Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista gennaio 2012
Rapporto

Da invecchiamento indotto da zucchero delle cellule di fermata

da Kara Michaels
Da invecchiamento indotto da zucchero delle cellule di fermata

I diabetici lungamente sono stati conosciuti per invecchiare più velocemente gli individui in buona salute.

Il meccanismo dietro la distruzione accelerata delle cellule, dei tessuti e degli organi osservati in diabetici è chiamato glycation, il grippaggio pericoloso degli zuccheri alle proteine.1 il complesso risultante della zucchero-proteina è conosciuto come un prodotto finale o ETÀ avanzato di glycation.

In laboratorio, l'effetto dei glycation sui tessuti viventi è risultato identico al processo tramite cui la carne è brunita una volta cucinata alle temperature elevate. Le proteine sane inoltre girano il marrone in presenza di glucosio in eccesso e sono alterate dal punto di vista funzionale.

Gli scienziati hanno confermato che questo processo distruttivo può anche accadere in individui sani quando i livelli della glicemia sono sostenuti superiore a 85 mg/dL, un avvenimento ordinario dopo che un pasto pesante è consumato.2-6

Il danno inflitto dal glycation è irreversibile.7,8

Fortunatamente, un parente della vitamina B1 chiamata benfotiamine protegge le cellule per impedire il glycation e l'invecchiamento accelerato avviato dai livelli elevati dello zucchero.9 utilizzato come farmaco da vendere su ricetta medica in Europa, il benfotiamine è disponibile in questo paese come supplemento a basso costo.

I nuovi dati coercitivi confermano il potere dei benfotiamine ad più a basso rischio della malattia cardiaca, del colpo, del danno del rene e della perdita della visione neutralizzando l'impatto di glucosio in eccesso e del glycation successivo.

Cottura del tessuto vivente

Premio dei cuochi unici la loro capacità di brunire appena perfettamente un pezzo di carne per mettere in evidenza il suoi sapore e guarnizione in sua umidità. Ma quel processo di brunitura, chimicamente conosciuto come la reazione di Maillard, comprende esattamente le stesse modifiche chimiche che si presentano nei vostri tessuti quando sono esposte agli zuccheri in eccesso.10,11

Il glucosio “cucina lentamente„ il corpo, quindi accelerante il processo di invecchiamento.12,13

La reazione di brunitura Maillard spiega molti termini relativi all'età quali le cataratte dell'occhio, dell'aterosclerosi, della malattia renale, del deterioramento neurologico e dell'irrigidimento dei tessuti connettivi in giunti.10,13,14 scienziati hanno trovato il simile danno dai prodotti finiti avanzati di glycation in rene ed in tessuto arterioso sia in giovani diabetici che negli oggetti più anziani e non-diabetico.15

La generazione di prodotti finiti avanzati di glycation (età) irrigidisce le proteine nel vostro corpo appena come fa in carne cotta, inducente li a perdere la loro flessibilità naturale. Non prende molto per immaginare che i cambiamenti di devastazione questo crea in tutto il vostro corpo. Le età sono oxidizers potenti e direttamente danneggiano i tessuti dovunque siano trovate. Le età si combinano con i ricevitori per avviare l'infiammazione massiccia, che ora capiamo per essere una causa di origine della malattia cronica e perfino di invecchiamento stesso.16 e, in un ciclo altamente distruttivo, sia l'infiammazione che lo sforzo ossidativo accelerano la formazione di nuovi prodotti finiti avanzati di glycation, che ulteriori tessuti di danni.9

Ora è affermato che l'effetto cumulativo del glycation, con i prodotti di parecchie altre reazioni biochimiche deleterie, solleva sostanzialmente i rischi di maggior parte di malattie croniche, anche se non avete diabete9 (vedi la tavola qui sotto.)

Benfotiamine blocca il danno del glucosio

Il vostro corpo ha parecchi meccanismi naturali da fare fronte alle tossine chimiche prodotte da glucosio in eccesso. Questi sistemi di difesa tutti richiedono la vitamina B1 (tiamina) come cofattore.17 quando il vostro sistema è inondato con glucosio in eccesso, tuttavia, i vostri rifornimenti della tiamina sia vuotato. Infatti, la glicemia ed il diabete elevati si sono riferiti a come stati “della carenza relativa della tiamina.„17

Prendendo la tiamina supplementare come supplemento non protegge significativamente dal danno di tessuto indotto da glucosio perché la tiamina è solubile in acqua ed il vostro corpo non può conservare la tiamina ai livelli abbastanza su per impedire il danno cumulativo.18,19 un derivato della tiamina hanno chiamato il benfotiamine, tuttavia, è solubile nel grasso e può aumentare significativamente i livelli della tiamina all'interno dei tessuti e sostenerli durante tutta la giornata.17,19,20

Sollevando i livelli cellulari della tiamina con il benfotiamine è stato trovato per bloccare gli effetti di danneggiamento del glucosio dei tessuti del vostro corpo.21 Benfotiamine attivano un enzima vitale (transketolase) che converte i metaboliti tossici indotti dai livelli elevati del glucosio in sottoprodotti inoffensivi.17,21 Benfotiamine inoltre inibiscono l'attivazione del fattore-kappaB nucleare (N-F-KB), una causa fondamentale delle reazioni infiammatorie micidiali nel corpo.21,22

Attraverso i suoi meccanismi multi-mirati a, gli aiuti di benfotiamine attenuano gli effetti negativi multipli di glucosio in eccesso sui tessuti del corpo.20,21 ora esaminiamo la prova per gli effetti benefici dei benfotiamine su varie della maggior parte delle cause comuni della morte e della malattia cronica in America.

Impedire da danno cardiovascolare indotto da glucosio

Circostanze connesse con glicemia elevata ed i prodotti finiti avanzati di Glycation

Colesterolo elevato ed aterosclerosi49,50

Sintomi di aterosclerosi dell'arteria carotica (rischio principale per il colpo)51

Rischio di sviluppare le perturbazioni cardiache ad alto rischio di ritmo dopo attacco di cuore52

Cataratte dell'occhio35

Rischio globale di sviluppare cancro53

Rischi di sviluppare il cancro mortale54

Dimensione aumentata della prostata in iperplasia prostatica benigna (BPH)55

Elevazione anormale in enzimi del fegato, indicatori di danni al fegato56

Incidenza e severità di apnea nel sonno ostruttiva57

I vasi sanguigni sono allineati da uno strato sottile delle cellule chiamate l'endotelio che regola costantemente la pressione sanguigna ed il flusso. Danneggiamento dell'endotelio, che si presenta in risposta ai livelli elevati del glucosio, è un primo punto importante nella produzione gli attacchi di cuore, l'infarto e del colpo.23

Gli studi ora indicano che il benfotiamine può impedire la disfunzione endoteliale e migliorare sostanzialmente la funzione del vaso sanguigno e di muscolo del cuore, anche di fronte da a danno di tessuto indotto da glucosio.24,25

Il processo della replica endoteliale sana delle cellule è vitale a mantenere le arterie sane. I livelli in eccesso di glucosio possono ridurre la replica endoteliale delle cellule.26 l'aggiunta del benfotiamine alle cellule endoteliali sviluppate in un ambiente del alto-glucosio correggono la replica difettosa. Benfotiamine compire questo con normalizzazione di produzione avanzata del prodotto finale di glycation.26

L'alto glucosio livella inoltre la morte prematura di innesco delle cellule endoteliali con il processo chiamato apoptosi; il completamento di benfotiamine inverte gli apoptosi aumentati nelle culture delle cellule endoteliali da parecchi meccanismi.27-29

Il corpo produce i composti del tipo di alcool tossici chiamati poliolo durante i periodi di alta glicemia. I poliolo interrompono la funzione endoteliale e cardiovascolare delle cellule. Benfotiamine riduce la produzione dei poliolo, accelera il tasso di ripartizione del glucosio e riduce i livelli liberi del glucosio all'interno delle cellule.30 tutti di questi effetti ulteriori contribuiscono alla protezione della funzione endoteliale delle cellule.

Dopo un attacco di cuore, o come conseguenza con insistenza di ipertensione, le cellule di muscolo del cuore si battono più debolmente di dovrebbero, con conseguente infarto. I livelli elevati del glucosio ed i prodotti finiti avanzati di glycation contribuiscono sostanzialmente a questa funzione di muscolo del cuore diminuita. Gli studi indicano che il benfotiamine abolisce molte delle anomalie nella contrattilità delle cellule di muscolo del cuore, che può “salvare„ il muscolo del cuore alterato e migliorare la sua capacità di pompare il sangue efficacemente.25 Benfotiamine attivano le vie importanti di segnalazione di sopravvivenza delle cellule in cellule di muscolo del cuore che vengono a mancare nell'ambito degli effetti di glucosio elevato.31

Impedire da danno cardiovascolare indotto da glucosio
Aterosclerosi

Non tutti i prodotti finiti avanzati di glycation (età) sono prodotti internamente nel corpo. I ricchi di consumo di un pasto nelle età (come una abbondante in carni brunite o zuccheri caramellati) possono aumentare i livelli ematici di età ed alterare la funzione endoteliale.Il completamento 32 con il benfotiamine, 1.050 mg/giorno per i 3 giorni, completamente ha impedito i cambiamenti in funzione endoteliale e flusso sanguigno prodotti da un tal pasto in un gruppo di soggetti umani.32

Oltre al suo efficace controllo di disfunzione endoteliale relativa all'età, il benfotiamine esercita gli effetti antiossidanti diretti potenti. In ratti con disfunzione endoteliale vascolare sperimentalmente indotta, il benfotiamine ha ridotto lo sforzo ossidativo ed ha migliorato la generazione favorevole di ossido di azoto, un composto che contribuisce a rilassamento del vaso sanguigno.33,34 il risultato erano un miglioramento nell'integrità endoteliale e nella funzione.

Tutti questi effetti endotelio-proteggenti rendono a benfotiamine una sostanza nutriente essenziale nella vostra lotta contro gli effetti devastatori di glicemia elevata sul vostro apparato cardiovascolare.

Benfotiamine ferma dall'l'invecchiamento indotto da glucosio delle cellule
Benfotiamine ferma dall'l'invecchiamento indotto da glucosio delle cellule
  • Le elevazioni della glicemia (superiore a 85 mg/dL) espongono il vostro corpo ad una pletora di effetti indesiderabili. Un risultato è la formazione di prodotti finiti avanzati micidiali di glycation che “cucini„ i vostri tessuti ed alteri la struttura e la funzione della proteina.
  • In risposta a glicemia elevata, le vie biochimiche producono le tossine metaboliche che avviano molte malattie croniche e relative all'età.
  • Un parente molecolare vicino della vitamina B1 chiamata benfotiamine ha il potere singolare di bloccare le vie biochimiche importanti da di danno indotto da glucosio delle cellule, impedicenti l'accumulazione dei prodotti finiti avanzati di glycation e dei loro effetti deleteri.
  • La prova ben fondata esiste per gli effetti benefici del benfotiamine nella malattia cardiovascolare, nel danno della visione e nel danno del rene dall'esposizione cronica del glucosio.

Protezione contro perdita relativa all'età di visione

Il diabete è una causa importante di cecità nel mondo. Anche di non diabetici, i livelli elevati della glicemia aumentano i tassi di cataratta e di danno retinico.35,36 tessuti nell'occhio sono particolarmente vulnerabili a danno in relazione con il glucosio, a causa di alto flusso sanguigno dell'occhio, dell'esposizione costante dell'ossidante e dell'ambiente ad alta energia prodotto da afflusso costante di luce. La devastazione di danno di tessuto del alto-glucosio è costantemente sul lavoro nella retina, lo strato sensibile alla luce delle cellule nervose che converte le immagini ottiche in visione.21

Gli scienziati tedeschi hanno indicato che il trattamento di benfotiamine potrebbe impedire la malattia retinica diabetica sperimentalmente indotta inibendo le vie di danno in relazione con il glucosio.21 studio successivo da altri gruppi europei ha rivelato che il benfotiamine ha ridotto gli enzimi che producono gli alcoli pericolosi del poliolo che contribuiscono a danno retinico, mentre attività però aumentante degli enzimi che deviano il glucosio nei sottoprodotti inoffensivi.30

Uno studio emozionante è sembrato nel 2010 indicante che il completamento di benfotiamine non solo impedisse l'accumulazione del tessuto delle età in tessuto retinico, ma inoltre ha aumentato la loro escrezione nell'urina.37

Gli apoptosi, o la morte programmata delle cellule, sono un'altra conseguenza delle concentrazioni nel glucosio e della formazione elevate dell'ETÀ in tessuto retinico. Benfotiamine, applicato alle cellule retiniche del vaso sanguigno nella cultura, impedisce gli apoptosi mentre riduce il danno del DNA che più ulteriormente altera la funzione cellulare.38

Un altro risultato oculare di alto danno del glucosio è un aumento in enzimi didissoluzione pericolosi chiamati proteinasi metalliche della matrice, o MMPs. L'aumento in questi enzimi provoca il danneggiamento sostanziale del tessuto retinico. Uno studio recente ha indicato che il trattamento con il benfotiamine ha ridotto la produzione nociva della proteinasi metallica di nuovo ai livelli normali ed ha aumentato la produzione delle proteine specifiche che inibiscono la loro attività.39

Come in tutti gli organi, il tessuto dell'occhio soffre i cambiamenti infiammatori con invecchiamento, glicemia elevata ed occasionalmente dalle infezioni. Infiammazione dell'occhio, o uveite, cause circa 10% di cecità negli Stati Uniti.40 in occhi afflitti con uveite, si infiltra in dei globuli bianchi, proteine e le citochine infiammatorie si presentano all'interno di varie strutture dell'occhio, dello sforzo ossidativo imponente e dell'induzione di infiammazione ulteriore.Il trattamento di 41 Benfotiamine sopprime quei cambiamenti e riduce l'espressione delle molecole infiammatorie dell'indicatore pure.41

Difesa del rene

Come l'occhio, il rene è il sito di attività metabolica intensa ed è ricco in vasi sanguigni minuscoli (capillari) che lo rendono particolarmente vulnerabile agli effetti offensivi di glucosio e dei prodotti finiti avanzati di glycation.42 questo spiegano perché l'insufficienza renale è così comune in pazienti diabetici ed è inoltre una complicazione conosciuta di invecchiamento “naturale„.

Gli studi recenti indicano che il benfotiamine esercita gli effetti protettivi importanti contro l'assalto violento da di danno indotto da glucosio del rene. I dati dimostrano che il benfotiamine impedisce la malattia renale in relazione con lo zucchero invertendo gli aumenti patologici in prodotti finiti avanzati di glycation.37,43 in un rapporto, il benfotiamine ha attivato il transketolase importante degli enzimi, che rapidamente ha rimosso i composti in relazione con il glucosio tossici dal sangue prima che potrebbero danneggiare il tessuto del rene.43 un altro studio hanno indicato che il benfotiamine potrebbe contribuire a ridurre dal il danno indotto da glucosio del rene con simile efficacia al fenofibrato del farmaco da vendere su ricetta medica. I due in associazione effetti sinergici benefici dimostrati.44

La dialisi è un trattamento di ultima località di soggiorno per i pazienti di cui i reni sono venuto a mancare e che stanno attendendo un trapianto del rene. L'emodialisi, mentre salvataggio, impone gli sforzi massicci al corpo, compreso svuotamento rapido della tiamina stessa così necessaria per impedire ulteriore danno in relazione con il glucosio. Benfotiamine, che è notevolmente più bioavailable della tiamina, aumenta i livelli della tiamina del sangue più di 4 volte più superiore al completamento con tiamina nei pazienti sottoposti a dialisi.45

La dialisi inoltre danneggia sostanziale DNA in tutto il corpo, sollevante il rischio di cancro. Benfotiamine, riducendo la quantità di prodotti finiti avanzati di circolazione di glycation, stesse minacce contro integrità del DNA, ha ridotto significativamente il danno del DNA nei pazienti sottoposti a dialisi.22,46,47

Difesa del rene
Reni

La dialisi peritoneale è piuttosto meno stressante al corpo che l'emodialisi, ma è associata con le complicazioni sostanziali relative a danneggiamento dei tessuti delicati che allineano la cavità addominale. Il glucosio e le età sono fra i colpevoli superiori nella produzione del tale danno.Il trattamento 48 con il benfotiamine fa diminuire gli indicatori di infiammazione e di nuova formazione anormale del vaso sanguigno nella cavità addominale durante la dialisi peritoneale con riduzione delle età e dei loro ricevitori.48 questo proteggono il rivestimento addominale delicato e prolungano la sua utilità come sito per dialisi.

Riassunto

I diabetici invecchiano più velocemente gli individui in buona salute che devono in parte al processo conosciuto come il glycation, il grippaggio patologico degli zuccheri alle proteine funzionali in cellule. Anche nella gente con i cosiddetti livelli ematici “normali„ del glucosio, il glycation micidiale e da danno indotto da zucchero delle cellule del sangue possono accadere.

Un parente della vitamina B1 chiamata benfotiamine può amplificare sostanzialmente i livelli intracellulari del vostro corpo di tiamina, o di vitamina B1, che è un cofattore essenziale nella rimozione dei metaboliti pericolosi del glucosio che causano il danno di tessuto in relazione con lo zucchero. I nuovi studi confermano che il completamento con il benfotiamine ristabilisce i livelli sani della tiamina e contribuisce significativamente a ridurre il rischio di problemi in relazione con lo zucchero cronici quali la malattia cardiovascolare, il danno della visione ed il danno del rene.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulentedi salute del ® del prolungamento della vita a 1-866-864-3027.

Riferimenti

1. SR di Thorpe, Baynes JW. Ruolo della reazione di Maillard in diabete mellito e malattie di invecchiamento. Invecchiare delle droghe. 1996 agosto; 9(2): 69-77.

2. Disponibile a: http://www.diabetes.org/diabetes-basics/prevention/pre-diabetes/?utm_source=WWW&utm_medium=DropDownDB&utm_content=Pre-Diabetes&utm_campaign=CON. 19 luglio 2011 raggiunto.

3. JV di Bjornholt, Erikssen G, Aaser E, et al. glicemia a digiuno: un fattore di rischio sottovalutato per la morte cardiovascolare. Risultati da seguito di 22 anni degli uomini nondiabetic in buona salute. Cura del diabete. 1999 gennaio; 22(1): 45-9.

4. McGlothin, P, Averill M. Il modo del CR: Facendo uso dei segreti della restrizione di caloria per una vita più lunga e più sana. NY: HarperCollins; 2008:57-78.

5. CE di Matthews, Sui X, LaMonte MJ, Adams SA, JUNIOR di Hebert, SN di Blair. Sindrome e rischio metabolici di morte dai cancri dell'apparato digerente. Metabolismo. 2010 agosto; 59(8): 1231-9.

6. Li Q, Chen AH, canzone XD, et al. analisi dei livelli del glucosio ed il rischio per la coronaropatia in pazienti anziani nel distretto di Canton Haizhu. Nan Fang Yi Ke Da Xue Xue Bao. 2010 giugno; 30(6): 1275-8.

7. Mosquera JA. Ruolo del ricevitore per i prodotti finiti avanzati di glycation (COLLERA) nell'infiammazione. Investa Clin. 2010 giugno; 51(2): 257-68.

8. Mendez JD. Prodotti finiti avanzati della glicosilazione e complicazioni croniche dei diabeti melliti. Gac Med Mex. 2003 gennaio-febbraio; 139(1): 49-55.

9. Obrenovich ME, Monnier VM. La vitamina B1 blocca il danno causato dall'iperglicemia. La conoscenza di invecchiamento di Sci circonda. 12 marzo 2003; 2003(10): PE6.

10. van Boekel MA. Il ruolo del glycation nell'invecchiamento ed in diabete mellito. Mol Biol Rep. 1991 maggio; 15(2): 57-64.

11. Sztanke K, Pasternak K. La reazione di Maillard ed il suo corpo di conseguenze per vivere. Med di Ann Univ Mariae Curie Sklodowska. 2003;58(2):159-62.

12. Kuki S, Imanishi T, Kobayashi K, Matsuo Y, Obana m., Akasaka T. Hyperglycemia ha accelerato la senescenza endoteliale delle cellule del progenitore via l'attivazione della chinasi proteica mitogene-attivata p38. Circ J. 2006 agosto; 70(8): 1076-81.

13. Vlassara H, sig. del palazzo. Glycoxidation: la minaccia di diabete e di invecchiamento. Med di Mt Sinai J. 2003 settembre; 70(4): 232-41.

14. AL di Rosenbloom, Silverstein JH. Malattia del giunto e del tessuto connettivo in diabete mellito. Nord di Endocrinol Metab Clin. 1996 giugno; 25(2): 473-83.

15. Monnier VM, Dott di vendita, RH di Nagaraj, et al. Maillard reazione-ha mediato il danneggiamento molecolare della matrice extracellulare e di altre proteine del tessuto nel diabete, nell'invecchiamento e nell'uremia. Diabete. 1992 ottobre; 41 2:36 del supplemento - 41.

16. Parco S, Yoon SJ, Tae HJ, spessore CY. COLLERA e malattia cardiovascolare. Front Biosci. 1° gennaio 2011; 16:486-97.

17. Beltramo E, Berrone E, Tarallo S, Porta M. Effects di tiamina e del benfotiamine sul metabolismo intracellulare del glucosio e dell'importanza nella prevenzione delle complicazioni diabetiche. Acta Diabetol. 2008 settembre; 45(3): 131-41.

18. Stracke H, Hammes HP, Werkmann D, et al. efficacia del benfotiamine contro tiamina sui prodotti di glycation e di funzione dei nervi periferici in ratti diabetici. Diabete di Exp Clin Endocrinol. 2001;109(6):330-6.

19. Volvert ml, Seyen S, Piette m., et al. Benfotiamine, un derivato sintetico della tiamina dell'S-acile, ha meccanismi differenti di azione e di un profilo farmacologico differente che i derivati lipido-solubili del bisolfuro della tiamina. BMC Pharmacol. 12 giugno 2008; 8: 10.

20. Balakumar P, Rohilla A, Krishan P, Solairaj P, Thangathirupathi A. Il potenziale terapeutico complesso del benfotiamine. Ricerca di Pharmacol. 2010 giugno; 61(6): 482-8.

21. Hammes HP, Du X, Edelstein D, et al. Benfotiamine blocca tre vie importanti di danno hyperglycemic ed impedisce la retinopatia diabetica sperimentale. Nat Med. 2003 marzo; 9(3): 294-9.

22. Schmid U, tappo H, Heidland A, mostre di Schupp N. Benfotiamine dirige la capacità antiossidante ed impedisce l'induzione di danno del DNA in vitro. Rev. 2008 di ricerca di Metab del diabete luglio-agosto; 24(5): 371-7.

23. Thomas MC, Baynes JW, SR di Thorpe, bottaio ME. Il ruolo delle età e degli inibitori di ETÀ nella malattia cardiovascolare diabetica. Obiettivi della droga di Curr. 2005 giugno; 6(4): 453-74.

24. Stirban A, Negrean m., Stratmann B, et al. Benfotiamine impedisce la macro e disfunzione endoteliale microvascolare e lo sforzo ossidativo ricchi seguenti di un pasto in prodotti finiti avanzati di glycation in individui con il diabete di tipo 2. Cura del diabete. 2006 settembre; 29(9): 2064-71.

25. Ceylan-Isik AF, Wu S, Li Q, Li SY, benfotiamine di Ren J. High-dose salva la disfunzione contrattile del cardiomyocyte da in diabete mellito indotto streptozotocin. J Appl Physiol. 2006 gennaio; 100(1): 150-6.

26. Pomero F, min A, selva m., Allione A, GM di Molinatti, Porta M. Benfotiamine di Molinar della La è simile a tiamina nella correzione dei difetti endoteliali delle cellule indotti da alto glucosio. Acta Diabetol. 2001;38(3):135-8.

27. Beltramo E, Berrone E, Buttiglieri S, Porta M. Thiamine e il benfotiamine impediscono gli apoptosi aumentati nelle cellule endoteliali e nei pericytes coltivati in alto glucosio. Rev. 2004 di ricerca di Metab del diabete luglio-agosto; 20(4): 330-6.

28. Beltramo E, Berrone E, Tarallo S, risposte apoptotiche di Porta M. Different dei pericytes umani e bovini ai livelli di variazione del glucosio e del ruolo protettivo di tiamina. Rev. 2009 di ricerca di Metab del diabete settembre; 25(6): 566-76.

29. Du Y, Kowluru A, ST di Kern. PP2A contribuisce alla morte endoteliale in alto glucosio: inibizione dal benfotiamine. Comp. Physiol di J Physiol Regul Integr. 2010 dicembre; 299(6): R1610-7.

30. Berrone E, Beltramo E, Solimine C, AU della scimmia, Porta M. Regulation della via intracellulare del poliolo e del glucosio da tiamina e benfotiamine in cellule vascolari coltivate in alto glucosio. Biol chim. di J. 7 aprile 2006; 281(14): 9307-13.

31. Katare RG, Caporali A, Oikawa A, Meloni m., Emanueli C, benfotiamine analogico di Madeddu P. Vitamin B1 impedisce da disfunzione e dall'l'infarto diastolici indotti da diabete con la via di sopravvivenza di Akt/Pim-1-mediated. Circ Heart Fail. 2010 marzo; 3(2): 294-305.

32. Stirban A, Negrean m., Stratmann B, et al. Benfotiamine impedisce la macro e disfunzione endoteliale microvascolare e lo sforzo ossidativo ricchi seguenti di un pasto in prodotti finiti avanzati di glycation in individui con il diabete di tipo 2. Cura del diabete. 2006 settembre; 29(9): 2064-71.

33. Balakumar P, Sharma R, Singh M. Benfotiamine attenua il nicotina e dalla la disfunzione endoteliale vascolare indotta da acido urica nel ratto. Ricerca di Pharmacol. 2008 novembre-dicembre; 58 (5-6): 356-63.

34. Verma S, Reddy K, Balakumar P. L'effetto difensivo del benfotiamine dalla nella disfunzione endoteliale vascolare sperimentale indotta da arsenito del sodio. Biol Trace Elem Res. 2010 ottobre; 137(1): 96-109.

35. Pokupec R, Kalauz m., Turco N, prodotti finiti di glycation di Turk Z. Advanced in lenti cataractous diabetiche e non-diabetico umane. Arco Clin Exp Ophthalmol di Graefes. 2003 maggio; 241(5): 378-84.

36. Giusti C, Gargiulo P. Advances in meccanismi biochimici di retinopatia diabetica. Rev Med Pharmacol Sci di EUR. 2007 maggio-giugno; 11(3): 155-63.

37. Karachalias N, Babaei-Jadidi R, Rabbani N, Thornalley PJ. Danno aumentato della proteina in glomeruli renali, retina, nervo, plasma ed urina e la sua prevenzione tramite tiamina e la terapia di benfotiamine in un modello del ratto di diabete. Diabetologia. 2010 luglio; 53(7): 1506-16.

38. Beltramo E, Nizheradze K, Berrone E, Tarallo S, Porta M. Thiamine e il benfotiamine impediscono gli apoptosi indotti dalla matrice extracellulare glucosio-condizionata livello nei pericytes retinici umani. Rev. 2009 di ricerca di Metab del diabete ottobre; 25(7): 647-56.

39. Tarallo S, Beltramo E, Berrone E, Dentelli P, Porta M. Effects di alti glucosio e tiamina sull'equilibrio fra le proteinasi metalliche della matrice ed i loro inibitori del tessuto in cellule vascolari. Acta Diabetol. 2010 giugno; 47(2): 105-11.

40. Il KE Y, Jiang G, Sun D, Kaplan HJ, anticorpo di Shao H. Anti-CD3 migliora l'uveite autoimmune sperimentale inducendo sia IL-10 che le TGF-beta cellule di T regolarici dipendenti. Clin Immunol. 2011 marzo; 138(3): 311-20.

41. Yadav UC, Subramanyam S, Ramana chilovolt. Prevenzione da di uveite indotta da endotossina in ratti dal benfotiamine, un analogo lipofilico della vitamina B1. Investa Ophthalmol Vis Sci. 2009 maggio; 50(5): 2276-82.

42. Corridoio PM. Prevenzione del progresion in nefropatia diabetica. SPECT del diabete. 2006 gennaio; 19(1): 18-24.

43. Babaei-Jadidi R, Karachalias N, Ahmed N, Battah S, Thornalley PJ. Prevenzione di nefropatia diabetica incipiente da tiamina ad alta dose e dal benfotiamine. Diabete. 2003 agosto; 52(8): 2110-20.

44. Balakumar P, Chakkarwar VA, effetto di Singh M. Ameliorative della combinazione di benfotiamine e di fenofibrato dalla nella disfunzione endoteliale vascolare indotta da diabete e della nefropatia nel ratto. Mol Cell Biochem. 2009 gennaio; 320 (1-2): 149-62.

45. T franco, Bitsch la R, Maiwald J, concentrazioni difosfate nella tiamina di Stein G. High in eritrociti può essere raggiunto nei pazienti sottoposti a dialisi tramite la somministrazione orale del benfontiamine. EUR J Clin Pharmacol. 2000 giugno; 56(3): 251-7.

46. Schupp N, EM di Dette, Schmid U, et al. Benfotiamine riduce il danno genomica in linfociti periferici dei pazienti di emodialisi. Arco Pharmacol di Naunyn Schmiedebergs. 2008 settembre; 378(3): 283-91.

47. Schupp N, Schmid U, Heidland A, tappo H. Nuovi approcci per il trattamento di danno genomica nella malattia renale di stadio finale. J Ren Nutr. 2008 gennaio; 18(1): 127-33.

48. Kihm LP, muller-Krebs S, Klein J, et al. Benfotiamine protegge da danno del rene e peritoneale nella dialisi peritoneale. J Soc Nephrol. 2011 maggio; 22(5): 914-26.

49. Urberg m., Rajdev K. Una correlazione fra il colesterolo nel siero e l'emoglobina glicosilata in esseri umani nondiabetic. J Fam Pract. 1989 marzo; 28(3): 269-74.

50. Stitt aw, C, Friedman la S, et al. Elevated Età-ha modificato ApoB in sieri dei pazienti euglycemic e normolipidemic con aterosclerosi: relazione alle età del tessuto. Mol Med. 1997 settembre; 3(9): 617-27.

51. Basta G, Castagnini m., Del Turco S, et al. livelli elevati del plasma del ricevitore solubile per i prodotti finiti avanzati di glycation in pazienti con aterosclerosi carotica sintomatica. L'EUR J Clin investe. 2009 dicembre; 39(12): 1065-72.

52. San Juan R, Blasco ml, Martinez-Maicas H, et al. infarto miocardico acuto: tachiaritmie e livello ventricolari ad alto rischio del glucosio di ammissione in pazienti con e senza i diabeti melliti. Rev. 2011 del diabete di Curr marzo; 7(2): 126-34.

53. Rischio di Rapp K, di Schroeder J, di Klenk J, et al. della glicemia a digiuno e di cancro in un gruppo di più di 140.000 adulti in Austria. Diabetologia. 2006 maggio; 49(5): 945-52.

54. Azione T, Rapp K, Bjorge T, et al. glicemia e rischio di incidente e di cancro mortale nel progetto metabolico del cancro e di sindrome (me-possa): un'analisi di sei gruppi futuri. Med di PLoS. 2009 dicembre; 6(12): e1000201.

55. Il PESO di Kim, il YUN SJ, Choi la iarda, et al. dimensione della prostata correla con glicemia a digiuno nei pazienti prostatici benigni non-diabetico di iperplasia con i livelli normali del testosterone. Coreano Med Sci di J. 2011 settembre; 26(9): 1214-8.

56. Succurro E, Arturi F, Grembiale A, et al. livelli di un'ora del glucosio del plasma del post-carico è associato con gli enzimi elevati del fegato. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2011 settembre; 21(9): 713-8.

57. Abbronzi il KC, il cibo WS, la fuga JC, et al. prodotti finiti avanzati di glycation in pazienti nondiabetic con apnea nel sonno ostruttiva. Sonno. 2006 marzo; 29(3): 329-33.