Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista gennaio 2012
Sulla copertura

Scoperta delle indennità-malattia uniche del caffè

Da Michael Downey

Affezione epatica

Affezione epatica

L'affezione epatica e la cirrosi croniche causano 35.000 morti all'anno negli Stati Uniti. La cirrosi è la nona causa della morte principale in America, responsabile di 1,2% di tutte le morti degli Stati Uniti.68 tuttavia, gli scienziati hanno trovato che il rischio di cirrosi epatica e di morte da questa malattia, può notevolmente essere ridotto tramite il consumo del caffè.

Quelli che bevono 4 tazze di caffè giornalmente hanno esibito un 84% pienopiù a basso rischio della cirrosi, secondo uno studio negli annali dell'epidemiologia.69 questo sono coerenti con uno studio di otto anni più iniziale di 120,000 persone eccessive che ha trovato che ogni tazza di caffè giornalmente ha ridotto il rischio di morte dalla cirrosi da 23%.70

Inoltre, i pazienti con epatite B o la C sono stati indicati per essere meno probabili sviluppare la cirrosi analcolica se sono inoltre bevitori del caffè.71

Declino conoscitivo

Il morbo di Alzheimer diventa sempre più prevalente con invecchiamento, colpente più di 40%di quelli oltre 84.72 studi di promessa stanno trovando che il maggior consumo quotidiano di caffè caffeinated taglia più successivamente il rischio siadi Alzheimer 18,73 chedi demenza 74 nella vita.

Gli scienziati hanno scoperto che l'assunzione a lungo termine del caffè esibisce un'associazione dipendente dalla dose con la funzione e la memoria conoscitive migliori,75,76 e protegge le cellule di un neurone primarie.77

Infatti, uno studio del topo ha implicazioni ampie per gli esseri umani. I ricercatori hanno trovato che l'assunzione della caffeina del moderato - equivalente ad un consumo umano di 5 tazze di caffè quotidiane - ha cominciato ad invertire il danno di Alzheimer in appena 5 settimane.20

Sebbene il meccanismo da cui il caffè riduce il rischio di declino conoscitivo sia non noto, uno studio 2009 sui topi ha trovato che la caffeina fa diminuire i livelli, sia nel sangue che nel cervello, di amiloide-beta, una sostanza in questione nello sviluppo di Alzheimer.78 successivamente, un esame 2010 degli studi precedenti del topo ha trovato che caffeina - l'equivalente di 5 tazze di caffè quotidiane in esseri umani - livelli di diminuzioni secretase di gamma e di beta, proteine utilizzate nella amiloide-beta produzione in primo luogo.20

Poi, nel 2011, gli scienziati hanno concluso che il caffè può essere la migliore fonte della caffeina indicata per proteggere dal declino conoscitivo. La ragione è che un'altra componente sconosciuta in caffè sembra potenziare con la caffeina per aumentare i livelli ematici di fattore (fattore distimolazione del granulocita, o di GCSF) connessi con la funzione conoscitiva migliore in Alzheimer.79

Il caffè di Caffeinated inoltre è stato associato con la protezione contro la malattia del Parkinson, il secondo disordine neurodegenerative comune dopo Alzheimer.80 uno studio di 29.000 individui hanno trovato che uno - quattro tazze giornalmente ha fatto diminuire il rischio di Parkinson da 47% e 5 o più tazze hanno fatto diminuire il rischio da 60%.Il fattore distimolazione aumentante del granulocita 81 facendo uso delle droghe come il ®di Neupogen sta dimostrando l'efficacia nei modelli animali della malattia del Parkinson stabilita.82-85 parecchi altri studi hanno confermato una relazione dipendente dalla dose inversa - maggior il numero delle tazze quotidiane di caffè caffeinated, più basso il rischio di malattia del Parkinson.86-88

Danno del DNA

Danno del DNA

Il danno del DNA è caratterizzato come anomalia fisica all'interno del trucco genetico di una cellula, quale un irrompere un filo del DNA. Si presenta solitamente in maggior misura all'interno delle cellule che si dividono frequentemente. Il danno del DNA può condurre alle mutazioni genetiche che causano il cancro.89 e quando il danno del DNA si presenta all'interno delle cellule che dividono frequentemente di meno, può promuovere invecchiare.89

È difficile da evitare le molte cause della lesione del DNA. Gli agenti ossidanti prodotti tramite i processi metabolici normali promuovono questo tipo di danno. Inoltre, i difetti del DNA possono essere avviati dai numerosi agenti esterni quale luce ultravioletta, la radiazione, la chemioterapia, prodotti chimici industriali e determinati prodotti chimici ambientali quali gli idrocarburi policiclici, hanno trovato in fumo.

Gli scienziati hanno scoperto un modo sorprendente semplice contribuire a fare diminuire il danno del DNA. Gli studi mostrano che il più alto consumo del caffè fa diminuire i livelli di danno ossidativo del DNA, a 90,91 quale a sua volta inibiscono sia il cancro che l'invecchiamento.

Uno studio 2011 ha confermato l'effetto in relazione con il DNA del caffè sul rischio di cancro. I ricercatori hanno trovato che i bevitori regolari del caffè hanno goduto generalmente di un rischio in diminuzione 13% di cancri e coloro che ha consumato gli alti livelli di caffè hanno goduto di un rischio in diminuzione 18%. Ulteriormente, hanno goduto della protezione specifica contro la prostata, il seno, colorettale, faringale, esofageo, epatocellulare, pancreatico, vescica e cancri dell'endometrio.92

Come i composti del caffè funzionano?

Malgrado la perforazione antiossidante potente del caffè, il meccanismo per la protezione del caffè contro una miriade di malattie può comprendere molto più che una battaglia feroce fra gli antiossidanti ed i radicali liberi. Gli scienziati stanno cominciando a scoprire che la fitochimica del caffè inoltre esercita le azioni biologiche dirette sul corpo, che può sostenere un web degli effetti indiretti e protettivi contro le malattie dal diabete a cancro.93,94

Gli studi iniziali suggeriscono che i polifenoli in caffè (sia caffeinated che decaffeinato) possano modificare gli enzimi chiave che migliorano la segnalazione intracellulare,95,96 il sistema di comunicazione che facilita le azioni cellulari quali la riparazione, l'immunità e l'omeostasi del tessuto. La segnalazione difficile delle cellule può essere un fattore nel cancro, nel diabete ed in più. (Lo studio successivo di A ha suggerito nel 2008 che questo effetto cellulare di segnalazione potrebbe anche spiegare l'inibizione del caffè di aggregazione della piastrina e di rischio cardiovascolare.97)

Poi, nel 2009, uno studio ha trovato che modulando le vie specifiche di segnalazione delle cellule (conosciute come ERK1/2 e JNK), i vari polifenoli in caffè - particolarmente l'aiuto clorogenico dell'acido impedisce la degenerazione di quelle cellule umane che sono ricche in lipidi.98 cellule cerebrali sono ricche di lipido e questa può spiegare l'effetto neuroprotective del caffè contro il declino conoscitivo e le malattie del cervello.

Similmente, uno studio ha suggerito che i polifenoli - per quali caffè è la fonte dietetica principale - potessero colpire la risposta e la sensibilità cellulari interagendo con i ricevitori nucleari.99 ricevitori sono molecole che prendono i segnali intracellulari, determinanti se una cellula ottiene le giuste istruzioni dividersi, morire, o liberare le molecole - funzioni così di regolamento del corpo per combattere la malattia.

Un esame 2006 degli studi dell'essere umano ed animali ha trovato che i composti del caffè sollevano i livelli di enzimi di disintossicazione che proteggono da danno del DNA e - probabilmente come un risultato diretto - riduca la suscettibilità dei linfociti (globuli bianchi addetti alla risposta immunitaria) a danno dalle specie reattive dell'ossigeno (ROS).100 questo possono spiegare parzialmente come il caffè abbassa l'incidenza di danno del DNA e delle malattie relative quale cancro.

Uno studio 2009 sugli esseri umani ha trovato che 3 tazze di caffè quotidiane per 3 settimane hanno aumentato il numero e l'attività metabolica dei batteri utili ha chiamato il bifidobacteria.101 questi batteri intestinali possono spiegare un meccanismo per i benefici del caffè: i batteri possono amplificare l'immunità, pressione sanguigna più bassa ed aumentano l'assorbimento minerale.

Nel 2010, i ricercatori hanno scoperto che i composti fenolici in 4-8 tazze di caffè quotidiane hanno l'azione diretta dell'inumidimento dell'attività infiammatoria.L'infiammazione a basso livello cronica 66 è stata associata con le malattie che variano dal cancro al diabete come pure invecchiare.

I 2011 randomizzati, prova controllata hanno trovato che il consumo di caffè (caffeinated o decaffeinato) produce i miglioramenti specifici nella funzione del fegato e dei adipocytes (cheimmagazzinano le cellule), entrambi i collegati con un metabolismo sano. Ciò fornisce ulteriore comprensione nei meccanismi possibili dietro i benefici del caffè, perché l'attività metabolica interrotta è un fattore di rischio biologico per una serie di malattie croniche (diabete di tipo 2 compreso).102

Oltre al numeroso altri antiossidanti in caffè, uno studio 2011 hanno confermato che la caffeina stessa è un organismo saprofago potente dei radicali liberi ossigenati.La caffeina 103 è stata trovata in un altro studio 2011 per lavorare sinergico con altri antiossidanti del caffè.104 tuttavia, la caffeina può anche lavorare lungo le vie cellulari dirette indipendenti dalla sua azione antiossidante.

Gli scienziati hanno determinato nel 2011 che la caffeina protegge l'integrità della barriera ematomeningea - che suggerisce che la caffeina potesse ridurre il rischio di alcune malattie limitando il trasporto degli agenti patogeni sangue-sopportati, delle droghe, delle cellule e di altre sostanze nel cervello, in cui potrebbero colpire le sinapsi del cervello. Il gruppo inoltre ha trovato che la caffeina difende contro la disfunzione specifica della barriera ematomeningea collegata a Alzheimer ed alla malattia del Parkinson.105

Un gran numero di benefici
Un gran numero di benefici

Coloro che beve la maggior parte del caffè hanno un rischio sostanzialmente riduttore di sviluppare il diabete, il cancro, l'affezione epatica, il declino conoscitivo ed il danno del DNA. Ma le indennità-malattia della fitochimica complessa del caffè non si concludono là:

  • Il caffè decaffeinato e caffeinated ha ridotto il rischio di calcoli renali in donne entro 9 e 10%, rispettivamente.107
  • Il caffè di Caffeinated ha ridotto l'incidenza delle colelitiasi e della malattia della cistifellea sia in uomini che in donne.108,109
  • Gli scienziati hanno trovato che perdita di peso regolare amplificata caffè da 8 libbre ed hanno promosso il metabolismo del grasso corporeo.91,110,111
  • i risultati A volte-contradditori hanno collegato generalmente il caffè che beve con la mortalità per tutte le cause riduttrice e la mortalità cardiovascolare.6,112-115
  • Per gli atleti, la caffeina dolore muscolare riduttore, l'energia aumentata (aiuto ergogenic) e la resistenza migliorata.116-119
  • Uno studio ha trovato la caffeina, occors 2 ore prima dell'esercizio, asma indotta dall'esercizio impedita.120
  • La ricerca più iniziale di conferma, uno studio 2011 sopra oltre 50.000 donne ha trovato che 4 tazze di caffè giornalmente hanno ridotto il rischio di depressione entro 20%, confrontato agli astemi del caffè.121
  • Gli antibatterici in caffè sono stati trovati per inibire la formazione di placche ed impedire il decadimento dentario.122
  • Se caffeinated o decaffeinato, il consumo del caffè impedisce la costipazione 123.124 e - malgrado il mito che il caffè disidrata il corpo - contribuisce ai requisiti del fluido fisiologico.125-127
  • La caffeina è creduta per amplificare da 40%l'efficacia degli analgesici contro le emicranie. La caffeina inoltre aiuta il corpo ad assorbire più rapidamente i farmaci di emicrania.128
  • Un grande, studio come-ancora-non pubblicato ha presentato il 24 ottobre 2011, trovato che gli uomini e le donne con il più alto consumo del caffè hanno un 13% e un 18% più a basso rischio, rispettivamente, per basalioma (un tipo di cancro di pelle).129

Riassunto

Sebbene molta gente presupponga dovrebbero limitare la loro assunzione del caffè, una ricchezza di ricerca scientifica suggerisce che le sue vaste indennità-malattia aumentino con l'importo consumato.

I numerosi studi indicano che il consumo più su quotidiano del caffè provoca un più a basso rischio del diabete, della malattia cardiovascolare, del cancro, di Alzheimer e di una miriade di altre malattie croniche, compreso l'obesità.

Ci sono una serie di phytochemicals, il la maggior parte predominano essendo acido clorogenico, che forniscano la perforazione malattia-proteggente del caffè. Di interesse è la capacità supplementare dei polifenoli del caffè di esercitare le azioni biologiche dirette sulle cellule. Per esempio, l'assunzione quotidiana del caffè può modificare gli enzimi chiave che migliorano la segnalazione intracellulare,95,96 che possono proteggere dal diabete, dal cancro e da molte altre malattie.

Il beneficio è relativo alla dose. Bere appena una tazza di caffè un il giorno - caffeinated o decaffeinato - può fare diminuire il rischio di sviluppare il diabete entro 13%.24 ma 12 tazze un il giorno taglia il rischio di sviluppare il diabete da 67%.21

Mentre la medicina tradizionale combatte una battaglia impossibile contro un'onda di marea del diabete, del cancro, di Alzheimer e di altre malattie relative all'età, l'estesa ricerca suggerisce che quel caffè - lontano da essere un piacere colpevole che dovrebbe essere limitato - sia un elisir tutto naturale ed economico. Con la disponibilità di nuovo “polifenolo-conservando„ i caffè, i bevitori moderati del caffè possono ora ottenere i benefici innumerevoli che sono stati riservati una volta soltanto ai cosiddetti utenti “pesanti„ del caffè.

Rimane, tuttavia, una percentuale significativa della gente che è sensibile agli effetti di stimolazione della caffeina sul sistema nervoso centrale, o trova che incontrano il bruciore di stomaco ed altri problemi digestivi in risposta ad ingerire anche una tazza di caffè. Le nuove bevande diconservazione del chicco di caffè sono meno probabili indurre il ribaltamento gastrico.

Per coloro che non vuole bere alcun caffè, ci ora sono supplementi acidi clorogenici standardizzati disponibili che forniscono le alte potenze dei composti utili del caffè soltanto gli importi minuscoli di caffeina.

Come il caffè protegge da una gamma di malattie

Oltre 1.000 composti componga la fitochimica complessa del caffè. La loro protezione documentata contro il diabete, il morbo di Alzheimer, il cancro e una miriade di altre malattie croniche può essere dovuto un web complesso delle azioni chimicamente indotte lungo le varie vie biologiche. I meccanismi sospettati includono:

  • 1. Azione antiossidante combinata.
  • 2. Stoccaggio abbassato di glucosio.
  • 3. Sensibilità migliore dell'insulina.
  • 4. Mobilizzazione di glicogeno in muscoli.
  • 5. Ossidazione muscolare stimolata di grasso.
  • 6. Attività enzimatica infiammatoria riduttrice.
  • 7. Livelli elevati degli enzimi di disintossicazione.
  • 8. Segnalazione intracellulare migliore.
  • 9. Sensibilità aumentata dei ricevitori delle cellule.
  • 10. Cambiamenti nell'espressione genetica.
  • 11. Stimolazione di Prebiotic dei batteri utili.
  • 12. Protezione contro la morte delle cellule del neurone.
  • 13. Chelazione dei metalli quale ferro.
  • 14. Miglioramenti metabolici a adipocyte ed alla funzione epatica.
  • 15. Prevenzione di disfunzione della barriera ematomeningea (BBB).
  • 16. Livelli più bassi di amiloide-beta placca.
  • 17. Soppressione degli enzimi che producono la amiloide-beta placca.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Riferimenti

1. Oro LS, BN di Ames, TH di Slone. Idee sbagliate circa le cause di cancro. In: Paustenbach D, ed. Valutazione del rischio umana ed ambientale: Teoria e pratica. New York, NY: John Wiley & figli; 2002:1415-60.

2. Disponibile a: -mondo-de-caffè/the-science-of-coffee/di http://www.illy.com/wps/wcm/connect/us/illy/. 25 settembre 2011 raggiunto.

3. Vinson JA. Le indennità-malattia potenziali degli antiossidanti. Presentato alla 230th riunione della società di prodotto chimico americano. 28 agosto 2005. Washington, DC.

4. MN di Clifford. Acidi clorogenici ed altri cinnamati - natura, avvenimento e carico dietetico. Alimento Agric dello Sc di J. 1° marzo 1999; 79(3): 362-72.

5. Disponibile a: http://www.coffeeresearch.org/market/usa.htm. 22 settembre 2011 raggiunto.

6. Andersen LF, Dott Jr, Carlsen MH, Blomhoff R. Consumption di Jacobs di caffè è associato con il rischio riduttore di morte attribuito ad infiammatorio ed alle malattie cardiovascolari nello studio della salute delle donne dello Iowa. J Clin Nutr. 2006 maggio; 83(5) 1039-46.

7. Wu J, consumo noioso dello Sc, di Zhou C, et al. del caffè e rischio di coronaropatie: una meta-analisi di 21 studio di gruppo futuro. Int J Cardiol. 12 novembre 2009; 137(3):216-25.

8. Consumo di Mukamal kJ, di Hallqvist J, di Hammar N, et al. del caffè e mortalità dopo infarto miocardico acuto: il programma di epidemiologia del cuore di Stoccolma. Cuore J. 2009di marzo; 157(3): 495-501.

9. Wilson chilometro, Kasperzyk JL, JUNIOR del cavaliere. Consumo del caffè e rischio e progressione di carcinoma della prostata nello studio di approfondimento dei professionisti del settore medico-sanitario. Cancro nazionale Inst di J. 8 giugno 2011; 103(11): 876-84.

10. Li J, Seibold P, consumo di Chang-Claude J. Coffee modifica il rischio di cancro al seno della negazione del estrogeno-ricevitore. Ricerca del cancro al seno. 14 maggio 2011; 13(3): R49.

11. Inoue m., Yoshimi I, Sobue T, Tsugane S, gruppo di studio di JPHC. Influenza di caffè che beve sul rischio successivo di carcinoma epatocellulare: Uno studio prospettivo nel Giappone. Cancro nazionale Inst di J. 2005 febbraio; 97(4): 293-300.

12. Huxley R, Lee cm, Barzi F, et al. caffè, caffè decaffeinato e consumo del tè relativamente al diabete di tipo 2 di incidente mellito: una rassegna sistematica con la meta-analisi. Med dell'interno dell'arco. 14 dicembre 2009; 169(22): 2053-63.

13. Rosengren A, Dotevall A, Wilhelmsen L, Thelle D, Johansson S. Coffee ed incidenza di diabete in donne svedesi: uno studio di approfondimento futuro da 18 anni. Med dell'interno di J. 2004 gennaio; 255(1): 89-95.

14. Consumo di Tuomilehto J, di Hu G, di Bidel S, di Lindstrom J, di Jousilahti P. Coffee e rischio di diabete di tipo 2 mellito fra gli uomini e le donne finlandesi di mezza età. JAMA. 10 marzo 2004; 291(10): 1213-9.

15. Corrao G, Zambon A, Bagnardi V, D'Amicis A, Klatsky A. Coffee, caffeina ed il rischio di cirrosi epatica. Ann Epidemiol. 2001 ottobre; 11(7): 458-65.

16. Il Gallus S, Tavani A, Negri E, caffè di Vecchia C. Does della La protegge da cirrosi epatica? Ann Epidemiol. 2002 aprile; 12(3): 202-5.

17. AL di Klatsky, Morton C, Udaltsova N, Friedman GD. Caffè, cirrosi ed enzimi della transaminasi. Med dell'interno dell'arco. 12 giugno 2006; 166(11): 1190-5.

18. La maia L, de Mendonça A. fa l'assunzione della caffeina protegge dal morbo di Alzheimer? EUR J Neurol. 2002 luglio; 9(4): 377-82.

19. Ms di estremità, la TA del sultano Caffè ed il suo consumo: benefici e rischi. Rev Food Sci Nutr di Crit. 2011 aprile; 51(4): 363-73.

20. Arendash GW, Cao C. Caffeine e caffè come terapeutica contro il morbo di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2010; 20 supplementi 1: S117-26.

21. Zhang Y, Lee ET, Cowan LD, Fabsitz RR, Howard BV. Consumo del caffè e l'incidenza di diabete di tipo 2 in uomini ed in donne con tolleranza al glucosio normale: Il forte studio del cuore. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2011 giugno; 21(6): 418-23.

22. Danaei G, Finucane millimetro, LU Y, et al. cittadino, regionali e tendenze relative globali alla prevalenza di digiuno del glucosio e del diabete del plasma dal 1980: analisi sistematica delle indagini dell'esame di salute e degli studi epidemiologici con 370 paese-anni e 2,7 milione partecipanti. Lancetta. 2 luglio 2011; 378(9785): 31-40.

23. Federazione internazionale del diabete. Indirizzo presidenziale davanti al nuovo atlante del diabete, quinta edizione. Presentato all'associazione europea per lo studio sulla quarantasettesima riunione annuale del diabete (EASD). 13 settembre 2011. Lisbona, Portogallo.

24. van Dam RM, WC di Willett, Manson JE, Hu FB. Caffè, caffeina e rischio di diabete di tipo 2: uno studio di gruppo futuro nelle più giovani e donne di mezza età degli Stati Uniti. Cura del diabete. 2006 febbraio; 29(2): 398-403.

25. Johnston chilolitro, MN di Clifford, Morgan LM. Il caffè acutamente modifica la secrezione e la tolleranza al glucosio gastrointestinali dell'ormone in esseri umani: effetti glycemic di acido e di caffeina clorogenici. J Clin Nutr. 2003 ottobre; 78(4): 728-33.

26. Hemmerle H, hamburger HJ, sotto la P, et al. l'acido clorogenico ed i derivati acidi clorogenici sintetici: inibitori novelli del translocase epatico di glucose-6-phosphate. J Med Chem. 17 gennaio 1997; 40(2): 137-45.

27. Greer F, Hudson R, Ross R, ingestione di Graham T. Caffeine fa diminuire la disposizione del glucosio durante il morsetto hyperinsulinemic-euglycemic in esseri umani sedentari. Diabete 2001 ottobre; 50(10): 2349-54.

28. Consumo di Arnlov J, di Vessby B, di Riserus U. Coffee e sensibilità dell'insulina. JAMA. 10 marzo 2004; 291(10): 1199-201.

29. Fleming DJ, Jacques PF, Dallal GE, Tucker chilolitro, Wilson PWF, legno RJ. Fattori determinanti dietetici dei depositi del ferro in una popolazione anziana dissipata: lo studio del cuore di Framingham. J Clin Nutr 1998 aprile; 67(4): 722-33.

30. Jiang R, Manson JE, Meigs JB, mA J, Rifai N, Hu FB. Depositi del ferro del corpo relativamente al rischio di diabete di tipo 2 apparentemente nelle donne di salute. JAMA. 11 febbraio 2004; 291(6): 711-7.

31. Disponibile a: http://www.cancer.org/acs/groups/cid/documents/webcontent/003134-pdf.pdf. 9 ottobre 2011 raggiunto.

32. Loopstra-padroni RC, ANNUNCIO di Liese, Haffner MP, Wagenknecht LE, Hanley AJ. Le associazioni fra l'assunzione di caffè caffeinated e decaffeinato e le misure della sensibilità dell'insulina e di beta cellula funzionano. Diabetologia. 2011 febbraio; 54(2): 320-8.

33. Chiami la R, Grimsley m., Cadwallader L, et al. l'insulina - agente cancerogeno o il mitogene? Prova preclinica e clinica dalla prostata, dal seno, da pancreatici e ricerca sul cancro colorettale. Med di Postgrad. 2010 maggio; 122(3): 158-65.

34. Disponibile a: http://www.cancer.org/acs/groups/cid/documents/webcontent/003090-pdf.pdf. 9 ottobre 2011 raggiunto.

35. Il consumo di Bageman E, di Ingvar C, di Rosa C, di Jernstrom H. Coffee ed il genotipo CYP1A2 modificano l'età alla diagnosi del cancro al seno ed allo stato del ricevitore dell'estrogeno. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2008 aprile; 17(4): 895-901.

36. Disponibile a: http://www.cancer.org/Cancer/ColonandRectumCancer/DetailedGuide/colorectal-cancer-key-statistics. 9 ottobre 2011 raggiunto.

37. Consumo di Galeone C, di Turati F, della La Vecchia C, di Tavani A. Coffee e rischio di cancro colorettale: una meta-analisi degli studi di caso-control. Il Cancro causa il controllo. 2010 novembre; 21(11): 1949-59.

38. KB di Michels, WC di Willett, CS di Fuchs, Giovannucci E. Coffee, tè e consumo della caffeina ed incidenza di colon e di cancro rettale. Cancro nazionale Inst di J. 16 febbraio 2005; 97(4): 282-92.

39. Giovannucci E. Meta-analysis del consumo del caffè e del rischio di cancro colorettale. J Epidemiol. 1998;147(11):1043-52.

40. Consumo di Lee kJ, di Inoue m., di Otani T, di Iwasaki m., di Sasazuki S, di Tsugane S. Coffee e rischio di cancro colorettale in un gruppo futuro basato sulla popolazione degli uomini e delle donne giapponesi. Cancro di Int J. 1° giugno 2007; 121(6): 1312-8.

41. Oba S, Shimizu N, Nagata C, et al. La relazione fra il consumo di carne, grasso e caffè ed il rischio di tumore del colon: uno studio prospettivo nel Giappone. Cancro Lett. 2006;244(2):260-7.

42. Disponibile a: http://www.cancer.org/Cancer/OralCavityand OropharyngealCancer/DetailedGuide/oral-cavity-and-oropharyngeal-cancer-key-statistics. 9 ottobre 2011 raggiunto.

43. Assunzione di Tavani A, di Bertuzzi m., di Talamini R, et al. del caffè e del tè e rischio di cancro orale, faringale ed esofageo. Oncol orale. 2003;39(7):695-700.

44. Rodriguez T, Rodriguez T, Altieri A, et al. fattori di rischio per cancro orale e faringale in giovani adulti. Oncol orale. 2004;40(2):207-13.

45. Disponibile a: http://www.cancer.org/Cancer/LiverCancer/DetailedGuide/liver-cancer-what-is-key-statistics. 10 ottobre 2011 raggiunto.

46. Consumo di Shimazu T, di Tsubono Y, di Kuriyama S, et al. del caffè ed il rischio di cancro del fegato primario: Un'analisi riunita di due studi prospettivi nel Giappone. Cancro di Int J. 10 agosto 2005; 116(1): 150-4.

47. Consumo di Ohfuji S, di Fukushima W, di Tanaka T, et al. del caffè e rischio riduttore di carcinoma epatocellulare fra i pazienti con tipo cronico affezione epatica di C: Uno studio di caso-control. Ricerca di Hepatol. 2006 novembre; 36(3): 201-8.

48. Tanaka K, Hara m., Sakamoto T, et al. associazione inversa fra caffè che beve ed il rischio di carcinoma epatocellulare: uno studio di caso-control nel Giappone. Cancro Sci. 2007 febbraio; 98(2): 214-8.

49. Kurozawa Y, Ogimoto I, Shibata A, et al. caffè e rischio di morte da carcinoma epatocellulare in un grande studio di gruppo nel Giappone. Cancro del Br J. 5 settembre 2005; 93(5): 607-10.

50. Inoue m., Yoshimi I, Sobue T, Tsugane S. Influence di caffè che beve sul rischio successivo di carcinoma epatocellulare: uno studio prospettivo nel Giappone. Cancro nazionale Inst di J. 16 febbraio 2005; 97(4): 293-300.

51. Consumo di Montella m., di Polesel J, della La Vecchia C, et al. del caffè e del tè e rischio di carcinoma epatocellulare in Italia. Cancro di Int J. 1° aprile 2007; 120(7): 1555-9.

52. Gallus la S, Bertuzzi la m., Tavani A, et al. il caffè protegge da carcinoma epatocellulare? Cancro del Br J. 21 ottobre 2002; 87(9): 956-9.

53. Disponibile a: http://www.cdc.gov/nchs/fastats/lcod.htm. 10 ottobre 2011 raggiunto.

54. Ochiai R, Chikama A, Kataoka K, et al. effetti di caffè hydroxyhydroquinone-riduttore sul vasoreactivity e pressione sanguigna. Ricerca di Hypertens. 2009 novembre; 32(11): 969-74.

55. Zhang WL, Lopez-Garcia E, Li TY, Hu FB, van Dam RM. Consumo del caffè e rischio di eventi cardiovascolari e di mortalità per tutte le cause fra le donne con il diabete di tipo 2. Diabetologia. 2009 maggio; 52(5): 810-7.

56. Myers MG, Basinski A. Coffee e coronaropatia. Med dell'interno dell'arco. 1992 settembre; 152(9): 1767-72.

57. Wu J, consumo noioso dello Sc, di Zhou C, et al. del caffè e rischio di coronaropatie: una meta-analisi di 21 studio di gruppo futuro. Int J Cardiol. 12 novembre 2009; 137(3): 216-25.

58. Lopez-Garcia E, Rodriguez-Artalejo F, Rexrode chilometro, Logroscino G, Hu FB, van Dam RM. Consumo del caffè e rischio di colpo in donne. Circolazione. 3 marzo 2009; 119(8): 1116-23.

59. Hamer M. Coffee e salute: spiegazione dei risultati contraddittori nell'ipertensione. Ronzio Hypertens 2006 di J dicembre; 20(12): 909-12.

60. Se di George, Ramalakshmi K, Mohan Rao LJ. Una percezione sulle indennità-malattia di caffè. Rev Food Sci Nutr di Crit. 2008 maggio; 48(5): 464-86.

61. Vicolo JD, CF di Pieper, "phillips"-Bute BG, Bryant JE, Kuhn cm. La caffeina colpisce l'attivazione cardiovascolare e neuroendocrina a lavoro e casa. Med di Psychosom. 2002 luglio-agosto; 64(4): 595-603.

62. Ochiai R, Chikama A, Kataoka K, et al. effetti di caffè hydroxyhydroquinone-riduttore sul vasoreactivity e pressione sanguigna. Ricerca di Hypertens. 2009 novembre; 32(11): 969-74.

63. Lopez-Garcia E, van Dam RM, Li TY, Rodriguez-Artalejo F, Hu FB. La relazione del consumo del caffè con mortalità. Ann Int Med. 17 giugno 2008; 148(12): 904-14.

64. Consumo di Koizumi A, di Mineharu Y, di Wada Y, di iso H, et al. del caffè, del tè verde, del tè nero e del tè del oolong e rischio di mortalità dalla malattia cardiovascolare in uomini ed in donne giapponesi. Giornale di salute della Comunità e di epidemiologia. 2011 marzo; 65(3): 230-40.

65. Natella F, Nardini m., Belelli F, et al. effetto di caffè che beve sulle piastrine: inibizione di aggregazione e di incorporazione dei fenoli. Britannico J Nutr. 2008 dicembre; 100(6): 1276-82.

66. Kempf K, mandriano C, Erlund I, et al. effetti del consumo del caffè su infiammazione infraclinica ed altri fattori di rischio per il diabete di tipo 2: un test clinico. J Clin Nutr. 2010 aprile; 91(4): 950-7.

67. van Woudenbergh GJ, Vliegenthart R, van Rooij FJ, et al. consumo del caffè e calcificazione coronaria: lo studio coronario di calcificazione di Rotterdam. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2008 maggio; 28(5): 1018-23.

68. Disponibile a: http://emedicine.medscape.com/article/185856-overview. 25 ottobre 2011 raggiunto.

69. Corrao G, Zambon A, Bagnardi V, D'Amicis A, Klatsky A. Coffee, caffeina ed il rischio di cirrosi epatica. Ann Epidemiol. 2001;11(7):458-65.

70. AL di Klatsky, Armstrong mA, Friedman GD. Caffè, tè e mortalità. Ann Epidemiol. 1993 luglio; 3(4): 375-81.

71. Effetti di Benoit S, di Christophe C, di Angelika T, di Anne C. Health e considerazioni di sicurezza. In: Clark R, Vitzthum OG, eds. Caffè: Sviluppi recenti. Londra, Regno Unito: Wiley-Blackwell; 2001;165-83.

72. Hebert LE, PA di Scherr, Bienias JL, Bennett DA, Evans DA. Morbo di Aalzheimer nella popolazione degli Stati Uniti: stime di prevalenza facendo uso del censimento 2000. Arco Neurol. 2003 agosto; 60(8): 1119-22.

73. Lindsay J, Laurin D, Verreault R, et al. fattori di rischio per il morbo di Alzheimer: un'analisi futura dallo studio canadese su salute e su invecchiamento. J Epidemiol. 1° settembre 2002; 156(5): 445-53.

74. Eskelinen MH, Ngandu T, Tuomilehto J, Soininen H, bere del caffè e del tè di Kivipelto M. Midlife ed il rischio di demenza di tardi-vita: uno studio basato sulla popolazione di CAIDE. J Alzheimers DIS. 2009;16(1):85-91.

75. Consumo di Johnson-Kozlow m., di Kritz-Silverstein D, di Barrett-Connor E, di Morton D. Coffee e funzione conoscitiva fra gli adulti più anziani. J Epidemiol. 1° novembre 2002; 156(9): 842-50.

76. Jarvis MJ. L'assunzione della caffeina migliora i livelli assoluti di prestazione conoscitiva? Psicofarmacologia (Berl).1993; 110 (1 - 2): 45-52.

77. CHU Y-F, Brown pH, Lyle BJ, et al. il livello arrostito dei caffè in antiossidanti lipofilici ed i lattoni acidi clorogenici sono più neuroprotective dei caffè verdi. Alimento chim. di J Agric. 28 ottobre 2009; 57(20): 9801-8.

78. Il cao C, JUNIOR di Cirrito, Lin X. Caffeine sopprime i amiloide-beta livelli in plasma ed in cervello dei topi transgenici del morbo di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2009;17(3):681-97.

79. Il cao C, Wang L, Lin X, et al. caffeina potenzia con un'altra componente del caffè per aumentare il plasma GCSF: legame ai benefici conoscitivi nei topi di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2011;25(2):323-35.

80. de Lau LM, Breteler millimetro. Epidemiologia della malattia del Parkinson. Lancetta Neurol. 2006 giugno; 5(6): 525-35.

81. Hu G, Bidel S, Jousilahti P, Antikainen R, Tuomilehto J. Coffee e consumo del tè ed il rischio di malattia del Parkinson. Movimenti Disord. 15 novembre 2007; 22(15): 2242-48.

82. Meuer K, Pitzer C, Teismann P, et al. fattore di stimolazione delle colonie di granulociti è neuroprotective in un modello della malattia del Parkinson. J Neurochem. 2006 maggio; 97(3): 675-86.

83. La canzone S, Sava V, Rowe A, et al. fattore di stimolazione delle colonie di granulociti (G-CSF) migliora il recupero nel modello del topo della malattia del Parkinson. Neurosci Lett. 7 gennaio 2011; 487(2): 153-7.

84. Il cao XQ, Arai H, Ren anno, et al. fattore distimolazione del granulocita umano recombinante protegge dalla morte dopaminergica indotta MPTP delle cellule in topi alterando i livelli di espressione di Bcl-2/Bax. Neurochem. 2006 novembre; 99(3): 861-7.

85. Huang HY, Lin SZ, Kuo JS, Chen WF, Wang MJ. G-CSF protegge i neuroni dopaminergici dalla tossicità 6-OHDA-induced via la via di ERK. Invecchiamento di Neurobiol. 2007 agosto; 28(8): 1258-69.

86. Ross GW, Abbott RD, Petrovitch H, et al. associazione dell'assunzione della caffeina e del caffè con il rischio di morbo di parkinson. JAMA. 2000 24-31 maggio; 283(20): 2674-9.

87. MD di Benedetti, Bower JH, Maraganore dm, et al. Fumo, alcool e malattia del Parkinson precedente del consumo del caffè: ad uno studio controllato a caso. Neurologia. 2000 14 novembre; 55(9): 1350-8.

88. Ascherio A, Zhang MP, Hernan mA, et al. studio prospettivo del consumo della caffeina e rischio di malattia del Parkinson in uomini ed in donne. Ann Neurol. 2001 luglio; 50(1): 56-63.

89. Migliore BP. Danno nucleare del DNA come causa diretta di invecchiamento. Ricerca di ringiovanimento. 2009;12(3):199-208.

90. Misik m., Hoelzl C, Wagner KH, et al. impatto di carta ha filtrato il caffè su DNA-danno ossidativo: risultati di un test clinico. Ricerca di Mutat. 13 ottobre 2010; 692 (1-2): 42-8.

91. Bakuradze T, Boehm N, Janzowski C, et al. di caffè ricco d'antiossidante riduce il danno del DNA, eleva lo stato del glutatione e contribuisce a controllo del peso: risultati da uno studio di intervento. Mol Nutr Food Res. 2011 maggio; 55(5): 793-7.

92. Yu consumo di X, di Bao Z, di Zou J, di Dong J. Coffee e rischio di cancri: una meta-analisi degli studi di gruppo. Cancro di BMC. 15 marzo 2011; 11:96.

93. van Dam, RM. Consumo del caffè e rischio di diabete di tipo 2, di malattie cardiovascolari e di cancro. Appl Physiol Nutr Metab. 2008 dicembre; 33(6): 1269-83.

94. van Dam RM. Caffè e diabete di tipo 2: dai fagioli alle cellule beta. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2006;16:69-77.

95. Williams RJ, Spencer JP, Riso-Evans C. Flavonoids: antiossidanti o molecole di segnalazione? Med libero di biol di Radic. 1° aprile 2004; 36(7): 838-49.

96. Virgili F, Marino M. Regulation dei segnali cellulari dalle molecole nutrizionali: un ruolo specifico per i phytochemicals, oltre attività antiossidante. Med libero di biol di Radic. 1° novembre 2008; 45(9): 1205-16.

97. Natella F, Nardini m., Belelli F, et al. effetto di caffè che beve sulle piastrine: inibizione di aggregazione e di incorporazione dei fenoli. Britannico J Nutr 2008 dicembre; 100(6): 1276-82.

98. ChuYF, Brown pH, Lyle BJ, et al. il livello arrostito dei caffè in antiossidanti lipofilici ed i lattoni acidi clorogenici sono più neuroprotective dei caffè verdi. Alimento chim. di J Agric. 28 ottobre 2009; 57(20): 9801-8.

99. Virgili F, Marino M. Regulation dei segnali cellulari dalle molecole nutrizionali: un ruolo specifico per i phytochemicals, oltre attività antiossidante. Med libero di biol di Radic. 1° novembre 2008; 45(9): 1205-16.

100. Hoelzl C, Bichler J, Ferk F, et al. aspetti meccanicistici di DNA - e cancro - effetti protettivi di caffè. Presentato all'associazione per scienza ed informazioni su caffè. 2006. Montpellier, VT.

101. Jaquet m., Rochat I, Moulin J, Cavin C, Bibiloni R. Impact del consumo del caffè sul microbiota dell'intestino: Uno studio volontario umano. Microbiologia dell'alimento di Int J. 2009 marzo; 130(2): 117-21.

102. Wedick nanometro, Brennan, Sun Q, Hu FB, CS di Mantzoros, van Dam RM. Effetti di caffè caffeinated e decaffeinato sui fattori di rischio biologici per il diabete di tipo 2: Una prova controllata randomizzata. Nutr J.2011 13 settembre; 10(1): 93.

103. JUNIOR diLeon-Carmona, Galano A. È la caffeina un buon organismo saprofago dei radicali liberi ossigenati? J Phy Chem B.2011; 115(15): 4538-46.

104. Il cao C, Wang L, Lin X, et al. caffeina potenzia con un'altra componente del caffè per aumentare il plasma GCSF: legame ai benefici conoscitivi nei topi di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2011;25(2):323-35.

105. Chen X, Ghribi O, Geiger JD. La caffeina protegge dalle rotture della barriera ematomeningea nei modelli animali di Alzheimer e della malattia del Parkinson. J Alzheimers DIS. 3 maggio 2011; 20 (supplemento 1): S127-41.

106. Pubblicazione no US2010/0183790 A1 di brevetto degli Stati Uniti. Pubblicazione data 22 luglio 2010. Metodo per il miglioramento del contenuto in postelaborazione dei composti utili in bevande che contengono naturalmente stessi.

107. GASCROMATOGRAFIA di Curhan, WC di Willett, Fe di Speizer, Stampfer MJ. Uso e rischio della bevanda per i calcoli renali in donne. Med dell'interno di Ann. 1° aprile 1998; 128(7): 534-40.

108. Leitzmann WF, WC di Willett, Rimm eb, et al. Uno studio prospettivo del consumo del caffè ed il rischio di malattia sintomatica della colelitiasi in uomini. JAMA. 1999 giugno; 281(22): 2106-12.

109. Leitzmann MF, Stampfer MJ, WC di Willett, Spiegelman D, Colditz GA, Giovannucci ELETTRICO. L'assunzione del caffè è associata con più a basso rischio della malattia sintomatica della colelitiasi in donne. Gastroenterologia. 2002 dicembre; 123(6): 1823-30.

110. Effetto di Thom E. The di caffè arricchito acido clorogenico su assorbimento del glucosio in volontari sani ed il suo effetto sulla massa del corpo quando lungo termine usato in gente di peso eccessivo ed obesa. J Int Med Res. 2007 novembre-dicembre; 35(6): 900-8.

111. CN di Greenberg JA, di Boozer, Geliebter A. Coffee, diabete e controllo del peso. J Clin Nutr. 2006;84:682-93.

112. Iwai N, Ohshiro H, Kurozawa Y, et al. relazione fra caffè ed il consumo del tè verde e mortalità per tutte le cause in un gruppo di una popolazione giapponese rurale. J Epidemiol. 2002 maggio; 12(3): 191-8.

113. Murray ss, Bjelke E, Gibson RW, Schuman LM. Il consumo e la mortalità del caffè dalla malattia cardiaca ischemica e da altra causa: i risultati dalla fratellanza luterana studiano, 1966-1978. J Epidemiol. 1981 giugno; 113(6): 661-7.

114. Jazbec A, Simic D, Corovic N, Durakovic Z, Pavlovic M. Impact di caffè e di altri fattori selezionati su mortalità generale e su mortalità dovuto la malattia cardiovascolare in Croazia. Salute Popul Nutr di J. 2003 dicembre; 21(4): 332-40.

115. Rosengren A, Wilhelmsen L. Coffee, coronaropatia e mortalità in uomini svedesi di mezza età: risultati dallo studio primario di prevenzione. Med dell'interno di J. 1991 luglio; 230(1): 67-71.

116. Flinn S, Gregory J, McNaughton LR, Tristram S, ingestione di Davies P. Caffeine prima del riciclaggio incrementale all'esaurimento in ciclisti ricreativi. Med di sport di Int J. Del 1990 giugno; 11(3): 188-93.

117. Denadai BS, Denadai ml. Gli effetti di caffeina su tempo ad esaurimento nell'esercizio hanno eseguito sotto e sopra la soglia anaerobica. Braz J Med Biol Res. 1998 aprile; 31(4): 581-5.

118. Ryu S, Choi SK, Joung ss, et al. caffeina come componente lipolitica dell'alimento aumenta la prestazione di resistenza in ratti ed in atleti. J Nutr Sci Vitaminol. 2001 aprile; 47(2): 139-46.

119. Motl RW, O'Connor PJ, Tubandt L, Puetz T, sig. di Ely. Effetto di caffeina su dolore muscolare della gamba durante l'esercizio di riciclaggio fra le femmine. Med Sci Sports Exerc. 2006 marzo; 38(3): 598-604.

120. Kivity S, Ben Ahron Y, equipaggia A, Topilsky M. L'effetto di caffeina su broncocostrizione indotta dall'esercizio. Petto. 1990 può; 97(5): 1083-5.

121 Lucas m., Mirzaei F, Pan A. Coffee, caffeina e rischio di depressione fra le donne. Med dell'interno dell'arco. 26 settembre 2011; 171(17): 1571-8.

122. Ferrazzano GF, Amato I, Ingenito A, De Natale A, effetti di Pollio A. Anti-cariogenic dei polifenoli dalle bevande dello stimolante della pianta (cacao, caffè, tè). Fitoterapia. 2009 luglio; 80(5): 255-62.

123. Rao ss, Welcher K, Zimmerman B, Stumbo P. È il caffè uno stimolante colico? EUR J Gastroenterol Hepatol. 1998 febbraio; 10(2): 113-8.

124. Lo SR di Brown, PA di Cann, ha letto il nanowatt. Effetto di caffè sulla funzione distale dei due punti. Intestino. Del 1990 aprile; 31(4): 450-3.

125. Armstrong LE, casa DJ, Maresh cm, sig.ra di Ganio. Caffeina, equilibrio dell'fluido-elettrolito, regolazione della temperatura e tolleranza di esercizio-calore. Rev. 2007 di Sci di sport di Exerc luglio; 35(3): 135-140.

126. CA di Armstrong LE, di Pumerantz, Roti Mw, et al. liquido, elettrolito ed indici renali di idratazione durante il 11 giorno del consumo controllato della caffeina. Sport Nutr Exerc Metab di Int J. 2005 giugno; 15(3): 252-65.

127. CA di Grandjean, Reimers kJ, Bannick KE, porto MC. L'effetto delle bevande caffeinated, non-caffeinated, caloriche e non caloriche su idratazione. J Coll Nutr. 2000 ottobre; 19(5): 591-600.

128. Disponibile a: http://www.webmd.com/content/article/46/1826_50681.htm. 22 settembre 2011 raggiunto.

129. La canzone F, et al. consumo del caffè si è associata con il rischio in diminuzione per basalioma. Presentato alla decima conferenza internazionale americana dell'Associazione per la ricerca sul cancro sulle frontiere nella ricerca di prevenzione del cancro. 24 ottobre 2011. Boston, mA.