Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Estratti

Prolungamento della vita rivista ottobre 2012
Estratti

Zeaxantina

Randomizzato, prova alla cieca, studio controllato con placebo di zeaxantina e funzione visiva in pazienti con degenerazione maculare senile atrofica: la zeaxantina e la funzione visiva studiano (ZVF) FDA IL IND #78, 973.

FONDO: Lo scopo di questo studio è di valutare se il completamento dietetico con la zeaxantina del carotenoide (Zx) solleva la densità ottica del pigmento della macula (MPOD) ed ha benefici visivi unici per i pazienti con degenerazione maculare atrofica iniziale che ha i sintomi visivi ma istituto nazionale più a basso rischio di salute/istituto nazionale dell'occhio/caratteristiche relative all'età di studio di malattia dell'occhio. METODI: Ciò era un di un anno, n = 60 (57 uomini, 3 donne), 4 visita, intenzione--ossequio, test clinico controllato futuro e randomizzato dei pazienti (74,9 anni, deviazione standard [deviazione standard] 10) con degenerazione maculare senile del delicato--moderato (AMD) assegnata a caso a 1 di 2 gruppi di intervento del pigmento del carotenoide dell'integratore alimentare: 8 mg Zx (n = 25) e 8 mg Zx più la luteina di mg 9 (l) (n = 25) o 9 mg L (“placebo del Faux,„ gruppo di controllo, n = 10). L'analisi era dalla prova di bartlett per la varianza uguale, dall'analisi fattoriale ripetuta a tre corsie della varianza, dalla prova indipendente di t (P < 0,05) per la varianza e da fra/all'interno delle differenze del gruppo e post hoc delle prove di Scheffé. Fotometria heterochromic foveal stimata della luce intermittente, densità ottica del pigmento maculare 1° (® di MPODQuantifEye, l'acuità visiva bassa e ad alto contrasto, la distinzione foveal di forma (fondamento della retina del sud-ovest), 10° i campi visivi cinetici gialli (KVF), recupero di abbagliamento, la funzione della sensibilità di contrasto (CSF) e soglie di colore blu del ®di ChromaTest del cono 6° è stato ottenuto in serie a 4, 8 e 12 mesi. RISULTATI: Novanta per cento di oggetto ha completato ≥ 2 visita con iniziale relativo all'età malattia dell'occhio studio rapporto #18 retinopatia un punteggio di 1,4 (1,0)/4,0 di deviazione standard e una conformità dell'assunzione della pillola di 96% senza gli effetti contrari. Non c'erano differenze di intergruppo in 3 fattori di rischio importanti di AMD: età, fumare e durata di malattia come pure dell'indice di massa corporea e differenze visive del punteggio composito del questionario 25 di funzione. La casualizzazione ha provocato la varianza uguale di MPOD e MPOD che aumentano di ciascuno dei 3 gruppi da 0,33 unità di densità (du) (0,17 deviazioni standard) linea di base a 0,51 du (0,18 deviazioni standard) a 12 m., (P = 0,03), ma a nessun differenze del fra-gruppo (analisi della varianza; P = 0,47). Nel gruppo di Zx, l'acuità visiva ad alto contrasto dettagliata migliore da 1,5 linee, fondamento della retina della distinzione di forma di sud-ovest ha affilato 0,97 - 0,57 (P = 0,06, 1 coda) e una più grande percentuale dei pazienti di Zx ha sperimentato eliminare dei loro scotomas centrali di KVF (P = 0,057). “Il placebo„ la L gruppo del Faux era superiore in termini di acuità visiva di basso contrasto, CSF e recupero di abbagliamento, mentre Zx ha mostrato una tendenza verso significato. CONCLUSIONE: In pazienti maschii più anziani con AMD, da elevazione foveal indotta Zx di MPOD ha rispecchiato quella della L e se benefici visivi distinti complementari migliorando ai i parametri visivi basati a cono foveal, mentre la L ha migliorato quei parametri connessi con alla la visione basata a barretta dettagliata lorda, con la considerevole sovrapposizione fra i 2 carotenoidi. (Rapporto dietetico atipico) lo Zx ugualmente dosato più la L gruppo è andato peggio in termini di innalzamento del MPOD, presumibilmente a causa di duodenale, della epatico-lipoproteina o della concorrenza retinica del carotenoide. Questi risultati hanno significato biologico basato su distribuzione retinica e su predominanza foveal di Zx.

Optometria. 2011 novembre; 82(11): 667-80

Aumento del pigmento maculare dopo il completamento con tutti e tre i carotenoidi maculari: uno studio esplorativo.

SCOPO: Alla macula, la meso-zeaxantina dei carotenoidi (MZ), la luteina (l) e la zeaxantina (z) si riferiscono a collettivamente come pigmento maculare (mp). Questo studio è stato destinato per misurare il siero e le risposte maculari ad una formulazione maculare del carotenoide. MATERIALI E METODI: Dieci oggetti sono stati reclutati in questo studio (cinque normali e cinque con degenerazione maculare senile iniziale [AMD]). Gli oggetti sono stati incaricati di consumare una formulazione che contiene 7,3 mg di MZ, 3,7 mg di L e 0,8 mg di Z di ogni giorno su un periodo di otto settimane. Il profilo spaziale del mp che la densità ottica (cioè, MPOD a 0,25 gradi, a 0,5 gradi, a 1 grado e a 1,75 gradi) è stata misurata facendo uso della fotometria heterochromatic su misura della luce intermittente e di un campione di sangue è stato raccolto durante l'ogni ispezione per analizzare le concentrazioni nel siero del MZ, dei RISULTATI dello Z. e di L: C'era un importante crescita nelle concentrazioni nel siero del MZ e della L dopo due settimane del completamento (p < 0,05). L'analisi del carotenoide del siero della linea di base ha individuato un piccolo picco eluirsi contemporaneamente al MZ in tutti gli oggetti, con un medio +/- una deviazione standard di 0,02 +/- 0,01 micromol/L. Riferiamo gli importante crescite in MPOD a 0,25 gradi, a 0,5 gradi, a 1 grado ed alla media MPOD attraverso il suo profilo spaziale dopo appena due settimane del completamento (p < 0,05, per tutti). Quattro oggetti (un normale e tre AMD) che ha avuta un profilo spaziale atipico di MPOD (cioè, immersione centrale) alla linea di base hanno avuti il profilo spaziale più tipico di MPOD (cioè, più alto MPOD al centro) dopo otto settimane del completamento. CONCLUSIONE: Riferiamo gli importante crescite nelle concentrazioni nel siero del MZ e L dopo il completamento con il MZ, L e Z e un importante crescita in MPOD, compreso il suo profilo spaziale, dopo due settimane del completamento. Inoltre, questo studio ha individuato la presenza possibile di MZ nel pre-completamento umano del siero e la capacità della formulazione del carotenoide di studio ricostruire MPOD centrale negli oggetti che hanno profili atipici alla linea di base.

Ricerca dell'occhio di Curr. 2010 aprile; 35(4): 335-51

Carotenoidi, beta-carotene del siero e retinolo e rischio dietetici di cancro polmonare nell'alfa-tocoferolo, studio di gruppo del beta-carotene.

I risultati da parecchie prove del completamento del beta-carotene erano inattesi e contrastanti con gli studi più d'osservazione. I carotenoidi all'infuori del beta-carotene sono trovati in varie frutta e verdure e possono svolgere un ruolo in questa malignità importante, ma i risultati precedenti per quanto riguarda i cinque carotenoidi principali sono contradditori. Gli autori hanno analizzato le associazioni fra il beta-carotene dietetico, beta-carotene, luteina/zeaxantina, licopene, beta-criptoxantina, vitamina A, beta-carotene del siero e retinolo del siero ed il rischio del cancro polmonare nell'alfa-tocoferolo, nel gruppo di studio di prevenzione del cancro del beta-carotene dei fumatori maschii condotti in Finlandia sudoccidentale fra 1985 e 1993. Dei 27.084 fumatori maschii ha invecchiato 50-69 anni che hanno compilato il questionario dietetico di 276 prodotti alimentari alla linea di base, cancro polmonare sviluppato 1.644 durante i fino a 14 anni di seguito. I modelli proporzionali di rischi di Cox sono stati usati per stimare i rischi e gli intervalli di confidenza relativi di 95%. Il consumo di frutta e di verdure è stato associato con un rischio più basso del cancro polmonare (rischio relativo = 0,73, intervallo di confidenza di 95%: 0,62, 0,86, più alti contro quintile il più basso). I rischi più bassi di cancro polmonare sono stati osservati per il più alto contro i quintiles più bassi di licopene (28%), di luteina/di zeaxantina (17%), della beta-criptoxantina (15%), dei carotenoidi totali (16%), del beta-carotene del siero (19%) e del retinolo del siero (27%). Questi risultati suggeriscono quel alto consumo della verdura e della frutta, specialmente ricchi di una dieta in carotenoidi, pomodori ed a prodotti basati a pomodoro, possono ridurre il rischio di cancro polmonare.

J Epidemiol. 15 settembre 2002; 156(6): 536-47

Micronutrienti e la loro rilevanza per la occhio-funzione di luteina, di zeaxantina e di acidi grassi omega-3.

I micronutrienti svolgono un ruolo importante nella manutenzione di salute e di funzione per l'occhio. Particolarmente la luteina, la zeaxantina e gli acidi grassi omega-3 eseguono le funzioni notevoli: la luteina insieme a zeaxantina prende il pigmento maculare, questi carotenoidi filtrano la componente leggera blu offensiva dalla luce solare come pure dalla luce ultravioletta che conduce alla sensibilità migliore di contrasto ed a meno problemi con abbagliamento dello schermo. Ancora, il pigmento maculare ha effetti antiossidanti ed antinfiammatori. Gli acidi grassi omega-3 inoltre possiedono gli effetti antinfiammatori e, una volta convertiti in neuroprotectin, proteggono dagli apoptosi indotti ossidativi nella retina. Sono inoltre responsabili della fluidità e del rifornimento alla membrana del fotoricettore. Queste proprietà sono importanti per la prevenzione ed il trattamento delle malattie dell'occhio degeneranti come degenerazione maculare senile. Tuttavia, la gente più anziana sufficientemente non è fornita spesso dei micronutrienti nella loro dieta. Poiché il rifornimento delle sostanze nutrienti può appena essere raggiunto da cambiamento dietetico, l'assunzione supplementare sotto forma di integratori alimentari è utile in questo gruppo d'età. Gli studi scientifici hanno indicato gli effetti positivi del completamento con i micronutrienti quali luteina/zeaxantina, vitamina C, la vitamina E, lo zinco e gli acidi grassi omega-3, l'acido docosaesaenoico e l'acido eicosapentanoico (DHA e EPA). I prodotti dietetici attualmente disponibili sono basati in parte sugli ingredienti dello studio ARED (studio relativo all'età di malattia dell'occhio). Secondo le formulazioni più recenti di studi contenere la luteina e gli acidi grassi omega-3 nelle dosi fisiologicamente significative senza beta-carotene supplementare dovrebbe essere preferito. 10 - 20 mg di luteina e la zeaxantina rappresentano una dose quotidiana della cassaforte che considera al contesto qui sopra, al beta-carotene nei giochi delle dosi elevate un ruolo secondario all'occhio ed è particolarmente critici per la salute dei fumatori. Questo articolo riassume le funzioni dei micronutrienti presentati nell'occhio e può assistere gli oftalmologi nel consiglio dei loro pazienti.

Klin Monbl Augenheilkd. 2011 giugno; 228(6): 537-43

La risposta della luteina del siero è maggior da luteina libera che da luteina esterificata durante le 4 settimane del completamento in adulti in buona salute.

FONDO: I dati correnti suggeriscono la grande variabilità nella risposta del siero dopo ingestione della luteina dalle varie fonti. OBIETTIVO: per paragonare la risposta relativa del siero durante il completamento a luteina libera (Florida) ed agli esteri della luteina (Le). METODI: 72 volontari (23-52 anni; indice di massa corporea [BMI] >20 e <30 kg/m2; la luteina <20 µg/dL [<352 nmol/L] del siero) della linea di base è stata identificata. Gli oggetti, abbinati per il genere, l'età e BMI, sono stati assegnati a caso alla Florida o al Le group. la Florida e Le capsules hanno contenuto mg 12,2 di luteina libera o 27 mg di estere della luteina (equivalente alla luteina libera 13,5 di mg), rispettivamente. Il sangue di digiuno è stato ottenuto alla linea di base e dopo i 7, 14, 21 e 28 giorni del completamento. I supplementi sono stati consumati con le porzioni standard di cereale asciutto e pronto da mangiare e latte della mucca di 2%. RISULTATI: L'assoluto cambia in luteina del siero, per dose quotidiana di mg, era significativamente maggior nella Florida contro il Le dopo il 21 giorno (p = 0,0012) e rimanente così dopo i 28 giorni (p = 0,0011) del completamento. Area della luteina del siero sotto la curva [AUC ((giorno 0-28))] la risposta era 17% maggior per Florida contro il Le (p = 0,0187). I modelli di regressione sono stati usati e determinato stati che (1) livelli della luteina del siero della linea di base e (2) la forma (Florida > Le) di influenza ingerita luteina la risposta della luteina del siero durante il completamento, mentre l'età, il genere, BMI ed i lipidi tematici del siero non colpiscono la risposta del siero. CONCLUSIONI: Questi risultati indicano che la risposta relativa della luteina del siero sarà significativamente maggior dai supplementi che contengono la luteina libera che dai supplementi che contengono gli esteri della luteina. Questi risultati dovrebbero essere utili per i test clinici futuri che esplorano l'efficacia del completamento della luteina nella prevenzione di o nella protezione contro la degenerazione maculare senile e/o le cataratte.

J Coll Nutr. 2010 dicembre; 29(6): 575-85

Il completamento dietetico con una miscela naturale del carotenoide fa diminuire lo sforzo ossidativo.

OBIETTIVO: per determinare se il completamento dietetico con una miscela naturale del carotenoide neutralizza il potenziamento di indotto da stress ossidativo tramite consumo di olio di pesce. PROGETTAZIONE: Un intervento dietetico dell'incrocio randomizzato della prova alla cieca. REGOLAZIONE: Hugh Sinclair Unit dell'alimentazione umana, scuola delle scienze biologiche dell'alimento, l'università di Reading, casella postale 226, lettura RG6 6AP, Regno Unito di Whiteknights. OGGETTI ED INTERVENTO: Complessivamente 32 volontari nonsmoking in buona salute dissipati sono stati reclutati dai manifesti e dai email nell'università di Reading. Un volontario si è ritirato durante lo studio. I volontari hanno consumato un supplemento quotidiano che comprende le capsule che contengono g) dell'olio di pesce (4 x 1 o g) dell'olio di pesce (4 x 1 contenendo mg della miscela del carotenoide (4 x 7,6) naturale per 3 settimane in una progettazione di incrocio randomizzata hanno separato entro una fase di interruzione di 12 settimane. La miscela del carotenoide ha fornito un'assunzione quotidiana del beta-carotene (6,0 mg), del alfa-carotene (1,4 mg), del licopene (4,5 mg), della bixina (mg 11,7), della luteina (4,4 mg) e dei carotenoidi della paprica (2,2 mg). Il sangue ed i campioni di urina sono stati raccolti i giorni 0 e 21 di ogni periodo dietetico. RISULTATI: La miscela del carotenoide ha ridotto la caduta ex vivo nella stabilità ossidativa della lipoproteina a bassa densità (LDL) indotta dall'olio di pesce (P=0.045) ed ha ridotto l'entità di danno del DNA accertata dalla concentrazione di 8 hydroxy-2'-deoxyguanosine in urina (P=0.005). Non c'era effetto sulla stabilità ossidativa di plasma ex vivo valutata dalla prova radicale della capacità di capacità di assorbimento dell'ossigeno. il beta-carotene, il alfa-carotene, il licopene e la luteina sono stati aumentati di plasma degli oggetti che consumano la miscela del carotenoide. I livelli del trigliceride del plasma sono stati ridotti sensibilmente più della riduzione per il controllo dell'olio di pesce (P=0.035), ma ammontano al colesterolo, HDL ed i livelli di LDL non sono stati cambiati significativamente tramite il consumo della miscela del carotenoide. CONCLUSIONI: Il consumo della miscela naturale del carotenoide ha abbassato l'aumento in indotto da stress ossidativo dall'olio di pesce come valutato ex vivo dalla stabilità ossidativa prodotto di degradazione del DNA e di LDL in urina. La miscela del carotenoide inoltre ha migliorato l'effetto d'abbassamento del plasma dell'olio di pesce. PATROCINIO: Lo studio è stato sostenuto costituendo un fondo per dal fondamento greco di borsa di studio e dal plc di Bestfoods della leva di regolazione. I carotenoidi sono stati contribuiti dal plc degli alimenti di Overseal.

EUR J Clin Nutr. 2003 settembre; 57(9): 1135-40

La luteina dietetica del carotenoide protegge da danno del DNA e dalle alterazioni dello stato redox indotto da cisplatino in cellule derivate essere umano HepG2.

Parecchi studi epidemiologici e sperimentali è stato riferito che la luteina (LT) presenta le proprietà antiossidanti. Lo scopo dello studio presente era di studiare gli effetti protettivi di LT contro lo sforzo ossidativo ed il danno del DNA indotto da cisplatino (cDDP) in un essere umano ha derivato la linea cellulare del fegato (HepG2). L'attuabilità ed il DNA-danno delle cellule sono stati controllati da MTT e dalle analisi della cometa. Inoltre, i parametri biochimici differenti relativi a stato redox (glutatione, citocromo-c e ROS intracellulare) inoltre sono stati valutati. Un chiaro DNA-danno è stato visto con il trattamento del cDDP (1.0µM). Congiuntamente al carotenoide, la riduzione di danno del DNA è stata osservata dopo il trattamento pre- e simultaneo delle cellule, ma non quando il carotenoide si è aggiunto alle cellule dopo l'esposizione a cDDP. L'esposizione delle cellule a cDDP inoltre ha causato i cambiamenti significativi di tutti i parametri biochimici e nel co-trattamento delle cellule con LT, il carotenoide ha ritornato queste alterazioni. I risultati indicano che il cDDP induce lo sforzo ossidativo pronunciato in cellule HepG2 che è collegato con danno del DNA e che il completamento con il LT antiossidante può proteggere questi effetti contrari causati tramite l'esposizione delle cellule al composto del platino, che può essere un buono predice per il chemoprevention.

Toxicol in vitro. 2012 marzo; 26(2): 288-94

Chemoprevention del Cancro dai carotenoidi.

I carotenoidi sono pigmenti solubili nel grasso naturali che forniscono la colorazione luminosa alle piante ed agli animali. L'ingestione dietetica dei carotenoidi è associata inversamente con il rischio di vari cancri in tessuti differenti. Gli studi preclinici hanno indicato che alcuni carotenoidi hanno effetti antitumorali potenti sia in vitro che in vivo, suggerendo i ruoli preventivi e/o terapeutici potenziali per i composti. Poiché il chemoprevention è una delle strategie più importanti nel controllo dello sviluppo del cancro, a chemoprevention basato a meccanismo molecolare del cancro facendo uso dei carotenoidi sembra essere un approccio attraente. I vari carotenoidi, quale β-carotene, un-carotene, licopene, luteina, zeaxantina, β-criptoxantina, fucoxanthin, cantaxantina ed astaxantina, si sono rivelati avere attività anti-cancerogena in parecchi tessuti, sebbene le dosi elevate di β-carotene non riuscissero ad esibire l'attività chemopreventive nei test clinici. In questo esame, la prevenzione del cancro facendo uso dei carotenoidi è esaminata ed i meccanismi possibili di azione sono descritti.

Molecole. 14 marzo 2012; 17(3): 3202-42

La luteina dietetica inibisce la crescita mammaria del tumore del topo regolando l'angiogenesi e gli apoptosi.

Anche se precedentemente abbiamo riferito che la luteina dietetica può inibire la crescita mammaria del tumore, il meccanismo di questa azione era sconosciuto. Qui, abbiamo studiato l'azione di luteina dietetica con il suo regolamento possibile degli apoptosi e dell'angiogenesi. I topi femminili di BALB/c sono stati alimentati una dieta semipurificata che contiene 0 (controllo), 0,002 o 0,02% luteine (n = 20/treatment) per 2 settimane prima dell'inoculazione con 100.000 - cellule mammarie del tumore del topo del SA nel cuscinetto grasso mammario giusto. Il volume del tumore è stato misurato giornalmente fino al postinoculation del giorno 50 quando tutti i topi sono stati uccisi. Le attività degli apoptosi e di angiogenesi nei tumori sono state misurate dall'esame immuno-istochimico. Gli apoptosi e la necrosi dei linfociti del sangue sono stati quantificati da citometria a flusso facendo uso di Annexin V-FITC e della macchiatura dello ioduro di propidium. L'espressione del p53, del Bax e del Bcl-2 mRNA è stata misurata dall'amplificazione di RT-PCR. La luteina non era rilevabile nel plasma, nel fegato o nel tumore di topi senza aggiunte, ma aumentato di modo dipendente dalla dose in topi luteina-completati. I topi hanno alimentato la luteina hanno avuti tumori che erano 30 - 40% più piccoli (p < 0,05) sull'post-inoculazione del giorno 50 confrontata ai topi senza aggiunte. Il volume finale del tumore era più basso in topi ha alimentato 0,002% luteine. I topi hanno alimentato la luteina hanno avuti più alta attività apoptotica nei tumori ma abbassano l'attività apoptotica nei linfociti del sangue rispetto agli animali senza aggiunte. Queste osservazioni sono state sostenute tramite l'aumento osservato nell'espressione dei geni proapoptotic, p53 e Bax, insieme ad una diminuzione nell'espressione del gene antiapoptotic, di Bcl-2 e conseguentemente di un aumento nel Bax: Rapporto Bcl-2 in tumori dai topi di luteina-federazione. Ancora, i topi di luteina-federazione inoltre hanno avuti (p < 0,05) attività angiogenica più bassa nei tumori rispetto ai topi senza aggiunte. Il più grande effetto benefico sugli apoptosi e sull'angiogenesi è stato osservato con i topi ha alimentato 0,002% luteine. Di conseguenza, la luteina dietetica, particolarmente a 0,002%, ha inibito la crescita del tumore selettivamente modulando gli apoptosi ed inibendo l'angiogenesi.

Ricerca anticancro. 2003 luglio-agosto; 23(4): 3333-9

La luteina/zeaxantina dietetiche parzialmente si riduce photoaging e photocarcinogenesis in topi glabri cronicamente UVB-irradiati Skh-1.

La luteina e la zeaxantina sono carotenoidi della xantofilla con le proprietà antiossidanti potenti che proteggono la pelle dal photodamage acuto. Questo studio ha esteso la ricerca fino il photodamage e il photocarcinogenesis cronici. I topi hanno ricevuto una luteina/zeaxantina-hanno completato la dieta o una dieta non integrata standard. La pelle dorsale dei topi glabri femminili Skh-1 è stata esposta a radiazione di UVB con una dose cumulativa di 16.000 mJ/cm (2) per photoaging e 30.200 mJ/cm (2) per il photocarcinogenesis. Le valutazioni cliniche sono state eseguite settimanalmente e gli animali sono stati sacrificati 24 h dopo l'ultima esposizione di UVB. Per gli esperimenti photoaging, lo spessore del popolare della pelle, lo spessore suprapapillary del piatto, i conteggi di mastocita ed il contenuto cutaneo della desmosina sono stati valutati. Per il photocarcinogenesis, i campioni dei tumori più grandi di 2 millimetri sono stati analizzati per la caratterizzazione istologica, l'indice di hyperproliferation, la molteplicità del tumore, il volume totale del tumore ed il tempo di sopravvivenza senza tumore. I risultati dell'esperimento photoaging hanno rivelato che lo spessore del popolare della pelle ed il numero dei mastociti d'infiltrazione che seguono l'irradiamento di UVB erano significativamente di meno in luteina/topi zeaxantina-trattati una volta confrontati agli animali irradiati hanno alimentato la dieta standard. I risultati dell'esperimento di photocarcinogenesis sono stati aumentati tempo di sopravvivenza senza tumore, molteplicità riduttrice del tumore ed il volume totale del tumore in luteina/topi zeaxantina-trattati in confronto agli animali irradiati controllo ha alimentato la dieta standard. Questi dati dimostrano che il completamento dietetico zeaxantina/della luteina protegge la pelle dada photoaging e dal photocarcinogenesis indotti UVB.

Pelle Pharmacol Physiol. 2007;20(6):283-91