Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Estratti

Prolungamento della vita rivista gennaio 2012
Estratti

Distensione della tensione naturale

stress psicologico Auto-riferito ed il rischio di cancro al seno: Uno studio di caso-control.

Lo scopo di questo studio era di esaminare la relazione fra i curriculum personali ed il rischio di cancro al seno severi. Questo studio è stato basato su un esame di caso-control di 858 casi dilaganti polacchi del cancro al seno e di 1085 comandi abbinati per l'età ed il luogo di residenza. I dati sui curriculum personali, caratteristica sociodemografica, fattori riproduttivi, storia della famiglia di cancro al seno, peso ed altezza corrente ed abitudini di stile di vita sono stati raccolti fra gennaio 2003 e maggio 2007 facendo uso di un questionario autosomministrato. I rapporti di probabilità con gli intervalli di confidenza di 95% sono stati stimati come la misura della relazione fra lo sforzo di curriculum personale ed il rischio di cancro al seno facendo uso delle analisi di regressione logistiche incondizionate. Dopo adeguamento per i fattori di rischio potenziali del cancro al seno, le donne con quattro - sei diversi curriculum personali importanti hanno fatte rispetto l'elevato rischio 5,33 volte per cancro al seno, a quelli nel quartile più basso. Similmente, le donne con uno spartito del cambiamento di vita di vita maggior di 210 hanno fatte rispetto l'elevato rischio circa 5 volte alle donne agli spartiti corrispondenti nella gamma 0-70. Parecchi curriculum personali (morte di un membro di parenti prossimi, ferita personale o malattia, imprigionamento/difficoltà con la legge, pensionamento) sono stati associati significativamente con il rischio di cancro al seno. Questi risultati suggeriscono che i curriculum personali di maggiore possano svolgere un ruolo importante in eziologia di cancro al seno.

Sforzo. 29 agosto 2011

Condizioni ottimali per l'estrazione dell'acqua della L-teanina da tè verde.

La teanina è un aminoacido senza proteine unico trovato in tè (camellia sinensis). Contribuisce al gusto favorevole di umami di tè ed è collegato ai vari effetti benefici in esseri umani. C'è un interesse aumentante in teanina come componente importante di tè, come ingrediente per gli alimenti funzionali novelli e come integratore alimentare. Di conseguenza, i termini ottimali per l'estrazione della teanina dal tè sono richiesti per la quantificazione accurata della teanina in tè e come primo punto efficiente per la sua purificazione. Questo studio ha esaminato gli effetti di quattro stati differenti dell'estrazione sul rendimento della teanina da tè verde facendo uso dell'acqua e della metodologia applicata della superficie di reazione più ulteriormente per ottimizzare gli stati dell'estrazione. I risultati hanno indicato che la temperatura, il tempo dell'estrazione, il rapporto di acqua tè e le dimensioni delle particelle del tè hanno avuti impatti significativi sul rendimento dell'estrazione della teanina. I termini ottimali per l'estrazione della teanina dal tè verde facendo uso dell'acqua sono stati trovati per essere l'estrazione a °C 80 per il min 30 con un rapporto del acqua tè del 20:1 mL/g e di una dimensione delle particelle del tè di 0.5-1 millimetri.

J settembre Sci. 2011 settembre; 34(18): 2468-74

L-teanina: proprietà, sintesi ed isolamento da tè.

La teanina è un aminoacido senza proteine che si presenta naturalmente nella pianta di tè (camellia sinensis) e contribuisce al gusto favorevole di tè. Inoltre è associato con gli effetti quali il potenziamento di rilassamento ed il miglioramento di abilità di apprendimento e di concentrazione. Inoltre è collegato con le indennità-malattia compreso la prevenzione di determinati cancri e malattia cardiovascolare, la promozione di perdita di peso e la prestazione migliorata del sistema immunitario. Quindi, c'è stato un aumento significativo nella richiesta della teanina. Mentre la teanina è stata chimicamente e biologicamente sintetizzato, le tecniche per isolare la teanina dalle fonti naturali rimangono un'area importante della ricerca. In questa recensione, le proprietà e le indennità-malattia della teanina sono riassunte e la sintesi e l'isolamento della teanina sono esaminati e discussi. Le prospettive future per l'isolamento della teanina dalle fonti naturali inoltre sono descritte.

Alimento Agric di J Sci. 30 agosto 2011; 91(11): 1931-9

Prova comportamentistica e molecolare per gli effetti psicotropici nella L: - teanina.

SPIEGAZIONE RAZIONALE: L: - Teanina (N-etile-l: - la glutamina) è un aminoacido trovato unicamente in tè verde e considerato storicamente come un agente di rilassamento. È un derivato del glutammato ed ha un'affinità per i ricevitori glutamatergic. Tuttavia, i suoi effetti psicotropici rimangono poco chiari. OBIETTIVI: per delucidare gli effetti della L: - teanina sui comportamenti in relazione con la malattia psichiatrici in topi e sulla sua messa a fuoco di base molecolare sul fattore neurotrophic cervello-derivato (BDNF) e N-metilico-d: - ricevitore dell'aspartato (NMDA). METODI: Abbiamo esaminato gli effetti della L: - la teanina sui comportamenti in topi usando la prova del aperto campo (OFT), la prova forzata di nuotata (FST), la prova elevata del più-labirinto (EPMT) e l'inibizione del prepulse (PPI) di acustico fa sussultare. Da analisi western blot, abbiamo esaminato l'effetto della L: - teanina sull'espressione di BDNF e di proteine relative nell'ippocampo e nella corteccia cerebrale. per determinare se L: - la teanina ha azione agonistica sul ricevitore di NMDA, noi ha eseguito la rappresentazione intracellulare di Fluo-3 il Ca (2+) in neuroni corticali coltivati. RISULTATI: Singola amministrazione della L: - deficit significativamente attenuati di teanina MK-801-induced in PPI. Amministrazione subcronica (durata di tre settimane) della L: - tempo significativamente riduttore di immobilità di teanina nel FST e nella linea di base migliore PPI. L'analisi macchiante occidentale indicata ha aumentato l'espressione della proteina di BDNF nell'ippocampo dopo amministrazione subcronica della L: - teanina. In neuroni corticali coltivati, L: - la teanina significativamente aumentata la concentrazione intracellulare di Ca (2+) e questo aumento sono stati soppressi dagli antagonisti competitivi e non competitivi del ricevitore di NMDA (AP-5 e MK-801, rispettivamente). CONCLUSIONI: I nostri risultati indicano quella L: - la teanina ha effetti del tipo di antipsicotica e possibilmente del tipo di antidepressivo. Esercita questi effetti, almeno in parte, con induzione di BDNF nell'ippocampo e l'azione agonistica della L: - teanina sul ricevitore di NMDA.

Psicofarmacologia (Berl). 23 agosto 2011

Theogallin e L-teanina come principi attivi in estratto decaffeinato del tè verde: I. caratterizzazione elettrofisiologica nell'ippocampo del ratto in vitro.

La preparazione in vitro della fetta dell'ippocampo è stata usata per imitare una situazione fisiologica dove il tessuto nervoso è esposto direttamente all'estratto solubile in acqua di tè verde e ad alcuni dei suoi costituenti. Questa ricerca fornisce la prova che la L-teanina e l'estratto decaffeinato theogallin-arricchito del tè verde può cambiare il modello fisiologico di attività elettrica dell'ippocampo in un modo dipendente dalla concentrazione (EC50 3 mg L (- 1)). Delle sette frazioni o le singole componenti provate (frazione che contengono tutti gli aminoacidi senza L-teanina, frazioni che contengono tutti gli aminoacidi più la L-teanina, acido glutammico, theogallin, il suo acido chinico dei metaboliti ed acido gallico e L-teanina da solo), l'acido glutammico ha prodotto i più forti cambiamenti in termini di ampiezza aumentata della punta della popolazione dopo i singoli stimoli ed ha aumentato il potenziamento a lungo termine, preso comunemente come rappresentativo per il potenziamento della memoria spaziale e dipendente dal tempo. La presenza di theogallin da solo ha spostato l'attività nella stessa direzione. Risultati simili come con il theogallin sono stati ottenuti in presenza di acido chinico. Nessun effetto è stato visto con acido gallico. I cambiamenti opposti (diminuzione di ampiezza della punta della popolazione e di potenziamento a lungo termine attenuato) sono stati osservati in presenza della L-teanina da solo. Nessun effetto è stato individuato durante l'aggiunta della miscela dell'aminoacido a meno che la L-teanina si aggiungesse, conducente ad una diminuzione delle risposte come osservato per l'azione della L-teanina da solo. I risultati forniscono la prova per la partecipazione di parecchi principi attivi nell'azione dell'estratto arricchito del tè verde su attività di cervello elettrica. Il potenziamento globale delle risposte piramidali hippocampal delle cellule come osservato per l'estratto grezzo sembra essere dovuto l'azione combinata di acido glutammico e theogallin (o il suo acido chinico del metabolita presumable), mentre la L-teanina sembra avere un effetto opposto. Tuttavia, questa azione non era abbastanza forte contrapporrsi agli effetti di acido glutammico e del theogallin. I risultati sono in conformità con l'osservazione che l'estratto provato del tè verde migliora la cognizione a rilassamento mentale concomitante nell'uomo.

J Pharm Pharmacol. 2007 agosto; 59(8): 1131-6

effetti del tipo di antidepressivo della L-teanina nelle prove forzate della sospensione della coda e di nuotata in topi.

la L-teanina (- glutamylethyla-mide), una componente dell'aminoacido di tè verde, è stata indicata per ridurre lo sforzo mentale e fisico e per migliorare la funzione di memoria. In questo studio, l'effetto antidepressivo della L-teanina è stato studiato in topi facendo uso della prova forzata di nuotata, della prova della sospensione della coda, della prova del aperto campo e della prova della reserpina. la L-teanina ha prodotto un effetto del tipo di antidepressivo, dall'amministrazione della L-teanina alle dosi di 1, 4 e 20 mg/kg per i 10 giorni successivi riduttori significativamente il tempo dell'immobilità sia nella prova forzata di nuotata che nella sospensione della coda provano, rispetto al gruppo di controllo, senza accompagnare i cambiamenti nel ambulation nella prova del aperto campo. Inoltre, la L-teanina si è contrapposta significativamente daa ptosi e dall'all'ipotermia indotti da reserpina. Presi insieme, questi risultati indicano che la L-teanina ha posseduto un effetto del tipo di antidepressivo in topi, che possono essere mediati dal sistema monoaminergic centrale del neurotrasmettitore.

Ricerca di Phytother. 2011 novembre; 25(11): 1636-9

Effetti dell'ansiolitico della L-teanina--una componente di tè verde--una volta combinato con midazolam, nel topo Sprague Dawley maschio.

Lo scopo dello studio era di studiare gli effetti dell'ansiolitico della L-teanina e della sua interazione potenziale con il ricevitore di GABAA in topi Sprague Dawley. la L-teanina è una componente importante di tè verde, che è stato utilizzato tradizionalmente come rimedio di erbe nel trattamento di molte condizioni mediche, compreso ansia. Herbals ed i supplementi e le loro interazioni potenziali nel periodo perioperatorio sono una preoccupazione agli anestesisti. Cinquantacinque ratti sono stati divisi in 5 gruppi: controllo (salino); L-teanina (controllo positivo); flumazenil (un antagonista conosciuto del ricevitore della benzodiazepina) e L-teanina; e midazolam e L-teanina. La componente comportamentistica di ansia è stata valutata facendo uso del più-labirinto elevato ed è stata calcolata prima che speso nel braccio aperto del labirinto si è divisa entro tempo totale nel labirinto. I dati sono stati analizzati facendo uso dei 2 hanno munito l'analisi di più variabili di coda della prova del posthoc di Sheffé e di varianza. I dati suggeriscono che la L-teanina non produca il anxiolysis da modulazione del ricevitore di GABAA; tuttavia, congiuntamente a midazolam, un effetto sinergico o additivo è stato dimostrato da ansia in diminuzione e sia movimenti di motore fini che di base. Questi dati possono fornire la direzione per ulteriori studi che esaminano la L-teanina ed i suoi effetti su ansia e su attività motoria.

AANA J. 2009 dicembre; 77(6): 445-9

Gli effetti combinati della L-teanina e della caffeina sulla prestazione e sull'umore conoscitivi.

Lo scopo di questo studio era di confrontare la caffeina di mg 50, con e senza la L-teanina di mg 100, su cognizione e sull'umore in volontari sani. Gli effetti di questi trattamenti su riconoscimento della parola, su elaborazione delle informazioni visiva rapida, sulla soglia critica di fusione della luce intermittente, sulla commutazione dell'attenzione e sull'umore sono stati confrontati a placebo in 27 partecipanti. La prestazione è stata misurata alla linea di base ed ancora al min 60 minimi e 90 dopo ogni trattamento (separato da un'interruzione di sette giorni). La caffeina ha migliorato la vigilanza soggettiva a 60 minimi e l'accuratezza sul compito di attenzione-commutazione al min 90. La combinazione della caffeina e di L-teanina ha migliorato sia la velocità che l'accuratezza della prestazione del compito di attenzione-commutazione al min 60 ed ha ridotto la suscettibilità a distrarre le informazioni nel compito di memoria sia min a 60 minimi che a 90. Questi risultati ripiegano la prova precedente che suggerisce che la L-teanina e la caffeina in associazione siano utili per il miglioramento della prestazione sulle mansioni impegnative conoscitivo.

Nutr Neurosci. 2008 agosto; 11(4): 193-8

la L-teanina e la caffeina migliorano lo smistamento dei compiti ma l'attenzione non multisensoriale o la vigilanza soggettiva.

La L-teanina e la caffeina degli ingredienti del tè sono state indicate ripetutamente per consegnare i benefici conoscitivi unici una volta consumate in associazione. Il randomizzato corrente, controllato con placebo, la prova alla cieca, studio dell'incrocio ha confrontato una combinazione di L-teanina (97 mg) e caffeina (40 mg) ad un placebo su due mansioni dell'attenzione e un questionario di auto-rapporto prima e min 10 e 60 dopo consumo. La combinazione di L-teanina e di caffeina ha migliorato significativamente l'attenzione su un compito del commutatore rispetto al placebo, mentre la vigilanza soggettiva e l'attenzione multisensoriale non sono state migliorate significativamente. I risultati sostengono la prova precedente che la L-teanina e la caffeina in associazione possono migliorare l'attenzione.

Appetito. 2010 aprile; 54(2): 406-9

Il danno conoscitivo delicato può essere distinto dal morbo di Aalzheimer e dall'invecchiamento normale per i test clinici.

FONDO: Il danno conoscitivo delicato (MCI) rappresenta uno stato temporaneo fra i cambiamenti conoscitivi di invecchiamento normale e la demenza molto iniziale e sta essendo sempre più riconosciuto come fattore di rischio per il morbo di Aalzheimer (ANNUNCIO). Lo studio di danno di memoria (MIS) è un test clinico multicentrato in pazienti con il MCI destinato per valutare se la vitamina E o il donepezil è efficace a ritardare il tempo ad una diagnosi clinica dell'ANNUNCIO. OBIETTIVO: per descrivere le caratteristiche della linea di base dei pazienti con il MCI reclutato per il MIS e paragonare loro a quelli dei comandi anziani ed i pazienti all'ANNUNCIO in un altro test clinico. PROGETTAZIONE: Studio descrittivo e comparativo dei pazienti con il MCI che partecipano ad un test clinico multicentrato. REGOLAZIONE: Centri di disturbo della memoria negli Stati Uniti e nel Canada. PAZIENTI: Complessivamente 769 pazienti con il MCI, 107 comandi anziani conoscitivo normali, 122 pazienti con l'ANNUNCIO molto delicato (valutazione clinica di demenza [CDR] 0,5) e 183 pazienti con l'ANNUNCIO delicato (CDR 1,0) sono stati valutati. I pazienti nel MIS hanno risposto ai criteri operativi per il MCI amnestic. I comandi sono stati reclutati in parallelo con il gruppo del MCI, hanno subito le stesse valutazioni ed hanno avuti un CDR di 0. MISURE PRINCIPALI DI RISULTATO: Clinico, neuropsychologic, funzionale, neuroimaging e misure genetiche. RISULTATI: La media +/- punteggi Scala-conoscitivi di Subscale di valutazione del morbo di Alzheimer di deviazione standard erano 5,6 +/- 3,3 per i comandi, 11,3 +/- 4,4 per i pazienti con il MCI, 18,0 +/- 6,2 per i CDR dell'ANNUNCIO 0,5 gruppi e 25,2 +/- 8,8 per i CDR dell'ANNUNCIO 1,0 gruppi. Rispetto ai comandi, i pazienti con il MCI più sono stati alterati sulle mansioni di memoria, con i danni meno severi in altri dominii conoscitivi. I pazienti con il MCI erano più probabili dei comandi ma meno probabilmente che i pazienti con l'ANNUNCIO portare l'allele dell'apolipoproteina E epsilon4. I pazienti con il MCI hanno avuti volumi hippocampal che erano intermedi fra quelli dei comandi ed i pazienti con l'ANNUNCIO. CONCLUSIONI: I pazienti con il MCI hanno avuti un danno predominante di memoria con il risparmio relativo di altri dominii conoscitivi ed erano intermedi fra gli individui ed i pazienti clinicamente normali con l'ANNUNCIO sulle valutazioni conoscitive e funzionali. Questi risultati dimostrano la riuscita implementazione dei criteri operativi per questo gruppo unico di pazienti a rischio in un test clinico multicentrato.

Arco Neurol. 2004 gennaio; 61(1): 59-66