Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista febbraio 2012
Nelle notizie

Le bevande zuccherate possono aumentare i rischi della malattia cardiaca per le donne

Le bevande zuccherate possono aumentare i rischi della malattia cardiaca per le donne

Una presentazione alla riunione annuale dell'associazione americana del cuore a Orlando, Florida ha dichiarato che il rischio delle donne per sviluppare la malattia cardiaca ed il diabete può aumentare se consumano due o più bevande zucchero-zuccherate daily.*

L'annuncio è stato basato su uno studio svolto da Christina Shay ed i suoi colleghi all'università di scienze di salute di Oklahoma concentrano. Shay ha valutato le abitudini beventi oltre di 4.100 donne e gli uomini hanno invecchiato 45 - 84 dai vari gruppi etnici con i questionari. Nessuno dei partecipanti hanno avuti malattia cardiaca all'inizio del programma. I ricercatori hanno valutato ciascuno singolo per obesità, la circonferenza della vita, i livelli di colesterolo, i trigliceridi ed il glucosio sopra una portata quinquennale.

La valutazione ha trovato che donne di mezza età che hanno bevuto le bevande due o più zuccherati un il giorno erano vicine a quattro volte probabili avere alti livelli delle lipemie pericolose chiamate trigliceridi e livelli alterati della glicemia, conosciute come i prediabetes. Gli stessi risultati non sono stati trovati negli uomini.

La nota del redattore: La vita Extension® lungamente ha avvertito circa i pericoli di glicemia elevata ed ha invitato i lettori ad evitare le bevande zuccherate a tutti i costi.

- J. Finkel

Riferimento

* Le sessioni scientifiche 2011 dell'associazione americana del cuore. Orlando, Florida. Dal 12-16 novembre 2011.

Il resveratrolo imita gli effetti della restrizione di caloria su metabolismo nel test clinico

Patrick Schrauwen ed il suo associa il rapporto nel metabolismo delle cellule che gli uomini che completano con gli effetti metabolici sperimentati resveratroli simili a quelli osservati negli studi sugli animali dei resveratroli di caloria restriction.* è un composto che si presenta in uva rossa, vino ed altri alimenti vegetali. La prova corrente è la prima per valutare gli effetti metabolici del resveratrolo in esseri umani.

In un randomizzato, lo studio dell'incrocio, undici uomini obesi ha ricevuto un placebo o 150 trans-resveratroli per i 30 giorni ciascuno di milligrammi. L'indice di massa corporea, il dispendio energetico al corpo intero, lo stoccaggio del lipido, gli indicatori del plasma della funzione metabolica ed altri valori sono stati misurati prima e dopo il trattamento.

“Dimostriamo gli effetti benefici del completamento di resveratroli per i 30 giorni sul profilo metabolico in maschi obesi in buona salute, che sembra riflettere gli effetti osservati durante la restrizione di caloria,„ gli autori scriviamo. “Sebbene la maggior parte degli effetti che abbiamo osservato siano modesti, stavano dirigendo verso molto coerente gli adattamenti metabolici utili.„

La nota del redattore: Gli autori concludono che “gli studi futuri dovrebbero studiare gli effetti metabolici a lungo termine e dipendenti dalla dose del completamento di resveratroli per più ulteriormente stabilire se il completamento di resveratroli abbia il potenziale di sormontare le aberrazioni metaboliche che sono associate con l'obesità in esseri umani.„

- D. Dye

Riferimento

* Cellula Metab. 2 novembre 2011; 14(5): 612-22.

Il siero di latte impedisce la perdita di muscolo essenziale in donne più anziane stanti a dieta

La perdita relativa all'età di massa del muscolo, chiamata sarcopenia, urta negativamente la capacità di un adulto di invecchiamento di funzionare con le mansioni di vita quotidiana, quali le scale rampicanti e le borse di drogheria di sollevamento. Durante il periodo di calorie limitate, come con esperienza mentre è a dieta, la perdita di massa del muscolo è accelerata spesso più ulteriormente.

Il proteina del siero può potere ricambiare quella perdita di muscolo durante la dieta. In un di sei mesi recente, lo studio di prova alla cieca, 31 donna obesa postmenopausale è stato diviso in due entrambi i gruppi di groups.* ha seguito i 1.400 che la dieta a basso tenore di calorie ha basato sulle raccomandazioni dell'usda. Un gruppo ha ricevuto un supplemento del proteina del siero di 50 g (2 x 25g) di mattina e la sera; l'altro ha ricevuto i carboidrati sotto forma di maltodestrina ad una dose uguale.

Questo studio ha trovato che le donne hanno alimentato il siero di latte non solo hanno perso 3,9% nuovi pesi facendo uso del siero di latte, ma hanno guadagnato 5,8% nuovo muscolo della coscia contro il gruppo che ottiene i carboidrati supplementari. Il proteina del siero ha una serie di meccanismi che assistono a perdita di peso e questo il più tardi studia che i ritrovamenti possono conservare la massa del muscolo aggiunge alla lista lunga dei benefici possibili di siero di latte.

- W. Brink

Riferimento

* J Gerontol una biol Sci Med Sci. 2011 novembre; 66(11): 1218-25.

Completando una dieta a bassa percentuale di grassi con l'olio di pesce riduce la crescita del carcinoma della prostata

Completando una dieta a bassa percentuale di grassi con l'olio di pesce riduce la crescita del carcinoma della prostata

In un articolo ha pubblicato nella ricerca di prevenzione del cancro, William Aronson ed i suoi soci riferiscono un beneficio per una dieta a bassa percentuale di grassi completato con l'olio di pesce nel ritardo della crescita della prostata cancer.*

La prova corrente ha iscritto i pazienti di carcinoma della prostata previsti per rimozione chirurgica della ghiandola di prostata. Quattro - 6 settimane prima di chirurgia, gli uomini sono stati divisi per ricevere una dieta in quale 15% delle calorie è stato fornito da grasso, completato con 5 grammi di olio di pesce al giorno.

Gli uomini che hanno ricevuto l'olio di pesce hanno avuti livelli elevati della membrana cellulare di omega-3 e di acidi grassi riduttori omega-6 alla conclusione del periodo del trattamento. L'esame delle ghiandole di prostata asportate ha trovato un tasso riduttore di proliferazione delle cellule nel gruppo petrolio-completato pesce come provato macchiando con un anticorpo contro una proteina in questione nella crescita delle cellule.

La nota del redattore: L'olio di pesce è alto omega-3 negli acidi grassi acido eicosapentanoico e acido docosaesaenoico che contribuiscono a combattere i composti pro-infiammatori quali 5 lipossigenasi e leucotrieni B4 che stimolano la propagazione delle cellule di carcinoma della prostata.

- D. Dye

Riferimento

* Ricerca di Prev del Cancro (Phila). 25 ottobre 2011.

L'uso regolare di Aspirin taglia il rischio di Cancro ereditario a metà

L'uso regolare di Aspirin taglia il rischio di Cancro ereditario a metà

Uno studio riferito in lancetta ha trovato che usando aspirin in maniera regolare riduce il rischio di sviluppare i cancri ereditari di 50% fra quelli con un disordine ereditato conosciuto come Lynch syndrome.* Lynch che la sindrome è causata dai difetti in geni responsabili della rilevazione e della riparazione del DNA nocivo, che aumenta significativamente il rischio di cancro (soprattutto del colon o dell'utero) in quelli colpiti dal disordine.

Il professor Patrick Morrison dell'università della regina a Belfast ed i suoi colleghi ha analizzato i dati da quasi mille uomini e donne con la sindrome di Lynch per lo studio corrente. In una decade di seguito (a volte un poco più lungamente), circa 15% dei partecipanti che hanno riferito l'uso regolare di aspirin ha sviluppato il cancro, confrontato a 30% di coloro che non ha usato regolarmente la droga. I ricercatori suggeriscono che aspirin potrebbe distruggere le cellule precancerose.

La nota del redattore: Il Dott. Morrison ha aggiunto quello, “ora miriamo a andare in avanti con un'altra prova valutare il dosaggio più efficace di aspirin per prevenzione del cancro ereditaria ed esaminare l'uso di aspirin nella popolazione in genere come modo di riduzione del rischio di cancro dell'intestino.„

- D. Dye

Riferimento

* Lancetta. 27 ottobre 2011.

la cisteina dell'N-acetile aiuta il DNA inverso per danneggiare collegato con invecchiamento prematuro

La genetica molecolare umana ha pubblicato un rapporto riguardo alla scoperta di un beneficio possibile per la cisteina dell'N-acetile (NAC) nell'impedire e nella riparazione del danno del DNA nella sindrome di progeria di Hutchinson-Gilford (HGPS), una di parecchie malattie ereditate conosciute come un laminopathies.*

Christopher J. Hutchison ed il suo associa la nota che, “fibroblasti dai pazienti con le malattie laminopathy severe, sindrome restrittiva di Hutchinson e dermopathy Gilford di progeria sono caratterizzati dalla crescita difficile nella cultura, la presenza di nuclei anormalmente a forma di e l'accumulazione del doppio filo del DNA si rompe.„ Il gruppo ha determinato che le rotture difficili del doppio filo e della crescita osservate nelle malattie sono causate dalle quantità elevate delle specie reattive dell'ossigeno come pure dalla sensibilità aumentata allo sforzo ossidativo. Mentre gli esami dei fibroblasti normali hanno provato la riparazione efficiente delle rotture del doppio filo indotte dalle specie reattive dell'ossigeno, queste rotture erano irreparabili in fibroblasti dai pazienti con le malattie laminopathy. Tuttavia, amministrazione delle rotture del doppio filo del DNA ridutrici NAC, dalle delle rotture indotte da specie eliminate dell'ossigeno reattivo irreparabile e della crescita migliore.

La nota del redattore: La sindrome di progeria di Hutchinson-Gilford è una malattia di invecchiamento prematuro nei bambini che provoca il guasto della crescita, l'aspetto iniziale delle malattie degeneranti e la morte fra 8 e 21 anno. “Abbiamo trovato che il danno del DNA può essere controllato ed i nostri risultati potrebbero essere un punto importante sia ai bambini d'aiuto con il progeria che la gente più anziana da vivere vite che sono meno debilitanti in termini di problemi sanitari,„ il Dott. Hutchison ha rilevato.

- D. Dye

Riferimento

* Ronzio Mol Genet. 15 ottobre 2011; 20(20): 3997-4004.

Consumo a lungo termine del melograno connesso con riduzione dei fattori di rischio cardiovascolari dei pazienti sottoposti a dialisi

Consumo a lungo termine del melograno connesso con riduzione dei fattori di rischio cardiovascolari dei pazienti sottoposti a dialisi

Una presentazione alla società americana della settimana annuale del rene della nefrologia ha rivelato l'individuazione di Lilach Shema, PhD e colleghi di un beneficio per il succo del melograno nella prevenzione dei fattori di rischio aumentati della malattia cardiaca in pazienti che subiscono l'emodialisi per il rene failure.*

I pazienti sottoposti a dialisi cento un sono stati randomizzati per ricevere circa 3,5 once di succo del melograno o un placebo tre volte alla settimana per un anno. La pressione sanguigna, l'uso della droga antipertensiva, i lipidi del siero e lo spessore di intima-media dell'arteria carotica (che misura la placca aterosclerotica) sono stati valutati prima e dopo il periodo del trattamento.

Alla conclusione dello studio, 22% di coloro che ha ricevuto succo del melograno ha riferito facendo uso di meno farmaci antipertensivi, rispetto a 7,7% del gruppo del placebo. La pressione sanguigna, i trigliceridi ed i livelli di colesterolo della lipoproteina ad alta densità sono migliorato col passare del tempo fra coloro che ha ricevuto il succo del melograno, ma non in coloro che ha ricevuto un placebo.

La nota del redattore: Mentre l'aterosclerosi è aumentato a metà degli oggetti che hanno ricevuto un placebo, appena 5% di coloro che ha ricevuto il melograno ha avvertito un aumento e 25% hanno avuti una diminuzione. Nessun miglioramenti con esperienza dei pazienti di placebo.

- D. Dye

Riferimento

* Società americana della settimana annuale del rene della nefrologia. Filadelfia, Pensilvania. Dall'8-13 novembre 2011.

Assunzione riduttrice di Colleen Fitzpatrick fra i pazienti dell'infarto connessi con mortalità aumentata in un anno

Alle sessioni scientifiche dell'associazione americana del cuore 2011, è stato riferito che i pazienti dell'infarto hanno un maggior rischio di infiammazione e di morte sopra seguito quando consuma una dieta che fornisce una quantità insufficiente di vitamina C. *

Eun Kyeung Song, il PhD ed i soci hanno misurato la proteina C-reattiva (CRP) in 212 uomini e donne diagnosticati con infarto. I diari dell'alimento sono stati analizzati per l'assunzione di vitamina C. I partecipanti sono stati seguiti per un anno, durante cui 61 oggetto ha avvertito gli eventi o la morte cardiaci dovuto le cause cardiache.

Avendo un'assunzione bassa di vitamina C è stato associato con un rischio maggior 2,4 volte di elevamento dei livelli di CRP confrontati a quelli di cui l'assunzione era adeguata. Oggetti che avevano ridotto la vitamina C dietetica ed alto CRP ha avuto quasi due volte il rischio di morte dalla malattia cardiovascolare sopra seguito che coloro che ha avuto una maggior assunzione della vitamina e di più bassi livelli di CRP.

La nota del redattore: la proteina C-reattiva (CRP) aumenta con infiammazione ed è un fattore di rischio per la malattia cardiaca.

- D. Dye

Riferimento

* Le sessioni scientifiche 2011 dell'associazione americana del cuore. Orlando, Florida. Dal 12-16 novembre 2011.

Aumento 1.221% dei livelli di BPA dopo cinque giorni che mangiano minestra inscatolata

Ricercatori dalla scuola di Harvard della salute pubblica recentemente riferita nel giornale di American Medical Association che i volontari che hanno mangiati una latta di minestra al giorno per i cinque giorni hanno avuti aumento dei livelli dell'urina BPA (bisfenolo A) vicino più di 1.221% confrontato alla gente che ha consumato la minestra fresca durante lo stesso tempo period.*

Il bisfenolo A o BPA, è un composto organico che è usato per preparare la plastica e le resine epossidiche del policarbonato. Si aggiunge al rivestimento degli alimenti e le latte della bevanda ed alcuni studi hanno indicato che interferisce con lo sviluppo riproduttivo in animali. I livelli di BPA inoltre sono stati associati con un elevato rischio di sviluppare parecchi malattie e termini, compreso l'obesità, il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari.

L'autore principale, studente di laurea Jenny Carwile ha dichiarato quello, “studi precedenti ha collegato i livelli elevati di BPA con gli effetti sulla salute avversi. Il punto seguente era di capire come la gente sta ottenendo ha esposto a BPA. Abbiamo saputo per un po'che le bevande beventi immagazzinate in determinata plastica dura possono aumentare la quantità di BPA nel vostro corpo. Questo studio suggerisce che gli alimenti inscatolati possano essere una preoccupazione ancora maggior, data particolarmente il loro ampio uso.„

La nota del redattore: Il prolungamento della vita ha fatto tutto il possibile per imballare le sue minestre di verdura crocifera in sacchetti che sono esenti da BPA.

- J. Finkel

Riferimento

* JAMA. 23 novembre 2011; 306(20): 2218-20.

Il rischio del colpo diminuisce con il maggior numero dei fattori sani di stile di vita

Il rischio del colpo diminuisce con il maggior numero dei fattori sani di stile di vita

Gli archivi di medicina interna riferisce che il maggior numero dei fattori sani uno di stile di vita ha, la più protezione una guadagna contro stroke.*

Il gruppo Hu, il MD, il PhD ed i colleghi hanno analizzato i dati da 17.287 uomini e da 19.399 donne che hanno partecipato alle indagini nel 1982, 1987, 1992, 1997 e 2002. I partecipanti sono stati seguiti fino al 2007, durante cui 1.167 colpi ischemici e 311 colpo emorragico si sono presentati.

I fattori di stile di vita valutati nello studio hanno incluso essere un non-fumatore, avere un indice di massa corporea di meno di 25, l'aggancio nella luce per moderare l'attività fisica, il consumo delle verdure almeno tre volte alla settimana ed avere una luce moderare l'assunzione settimanale dell'alcool. Confrontato al rischio di colpo sperimentato da quelli che hanno un o meno fattore, avendo due, tre, quattro e cinque fattori è stato associato con una riduzione di regolato di 34%, di 43%, di 49% e di 67%.

La nota del redattore: Quando il colpo è stato analizzato secondo tipo, avendo due, tre, quattro e cinque fattori è stato associato con un 33%, un 40%, un 50% e un 70% più a basso rischio del colpo ischemico e rischio in diminuzione un 37%, un 51%, un 51% e un 60% di colpo emorragico.

- D. Dye

Riferimento

* Med dell'interno dell'arco. 14 novembre 2011; 171(20): 1811-8.

La dieta a basso contenuto di carboidrati può rallentare la crescita del tumore

La dieta a basso contenuto di carboidrati può rallentare la crescita del tumore

I ricercatori da Terry Fox Laboratory a Vancouver, Columbia Britannica recentemente hanno concluso che un minimo di dieta in carboidrati può rallentare la crescita di tumors.*

Durante il loro studio, gli scienziati hanno confrontato gli effetti di una dieta povera di carboidrati a quello di una dieta “occidentale„ tipica in un gruppo di topi. Una dieta “occidentale„ tipica è caratterizzata come essendo alta in carboidrati ed in basso in proteina. I topi sono stati divisi in due sottogruppi, con un gruppo che mangia un ad alta percentuale proteica, una dieta povera di carboidrati e un'un altro mangianti l'inverso. Entrambi i gruppi sono stati alimentati le calorie uguali.

I ricercatori hanno trovato che sia murino (topi) che i carcinoma umani si sono sviluppati più lenti in topi alimentati le diete che contengono i carboidrati bassi/ad alta percentuale proteica rispetto ad una dieta occidentale. I topi hanno alimentato glicemia del carboidrato la più bassi, insulina e livelli esibiti dieta più bassa del lattato. In uno sviluppo importante per i lettoridel ® del prolungamento della vita, topi che geneticamente sono stati predisposti per sviluppare il cancro al seno che è stato alimentato una dieta occidentale ha avuto tassi di cancro quasi 50% dall'età di un anno, mentre nessun tumore è stato individuato in topi che sono alimentati la dieta povera di carboidrati durante lo stesso tempo

- W. Brink

Riferimento

* Ricerca del Cancro. 1° luglio 2011; 71(13): 4484-93.