35. Frye CA, Sumida K, Dudek BC, et al. gli effetti del progesterone per ridurre il comportamento di ansia dei topi invecchiati non richiede le azioni tramite ricevitori intracellulari della progestina. Psicofarmacologia (Berl). 2006 giugno; 186(3): 312-22.

36. Reddy DS, O'Malley BW, Rogawski mA. Attività dell'ansiolitico di progesterone nei topi di knock-out del ricevitore del progesterone. Neurofarmacologia. 2005 gennaio; 48(1): 14-24.

37. Morissette m., Levesque D, Di Paolo T. Effect del trattamento cronico di estradiolo sulla ricomparsa del ricevitore della dopamina del cervello dopo il blocco irreversibile: uno studio autoradiografico. Mol Pharmacol. 1992 settembre; 42(3): 480-8.

38. CB di Purzycki, DH di Shain. Tossine fungine e sclerosi a placche: un collegamento coercitivo. Brain Res Bull. 29 aprile 2010; 82 (1-2): 4-6.

39. PC di Hiestand, Rausch m., DP di Meier, CA adottivo. Derivato dell'ascomicete al ms terapeutico: Modulatore FTY720 del ricevitore di S1P. Ricerca della droga di Prog. 2008;66:361, 363-81.

40. Sotgiu S, Musumeci S, Marconi S, Gini B, contenuto di Bonetti B. Different dei polisaccaridi del tipo di chitina nella sclerosi a placche e nei cervelli del morbo di Alzheimer. J Neuroimmunol. 15 giugno 2008; 197(1): 70-3.

41. Chitotriosidasi di Barone R, di Sotgiu S, di Musumeci S. Plasma nella salute e patologia. Laboratorio di Clin. 2007;53(5-6):321-33.

42. Russell L, Cox DF, Larsen G, Bodwell K, CE del Nelson. Incidenza delle muffe e delle micotossine in mulini commerciali dell'alimentazione animale in sette stati degli stati medio-occidentali, 1988-1989. J Anim Sci. 1991 gennaio; 69(1): 5-12.