Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista settembre 2011
Rapporto

Protegga il vostro corpo dall'odierno allagamento tossico

Da Philip Domenico, dal PhD e da Carey Monserrate
Protegga il vostro corpo dall'odierno allagamento tossico

Quasi 70.000 prodotti chimici industriali1 possono ora essere trovati in prodotti di ogni giorno, con 1.000 nuovi prodotti chimici sintetici introdotti ogni anno.2 soltanto una frazione di questi sono stati provati a sicurezza in esseri umani.

Le stime di EPA indicano che gli Americani di media possono portare circa 700 prodotti chimici industriali nei loro corpi.3

In i centri per il rapporto del controllo delle malattie, risultati dalle selezioni di 2.500 Americani per 148 prodotti chimici industriali sono stati pubblicati.4 che i risultati sensazionali rivelano le quantità significative di questi prodotti chimici sono stati trovati nelle circolazioni sanguigne di ogni individuo provati.

Come il più detoxifier primario del corpo, il vostro fegato serve da difesa di linea di battaglia contro gli agenti chimici. Gli estratti dalla pianta del cardo selvatico di latte sono fra le protezioni più potenti della funzione epatica. Sono capaci di esitante e perfino di inversione dei danni al fegato esternamente indotti.

In questo articolo, scoprirete i dati recenti che sottolineano il potere unico del cardo selvatico di latte di difendere il fegato contro gli effetti delle tossine conosciute. Inoltre imparerete della ricerca che sostiene i suoi effetti preventivi contro le malattie relative all'età, compreso aterosclerosi, cancro, la malattia neurodegenerative ed il diabete.5-8

Protezione del fegato

Protezione del fegato

Il fegato esegue oltre 300 funzioni metaboliche critiche. È l'unità di elaborazione metabolica primaria del vostro corpo per virtualmente tutte le sostanze, compreso quelle che internamente sono prodotti, come proteina e colesterolo e le sostanze esternamente presentate come le droghe e l'alcool. Il suo ruolo centrale nella trasformazione o nell'eliminazione dei questi prodotti chimici rende il fegato particolarmente suscettibile della lesione chimicamente indotta.

Oltre a sovresposizione a migliaia di prodotti chimici sintetici nella nostra età postindustriale,9 droghe di ogni giorno sono state indicate per aumentare drammaticamente il carico chimico del fegato. Più di 900 droghe sono state implicate nei danni al fegato, compreso le statine, gli anticoncezionali ormonali e gli antibiotici come l'eritromicina.9 la droga antidolorifica popolare Tylenol® (acetaminofene) sembrano essere la causa di numero uno di insufficienza epatica acuta negli Stati Uniti.10

Molte droghe richiedono al monitoraggio di funzione epatica di assicurarsi che nessun danno sia stato inflitto. Purtroppo, il danno inflitto da molte tossine del fegato (anche conosciute come le epatotossine) va spesso inosservato. Ciò fa l'analisi del sangue sistematica di importanza basilare, specialmente se state prendendo una droga con gli effetti epatotossici potenziali. Gli enzimi elevati del fegato nel sangue indicano la disfunzione del fegato, sebbene i danni al fegato possano svilupparsi rapidamente, prima che le anomalie degli enzimi del fegato si manifestino.

La silimarina, il silibinin ed altre componenti del cardo selvatico di latte proteggono questi e da altri insulti del prodotto chimico. Sono stati indicati conclusivamente per neutralizzare la tossicità da un'ampia varietà di sostanze tossiche, compresi etanolo,11 solvente organico,12 prodotti farmaceutici,13,14 ed a veleni o a micotossine basati a fungo.Il cardo selvatico di latte 15,16, per esempio, produce i tassi di sopravvivenza superiori da avvelenamento del fungo dei phalloides dell'amanita, rispetto al trattamento standard.17

Alterando le membrane cellulari del fegato, la silimarina inibisce l'assorbimento della tossina e stimola la rigenerazione delle cellule.L'attività antiossidante potente di 18,19 silimarine contribuisce ad acquietare l'infiammazione e riempire il glutatione.Il glutatione 18 è l'interno dell'antiossidante del capo la maggior parte delle cellule viventi ed è la linea di difesa principale contro danno del radicale libero. È trovato nelle alte concentrazioni nel fegato.

Che cosa dovete conoscere: Sovraccarico del prodotto chimico e di silimarina
  • Il fegato è sottoposto agli assalti chimici costanti nel mondo moderno.
  • La silimarina phytonutrient, derivata dalla pianta del cardo selvatico di latte, è stata indicata conclusivamente a sia protegge che guarisce il fegato dalle forme multiple di danno indotte dai composti stranieri e dagli agenti infettante.
  • Il cardo selvatico di latte inoltre combatte i danni al fegato causati dai carichi metabolici quali l'eccessivo alcool e l'apporto calorico.
  • La ricerca recente indica un ruolo per la silimarina nella lotta contro il cancro, nell'aterosclerosi e nelle malattie neurodegenerative come Alzheimer pure.

Gli studi umani sono ugualmente confermativi. Il trattamento di silimarina è stato indicato per ridurre significativamente la mortalità in relazione con il fegato in pazienti con danni al fegato alcolici.Un silibinin clinico di 17,20 sostegni di prova per da cirrosi indotta da alcool.La silimarina 16,21 ha ridotto i sintomi della conservazione biliare causati da epatite acuta di varie cause in esseri umani.22

In un esame degli studi di epatite virale, la silimarina ha fatto diminuire gli enzimi del fegato conosciuti come le transaminasi 23del siero ed ha migliorato i sintomi ed il benessere generale.24 per quanto riguarda attività contro il virus dell'epatite C, la silimarina e le sue componenti erano antinfiammatorie. Tutti i composti hanno bloccato dallo lo sforzo ossidativo indotto da virus. Le analisi multiple suggeriscono che i numerosi composti del cardo selvatico di latte possano contribuire a migliorare la malattia di epatite virale C.25

Sovraccarico del prodotto chimico e di silimarina

Una dieta del alto-carboidrato può indurre i trigliceridi in eccesso del sangue ad alloggiare in cellule epatiche, causando l'infiammazione ed il danno ossidativo.26-28 questo a sua volta provoca l'affezione epatica grassa analcolica o NAFLD, una circostanza che affligge approssimativo un terzo di tutti gli Americani.29

Incontrollato sinistro, NAFLD può diventare la cirrosi, il carcinoma e la morte. I test clinici che studiano la silimarina hanno mostrato la riduzione significativa in alanina aminotransferasi degli enzimi del fegato (alt) e aspartato aminotransferasi (AST), senza gli effetti collaterali seri.29 gli autori hanno concluso che questo estratto economico e disponibile facilmente dovrebbe essere considerato una terapia dell'aggiunta nel trattamento di NAFLD.

Neuroprotection

I costituenti del cardo selvatico di latte, compreso la silimarina, sono antiossidanti potenti.33 oltre la sua utilità come tonico del fegato, il cardo selvatico di latte inoltre protegge da danno del nervo e da invecchiamento anormale del cervello.

Gli aiuti di silimarina proteggono determinate cellule del sistema nervoso centrale da danno del radicale libero.34 che può anche contribuire a proteggere dal trauma cranico provocato dal colpo.La ricerca 35 in un modello animale di demenza indica che la silimarina riduce il amiloide-beta deposito nel cervello mentre migliora il comportamento, trovando quella suggerisce le applicazioni nell'impedimento o rallentando la progressione del morbo di Alzheimer.8

Cardo selvatico di latte e di silimarina: Protezione del fegato attraverso i millenni
Cardo selvatico di latte
Cardo selvatico di latte

Il silybum marianum, o il cardo selvatico di latte, la fonte per il complesso potente di silimarina, è stato usato affinchè oltre 2.000 anni tratti l'affezione epatica. Attualmente, gli estratti di semi sono d'uso comune di proteggere da danni al fegato dall'alcool o dagli agenti inquinanti e sono prescritti per vari stati del fegato.

Il cardo selvatico di latte è approvato nelle monografie tedesche della Commissione E per gli stati infiammatori del fegato. Queste monografie, compilate per la prescrizione medica conceduta una licenza a dei botanicals in Germania, si allineano fra il mondo valutazioni rispettate e più definitive della sicurezza e dell'efficacia di varie erbe e di interventi phytonutrient.30

Protezione contro la malattia cardiovascolare

La silimarina è inoltre protettiva per quelle ad ad alto rischio per la malattia cardiovascolare. Nei modelli animali, le proprietà antiossidanti della silimarina sono state indicate per ridurre l'ossidazione di lipoproteina a bassa densità (LDL) — un'individuazione con le domande importanti di protezione dalla salute cardiovascolare.36 offerte di silimarina avanzano l'attività aterosclerotica inibendo dall'l'espressione indotta da infiammazione della molecola di adesione.37

La silimarina avvantaggia il metabolismo (grasso) del lipido e protegge dalle devastazioni di eccesso di cibo. Gli animali disposti su una dieta ad alta percentuale di grassi per indurre l'indurimento delle arterie (aterosclerosi) hanno esibito il beneficio significativo dalla silimarina: LDL riduttore, colesterolo totale, trigliceridi; e lipoproteina ad alta densità aumentata (HDL) e glutatione.38,39

LDL ed i livelli di colesterolo totali sono diminuito nei pazienti della chirurgia del carcinoma della prostata che erano silimarina amministrata (570 mg) con selenio (240 mcg).6

Protezione contro la malattia cardiovascolare

Disordini metabolici combattenti

Un test clinico di quattro mesi che comprende 51 paziente con il diabete di tipo 2 ha indicato che 200 mg di silimarina 3 volte hanno abbassato giornalmente significativamente LDL, colesterolo totale e trigliceridi, confrontati a placebo. Inoltre ha abbassato gli enzimi, la glicemia a digiuno e l'emoglobina A1c —una misura del fegato di controllo a lungo termine della glicemia.5 in effetti, la silimarina può aiutare il vostro fegato ed il vostro intero corpo a fare fronte al trauma di consumo alimentare in eccesso. I benefici possono anche estendere al diabete5 ed alla lesione del rene.40

Lotta contro il cancro

Il ruolo chemopreventive della silimarina è stato stabilito in laboratorio e negli studi sugli animali. La silimarina interferisce con la crescita e l'immortalità del cancro ed esibisce l'attività metastatica antinfiammatoriae anti- (impedisce il cancro sparso). Ancora, la silimarina e il silibinin possono essere aggiunte importanti alle terapie anticancro stabilite, attenuare la tossicità dalla chemioterapia o dalla radioterapia.7

Silibinin dimostra l'efficacia contro le numerose malignità compreso quelle del fegato, dei due punti, della pelle e della prostata.41-45

Cellula tumorale
Cellula tumorale

Sia gli estratti attuali che internamente ingeriti del silibinin mostrano la promessa contro il cancro di pelle. Silibinin visualizza la fotoprotezione contro gli effetti cancerogeni della pelle di radiazione (UV) ultravioletta con gli effetti antinfiammatori ed anti-angiogenici.43 Silibinin possono rappresentare così un agente attuale ed interno importante per la protezione della pelle contro gli effetti cancerogeni di luce UV.

Silibinin è una componente essenziale per l'arresto della replica delle cellule di carcinoma della prostata.41 Silibinin hanno inibito la crescita del tumore, la progressione, l'invasione locale e la metastasi distante di carcinoma della prostata in topi. La ricerca suggerisce che il silibinin funzioni in parte inducendo l'arresto del ciclo cellulare.44

Fra i flavonolignans del cardo selvatico di latte, il isosilybin B rivelati essere il più efficace divisione cellulare in buona salute di carcinoma della prostata delle cellule alla prostata d'inibizione di crescita e di mantenimento.46,47 Isosilybin B hanno soppresso un fattore genetico nei cancri umani ed erano attivi contro sia i carcinoma della prostata dell'ormone-indipendente che ormone-dipendenti in laboratorio.48 Isosilybin A e B erano insieme efficaci soppressori della secrezione prostatico specifica dell'antigene (PSA), un indicatore della progressione del carcinoma della prostata e ricorrenza.46

Insieme, questi risultati parlano forte a favore dell'uso dei silibinin come aggiunta alla chemioterapia convenzionale.49

I componente attivi del cardo selvatico di latte
I componente attivi del cardo selvatico di latte

L'uso del cardo selvatico di latte è sostenuto tramite la ricerca sui suoi principi attivi. Parecchi polifenoli chiamati flavonolignans sono stati estratti dal cardo selvatico di latte. Collettivamente, questi estratti sono chiamati silimarina e sono in esame per molti stati di salute.

I composti attivi isolati finora includono il silybin A, il silybin B, il isosilybin A, il isosilybin B, il silydianin, il isosilydianin, il silychristin e il isosilychristin.31.32

Riassunto

Il fegato è sottoposto agli assalti chimici costanti nel mondo moderno. Oltre 70.000 prodotti chimici industriali della sicurezza sconosciuta e 900 delle droghe conosciute per indurre i danni al fegato sottolini l'esigenza critica del supporto ottimale del fegato. Gli estratti del cardo selvatico di latte proteggono e guariscono il fegato dalle forme multiple di danno indotte dai composti stranieri, dai carichi metabolici e dagli agenti infettante. La ricerca recente indica un ruolo per la silimarina, il silibinin ed altre componenti del cardo selvatico di latte nella lotta contro il cancro, nell'aterosclerosi e nelle malattie neurodegenerative come Alzheimer pure.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a
1-866-864-3027.

Vital Liver Functions
Protezione contro la malattia cardiovascolare
  • Disintossicazione
  • Stoccaggio del glicogeno; regolamento della glicemia
  • Produzione/stoccaggio della proteina; regolamento del metabolismo di proteina
  • Produzione della bile
  • Produzione del colesterolo
  • Produzione dei fattori di coagulazione; componenti del globulo rosso
  • Regolazione ormonale
  • neutralizzazione Libero radicale
  • Stoccaggio delle vitamine, minerali
Riferimenti

1. Geiser K, B. Materials Matter più comune: Verso una politica sostenibile dei materiali. Cambridge, mA: La stampa del MIT; 2001.

2. Gli Stati Uniti Ente per la salvaguardia dell'ambiente, ufficio di prevenzione dell'inquinamento e sostanze tossiche. Studio chimico di disponibilità di dati di rischio: Che cosa realmente conosciamo circa la sicurezza di alti prodotti chimici del volume di produzione? Washington, DC: Aprile 1998.

3. Onstot J, Ayling R, Stanley J. Characterization dei picchi di HRGC/MSUnidentified dall'analisi del tessuto adiposo umano. Volume 1: Impostazione tecnica. Washington, DC: U.S. Ufficio dell'ente per la salvaguardia dell'ambiente delle sostanze tossiche; 1987.

4. Ministero dei servizi sanitari e sociali. Terzo rapporto nazionale su esposizione umana ai prodotti chimici ambientali. Atlanta, GA: Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie; Luglio 2005.

5. HF di Huseini, Larijani B, Heshmat R, et al. L'efficacia del silybum marianum (L.) Gaertn. (silimarina) nel trattamento del diabete di tipo II: un randomizzato, prova alla cieca, controllata con placebo, test clinico. Ricerca di Phytother. 2006 dicembre; 20(12): 1036-9.

6. Vidlar A, Vostalova J, Ulrichova J, et al. La sicurezza e l'efficacia di una combinazione del selenio e di silimarina in uomini dopo il test clinico controllato con placebo di sei mesi della prova alla cieca della prostatectomia-un radicale. Biomed Pap Med Fac Univ Palacky Olomouc Ceco Repub. 2010 settembre; 154(3): 239-44

7. Ramasamy K, terapia di Agarwal R. Multitargeted di cancro dalla silimarina. Cancro Lett. 8 ottobre 2008; 269(2): 352-62.

8. Murata N, Murakami K, Ozawa Y, et al. silimarina ha attenuato il carico della placca dell'amiloide ed ha migliorato le anomalie comportamentistiche in un modello del topo del morbo di Alzheimer. Biochimica di Biosci Biotechnol. 2010 novembre; 74(11): 2299-306.

9. Se di Friedman, Kr di McQuaid, Grendell JH. Diagnosi e trattamento correnti in gastroenterologia. New York: McGraw-Hill medico; 2002.

10. Chun LJ, tenaglie MJ, Busuttil RW, JUNIOR di Hiatt. Epatotossicità e insufficienza epatica acuta dell'acetaminofene. Clin Gastroenterol. 2009 aprile; 43(4): 342-9.

11. CS di Lieber, Leo mA, cao Q, Ren C, DeCarli LM. La silimarina ritarda la progressione da di fibrosi epatica indotta da alcool in babbuini. J Clin Gastroenterol. 2003 ottobre; 37(4): 336-9.

12. Szilárd S, Szentgyörgyi D, effetto di Demeter I. Protective di Legalon in lavoratori ha esposto ai solventi organici. Acta Med Hung. 1988;45(2):249-56.

13. Shaarawy MP, Tohamy aa, Elgendy MP, et al. effetti protettivi di aglio e silimarina da su epatotossicità indotta NDEA dei ratti. Biol Sci di Int J. 2009 agosto; 5(6): 549-57.

14. Eminzade S, Uras F, Izzettin FV. La silimarina protegge il fegato dagli effetti tossici delle droghe della anti-tubercolosi in animali da esperimento. Nutr Metab (Lond). 5 luglio 2008; 5:18.

15. Jayaraj R, DEB U, Bhaskar COME, Prasad GB, Rao PV. L'efficacia di Hepatoprotective di determinati flavonoidi contro il microcystin ha indotto la tossicità in topi. Envir Toxicol. 2007;22(5):472-9.

16. Saller R, Brignoli R, Melzer J, Meier R. Una rassegna sistematica aggiornata con la meta-analisi per la prova clinica della silimarina. Forsch Komplementmed. 2008 febbraio; 15(1): 9-20.

17. Saller R, Meier R, Brignoli R. L'uso della silimarina nel trattamento delle malattie del fegato. Droghe. 2001;61(14):2035-63.

18. Disponibile a: http://www.medscape.com/viewarticle/422884. 17 maggio 2011 raggiunto.

19. Feher J, Lengyel G. Silymarin nella prevenzione e nel trattamento delle malattie del fegato e del cancro del fegato primario. Curr Pharm Biotechnol. 5 aprile 2001.

20. Laekeman G, De Coster S, De Meyer K. St. Il cardo selvatico di Maria: una panoramica. J Pharm Belg. 2003;58(1):28-31.

21. Ferenci P, Dragosics B, Dittrich H, et al. prova controllata randomizzata del trattamento di silimarina in pazienti con cirrosi del fegato. J Hepatol. 1989;9:105-13.

22. EL-Kamary ss, MD di Shardell, Abdelhamid m., et al. Una prova controllata randomizzata per valutare la sicurezza e l'efficacia della silimarina sui sintomi, sui segni e sui biomarcatori di epatite acuta. Phytomedicine. 2009 maggio; 16(5): 391-400.

23. Mayer KE, Myers RP, Lee ss. Trattamento di silimarina di epatite virale: una rassegna sistematica. J Hepat virale. 2005 novembre; 12(6): 559-67.

24. MD di Tanamly, Tadros F, Labeeb S, et al. silimarina di valutazione di prova doppio accecata ripartita con scelta casuale per epatite virale C cronica in un villaggio egiziano: descrizione di studio e risultati di 12 mesi. Dig Liver Dis. 2004 novembre; 36(11): 752-9.

25. Polyak SJ, Morishima C, Lohmann V, amico S, Dy di Lee, Liu Y, et al. identificazione dei flavonolignans hepatoprotective dalla silimarina. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 2010 marzo; 107(13): 5995-9.

26. York LW, Puthalapattu S, Wu GY. Affezione epatica e diete povere di carboidrati grassa analcoliche. Annu Rev Nutr. 2009;29:365-79.

27. Brunitura del JD, panettiere JA, Rogers T, Davis J, Satapati S, Sc di Burgess Perdita di peso a breve termine e riduzione epatica del trigliceride: prova di un vantaggio metabolico con la restrizione dietetica del carboidrato. J Clin Nutr. 2011 maggio; 93(5): 1048-52.

28. Kechagias S, Ernersson A, Dahlqvist O, et al. ad iper-alimentazione basata a rapida può indurre l'elevazione rapida e profonda del aminotranferase di sieroalanina negli individui sani. Intestino. 2008 maggio; 57(5): 649-54.

29. Hajaghamohammadi aa, Ziaee A, Rafiei R. L'efficacia della silimarina nelle attività diminuenti della transaminasi nell'affezione epatica grassa analcolica: Un test clinico controllato randomizzato. Epatite mensile. 2008;8(3):191.

30. Burgess CA. Silybum marianum. J Pharmacol Soc Wisc. 2003 marzo-aprile: 38-40.

31. Sc di Pradhan, droga di erbe di Girish C. Hepatoprotective, silimarina da farmacologia sperimentale a medicina clinica. J indiano Med Res. 2006 novembre; 124(5): 491-504.

32. Brantley SJ, Oberlies NH, Kroll DJ, Paine MF. Due flavonolignans dal cardo selvatico di latte (silybum marianum) inibiscono il metabolismo del warfarin di CYP2C9-mediated alle concentrazioni clinicamente realizzabili. J Pharmacol Exp Ther. 2010 marzo; 332(3): 1081-7.

33. Abenavoli L, Capasso R, Milic N, cardo selvatico di latte di Capasso F. nelle malattie del fegato: passato, presente, futuro. Ricerca di Phytother. 2010 ottobre; 24(10): 1423-32.

34. Tsai MJ, Liao JF, Dy di Lin, et al. silimarina protegge il midollo spinale e le cellule corticali da stimolazione ossidativa del lipopolysaccharide e di sforzo. Neurochem Int. 2010 dicembre; 57(8):867-75.

35. Hou YC, Liou KT, Chern cm, et al. effetto preventivo della silimarina dal nel trauma cranico indotto da ischemia cerebrale in ratti possibilmente through alterando attivazione NF-B e STAT-1. Phytomedicine. 2010 ottobre; 17(2): 963-73.

36. Wallace S, Vaughn K, Stewart BW, et al. gli estratti del cardo selvatico di latte inibisce l'ossidazione di adesione ricevitore-dipendente del monocito della lipoproteina a bassa densità (LDL) e dell'organismo saprofago successivo. Alimento chim. di J Agric. 2008 giugno; 56(11): 3966-72.

37. Kang JS, parco SK, Yang KH, HM di Kim. La silimarina inibisce dall'l'espressione indotta TNF alfa delle molecole di adesione in cellule endoteliali umane della vena ombelicale. FEBS Lett. 2003 agosto; 550 (1-3): 89-93.

38. Bialecka, M. L'effetto dei bioflavonoidi e della lecitina sul corso di aterosclerosi sperimentale in conigli. Ann Acad Med Stetin. 1997 gennaio; 43:41-56.

39. Krecman V, Skottová N, Walterová D, Ulrichová J, Simánek V. Silymarin inibisce lo sviluppo da di ipercolesterolemia indotta da dieta in ratti. Med di Planta. 1998 marzo; 64(2): 138-42.

40. Sonnenbichler J, Scalera F, Sonnenbichler I, et al. effetti stimolatori di silibinin e silicristin dal silybum marianum del cardo selvatico di latte sulle cellule del rene. J Pharmacol Exp Ther. 1999 settembre; 290(3): 1375-83.

41. Il RA di Roy S, di Kaur m., di Agarwal C, di Tecklenburg m., di Sclafani, Agarwal R. P21 e l'induzione p27 da silibinin è essenziali per il suo effetto di arresto del ciclo cellulare in cellule di carcinoma della prostata. Mol Cancer Ther. 2007; 6(10):2696-707.

42. Ramasamy K, Dwyer-Nield LD, Serkova NJ, et al. Silibinin impedisce il tumorigenesis del polmone nel tipo selvatico ma non nei topi di iNOS-/-: il potenziale del micro-CT in tempo reale in chemoprevention del cancro polmonare studia. Ricerca del Cancro di Clin. 15 febbraio 2011; 17(4):753-61.

43. Gu m., Singh RP, Dhanalakshmi S, Agarwal C, Agarwal R. Silibinin inibisce gli attributi infiammatori ed angiogenici in photocarcinogenesis in topi glabri SKH-1. Ricerca del Cancro. 2007;67:3483-91.

44. Hogan FS, Krishnegowda NK, Mikhailova m., sig.ra di Kahlenberg. Il flavonoide, silibinin, inibisce la proliferazione e promuove l'arresto del ciclo cellulare di tumore del colon umano. Ricerca di J Surg. 2007 novembre; 143(1): 58-65.

45. Cui W, Gu F, Hu K-Q. Effetti e meccanismi di silibinin sugli xenotrapianti epatocellulari umani di carcinoma in topi nudi. Mondo J Gastroenterol. 2009 aprile; 15(16):1943-50.

46. Cardo selvatico di Davis-Searles PR, di Nakanishi Y, di Kim NC, et al. di latte e carcinoma della prostata: gli effetti differenziali dei flavonolignans puri dal silybum marianum sull'estremità antiproliferativa indica in cellule umane di carcinoma della prostata. Ricerca del Cancro. 2005 maggio; 65(10): 4448-57.

47. G profondo, Oberlies NH, Kroll DJ, Agarwal R. Identifying gli effetti differenziali dei costituenti di silimarina sulle molecole regolarici di crescita e del ciclo cellulare delle cellule in cellule di carcinoma della prostata umane. Cancro di Int J. 2008 luglio; 123(1): 41-50.

48. Il G profondo, Oberlies il NH, Kroll DJ, Agarwal R. Isosilybin B e il isosilybin A inibiscono la crescita, inducono l'arresto G1 e causano gli apoptosi in cellule umane LNCaP e 22Rv1 del carcinoma della prostata. Carcinogenesi. 2007 luglio; 28(7): 1533-42.

49. Greenlee H, Abascal K, Yarnell E, applicazioni cliniche di Ladas E. del silybum marianum in oncologia. Cancro Ther di Integr. 2007 giugno; 6(2): 158-65.