Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Vendita eccellente 2011/2012 della rivista del prolungamento della vita
Sulla copertura

Siamo tutto il Pre-diabetici?

Da Kirk Stokel

L'estratto verde del caffè migliora il controllo del glucosio

L'estratto verde del chicco di caffè ha trovato in chicchi di caffè non arrostiti, una volta che purificato e standardizzato, produce gli alti livelli di acido clorogenico e di altri polifenoli utili che possono sopprimere i livelli in eccesso della glicemia.

I risultati della ricerca sull'impatto di acido clorogenico su glicemia sono impressionanti. Per cominciare, un gruppo dei ricercatori giapponesi ha registrato un calo di 43% nei livelli della glicemia dopo l'amministrazione dell'estratto verde del chicco di caffè ai topi dopo un pasto pesante.24

Figura 1

I test clinici umani sostengono il ruolo dell'estratto verdericco acido clorogenico del chicco di caffè nella promozione del controllo sano della glicemia e nella riduzione del rischio di malattia.

Informato di importanza cruciale di controllo delle punte della glicemia del dopo-pasto, scienziati ha intrapreso gli studi fra 56 volontari sani, provocatori loro con un test di tolleranza al glucosio orale prima e dopo una dose supplementare dell'estratto verde del caffè. Il test di tolleranza al glucosio orale è un modo standardizzato di misurazione della risposta della glicemia del dopo-pasto di una persona.

Negli oggetti che non prendono l'estratto verde del chicco di caffè, il test di tolleranza al glucosio orale ha mostrato l'aumento previsto di glicemia ad una media di 144 mg/dL dopo un periodo minuto 30. Ma negli oggetti che avevano preso 200 mg dell'estratto verde del chicco di caffè, quella punta dello zucchero è stata ridotta significativamente, appena 124 a diminuzione 1 di mg/dL-a14% (si veda figura 1).

Figura 2

Quella differenza impressionante è stata sostenuta durante il periodo di due ore di studio ad una dose bassa quanto 200 mg di estratto verde del chicco di caffè. Gli oggetti hanno avuti un rapporto di riproduzione medio di 19% di glicemia ad un'ora e un rapporto di riproduzione di 22% (glucosio giù ad appena 89 mg/dL) a due ore, confrontate ai propri livelli non trattati di ogni paziente. Cioè il lasso di tempo degli oggetti ha avuto livelli del glucosio nella gamma pericolosa acutamente è stato accorciato dall'estratto verde 1 del chiccodi caffè (si vedano figure 2 e 3).

Per dichiarare diversamente questa, quando gli oggetti non hanno preso l'estratto verde del chicco di caffè, la loro lettura orale di tolleranza al glucosio dopo due ore ha mostrato una glicemia di 115 mg/dL— un livello alto-che-desiderabile. In risposta ad una dose modesta di 200 mg di estratto verde del chicco di caffè, i livelli di due ore della glicemia sono caduto a soltanto 89 mg/dL1 (si veda figura 3).

Per la maggior parte dei individui di invecchiamento, anche dopo il cibo del niente per otto - dodici ore, è provocatorio raggiungere una lettura “di digiuno„ del glucosio in basso quanto 89 mg/dL. Eppure quando questi oggetti di studio hanno preso 200 mg di estratto verde del chicco di caffè, i loro livelli del glucosio sono caduto a 89 mg/dL appena due ore dopo avere bevuto una soluzione di glucosio pura. La bevanda ad alta dose del glucosio ha utilizzato nella glicemia orale standard delle punte dei test di tolleranza al glucosio più pasti tipici.

Figura 3

Quando una dose elevata (400 mg) dell'estratto verde del chicco di caffè è stata completata prima che una prova orale di sfida del glucosio là sia una riduzione media ancora maggior in zucchero di sanguefino a quasi 28% ad un'ora!1

Come inverdisca il caffè Bean Extract Suppresses Glucose Elevation

Gli scienziati hanno scoperto che l'acido clorogenico trovato abbondantemente in estratto verde del chicco di caffè inibisce l'enzima glucose-6-phosphatase che la nuova formazione del glucosio di inneschi ed il glucosio liberano dal fegato.25,26 come discusso più presto, glucose-6-phosphatase è compreso nelle punte pericolose del dopo-pasto in glicemia.27

Un altro mezzo da cui gli atti acidi clorogenici per sopprimere il glucosio del dopo-pasto si solleva è inibendo l'alfa-glucosidasi. Questo enzima intestinale separa gli zuccheri complessi e migliora il loro assorbimento nel sangue.28 rallentare l'assorbimento degli zuccheri comuni (saccarosio compreso) limita le punte del glucosio del dopo-pasto.29

In ancora un altro meccanismo significativo, l'acido clorogenico aumenta la proteina del segnale per i ricevitori dell'insulina in cellule di fegato.30 che ha l'effetto di aumento della sensibilità dell'insulina, che a sua volta guida giù i livelli della glicemia.

Benefici e limitazioni di alto consumo del caffè

Molti studi epidemiologici suggeriscono un beneficio di consumo del un gran numero caffè. Gli importi medi a elevati del consumo del caffè è associato con un rischio acutamente riduttore di sviluppare il diabete di tipo 2.58-61 le ricerche di laboratorio suggeriscono che il caffè possa avere effetti antitumorali contro ovarico, colon, fegato ed altri cancri.62-66 ed il consumo del caffè può essere associato con un rischio in diminuzione di colpo in donne, mentre coloro che consuma gli importi moderati di caffè possono essere protetti contro le sindromi coronariche acute.67,68

Per molta gente, bere un gran numero di caffè non è ideale.

Un gran numero di caffeina può essere irritante. Uno studio ha trovato che quella gente che ha bevuto 12 o più tazze di caffè quotidiane stavano ottenendo a complessivamente mg 960-1,380 di caffeina.69,70 per molti individui, gli alti livelli del consumo della caffeina possono essere indesiderabili.

Ulteriormente, è importante notare che il processo commerciale dei chicchi di caffè della torrefazione crea una molecola chiamata HHQ, quello realmente riduce alcuna dell'attività dell'acido clorogenico trovato in caffè verde.71,72

Molto un estratto della basso caffeina derivato dal chicco di caffè verde non arrostito fornisce una dose standardizzata di acido clorogenico utile.

Gli estratti ricchiacidi clorogenici della pianta sono stati indicati per ridurre gli indici della glicemia a digiuno da più di 15% in pazienti diabetici con la risposta difficile al farmaco.31 un simile effetto sono stati veduti in volontari sani, di cui l'assorbimento intestinale di glucosio è stato ridotto dopo un acido clorogenico- bevanda arricchita del caffè.32

Impatto dell'estratto verde del chicco di caffè

Quando un supplemento acido clorogenico di 1 grammo è stato dato prima dei pasti, i livelli del glucosio sono stati ridotti da 13 mg/dL, appena 15 minuti dopo una sfida orale del glucosio, dimostrante la sua abilità rapidamente più in basso la punta della glicemia del dopo-pasto in esseri umani.33

In un test clinico, i ricercatori hanno dato i dosaggi differenti dell'estratto verde del chicco di caffè, standardizzati per acido clorogenico, a 56 persone . Trentacinque minuti più successivamente, hanno dato ai partecipanti 100 grammi di glucosio in una prova orale di sfida del glucosio. I livelli della glicemia caduti da un importo sempre più maggior come il dosaggio della prova dell'estratto verde del chicco di caffè sono stati sollevati, da 200 mg fino a 400 mg. Al dosaggio di mg 400, c'era una diminuzione completa di 24% in zucchero-appena del sangue 30 minuti dopo ingestione del glucosio.1

Ciò significa che se aveste una lettura pericolosa del glucosio del dopo-pasto di 160 mg/dL, l'estratto verde del chicco di caffè la avrebbe tagliata a 121 mg/dL.

Questi risultati sono in conformità con i dati complementari che dimostrano meccanismi zucchero-riducentesi del numeroso sanguedi s di caffè dell'estratto verde del chicco 'di azione.

Rischi di malattia di glicemia Alto-normale

Cancro: Numeroso studio-compreso uno ha pubblicato nell'emissione online del 17 maggio 2010 dell'oncologo che era così grande che metà inclusa di tutto il tipo - 2 diabetici in Svezia35— trovato quello, a parte dai rischi conosciuti per cancro fra i diabetici diagnosticati,36-38 che il rischio per alcuni cancri ha intensificato direttamente con i livelli della glicemia, anche fra quelli senza diabete. Aumentando nel serratura-punto con glucosio livella come hanno orlato su all'interno della gamma normale erano i rischi per i cancri dell'endometrio,39 il pancreas,40 il colon,41,42 e tumori colorettali di una natura più aggressiva.43

Malattia cardiovascolare: Gli oggetti hanno mostrato i rischi per gli eventi cardiovascolari, la malattia cardiovascolare e la mortalità cardiovascolare a cui è aumentato di relazione diretta elevare-ma ancora i livelli del alto-normale-glucosio.44-48 un ricercatore ha commentato quello entro i limiti, più basso il glucosio livello-uguale fra quelli senza diabete- più in basso il rischio cardiovascolare. Il rischio della coronaropatia era due volte alto in pazienti con i livelli del glucosio del post-pasto fra 157 e 189 mg/dL confrontati a quelli ai livelli al di sotto di 144 mg/dL.49 mentre il diabete è definito come avvertire i livelli regolari del glucosio del dopo-pasto di 200 mg/dL, un gruppo di ricerca ha trovato un rischio per il colpo che è aumentato mentre i livelli di digiuno del glucosio sono aumentato superiore a 83 mg/dL. Infatti, ogni 18 mg/dL di aumento oltre 83 sono derivato in un rischio maggior 27% di morte dal colpo.14

Danno conoscitivo: Come glicemia rosa-se all'interno del rischio normale o diabetico delle gamme- per questi danno e demenza conoscitivi delicati è aumentato.50,51

Malattia renale: Gli impulsi in glicemia hanno promosso una maggior produzione del rene fibroso tessuto-che causa il rene malattia-che un livello elevato ma costante della glicemia.52 lo studio crea hanno suggerito che potesse essere fluttuazioni in glucosio-più dei livelli se stesso-che prodotti le complicazioni vascolari hanno implicato nel danno del rene. Un altro studio ha trovato un aumento diretto nella malattia renale cronica mentre i livelli di emoglobina A1c (un indicatore di controllo a lungo termine del glucosio) sono aumentato.53

Disfunzione pancreatica: Le beta cellule situate nel pancreas producono l'insulina che aiuta la glicemia di controllo. Ma i livelli elevati del glucosio possono rendere queste cellule disfunzionali, sollevando il rischio di diabete di tipo 2. I ricercatori hanno scoperto che la beta disfunzione delicata delle cellule era già rilevabile in quelle di cui i livelli del glucosio hanno chiodato due ore dopo il cibo, malgrado restare completamente all'interno della gamma considerata dall'istituzione medica come normale.54

Retinopatia diabetica: I livelli elevati del glucosio precipitano il retinopatia-danno diabetico alla retina che può condurre a cecità. In uno studio, la retinopatia è stata diagnosticata in 13% della gente che più successivamente ha diventato il diabete e in 8% di coloro che non ha diventato mai il diabete.55

Neuropatia: Come previsto, pazienti con danno del sistema nervoso (neuropatia) di cui le letture postprandiali del glucosio (del dopo-pasto) erano sopra la soglia diabetica, indicato danneggiamento delle loro grandi fibre nervose. Tuttavia, il glucosio dei pazienti della neuropatia di cui lettura-sebbene elevare-rimanente in conformità alla gamma normale ancora mostri il danneggiamento delle loro piccole fibre nervose. All'interno di qualsiasi gamma della glicemia, riferita la neurologia del giornale nel 2003, più alto il glucosio, maggior la partecipazione di grandi fibre nervose.56 un altro studio di danno del nervo nel 2006 hanno confermato questi risultati.57

Altri modelli sperimentali rivelano che l'acido clorogenico modula favorevole l'espressione genica per migliorare l'attività delle cellule di fegato ed aumentare i livelli del adiponectin dell'ormone, che migliora la sensibilità dell'insulina ed esercita antinfiammatorio, antidiabetico ed effetti anti--atherogenic.34

Riassunto

La necessità di ridefinire il diabete è critica perché il rischio di morte prematura e di malattia aumenta acutamente con glicemia a digiuno maggiori di 85 mg/dL.

Ancora, l'impatto insidioso delle punte della glicemia del dopo-pasto va in gran parte inosservato, esponendo la vasta maggioranza della gente al rischio accelerato di malattia.

Dietro questo pericolo è il ruolo piccolo-apprezzato di glucose-6-phosphatase nel creare e nello scaricare il glucosio supplementare nel sangue. Questo enzima, che gli aiuti regolano la glicemia quando siete giovane, può avviare inadeguato un impulso pericoloso del dopo-pasto di glicemia mentre invecchiate.

Gli scienziati all'avanguardia hanno identificato un'arma dell'innovazione per controllare questi impulsi: estratto verde del chicco di caffè. Questo ingrediente naturale contiene un composto chiamato acido clorogenico indicato per mirare a glucose-6-phosphatase ed ai livelli smussati della glicemia del post-consumo da fino a 32%.

Un'individuazione coerente in coloro che limita la loro assunzione di caloria è livelli contrassegnato più bassi della glicemia. Gli entusiasti di longevità possono ora trarre giovamento da un romanzo eppure dall'estratto verde naturale del chicco di caffè per combattere i processi interni che causano le elevazioni pericolose in glicemia.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Chi dovrebbe completare con caffè verde Bean Extract

L'estratto verde del chicco di caffè contiene un composto naturale (acido clorogenico) che riduce la glicemia inibendo l'enzima di glucose-6-phosphatase.

Glicemia di aumenti di Glucose-6-phosphatase promuovendo la creazione di nuovo glucosio (gluconeogenesi) ed inducendo il rilascio di glucosio immagazzinato nel fegato (glicogenolisi).

Quelli con glucosio a digiuno superiore a 85 mg/dL, o di cui test di tolleranza al glucosio orale mostrano gli impulsi postprandiali di due ore del glucosio oltre 125 mg/dL, dovrebbe studiare la possibilità di prendere 200 - 400 mg di estratti verde standardizzato del chicco di caffè un quotidiano di due - tre volte, trentacinque minuti prima dei pasti.

Per chiarirvi il rischio postprandiale (del dopo-pasto), se il vostro glucosio a digiuno è di 85 mg/dL, ma un test di tolleranza al glucosio orale mostra la glicemia superiore a 125 mg/dL dopo due ore, quindi è probabile soffrire dagli impulsi tossici del glucosio del dopo-pasto che possono essere neutralizzati prendendo l'estratto verde del chicco di caffè prima della maggior parte dei pasti.

La maggior parte della gente di invecchiamento soffre entrambi che digiunano ed il sovraccarico postprandiale del glucosio e dovrebbe iniziare i punti per sopprimere l'enzima pericoloso di glucose-6-phosphatase.

Riferimenti

1. Nagendran sistemi MV. Effetto dell'estratto verde del chicco di caffè (GCE), su in acidi clorogenici, sul metabolismo del glucosio. Numero di presentazione del manifesto: 45-LB-P. Obesità 2011, la ventinovesima riunione scientifica annuale della società di obesità. Orlando, Florida. Dal 1-5 ottobre 2011.

2. Nichols GA, TUM più collinosi, Brown JB. Glucosio a digiuno normale del plasma e rischio di diagnosi del diabete di tipo 2. Med di J. 2008 giugno; 121(6): 519-24.

3. Glucosio del plasma di Kato m., di Noda m., di Suga H, di Matsumoto m., di Kanazawa Y. Fasting ed incidenza dell'diabete-implicazione per la soglia per glucosio a digiuno alterato: risultati dallo studio di gruppo basato sulla popolazione di Omiya mA. J Atheroscler Thromb. 2009;16(6):857-61.

4. Disponibile a: http://diabetes.niddk.nih.gov/dm/pubs/diagnosis/#diagnosis. 15 agosto 2011 raggiunto.

5. Tolleranza al glucosio e mortalità: confronto del WHO e dei criteri americani di sistema diagnostico di associazione del diabete. Il gruppo di studio di DECODIFICA. Gruppo europeo di epidemiologia del diabete. Epidemiologia del diabete: Analisi di collaborazione dei criteri diagnostici in Europa. Lancetta. 21 agosto 1999; 354(9179): 617-21.

6. Nakagami T. Hyperglycaemia e mortalità da tutti cause e dalla malattia cardiovascolare in cinque popolazioni dell'origine asiatica. Diabetologia. 2004 marzo; 47(3): 385-94.

7. Miura K, Kitahara Y, terapia di associazione di Yamagishi S. con il nateglinide e il vildagliptin migliora le dismutazioni metaboliche postprandiali nei ratti grassi di Zucker. Ricerca di Horm Metab. 2010 settembre; 42(10): 731-5.

8. Monnier L, variabilità di Colette C. Glycemic: dovremmo e possiamo noi impedirlo? Cura del diabete. 2008 febbraio; 31 supplemento 2: S150-4.

9. Monnier L, Colette C, Dott. di Owens. Variabilità Glycemic: la terza componente del dysglycemia in diabete. È importante? Come misurarlo? Diabete Sci Technol di J. 2008 novembre; 2(6): 1094-100.

10. CR di Triggle. Gli effetti iniziali di glucosio elevato sulla funzione endoteliale come obiettivo nel trattamento del diabete di tipo 2. Med Cardiovasc Dis superiore tempestivo. 2008; 12: E3

11. Gerstein HC, Pais P, Pogue J, Yusuf S. Relationship di glucosio e di insulina livella al rischio di infarto miocardico: uno studio di caso-control. J Coll Cardiol. 1999 marzo; 33(3): 612-9.

12. Lin HJ, Lee BC, YL noioso, et al. glucosio postprandiale migliora la previsione di rischio della morte cardiovascolare oltre la sindrome metabolica nella popolazione nondiabetic. Cura del diabete. 2009 settembre; 32(9): 1721-6.

13. PC di Yu, Bosnyak Z, Ceriello A. L'importanza di emoglobina glicata (HbA (1c)) e controllo postprandiale del glucosio (PPG) sui risultati cardiovascolari in pazienti con il diabete di tipo 2. Ricerca Clin Pract del diabete. 2010 luglio; 89(1): 1-9.

14. Batty GD, Kivimäki m., Smith GD, marmotta MG, Shipley MJ. tassi di mortalità di concentrazione e del colpo nella glicemia di Post-sfida in uomini non-diabetico a Londra: seguito 38-year dello studio di gruppo futuro originale di Whitehall. Diabetologia. 2008 luglio; 51(7): 1123-6.

15. Hemmerle H, hamburger HJ, sotto la P, et al. l'acido clorogenico ed i derivati acidi clorogenici sintetici: inibitori novelli del translocase epatico di glucose-6-phosphate. J Med Chem. 17 gennaio 1997; 40(2): 137-45.

16. Settimana di Arion WJ, di Canfield, Ramos FC, et al. acido e hydroxynitrobenzaldehyde clorogenici: nuovi inibitori della fosfatasi epatica del glucosio 6. Biochimica Biophys dell'arco. 15 marzo 1997; 339(2): 315-22.

17. RA di Rizza. Patogenesi di digiuno e dell'iperglicemia postprandiale in diabete di tipo 2: implicazioni per la terapia. Diabete. 2010 novembre; 59(11): 2697-707.

18. Henry-Vitrac C, Ibarra A, rullo m., Merillon JM, Vitrac X. Contribution degli acidi clorogenici all'inibizione di attività epatica umana di glucose-6-phosphatase in vitro da Svetol, un estratto verde decaffeinato standardizzato del caffè. Alimento chim. di J Agric. 14 aprile 2010; 58(7): 4141-4.

19. WC di Salazar-Martinez E, di Willett, consumo di Ascherio A, et al. del caffè e rischio per il diabete di tipo 2 mellito. Ann Intern Med. 6 gennaio 2004; 140(1): 1-8.

20. Pereira mA, Parker ED, Folsom AR. Consumo del caffè e rischio di diabete di tipo 2 mellito: uno studio prospettivo da 11 anno di 28.812 donne postmenopausali. Med dell'interno dell'arco. 26 giugno 2006; 166(12): 1311-6.

21. Johnston chilolitro, MN di Clifford, Morgan LM. Il caffè acutamente modifica la secrezione e la tolleranza al glucosio gastrointestinali dell'ormone in esseri umani: effetti glycemic di acido e di caffeina clorogenici. J Clin Nutr. 2003 ottobre; 78(4): 728-33.

22. Bidel S, Hu G, Sundvall J, Kaprio J, Tuomilehto J. Effects del consumo del caffè su tolleranza al glucosio, sul glucosio del siero e sui livelli dell'insulina--un'analisi trasversale. Ricerca di Horm Metab. 2006 gennaio; 38(1): 38-43.

23. van Dam RM, Feskens EJM. Consumo del caffè e rischio di diabete di tipo 2 mellito. Lancetta. 9 novembre 2002; 360(9344): 1477-8.

24. Murase T, Misawa K, Minegishi Y, Aoki m., Ominami H, Suzuki Y, Shibuya Y, polifenoli di Hase T. Coffee sopprime dall'l'accumulazione indotta da dieta del grasso corporeo downregulating SREBP-1c e le molecole relative nei topi di C57BL/6J. J Physiol Endocrinol Metab. 2011 gennaio; 300(1): E122-33.

25. Henry-Vitrac C, Ibarra A, rullo m., Merillon JM, Vitrac X. Contribution degli acidi clorogenici all'inibizione di attività epatica umana di glucose-6-phosphatase in vitro da Svetol, un estratto verde decaffeinato standardizzato del caffè. Alimento chim. di J Agric. 14 aprile 2010; 58(7): 4141-4.

26. Andrade-Cetto A, Vazquez RC. Inibizione di gluconeogenesi e una composizione fitochimica di due specie di cecropia. J Ethnopharmacol. 6 luglio 2010; 130(1): 93-7.

27. Bassoli BK, Cassolla P, Borba-Murad GR, et al. acido clorogenico riduce il picco del glucosio del plasma nel test di tolleranza al glucosio orale: effetti sul rilascio e sulla glicemia epatici del glucosio. Biochimica Funct delle cellule. 2008 aprile; 26(3): 320-8.

28. Ishikawa A, Yamashita H, Hiemori m., et al. caratterizzazione degli inibitori dell'iperglicemia postprandiale dalle foglie del indicum del Nerium. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo). 2007 aprile; 53(2): 166-73.

29. Alonso-Castro AJ, CA del Miranda-Torres, Gonzalez-Chavez millimetro, LA di Salazar-Olivo. Il cecropia obtusifolia Bertol ed il suo acido composto e clorogenico attivo, stimolano l'assorbimento 2-NBDglucose sia nei adipocytes insulina sensibili che insulina-resistenti 3T3. J Ethnopharmacol. 8 dicembre 2008; 120(3): 458-64.

30. Rodriguez de Sotillo DV, Hadley m., Sotillo JE. L'esone 11+/- del ricevitore dell'insulina è espresso nei ratti di Zucker (fa/fa) e l'acido clorogenico modifica la loro proteina dell'insulina e del fegato del plasma ed il DNA. Biochimica di J Nutr. 2006 gennaio; 17(1): 63-71.

31. Herrera-Arellano A, Aguilar-Santa Maria L, Garcia-Hernandez B, Nicasio-Torres P, test clinico di Tortoriello J. estratti della foglia del vulgare del Marrubium e di cecropia obtusifolia sui lipidi nel tipo - 2 diabetici del siero e della glicemia. Phytomedicine. 2004 novembre; 11 (7-8): 561-6.

32. Effetto di Thom E. The di caffè arricchito acido clorogenico su assorbimento del glucosio in volontari sani ed il suo effetto sulla massa del corpo quando lungo termine usato in gente di peso eccessivo ed obesa. J Int Med Res. 2007 novembre-dicembre; 35(6): 900-8.

33. Van Dijk EA, SIG. di Olthof, Meeuse JC, Seebus E, Heine RJ, van Dam RM. Effetti acuti di caffè decaffeinato e l'acido clorogenico e la trigonellina delle componenti importanti del caffè su tolleranza al glucosio. Cura del diabete. 2009 giugno; 32(6): 1023-5.

34. LT di Zhang, qualità di stampa di Chang, Liu Y, Chen ZM. Effetto di acido clorogenico su glucosio e sul metabolismo dei lipidi disordinati nei topi di db/db e nel suo meccanismo. Zhongguo Yi Xue Ke Xue Yuan Xue Bao. 2011 giugno; 33(3): 281-6.

35. Hemminki K, Li X, Sundquist J, Sundquist K. Risk di cancro dopo l'ospedalizzazione per il diabete di tipo 2. L'oncologo. 2010; 15(6): 548-55. Epub 2010 17 maggio.

36. Czyzyk A, diabete mellito di Szczepanik Z. e cancro. Med dell'interno di EUR J. 2000 ottobre; 11(5): 245-52.

37. Vigneri P, Frasca F, Sciacca L, Pandini G, Vigneri R. Diabetes e cancro. Cancro di Endocr Relat. 2009 dicembre; 16(4): 1103-23.

38. Martin-Castillo B, Vazquez-Martin A, Oliveras-Ferraros C, Menendez JA. Metformina e cancro: dosi, meccanismi ed i fenomeni hormetic e del dente di leone. Ciclo cellulare. 21 marzo 2010; 9(6): 1057-64.

39. Cust EA, Kaaks R, Friedenreich C, cofano F, et al. sindrome, livelli del lipido del plasma, della lipoproteina e del glucosio e rischio di cancro dell'endometrio metabolici nell'indagine futura europea sull'EPICA di nutrizione e del Cancro. Cancro di Endocr Relat. 2007 settembre; 14(3): 755-67.

40. Rosato V, Tavani A, Bosetti C, et al. rischio metabolico di cancro del pancreas e di sindrome: uno studio di caso-control in Italia e la meta-analisi. Metabolismo. 5 maggio 2011.

41. Schoen CON RIFERIMENTO A, LH di Tangen cm, di Kuller, et al. glicemia ed insulina aumentata, dimensione corporea e cancro colorettale di incidente. Cancro nazionale Inst di J. 7 luglio 1999; 91(13): 1147-54.

42. Aleksandrova K, Boeing H, Jenab m., et al. sindrome e rischi metabolici di colon e di cancro rettale: l'indagine futura europea su Cancro e la nutrizione studiano. Ricerca di Prev del Cancro (Phila). 22 giugno 2011.

43. Healy L, Howard J, Ryan A, et al. la sindrome e la leptina metaboliche sono associati con le caratteristiche patologiche avverse in malati di cancro colorettali maschii. DIS colorettale. 20 gennaio 2011.

44. Filtri WH, Cedres libbra, Liu K, et al. le relazioni del diabete clinico e la iperglicemia sintomatica al rischio di mortalità della coronaropatia negli uomini ed in donne. J Epidemiol. 1986;123:504-16.

45. Wilson PWF, LA di Cupples, WB di Kannel. La iperglicemia è associata con la malattia cardiovascolare? Lo studio di Framingham. Cuore J. 1991 di febbraio; 121 (2 pinte 1): 586-90.

46. de Vegt F, Dekker JM, HG di Ruhe, et al. iperglicemia è associato con la mortalità per tutte le cause e cardiovascolare nella popolazione di Hoorn: lo studio di Hoorn. Diabetologia. 1999 agosto; 42(8): 926-31.

47. Saydah SH, Miret m., cantato J, Varas C, Gause D, Brancati FL. iperglicemia e mortalità di Post-sfida in un campione nazionale degli adulti degli Stati Uniti. Cura del diabete. 2001;24:1397-402.

48. Relazione di Coutinho m., di Gerstein H, di Poque J, di Wang Y, di Yusuf S. The fra glucosio ed eventi cardiovascolari di incidente: un'analisi di regressione del meta dei dati pubblicati da 20 studi di 95.783 individui è seguito per 12,4 anni. Cura del diabete. 1999;22:233–40.

49. Donahue RP, Abbott RD, Reed dm, ed altri: Concentrazione e coronaropatia nel glucosio di Postchallenge in uomini di ascendenza giapponese. Programma del cuore di Honolulu. Diabete. 1987 giugno; 36 (6): 689-92.

50. Tali Cukierman-Yaffe T, Gerstein HC, Williamson JD. Relazione fra controllo glycemic della linea di base e la funzione conoscitiva in individui con il diabete di tipo 2 ed altri fattori di rischio cardiovascolari: l'azione per controllare rischio cardiovascolare nella diabete-memoria nella prova del diabete (ACCORD-MIND). Cura del diabete. 2009 febbraio; 32(2): 221-6.

51. Sonnen JA, Larson eb, modelli di Brickell K. Different della lesione cerebrale nella demenza con o senza diabete. Arco Neurol. 2009 marzo; 66(3): 315-322.

52. ST di Polhill, Saad S, Poronnik S, Fulcher GR, CR del Pollock. I picchi a breve termine in glucosio promuovono il fibrogenesis renale indipendentemente dall'esposizione totale del glucosio. J Physiol Physiol renale. 2004 agosto; 287(2): F268-73.

53. Colpo, LD, Selvin E, Steffes m., Coresh J, Astor BC. Controllo glycemic difficile in diabete ed il rischio di malattia renale di incidente anche in assenza di albuminuria e di retinopatia: rischio di aterosclerosi nello studio delle comunità (ARIC). Med dell'interno dell'arco. 2008 8 /22 dicembre; 168(22): 2440-7.

54. Gastaldelli A, Ferrannini E, Miyazaki Y, Matsuda m., De Fronzo RA, studio del metabolismo di San Antonio. Disfunzione e intolleranza al glucosio della cellula beta: risultati dallo studio del metabolismo di San Antonio (SAM). Diabetologia 2004 gennaio; 47(1): 31-9.

55. Disponibile a: http://docnews.diabetesjournals.org/content/2/8/1.2.full. 16 agosto 2011 raggiunto.

56. Sumner CJ, Sheth S, grifone JW, Dott di Cornblath, Polydefkis M. Lo spettro di neuropatia nel diabete e nella tolleranza al glucosio alterata. Neurologia. 14 gennaio 2003; 60(1): 108-11.

57. Hoffman-Snyder C; Smith È; Ross mA; Hernandez J; PE di Bosch. Valore del test di tolleranza al glucosio orale nella valutazione di polineuropatia axonal idiopatica cronica. Arco Neurol. 2006 agosto; 63(8): 1075-9.

58. van Dam RM, Feskens EJ. Consumo del caffè e rischio di diabete di tipo 2 mellito. Lancetta. 9 novembre 2002; 360(9344): 1477-8.

59. Rosengren A, Dotevall A, Wilhelmsen L, Thelle D, Johansson S. Coffee ed incidenza di diabete in donne svedesi: uno studio di approfondimento futuro da 18 anni. Med dell'interno di J. 2004 gennaio; 255(1): 89-95.

60. Huxley R, Lee cm, Barzi F, et al. caffè, caffè decaffeinato e consumo del tè relativamente al diabete di tipo 2 di incidente mellito: una rassegna sistematica con la meta-analisi. Med dell'interno dell'arco. 14 dicembre 2009; 169(22): 2053-63.

61. WC di Salazar-Martinez E, di Willett, consumo di Ascherio A, et al. del caffè e rischio per il diabete di tipo 2 mellito. Ann Intern Med. 6 gennaio 2004; 140(1): 1-8.

62. Ms di estremità, la TA del sultano Caffè ed il suo consumo: benefici e rischi. Rev Food Sci Nutr di Crit. 2011 aprile; 51(4): 363-73.

63. Granado-Serrano ab, Martin mA, Izquierdo-Pulido m., Goya L, bravo L, meccanismi di Ramos S. Molecular di (-) - epicatechina ed acido clorogenico sul regolamento delle vie apoptotiche e di sopravvivenza/proliferazione in una linea cellulare umana del tumore epatico. Alimento chim. di J Agric. 7 marzo 2007; 55(5): 2020-7.

64. Kang NJ, chilowatt di Lee, Kim BH, et al. phytochemicals fenolici del caffè sopprime la metastasi del tumore del colon mirando al MEK e a TOPK. Carcinogenesi. 2011 giugno; 32(6): 921-8.

65. Rakshit S, Mandal L, amico BC, et al. partecipazione del ROS da in apoptosi indotti da acido clorogenici delle cellule di Bcr-Abl+ CML. Biochimica Pharmacol. 1° dicembre 2010; 80(11): 1662-75.

66. Tai J, Cheung S, Chan E, effetto di Hasman D. Antiproliferation dei caffè in vitro commercialmente preparati sulle cellule tumorali ovariche umane. Cancro di Nutr. 2010;62(8):1044-57.

67. Sc di Larsson, consumo di Virtamo J, di Wolk A. Coffee e rischio di colpo in donne. Colpo. 2011 aprile; 42(4): 908-12.

68. DB di Panagiotakos, Pitsavos C, Chrysohoou C, Kokkinos P, Toutouzas P, Stefanadis C. L'effetto a forma di J del consumo del caffè sul rischio di sviluppare le sindromi coronariche acute: lo studio di caso-control CARDIO2000. J Nutr. 2003 ottobre; 133(10): 3228-32.

69. Zhang Y, Lee ET, Cowan LD, Fabsitz RR, Howard BV. Consumo del caffè e l'incidenza di diabete di tipo 2 in uomini ed in donne con tolleranza al glucosio normale: il forte studio del cuore. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2011 giugno; 21(6): 418-23.

70. Disponibile a: http://www.ico.org/caffeine.asp. 21 luglio 2011 raggiunto.

71. Suzuki A, Fujii A, Yamamoto N, et al. miglioramento di ipertensione e disfunzione vascolare da caffè senza hydroxyhydroquinone in un modello genetico di ipertensione. FEBS Lett. 17 aprile 2006; 580(9): 2317-22.

72. Yamaguchi T, Chikama A, Mori K, et al. caffè senza Hydroxyhydroquinone: una prova alla cieca, studio controllato randomizzato di reazione al dosaggio su pressione sanguigna. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2008 luglio; 18(6): 408-14.