Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista febbraio 2012
Come lo vediamo

Sopprima il sangue micidiale Sugar Surges del Dopo-pasto

Da Daniel Becker
Sopprima il sangue micidiale Sugar Surges del Dopo-pasto

L'alta glicemia è trasformarsi veloce nell'uccisore evitabile principale di maturazione degli individui negli Stati Uniti. Oltre ai 26 milione Americani con il diabete, i centri per controllo delle malattie stimano che più di un terzo della popolazione in genere ora sia pre-diabetico.1

Ciò può essere appena la punta dell'iceberg.

Come i membridel ® del prolungamento della vita sanno, i dati recenti confermano che il rischio per la maggior parte delle malattie degeneranti e la morte aumentano drammaticamente quando la glicemia a digiuno supera 85 mg/dL.2

Eppure l'istituzione medica persiste nella definizione delle letture fino a 99 mg/dL come “cassaforte.„ Da questa misura, virtualmente tutti noi sono vulnerabili alle complicazioni diabetiche.

Allarmante è l'ignoranza diffusa del medico del pericolo di azione furtiva posato dagli impulsi della glicemia dopo che pasti cui possono raggiungere i livelli diabetici e durano per ora-o anche i giorni.

Questo glucosio “punte„ del dopo-pasto infligge il danneggiamento silenzioso delle cellule via i meccanismi multipli ed è stato collegato alla malattia cardiovascolare, al cancro, al morbo di Alzheimer, all'insufficienza renale ed al danno retinico.3-16

Le buone notizie sono là sono modi documentati sopprimere gli impulsi micidiali del glucosio del dopo-pasto.

Il più recente è un estratto verde del chicco di caffè indicato per neutralizzare un enzima chiave che facilita gli impulsi del glucosio del dopo-pasto.

Una volta provato sugli esseri umani in uno studio controllato con placebo, questo estratto naturale ha prodotto un calo straordinario di 24% nella glicemia del dopo-pasto in appena 30 minuti!17

Epidemia silenziosa di alta glicemia

La percentuale degli adulti che soffrono dalla glicemia pericolosa e cronicamente alta è stata sottovalutata notevolmente.

Attualmente, non siete considerato diabetico a meno che la vostra glicemia a digiuno sia superiore a 125 mg/dL. La gamma da 100-125 mg/dL è considerata “pre-diabetica,„ mentre qualche cosa più basso è definito come normale.

Purtroppo, il vostro rischio per la malattia relativa all'età è ben maggior a questi “livelli normali„ che precedentemente è stato riconosciuto. Il glucosio a digiuno ottimale dovrebbe essere all'interno della gamma di 70-85 mg/dL.

Uno studio recente di 46.000 individui di mezza età ha rivelato che più di 80% ha avuto glicemia a digiuno di 85 mg/dL o più su.18 una simile analisi epidemiologica di 11.000 di mezza età e della gente più anziana hanno trovato che più di 85% ha avuto glicemia a digiuno di 85 mg/dL o più su.19

Come ®hasdel prolungamento della vita lungamente avvertiti, un'indagine accurata della letteratura scientifica conferma che maturare gli individui con glicemia livella in questi gamma-sotto 100 mg/dL-are ciò nonostante al rischio sostanzialmente aumentato di virtualmente tutte le malattie degeneranti, includente:

  • Cancro4,20-29
  • Malattia cardiovascolare5,9-15,17,30,31
  • Morbo di Alzheimer17,32,33
  • Malattia renale8,34
  • Disfunzione pancreatica35
  • Retinopatia diabetica (che può condurre a cecità)6,36
  • Neuropatia (dolore e disfunzione del nervo)37,38

Un gruppo dei ricercatori ha trovato che il rischio di sviluppare il diabete stesso è stato aumentato di più di 7 volte nella gente con i livelli di digiuno del glucosio di 105-109 mg/dL, rispetto alla gente con glucosio a digiuno livella meno di 85 mg/dL.19

Un'analisi di 1.800 individui di maturazione ha rivelato che i tassi della coronaropatia su un periodo di dieci anni in individui attualmente definito come “pre-diabetico„ erano quasi identici a quelli con il diabete completo.39

Una simile analisi di 33.230 uomini ha trovato che l'alto glucosio all'interno della gamma “normale„ è stato associato indipendente con un aumento di 38% nelle morti dai cancri dell'apparato digerente.40

Questi risultati sottolineano la necessità critica di ridefinire il diabete come glucosio a digiuno superiore a 85 mg/dL.

Tabella 1: Rischi sanitari aumentati nella gente con i livelli “normali„ del glucosio

Circostanza Il glucosio livella (mg/dL) Rischio aumentato
Diabete di tipo 2 di sviluppo 100-104 Fino a 283%19
Tumore dello stomaco 95-105 Fino a 130%49
Attacco di cuore principiante Superiore a 88 242%47
Esigenza della procedura di stent o del bypass coronarico Superiore a 95 73%50

Livelli diabetici quotidiani inosservati del glucosio?

L'approccio della medicina convenzionale a controllo del glucosio va oltre il problema dei campi di riferimento antiquati. Le concentrazioni nella glicemia a digiuno da solo non identificano gli individui con un rischio aumentato di inizio in relazione con il glucosio di malattia perché non individuano le punte pericolose del glucosio del dopo-pasto.41,42

Il sistema diagnostico corrente delle letture di digiuno del glucosio è soltanto un'istantanea che non fa adeguatamente la misura di stato del glucosio dell'ora--ora di un individuo di invecchiamento nel corso di intero giorno.

Per definizione, le prove della glicemia a digiuno sono effettuate otto o più ore o più dopo il vostro ultimo pasto. Questo metodo non riesce a rappresentare un indicatore vitale di rischio specifico a voi come individuo: dopo ogni pasto, la vostra glicemia aumenta acutamente per almeno due ore prima del ritorno al normale.

Secondo il numero e la frequenza dei pasti consumati, un individuo di invecchiamento può sostenere la glicemia pericolosamente alta durante tutta la giornata che non sarà individuata dalle misure convenzionali.

Un corpo del montaggio di prova scientifica suggerisce che le punte del glucosio del dopo-pasto infliggano tanto o più danno che su glicemia a digiuno .43-46

Per esempio, di individui di invecchiamento con le letture “normali„ della glicemia ed i test di tolleranza al glucosio “normali„, il rischio di attacco di cuore aumenta di 58% per un aumento di 21 mg/dL in glicemia del dopo-pasto.47 e per un simile aumento del dopo-pasto, il rischio di morte cardiaca aumenta di 26%.48

Ciò significa quella se la vostra glicemia si solleva 63 mg/dL dopo un pasto, il vostro rischio di morte cardiaca aumenta quasi due volte tanto.

Un gruppo di ricerca ha trovato che rischio di colpo aumentato quando il glucosio a digiuno è aumentato superiore a 83 mg/dL. Ed ogni 18 mg/dL di aumento oltre 83 mg/dL sono derivato in un rischio maggior 27% di morte dal colpo!5

Ciò significa che un individuo con un livello della glicemia a digiuno di 119 mg/dL ha un elevato rischio di 54% della morte in relazione con il colpo confrontato ad un individuo di cui la glicemia a digiuno è di soltanto 83 mg/dL. Se vi domandate perché il colpo continua a disattivare ed uccidere così molto-malgrado migliore controllo di ipertensione che lo sempre sguardo non ulteriore dell'epidemia di alta glicemia che contagia gli esseri umani di invecchiamento.

Questi dati in modo allarmante sottolineano l'importanza basilare di soppressione degli impulsi del glucosio del dopo-pasto e di controllo della glicemia a digiuno per prolungare la durata sana.

Controlli gli impulsi del glucosio del Dopo-pasto
Controlli gli impulsi del glucosio del Dopo-pasto
  • La glicemia elevata è il pericolo silenzioso che aumenta il rischio di malattia cardiovascolare, di cancro, di Alzheimer, di malattia renale, di neuropatia e di danno retinico.
  • Più di un terzo della popolazione americana è stimato per essere pre-diabetico.
  • Attualmente, la glicemia a digiuno livella più superiore 125 mg/dL sono considerati diabetico ed i livelli fra 100-125 mg/dL sono considerati pre-diabetici.
  • Il prolungamento della vita consiglia che i livelli ottimali della glicemia a digiuno sono nell'ordine di 70-85 mg/dL. Un corpo crescente di prova indica che il danno di tessuto ed il rischio di malattia aumentano quando i livelli della glicemia a digiuno sono superiore a 85 mg/dL.
  • Il consumo del caffè è stato associato con un rischio in diminuzione di sviluppare il diabete di tipo 2.
  • Un composto utile in acido clorogenico chiamato caffè è stato accreditato gli effetti d'abbassamento del caffè.
  • In un test clinico, gli individui che hanno ricevuto 400 mg di estratto verde della bacca di caffè che contiene l'acido clorogenico di 50% prima di una sfida orale del glucosio hanno dimostrato un rapporto di riproduzione di 32% in glicemia a 2 ore.

L'enzima poco noto dietro sangue cronico Sugar Overload

La maggior parte della gente pensa che livelli della glicemia sia determinata dalla quantità di carboidrati o di zucchero mangiano e come il loro pancreas sta funzionando.

La verità è più complessa.

Non sentirete questo dalla maggior parte dei medici, ma il vostro fegato inoltre svolge un ruolo chiave in glicemia di regolamento, una che contribuisce direttamente agli impulsi pericolosi della glicemia dopo i pasti pesanti.

In condizioni normali, il fegato tiene una certa quantità di zucchero nello stoccaggio. Se la vostra glicemia cade troppo in basso, libera questo zucchero immagazzinato per amplificare la glicemia di nuovo ai livelli sani in un processo chiamato glicogenolisi.

Se i suoi depositi dello zucchero sono vuotati, il vostro fegato ha altri mezzi a sua disposizione per amplificare la glicemia: producendo lo zucchero da sè da altre fonti, compreso i grassi e la proteina con un processo ha chiamato la gluconeogenesi.

Gli esseri umani hanno evoluto questa capacità per impedire l'ipoglicemia acuta e potenzialmente micidiale (glicemia bassa) durante gli stati di quasi-inedia.

In giovane, gli individui, il rilascio dello zucchero di entrambi questiprocessi o la glicogenolisi e la sintesi o la gluconeogenesi sana della glicemia— sono soppressi naturalmente dopo un pasto per impedire la glicemia ottenere troppo su.

Mentre invecchiate, questo meccanismo d'equilibratura può essere alterato. Il vostro fegato libera lo zucchero immagazzinato e produce lo zucchero supplementare dopo che finite precisamenteun pasto quando il vostro corpo ha bisogno della glicemia supplementare il più minimo.

Al centro di glicogenolisi patologica (rilascio di glicemia immagazzinata) e della gluconeogenesi (sintesi di nuovo zucchero) è l'enzima glucose-6-phosphatase. I pasti pesanti possono attivare questo enzima, che a sua volta dice il vostro fegato di liberare i suoi depositi dello zucchero e lo aiuta per produrre il più zucchero, malgrado la pletora di glucosio dal pasto che avete finito appena.

È questi disturbi della fisioregolazione relativi all'età di attività di glucose-6-phosphatase che rappresenta la difficoltà molti che maturano il fronte degli individui nel mantenimento dei livelli ottimali del glucosio. I processi doppi di glicogenolisi e della gluconeogenesi avviate da glucose-6-phosphatase possono tenere la glicemia su anche con un con poche calorie o una dieta povera di carboidrati poiché il glucosio può anche essere sintetizzato dalle proteine e dai grassi. (Noti coloro che pratica la restrizione di caloria possono solitamente tenere il loro glucosio a digiuno inferiore a 86 mg/dL ed impulsi del glucosio del dopo-pasto inferiore a 120 mg/dL.)

La soppressione dell'attività di glucose-6-phosphatase è una strategia della pietra angolare nel controllo di mantenimento delle punte e di limitazione della glicemia del dopo-pasto del loro impatto potenzialmente distruttivo.

Nella ricerca per identificare i composti che potrebbero mirare favorevole all'enzima di glucose-6-phosphatase, i ricercatori hanno rivolto la loro attenzione al fatto che i bevitori pesanti del caffè hanno goduto drammaticamente di più a basso rischio del diabete.

Quanto caffè da bere o acido clorogenico da prendere?

Il consumo aumentato del caffè provoca un rischio sostanzialmente riduttore di diabete.57-61

Il giornale prestigioso The Lancet ha pubblicato uno studio 2002 di popolazione che ha incluso sopra 17,000 persone . I ricercatori hanno trovato un 50% più a basso rischio del diabete fra coloro che ha consumato 7 tazze di caffè un il giorno confrontato a coloro che ha bevuto soltanto 2 tazze un giorno.61

Così perché non appena bevanda più caffè?

Il caffè “i fagioli„ è i semi contenuti dentro la frutta della pianta, la bacca di caffè. Possiedono una proporzione elevata significativamente degli acidi fenolici utili (50%) che la bacca (circa 35%).

Un'analisi dell'estratto verde privato del chicco di caffè utilizzato negli studi clinici citati in questo articolo rivela che appena 350 mg fornisce la stessa quantità di acido clorogenico trovata in 14 tazze del caffè scuro dell'arrosto. Il problema con i caffè arrostiti buio è che il processo d'arrostimento elimina troppi polifenoli utili quale acido clorogenico.

L'estratto verde del chicco di caffè inoltre fornisce l'acido ferulico composto antiossidante, indicato per esercitare un effetto terapeutico del anti-glucosio con acido clorogenico.61

Dopo avere analizzato il sangue degli oggetti dati questo estratto verde del chicco di caffè, uno studio 2008 pubblicato nel giornale di nutrizione ha confermato la presenza nei loro campioni di sangue dello stesso maggiore fenolico composto-compreso acido clorogenico— fornito dal bere arrostito, caffè preparato. I ricercatori hanno aggiunto che i composti in estratto verde del chicco di caffè erano altamente assorbibili e metabolizzati prontamente in esseri umani.76

Oltre al loro alto tasso di assorbimento, i composti in estratto verde del chicco di caffè sono creduti per fornire la più forte protezione d'abbassamento di quanto il caffè arrostito. Quello è perché arrostire distrugge gran parte del contenuto utile del chicco di caffè.

Il caffè “leggermente arrostito„ convenzionale fornisce circa 92 milligrammi di acido clorogenico per tazza. Il caffè molto arrostito fornisce molto acido clorogenico. Una tazza di un nuovo “polifenolo-conservando„ il caffè (con acido clorogenico aggiunto indietro dentro dopo la torrefazione) fornisce 172 mg di acido clorogenico. Così bere una o due tazza di questo nuovo caffè diconservazione fornisce 172 - 344 mg di acido clorogenico, che sono nelle gamme indicate per dimostrare l'efficacia terapeutica.

Gli estratti verdi del chicco di caffè sono disponibili nei nuovi integratori alimentari che forniscono 200 o 400 mg di acido clorogenico per servizio. La dose tipica per la maggior parte della gente è 200 mg di acido clorogenico prima della maggior parte dei pasti. Quelli con i livelli elevati del glucosio dovrebbero prendere 400 mg prima la maggior parte o di tutti i pasti.

L'acido clorogenico combatte il glucosio in eccesso

Un'abbondanza di studi conferma che, oltre alla protezione contro le varie malattie, il consumo del caffè aumentato 5,51-56 provoca un rischio sostanzialmente riduttore di diabete.56-61

La lancetta prestigiosa del giornale ha pubblicato uno studio 2002 di popolazione che ha incluso sopra 17,000 persone . I ricercatori hanno trovato un 50% più a basso rischio del diabete fra coloro che ha consumato 7 tazze di caffè un il giorno confrontato a coloro che ha bevuto soltanto 2 tazze un giorno.61

I benefici antidiabetici del caffè sono dipendenti dalla dose. Cioè il più che bevete, maggior il beneficio. Ed ivi si trova il problema: bevendo sette tazze o più di caffè ogni giorno è poco pratico per la maggior parte della gente. Ricercatori di questo insieme su una ricerca per scoprire gli agenti d'abbassamento specifici contenuti in caffè.

Tassi d'ascesa di diabete
Tassi d'ascesa di diabete

Nel 2008, c'erano 347 milione di persone stimati con il diabete nel mondo, a partire da 153 milione appena 30 anni su più in anticipo.86 ricercatori hanno attribuito circa 70% di quell'aumento all'esplosione demografica globale, ma i 30% rimanenti sono collegati con l'aumento rapido nel sovrappeso e nell'obesità.87

Un'altra ragione per il forte aumento è che gli epidemiologi infine stanno riconoscendo che le definizioni standard del diabete sono insufficienti. La glicemia a digiuno semplicemente di misurazione non riesce ad individuare fino a 70% della gente con le perturbazioni nel regolamento della glicemia.88 un test di tolleranza al glucosio orale sono richiesti per individuare tali perturbazioni, specialmente punte pericolose dello zucchero del dopo-pasto.

Che cosa questo il mezzo per voi è che non potete supporre semplicemente che non siete diabetico solo perché la vostra misura sistematica della glicemia a digiuno era normale. Conosca i fatti ed intraprenda le azione adeguate per assicurarsi che proteggiate i vostri tessuti dalle minacce gemellate delle punte cronicamente elevate dello zucchero del dopo-pasto e della glicemia.

I contenuti del caffè sono complesso, contenente più di 1.000 composti discreti.62

I nuovi dati coercitivi rivelano che il contenuto in acido clorogenico in caffè è responsabile in primo luogo per i suoi effetti d'abbassamento via parecchi meccanismi interessanti.63,64

L'acido clorogenico inibisce l'enzima di glucose-6-phosphatase che stimola la glicogenolisi e la gluconeogenesi.65,66 come attività più iniziale e eccessiva discussa di questo enzima contribuisce alle punte pericolose della glicemia del dopo-pasto ed ai livelli elevati della glicemia fra i pasti.67

L'acido clorogenico direttamente inibisce l'assorbimento del glucosio dal tratto intestinale. Gli studi indicano che il caffè con un contenuto in acido clorogenico elevato ritarda l'assorbimento intestinale del glucosio.59

L'acido clorogenico inibisce l'alfa-glucosidasi intestinale degli enzimi che separa gli zuccheri complessi e migliora il loro assorbimento.68 rallentando la ripartizione di quegli zuccheri del terreno comunale (saccarosio compreso, o zucchero di tavola), limita drammaticamente le punte del glucosio del dopo-pasto.

Degli gli estratti ricchi d'acido clorogenici della pianta sono stati indicati per ridurre gli indici della glicemia a digiuno da più di 15% in pazienti diabetici con la risposta difficile al farmaco.69 un simile effetto sono stati veduti in volontari sani, di cui l'assorbimento intestinale di glucosio è stato ridotto di 7% che segue una bevanda acido-arricchita clorogenica del caffè.70 e un supplemento acido clorogenico di 1 grammo ha ridotto i livelli del glucosio da 13 mg/dL, 15 minuti dopo una sfida orale del glucosio, dimostrante la sua capacità di abbassare la punta del dopo-pasto in esseri umani.71

Di un estratto ricco d'acido clorogenico di chicchi di caffè verdi è inoltre efficace negli studi sugli animali contro obesità, riducente l'accumulazione totale del grasso corporeo e del peso inibendo l'assorbimento del grasso ed impedendo la nuova produzione grassa nel tessuto del fegato.L'acido clorogenico 72,73 riduce il contenuto di grassi del fegato negli studi sugli animali pure, un fattore vitale nella riduzione dell'impatto di sovrappeso e dell'obesità.74

Rischi di malattia di glicemia Alto-normale

Cancro: Numeroso studio-compreso uno ha pubblicato nell'emissione online del 17 maggio 2010 dell'oncologo che era così grande che metà inclusa di tutto il tipo - 2 diabetici in Svezia20— ha trovato che il rischio per cancro aumenta fra i diabetici diagnosticati.14,23,24 aumentare nel serratura-punto con glucosio livella come hanno orlato su all'interno della gamma normale erano i rischi per i cancri dell'endometrio, del pancreas, del colon e dei tumori colorettali di una natura più aggressiva.21,25,26,28,29

Malattia cardiovascolare: Gli oggetti hanno mostrato i rischi per gli eventi cardiovascolari, la malattia cardiovascolare e la mortalità cardiovascolare a cui è aumentato di relazione diretta elevare-ma ancora i livelli del alto-normale-glucosio.9,11-13,15 un ricercatore ha commentato quello entro i limiti, più bassi livelli del glucosio, anche fra quelli senza diabete, ha provocato il rischio cardiovascolare più basso. Il rischio della coronaropatia era due volte alto in pazienti con tolleranza al glucosio alterata, rispetto ai pazienti con tolleranza al glucosio più normale.77 mentre il diabete è definito come avvertire i livelli regolari del glucosio del dopo-pasto di 200 mg/dL, un gruppo di ricerca ha trovato un rischio per il colpo che è aumentato mentre i livelli di digiuno del glucosio sono aumentato superiore a 83 mg/dL. Infatti, ogni 18 mg/dL di aumento oltre 83 sono derivato in un rischio maggior 27% di morte dal colpo.5

Danno conoscitivo: Come glicemia rosa-se all'interno del rischio normale o diabetico delle gamme- per questi danno e demenza conoscitivi delicati è aumentato.32,33

Malattia renale: Gli impulsi in glicemia hanno promosso una maggior produzione del rene fibroso tessuto-che causa il rene malattia-che un livello elevato ma costante della glicemia.8 lo studio crea hanno suggerito che potesse essere fluttuazioni in glucosio-più dei livelli se stesso-che prodotti le complicazioni vascolari hanno implicato nel danno del rene. Un altro studio ha trovato un aumento diretto nella malattia renale cronica mentre i livelli di emoglobina A1c (un indicatore di controllo a lungo termine del glucosio) sono aumentato.34

Disfunzione pancreatica: Le beta cellule situate nel pancreas producono l'insulina che aiuta la glicemia di controllo. Ma i livelli elevati del glucosio possono rendere queste cellule disfunzionali, sollevando il rischio di diabete di tipo 2. I ricercatori hanno scoperto che la beta disfunzione delicata delle cellule era già rilevabile in quelle di cui i livelli del glucosio hanno chiodato due ore dopo il cibo, malgrado restare completamente all'interno della gamma considerata dall'istituzione medica come normale.35

Retinopatia diabetica: I livelli elevati del glucosio precipitano il retinopatia-danno diabetico alla retina che può condurre a cecità. In uno studio, la retinopatia è stata diagnosticata in 13% della gente che più successivamente ha diventato il diabete e in 8% di coloro che non ha diventato mai il diabete.7

Neuropatia: Come previsto, pazienti con danno del sistema nervoso (neuropatia) di cui le letture postprandiali del glucosio (del dopo-pasto) erano sopra la soglia diabetica, indicato danneggiamento delle loro grandi fibre nervose. Tuttavia, il glucosio dei pazienti della neuropatia di cui lettura-sebbene elevare-rimanente in conformità alla gamma normale ancora mostri il danneggiamento delle loro piccole fibre nervose. All'interno di qualsiasi gamma della glicemia, riferita la neurologia del giornale nel 2003, più alto il glucosio, maggior la partecipazione di grandi fibre nervose.37 un altro studio di danno del nervo nel 2006 hanno confermato questi risultati.38

Dati confermativi coercitivi

Un gruppo dei ricercatori giapponesi ha registrato un calo di 43% nei livelli della glicemia dopo l'amministrazione dell'estratto verde del chicco di caffè ai topi dopo un pasto pesante.75

In un test clinico presentato nel 2011, i ricercatori hanno dato i dosaggi differenti dell'estratto verde standardizzato del chicco di caffè, ogni acido clorogenico contenente di 50%, a 56 persone . Dopo, hanno dato ai partecipanti 100 grammi di glucosio in una prova orale di sfida del glucosio. Il test di tolleranza al glucosio orale è un metodo standard di misurare la risposta di un individuo all'esposizione dello zucchero del dopo-pasto.

I livelli della glicemia caduti da un importo sempre più maggior come il dosaggio della prova dell'estratto verde del chicco di caffè sono stati sollevati, da 100 mg fino a 400 mg. Al dosaggio di mg 400, c'era una diminuzione completa di 32% in zucchero di sanguedue ore dopo ingestione del glucosio.17

Ciò significa che se aveste una lettura pericolosa del glucosio del dopo-pasto di 160 mg/dL, l'estratto verde privato del chicco di caffè la avrebbe tagliata a 109 mg/dL.

Questi risultati sono in conformità con i dati complementari che dimostrano i numerosi meccanismi del glucosio-combattimento di caffè dell'estratto verde del chicco di azione.

Altri modelli rivelano che l'acido clorogenico modula favorevole l'espressione genica per migliorare l'attività delle cellule di fegato ed aumentare i livelli del adiponectin dell'ormone, che migliora la sensibilità dell'insulina ed esercita antinfiammatorio, antidiabetico ed effetti anti--atherogenic.76

Riassunto

Ventisei milione Americani ora sono considerati diabetico, mentre più di uno in tre è pre-diabetico. I dati recenti confermano che il vostro rischio per gli aumenti di morte prematura e di malattia degenerante sostanzialmente quando la glicemia a digiuno supera 85 mg/dL. Eppure l'istituzione medica persiste nella definizione delle letture fino a 99 mg/dL come “cassaforte.„

Inoltre trascurato nello sforzo per combattere l'odierna epidemia del diabete è il processo insidioso degli impulsi della glicemia del dopo-pasto. Indipendentemente da se le vostre letture di digiuno del glucosio sono “normale,„ questi impulsi possono causare uno stato del tipo di diabetica nel corpo che dura per ore e ore, infliggente il danneggiamento inosservato e sistema di ampiezza dei tessuti sani.

Determinare questo pericolo è il ruolo poco noto le vostre commedie del fegato nel creare e nel pubblicare il glucosio supplementare nel sangue. Questo processo, che regola la glicemia in assenza di alimento quando siete giovane, è stimolato nocivo dopo i pasti pesanti dall'enzima glucose-6-phosphatase mentre invecchiate. Il risultato è una pletora pericolosa di zucchero nella vostra circolazione sanguigna dopo ogni pasto.

Un'arma dell'innovazione per controllare questi impulsi della glicemia del dopo-pasto è stata identificata: estratto verde del chicco di caffè. Contiene un composto chiamato acido clorogenico indicato per mirare a glucose-6-phosphatase ed ai livelli smussati della glicemia del post-consumo da fino a 32% nelle prove umane.

Gluconeogenesi di comprensione
Gluconeogenesi di comprensione

L'enzima glucose-6-phosphatase (G6P) contribuisce a produrre le punte pericolose della glicemia del dopo-pasto in due modi. Libera il glucosio dal suo deposito nel fegato e promuove la formazione di nuove molecole del glucosio dalle fonti senza zucchero.78 il processo posteriore sono chiamati la gluconeogenesi.

Tradizionalmente, gli scienziati hanno supposto che gli aminoacidi dalle proteine erano i soli precursori di glucosio nella gluconeogenesi.79 scoperte recenti, tuttavia, suggeriscono che gli acidi grassi siano inoltre precursori importanti di questa fonte pericolosa di glucosio in eccesso.79,80

Gli acidi grassi contribuiscono alla gluconeogenesi almeno da tre meccanismi. In primo luogo, gli eccessivi acidi grassi stimolano la gluconeogenesi e forniscono G6P l'energia che deve convertire i substrati tradizionali come aminoacidi in glucosio.81-84 il secondo, quando i trigliceridi ripartono agli acidi grassi, glicerolo è scaricato e poi è convertito in glucosio dalla gluconeogenesi.85 per concludere, i modelli elaborati dal calcolatore avanzati hanno rivelato le nuove vie da cui gli acidi grassi direttamente sono convertiti in glucosio; le tappe finali in quelle vie comprendono G6P.79

Queste scoperte forniscono ulteriore comprensione nelle cause delle punte micidiali del glucosio del dopo-pasto. Inoltre forniscono ulteriori incentivi per bloccare gli enzimi che partecipano alla gluconeogenesi, quale G6P. Gli estratti verdi del caffè sono una fonte eccellente di sostanze nutrienti di G6P-blocking.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulentedi salute del ® del prolungamento della vita a 1-866-864-3027.

 

Riferimenti

1. Disponibile a http://www.cdc.gov/media/releases/2011/p0126_diabetes.html. 3 novembre 2011 raggiunto.

2. JV di Bjornholt, Erikssen G, Aaser E, et al. glicemia a digiuno: un fattore di rischio sottovalutato per la morte cardiovascolare. Risultati da seguito di 22 anni degli uomini nondiabetic in buona salute. Cura del diabete. 1999 gennaio; 22(1): 45-9.

3. Bardini G, Dicembrini I, Cresci B, Rotella cm. Indicatori di infiammazione e caratteristiche metaboliche degli oggetti con i livelli di un'ora del glucosio del plasma. Cura del diabete. 2010 febbraio; 33(2): 411-3.

4. Stattin P, Bjor O, Ferrari P, Lukanova A, et al. studio prospettivo del rischio di cancro e di iperglicemia. Cura del diabete. 2007 marzo; 30(3): 561-7.

5. Batty GD, Kivimäki m., Smith GD, marmotta MG, Shipley MJ. tassi di mortalità di concentrazione e del colpo nella glicemia di Post-sfida in uomini non-diabetico a Londra: seguito 38-year dello studio di gruppo futuro originale di Whitehall. Diabetologia. 2008 luglio; 51:1123-6.

6. JUNIOR di unico nato, Smith AG, Bromberg, MB. Prevalenza aumentata di tolleranza al glucosio alterata in pazienti con neuropatia sensoriale dolorosa. Cura del diabete. 2001;24(8)1448-53.

7. Beckley ET. ADA Scientific Sessions: Retinopatia trovata in Pre-diabete. Documento News. 2005 agosto; 2(8): 1-10.

8. ST di Polhill, Saad S, Poronnik SSP, Fulcher GR, Pollock CA. I picchi a breve termine in glucosio promuovono il fibrogenesis renale indipendentemente dall'esposizione totale del glucosio. J Physiol Physiol renale. 2004 agosto; 287(2): F268-73.

9. Filtri WH, Cedres libbra, Liu K, et al. le relazioni del diabete clinico e la iperglicemia sintomatica al rischio di mortalità della coronaropatia negli uomini ed in donne. J Epidemiol. 1986 marzo; 123(3): 504-16.

10. EL di Barrett-Connor, SEDERE di Cohn, Wingard DL, Edelstein SL. Perché è il diabete mellito un più forte fattore di rischio per la malattia cardiaca ischemica mortale in donne che negli uomini? Rancho Bernardo Study. JAMA.1991 6 febbraio; 265(5): 627-31.

11. Relazione di Coutinho m., di Gerstein H, di Poque J, di Wang Y, di Yusuf S. The fra glucosio ed eventi cardiovascolari di incidente: un'analisi di metaregression dei dati pubblicati da 20 studi di 95.783 individui è seguito per 12,4 anni. Cura del diabete. 1999 febbraio; 22(2): 233-40.

12. Wilson PWF, LA di Cupples, WB di Kannel. La iperglicemia è associata con la malattia cardiovascolare? Lo studio di Framingham. Cuore J. 1991di febbraio; 121 (2 pinte 1): 586-90.

13. de Vegt F, Dekker JM, HG di Ruhe, et al. iperglicemia è associato con la mortalità per tutte le cause e cardiovascolare nella popolazione di Hoorn: lo studio di Hoorn. Diabetologia. 1999 agosto; 42(8): 926-31.

14. DECODIFICHI il gruppo di studio 2001, il gruppo europeo dell'epidemiologia del diabete. Tolleranza al glucosio e mortalità cardiovascolare: confronto del digiuno e dei criteri diagnostici di due ore. Med dell'interno dell'arco. 12 febbraio 2001; 161(3): 397-404.

15. Saydah SH, Miret m., cantato J, Varas C, Gause D, Brancati FL. iperglicemia e mortalità di Post-sfida in un campione nazionale degli adulti degli Stati Uniti. Cura del diabete. 2001 agosto; 24(8): 1397-402.

16. Matsuzaki T, Sasaki K, Tanizaki Y, et al. insulino-resistenza è associato con la patologia del morbo di Aalzheimer: lo studio di Hisayama. Neurologia. 31 agosto 2010; 75(9): 764-70.

17. Nagendran sistemi MV. Effetto di caffè verde Bean Extract (GCE), su in acidi clorogenici, sul metabolismo del glucosio. Numero di presentazione del manifesto: 45-LB-P. Obesità 2011, la ventinovesima riunione scientifica annuale della società di obesità. Orlando, Florida. Dal 1-5 ottobre 2011.

18. Nichols GA, TUM più collinosi, Brown JB. Glucosio a digiuno normale del plasma e rischio di diagnosi del diabete di tipo 2. Med di J. 2008 giugno; 121(6): 519-24.

19. Glucosio del plasma di Kato m., di Noda m., di Suga H, di Matsumoto m., di Kanazawa Y. Fasting ed incidenza dell'diabete-implicazione per la soglia per glucosio a digiuno alterato: risultati dallo studio di gruppo basato sulla popolazione di Omiya mA. J Atheroscler Thromb. 2009;16(6):857-61.

20. Hemminki K, Li X, Sundquist J, Sundquist K. Risk di cancro dopo l'ospedalizzazione per il diabete di tipo 2. Oncologo. 17 maggio 2010; 15:548-55.

21. Aleksandrova K, Boeing H, Jenab m., et al. sindrome e rischi metabolici di colon e di cancro rettale: l'indagine futura europea su Cancro e la nutrizione studiano. Ricerca di Prev del Cancro (Phila). 22 giugno 2011.

22. Czyzyk A, diabete mellito di Szczepanik Z. e cancro. Med dell'interno di EUR J. 2000 ottobre; 11(5): 245-52.

23. Vigneri P, Frasca F, Sciacca L, Pandini G, Vigneri R. Diabetes e cancro. Cancro di Endocr Relat. 2009 dicembre; 16(4): 1103-23.

24. Martin-Castillo B, Vazquez-Martin A, Oliveras-Ferraros C, Menendez JA. Metformina e cancro: dosi, meccanismi ed i fenomeni hormetic e del dente di leone. Ciclo cellulare. 21 marzo 2010; 9(6): 1057-64.

25. Cust EA, Kaaks R, Friedenreich C, cofano F, et al. sindrome, livelli del lipido del plasma, della lipoproteina e del glucosio e rischio di cancro dell'endometrio metabolici nell'indagine futura europea sull'EPICA di nutrizione e del Cancro. Cancro di Endocr Relat. 2007 settembre; 14(3): 755-67.

26. Rosato V, Tavani A, Bosetti C, et al. rischio metabolico di cancro del pancreas e di sindrome: uno studio di caso-control in Italia e la meta-analisi. Metabolismo. 5 maggio 2011.

27. Azione T, Lukanova A, Bjørge T, et al. fattori metabolici ed il rischio di cancro colorettale in 580.000 uomini e donne nel progetto metabolico del cancro e di sindrome (Me-possa): Gruppo metabolico di progetto del Cancro di sindrome (Me-possa). Cancro. 17 dicembre 2010.

28. Schoen CON RIFERIMENTO A, LH di Tangen cm, di Kuller, et al. glicemia ed insulina aumentata, dimensione corporea e cancro colorettale di incidente. Cancro nazionale Inst di J. 7 luglio 1999; 91(13): 1147-54.

29. Healy L, Howard J, Ryan A, et al. la sindrome e la leptina metaboliche sono associati con le caratteristiche patologiche avverse in malati di cancro colorettali maschii. DIS colorettale. 20 gennaio 2011.

30. La C tenuta, Gerstein HC, Zhao F, et al. glucosio a digiuno del plasma è un preannunciatore indipendente dell'ospedalizzazione per guasto di scompenso cardiaco in pazienti ad alto rischio. Sessioni scientifiche di associazione 2006 americani del cuore. 13 novembre 2006. Estratto 2562.

31. Lamblin N, livelli di Bauters C. Hemoglobin A1c è associato con la severità e la prognosi di infarto cronico sistolico in pazienti nondiabetic. Sessioni scientifiche di associazione 2006 americani del cuore. 13 novembre 2006. Estratto 2372.

32. Cukierman-Yaffe T, Gerstein HC, Williamson JD. Relazione fra controllo glycemic della linea di base e la funzione conoscitiva in individui con il diabete di tipo 2 ed altri fattori di rischio cardiovascolari: l'azione per controllare rischio cardiovascolare nella diabete-memoria nella prova del diabete (ACCORD-MIND). Cura del diabete. 2009 marzo; 32(2): 221-6.

33. Sonnen JA, Larson eb, modelli di Brickell K. Different della lesione cerebrale nella demenza con o senza diabete. Arco Neurol.2009; 66(3): 315-22.

34. Colpo, LD, Selvin E, Steffes m., Coresh J, Astor BC. Controllo glycemic difficile in diabete ed il rischio di malattia renale di incidente anche in assenza di albuminuria e di retinopatia: rischio di aterosclerosi nello studio delle comunità (ARIC). Med dell'interno dell'arco. 8 dicembre 2008; 168(22): 2440-7.

35. Gastaldelli A, Ferrannini E, Miyazaki Y, Matsuda m., De Fronzo RA. Disfunzione e intolleranza al glucosio della cellula beta: risultati dallo studio del metabolismo di San Antonio (SAM). Diabetologia. 2004 gennaio; 47(1): 31-9.

36. Cheng YJ, Gregg EW, Geiss LS. L'associazione di A1C e del glucosio a digiuno del plasma livella con prevalenza diabetica di retinopatia nella popolazione degli Stati Uniti: implicazioni per le soglie di sistema diagnostico del diabete. Cura del diabete. 2009 novembre; 32(11): 2027-32.

37. Sumner CJ, Sheth S, grifone JW, Dott di Cornblath, Polydefkis M. Lo spettro di neuropatia nel diabete e nella tolleranza al glucosio alterata. Neurologia. 14 gennaio 2003; 60(1): 108-11.

38. Hoffman-Snyder C, Smith È, Ross mA, Hernandez J, PE di Bosch. Valore del test di tolleranza al glucosio orale nella valutazione di polineuropatia axonal idiopatica cronica. Arco Neurol. 2006 agosto; 63(8): 1075-9.

39. Li Q, Chen AH, canzone XD, et al. analisi dei livelli del glucosio ed il rischio per la coronaropatia in pazienti anziani nel distretto di Canton Haizhu. Nan Fang Yi Ke Da Xue Xue Bao. 2010 giugno; 30(6): 1275-8.

40. CE di Matthews, Sui X, LaMonte MJ, Adams SA, JUNIOR di Heebert, SN di Blair. Sindrome e rischio metabolici di morte dai cancri dell'apparato digerente. Metabolismo. 2010 agosto; 59(8): 1231-9.

41. Tolleranza al glucosio e mortalità: confronto del WHO e dei criteri americani di sistema diagnostico di associazione del diabete. Il gruppo di studio di DECODIFICA. Gruppo europeo di epidemiologia del diabete. Epidemiologia del diabete: Analisi di collaborazione dei criteri diagnostici in Europa. Lancetta. 21 agosto 1999; 354(9179): 617-21.

42. Nakagami T. Hyperglycaemia e mortalità da tutti cause e dalla malattia cardiovascolare in cinque popolazioni dell'origine asiatica. Diabetologia. 2004 marzo; 47(3): 385-94.

43. Miura K, Kitahara Y, terapia di associazione di Yamagishi S. con il nateglinide e il vildagliptin migliora le dismutazioni metaboliche postprandiali nei ratti grassi di Zucker. Ricerca di Horm Metab. 2010 settembre; 42(10): 731-5.

44. Monnier L, variabilità di Colette C. Glycemic: dovremmo e possiamo noi impedirlo? Cura del diabete. 2008 febbraio; 31 supplemento 2: S150-4.

45. Monnier L, Colette C, Dott. di Owens. Variabilità Glycemic: la terza componente del dysglycemia in diabete. È importante? Come misurarlo? Diabete Sci Technol di J. 2008 novembre; 2(6): 1094-100.

46. CR di Triggle. Gli effetti iniziali di glucosio elevato sulla funzione endoteliale come obiettivo nel trattamento del diabete di tipo 2. Med Cardiovasc Dis superiore tempestivo. 2008; 12: E3.

47. Gerstein HC, Pais P, Pogue J, Yusuf S. Relationship di glucosio e di insulina livella al rischio di infarto miocardico: uno studio di caso-control. J Coll Cardiol. 1999 marzo; 33(3): 612-9.

48. Lin HJ, Lee BC, YL noioso, et al. glucosio postprandiale migliora la previsione di rischio della morte cardiovascolare oltre la sindrome metabolica nella popolazione nondiabetic. Cura del diabete. 2009 settembre; 32(9): 1721-6.

49. Yamagata H, Kiyohara Y, Nakamura S, et al. impatto del glucosio a digiuno del plasma livella sull'incidenza gastrica del cancro in una popolazione giapponese generale: lo studio di Hisayama. Cura del diabete. 2005 aprile; 28(4): 789-94.

50. Pereg D, Elis A, Neuman Y, Mosseri m., Lishner m., rischio di Hermoni D. Cardiovascular in pazienti con glicemia a digiuno livella all'interno di gamma normale. J Cardiol. 1° dicembre 2010; 106(11): 1602-5.

51. Srinivasan m., Sudheer AR, VP di Menon. Acido ferulico: potenziale terapeutico attraverso la sua proprietà antiossidante. Biochimica Nutr di J Clin. 2007 marzo; 40(2): 92-100.

52. Glei m., Kirmse A, Habermann N, Persin C, stagno-Zobel, BL. Il pane arricchito con l'estratto verde del caffè ha attività chemoprotective e antigenotoxic in cellule umane. Cancro di Nutr. 2006;56(2):182-92.

53. Suzuki A, Yamamoto N, Jokura H, et al. acido clorogenico attenua l'ipertensione e migliora la funzione endoteliale in ratti spontaneamente ipertesi. J Hypertens. 2006 giugno; 24(6): 1065-73.

54. Watanabe T, Arai Y, Mitsui Y, et al. L'effetto del sangue e la sicurezza d'abbassamento di acido clorogenico dall'estratto verde del chicco di caffè nell'ipertensione essenziale. Clin Exp Hypertens. 2006;28:439-49.

55. Ochiai R, Jokura H, Suzuki A, et al. l'estratto verde del chicco di caffè migliora il vasoreactivity umano. Ricerca di Hypertens. 2004 ottobre; 27(10): 731-7.

56. Onakpoya I, Terry R, uso di Ernst E. The dell'estratto verde del caffè come supplemento di perdita di peso: una rassegna e una meta-analisi sistematiche dei test clinici randomizzati. Ricerca Pract di Gastroenterol. 2011;2011.

57. WC di Salazar-Martinez E, di Willett, consumo di Ascherio A, et al. del caffè e rischio per il diabete di tipo 2 mellito. Ed di Ann Internm. 6 gennaio 2004; 140(1): 1-8.

58. Pereira mA, Parker ED, Folsom AR. Consumo del caffè e rischio di diabete di tipo 2 mellito: uno studio prospettivo da 11 anno di 28 812 donne postmenopausali. Med dell'interno dell'arco. 26 giugno 2006; 166(12): 1311-6.

59. Johnston chilolitro, MN di Clifford, Morgan LM. Il caffè acutamente modifica la secrezione e la tolleranza al glucosio gastrointestinali dell'ormone in esseri umani: effetti glycemic di acido e di caffeina clorogenici. J Clin Nutr. 2003 ottobre; 78(4): 728-33.

60. Bidel S, Hu G, Sundvall J, Kaprio J, Tuomilehto J. Effects del consumo del caffè su tolleranza al glucosio, sul glucosio del siero e sui livelli dell'insulina--un'analisi trasversale. Ricerca di Horm Metab. 2006 gennaio; 38(1): 38-43.

61. van Dam RM, Feskens EJM. Consumo del caffè e rischio di diabete di tipo 2 mellito. Lancetta. 9 novembre 2002; 360(9344): 1477-8.

62. Disponibile a: http://www.illy.com/wps/wcm/connect/us/illy/the-world-of-coffee/the-science-of-coffee/. 6 luglio 2011 raggiunto.

63. McCarty MF. Da un incremento indotto da acido clorogenico della produzione GLP-1 può mediare l'impatto del consumo pesante del caffè sul rischio del diabete. Med Hypotheses. 2005;64(4):848-53.

64. CN di Greenberg JA, di Boozer, Geliebter A. Coffee, diabete e controllo del peso. J Clin Nutr. 2006 ottobre; 84(4): 682-93.

65. Henry-Vitrac C, Ibarra A, rullo m., Merillon JM, Vitrac X. Contribution degli acidi clorogenici all'inibizione di attività epatica umana di glucose-6-phosphatase in vitro da Svetol, un estratto verde decaffeinato standardizzato del caffè. Alimento chim. di J Agric. 14 aprile 2010; 58(7): 4141-4.

66. Andrade-Cetto A, Vazquez RC. Inibizione di gluconeogenesi e una composizione fitochimica di due specie di cecropia. J Ethnopharmacol. 6 luglio 2010; 130(1): 93-7.

67. Bassoli BK, Cassolla P, Borba-Murad GR, et al. acido clorogenico riduce il picco del glucosio del plasma nel test di tolleranza al glucosio orale: effetti sul rilascio e sulla glicemia epatici del glucosio. Biochimica Funct delle cellule. 2008 aprile; 26(3): 320-8.

68. Ishikawa A, Yamashita H, Hiemori m., et al. caratterizzazione degli inibitori dell'iperglicemia postprandiale dalle foglie del indicum del Nerium. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo). 2007 aprile; 53(2): 166-73.

69. Herrera-Arellano A, Aguilar-Santa Maria L, Garcia-Hernandez B, Nicasio-Torres P, test clinico di Tortoriello J. estratti della foglia del vulgare del Marrubium e di cecropia obtusifolia sui lipidi nel tipo - 2 diabetici del siero e della glicemia. Phytomedicine. 2004 novembre; 11 (7-8): 561-6.

70. Effetto di Thom E. The di caffè arricchito acido clorogenico su assorbimento del glucosio in volontari sani ed il suo effetto sulla massa del corpo quando lungo termine usato in gente di peso eccessivo ed obesa. J Int Med Res. 2007 novembre-dicembre; 35(6): 900-8.

71. Van Dijk EA, SIG. di Olthof, Meeuse JC, Seebus E, Heine RJ, van Dam RM. Effetti acuti di caffè decaffeinato e l'acido clorogenico e la trigonellina delle componenti importanti del caffè su tolleranza al glucosio. Cura del diabete. 2009 giugno; 32(6): 1023-5.

72. Shimoda H, Seki E, effetto inibitorio di Aitani M. dell'estratto verde del chicco di caffè su obesità grassa del corpo e di accumulazione in topi. Med di Altern del complemento di BMC. 2006;6:9.

73. Cho COME, Jeon MP, Kim MJ, et al. acido clorogenico presenta la proprietà dell'anti-obesità e migliora il metabolismo dei lipidi in topi dieta-indurre-obesi ad alta percentuale di grassi. Alimento Chem Toxicol. 2010 marzo; 48(3): 937-43.

74. Li SY, qualità di stampa di Chang, mA FY, CL di Yu. Gli effetti di modulazione di acido clorogenico sui lipidi e sul metabolismo del glucosio e l'espressione dell'ricevitore-alfa proliferatore-attivata peroxisome epatica in criceti dorati si sono alimentati la dieta ad alta percentuale di grassi. Biomed circonda Sci. 2009 aprile; 22(2): 122-9.

75. Murase T, Misawa K, Minegishi Y, Aoki m., Ominami H, Suzuki Y, Shibuya Y, polifenoli di Hase T. Coffee sopprime dall'l'accumulazione indotta da dieta del grasso corporeo downregulating SREBP-1c e le molecole relative nei topi di C57BL/6J. J Physiol Endocrinol Metab. 2011 gennaio; 300(1): E122-33.

76. LT di Zhang, qualità di stampa di Chang, Liu Y, Chen ZM. Effetto di acido clorogenico su glucosio e sul metabolismo dei lipidi disordinati nei topi di db/db e nel suo meccanismo. Zhongguo Yi Xue Ke Xue Yuan Xue Bao. 2011 giugno; 33(3): 281-6.

77. Donahue RP, Abbott RD, Reed dm, ed altri: Concentrazione e coronaropatia nel glucosio di Postchallenge in uomini di ascendenza giapponese. Programma del cuore di Honolulu. Diabete. 1987 giugno; 36 (6): 689-92.

78. Hemmerle H, hamburger HJ, sotto la P, et al. l'acido clorogenico ed i derivati acidi clorogenici sintetici: inibitori novelli del translocase epatico di glucose-6-phosphate. J Med Chem. 17 gennaio 1997; 40(2): 137-45.

79. Kaleta C, de Figueiredo LF, Werner S, Guthke R, Ristow m., prova di silico di Schuster S. In per gluconeogenesi dagli acidi grassi in esseri umani. PLoS Comput Biol. 2011 luglio; 7(7): e1002116.

80. Titov VN, Dmitriev LF, Krylin VA. [Methylglyoxal--provi a disfunzioni biologiche di omeostasi e del endoecology, a basso livello citosolico del glucosio ed a gluconeogenesi dagli acidi grassi]. Ter Arkh. 2010;82(10):71-7.

81. RA di DeFronzo. Cellule grasse, lipotoxicity e diabete di tipo 2 disfunzionali. Supplemento di Int J Clin Pract. 2004 ottobre (143): 9-21.

82. Tonelli J, Kishore P, Lee DE, Hawkins M. Il regolamento di efficacia del glucosio: come il glucosio modula la sua propria produzione. Cura di Curr Opin Clin Nutr Metab. 2005 luglio; 8(4): 450-6.

83. Meccanismi di Mlinar B, di Marc J, di Janez A, di Pfeifer M. Molecular di insulino-resistenza e malattie collegate. Acta di Clin Chim. 2007 gennaio; 375 (1-2): 20-35.

84. Goldstein JL, Zhao TJ, Li RL, DP del sorbetto, Liang G, sig.ra di Brown. Inedia di sopravvivenza: Ruolo essenziale dell'asse dell'ormone di Ghrelin-crescita. Quantità fredda Biol. di Harb Symp della primavera. 22 luglio 2011.

85. Finlandese PF, dado JF. Risposte proteolitiche e lipolitiche ad inedia. Nutrizione. 2006 luglio-agosto; 22 (7-8): 830-44.

86. Danaei G, Finucane millimetro, LU Y, et al. cittadino, regionali e tendenze relative globali alla prevalenza di digiuno del glucosio e del diabete del plasma dal 1980: analisi sistematica delle indagini dell'esame di salute e degli studi epidemiologici con 370 paese-anni e 2•7 milione partecipanti. Lancetta. 2 luglio 2011; 378(9785): 31-40

87. Finucane millimetro, Stevens GA, Cowan MJ, et al. cittadino, regionali e tendenze relative globali all'indice di massa corporea dal 1980: analisi sistematica delle indagini dell'esame di salute e degli studi epidemiologici con 960 paese-anni e 9•1 milione partecipanti. Lancetta. 12 febbraio 2011; 377(9765): 557-67.

88. Cosson E, Hamo-Tchatchouang E, Banu I, et al. Una grande proporzione di prediabetes e di diabete va non diagnosticata quando soltanto il glucosio a digiuno del plasma e/o HbA1c sono misurati in pazienti di peso eccessivo o obesi. Diabete Metab. 2010 settembre; 36(4): 312-8.