Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista gennaio 2012
Come lo vediamo

Inversione del Brain Decay

Da William Faloon
William Faloon
William Faloon
Inversione del Brain Decay

Alcuni fatti sono così terrificanti che la gente le finge non è reale.

Un'indagine recente ha trovato che Alzheimers è il secondo ha temuto il numero allineato cancro uno di malattia .1

Eppure la maggior parte dei cancri sono curabili, mentre Alzheimers uccide insidioso ogni delle sue vittime.

Aumenti di incidenza di Alzheimers esponenzialmente come età degli esseri umani. Se lo facciamo a 80-85 anni, la prevalenza di Alzheimers aumenta ad un 25%-30% facente sussultare.2,3

È sconvolgente pensare che le nostre probabilità di sviluppare Alzheimers siano così alte, ma c'è ragione per ottimismo. Gli scienziati hanno identificato i fattori che aumentano il rischio di Alzheimers. Ciò permette agli individui chiariti di neutralizzare le cause fondamentali di Alzheimers e di risparmiarsi le probabilità statistiche spaventose affrontate dalla popolazione in genere.

I membri di Extension® di vita fanno molto per ridurre il rischio di senilità, come soppressione delle reazioni infiammatorie distruttive nel cervello (con le sostanze nutrienti come curcumina),4-7 mentre ingeriscono le componenti strutturali richieste dalle membrane di cellula cerebrale (quale DHA dall'olio di pesce).8-11

In una scoperta notevole, la perdita di sinapsi è stata indicata per accadere presto nel corso di Alzheimers e può avviare l'inizio della malattia.12

Fortunatamente, una forma altamente assorbibile di magnesio non solo protegge l'integrità delle sinapsi delicate del cervello, ma inoltre aumenta la densità sinaptica, così contribuendo ad invertire la perdita strutturale di questa componente critica del cervello.13

Che cosa è “una sinapsi?„

Il nostro cervello consiste di circa 100 miliardo cellule chiamate neuroni. In modo che i neuroni da comunicare in un modo che gli permette di esistere, devono collegarsi ad uno un altro.

Una sinapsi è il collegamento che permette che le informazioni passino da un neurone al seguente. Le vostre sinapsi controllano gli impulsi elettrici ed il rilascio dei neurotrasmettitori fra i neuroni. Le sinapsi del cervello serviscono da giunzione che permette ai neuroni di passare i segnali modello sincronizzato/organizzato.

Le sinapsi, poichè potreste immaginare, sono essenziali alla funzione di un neurone. Non solo sinapsi determinanti per la memoria a breve termine nei giovani, ma la loro integrità strutturale è di importanza fondamentale negli individui di invecchiamento sta cercando di evitare il danno e la senilità conoscitivi.

Che cosa accade quando le nostre sinapsi si degradano?

Sinapsi
Sinapsi

La malattia di Alzheimers è caratterizzata dall'accumulazione patologica di placca non funzionante in neuroni e nella perdita di flusso normale del neurotrasmettitore fra i neuroni.

Prima che i neuroni incontrino questi gravi danni, gli scienziati hanno trovato un profondo declino nella densità sinaptica. Questa perdita di densità sinaptica causa un declino nella connettività di un neurone che correla forte al danno conoscitivo osservato nella malattia di Alzheimers.14-17

Infatti, un'individuazione coerente nei cervelli delle vittime di Alzheimers è una perdita significativa di contatti sinaptici. Ciò ha condotto un gruppo di ricercatori a concludere:

“… la perdita della sinapsi è un evento iniziale nel processo di malattia e suggerisce che il danno conoscitivo delicato possa essere una fase temporanea fra la malattia precoce di Alzheimers e nessun danno conoscitivo, con perdita che sinaptica una componente strutturale ha compreso nel declino conoscitivo.„18

Un altro gruppo di scienziati ha esaminato il decadimento sinaptico ed ha concluso che “può rappresentare un'alterazione iniziale e sottile capace di avviare lo sviluppo delle placche senili e degli eventi neurodegenerative.„19

Ci sono circa 5 milione Americani che soffrono oggi da Alz-heimers. Quel numero chioderà verso l'alto a 8,6 milioni entro l'anno 2030 e ad un 16 milioni sbalordente entro 2050.20 America non hanno le risorse umane economiche o da occuparsi vittime di questo di molte Alzheimers.

Un bisogno coercitivo esiste per un intervento che impedisce la cascata discendente di neuro-degenerazione che si manifesterà come Alzheimers in 25%-30% degli individui invecchiati.21

Il magnesio protegge e ristabilisce la densità sinaptica

In una serie degli esperimenti senza precedenti del laboratorio, una forma altamente assorbibile di magnesio è stata indicata non solo ai livelli ematici del magnesio di aumento , ma inoltre aumenta sostanzialmente le concentrazioni del cervello del magnesio.13

In risposta a questa elevazione in magnesio cerebrale, c'erano importante crescite nella densità sinaptica e miglioramenti corrispondenti nel funzionamento sinaptico e nella segnalazione di un neurone.13

Questi miglioramenti nella struttura sinaptica e nella funzione tradotte in miglioramenti nelle misure della funzione conoscitiva.

Ripristino della memoria a breve e a lungo termine

Facendo uso di questo magnesio altamente assorbibile (magnesio-L-THREONATe), gli scienziati potevano ottenere le concentrazioni notevolmente alte nel magnesio del cervello confrontate ad altre forme provate.

In uno studio, gli appena 24 completamenti orali dei giorni con magnesio-L-THREONATe hanno prodotto un aumento in magnesio cerebrospinale sufficiente per amplificare i punteggi a breve e a lungo termine di memoria. Altre forme di magnesio (quali il cloruro di magnesio, il citrato di magnesio, il glycinate del magnesio ed il gluconato del magnesio) non hanno elevato significativamente il magnesio del cervello confrontato al gruppo di controllo.13,22

Un altro esame sugli animali di invecchiamento (ratti) che avevano sofferto il declino di memoria ha provato che il magnesio-L-THREONATe potrebbe invertire il genere di disfunzione conoscitiva che si presenta negli esseri umani normali di invecchiamento. Gli animali hanno avuti magnesio-L-THREONATe aggiunto alla loro acqua potabile per un mese. I risultati hanno mostrato i miglioramenti di 18% nella memoria a breve termine in animali trattati con magnesio-L-THREONATe. In una prova convalidata per la memoria a lungo termine, questi stessi animali completati con magnesio L-threonate hanno esibito la prestazione migliorata 100%.13

Potenziamento della memoria a breve termine spaziale

Neurone
Neurone

La memoria spaziale si riferisce a come un organismo funziona in uno spazio particolare. In questo studio, i gruppi di animali ricompensa-sono stati preparati in un labirinto. Alla conclusione di addestramento, alcuni gruppi hanno ricevuto il magnesio-L-THREONATe mentre gli altri hanno servito da comandi.

Nel gruppo di controllo dell'animale giovane, non c'era cambiamento nella capacità di traversare il labirinto. In animali giovani completati con magnesio-L-THREONATe, c'era prestazione migliore (miglioramento di fino a 13%). Gli animali invecchiati completati con magnesio-L-THREONATe hanno eseguito 18% migliore del gruppo di controllo invecchiato (non dato magnesio-L-THREONATe).13

Gli scienziati hanno dichiarato che un miglioramento significativo nell'accuratezza choice era i 6 giorni evidenti dopo l'inizio del completamento del magnesio-L-THREONATe e questo miglioramento è continuato per i più di 30 giorni dopo cessazione di magnesio-L-THREONATe in animali giovani. Ciò che trova gli aiuti convalida il beneficio più a lungo termine dell'aumento nella densità sinaptica. In maniera sconvolgente, la prestazione spaziale degli animali invecchiati ri-è stata migliorata entro 12 giorni dell'ri-inizio del completamento del magnesio-L-THREONATe.13

Gli scienziati hanno concluso che il trattamento del magnesio-L-THREONATe può migliorare la memoria di lavoro spaziale in giovani ed in ratti invecchiati.13

Prestazione spaziale a lungo termine migliorata

I giovani e vecchi animali hanno seguito la formazione del labirinto con un intervallo di ritardo. Gli animali completati con magnesio-L-THREONATe hanno imparato trovare la piattaforma nascosta negli animali non integrati più veloci del labirinto. Inoltre, il grado di potenziamento di abilità di apprendimento negli animali invecchiati era maggior di in animali giovani. Ciò ha significato poiché gli animali invecchiati soffrono da perdita di densità sinaptica che il magnesio-L-THREONATe è stato indicato a restauro.13

Per verificare la memoria spaziale a lungo termine, un secondo collaudo è stato eseguito 24 ore più successivamente. Il gruppo senza aggiunte “di controllo„ ha dimenticato come eseguire nel labirinto, mentre i giovani ed animali invecchiati completati con magnesio-L-THREONATe hanno conservato la loro capacità di traversare il labirinto. Ciò ha potuto essere equivalente ad un essere umano più anziano capace di trovare la loro automobile in un parcheggio ammucchiato. Nei termini statistici, il completamento con magnesio-L-THREONATe ha provocato un miglioramento spaziale a lungo termine di memoria di 122% in più giovani animali - e di 100% in più vecchi animali.13

I ricercatori conclusivi, “magnesio-L-THREONATe hanno migliorato significativamente l'apprendimento e la memoria spaziali ippocampo-dipendenti sia in giovani che ratti invecchiati.„13

Correlazione fra densità e la memoria sinaptiche aumentate

Per verificare che il meccanismo dietro questi miglioramenti nella memoria e nella prestazione conoscitiva fosse dovuto densità aumentata delle sinapsi, gli studi sono stati fatti per misurare precisamente le varie componenti strutturali sinaptiche nel cervello.

I ratti completati con magnesio-L-THREONATe hanno mostrato i miglioramenti generali in espressione , funzione e struttura sinaptiche della proteina, con potenziamento a lungo termine di forza sinaptica.13

Invecchiare e declino sinaptico

Parecchi studi indicano che i collegamenti sinaptici diminuiscono nella parte del cervello essenziale per la memoria ed il grado di perdita di sinapsi correla con il danno delle funzioni di memoria.23-25

Per valutare l'impatto di magnesio-L-THREONATe sui vecchi animali, un gruppo ha ricevuto il supplemento mentre un gruppo senza aggiunte ha servito da comandi. Dopo soltanto 1 mese, i risultati di autopsia hanno mostrato che la densità sinaptica era 67% più su nel gruppo completato con magnesio-L-THREONATe. Questo studio ha indicato che anche di vecchi animali, il magnesio-L-THREONATe ha aumentato la densità delle componenti sinaptiche essenziali per il rilascio giovanile del neurotrasmettitore.13

Importanza critica di magnesio

Importanza critica di magnesio

Dal 1981, il prolungamento della vita ha raccomandato i supplementi ad alta potenza del magnesio. La ragione è che il magnesio è forse il minerale più carente nella dieta americana.

Con tutta la ricerca che collega l'assunzione bassa del magnesio con gli alti rischi cardiovascolari, questo minerale sembrerebbe essere un modo semplice aiutare contro l'epidemia del colpo e di attacco di cuore che contagia gli Americani di invecchiamento.

Uno studio di governo mostra che un 68% di vacillamento degli Americani non consuma l'assunzione quotidiana raccomandata di magnesio.26 spaventanti sono i dati da questa stessa rappresentazione di studio che 19% degli Americani non consumano neppure la metà dell'assunzione quotidiana raccomandata governi di magnesio.26 è della meraviglia che l'inabilità e la morte da attacco di cuore e dal colpo sono le nazioni che conducono gli uccisori?

Nell'inizio degli anni 80, il ® del fondamentodel prolungamento della vita è stato criticato da medici della corrente principale per la raccomandazione delle dosi elevate al del calcio relativo del magnesio. Anche abbiamo fatti i nostri supplementi del magnesio afferrare da FDA perché abbiamo presentato la prova che potrebbe aiutare per impedire l'attacco di cuore.

Mentre FDA rifiuta di riconoscere il valore di magnesio, gli istituti della sanità nazionali (NIH) hanno pubblicato quanto segue sul suo sito Web:

"Il magnesio è necessario per le più di 300 reazioni biochimiche nel corpo. Contribuisce a mantenere la funzione normale di nervo e del muscolo, tiene il ritmo cardiaco costante, sostiene un sistema immunitario sano e tiene le ossa forti. Gli aiuti del magnesio inoltre regolano i livelli della glicemia, promuove la pressione sanguigna normale ed è conosciuto per partecipare al metabolismo energetico ed alla sintesi delle proteine. C'è un interesse aumentato nel ruolo di magnesio nei disordini d'impedimento ed in carico quali ipertensione, la malattia cardiovascolare ed il diabete."27

L'agenzia sanitaria principale di nazioni (NIH) riconosce il ruolo critico di magnesiums nella conservazione noi vivi, eppure FDA ha fatto tutto che potrebbe tenere questo minerale dai corpi degli Americani. Il numero di vittime dalla censura di FDAs di magnesio è oltre la comprensione.

Potenziale alla crisi di Stave Off Health Care Cost

Il costo di preoccuparsi per quelli impressionanti con Alzheimers ed altri disturbi neurologici sta urtando avversamente questo sistema sanitario di nazioni. Il carico enorme disposto sulle famiglie con i cari senili distrugge la loro produttività durante gli anni di lavoro critici.

I supplementi del magnesio sono ampiamente - disponibile, ma molti non ne non fornisca l'assorbimento ottimale nella circolazione sanguigna e virtualmente nel cervello ristabilire la densità sinaptica critica.

Il completamento diffuso con magnesio-L-THREONATe ha il potenziale di tagliare le incidenze di molti disturbi neurologici che affliggono la popolazione di invecchiamento. I test clinici ora stanno cominciando a valutare se il magnesio-L-THREONATe funziona pure negli esseri umani di invecchiamento come fa in roditori.

Con la ricchezza dei dati che convalidano i benefici sistemici di magnesio, coloro che non vuole aspettare gli anni gli studi umani per concludere dovrebbero studiare la possibilità di completare con 2.000 mg ogni giorno di magnesio-L-THREONATe. Sulla base dei dati animali, i miglioramenti notevoli hanno potuto accadere relativamente nei limiti di un periodo ridotto.

Scoperte sensazionali rivelarici alla conferenza 2011 di Alzheimer
Scoperte sensazionali rivelarici alla conferenza 2011 di Alzheimer

In una serie dei risultati esplosivi, i ricercatori hanno confermato che i cambiamenti distruttivi cominciano a devastare gli anni o le decadi del cervello prima che i pazienti avessero abbastanza sintomi di perdita di memoria da diagnosticare.

Al massimo la conferenza internazionale dell'associazione di Alzheimer recente a Parigi, più di 100 carte è stata presentata la rappresentazione che i cambiamenti di Alzheimer accadono più presto nella vita che la medicina della corrente principale originalmente ha pensato.28 questo significano che la gente può iniziare oggi gli interventi che possono permettere la protezione sostanziale contro la senilità di Alzheimer futuro.

In uno studio separato liberato nel 2011,29 un il gruppo di topi transgenici sono stati alimentati una dieta fortificata con le sostanze nutrienti già consumate dalla maggior parte dei membri del prolungamento della vita. Le sostanze nutrienti completate erano curcumina, l'acido lipoicodi 30-32 EGCG 33-37 (un polifenolo attivo principale in tè verde), la cisteina dell'N-acetile 38-42,43-46 la vitamina C,47-49 il folato,50-55 e vitamine di B.56-59

C'è prova da suggerire che queste sostanze nutrienti (ed altre) protegga i cervelli umani da deterioramento patologico che finalmente si manifesta come Alzheimer. In questo modello del topo di Alzheimer, alimentare queste sostanze nutrienti per 6 mesi ha provocato le abilità di apprendimento spaziali in questo modello animale del morbo di Alzheimer indistinguibile dai topi normali (di controllo).29

Notevolmente, altri parametri della prova hanno indicato che il cocktail nutriente, simile a cui molti membri del prolungamento della vita hanno consumato per molti anni, sia acquisizione ristabilita che deficit di memoria a normale (non transgenico) livella in topi transgenici condannati per sviluppare il danno conoscitivo del morbo di Alzheimer.

Costringente era una diminuzione in determinati tipi di amiloide-beta dal morbo di Alzheimer - i cervelli degli animali completati inclini.29 una caratteristica patologica dell'marchio di garanzia di Alzheimer sono l'accumulazione di amiloide-beta che ostruisce e distrugge il macchinario strutturale minuscolo dentro i neuroni con conseguente senilità completa. Specificamente, gli animali transgenici completati hanno avvertito le diminuzioni in Ab40 e in Ab42 solubili come pure una diminuzione in Ab40 insolubile.29 amiloide-beta solubili sono molto più tossici e possono causare la morte del neurone solo in 12 ore.60,61

Questi risultati, con gli studi recentemente liberati circa magnesio-L-THREONATe, suggeriscono che le misure dinamiche possano essere prese oggi per rallentare ed invertire le mutazioni patologiche che si manifestano come morbo di Alzheimer in lontano troppi di noi.

Inerzia di combattimento di governo

Inerzia di combattimento di governo

Anche se le prove umane confermano la ricerca che senza precedenti del laboratorio avete letto appena su magnesio-L-THREONATe, ci non potrebbero essere abbastanza soldi disponibili fare approvarlo FDA per uso umano convenzionale.

Il prolungamento della vita è sui fronti che combattono questi generi di blocchi stradali burocratici che tengono le terapie naturali sicure ed efficaci fuori dalla portata della maggior parte dei Americani.

L'emissione di prolungamento della vita Magazine® che la vostra volontà riceve nel gennaio 2012 fornisce un esame tecnico dei meccanismi multipli da cui il magnesio-L-THREONATe è stato indicato a decadimento neurologico inverso. Ora stiamo presentandolo in moda da non ritardare i membri che vogliano provarlo.

Una volta all'anno, scontiamo tutte le nostre formule avanzate in moda da potere immagazzinare i membri su ai prezzi bassi extra. Speriamo che la vostra volontà approfittino di questi prezzi di vendita eccellenti per ottenere i supplementi del premio-grado per proteggere oggi la vostra salute, mentre ci aiutano per combattere le forze oppressive di censura e la regolamentazione eccessiva che sono innovazione medica soffocante.

Per vita più lunga,

Per vita più lunga

William Faloon

Riferimenti

1. Disponibile a: http://www.webmd.com/alzheimers/news/20110720/alzheimers-feared-misconceptions-common. 1° agosto 2011 raggiunto.

2. Ott A, Breteler millimetro, van Harskamp F, et al. prevalenza della malattia di Alzheimers e della demenza vascolare: associazione con istruzione. Lo studio di Rotterdam. BMJ. 15 aprile 1995; 310(6985): 970-3.

3. Hebert LE, PA di Scherr, Bienias JL, Bennett DA, Evans DA. Morbo di Aalzheimer nella popolazione degli Stati Uniti: stime di prevalenza facendo uso del censimento 2000. Arco Neurol. 2003 agosto; 60(8): 1119-22.

4. Ray B, Lahiri dk. Neuroinflammation nella malattia di Alzheimers: obiettivi molecolari differenti ed agenti terapeutici potenziali compreso curcumina. Curr Opin Pharmacol. 2009 agosto; 9(4): 434-44.

5. NG TP, PC di Chiam, Lee T, Chua HC, Lim L, potenziale d'ossido-riduzione di Kua. Strigli il consumo e la funzione conoscitiva negli anziani. J Epidemiol. 1° novembre 2006; 164(9): 898-906.

6. Il MN di Ishrat T, di Hoda, il MB di Khan, et al. il miglioramento dei deficit conoscitivi e il neurodegeneration da curcumina nel modello del ratto di demenza sporadica di Alzheimers scrivono (SDAT). EUR Neuropsychopharmacol. 2009 settembre; 19(9): 636-47.

7. L'interazione di Baum L, di NG A. Curcumin con rame ed il ferro suggerisce un meccanismo possibile di azione nei modelli dell'animale di malattia di Alzheimers. J Alzheimers DIS. 2004 agosto; 6(4): 367-77.

8. Lukiw WJ, NG di Bazan. Acido docosaesaenoico ed il cervello di invecchiamento. J Nutr. 2008 dicembre; 138(12): 2510-14.

9. van Gelder BM, Tijhuis m., Kalmijn S, consumo di pesce di Kromhout D., acidi grassi n-3 e un declino conoscitivo successivo di 5 y in uomini anziani: lo studio degli anziani di Zutphen. J Clin Nutr. 2007 aprile; 85(4): 1142-7.

10. Studio prospettivo Tredici anno di Kesse-Guyot E, di Péneau S, del traghetto m., di Jeandel C, di Hercberg S, di Galan P. fra il consumo di pesce, assunzioni a catena lunga degli acidi grassi n-3 e funzione conoscitiva. Invecchiamento di salute di J Nutr. 2011 febbraio; 15(2): 115-20.

11. Conquisti JA, Tierney MC, Zecevic J, Bettger WJ, RH di Fisher. Analisi dell'acido grasso del plasma sanguigno dei pazienti con la malattia di Alzheimers, altri tipi di demenze e danno conoscitivo. Lipidi. 2000 dicembre; 35(12): 1305-12.

12. Coleman P, Federoff H, Kurlan R. Un fuoco sulla sinapsi per il neuroprotection nel morbo di Aalzheimer ed in altre demenze. Neurologia. 12 ottobre 2004; 63(7): 1155-62.

13. Slutsky I, Abumaria N, Wu LJ, et al. potenziamento di apprendimento e memoria elevando il magnesio del cervello. Neurone. 28 gennaio 2010; 65(2): 165-77.

14. St di DeKosky, interruttore di Scheff. Perdita della sinapsi nelle biopsie della corteccia frontale nella malattia di Alzheimers: correlazione con severità conoscitiva. Ann Neurol. 1990 può; 27(5): 457-64.

15. Bertoni-Freddari C, Fattoretti P, Casoli T, Meier-Ruge W, risposta adattabile di Ulrich J. Morphological delle zone giunzionali sinaptiche nella circonvoluzione dentata umana durante invecchiamento e la malattia di Alzheimers. Brain Res. 28 maggio 1990; 517 (1-2): 69-75.

16. Boeckers TM. La densità postsinaptica. Ricerca del tessuto delle cellule. 2006 novembre; 326(2): 409-22.

17. Uylings HBM, der JM di de Braban. Cambiamenti di un neurone nell'invecchiamento e nella malattia umani normali di Alzheimers. Brain Cogn. 2002 49:268 - 76.

18. Interruttore di Scheff, prezzo DA, Schmitt FA, Mufson EJ. Perdita sinaptica Hippocampal nella malattia precoce di Alzheimers e nel danno conoscitivo delicato. Invecchiamento di Neurobiol. 2006 ottobre; 27(10): 1372-84.

19. Bertoni-Freddari C, Fattoretti P, Giorgetti B, et al. alterazioni del tempo di rotazione sinaptico nell'invecchiamento può avviare la formazione di placche senile e il neurodegeneration. Ann N Y Acad Sci. 2007 gennaio; 1096:128-37.

20. Disponibile a: http://www.alz.org/documents_custom/2011_Facts_Figures_Fact_Sheet.pdf. 19 ottobre 2011 raggiunto.

21. Rocca WA, Hofman A, Brayne C, et al. frequenza e distribuzione della malattia di Alzheimers in Europa: uno studio di collaborazione sui risultati 1980 - 1990 di prevalenza. Ann Neurol. 1991 settembre; 30(3): 381 - 90.

22. Bush AI. Alles del nicht di IST di Kalzium. Neurone. 28 gennaio 2010; 65(2): 143-4.

23. Beatitudine TV, Collingridge GL. Un modello sinaptico della memoria: potenziamento a lungo termine nell'ippocampo. Natura. 7 gennaio 1993; 361(6407): 31-9.

24. Hara Y, CS del parco, GRUPPO DI LAVORO di Janssen, Punsoni m., Rapp PR, Morrison JH. Caratteristiche sinaptiche dei boutons axonal di circonvoluzione dentata e delle loro relazioni con invecchiamento, menopausa e la memoria in resi femminili. J Neurosci. 25 maggio 2011; 31(21): 7737-44.

25. Brunson chilolitro, Kramár E, Lin B, et al. meccanismi del declino conoscitivo di manifestazione tardiva dopo lo sforzo di presto-vita. J Neurosci. 12 ottobre 2005; 25(41): 9328-38.

26. Re DE, Mainous AG terzo, Geesey ME, Woolson rf. Magnesio dietetico e livelli C-reattivi della proteina. J Coll Nutr. 2005 giugno 24(3): 166-71.

27. Disponibile a: http://ods.od.nih.gov/factsheets/magnesium.asp. 19 ottobre 2011 raggiunto.

28. Disponibile a: http://www.alz.org/aaic/overview.asp. 8 agosto 2011 raggiunto.

29. Parachikova A, KN verde, Hendrix C, LaFerla FM. Formulazione di un cocktail medico dell'alimento per la malattia di Alzheimers: effetti benefici su cognizione e sulla neuropatologia in un modello del topo della malattia. PLoS uno. 17 novembre 2010; 5(11): e14015.

30. Wu A, Ying Z, curcumina di Gomez-Pinilla F. Dietary neutralizza il risultato del trauma cranico traumatico sullo sforzo ossidativo, sulla plasticità sinaptica e sulla cognizione. Exp Neurol. 2006 febbraio; 197(2): 309-17.

31. Frautschy SA, Hu W, Kim P, et al. inversione antiossidante antinfiammatoria fenolica dai dei deficit conoscitivi indotti Abeta e neuropatologia. Invecchiamento di Neurobiol. 2001 novembre; 22(6): 993-1005.

32. Kuhad A, Chopra K. Curcumin attenua l'encefalopatia diabetica in ratti: prove comportamentistiche e biochimiche. EUR J Pharmacol. 8 dicembre 2007; 576 (1-3): 34-42.

33. Haque, Hashimoto m., Katakura m., Hara Y, catechine del tè di Shido O. Green impedisce i deficit conoscitivi causati da Abeta1-40 in ratti. Biochimica di J Nutr. 2008 settembre; 19(9): 619-26.

34. Mandel SA, Amit T, Weinreb O, Reznichenko L, MB di Youdim. Manipolazione simultanea degli obiettivi multipli del cervello dalle catechine del tè verde: una strategia neuroprotective potenziale per Alzheimer ed i morbi di parkinson. SNC Neurosci Ther. Inverno 2008; 14(4): 352-65.

35. Malattia di Alzheimers delle foglie di tè di Quirion R. dietro. Healthc Q.2006 9(3): 21-2.

36. Weinreb O, Mandel S, Amit T, MB di Youdim. Meccanismi neurologici dei polifenoli del tè verde nelle malattie di Parkinsons e di Alzheimers. Biochimica di J Nutr. 2004 settembre; 15(9): 506-16.

37. Choi YT, Jung CH, SR di Lee, et al. Il polifenolo del tè verde (-) - gallato del epigallocatechin attenua dalla la neurotossicità indotta da beta in neuroni hippocampal coltivati. Vita Sci. 21 dicembre 2001; 70(5): 603-14.

38. Maczurek A, Hager K, Kenklies m., et al. acido lipoico come trattamento antinfiammatorio e neuroprotective per la malattia di Alzheimers. Rev. di Deliv della droga di adv. 2008 ottobre-novembre; 60 (13-14): 1463-70.

39. Farr SA, HF di Poon, Dogrukol-Ak D, et al. Gli antiossidanti danno inverso alfa-lipoico di memoria dell'N-acetilcisteina e dell'acido e sforzo ossidativo del cervello in topi invecchiati SAMP8. J Neurochem. 2003 marzo; 84(5): 1173-83.

40. Liu J, E capa, Gharib, yuan W, et al. perdita di memoria in vecchi ratti è associato con decadimento mitocondriale del cervello e l'ossidazione di RNA/DNA: inversione parziale alimentando acetile-L-carnitina e/o R-alfa - acido lipoico. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 19 febbraio 2002; 99(4): 2356-61.

41. Imballatore L, Tritschler H, Wessel K. Neuroprotection dall'alfa acido lipoico antiossidante metabolico. Med libero di biol di Radic. 1997;22(1-2):359-78.

42. Stoll S, Hartmann H, Cohen SA, Muller NOI. L'acido alfa-lipoico dell'organismo saprofago potente del radicale libero migliora la memoria in topi invecchiati: relazione presunta ai deficit del ricevitore di NMDA. Biochimica Behav di Pharmacol. 1993 dicembre; 46(4): 799-805.

43. Moreira pi, Harris PL, Zhu X, et al. la cisteina lipoica dell'N-acetile e dell'acido fanno diminuire lo sforzo ossidativo in relazione con mitocondriale nei fibroblasti del paziente del morbo di Aalzheimer. J Alzheimers DIS. 2007 settembre; 12(2): 195-206.

44. Chan A, TB del karitè. Effetti del completamento dietetico con la cisteina dell'N-acetile, la acetile-L-carnitina e la metionina di S-adenosyl sulla prestazione e sull'aggressione conoscitive in topi normali ed in topi che esprimono ApoE4 umano. Med di Neuromolecular. 2007; 9(3):264-9.

45. Tchantchou F, tombe m., Rogers E, Ortiz D, TB del karitè. La cisteina di N-acteyl allevia il danneggiamento ossidativo del sistema nervoso centrale dei topi ApoE-carenti che seguono la E-carenza della vitamina e del folato. J Alzheimers DIS. 2005 aprile; 7(2): 135-8.

46. Adair JC, Knoefel JE, prova di Morgan N. Controlled di N-acetilcisteina per i pazienti con la malattia di Alzheimers del probabile. Neurologia. 23 ottobre 2001; 57(8): 1515-7.

47. Zandi pp, Anthony JC, Khachaturian COME, et al. rischio riduttore di morbo di Aalzheimer in utenti della vitamina antiossidante completa: lo studio della contea di Cache. Arco Neurol. 2004 gennaio; 61(1): 82-8.

48. Studio di Paleologos m., di Cumming RG, di Lazarus R. Cohort sull'assunzione della vitamina C e danno conoscitivo. J Epidemiol. 1° luglio 1998; 148(1): 45-50.

49. Riviere S, l'Birlouez-Aragona I, Nourhashémi F, vitamina C del plasma di Vellas B. Low nei pazienti di Alzheimer malgrado una dieta adeguata. Psichiatria di Int J Geriatr. 1998 novembre; 13(11): 749-54.

50. Kado dm, Karlamangla COME, Huang MH, et al. omocisteina contro il folato delle vitamine, B6 e B12 come preannunciatori della funzione e del declino conoscitivi in adulti difunzionamento più anziani: Studi di MacArthur su riuscito invecchiamento. Med di J. 2005 febbraio; 118(2): 161-7.

51. Quadri P, Fragiacomo C, Pezzati R, et al. omocisteina, folato e vitamina B-12 nel danno conoscitivo delicato, nel morbo di Aalzheimer e nella demenza vascolare. J Clin Nutr. 2004 luglio; 80(1): 114-22.

52. Feng L, NG TP, Chuah L, Niti m., potenziale d'ossido-riduzione di Kua. Omocisteina, folato e vitamina B-12 e prestazione conoscitiva in adulti cinesi più anziani: risultati dallo studio longitudinale di invecchiamento di Singapore. J Clin Nutr. 2006 dicembre; 84(6): 1506-12.

53. La TA di Tettamanti m., di Garrì, Nobili A, Riva E, Lucca U. Low folico ed il rischio di deficit conoscitivi e funzionali molto nel vecchio: lo studio più di Monzino 80. J Coll Nutr. 2006 dicembre; 25(6): 502-8.

54. Luchsinger JA, MX di Tang, Miller J, R verde, Mayeux R. Relation di più alta assunzione folica ad più a basso rischio del morbo di Aalzheimer negli anziani. Arco Neurol. 2007 gennaio; 64(1): 86-92.

55. Wang HX, Wahlin A, Basun H, Fastbom J, Winblad B, Fratiglioni L. Vitamin B (12) e folato relativamente allo sviluppo della malattia di Alzheimers. Neurologia. 8 maggio 2001; 56(9): 1188-94.

56. Vitamine di Calvaresi E, di Bryan J.B, cognizione e invecchiamento: una rassegna. J Gerontol B Psychol Sci Soc Sci. 2001 novembre; 56(6): P327-39.

57. Morris MC, Evans DA, Bienias JL, et al. niacina dietetica ed il rischio della malattia di Alzheimers di incidente e di declino conoscitivo. Psichiatria di J Neurol Neurosurg. 2004 agosto; 75(8): 1093-9.

58. Hassing L, Wahlin A, Winblad B, Backman L. Ulteriore prova agli effetti del vitamina b12 ed ai livelli folici sul funzionamento di memoria episodica: uno studio basato sulla popolazione degli adulti molto anziani in buona salute. Psichiatria di biol. 1° giugno 1999; 45(11): 1472-80.

59. Deijen JB, van der Beek EJ, Orlebeke JF, van den BH. Completamento della vitamina B-6 in uomini anziani: effetti sull'umore, sulla memoria, sulla prestazione e sullo sforzo mentale. Psicofarmacologia (Berl). 1992 109(4): 489-96.

60. Lue LF, Kuo YM, Roher EA, et al. beta concentrazione nel peptide dell'amiloide solubile come preannunciatore di cambiamento sinaptico nella malattia di Alzheimers. J Pathol. 1999 settembre; 155(3): 853-62.

61. Deshpande A, Mina E, Glabe C, conformazioni di Busciglio J. Different di amiloide beta induce la neurotossicità dai meccanismi distinti in neuroni corticali umani. J Neurosci. 31 maggio 2006; 26(22): 6011-8.