Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista ottobre 2011
Rapporto

Tagli il vostro rischio per la morte prematura con Omega-3s

Da Delia Wilder
Tagli il vostro rischio per la morte prematura con Omega-3s

Per anni, i consumatori sono stati l'apprendimento dei benefici di riduzione della malattia cardiovascolare ingerendo gli acidi grassi omega-3. Questo messaggio ha trasformato il suo modo la corrente principale mentre i cardiologi ora prescrivono i supplementi omega-3 ai loro pazienti.1

Molto al di là dei benefici di riduzione della malattia cardiaca, gli scienziati hanno scoperto i nuovi dati sensazionali che gli acidi grassi omega-3 tagliano il rischio globale di morte prematura.1-4 che la riduzione è veduta non solo della gente con le malattie croniche conosciute ma anche di coloro che è apparentemente sano. Gli studi pubblicati indicano che potete ridurre il vostro rischio di morte prematuramente vicino fino a 85% mantenendo i livelli ottimali di grassi omega-3 nel vostro corpo.5

Una ricchezza degli studi pubblicati ha dimostrato una riduzione significativa della mortalità con l'uso degli oli di pesce. In un tale rapporto, gli scienziati che studiano la gente che aveva vissuto con un attacco di cuore sono stati colpiti per trovare che i pazienti con i livelli elevati di omega-3s nel loro sangue sono stati impediti la morte di tutta la causa, non appena circostanze in relazione con il cuore.6 in un simile studio, la gente che aveva avuta attacchi di cuore è stata trovata per avere una probabilità molto più bassa di un'aritmia cardiaca pericolosa chiamata la fibrillazione atriale se avessero alto omega-3 livello-e avessero un 85% incredibile più a basso rischio della morte da tutte le cause inoltre.5

Intriganti, gli scienziati hanno cominciato ad esaminare la gente in buona salute senza la malattia cardiaca evidente. La protezione si applicherebbe a quella gente pure? La risposta è sì. Quando un grande gruppo di uomini norvegesi 64-76 anni è stato completato con il g/giorno 2,4 di omega-3s, hanno avuti un rapporto di riproduzione di 47% del rischio di morte da tutte le cause rispetto ad un gruppo del placebo.7 donne possono raggiungere i simili livelli di protezione: uno studio australiano massiccio dell'ingestione dietetica ha trovato che le donne con il più alto consumo omega-3 hanno avute un rapporto di riproduzione di 44% del rischio di mortalità dalle malattie infiammatorie.4 l'effetto erano relativi alla dose: per ogni aumento di deviazione standard nell'assunzione omega-3, le donne hanno raggiunto un rapporto di riproduzione di 17% del loro rischio di morte.

Che cosa spiega questa considerevole riduzione notevole e “della mortalità per tutte le cause?„ Ci sono molti fattori sul lavoro, ma uno degli più importanti è collegato con i modi in cui la vostra assunzione del grasso dietetico colpisce lo stato infiammatorio del vostro corpo.8,9 un'alta assunzione di omega-3s (dal pesce con acqua fredda, dall'olio del seme di lino e dai supplementi dell'olio di pesce) possono spingere il vostro corpo da uno stato pro-infiammatorio pericoloso ad un più sano, stato di basso-infiammazione.10 e quello ha impatto diretto sulle vostre probabilità di vivere più lungamente.

Grassi Omega-3 ed infiammazione: Punti verso una vita più lunga

Grassi Omega-3 ed infiammazione: Punti verso una vita più lunga

La dieta occidentale tipica ora contiene un vasto eccesso di grassi omega-6 (in gran parte derivati dai prodotti del pollame e da determinati oli vegetali). Altri prodotti di origine animale sono ricchi di grassi saturi, non di grassi omega-6 e di non quasi abbastanza omega-3s (che otteniamo dal pesce dell'oceano e dagli alimenti vegetali quali i dadi ed i semi di lino).11,12

Il rapporto ottimale di omega-6 ai grassi omega-3 nella dieta è approssimativamente 4 - 1, sebbene alcuni fautori reclamino il rapporto dovrebbero essere due omega-6s per ciascuno omega-3. Scioccante, coloro che segue le diete occidentali moderne non sane consumano spesso questi grassi nei rapporti alti quanto 25 (omega-6) a soltanto 1 (omega-3).10,11

L'aumento risultante in citochine infiammatorie da assunzione insufficiente omega-3 crea l'infiammazione cronica e di qualità inferiore che direttamente esacerba l'invecchiamento e può contribuire a morte prematura dalle circostanze croniche innumerevoli.Cioè l'infiammazione 9,13,14 sta invecchiando ad un livello molto fondamentale.9

Ecco perché l'alto consumo di omega-3s, specialmente di EPA (acido eicosapentanoico) e di DHA (acido docosaesaenoico) trovato in olio di pesce ha così impatto drammatico sul vostro rischio di morte. Toccando col gomito il vostro omega-6 alla parte posteriore di rapporto omega-3 verso l'optimum, potete ridurre significativamente il carico infiammatorio del vostro corpo. Dovreste fare quello mediante la riduzione della vostra assunzione di grasso saturo (da carne e dalla latteria), riducente omega-6s (da pollame e da determinati oli vegetali) ed aumentante la vostra assunzione di omega-3s (dal pesce, dall'olio di pesce e dall'olio del seme di lino). Completando con omega-3s, potete aumentare le vostre probabilità di vivere più lunghe e migliorare, tagliando il vostro rischio di ospite di relativo all'età, longevità-rubante le circostanze croniche che nascono con infiammazione. La prova è dettagliata e coercitiva.

Sforzo di combattimento di Omega-3s e danno del cortisolo

Lo sforzo cronico e l'elevazione risultante in ormoni di sforzo (cortisolo, epinefrina, norepinefrina) accelerano l'invecchiamento.15 sono contributori importanti alla morte prematura da varie cause, principalmente relative al rischio aumentato di disordini cardiovascolari, contagiosi e metabolici cronici.15-17 c'è inoltre prova che lo sforzo cronico stesso abbassa i vostri livelli ematici di omega-3s.18

Omega-3s supplementare può inibire l'eccessiva stimolazione della ghiandola surrenale che gli inneschi sollecitano gli effetti.19,20 studi degli adulti in buona salute sottoposti ad biologico ed allo stress emotivo dimostrano che il completamento omega-3 dall'olio di pesce impedisce il cortisolo, l'epinefrina e le elevazioni della norepinefrina.20-23 supplementi Pianta-derivati omega-3 negli studi sugli animali non solo hanno bloccato le elevazioni del cortisolo, ma hanno ricambiato i deficit d'apprendimento indotti da stress.24

Depressione di battaglia di Omega-3s, ansia

Le vittime della malattia mentale, specialmente della depressione e dell'ansia croniche, hanno scioccante un tasso alto di morte prematura “dalle cause naturali.„25,26 queste malattie possono costare ad uomini quasi 15 anni di speranza di vita e di donne quasi 18 anni.27 la depressione, la malattia mentale più comune, colpisce più di 5% della popolazione degli Stati Uniti durante il tutto il periodo di due settimane dato e forte è correlata con la morte presto.28

Le scoperte scientifiche negli ultimi dieci anni dimostrano i ruoli per omega-3s in gestione della malattia mentale, particolarmente della depressione e dell'ansia. Omega-3s sono componenti essenziali delle membrane di cellula cerebrale e possono aiutare la trasmissione delle cellule nervose di aumento dei segnali con serotonina, i livelli di cui possono essere anormali nella depressione.29,30 i loro effetti antinfiammatori inoltre mostrano la promessa nell'impedire la perdita in relazione con la depressione di cellule cerebrali.31

La gente con disturbo depressivo e disturbo bipolare principali ha bassi livelli del cervello di omega-3s.32,33 quei bassi livelli sono associati molto attentamente con il peggioramento della depressione e perfino predicono un rischio aumentato di suicidio.34 per contro, il più alta ingestione dietetica di omega-3s è associata con tanto come rapporto di riproduzione di 34% del rischio di depressione sintomatica, rispetto alla gente che ha il più a tariffa ridotta di consumo.35

Il completamento Omega-3 ormai è diventato molto più accettato a causa della sua efficacia drammatica nella depressione in carico. Gli studi indicano che le dosi quotidiane di 1 grammo o più di EPA e di DHA riducono significativamente i punteggi sulle scale di valutazione standard della depressione, particolarmente in adulti più anziani.36-38

L'ansia può essere un problema a breve termine paralizzante che inoltre contribuisce direttamente alla morte prematura; uno studio ha trovato un aumento di 77% nel rischio della mortalità fra le donne ansiose alla metà della vita.39-41 il completamento Omega-3 può essere importante nei sintomi in carico di ansia come pure della depressione. Una miscela di omega-3-rich di ansia abbassata essenziale della prova degli acidi grassi in un essere umano che in anticipo study.40 più successivamente studia ha dimostrato la riduzione delle sensibilità ansiose di popolazioni degli oltraggiatori di sostanza curati con 3 grammi/giorno di EPA più DHA.42

Che cosa dovete conoscere: Tagli il vostro rischio per la morte prematura con Omega-3s
Che cosa dovete conoscere: Tagli il vostro rischio per la morte prematura con Omega-3s
  • Gli acidi grassi Omega-3 hanno un ruolo affermato nell'impedire la malattia cardiovascolare e la morte.
  • Gli studi recenti stanno rivelando un ruolo per questi grassi utili nella riduzione del vostro rischio di morte prematura dalle numerose cause.
  • Riducendo il vostro livello dal corpo intero di infiammazione, omega-3s può tagliare il rischio di molte circostanze che ci inducono a morire presto.
  • Tenendo i vostri livelli omega-3 ed i vostri livelli elevati omega-6 bassi, può contribuire ad impedire la sindrome metabolica, i sintomi della depressione e dell'ansia, varie forme di cancro e molte forme di fegato e di malattie renali, che sono associate con la morte prematura.
  • Omega-3s inoltre contribuiscono a ridurre gli effetti micidiali dello sforzo cronico e dei livelli elevati del cortisolo.
  • Se non state completando con almeno 2 grammi/giorno di prodotto di alta qualità omega-3, potete sollecitare inutilmente una morte prematura.

Omega-3s: Armi potenti contro la sindrome metabolica

La sindrome metabolica è un raggruppamento dei fattori di rischio compreso l'obesità addominale, il glucosio a digiuno elevato (anche chiamato insulino-resistenza o “pre-diabete "), l'ipertensione, i trigliceridi elevati e la lipoproteina ad alta densità inferiore (HDL). Questa sindrome contribuisce al rischio di malattia che può aumentare le probabilità di una morte prematura dalle cause di multipli.43-47 la prova epidemiologica suggerisce che la gente con i bassi livelli di omega-3s nel loro sangue abbia tanto come elevato rischio 2.4-fold di avere sindrome metabolica.52 d'altra parte, la gente con le più alte assunzioni di omega-3s ha tanto quanto un 46% più a basso rischio della sindrome metabolica.49,50

Il completamento con omega-3s alle dosi che variano da 1-3.7 grammi al giorno ora è stato indicato per migliorare tutti e 5 i parametri della sindrome metabolica:

  • Il trattamento con omega-3s ha un effetto dell'anti-obesità.51 riduce la massa totale del grasso, la massa addominale del grasso, la dimensione di diverse cellule grasse e solleva i livelli del adiponectin utile di citochina.52,53
  • I livelli elevati del plasma omega-3 correlano con la sensibilità e la tolleranza al glucosio migliori dell'insulina.Il completamento 50,54 sia impedisce che inverte l'insulino-resistenza, particolarmente di fronte ad una dieta ad alta percentuale di grassi.55,56
  • Lle dosi medie di 3,7 grammi/giorno di olio di pesce riducono sia la pressione sanguigna sistolica che diastolica.57 studi supplementari con le dosi basse come 1 grammo/giorno inoltre ha mostrato le diminuzioni nella pressione sanguigna sistolica.58
  • Il completamento Omega-3 abbassa drammaticamente i trigliceridi ed altri fattori di rischio per aterosclerosi.52,58-60 un grammo al giorno dell'olio di pesce è stato indicato per normalizzare i livelli del trigliceride in anziani e per proteggerli dai livelli in aumento.61
  • I livelli elevati del plasma omega-3 sono correlati con i livelli elevati di HDL.Il completamento 50 con omega-3s ha provocato una riduzione del rapporto dei trigliceridi al livello di HDL, un cambiamento utile.52

Cancro di lotta di Omega-3s nelle sue fasi più iniziali

Cancro di lotta di Omega-3s nelle sue fasi più iniziali

I Cancri di tutti i generi sono cause comuni di morte prematura. La dieta lungamente è stata conosciuta per essere un fattore importante nello sviluppo di molti generi di cancro. Il modello dietetico Mediterraneo, gli abbondanti in verdure, frutti e pesce di omega-3-rich, è associato con i tassi bassi del cancro.62 uno studio che paragona la dieta Mediterranea ad una dieta Associazione-raccomandata cuore americano hanno trovato un rapporto di riproduzione di 56% del rischio di sviluppare il cancro e un rapporto di riproduzione di 61% del rischio di morte dal cancro.62 l'assunzione Mediterranea del gruppo di dieta dei grassi omega-3 erano inoltre significativamente superiori a nel gruppo di controllo.

I Cancri dell'apparato digerente sono comuni ed anche i più suscettibili della prevenzione con i grassi omega-3. Questi cancri hanno una forte componente infiammatoria, che può spiegare almeno la parte dei benefici degli acidi grassi omega-3.Il laboratorio 63 e gli studi clinici umani dimostrano che il trattamento omega-3 causa la proliferazione in diminuzione e la morte aumentata delle cellule (apoptosi) delle cellule cancerizzabili dei due punti, mentre il tessuto sano è inalterato.64,65 dosi efficaci variano da 2,5 a 7,7 grammi/giorno di olio di pesce.64,66 due grammi/giorno di EPA da solo possono ridurre il numero dei polipi rettali precancerosi in pazienti ad ad alto rischio per cancro colorettale.67

L'infiammazione inoltre svolge un ruolo principale nello sviluppo del cancro di pelle dopo l'esposizione ai raggi (UV) ultravioletti dal sole.68 secondo le aspettative, gli studi indicano che omega-3s hanno un ruolo in cellule epiteliali proteggenti dagli effetti cancerogeni del sole.68,69 quattro grammi al giorno di omega-3s purificato protetto un gruppo di individui sani dalla solarizzazione, da di cambiamenti precancerosi indotti da UV in pelle e di danno del DNA in globuli di circolazione.70

I Cancri del seno e della prostata sono inoltre rispondenti alla prevenzione omega-3. Gli uomini con i livelli ematici di EPA e di DHA hanno un rischio riduttore 38-41% di carcinoma della prostata, rispetto a quelli che hanno i più bassi livelli.Il trattamento 71 con omega-3s ha ridotto il tasso a cui i carcinoma della prostata diventano lo stato pericoloso di indipendenza da controllo ormonale; quella progressione è tipicamente il presagio di un cancro e di una morte prematura intrattabili.72

In un gruppo di donne premenopausa ad ad alto rischio di cancro al seno, quelli che consumano il più alto rapporto di omega-3: i grassi omega-6 hanno avuti un rapporto di riproduzione di 50% del loro rischio di sviluppare il cancro.73 donne che erano state diagnosticate e curato state per cancro al seno in anticipo e di cui la dieta ha contenuto la più grande quantità di omega-3s, hanno avute un rapporto di riproduzione di 25% del rischio di ricorrenza del cancro.74 donne ad alto rischio che hanno completato con 2.5-7.6 grammi/giorno di DHA/EPA hanno raggiunto i livelli eccellenti di questi omega-3s nel loro tessuto del seno e non hanno avute effetti collaterali.75

Ancora più modi Omega-3s possono tenervi dalla morte troppo presto

C'è prova coercitiva che gioco di omega-3s un ruolo in alcune cause di morte prematura meno che ovvie. Per esempio, osteoporosi, che colpisce più di 4,5 milione donne americane e 800.000 uomini supplementari,95 fratture di cause che sono contributori importanti alla morte prematura, concludentesi spesso una vita altrimenti produttiva ad un modo prolungato e doloroso.96-98 i livelli di conservazione omega-3 ottimali possono contribuire ad impedire le fratture osteoporotiche ed a ridurre così il vostro rischio di morte prematura.95-105

Le malattie polmonari croniche quali asma e COPD (malattia polmonare ostruttiva cronica) inoltre accorciano significativamente la durata.106 ancora, c'è una ricchezza di prova che sostiene un ruolo per omega-3s nell'attenuazione dello stato infiammatorio che avvia queste circostanze e contribuisce a morte prematura.106-116

Dato il ruolo di infiammazione nel processo di invecchiamento, ha appena significato assicurarsi che i nostri livelli omega-3 siano il più elevato possibile.

Omega-3s: Vital Protection per il rene e la funzione epatica

La malattia renale uccide annualmente più di 46.000 Americani ed è la nona causa della morte principale negli Stati Uniti; approssimativamente 4,5 milioni di noi soffrono da una malattia renale di una forma o di un altro.76 sebbene ci siano molti tipi di malattie renali differenti, la maggior parte di loro dividono un ossidativo significativo e la componente infiammatoria che può essere aiutata dagli alti livelli di omega-3s.77-80 in uno grande studio, la gente che consuma le quantità elevate di omega-3s ha avuta un rapporto di riproduzione di 31% del loro rischio di sviluppare la malattia renale cronica.78 ed i destinatari del trapianto del rene con i livelli elevati di omega-3s nel loro sangue hanno avuti significativamente più a basso rischio del rigetto quelli con i livelli più bassi.81

Tumore del colon
Tumore del colon

La malattia renale (ed il suo trattamento) impone lo sforzo metabolico ed ossidativo massiccio al corpo della vittima, rappresentante in parte un alto tasso di mortalità. I pazienti sottoposti a dialisi che prendono i grammi/di EPA/DHA 1,8 livelli più bassi significativamente sperimentati giorno di stimolazione adrenale nociva rispetto ai comandi e 3,4 grammi/giorno hanno caduto significativamente i loro livelli del trigliceride, quindi riducendo il loro rischio di attacco di cuore.19,82

Due grammi/giorno di EPA/DHA hanno ridotto significativamente gli indicatori di infiammazione in pazienti con la malattia renale di stadio finale, mentre 2,1 grammi/giorno di olio di pesce hanno ridotto gli indicatori dello sforzo ossidativo.83,84 una dose di 4 grammi/giorno di olio di pesce hanno migliorato sostanzialmente la funzione renale in pazienti diabetici, un gruppo al rischio principale di morte prematura dalla malattia renale.85

L'affezione epatica grassa analcolica (NAFLD) colpisce fino a 35% della popolazione del mondo. La sua conseguenza pericolosa chiamata steatohepatitis analcolico (NASH) può condurre alla cirrosi del fegato, una causa della morte prematura negli Stati Uniti.86-88 l'accumulazione massiccia del fegato dei trigliceridi in NAFLD inoltre è associata forte con il diabete e la malattia cardiovascolare, ulteriore longevità riducentesi.Una medicina di 89 correnti principali ha provato impotente fin qui a rallentare la progressione di NAFLD a NASH, o a ridurre le sue conseguenze potenzialmente micidiali.90

Come con tutte altre cause di morte prematura, un'alta assunzione di omega-3s è forte preventiva di NAFLD: gli uomini con il più grande consumo di EPA/DHA hanno avuti una riduzione 52-56% del loro rischio di avere la circostanza.Il completamento 89 con omega-3s fornisce la protezione ed il trattamento impressionanti per la gente NAFLD. Gli studi indicano che le dosi di 1 grammo/giorno e più risultato nei miglioramenti notevoli negli indicatori del siero di danno delle cellule di fegato, nelle riduzioni dei trigliceridi di circolazione e nel miglioramento visibile in struttura e flusso sanguigno del fegato sull'ultrasuono di doppler prova.91-93

Omega-3s: Vital Protection per il rene e la funzione epatica

Riassunto

Gli Americani muoiono troppo giovane, malgrado le spese più elevate per i farmaci da vendere su ricetta medica nel mondo.94 soccombiamo ad una miriade di circostanze croniche tipicamente identificata “relativa all'età,„ pur invecchiando non è il solo fattore d'induzione. Invece, siamo vittima di caduta ai cambiamenti infiammatori persistenti procurati nella grande parte dalle scelte dietetiche difficili.

Gli studi costringenti dimostrano che la gente con le alte assunzioni omega-3 vive più lungamente. Ora abbiamo una chiara comprensione di perché: hanno tassi più bassi di virtualmente ogni delle circostanze “relative all'età„ che accelerano la morte.

Dovreste consumare almeno due grammi (2.000 milligrammi) di EPA/DHA quotidiano per emulare gli studi che mostrano la riduzione del rischio di morte prematura.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Riduzione “tradizionale„ di rischio da assunzione Omega-3

Circostanza

Risultato

Morte globale dalle cause cardiache

20-29% meno morti in pazienti completati1,2

Rischio di morte cardiaca improvvisa

13-57% più a basso rischio in pazienti completati con 1,8 il g/giorno EPA/DHA2,3

Rischio di eventi cardiaci non fatali

8% più a basso rischio in pazienti completati con 1,8 il g/giorno EPA/DHA3

Rischio di ospedalizzazione per l'aritmia cardiaca (fibrilation atriale)

81% più a basso rischio in pazienti completati5

Rischio di depressione, di ansia, o di sforzo

28-35% più a basso rischio in quelli con più alta assunzione117

Riduzione del rischio di mortalità per tutte le cause da assunzione Omega-3

Popolazione di studio

Riduzione della mortalità per tutte le cause

Superstiti di attacco di cuore

71-85% riduzione di pazienti completati o di quelli con omega-3 i livelli elevati5,6

Pazienti con la coronaropatia stabile

rapporto di riproduzione di 27% di pazienti completati o di quelli con omega-3 i livelli elevati118

Superstiti del cancro al seno

rapporto di riproduzione di 41% di quelli con il più alta assunzione 74 di DHA edi EPA

Pazienti di emodialisi

rapporto di riproduzione di 57% di quelli con i livelli elevati 119di DHA

Donne in buona salute > 49 anni

rapporto di riproduzione di 44% della mortalità di malattia infiammatoria in quelle con più alta omega-3 assunzione4

Uomini senza malattia cardiovascolare evidente

rapporto di riproduzione di 47% di pazienti completati con 2,4 il g/giorno omega-37

Riferimenti

1. Leon H, Shibata MC, Sivakumaran S, Dorgan m., Chatterley T, Tsuyuki RT. Effetto dell'olio di pesce sulle aritmia e sulla mortalità: rassegna sistematica. BMJ. 2008; 337: a2931.

2. Zhao YT, Chen Q, Sun YX, et al. prevenzione della morte cardiaca improvvisa con gli acidi grassi omega-3 in pazienti con la coronaropatia: una meta-analisi delle prove controllate randomizzate. Ann Med. 2009;41(4):301-10.

3. PE di Marik, integratori alimentari di Varon J. Omega-3 ed il rischio di eventi cardiovascolari: una rassegna sistematica. Clin Cardiol. 2009 luglio; 32(7): 365-72.

4. Gopinath B, Buyken EA, inondazione VM, Empson m., Rochtchina E, Mitchell P. Consumption degli acidi grassi polinsaturi, pesce e dadi e rischio di mortalità di malattia infiammatoria. J Clin Nutr. 2011 maggio; 93(5): 1073-9.

5. Macchia A, Monte S, Pellegrini F, et al. il completamento dell'acido grasso Omega-3 riduce il rischio di un anno di fibrillazione atriale in pazienti ospedalizzati con infarto miocardico. EUR J Clin Pharmacol. 2008 giugno; 64(6): 627-34.

6. Acido eicosapentanoico SH, di Shin MJ, di Kim JS, et al. del sangue di Lee e acido docosaesaenoico come preannunciatori di mortalità per tutte le cause in pazienti con infarto miocardico acuto--dati dalla registrazione di studio di prognosi di infarto (IPS). Circ J. 2009 dicembre; 73(12): 2250-7.

7. Einvik G, Klemsdal A, Sandvik L, EM di Hjerkinn. Un test clinico randomizzato sul completamento degli acidi grassi polinsaturi n-3 e mortalità per tutte le cause in uomini anziani all'alto rischio cardiovascolare. EUR J Cardiovasc Prev Rehabil. 2010 ottobre; 17(5): 588-92.

8. Biologia di Cevenini E, di Bellavista E, di Tieri P, et al. di sistemi e longevità: un approccio emergente per identificare gli obiettivi e le strategie antinvecchiamento innovatori. DES di Curr Pharm. 2010;16(7):802-13.

9. Cevenini E, Caruso C, Candore G, et al. infiammazione relativa all'età: il contributo degli organi, dei tessuti e dei sistemi differenti. Come affrontarlo per gli approcci terapeutici. DES di Curr Pharm. 2010;16(6):609-18.

10. Muri la R, Ross il RP, Fitzgerald GF, acidi di Stanton C. Fatty dal pesce: il potenziale antinfiammatorio degli acidi grassi a catena lunga omega-3. Rev. 2010 di Nutr maggio; 68(5): 280-9.

11. Caramia G. Gli acidi grassi essenziali omega-6 e omega-3: dalla loro scoperta al loro uso nella terapia. Minerva Pediatr. 2008 aprile; 60(2): 219-33.

12. Galland L. Diet ed infiammazione. Nutr Clin Pract. 2010 dicembre; 25(6): 634-40.

13. Candore G, Caruso C, Jirillo E, Magrone T, infiammazione della qualità inferiore di Vasto S. come denominatore patogenetico comune nelle malattie relative all'età: obiettivi novelli della droga per le strategie antinvecchiamento ed il riuscito risultato di invecchiamento. DES di Curr Pharm. 2010;16(6):584-96.

14. Probst-Hensch nanometro. Fattori di rischio relativi all'età cronici della parte di malattie: dividono i meccanismi patofisiologici e perché fanno quella materia? Svizzero Med Wkly. 2010; 140: w13072.

15. Epel es. Sforzo psicologico e metabolico: una ricetta per invecchiamento cellulare accelerato? Ormoni (Atene). 2009 gennaio-marzo; 8(1): 7-22.

16. Boscarino JA. Disordine post - traumatico di sforzo e malattia fisica: risultati dagli studi clinici ed epidemiologici. Ann N Y Acad Sci. 2004 dicembre; 1032:141-53.

17. Alonso-Fernandez P, ruolo di De la Fuente M. del sistema immunitario nell'invecchiamento e longevità. Curr che invecchia Sci. 14 gennaio 2011.

18. Laugero KD, Smilowitz JT, JB tedesco, il SIG. di Jarcho, PS del Mendoza, imballa il chilolitro. Lo stato poli-insaturo e gli acidi grassi monoinsaturi dell'acido grasso di Omega 3 del plasma sono alterati dallo sforzo sociale cronico e predicono le risposte endocrine allo sforzo acuto nelle scimmie di titi. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2011 marzo-aprile; 84 (3-4): 71-8.

19. Delarue J, mp di Guillodo, Guillerm S, Elbaz A, Marty Y, olio di pesce di Cledes J. attenua l'iperattività adrenergica senza alterare il metabolismo del glucosio durante il carico orale del glucosio nei pazienti di emodialisi. Br J Nutr. 2008 maggio; 99(5): 1041-7.

20. Delarue J, Matzinger O, Binnert C, Schneiter P, Chiolero R, olio di pesce di Tappy L. impedisce l'attivazione adrenale suscitata dallo stress mentale in uomini in buona salute. Diabete Metab. 2003 giugno; 29(3): 289-95.

21. Michaeli B, Berger millimetro, Revelly JP, Tappy L, Chiolero R. Effects dell'olio di pesce sulle risposte neuroendocrine ad una sfida dell'endotossina in volontari sani. Clin Nutr. 2007 febbraio; 26(1): 70-7.

22. Hamazaki T, Itomura m., Sawazaki S, effetti di Anti-sforzo di Nagao Y. di DHA. Biofactors. 2000;13(1-4):41-5.

23. Sawazaki S, Hamazaki T, Yazawa K, Kobayashi M. L'effetto di acido docosaesaenoico sulle concentrazioni e sulla tolleranza al glucosio nella catecolamina del plasma durante lo stress psicologico duraturo: uno studio controllato con placebo della prova alla cieca. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo). 1999 ottobre; 45(5): 655-65.

24. Yehuda S, Rabinovitz S, Carasso RL, DI di Mostofsky. Lo sforzo dei contatori della miscela dell'acido grasso cambia in cortisolo, colesterolo ed altera l'apprendimento. Int J Neurosci. 2000;101(1-4):73-87.

25. Il Murphy JM, Se di Gilman, Lesage A, et al. evoluzioni cronologiche nella mortalità si è associato con la depressione: risultati dallo studio di Stirling County. Può la psichiatria di J. 2010 dicembre; 55(12): 776-83.

26. Thomson W. Lifting lo schermo sulla depressione e sulla mortalità prematura: uno studio di approfondimento da 49 anni. Influenza Disord di J. 2011 aprile; 130 (1-2): 60-5.

27. La speranza di vita di Chang CK, di Hayes RD, di Perera G, et al. alla nascita per la gente con la malattia mentale seria ed altri disordini importanti da un caso mentale secondario di sanità registrano a Londra. PLoS uno. 2011; 6(5): e19590.

28. Disponibile a: http://www.cdc.gov/nchs/fastats/depression.htm. 13 luglio 2011 raggiunto.

29. SIG. della ghirlanda, acidi grassi di Hallahan B. Essential ed il loro ruolo nelle circostanze caratterizzate dal impulsivity. Rev Psychiatry di Int. 2006 aprile; 18(2): 99-105.

30. Viti A, Delattre, Lima millimetro, et al. Il ruolo dei ricevitori 5-HT (1A) in pesce petrolio-ha mediato l'espressione aumentata di BDNF nell'ippocampo e nella corteccia del ratto: Un meccanismo antidepressivo possibile. Neurofarmacologia. 29 giugno 2011.

31. Pascoe MC, SG di Crewther, Carey LM, DP di Crewther. Che cosa mangiate siete che cosa siete - un ruolo per gli acidi grassi polinsaturi nella depressione indotta neuroinflammation? Clin Nutr. 27 maggio 2011.

32. McNamara RK, Hahn CG, Jandacek R, et al. deficit selettivi nell'acido docosaesaenoico dell'acido grasso omega-3 nella corteccia orbitofrontal post mortem dei pazienti con disturbo depressivo principale. Psichiatria di biol. 1° luglio 2007; 62(1): 17-24.

33. McNamara RK, Jandacek R, cavaliere T, et al. deficit in acido docosaesaenoico ed elevazioni collegate nel metabolismo di acido arachidonico e di acidi grassi insaturi nella corteccia orbitofrontal post mortem dei pazienti con disturbo bipolare. Ricerca di psichiatria. 30 settembre 2008; 160(3): 285-99.

34. Sublette ME, JUNIOR di Hibbeln, Galfalvy H, Oquendo mA, MANN JJ. Stato essenziale poli-insaturo dell'acido grasso Omega-3 come preannunciatore del rischio futuro di suicidio. Psichiatria di J. 2006 giugno; 163(6): 1100-2.

35. LA di Colangelo, K, Whooley il mA, Daviglus il ml, ingestione dietetica di Liu K. Higher degli acidi grassi polinsaturi a catena lunga omega-3 è associato inversamente con i sintomi depressivi in donne. Nutrizione. 2009 ottobre; 25(10): 1011-9.

36. Rondanelli m., Giacosa A, Opizzi A, et al. effetto del completamento degli acidi grassi omega-3 sui sintomi depressivi e su qualità della vita correlata con la salute nel trattamento delle donne anziane con la depressione: una prova alla cieca, test clinico controllato con placebo e randomizzato. J Coll Nutr. 2010 febbraio; 29(1): 55-64.

37. Il mp di Freeman, il JUNIOR di Hibbeln, la m. d'argento, et al. gli acidi grassi Omega-3 per disturbo depressivo principale si è associato con la transizione della menopausa: una prova aperta preliminare. Menopausa. 2011 marzo; 18(3): 279-84.

38. Tajalizadekhoob Y, Sharifi F, Fakhrzadeh H, et al. L'effetto di Omega a basse dosi 3 acidi grassi sul trattamento di delicato per moderare depressione negli anziani: una prova alla cieca, studio randomizzato e controllato con placebo. Psichiatria Clin Neurosci dell'arco di EUR. 12 febbraio 2011.

39. Denollet J, Mosa K, Knottnerus A, Keyzer JJ, schiocco VJ. L'ansia ha predetto la morte per tutte le cause e cardiovascolare prematura in seguito di dieci anni delle donne di mezza età. J Clin Epidemiol. 2009 aprile; 62(4): 452-6.

40. Yehuda S, Rabinovitz S, DI di Mostofsky. La miscela degli acidi grassi essenziali abbassa l'ansia della prova. Nutr Neurosci. 2005 agosto; 8(4): 265-7.

41. BM di Ross. Acidi grassi polinsaturi Omega-3 e disturbi di ansia. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2009 novembre-dicembre; 81 (5-6): 309-12.

42. Buydens-Branchey L, acidi grassi polinsaturi di Branchey M.N-3 fa diminuire le sensibilità di ansia in una popolazione degli oltraggiatori di sostanza. J Clin Psychopharmacol. 2006 dicembre; 26(6): 661-5.

43. Isomaa B. Un rischio per la salute importante: la sindrome metabolica. Vita Sci. 26 settembre 2003; 73(19): 2395-411.

44. Yang CY, Peng CY, Liu YC, Chen WZ, settimana di Chiou. Indici antropometrici di superficie nelle malattie e nei cancri metabolici in relazione con l'obesità. Chang Gung Med J. 2011 gennaio-febbraio; 34(1): 1-22.

45. Rosato V, Bosetti C, Talamini R, et al. sindrome metabolica ed il rischio di cancro al seno in donne postmenopausali. Ann Oncol. 23 marzo 2011.

46. Rosato V, Tavani A, Bosetti C, et al. rischio metabolico di cancro del pancreas e di sindrome: uno studio di caso-control in Italia e la meta-analisi. Metabolismo. 5 maggio 2011.

47. Welzel TM, BI di Graubard, Zeuzem S, EL-Serag HB, Davila JA, KA di McGlynn. La sindrome metabolica aumenta il rischio di cancro del fegato primario negli Stati Uniti: Uno studio nella base di dati di Sgombro-assistenza sanitaria statale. Epatologia. 29 aprile 2011.

48. CL di Chien chilolitro, di Chao, acidi grassi di Kuo CH, et al. del plasma ed il rischio di sindrome metabolica in cinese gli adulti della persona di origine cinese in Taiwan. Salute DIS dei lipidi. 2011;10:33.

49. Se di Noel, Newby PK, Ordovas JM, Tucker chilolitro. L'aderenza (n-3) ad un modello dell'assunzione pesce/dell'acido grasso è associata inversamente con la sindrome metabolica fra gli adulti portoricani nella maggior area di Boston. J Nutr. 2010 ottobre; 140(10): 1846-54.

50. Ebbesson COSÌ, Risica PM, Ebbesson LO, Kennish JM, Tejero ME. Gli acidi grassi Omega-3 migliorano la tolleranza al glucosio e le componenti della sindrome metabolica in eschimesi d'Alasca: il progetto dell'Alaska Siberia. Salute polare di Int J. 2005 settembre; 64(4): 396-408.

51. Sato A, Kawano H, Notsu T, et al. effetto di Antiobesity di acido eicosapentanoico dall'nell'obesità indotta da dieta alto-saccarosio/ad alta percentuale di grassi: importanza di lipogenesi epatica. Diabete. 2010 ottobre; 59(10): 2495-504.

52. Kabir m., Skurnik G, Naour N, et al. il trattamento per 2 Mo con gli acidi grassi polinsaturi di n 3 riduce l'adiposità ed alcuni fattori atherogenic ma non migliora la sensibilità dell'insulina in donne con il diabete di tipo 2: uno studio controllato randomizzato. J Clin Nutr. 2007 dicembre; 86(6): 1670-9.

53. CL di Sneddon aa, di Tsofliou F, di Fyfe, et al. effetto di una miscela dell'acido grasso omega-3 e dell'acido linoleico coniugato su composizione corporea e sul adiponectin. Obesità (Silver Spring). 2008 maggio; 16(5): 1019-24.

54. Effetti di Ramel A, di Martinez A, di Kiely m., di Morais G, di Bandarra nanometro, di Thorsdottir I. Beneficial degli acidi grassi a catena lunga n-3 inclusi in una dieta energia-limitata su insulino-resistenza nel sovrappeso e giovani adulti europei obesi. Diabetologia. 2008 luglio; 51(7): 1261-8.

55. Fedor D, Kelley DS. Prevenzione di insulino-resistenza dagli acidi grassi polinsaturi n-3. Cura di Curr Opin Clin Nutr Metab. 2009 marzo; 12(2): 138-46.

56. Kalupahana NS, Claycombe K, Newman SJ, et al. acido eicosapentanoico impedisce ed inverte l'insulino-resistenza da in topi obesi indotti da dieta ad alta percentuale di grassi via modulazione di infiammazione del tessuto adiposo. J Nutr. 2010 novembre; 140(11): 1915-22.

57. Geleijnse JM, Giltay EJ, Grobbee DE, Donders AR, Kok FJ. Risposta di pressione sanguigna al completamento dell'olio di pesce: analisi di metaregression delle prove randomizzate. J Hypertens. 2002 agosto; 20(8): 1493-9.

58. Ebrahimi m., Ghayour-Mobarhan m., Rezaiean S, et al. supplementi dell'acido grasso Omega-3 migliora il profilo di rischio cardiovascolare degli oggetti con la sindrome metabolica, compreso gli indicatori di infiammazione e dell'autoimmunità. Acta Cardiol. 2009 giugno; 64(3): 321-7.

59. MN di legni, Wanke CA, Ling PR, et al. effetto di un completamento dell'acido grasso n-3 e di intervento dietetico sulle misure della sensibilità del lipido e dell'insulina del siero in persone con il HIV. J Clin Nutr. 2009 dicembre; 90(6): 1566-78.

60. Jimenez-Gomez Y, Marin C, Peerez-Martinez P, et al. Una dieta a bassa percentuale di grassi e alto-complessa del carboidrato completata con (n-3) gli acidi grassi a catena lunga altera il profilo postprandiale della lipoproteina in pazienti con la sindrome metabolica. J Nutr. 2010 settembre; 140(9): 1595-601.

61. Fakhrzadeh H, Ghaderpanahi m., Sharifi F, et al. Gli effetti degli acidi grassi bassi della dose n-3 sui profili del lipido del siero e insulino-resistenza degli anziani: un test clinico controllato randomizzato. Ricerca di Int J Vitam Nutr. 2010 aprile; 80(2): 107-16.

62. de Lorgeril M, Salen P, Martin JL, Monjaud I, Boucher P, modello dietetico di Mamelle N. il Mediterranean in una prova randomizzata: sopravvivenza prolungata e tasso riduttore possibile del cancro. Med dell'interno dell'arco. 8 giugno 1998; 158(11): 1181-7.

63. Cockbain AJ, Toogood GJ, guscio mA. Acidi grassi polinsaturi Omega-3 per il trattamento e la prevenzione di cancro colorettale. Intestino. 13 aprile 2011.

64. Anti m., Armelao F, Marra G, et al. effetti delle dosi differenti dell'olio di pesce su proliferazione rettale delle cellule in pazienti con gli adenomi colici sporadici. Gastroenterologia. 1994 dicembre; 107(6): 1709-18.

65. Huang YC, Jessup JM, RA di Forse, et al. acidi grassi n-3 fa diminuire la proliferazione colica delle cellule epiteliali in mucosa ad alto rischio dell'intestino. Lipidi. 1996 marzo; 31 supplemento: S313-7.

66. Courtney ED, Matthews S, Finlayson C, et al. acido eicosapentanoico (EPA) riduce la proliferazione delle cellule della cripta ed aumenta gli apoptosi in mucosa colica normale negli oggetti con una storia degli adenomi colorettali. Int J DIS colorettale. 2007 luglio; 22(7): 765-76.

67. NJ ad ovest, Clark SK, "phillips" RK, et al. acido eicosapentanoico riduce il numero e la dimensione rettali del polipo in poliposi adenomatosi familiari. Intestino. 2010 luglio; 59(7): 918-25.

68. Lou anno, Peng QY, Li T, et al. effetti delle diete ad alta percentuale di grassi ricche acidi grassi di omega-3 o di omega-6 da su carcinogenesi indotta UVB della pelle in topi SKH-1. Carcinogenesi. 2011 luglio; 32(7): 1078-84.

69. Pilkington MP, Watson CON RIFERIMENTO A, Nicolaou A, Rodi LE. Acidi grassi polinsaturi Omega-3: macronutrienti photoprotective. Exp Dermatol. 2011 luglio; 20(7): 537-43.

70. Rodi LE, Shahbakhti H, RM di Azurdia, et al. effetto di acido eicosapentanoico, un acido grasso poli-insaturo omega-3, sul rischio di cancro in relazione con UVR in esseri umani. Una valutazione degli indicatori genotossici in anticipo. Carcinogenesi. 2003 maggio; 24(5): 919-25.

71. Norrish EA, Skeaff cm, Arribas GL, Sharpe SJ, Jackson RT. Rischio di carcinoma della prostata e consumo di oli di pesce: ad uno studio basato a biomarcatore dietetico di caso-control. Cancro del Br J. 1999 dicembre; 81(7): 1238-42.

72. Friedrichs W, SB di Ruparel, RA di Marciniak, inibizione dell'acido grasso di Degraffenried L. Omega-3 della progressione del carcinoma della prostata ad indipendenza dell'ormone è associato con soppressione della segnalazione del mTOR e dell'espressione del ricevitore dell'androgeno. Cancro di Nutr. 10 giugno 2011: 1-7.

73. Goodstine SL, Zheng T, Holford TR, et al. dietetico (n-3 rapporto)/(n-6) acido grasso: relazione possibile al rischio di cancro al seno premenopausa ma non postmenopausale nelle donne degli Stati Uniti. J Nutr. 2003 maggio; 133(5): 1409-14.

74. Patterson CON RIFERIMENTO A, interruttore di Flatt, Newman VA, et al. assunzione marina dell'acido grasso è associato con la prognosi del cancro al seno. J Nutr. 2011 febbraio; 141(2): 201-6.

75. Yee LD, Lester JL, RM delle Cole, et al. supplementi dell'acido grasso Omega-3 in donne ad ad alto rischio di cancro al seno ha effetti dipendenti dalla dose sulla composizione di in acidi grassi del tessuto adiposo del seno. J Clin Nutr. 2010 maggio; 91(5): 1185-94.

76. Disponibile a: http://www.cdc.gov/nchs/fastats/kidbladd.htm. 13 luglio 2011 raggiunto.

77. Friedman. Completamento dell'acido grasso Omega-3 nella malattia renale avanzata. Quadrante di Semin. 2010 luglio-agosto; 23(4): 396-400.

78. La CC di Gopinath B, di Harris, l'inondazione VM, Burlutsky G, Mitchell P. Consumption di n-3 a catena lunga PUFA, l'acido alfa-linoleico ed il pesce è associata con la prevalenza della malattia renale cronica. Br J Nutr. 2011 maggio; 105(9): 1361-8.

79. La WS, Kim HJ, Cho KH, ND di Vaziri. Il completamento dell'acido grasso Omega-3 attenua lo sforzo ossidativo, l'infiammazione e la fibrosi tubulointerstitial nel rene del resto. J Physiol Physiol renale. 2009 ottobre; 297(4): F895-903.

80. Lauretani F, Maggio m., Pizzarelli F, et al. Omega-3 e funzione renale in adulti più anziani. DES di Curr Pharm. 2009;15(36):4149-56.

81. Alexander JW, Goodman ora, Succop P, et al. influenza degli acidi grassi polinsaturi a lunga catena e concentrazioni nell'ornitina sulle complicazioni dopo trapianto renale. Trapianto di Exp Clin. 2008 giugno; 6(2): 118-26.

82. Hassan KS, Hassan SK, Hijazi PER ESEMPIO, KO di Khazim. Effetti di omega-3 sugli indicatori di profilo e di infiammazione del lipido nei pazienti sottoposti a dialisi peritoneali. Ren Fail. 2010;32(9):1031-5.

83. Bowden RG, Wilson RL, Deike E, il completamento dell'olio di Gentile M. Fish abbassa i livelli C-reattivi della proteina indipendenti da riduzione del trigliceride di pazienti con la malattia renale di stadio finale. Nutr Clin Pract. 2009 agosto-settembre; 24(4): 508-12.

84. Bouzidi N, Mekki K, Boukaddoum A, Dida N, Kaddous A, Bouchenak M. Effects del completamento poli-insaturo dell'grasso-acido omega-3 su stato redox nei pazienti cronici dell'insufficienza renale con la dislipidemia. J Ren Nutr. 2010 settembre; 20(5): 321-8.

85. Wong CY, Yiu KH, interruttore di Li, et al. supplemento dell'olio di pesce ha effetti neutrali sulla funzione vascolare e metabolica ma migliora la funzione renale in pazienti con il diabete di tipo 2 mellito. Med di Diabet. 2010 gennaio; 27(1): 54-60.

86. Distretto di Masterton GS, Plevris JN, PC di Hayes. Recensione: omega-3 acidi grassi - una terapia innovatrice di promessa per l'affezione epatica grassa analcolica. Alimento Pharmacol Ther. 2010 aprile; 31(7): 679-92.

87. ONG JP, Pitts A, Younossi ZM. Mortalità globale aumentata e mortalità in relazione con il fegato nell'affezione epatica grassa analcolica. J Hepatol. 2008 ottobre; 49(4): 608-12.

88. Molendi-Coste O, Legry V, Leclercq IA. Lipidi dietetici e NAFLD: suggerimenti per nutrizione migliore. Acta Gastroenterol Belg. 2010 ottobre-dicembre; 73(4): 431-6.

89. Oya J, Nakagami T, Sasaki S, et al. assunzione degli acidi grassi polinsaturi n-3 ed affezione epatica grassa analcolica: uno studio rappresentativo in uomini ed in donne giapponesi. EUR J Clin Nutr. 2010 ottobre; 64(10): 1179-85.

90. Shapiro H, Tehilla m., Attal-Cantante J, Bruck R, Luzzatti R, potenziale terapeutico di Cantante P. The degli acidi grassi a catena lunga omega-3 nell'affezione epatica grassa analcolica. Clin Nutr. 2011 febbraio; 30(1): 6-19.

91. Hatzitolios A, Savopoulos C, Lazaraki G, et al. efficacia degli acidi grassi omega-3, atorvastatine e orlistat nell'affezione epatica grassa analcolica con la dislipidemia. J indiano Gastroenterol. 2004 luglio-agosto; 23(4): 131-4.

92. Capanni m., Calella F, il SIG. di Biagini, et al. il completamento poli-insaturo prolungato dell'acido grasso n-3 migliora la steatosi epatica in pazienti con l'affezione epatica grassa analcolica: uno studio pilota. Alimento Pharmacol Ther. 15 aprile 2006; 23(8): 1143-51.

93. Sofi F, Giangrandi I, Cesari F, et al. effetti di un intervento dietetico di un anno con olio d'oliva acido-arricchito grasso poli-insaturo n-3 sui pazienti grassi analcolici di affezione epatica: uno studio preliminare. Alimento Sci Nutr di Int J. 2010 dicembre; 61(8): 792-802.

94. Plotnikoff GA. Alimento come medicina--sanità redditizia? L'esempio degli acidi grassi omega-3. Med di Minn. 2003 novembre; 86(11): 41-5.

95. Disponibile a: http://www.cdc.gov/nchs/fastats/osteoporosis.htm. 13 luglio 2011 raggiunto.

96. Tendenze, risultati e fattori di rischio epidemiologici di frattura di R. Hip dei segni, 1970-2009. Int J Gen Med. 2010;3:1-17.

97. Shortt nl, Robinson cm. La mortalità dopo le fratture a bassa energia in pazienti ha invecchiato almeno 45 anni. Trauma di J Orthop. 2005 luglio; 19(6): 396-400.

98. CB di Leboime A, di Confavreux, Mehsen N, Paccou J, David C, roux C. Osteoporosis e mortalità. Spina dorsale unita dell'osso. 2010 dicembre; 77 supplementi 2: S107-12.

99. Farina EK, DP di Kiel, Roubenoff R, Schaefer EJ, LA di Cupples, Tucker chilolitro. Effetti protettivi dell'assunzione del pesce ed effetti interattivi delle assunzioni poli-insature a catena lunga dell'acido grasso su densità minerale dell'osso iliaco in adulti più anziani: lo studio di osteoporosi di Framingham. J Clin Nutr. 2011 maggio; 93(5): 1142-51.

100. Fernandes G, Bhattacharya A, Rahman m., Zaman K, Banu J. Effects degli acidi grassi n-3 su autoimmunità e su osteoporosi. Front Biosci. 2008;13:4015-20.

101. Kruger MC, Coetzer H, de Winter R, Gericke G, van Papendorp DH. Calcio, acido gamma-linolenico e completamento dell'acido eicosapentanoico nell'osteoporosi senile. Invecchiare (Milano). 1998 ottobre; 10(5): 385-94.

102. Maggio m., Artoni A, Lauretani F, et al. L'impatto degli acidi grassi omega-3 su osteoporosi. DES di Curr Pharm. 2009;15(36):4157-64.

103. Rahman millimetro, Bhattacharya A, acido docosaesaenoico di Fernandes G. è inibitore più potente di differenziazione di osteoclasto in 264,7 cellule CRUDE che l'acido eicosapentanoico. Cellula Physiol di J. 2008 gennaio; 214(1): 201-9.

104. Salari P, Rezaie A, Larijani B, Abdollahi M. Una rassegna sistematica dell'impatto degli acidi grassi n-3 nella salute e nell'osteoporosi dell'osso. Med Sci Monit. 2008 marzo; 14(3): RA37-44.

105. Salari Sharif P, Asalforoush m., Ameri F, Larijani B, Abdollahi M. L'effetto degli acidi grassi n-3 sui biomarcatori dell'osso in donne osteoporotiche postmenopausali iraniane: un test clinico randomizzato. Età (Dordr). 2010 giugno; 32(2): 179-86.

106. GG di Alvarez, Schulzer m., Jung D, Fitzgerald JM. Un esame sistematico dei fattori di rischio si è associato con asma quasi-mortale e mortale. Può luglio-agosto Respir il J. 2005; 12(5): 265-70.

107. Shahar E, Folsom AR, Melnick SL, et al. acidi grassi polinsaturi dietetici n-3 e malattia polmonare ostruttiva cronica correlata al fumo. Rischio di aterosclerosi nei ricercatori di studio delle Comunità. Med di N Inghilterra J. 28 luglio 1994; 331(4): 228-33.

108. Shahar E, Boland LL, Folsom AR, ms di Tockman, PAGINA di McGovern, Eckfeldt JH. Acido docosaesaenoico e malattia polmonare ostruttiva cronica correlata al fumo. Il rischio di aterosclerosi nei ricercatori di studio delle Comunità. Med di cura di J Respir Crit. 1999 giugno; 159(6): 1780-5.

109. Simopoulos AP. Acidi grassi essenziali nella salute e nella malattia cronica. J Clin Nutr. 1999 settembre; 70 (3 supplementi): 560S-69S.

110. Schwartz J. Role degli acidi grassi polinsaturi nell'affezione polmonare. J Clin Nutr. 2000 gennaio; 71 (1 supplemento): 393S-6S.

111. Matsuyama W, Mitsuyama H, Watanabe m., et al. effetti degli acidi grassi polinsaturi omega-3 sugli indicatori infiammatori in COPD. Petto. 2005 dicembre; 128(6): 3817-27.

112. Mickleborough TD, chilowatt di Rundell. Acidi grassi polinsaturi dietetici nella broncocostrizione indotta dall'esercizio e di asma. EUR J Clin Nutr. 2005 dicembre; 59(12): 1335-46.

113. Uso di Pontes-Arruda A, di Demichele S, di Seth A, di Cantante P. The di una dieta dimodulazione in pazienti con la lesione di polmone acuta o sindrome di emergenza respiratoria acuta: una meta-analisi dei dati di risultato. JPEN J Parenter Nutr enterale. 2008 novembre-dicembre; 32(6): 596-605.

114. Surette ME, Stull D, Lindemann J. L'impatto contenente medico dell'alimento gammalinolenic e di acidi eicosapentanoici sulla gestione di asma e sulla qualità della vita dei pazienti adulti di asma. Curr Med Res Opin. 2008 febbraio; 24(2): 559-67.

115. Consumo di Schnappinger m., di Sausenthaler S, di Linseisen J, di Hauner H, di Heinrich J. Fish, sensibilizzazione allergica e malattie allergiche in adulti. Ann Nutr Metab. 2009;54(1):67-74.

116. Hirayama F, Lee AH, l'ingestione dietetica di Binns CW, di Hiramatsu N, di Mori m., di Nishimura K. degli isoflavoni e gli acidi grassi polinsaturi si sono associati con la funzione polmonare, la dispnea e la prevalenza della malattia polmonare ostruttiva cronica: effetto protettivo possibile della dieta tradizionale del giapponese. Mol Nutr Food Res. 2010 luglio; 54(7): 909-17.

117. Sanchez-Villegas A, Henriquez P, Figueiras A, Ortuno F, Lahortiga F, Martinez-Gonzalez mA. Omega-3 acidi grassi a lunga catena assunzione, consumo di pesce e studio di gruppo di disturbi mentali al sole. EUR J Nutr. 2007 settembre; 46(6): 337-46.

118. Il JV di Pottala, Garg la S, Cohen È, Whooley il mA, Harris WS. Il sangue eicosapentanoico e gli acidi docosaesaenoici predicono la mortalità per tutte le cause in pazienti con la coronaropatia stabile: lo studio di anima e del cuore. Circ Cardiovasc Qual Outcomes. 2010 luglio; 3(4): 406-12.

119. Hamazaki K, Terashima Y, Itomura m., et al. acido docosaesaenoico è un preannunciatore indipendente della mortalità per tutte le cause nei pazienti di emodialisi. J Nephrol. 2011;33(2):105-10.