Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista febbraio 2012
Come lo vediamo

I dottori Overlook Leading Cause della morte prematura

Da William Faloon
William Faloon
William Faloon
I dottori Overlook Leading Cause della morte prematura

Il diabete è definito come malattia in cui una persona ha alta glicemia.

Il problema è che i medici non stanno riuscendo a determinare come la glicemia bassa deve essere di proteggere dalle complicazioni diabetiche temute.

In una serie degli studi pubblicati, della definizione che cosa costituisce il diabete, (o ha detto diversamente, di una persona con l'alto sug ARdel sangue) si accinge a è capovolto.

Ciò non è un aspetto irrilevante. Il termine “complicazioni diabetiche„ comprende le malattie più comuni di invecchiamento, variando dalle insufficienze renali1-3 e cecità,4-6 alla malattia cardiaca,7-12 il colpo,13,14 la neuropatia,15,16 e perfino cancro.17-22 questo significa che la maggior parte della malattia degenerante può essere rintracciata di nuovo ai problemi non diagnosticati di controllo del glucosio, che asseriamo presto ci trasformeremo nella nuova definizione del diabete.

L'alta glicemia sembra oggi essere l'uccisore principale, eppure la corrente principale medica è correttamente non diagnosticante lo o non trattante. Il risultato tragico è un'epidemia delle complicazioni diabetiche che paralizzano ed uccidono milioni di Americani perché le misure semplici non stanno prendende per sopprimere le punte del glucosio del dopo-pasto.

Come vi accingete a impari, non è appena glucosio a digiuno elevato che crei le complicazioni diabetiche. Gli impulsi in eccesso del glucosio del dopo-pasto si sono trasformati in una peste silenziosa del diabete, così affidare i nuovi punti in mandato è preso per proteggere da che cosa può essere la causa principale della morte prematura.

Il glucosio a digiuno è un indicatore in ritardo del diabete

Quando la gente prende le analisi del sangue ai livelli del glucosio della misura, sono chieste di digiunare per 8 - 12 ore. Medici chiedono questa ora 8-12 veloce perché vogliono una linea di base coerente misurare il glucosio ed i lipidi in confronto alla popolazione in genere.

C'è un problema con questo. Una persona che soffre da glicemia che pericolosamente alta parecchie ore seguire un pasto tipico può artificialmente cadere il loro glucosio a digiuno ad una gamma sicura dopo 8 di digiuno o più ore. La capacità di una persona di rimuovere il loro sangue di glucosio in eccesso 8-12 ore dopo il cibo può persistere per le decadi, così mascherando che cosa può essere una punta postprandiale pericolosa (del dopo-pasto) in glucosio.

Anche le prove che misurano il controllo glycemic a lungo termine come l'emoglobina A1c non può individuare adeguatamente queste glucosio del post-pasto si solleva.

Ciò significa che molti di noi spendono una parte del nostro giorno in uno stato diabetico acuto. L'impatto letale di questi impulsi del glucosio di multi-ora ora sta capendo. Poichè leggerete, le complicazioni diabetiche possono sviluppare gli anni o persino le decadi prima che il diabete di tipo 2 completo sia diagnosticato.

Conseguenze dell'impulso del glucosio del Post-pasto

Conseguenze dell'impulso del glucosio del Post-pasto

Che cosa accade nel vostro sangue durante il primo parecchie ore dopo l'ingestione un pasto del alto-carboidrato ha molto da fare con il vostro rischio di acquisto delle complicazioni diabetiche, anche se ancora non avete sviluppato il diabete (come definito oggi).

I livelli del glucosio aumentano naturalmente nel vostro sangue dopo un pasto del alto-carboidrato e se siete in buona salute, il glucosio cadrà rapidamente di nuovo alle gamme pre-prandiali. Se il glucosio aumenta troppo ed i soggiorni hanno elevato troppo lungamente, tuttavia, una somma enorme di danno di tessuto è inflitta.23-27

I diabetici hanno acutamente più alti tassi di attacchi di cuore confrontati ai non diabetici.28-30 eppure anche in molti il diabetico non considerato, tassi d'attacco di attacco di cuore è 40% più su quando i livelli di digiuno del glucosio sono superiore a 85 mg/dL.31 in uno studio dove le punte del glucosio del dopo-pasto sono state impedite, i tassi d'attacco di attacchi di cuore hanno caduto un 91% sbalordente.32 anche quando qualcuno soffre un attacco di cuore, la quantità di danneggiamento del muscolo del cuore è ridotta significativamente quando le misure sono prese prima del tempo per ridurre gli impulsi del glucosio del post-pasto.32-36

Il programma del cuore di Honolulu ha trovato che il rischio di coronaropatia correlato con i livelli del glucosio ha misurato un'ora dopo un carico orale del glucosio da 50 grammi. L'incidenza della coronaropatia era due volte alta in pazienti con i livelli postprandiali del glucosio fra 157 e 189 mg/dL confrontati a quelli ai livelli al di sotto di 144 mg/dL.37 un altro studio ha mostrato che l'incidenza di morte improvvisa è stata raddoppiata con i livelli postprandiali del glucosio di 225 mg/dL o più su.38

Lo studio di Whitehall dei funzionari maschii britannici ha indicato che i livelli della glicemia di 96 mg/dL o più alto due ore dopo che un pasto è stato associato con un aumento duplice nella mortalità dalla coronaropatia.39

Un altro studio britannico, l'indagine del diabete di Islington, riferita che l'incidenza della coronaropatia principale era 17% negli oggetti con tolleranza al glucosio alterata, definita tipicamente come livelli postprandiali di due ore del glucosio di 140-199 mg/dL, rispetto a 9% negli oggetti con tolleranza al glucosio normale.40 lo studio di Oslo hanno indicato che il rischio di colpo mortale in pazienti diabetici è aumentato di 13% per ogni elevazione di 18 mg/dL in glucosio postprandiale.41

Questi studi mostrano coerente acutamente il più alta malattia vascolare in quelle con le più alte punte postprandiali del glucosio (del dopo-pasto).

Complicazioni diabetiche vedute in Non diabetici

Complicazioni diabetiche vedute in Non diabetici

La neuropatia periferica comprende la bruciatura, il formicolio e la perdita di sensazione, solitamente delle estremità inferiori. È una complicazione diabetica comune che se risultato incontrollato lasciato della latta nella cancrena che richiede l'amputazione di conservare la vita del paziente.42,43

Uno studio ha indicato che molti non diabetici di cui il glucosio eleva a 140 mg/dL o più alto dopo un test di tolleranza al glucosio orale hanno sofferto lo stesso tipo di neuropatia come si vede nei diabetici completi. I livelli elevati di digiuno del glucosio e dell'emoglobina A1c di questi pazienti non erano, ma se i loro livelli della glicemia rimanessero superiore a 140 mg/dL di due ore dopo l'ingestione dei 75 grammi di glucosio puro (un test di tolleranza al glucosio), c'era un improvviso e un importante crescita nell'incidenza dei segni e dei sintomi diabetici della neuropatia.44

Un altro studio ha trovato che 56% dei pazienti della neuropatia ha avuto livelli di tolleranza al glucosio che sono caduto nella gamma pre-diabetica e questi individui hanno subito il danneggiamento delle loro piccole fibre nervose.45 anecdotally è stato riferito che il dolore neuropatico nei piedi dei pazienti peggiora quando i livelli del glucosio superano 140 mg/dL e diminuiscono quando il glucosio è caduto sotto questa gamma.44,46

La retinopatia accade quando l'alta glicemia danneggia i vasi sanguigni minuscoli nella retina dell'occhio. È una delle complicazioni diabetiche temute poichè può condurre a cecità. L'associazione americana del diabete ha pensato che la retinopatia non accadesse finché un test di tolleranza al glucosio non mostrasse bene i livelli del glucosio oltre 200 mg/dL dopo due ore. Tuttavia, in un grande studio di popolazione, si su ogni dodici genti con il pre-diabete ha dato segni dei cambiamenti retinopathic che accadono nei loro occhi. Questo studio ha classificato il pre-diabete come glucosio a digiuno fra 100-125 mg/dL o le letture di due ore di tolleranza al glucosio fra 150-199 mg/dL. Questi risultati indicano che le punte del glucosio del post-pasto oltre 150 mg/dL sono associate con i cambiamenti minuscoli del vaso sanguigno che conducono a retinopatia diabetica.4

I diabetici hanno più alti tassi di cancro che sono stati attribuiti ai livelli elevati dell'insulina e della glicemia.47-49 quando il glucosio è elevato, il pancreas secerne l'insulina in eccesso nel tentativo di normalizzarlo. I livelli elevati dell'insulina sono creduti per stimolare la proliferazione di cellula tumorale. Uno studio che ha seguito 10,000 persone per 10 anni ha mostrato l'aumento sostanziale nel cancro in quelli con glucosio a digiuno oltre 110 mg/dL o i livelli postprandiali di due ore del glucosio oltre 160 mg/dL.50

Il glucosio in eccesso inoltre aumenta i livelli del trigliceride, un altro fattore di rischio vascolare.51 determinata droga gradisce la metformina che il glucosio e l'insulina più bassi inoltre si riducono arteria-ostruire i trigliceridi.52,53

Questi ed altri studi dimostrano che coloro che non può controllare i loro picchi del glucosio sono inclini soffrono le complicazioni diabetiche. Tutto il questo conferma che cosa la vita Extension® precedentemente ha pubblicato circa il bisogno urgente di proteggere dagli impulsi del dopo-pasto di glucosio, di insulina e di trigliceridi.

Chiaramente, il corpo non gradisce essere inondato con le punte del glucosio del dopo-pasto, eppure troppi Americani soffrono da glucosio postprandiale in eccesso in tutto la maggior parte del giorno ed i loro medici non stanno pagando all'attenzione ai rischi letali questo pose.

Non solo le punte del glucosio acutamente danneggiano i tessuti, ma alterano sfavorevole l'espressione genica in un modo che può accelerare i processi di invecchiamento.54,55 che questa è una ragione per la quale la restrizione di caloria ha reso tali estensioni robuste nella durata, con acutamente riducono i rischi di malattie degeneranti. Fortunatamente, ci sono parecchi modi provati porre freno le punte del glucosio del dopo-pasto che non richiedono la restrizione severa di caloria.

L'alto glucosio distrugge le cellule producenti insulina

L'alto glucosio distrugge le cellule producenti insulina

Non solo gli impulsi del glucosio del dopo-pasto creano le complicazioni diabetiche letali, ma direttamente causano la distruzione di beta cellule producenti insulina nel pancreas. Una volta che abbastanza beta cellule muoiono, c'è insulina insufficiente per controllare i livelli della glicemia. È solitamente a questo periodo dei livelli di digiuno sviluppantesi a spirale del glucosio che il diabete di tipo 2 completo è diagnosticato a volte… decadi dopo che l'alta glicemia già ha danneggiato ogni tessuto nel corpo.56,57

Le beta cellule secernono l'insulina in risposta agli aumenti in glicemia. Purtroppo, le beta cellule sono abbastanza sensibili anche disprezzare gli aumenti in glicemia. C'è prova di beta disfunzione delle cellule quando i livelli del glucosio restano 100 mg/dL per più di alcune ore.58

Nell'analizzare questi dati più ulteriormente, gli scienziati hanno trovato che anche i piccoli aumenti incrementali in glucosio su un periodo di due ore provocano il beta guasto rilevabile delle cellule. Questo studio ha indicato che le cellule più beta vengono a mancare come la glicemia di una persona è aumentato anche all'interno di cosiddetta “gamma normale.„58

Un altro studio ha indicato che le beta cellule cominciano morire fuori quando il glucosio a digiuno è oltre un livello di 110 mg/dL-a che molti medici dicono i loro pazienti di non preoccuparsi circa.59 questo studio indicano che la gente sta uccidendo fuori dalle loro beta cellule producenti insulina vitali permettendo che il glucosio chiodi troppo su dopo i pasti. Una volta che abbastanza beta cellule sono morto, la gente diventa diabetici insulino-dipendenti con le durate contrassegnato accorciate. Come ora sappiamo, quando qualcuno ha glucosio a digiuno oltre 110, significa che passare solitamente parecchie ore dopo i pasti con i livelli elevati acutamente del glucosio.

Le ricerche di laboratorio indicano che l'esposizione prolungata ai livelli elevati dello zucchero distrugge le beta cellule. Quando queste beta cellule sono rimosse dal medium dello alto-zucchero, possono recuperare, ma soltanto se fossero rimosse prima che una certa quantità di tempo sia passato.60,61

Una parte enorme della popolazione spende la maggior parte del loro giorno con i livelli del glucosio sopra quelli indicati per ferire o uccidere la insulina-secrezione delle cellule beta. Ciò spiega come l'alta glicemia è in sé una causa diretta della distruzione di beta cellule state necessarie per produzione dell'insulina. Ha usato per essere pensato che le beta cellule “bruciassero„ perché sono state costrette a produr in eccessoe l'insulina per sopprimere i livelli elevati della glicemia. Ora sappiamo che l'alta glicemia stessa sta uccidendo le beta cellule vitali.

Ha detto diversamente, molto diabete di tipo 2 che casi non sono causati a causa di produzione insufficiente dell'insulina. Invece, l'alta glicemia distrugge le beta cellule, così causando la glicemia cronicamente elevata (a causa della secrezione insufficiente dell'insulina) che finalmente è diagnosticata come diabete di tipo 2. La soluzione ovvia è di tenere i livelli del glucosio del dopo-pasto ha soppresso in modo dalle beta cellule non muoiono!

Una nuova definizione di diabete

Il diabete dovrebbe essere ridefinito come “malattia di cui una persona ha le punte acute della glicemia e/o livelli cronicamente elevati della glicemia abbastanza su per aumentare il rischio di malattia.„

La definizione potrebbe essere elaborata per includere chiunque con glucosio a digiuno superiore a 85 mg/dL e/o ad un carico orale del test di tolleranza al glucosio da 75 grammi che mostra un aumento da glucosio a digiuno maggiori di 40 mg/dL dopo due ore. Che cosa questo il mezzo è che se il glucosio a digiuno di una persona è 80 mg/dL ed il loro livello postprandiale è superiore a 120 mg/dL due ore dopo un test di tolleranza al glucosio, hanno controllo glycemic meno che ottimale che dovrebbe essere trattato.

Il numero di superiore-limite per il glucosio del dopo-pasto (120 mg/dL) nel paragrafo precedente riflette le gamme cercate nella gente che pratica la restrizione di caloria. Altri possono discutere quello chesopprime il trattamento non dovrebbero essere iniziati finché le letture del glucosio non siano oltre 140 mg/dL di due ore dopo che una sfida orale del glucosio.23 questo livello elevato del glucosio del dopo-pasto di limite superiore (140 mg/dL) sono più pratici affinchè la maggior parte dei esseri umani di invecchiamento tentino d'ottenere.

Per tutti gli individui di invecchiamento è vantaggioso tentare d'ottenere i livelli di digiuno del glucosio inferiore a 86 mg/dL, che non possono essere fattibili in ognuno, come alcuni di noi è predisposto ai livelli elevati del glucosio malgrado gli interventi aggressivi.

Comunque, gli esseri umani invecchianti dovrebbero osservare ogni pasto (particolarmente quel livello in carboidrati) come minaccia diretta contro la loro salute e longevità. I metodi provati dovrebbero essere implementati così prima di tutti i grandi pasti per smussare gli impulsi postprandiali del glucosio. Ciò include l'amilasi d'inibizione62-67 e la glucosidasi68,69 enzimi per impedire l'assorbimento di glucosio nella circolazione sanguigna, con le fibre speciali70-72 che ritardano lo svuotamento dell'alimento nell'intestino tenue in cui l'assorbimento rapido di glucosio dagli alimenti del carboidrato accade.

Le sostanze nutrienti, gli ormoni e le droghe (già usate da molti membri del prolungamento della vita) migliorano la sensibilità dell'insulina, che facilita la rimozione più efficiente di glucosio dal sangue.73-81

Malgrado l'impedimento dell'assorbimento del glucosio ed il miglioramento dell'utilizzazione cellulare del glucosio, troppi membri salute consapevoli non stanno controllando adeguatamente i loro livelli della glicemia.

Le buone notizie sono che un estratto verde standardizzato del chicco di caffè ha dimostrato le riduzioni robuste del dopo-pasto delle punte del glucosio e le funzioni via i meccanismi novelli non precedentemente disponibili.82,83

Perché la gente di invecchiamento ha troppo glucosio?

Sappiamo che il consumo eccessivo delle calorie (particolarmente carboidrati raffinati) acutamente chioderà la glicemia e può finalmente provocare glucosio a digiuno cronicamente elevato, che è come il diabete è definito oggi.

Eppure come la gente invecchia e presti attenzione più particolare alle loro diete, essi ancora spesso soffrono gli impulsi del glucosio del dopo-pasto che provocano le loro circolazioni sanguigne che si sono gonfiate con troppo glucosio per troppe ore. Ciò è causata da vari fattori, compreso la sensibilità riduttrice dell'insulina che disattiva la capacità delle cellule di muscolo di eliminare il glucosio in eccedenza da sangue per la conversione ad energia.

Ci sono altre ragioni, tuttavia, perché gli individui sicuri non hanno potuti ridurre il loro glucosio alle gamme sicure.

Come il glucosio in eccesso del Dopo-pasto causa vascolare danneggi

Sotto sono tre meccanismi specifici da cui il glucosio postprandiale elevato infligge il danneggiamento delle nostre arterie, che successivamente aumenta il rischio di colpo, di attacco di cuore, di insufficienza renale e di altre complicazioni diabetiche:

  • 1. Disfunzione endoteliale. Una conseguenza dell'iperglicemia postprandiale è attivazione della chinasi proteica C nell'endotelio che aumenta le molecole di adesione che facilitano l'assorbimento del leucocita nella parete del vaso sanguigno. L'iperglicemia inoltre aumenta l'espressione dell'endotelina vasocostrittore; ed induce l'aggregazione della piastrina, che causa o accelera l'aterosclerosi.99,100
  • 2. Ipercoagulabilità. I livelli postprandiali in eccesso del glucosio del plasma aumentano l'ipercoagulabilità derivando dalla produzione aumentata della trombina e dalla ripartizione in diminuzione del fibrinogeno. Questi, a loro volta, derivano dalla sovrapproduzione dell'inibitore dell'attivatore del plasminogeno, che direttamente inibisce l'attività dell'attivatore tissutale del plasminogeno. Ciò mette la fase per un coagulo di sangue anormale che si forma in un'arteria che può causare l'attacco di cuore o il colpo acuto.L'ipercoagulabilità 101 inoltre facilita la progressione di placca aterosclerotica. Il controllo dell'iperglicemia postprandiale inverte questo stato hypercoagulable.
  • 3. Glycation. L'alto glucosio postprandiale livella il risultato in glycation vascolare del lipido e della proteina. Le particelle glicate di LDL più facilmente sono ossidate e prese dai macrofagi tramite il ricevitore dell'organismo saprofago. Ciò conduce più su per spumare produzione delle cellule e, infine, placca aterosclerotica.102.103 la formazione di prodotti finiti avanzati di glycation nel collagene della parete della nave direttamente accelerano il processo aterosclerotico.104

Questi meccanismi mostrano chiaramente le conseguenze devastanti di alta glicemia sul sistema vascolare.

Le cause nascoste di sovraccarico del glucosio

Una causa poco-nota di sovraccarico del glucosio è che il glucosio immagazzinato nei tessuti del corpo (soprattutto il fegato) è scaricato inadeguato nella circolazione sanguigna. Questo rilascio patologico di glucosio accade anche se c'è abbondanza dello zucchero nel sangue da un pasto che è stato mangiato appena.

In quelli con i metabolismi sani, il fegato immagazzina il glucosio (come glicogeno) e soltanto libera abbastanza per mantenere un livello costante della glicemia per proteggere dagli eventi ipoglicemici. Ciò è chiamata glicogenolisi.84 in individui in buona salute, la glicogenolisi è soppressa da 90% nel fegato dopo un pasto per proteggere da sovraccarico della glicemia.85,86

Mentre la gente invecchia e la loro glicemia aumenta, questo equilibrio delicato destabilizza. L'alta glicemia postprandiale stimola un enzima chiamato glucose-6-phosphatase, che a sua volta richiama il rilascio in eccesso di glucosio immagazzinato dai tessuti, anche se c'è già glucosio abbondante nel sangue.

La gente con i livelli elevati della glicemia perde il controllo sopra il rilascio normale del tessuto del glucosio. Invece di trasformarlo fuori in risposta all'inondazione del glucosio nella loro circolazione sanguigna dal loro ultimo pasto, liberano troppo. Ciò contribuisce alle punte micidiali del glucosio del dopo-pasto che causano le complicazioni diabetiche anche fra i non diabetici.

L'enzima di glucose-6-phosphatase ha altro lato oscuro. Facilita la creazione di glucosio da altri substrati (aminoacidi, acidi grassi, o lattato) nel corpo. Questa creazione di nuovo glucosio è chiamata la gluconeogenesi.87 il significato di questo processo sono che spiega come il corpo può ripartire tutto l'alimento (proteina, grasso o carboidrato) in glucosio. La gluconeogenesi è che cosa induce qualche gente a mangiare l'alta glicemia anche se seguono una dieta “a basso contenuto di carboidrati„.

Glucose-6-phosphatase elevato richiama il rilascio e la creazione di nuovo glucosio nel sangue, indipendentemente da fatto che consumate tutte le calorie del carboidrato. Questo fenomeno gemellato di glicogenolisi (rilascio di glucosio immagazzinato) e della gluconeogenesi (creazione di nuovo glucosio) spiega perché tanta gente di invecchiamento soffre i livelli elevati della glicemia.

Per qualche gente, anche se seguono le diete di ridurre-caloria, i loro corpi possono ancora creare troppo glucosio internamente dovuto l'eccesso glucose-6-phosphatase.

Per capire perché l'eccesso glucose-6-phosphatase è gente così micidiale e invecchiante ha a mala pena la capacità di metabolizzare sicuro le calorie che ingeriscono durante tutta la giornata. Poichè il corpo crea e libera troppo glucosio in presenza dell'eccesso glucose-6-phosphatase, ogni caloria supplementare può aggiungere alle punte del glucosio. Così quando un pasto è consumato, il glucosio sfocia nella circolazione sanguigna. Ciò a sua volta induce i livelli totali della glicemia a salire alle stelle non appena dai carboidrati ingeriti, ma anche con i processi gemellati della gluconeogenesi e della glicogenolisi. I livelli della glicemia possono poi rimanere elevati per la maggior parte del giorno.

La soppressione di glucose-6-phosphatase è così un anello mancante critico agli impulsi (postprandiali) di smussamento del glucosio del dopo-pasto che sono una causa fondamentale di tante complicazioni (diabetiche) orribili.

Caffè verde Bean Extract Suppresses Glucose-6-Phosphatase

Caffè verde Bean Extract Suppresses Glucose-6-Phosphatase

Una serie di studi di popolazione hanno identificato i bevitori del caffè (chi hanno bevuto almeno cinque tazze un il giorno) come essendo sostanzialmente meno probabili ottenere il diabete di tipo 2.88

Ulteriore ricerca ha suggerito che il composto responsabile di questa azione utile sul metabolismo del glucosio fosse acido clorogenico che è trovato abbondantemente in chicchi di caffè crudi.

Che acido clorogenico fa è inibisce l'enzima glucose-6-phosphatase, che riduce il rilascio e la creazione di glucosio in eccesso nel corpo.89,90 questa proprietà doppia unica di acido clorogenico forniscono una nuova arma potente nella nostra ricerca per raggiungere il digiuno ottimale ed i livelli postprandiali del glucosio.

In un test clinico di 56 oggetti, 100 grammi di glucosio sono stati dati come prova orale di sfida del glucosio. Gli oggetti di studio sono stati dati le dosi crescenti dell'estratto verde standardizzato del chicco di caffè per misurare la sua capacità di ridurre l'impulso postprandiale del glucosio. Ad una dose di 400 mg di estratto verde del chicco di caffè, c'era un rapporto di riproduzione notevole di 32% dell'impulso postprandiale del glucosio.82 che questo traduce in qualcuno che soffra normalmente un impulso postprandiale pericoloso della glicemia di 160 mg/dL che lo riducono ad una cassaforte 109 mg/dL.

Un articolo nell'edizione di questo mese descrive i benefici complessi dell'estratto verde del chicco di caffè standardizzato per acido clorogenico. Se tutto che facesse fosse sopprime le punte del glucosio del dopo-pasto, fosse buono degno considerare per chiunque che non abbia potuto raggiungere il controllo ottimale del glucosio. Come tanti altri polifenoli naturali, l'acido clorogenico ha dimostrato una vasta gamma di proprietà protettive supplementari.91-95

I pericoli delle punte del glucosio del Dopo-pasto
I pericoli delle punte del glucosio del Dopo-pasto

Quando il glucosio del dopo-pasto livella l'impulso superiore a 140 mg/dL, i rischi di virtualmente tutte le malattie degeneranti aumentano.

Ricordi che dovreste tentare d'ottenere i livelli di digiuno del glucosio non superiore di 85 mg/dL (gamma ottimale: 70-85 mg/dL). In risposta al cibo, la vostra lettura della glicemia dovrebbe aumentare non non più di 40 mg/dL sopra il vostro valore di digiuno. Ciò mezzi se il vostro glucosio a digiuno è 80, il vostro glucosio del dopo-pasto dovrebbe essere non non più superiore a 120 mg/dL.

I pericoli di alto glucosio sono così forte evidenti che la federazione internazionale del diabete ha avvertito che i non diabetici con glucosio postprandiale superiore a 140 mg/dL (misurati normalmente due ore dopo un pasto) sono al rischio significativo per molti disordini compreso: 105

  • Danneggiamento retinico dell'occhio
  • Bloccaggio arterioso
  • Sforzo ossidativo
  • Infiammazione aumentata
  • Disfunzione endoteliale
  • Flusso coronarico riduttore
  • Rischio di cancro aumentato

Il prolungamento della vita ha sviluppato una vasta gamma di programmi per permettere ai membri di prendere le precauzioni prima dei pasti per proteggere dagli impulsi offensivi di glicemia.

Attenuazione del lanciafiamme ossidativo

Un reclamo comune fra i diabetici neo-diagnosticati è perché tante complicazioni si sviluppano così rapidamente. Che cosa non riescono a capire è i loro tessuti delicati può essere nell'ambito di assalto dagli impulsi del glucosio del dopo-pasto per le decadi prima che il diabete di tipo 2 completo sia stato diagnosticato.

In presenza di glucosio in eccesso, i tessuti del corpo subiscono un effetto dell'iper-ossidazione analogo a essere torched con un lanciafiamme militare.

Mentre gli antiossidanti possono sopprimere alcuna della fiamma ossidativa, è critico bloccare i catalizzatori di fondo, che sono i livelli elevati della glicemia che tanti individui di invecchiamento soffrono dopo ogni pasto pesante.

Gli studi scientifici convalidano che il danno acuto si presenta durante le punte del glucosio del dopo-pasto, eppure la medicina della corrente principale continua a trascurare questo fenomeno micidiale. Alla pagina 80 di questa edizione sono un articolo sulle sostanze nutrienti, sugli ormoni e sulle droghe che possono contribuire sicuro a sopprimere il digiuno ed i livelli postprandiali del glucosio.

Formule nutrienti avanzate ai prezzi più bassi dell'anno

I membri del prolungamento della vita approfittano della vendita eccellente annuale per acquistare le nostre formulazioni nutrienti più aggiornate ai prezzi supplemento-scontati.

Virtualmente ogni anno, miglioriamo le nostre formule per fornire le sostanze nutrienti salute-sostenenti ancor più efficaci.

L'anno scorso abbiamo presentato PQQ (chinone di pyrroloquinoline) per indurre la creazione di nuovi mitocondri in cellule di invecchiamento.96 PQQ si sono trasformati in in un successone di notte poichè i membri del prolungamento della vita erano astuto informati di importanza critica che i mitocondri sani giocano nella prevenzione dei processi di invecchiamento. L'insufficienza mitocondriale, infatti, è compresa nella promozione del diabete di tipo 2 via i suoi effetti debilitanti su utilizzazione cellulare del glucosio.97,98

Nell'edizione di questo mese, scoprirete un anello mancante che induce la gente di invecchiamento a soffrire gli impulsi acuti del glucosio del post-pasto che avviano i disordini relativi all'età comuni. Le buone notizie sono che la maggior parte di voi sta intraprendendo le azione per proteggere la vostra circolazione sanguigna contro queste punte acute del glucosio. Con l'introduzione dell'estratto verde a basso costo del chicco di caffè, gli esseri umani invecchianti possono esercitare il maggior controllo sopra i loro livelli della glicemia che mai prima.

Risparmi i soldi mentre sostengono la ricerca

Ogni volta che acquistate un prodotto del prolungamento della vita, contribuite alla ricerca puntata su estendendo la portata sana di vita umana. Il prolungamento della vita Foundation® continua a costituire un fondo per un numero record dei progetti scientifici, mentre combatte i burocrati incompetenti che cercano di soffocare l'innovazione medica.

Durante la vendita eccellente dell'inverno tradizionale, tutte le formule del prolungamento della vita sono scontate in moda da potere ottenere i membri le versioni aggiornate ai prezzi più bassi dell'anno.

Fino al 31 gennaio 2012, i membri approfittano degli sconti eccellenti di vendita per immagazzinare su sulle formule di avanguardia destinate per aggirare i meccanismi di fondo di invecchiamento.

Per vita più lunga,

Per vita più lunga

William Faloon

Riferimenti

1. Bakris GL. Riconoscimento, patogenesi e trattamento delle fasi differenti di nefropatia in pazienti con il diabete di tipo 2 mellito. Mayo Clin Proc. 2011 maggio; 86(5): 444-56.

2. Colpo, LD, Selvin E, Steffes m., Coresh J, Astor BC. Controllo glycemic difficile in diabete ed il rischio di malattia renale di incidente anche in assenza di albuminuria e di retinopatia: rischio di aterosclerosi nello studio delle comunità (ARIC). Med dell'interno dell'arco. 8 dicembre 2008; 168(22): 2440-7.

3. Disponibile a: http://www.diabetes.org/living-with-diabetes/complications/kidney-disease-nephropathy.html. 27 ottobre 2011 raggiunto.

4. Beckley ET. Sessioni scientifiche del ADA: Retinopatia trovata in pre-diabete. Documento News. 2005 agosto; 2(8):1-10.

5. Cheng YJ, Gregg EW, Geiss LS. L'associazione di A1C e del glucosio a digiuno del plasma livella con prevalenza diabetica di retinopatia nella popolazione degli Stati Uniti: implicazioni per le soglie di sistema diagnostico del diabete. Cura del diabete. 2009 novembre; 32(11): 2027-32.

6. Disponibile a: http://diabetes.niddk.nih.gov/dm/pubs/statistics/#allages. 27 ottobre 2011 raggiunto.

7. Li Q, Chen AH, canzone XD, et al. analisi dei livelli del glucosio ed il rischio per la coronaropatia in pazienti anziani nel distretto di Canton Haizhu. Nan Fang Yi Ke Da Xue Xue Bao. 2010 giugno; 30(6): 1275-8.

8. Selvin E, Coresh J, SH dorato, Brancati FL, Folsom AR, Steffes Mw. Rischio Glycemic della coronaropatia e di controllo in persone con e senza diabete: il rischio di aterosclerosi nello studio delle comunità. Med dell'interno dell'arco. 12 settembre 2005; 165(16): 1910-6.

9. Liu S, WC di Willett, Stampfer MJ, et al. Uno studio prospettivo del carico glycemic dietetico, assunzione del carboidrato e rischio di coronaropatia nelle donne degli Stati Uniti. J Clin Nutr. 2000 giugno; 71(6): 1455-61.

10. Relazione di Coutinho m., di Gerstein H, di Poque J, di Wang Y, di Yusuf S. The fra glucosio ed eventi cardiovascolari di incidente: un'analisi di regressione del meta dei dati pubblicati da 20 studi di 95.783 individui è seguito per 12,4 anni. Cura del diabete. 1999 febbraio; 22(2): 233-40.

11. Filtri WH, Cedres libbra, Liu K, et al. le relazioni del diabete clinico e la iperglicemia sintomatica al rischio di mortalità della coronaropatia negli uomini ed in donne. J Epidemiol. 1986 marzo; 123(3): 504-16.

12. de Vegt F, Dekker JM, HG di Ruhe, et al. iperglicemia è associato con la mortalità per tutte le cause e cardiovascolare nella popolazione di Hoorn: lo studio di Hoorn. Diabetologia. 1999 agosto; 42(8): 926-31.

13. Batty GD, Kivimäki m., Smith GD, marmotta MG, Shipley MJ. tassi di mortalità di concentrazione e del colpo nella glicemia di Post-sfida in uomini non-diabetico a Londra: seguito 38-year dello studio di gruppo futuro originale di Whitehall. Diabetologia. 2008 luglio; 51(7): 1123-6.

14. Disponibile a: http://diabetes.niddk.nih.gov/dm/pubs/stroke/. 31 ottobre 2011 raggiunto.

15. Sumner CJ, Sheth S, grifone JW, Dott di Cornblath, Polydefkis M. Lo spettro di neuropatia nel diabete e nella tolleranza al glucosio alterata. Neurologia. 14 gennaio 2003; 60(1): 108-11.

16. Hoffman-Snyder C, Smith È, Ross mA, Hernandez J, PE di Bosch. Valore del test di tolleranza al glucosio orale nella valutazione di polineuropatia axonal idiopatica cronica. Arco Neurol. 2006 agosto; 63(8): 1075-9.

17. Kramer HU, Schottker B, Raum E, diabete di tipo 2 di Brennero H. mellito e cancro colorettale: Meta-analisi sulle differenze sesso-specifiche. Cancro di EUR J. 31 agosto 2011.

18. Tseng CH. Mortalità del carcinoma della prostata in uomini di Taiwan: tendenza relativa età-standardizzata aumentante a popolazione in genere e rischio aumentato in uomini diabetici. Ann Med. 2011 marzo; 43(2): 142-50.

19. Tseng CH, Chong CK, Tseng CP, Chan TT. Rischio relativo all'età di mortalità da cancro alla vescica in pazienti diabetici: seguito di 12 anni di un gruppo nazionale in Taiwan. Ann Med. 2009;41(5):371-9.

20. Cust EA, Kaaks R, Friedenreich C, cofano F, et al. sindrome, livelli del lipido del plasma, della lipoproteina e del glucosio e rischio di cancro dell'endometrio metabolici nell'indagine futura europea sull'EPICA di nutrizione e del Cancro. Cancro di Endocr Relat. 2007 settembre; 14(3): 755-67.

21. Rosato V, Tavani A, Bosetti C, et al. rischio metabolico di cancro del pancreas e di sindrome: uno studio di caso-control in Italia e la meta-analisi. Metabolismo. 2011 ottobre; 60(10): 1372-8.

22. Azione T, Lukanova A, Bjorge T, et al. fattori metabolici ed il rischio di cancro colorettale in 580.000 uomini e donne nel progetto metabolico del cancro e di sindrome (Me-possa): Gruppo metabolico di progetto del Cancro di sindrome (Me-possa). Cancro. 17 dicembre 2010.

23. Kimura C, Oike m., Koyama T, Ito Y. Impairment di produzione endoteliale dell'ossido di azoto da sovraccarico acuto del glucosio. J Physiol Endocrinol Metab. 2001 gennaio; 280(1): E171-8.

24. Ceriello A. Mechanisms di danno di tessuto nello stato postprandiale. Supplemento di Int J Clin Pract. 2001 settembre; (123): 7-12.

25. Prodotti finiti ed aterosclerosi di glycation di Vlassara H. Advanced. Ann Med. 1996 ottobre; 28(5): 419-26.

26. Il EL-Assaad W, Buteau J, Peyot ml, et al. acidi grassi insaturi potenzia con glucosio elevato per causare la morte di cellula beta pancreatica. Endocrinologia. 2003 settembre; 144(9): 4154-63

27. Tolleranza al glucosio e malattia cardiovascolare di Ceriello A. Impaired: il ruolo possibile dell'iperglicemia postprandiale. Cuore J. 2004di maggio; 147(5): 803-7.

28. Malattia di Wingard DL, di Barrett-Connor E. Heart e diabete. In: Harris MI, ed. Diabete in America. secondo ed. Bethesda, MD. Istituti della sanità nazionali; 1995:429-48.

29. Il JUNIOR di Timmer, Hoekstra m., Nijsten Mw, et al. il valore prognostico dell'emoglobina glicosilata di ammissione ed il glucosio in pazienti nondiabetic con infarto miocardico di St-segmento-elevazione hanno trattato con intervento coronario percutaneo. Circolazione. 9 agosto 2011; 124(6): 704-11.

30. Einarson TR, Machado m., Henk Hemels ME. Glicemia e malattia cardiovascolare successiva: aggiornamento di una meta-analisi. Curr Med Res Opin. 2011 novembre; 27(11): 2155-63.

31. JV di Bjornholt, Erikssen G, Aaser E, et al. glicemia a digiuno: un fattore di rischio sottovalutato per la morte cardiovascolare. Risultati da seguito di 22 anni degli uomini nondiabetic in buona salute. Cura del diabete. 1999 gennaio; 22(1): 45-9.

32. Benefici di Zeymer U. Cardiovascular di acarbose in tolleranza al glucosio e diabete di tipo 2 alterati. Int J Cardiol. 8 febbraio 2006; 107(1): 11-20.

33. Minatoguchi S, Zhang Z, Bao N, et al. Acarbose riduce la dimensione di infarto del miocardio impedendo la produzione postprandiale del radicale ossidrile e di iperglicemia ed aprendo i canali mitocondriali di KATP in conigli. J Cardiovasc Pharmacol. 2009 luglio; 54(1): 25-30.

34. Frantz S, Calvillo L, Tillmanns J, et al. iperglicemia postprandiale ripetitiva aumenta la lesione cardiaca riperfusione/di ischemia: prevenzione dal acarbose dell'inibitore dell'alfa-glucosidasi. FASEB J.2005 aprile; 19(6): 591-3.

35. Yamagishi S, Nakamura K, Takeuchi M. Inhibition dell'iperglicemia postprandiale da acarbose è una strategia terapeutica di promessa per il trattamento dei pazienti con la sindrome metabolica. Med Hypotheses. 2005;65(1):152-4.

36. Iperglicemia di Bavenholm PN, di Efendic S. Postprandial e danno vascolare--i benefici di acarbose. Ricerca di Diab Vasc DIS. 2006 settembre; 3(2): 72-9.

37. Concentrazione nel glucosio di Donahue RP, di Abbott RD, di Reed dm, et al. di Postchallenge e coronaropatia in uomini di ascendenza giapponese. Programma del cuore di Honolulu. Diabete. 1987 giugno; 36(6): 689-92.

38. Ponga freno JD, Rodriguez il BL, Burchfiel cm, ed altri: Morte improvvisa, tolleranza al glucosio alterata e diabete in uomini americani giapponesi. Circolazione. 1995;91:2591-5.

39. JH più pieno, Shipley MJ, Rosa G, ed altri: Rischio della coronaropatia e tolleranza al glucosio alterata. Lo studio di Whitehall. Lancetta. 28 giugno 1980; 1(8183):1373-6.

40. Jackson CA, Yudkin JS, Forrest RD: Un confronto delle relazioni del test di tolleranza al glucosio e dell'analisi glicata dell'emoglobina con la malattia vascolare diabetica nella comunità. L'indagine del diabete di Islington. Ricerca Clin Pract del diabete. 1992 agosto; 17(2): 111-23.

41. Haheim LL, Holme I, Hjermann I, ed altri: Glucosio del siero di Nonfasting ed il rischio di colpo mortale negli oggetti diabetici e nondiabetic. seguito 18-year dello studio di Oslo. Colpo. 1995 maggio; 26(5): 774-7.

42. Giri M. Il piede diabetico: una panoramica della valutazione e delle complicazioni. Br J Nurs. 11 agosto 2011 - 8 settembre; 20(15): S19-25.

43. Pereira de Godoy JM, Vasconcelos Ribeiro J, LA di Caracanhas. Mortalità e diabete mellito nelle amputazioni degli arti inferiori per cancrena del gas: un rapporto di caso. Ferite basse di Int J Extrem. 2008 dicembre; 7(4): 239-40.

44. JUNIOR di unico nato, Smith AG, MB di Bromberg. Prevalenza aumentata di tolleranza al glucosio alterata in pazienti con neuropatia sensoriale dolorosa. Cura del diabete. 2001 agosto; 24(8): 1448-53.

45. Sumner CJ, Sheth S, grifone JW, Dott di Cornblath, Polydefkis M. Lo spettro di neuropatia nel diabete e nella tolleranza al glucosio alterata. Neurologia. 14 gennaio 2003; 60(1): 108-11.

46. Tavee J, neuropatia della fibra di Zhou L. Small: Un problema bruciante. Med di Cleve Clin J. 2009 maggio; 76(5): 297-305.

47. BB di Barone, Yeh HC, CF di Snyder, et al. mortalità per tutte le cause a lungo termine in malati di cancro con i diabeti melliti di preesistenza: una rassegna e una meta-analisi sistematiche. JAMA. 17 dicembre 2008; 300(23): 2754-64.

48. SR di Seshasai, Kaptoge S, Thompson A, et al. diabete mellito, glucosio a digiuno e rischio di morte causa-specifica. Med di N Inghilterra J. 3 marzo 2011; 364(9): 829-41.

49. Hemminki K, Li X, Sundquist J, Sundquist K. Risk di cancro dopo l'ospedalizzazione per il diabete di tipo 2. Oncologo. 2010;15(6):548-55.

50. Stattin P, Björ O, Ferrari P, et al. studio prospettivo del rischio di cancro e di iperglicemia. Cura del diabete. 2007 marzo; 30(3): 561-7.

51. Parvez A, Ihsanullah, Rafiq A, Ahmad N, potenziale d'ossido-riduzione di Khan. Relazione della glicemia e dei trigliceridi con BMI in pazienti diabetici. J Ayub Med Coll Abbottabad. 2010 aprile-giugno; 22(2): 164-6.

52. Emral R, Koseoglulari O, Tonyukuk V, Uysal AR, Kamel N, Corapcioglu D. L'effetto del regolamento glycemic a breve termine con il gliclazide e la metformina sul lipemia postprandiale. Diabete di Exp Clin Endocrinol. 2005 febbraio; 113(2): 80-4.

53. CB di Hollenbeck, Johnston P, BB di Varasteh, Chen iarda, GM di Reaven. Effetti di metformina su glucosio, su insulina e sul metabolismo dei lipidi in pazienti con ipertrigliceridemia delicata e diabete di tipo II dai criteri di test di tolleranza al glucosio. Diabete Metab. 1991 settembre-ottobre; 17(5): 483-9.

54. CE di Gleason, Gonzalez m., Harmon JS, Robertson RP. I fattori determinanti della tossicità del glucosio e della sua reversibilità in cellula beta dell'isolotto pancreatico allineano, HIT-T15. J Physiol Endocrinol Metab. 2000;279: E997-E1002.

55. Yokoi T, Fukuo K, Yasuda O, et al. chinasi diregolamento 1 degli apoptosi media la senescenza cellulare indotta da alto glucosio in cellule endoteliali. Diabete. 2006 giugno; 55(6): 1660-5.

56. Butler EA, Janson J, Bonner-diga S, Ritzel R, RA di Rizza, PC di Butler. Deficit della cellula beta e apoptosi aumentati della cellula beta in esseri umani con il diabete di tipo 2. Diabete. 2003 gennaio; 52(1): 102-10.

57. Biarnes m., Montolio m., Nacher V, Raurell m., la morte della più sola ß-cellula di Montanya, di J E. e la massa in isolotti syngeneically trapiantati hanno esposto all'iperglicemia a breve e a lungo termine. Diabete. 2002 gennaio; 51(1): 66-72.

58. Gastaldelli A, Ferrannini E, Miyazaki Y, Matsuda m., De Fronzo RA. Disfunzione e intolleranza al glucosio della cellula beta: risultati dallo studio del metabolismo di San Antonio (SAM). Diabetologia. 2004 gennaio; 47(1): 31-9.

59. Deficit di Butler EA, di Janson J, della Bonner-diga S, et al. della cellula beta e apoptosi aumentati della cellula beta in esseri umani con il diabete di tipo 2. Diabete. 2003 gennaio; 52(1): 102-10.

60. La funzione di Pehuet-Figoni m., del voto E, di Bach JF, di Chatenoud L. Aberrant e la sopravvivenza a lungo termine di beta cellule del topo hanno esposto in vitro alle alte concentrazioni nel glucosio. Trapianto delle cellule. 1994 settembre-ottobre; 3(5): 445-51.

61. YP di Zhou, Marlen K, Palma JF, et al. sovraespressione dei modulatori repressivi dell'elemento di risposta del campo in alto glucosio ed isolotti trattati con acido grassi del ratto. Un meccanismo comune per tossicità e il lipotoxicity del glucosio? Biol chim. di J. 19 dicembre 2003; 278(51): 51316-23.

62. Mosca m., Boniglia C, Carratu B, Giammarioli S, Nera V, Sanzini E. Determination di attività dell'inibitore dell'alfa amilasi del phaseolamin dal fagiolo nano (phaseolus vulgaris) negli integratori alimentari da HPAEC-PAD. Acta anale di Chim. 9 giugno 2008; 617 (1-2): 192-5.

63. WC di Obiro, Zhang T, ruolo nutraceutical di Jiang B. The dell'inibitore dell'alfa amilasi del phaseolus vulgaris. Br J Nutr. 2008 luglio; 100(1): 1-12.

64. Tormo mA, Gil-Exojo I, Romero de Tejada A, Campillo JE. L'inibitore dell'amilasi del fagiolo bianco amministrato oralmente riduce la glicemia nel tipo - 2 ratti diabetici. Br J Nutr. 2006 settembre; 96(3): 539-44.

65. Oben JE, Ngondi JL, CN di Momo, Agbor GA, CS di Sobgui. L'uso dei quadrangularis di un Cissus/combinazione dell'irvingia gabonensis in gestione di perdita di peso: uno studio controllato con placebo della prova alla cieca. Salute DIS dei lipidi. 31 marzo 2008; 7:12.

66. Lamela m., Anca J, Villar R, Otero J, Calleja JM. Attività ipoglicemica di parecchi estratti dell'alga. J Ethnopharmacol. 1989 novembre; 27 (1-2): 35-43.

67. Dati di InnoVactiv, Inc. sull'archivio.

68. Benalla W, Bellahcen S, piante medicinali di Bnouham M. Antidiabetic come fonte di alfa inibitori della glucosidasi. Rev. del diabete di Curr. 2010 luglio; 6(4): 247-54.

69. Derivati acidi di mA cm, di Hattori m., di Daneshtalab m., di Wang L. Chlorogenic con le catene alchiliche delle lunghezze differenti ed orientamenti: inibitori potenti dell'alfa-glucosidasi. J Med Chem. 9 ottobre 2008; 51(19): 6188-94.

70. McCarty MF. Glucomannan minimizza l'impulso postprandiale dell'insulina: un adiuvante potenziale per la terapia hepatothermic. Med Hypotheses. 2002 giugno; 58(6): 487-90.

71. Vuksan V, Jenkins DJ, Spadafora P, et al. Konjac-mannano (glucomannan) migliora il glycemia ed altri fattori di rischio collegati per la coronaropatia in diabete di tipo 2. Una prova metabolica controllata randomizzata. Cura del diabete. 1999 giugno; 22(6): 913-9.

72. Biorklund m., van Rees A, Mensink RP, Onning G. Changes in lipidi del siero e concentrazioni postprandiali nell'insulina e nel glucosio dopo consumo di bevande con i beta-glucani dall'avena o dall'orzo: ad una prova controllata a dose randomizzata. EUR J Clin Nutr. 2005 novembre; 59(11): 1272-81.

73. EM dell'ostacolo, Tatsioni A, Lichtenstein AH, Lau J, Pittas AG. Effetto del completamento del cromo sul metabolismo e sui lipidi del glucosio: una rassegna sistematica delle prove controllate randomizzate. Cura del diabete. 2007 agosto; 30(8): 2154-63.

74. Deviazione standard di Poppitt, van Drunen JD, McGill A, TB di Mulvey, Fe di Leahy. Il completamento di una prima colazione del alto-carboidrato con il beta-glucano dell'orzo migliora la risposta glicemica postprandiale per i pasti ma non le bevande. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2007;16(1):16-24.

75. Torronen R, Sarkkinen E, Tapola N, Hautaniemi E, Kilpi K, Niskanen L. Berries modifica la risposta postprandiale del glucosio del plasma a saccarosio negli individui sani. Br J Nutr. 2010 aprile; 103(8): 1094-7.

76. Qin B, Nagasaki m., Ren m., Bajotto G, Oshida Y, l'estratto di Sato Y. Cinnamon impedisce l'insulino-resistenza indotto da una dieta ad alta percentuale di fruttosio. Ricerca di Horm Metab. 2004 febbraio; 36(2): 119-25.

77. Distacco di Villareal, JO di Holloszy. Effetto di DHEA su azione addominale dell'insulina e del grasso in donne ed in uomini anziani: una prova controllata randomizzata. JAMA. 10 novembre 2004; 292(18): 2243-8.

78. Yamashita R, Saito T, Satoh S, Aoki K, Kaburagi Y, Sekihara H. Effects del deidroepiandrosterone sugli enzimi gluconeogenic e sull'assorbimento del glucosio nella linea cellulare umana del tumore epatico, HepG2. Endocr J.2005 dicembre; 52(6): 727-33.

79. SR di Malin SK, di Gerber R, di Chipkin, Braun B. Independent ed effetti combinati di addestramento e della metformina di esercizio sulla sensibilità dell'insulina in individui con i prediabetes. Cura del diabete. 31 ottobre 2011.

80. Hundal RS, Krssak m., Dufour S, et al. meccanismo da cui la metformina riduce la produzione del glucosio in diabete di tipo 2. Diabete. 2000 dicembre; 49(12): 2063-9.

81. Otto m., Breinholt J, Westergaard N. Metformin inibisce la sintesi e la gluconeogenesi del glicogeno negli epatociti coltivati del ratto. Diabete Obes Metab. 2003 maggio; 5(3): 189-94.

82. Nagendran sistemi MV. Effetto di caffè verde Bean Extract (GCE), su in acidi clorogenici, sul metabolismo del glucosio. Numero di presentazione del manifesto: 45-LB-P. Obesità 2011, la ventinovesima riunione scientifica annuale della società di obesità. Orlando, Florida. Dal 1-5 ottobre 2011.

83. Henry-Vitrac C, Ibarra A, rullo m., Mérillon JM, Vitrac X.Contribution degli acidi clorogenici all'inibizione di attività epatica umana di glucose-6-phosphatase in vitro da Svetol, un estratto verde decaffeinato standardizzato del caffè. Alimento chim. di J Agric. 14 aprile 2010; 58(7): 4141-4.

84. Ramnanan CJ, Edgerton DS, Kraft G, ANNUNCIO di Cherrington. Azione fisiologica di glucagone sul metabolismo del glucosio del fegato. Diabete Obes Metab. 2011 ottobre; 13 supplementi 1:118-25.

85. Petersen KF, Laurent D, Rothman DL, variazione clinale GW, GI di Shulman. Meccanismo da cui il glucosio e l'insulina inibiscono la glicogenolisi epatica netta in esseri umani. J Clin investe. 15 marzo 1998; 101(6): 1203-9.

86. Disponibile a: http://www.medscape.org/viewarticle/491410_3. 4 novembre 2011 raggiunto.

87. Basu R, Chandramouli V, Dicke B, il landò B, Rizza R. l'Obesity ed il diabete di tipo 2 alterano dalla la soppressione indotta da insulina di glicogenolisi come pure della gluconeogenesi. Diabete. 2005 luglio; 54(7): 1942-8.

88. Zhang Y, Lee ET, Cowan LD, Fabsitz RR, Howard BV. Consumo del caffè e l'incidenza di diabete di tipo 2 in uomini ed in donne con tolleranza al glucosio normale: Il forte studio del cuore. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2011 giugno; 21(6): 418-23.

89. Hemmerle H, hamburger HJ, sotto la P, et al. l'acido clorogenico ed i derivati acidi clorogenici sintetici: inibitori novelli del translocase epatico di glucose-6-phosphate. J Med Chem. 17 gennaio 1997; 40(2): 137-45.

90. Settimana di Arion WJ, di Canfield, Ramos FC, et al. acido e hydroxynitrobenzaldehyde clorogenici: nuovi inibitori della fosfatasi epatica del glucosio 6. Biochimica Biophys dell'arco. 15 marzo 1997; 339(2): 315-22.

91. Yukawa GS, Mune m., Otani H, et al. effetti del consumo del caffè su suscettibilità ossidativa dei livelli di lipidi del siero e delle lipoproteine a bassa densità in esseri umani. Biochimica (Mosc). 2004 gennaio; 69(1): 70-4.

92. Jiang Y, Kusama K, Satoh K, Takayama E, Watanabe S, Sakagami H. Induction di citotossicità da acido clorogenico nelle linee cellulari orali umane del tumore. Phytomedicine. 2000 dicembre; 7(6): 483-91.

93. Rodriguez de Sotillo DV, acido di Hadley M. Chlorogenic modifica il plasma ed il fegato di: colesterolo, triacilglicerolo e minerali (fa/fa) nei ratti di Zucker. Biochimica di J Nutr. 2002 dicembre; 13(12): 717-26.

94. Effetto di Thom E. The di caffè arricchito acido clorogenico su assorbimento del glucosio in volontari sani ed il suo effetto sulla massa del corpo quando lungo termine usato in gente di peso eccessivo ed obesa. J Int Med Res. 2007 novembre-dicembre; 35(6): 900-8.

95. Johnston chilolitro, MN di Clifford, Morgan LM. Il caffè acutamente modifica la secrezione e la tolleranza al glucosio gastrointestinali dell'ormone in esseri umani: effetti glycemic di acido e di caffeina clorogenici. J Clin Nutr. 2003 ottobre; 78(4): 728-33.

96. Chowanadisai W, KA di Bauerly, Tchaparian E, Wong A, Cortopassi GA, RB di Rucker. Il chinone di Pyrroloquinoline stimola la biogenesi mitocondriale con fosforilazione elemento-legante della proteina di risposta del campo e PGC-1alphaexpression aumentato. Biol chim. di J. 1° gennaio 2010; 285(1): 142-52.

97. Gallagher EJ, Leroith D, insulino-resistenza di Karnieli E. nell'obesità come la causa fondamentale per la sindrome metabolica. Med di Mt Sinai J. 2010 settembre-ottobre; 77(5): 511-23.

98. Ren J, Pulakat L, Whaley-Connell A, JUNIOR dei seminatori. Biogenesi mitocondriale nella sindrome e nella malattia cardiovascolare metaboliche. J Mol Med (Berl). 2010 ottobre; 88(10): 993-1001.

99. Ceriello A, Falleti E, Bortolotti N, ed altri: Livelli intercellulari di circolazione aumentati di adesione molecule-1 nel tipo pazienti diabetici di II: il ruolo possibile di controllo metabolico e dello sforzo ossidativo. Metabolismo. 1996 aprile; 45(4): 498-501.

100. Folli F, Corradi D, Fanti P, et al. Il ruolo dello sforzo ossidativo nella patogenesi delle complicazioni micro- del diabete di tipo 2 e macrovascular mellite: viali per ad un approccio terapeutico basato a meccanicistica. Rev. del diabete di Curr. 15 agosto 2011.

101. Ceriello A, Quatraro A, Marchi E, et al. risposta fibrinolitica alterata all'attivazione aumentata della trombina in diabete mellito di tipo 1: effetti del sulodexide glycosaminoglycan. Diabete Metab. 1993 marzo-aprile; 19(2): 225-9.

102. Bucala R, Cerami A, prodotti finiti della glicosilazione di Vlassara H. Advanced nelle complicazioni diabetiche. base e prospettive biochimiche per intervento terapeutico. Rev. del diabete. 1995;3:258-68.

103. Soran H, Durrington PN. Suscettibilità di LDL e dei suoi subfractions al glycation. Curr Opin Lipidol. 2011 agosto; 22(4): 254-61.

104. DP di Barlovic, Soro-Paavonen A, KA di Jandeleit-Dahm. Biologia, aterosclerosi e diabete di COLLERA. Clin Sci (Lond). 2011 luglio; 121(2): 43-55.

105. Disponibile a: http://www.idf.org/webdata/docs/Guideline_PMG_final.pdf. 28 ottobre 2011 raggiunto.