Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista giugno 2012
Come lo vediamo

Carnosine: Un fattore provato di longevità

Da Susan Evans
CARNOSINE: Un fattore provato di longevità

Le prove crescenti documentano la capacità del carnosine di impedire molti degli effetti nocivi di invecchiamento.1

Nella nostra gioventù, il carnosine ci protegge dall'assalto violento dell'ossidazione, il glycation, il danno del DNA ed altre reazioni che danneggiano i tessuti e paralizzano gli organi.1

Il problema è che poichè ci sviluppiamo più vecchi, livelli di carnosine nel declino del corpo,2-4 che ci lasciano vulnerabili a perdita di funzione conoscitiva, mobilità in diminuzione, perdita di prestazione cardiovascolare metabolica venire a mancare, di controllo e di suscettibilità aumentata a cancro.

In animali da laboratorio delle specie differenti, il completamento di carnosine estende le durate. Ciò interamente sta aggiungendo ad una nuova era nel modo che la medicina convenzionale pensa ad invecchiamento.

Gli scienziati esplorano i benefici della longevità di Carnosine

Carnosine è trovato in tutto il corpo dovunque ci siano richieste di alta energia quali nel cervello, il cuore ed i nostri muscoli.5 la sua funzione sono di proteggere queste aree vitali dalle richieste metaboliche di produzione di energia e di gestione.6,7

I giovani organismi hanno alti livelli del carnosine in quei tessuti energia-richiedenti. Come componente del processo di invecchiamento, i livelli di carnosine diminuiscono col passare del tempo.2-4 che è perché i nostri corpi entrambi fanno meno carnosine mentre invecchiamo ed inoltre perché il carnosine che abbiamo è sempre più vulnerabile alla distruzione. Nei termini umani quali il diabete e la sindrome metabolica, che producono l'invecchiamento accelerato in modo innaturale, la produzione di carnosine è diminuita e la sua distruzione è aumentata.8,9

Questi risultati suggeriscono che “una carenza di carnosine„ potrebbe essere parzialmente responsabile dell'invecchiamento e della perdita visibili di funzione in un gran numero di aree in tutto il corpo che accade mentre otteniamo più vecchi.

Se potessimo ristabilire i depositi del carnosine dei nostri corpi ai loro livelli giovanili, potremmo potere arrestare la parte del processo di invecchiamento.

Qui sono negli ultimi anni alcune delle osservazioni più drammatiche che dimostrano come il completamento di carnosine estende le durate:

  1. Carnosine rallenta l'invecchiamento delle cellule umane nelle capsule di Petri.10,11 scienziato ha aggiunto il carnosine alle culture di giovani cellule. Mentre le cellule di controllo hanno sviluppato “il vecchio„ aspetto tipico, quelle sviluppate nelle alte concentrazioni di carnosine hanno conservato il loro aspetto giovanile.5 quando queste cellule giovanile-apparenti sono state trasferite alle capsule di Petri che mancano del carnosine extra, hanno sviluppato rapidamente “il vecchio„ aspetto delle cellule di controllo della stessa età. Tuttavia, quando gli scienziati hanno preso le vecchie cellule, avvicinantesi ai limiti della loro durata e li hanno trasferiti nelle capsule di Petri che contengono le alte concentrazioni di carnosine, hanno trovato che le cellule rapidamente sono stato ringiovanite per somigliare alle giovani cellule.10
  2. Carnosine estende la durata dei rotiferi, un organismo acquatico microscopico ora che è utilizzato come modello di invecchiamento in molti laboratori.12 in questo esperimento, gli scienziati hanno provato molti composti antiossidanti differenti, identificanti il carnosine come uno di appena quattro che hanno avuti effetti significativi sulla longevità degli organismi.
  3. Carnosine estende la durata delle mosche della frutta, un altro organismo comunemente usato ad invecchiamento di studio, fino a 20% in maschi.13,14 normalmente, le mosche della frutta maschii moriranno molto più presto delle femmine, ma una volta alimentata una dieta costante compreso un supplemento di carnosine, i maschi ha raggiunto la stessa età delle femmine.
  4. Carnosine estende la durata dei topi del laboratorio, complesso, mammiferi a sangue caldo con molte delle caratteristiche di invecchiamento comuni agli esseri umani.15,16

Gli scienziati hanno usato uno sforzo dei topi in cui l'invecchiamento contrassegnato è accelerato ed hanno completato il loro alimento con il carnosine. Non solo hanno fatto gli animali significativamente più lungo in tensione, hanno conservato le caratteristiche fisiche e comportamentistiche degli animali giovanili.15 seguente, gli scienziati hanno verificato il supplemento in topi normali, trovanti più o meno lo stesso gli effetti. Carnosine ha migliorato chiaramente gli aspetti esterni degli animali ed ha mantenuto gli animali nel migliore termine che gli animali di controllo che non ricevono carnosine.16

Che cosa dovete conoscere: Carnosine fornisce la difesa dell'ampio spettro contro invecchiamento
    Carnosine fornisce la difesa dell'ampio spettro contro invecchiamento
  • Carnosine è un costituente antinvecchiamento naturale nel vostro corpo.
  • Carnosine combatte tali processi d'induzione come l'ossidazione, il glycation, la reticolazione della proteina, la disfunzione mitocondriale, la riduzione del telomero,64 e l'accumulazione del metallo di transizione.
  • I livelli di Carnosine diminuiscono con l'età, lasciante vi con le difese progressivamente più deboli contro i processi relativi all'età.
  • Il completamento di Carnosine può ristabilire i livelli giovanili di carnosine nel sangue ed in tessuti ed estende le durate degli animali da esperimento di molte specie.
  • Il completamento di Carnosine può proteggere dalle malattie e dal colpo neurodegenerative; inoltre migliora la prestazione e la comodità di esercizio, migliora il diabete e le sue complicazioni e protegge il muscolo del cuore ed i vasi sanguigni da aterosclerosi.

Carnosine protegge dalla malattia cardiovascolare

Gli effetti multi-mirati a di Carnosine sono più prominenti nel cuore e nei vasi sanguigni. Carnosine è stato indicato alla mortalità di diminuzione dai colpi come pure attenua gli effetti offensivi del colpo sul cervello stesso.17-19 gli studi in animali da esperimento indicano che il carnosine, amministrato prima o dopo un colpo è indotto, protegge le cellule cerebrali dalla cosiddetta lesione di ischemia-riperfusione che accade quando il tessuto in primo luogo è privato di ossigeno e poi è sottoposta ai livelli elevati dell'ossigeno quando il flusso sanguigno è ripristinato.17,18 che provoca la profonda riduzione dei segni di danneggiamento dell'ossidante delle cellule cerebrali e ad una riduzione reale e significativa della dimensione dell'area del colpo nel cervello.18

Carnosine inoltre protegge il muscolo del cuore da ischemia (mancanza di flusso sanguigno), che può infine produrre un attacco di cuore. Questa protezione deriva dalle azioni antiossidanti dei carnosine, combinate con la sua capacità di intrappolare l'ossidazione-induzione i metalli di transizione, la sua capacità di acido-bufferizzazione e della sua influenza su attività infiammatoria delle cellule.19 infatti, il carnosine si è aggiunto alle soluzioni usate per proteggere il muscolo del cuore durante la chirurgia a cuore aperto, quando il cuore è interrotto intenzionalmente e c'è ad alto rischio per danno ischemico.20

Le azioni di Carnosine sui vasi sanguigni possono anche impedire l'ischemia l'avvenimento in primo luogo. Carnosine protegge le cellule endoteliali del arteria-rivestimento dall'ossidazione e dal glycation, di cui tutt'e due sono eventi iniziali in via di sviluppo di aterosclerosi.21,22 studi mostrano che il carnosine impedisce la formazione “di cellule pericolose della schiuma,„ delle le cellule cariche di grassa dell'organismo saprofago che avviano la risposta infiammatoria che produce la placca arteriosa micidiale.23

L'eccessivo tono muscolare in arterie solleva la pressione sanguigna e riduce il flusso sanguigno al muscolo del cuore ed alle cellule cerebrali; il carnosine riduce il tono arterioso dai meccanismi multipli.24 modula la segnalazione dello ione del calcio nelle cellule di muscolo liscio che controllano il tono vascolare e migliora la produzione della sintetasi endoteliale utile dell'ossido di azoto (eNOS) che induce le arterie per rilassarsi.25

L'impatto utile dei carnosine dati sul muscolo scheletrico e sulla prestazione di esercizio, è appena sorprendente imparare che il carnosine inoltre migliora la contrattilità del muscolo del cuore. Ciò è ancora un effetto multifattoriale, prodotto in parte dalla capacità dei carnosine di controllare il flusso del calcio e parzialmente dalla sue bufferizzazione antiossidante e acida ed attività anti--glycation.19,26,27

Carnosine combatte il diabete e le sue conseguenze

Carnosine combatte il diabete e le sue conseguenze

L'epidemia globale dell'obesità porta con la minaccia crescente del diabete di tipo 2 e tutte le sue conseguenze devastanti che comprendono la malattia cardiovascolare, l'insufficienza renale, il danno del nervo ed i disturbi della vista.

Gli studi indicano che le cellule dei diabetici hanno livelli basso-che-normali di carnosine, simile ai livelli in adulti più anziani.10 che può essere una ragione per cui il diabete produce ha accelerato l'invecchiamento.28

Eppure il completamento di carnosine può ristabilire i livelli giovanili di carnosine in tessuti vitali ed offre la protezione contro molte delle componenti del diabete.

Carnosine abbassa i livelli elevati della glicemia, riduce la formazione a lungo termine di prodotti finiti avanzati pericolosi di glycation, di sforzo dell'ossidante di limiti e di infiammazione elevata ed impedisce la reticolazione della proteina, non solo in diabetici, ma anche negli adulti altrimenti in buona salute di invecchiamento.29-33

Ulteriormente, il carnosine funziona “dietro le scene„ per offrire la protezione importante per la distruzione fisiologica dei diabetici da alta glicemia:

  • Carnosine protegge le cellule del rene dagli effetti dei livelli elevati del glucosio, contribuenti a ridurre il rischio di malattia renale diabetica, o la nefropatia.34-36
  • Carnosine riduce l'ossidazione e il glycation di lipoproteina a bassa densità (LDL) che preannuncia bene per riduzione da di aterosclerosi indotta da diabete.37,23
  • Carnosine riduce la reticolazione della proteina nella lente dell'occhio e contribuisce a ridurre il rischio di cataratta, una complicazione diabetica comune.38,39
  • Il completamento di Carnosine inoltre impedisce il danno microscopico che produce la retinopatia diabetica, una causa importante del vaso sanguigno di cecità in diabetici.40
  • I supplementi di Carnosine impediscono la perdita di funzione di nervo sensoriale (neuropatia) in animali diabetici.41

Carnosine protegge Brain Cells, conserva la cognizione

Carnosine protegge Brain Cells, conserva la cognizione

Finora, il trattamento farmacologico ha indicato soltanto l'efficacia minima a rallentare la progressione del declino conoscitivo. Molti obiettivi terapeutici di Carnosine lo fanno che promette eccezionalmente per tutte queste circostanze.42

Il morbo di Alzheimer è il più ampiamente temuto ed il più comune dei disordini neurodegenerative. Gli scienziati hanno trovato che i pazienti di Alzheimer hanno anche livelli più bassi del carnosine in loro cervelli e liquido spinale che quelli di altri adulti più anziani.43 non è ancora chiaro se questo è una causa o un effetto di Alzheimer, ma molte osservazioni intriganti suggeriscono un ruolo per il carnosine nella prevenzione della malattia.

Il morbo di Alzheimer è il risultato delle cause multiple, virtualmente che hanno un certo collegamento al carnosine e sua funzione nel cervello. L'esperto celebre Alan R. Hipkiss della scuola di medicina e dell'odontoiatria di Queen Mary di Londra recentemente ha riassunto la relazione fra Alzheimer ed i livelli di caduta di carnosine nel corpo.

Hipkiss ha osservato che quelle parti del cervello che sono prime colpite nel morbo di Alzheimer precoce sono inoltre quelle in cui il carnosine è trovato normalmente nelle più alte concentrazioni.44 che suggerisce che, mentre i livelli di carnosine cadono con l'età, quelle aree del cervello si trasformano nel più vulnerabile al danno Alzheimer's in relazione con. Inoltre, nota che la proteina anormale, l'amiloide beta, che è visto esclusivamente nei cervelli malati di Alzheimer è in genere piena degli ioni dello zinco. Carnosine è capace di legare lo zinco e di conservazione dai tessuti offensivi superiore.44,45 ancora, l'implicazione è che i livelli di caduta di carnosine permettono che il tessuto cerebrale cada vittima ad un'accumulazione artificiale di una sostanza tossica.

Per concludere, Hipkiss nota che i cosiddetti “grovigli neurofibrillary„ trovati nei cervelli dei pazienti del morbo di Alzheimer contengono le proteine che sono unite con legami atomici incrociati estesamente.44 Carnosine sono un efficace inibitore di reticolazione della proteina dappertutto nel corpo.46

La disfunzione mitocondriale è ancora un altro contributore al morbo di Alzheimer; lo sforzo che dell'ossidante produce può partecipare alla formazione dell'amiloide della proteina del Alzheimer beta.47 studi sperimentali mostrano che quello completare i topi del morbo di Alzheimer con il carnosine potente riduce la beta accumulazione dell'amiloide e completamente salva i loro cervelli da disfunzione mitocondriale.31

Queste relazioni biochimiche ora stanno mostrando gli effetti reali nei modelli sperimentali delle malattie neurodegenerative di invecchiamento. I ricercatori alimentati hanno invecchiato i ratti ricchi di un supplemento in carnosine, che inoltre ha contenuto il vitamina D3 come pure i polifenoli del tè verde e del mirtillo, o in una sostanza di controllo.48 gli animali poi sono stati preparati nell'individuazione del loro modo ad una piattaforma sommersa in acqua. Per la fine del periodo di addestramento, il gruppo trattato di più vecchi animali alterati ha eseguito meglio dei comandi nella stessa categoria dell'età. Gli animali completati inoltre sono stati trovati per avere produzione aumentata di nuove cellule cerebrali e di meno indicatori di infiammazione e di deterioramento della cellula cerebrale che i comandi. I simili effetti antiossidanti ed antinfiammatori sono stati veduti nei cervelli dei topi con una forma sperimentale di malattia del Parkinson.49

Le cellule cerebrali di causa dei colpi da morire dall'ossidante danneggiano. Gli studi recenti indicano che gli effetti antiossidanti dei carnosine assicurano una certa protezione contro gli entrambi colpo ischemico (in cui troppo poco sangue raggiunge il tessuto cerebrale) e colpi emorragici (in quale emorragia espone il tessuto cerebrale a danno da sangue libero).

In uno studio, i ratti sono stati completati con una miscela carnosine mirtillo verde della tè-vitamina D3 per due settimane prima dal del colpo ischemico indotto da sperimentale, quando un'arteria importante del cervello è stata bloccata chirurgicamente.50 la prova comportamentistica della post-chirurgia e pre- ha dimostrato che, rispetto agli animali di controllo, i ratti completati hanno avuti un rapporto di riproduzione di 12% dell'asimmetria del motore e un rapporto di riproduzione di 24% della disfunzione neurologica che segue il colpo. I ratti completati inoltre hanno avuti fino ad un aumento di 3 volte nella nuova proliferazione di cellula cerebrale dopo il colpo, rispetto ai comandi.

Altri studi sul colpo ischemico dimostrano una forte riduzione della morte ossidativa di cellula cerebrale e di sforzo dagli apoptosi in animali completati con il carnosine.51 d'importanza, il carnosine inoltre assicura la protezione dopo ischemia dal cosiddetto excitotoxicity del glutammato, la stessa specie “di overdrive„ di un neurone che è pensato più ulteriormente per contribuire al morbo di Alzheimer.52

Nei modelli sperimentali del colpo emorragico, il trattamento di carnosine ha condotto a ripristino dei ricevitori normali del neurotrasmettitore nocivi dalla presenza di sangue in tessuto cerebrale.53 Carnosine inoltre hanno impedito alcuno del gonfiamento pericoloso che segue spesso un colpo emorragico.53

Carnosine mira a sei meccanismi molecolari multipli di invecchiamento
Carnosine mira a sei meccanismi molecolari multipli di invecchiamento
Inizialmente, i ricercatori hanno considerato il carnosine come appena molecola antiossidante. Ma, mentre ha buoni effetti antiossidanti, il carnosine è in nessun caso l'antiossidante più potente nel corpo. Che cosa ha preso l'attenzione dei ricercatori era quel completamento con altro, più potente, antiossidanti non ha prodotto l'aumento drammatico nella longevità veduta con il carnosine.62,65

Chiaramente, il qualcos'altro sta accendendo.

Pochi scienziati, tuttavia, sono stati preparati per la rivelazione che il carnosine realmente mira a sei processi importanti in questione nel processo di invecchiamento. Esaminiamo brevemente ciascuno, vedere come il carnosine esercita i suoi effetti globali.

  1. L'ossidazione ai livelli del tessuto e cellulari è uno dei contributori principali all'invecchiamento degli organismi. Carnosine pulisce i radicali liberi dell'azoto e dell'ossigeno e riduce il loro impatto distruttivo su grasso e sulle molecole del DNA.1,62,66,67 questi effetti sono mezzi potenti di fermata della formazione del cancro e di aterosclerosi, rispettivamente.
  2. Glycation, la formazione di composti molecolari di glucosio con le biomolecole vitali quali gli enzimi ed altre proteine, è un'altra causa principale di invecchiamento. Le proteine glicate inducono lo sforzo potente dell'ossidante e le risposte infiammatorie di innesco che accelerano il processo di invecchiamento. Le proteine glicate inoltre formano insieme “i legami incrociati„ quella legatura loro, riducendo la loro flessibilità e funzione giovanili. Carnosine prende “un colpo sacrificale„ e che si permette che sia glicato, risparmiando altre strutture vitali ed impedendo la reticolazione pericolosa della proteina.5,67,68
  3. L'accumulazione dei metalli di eccesso 44,69 chelati di Carnosine, o le legature a, gli ioni di rame, lo zinco ed il ferro, che superiore sono conosciuti per indurre la produzione di amiloide beta e di altre proteine hanno trovato in Alzheimer e nelle malattie del Parkinson.66,70-72
  4. Le proteine unite con legami atomici incrociati sono il risultato di danno accumulato dell'ossidante e glycation nella gioventù. Si eliminano dalle strutture intracellulari chiamate proteasomes.65 con l'aumento dell'età, tuttavia, la degradazione proteasomal diminuisce, permettendo che le proteine disfunzionali si accumulino ed interferiscano con la funzione cellulare. Carnosine può reagire con queste proteine anormali, acceleranti la loro eliminazione.65,70
  5. I telomeri sono le sequenze di ripetizione del DNA all'estremità dei cromosomi che funzionano come genere “di orologio molecolare,„ stanti accorciati con ogni ciclo della replica delle cellule. Quando i telomeri diventano troppo brevi, le cellule muoiono. Carnosine riduce il danneggiamento dei telomeri e rallenta il loro tasso di riduzione nei sistemi sperimentali.64
  6. La disfunzione mitocondriale accelera l'invecchiamento privando le cellule dell'energia che hanno bisogno di ed aggiungendo al loro carico ossidativo mentre i mitocondri perdono la loro efficienza.73 Carnosine alleviano tutte queste alterazioni, particolarmente in cellule cerebrali vulnerabili in cui la disfunzione mitocondriale contribuisce a Alzheimer e ad altre malattie neurodegenerative.47,73,74

Carnosine migliora la prestazione di esercizio

Mentre il grasso corporeo in eccesso aumenta il rischio di diabete, l'esercizio regolare riduce il rischio sia di obesità che di diabete. Carnosine sostiene la prestazione di esercizio attenuando i livelli in aumento di acido che si accumulano in muscolo funzionante.L'acido d'accumulazione 55,56 in muscoli produce l'affaticamento ed il dolore che infine limita i nostri allenamenti.54,57,58

Che aumenta il carnosine del muscolo i livelli ora è mezzi affermati di miglioramento della prestazione di esercizio e di riduzione dell'affaticamento, sia in individui formati che non addestrati.6,59,60 in adulti più anziani, in cui la debolezza ed il rischio di aumenti di cadute con la debolezza di muscolo, possono essere un fattore critico nella promozione la sicurezza e della vita indipendente.61

In uno studio della gente 55-92 anni, sollevante il contenuto di carnosine del muscolo hanno aumentato la loro soglia di affaticamento di 29% da pre- al post-completamento, senza cambiamento visto nel gruppo del placebo.62 che un simile studio fra 60-80 anni ha dimostrato un importante crescita negli oggetti di tempo potrebbero esercitarsi prima di essere esauriti.63

Riassunto

La decade passata ha condotto ad una vasta matrice dei risultati per quanto riguarda gli effetti protettivi multipli dei carnosine, in seguito alla sua capacità di combattere i processi multipli che causano l'invecchiamento.

Carnosine difende contro danno dell'ossidante, il glycation delle proteine vitali, l'accumulazione acida in muscolo e nel cuore, gli ioni pericolosi del metallo di transizione, dalla la reticolazione indotta da età della proteina, la disfunzione mitocondriale e la riduzione d'accelerazione del telomero.64

Queste azioni multitargeted collaborano per impedire le malattie relative all'età quali il declino e la demenza conoscitivi, per promuovere la comodità di esercizio e la prestazione, per rallentare la progressione dei termini metabolici quale il diabete e per difendere contro aterosclerosi e la malattia cardiaca. Non è carnosine di meraviglia si riferisce a come “il dipeptide antinvecchiamento.„26

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Riferimenti

1. Hipkiss AR. Carnosine, un peptide protettivo e antinvecchiamento? Cellula Biol. di biochimica di Int J. 1998 agosto; 30(8): 863-8.

2. Boldyrev aa, Yuneva Mo, Sorokina EV, et al. sistemi antiossidanti in tessuti della senescenza ha accelerato i topi. Biochimica (Mosc). 2001 ottobre; 66(10): 1157-63.

3. Bellia F, Calabrese V, Guarino F, et al. Carnosinase livella nel cervello di invecchiamento: induzione dello stato di redox e risposta cellulare di sforzo. Segnale di redox di Antioxid. 2009 novembre; 11(11): 2759-75.

4. Everaert I, Mooyaart A, il Baguet A, et al. il vegetarianismo, il genere femminile e l'età aumentante, ma non il genotipo CNDP1, sono associati con i livelli riduttori di carnosine del muscolo in esseri umani. Aminoacidi. 2011 aprile; 40(4): 1221-9.

5. Bellia F, Vecchio G, Cuzzocrea S, Calabrese V, caratteristiche di Rizzarelli E. Neuroprotective del carnosine nelle malattie determinate ossidative. Mol Aspects Med. 2011 agosto; 32 (4-6): 258-66.

6. Baguet A, Bourgois J, Vanhee L, Achten E, ruolo di Derave W. Important del carnosine del muscolo nella prestazione di rematura. J Appl Physiol. 2010 ottobre; 109(4): 1096-101.

7. Calabrese V, Cornelius C, Cuzzocrea S, Iavicoli I, Rizzarelli E, Calabrese EJ. Hormesis, risposta cellulare di sforzo e vitagenes come fattori determinanti critici nell'invecchiamento e nella longevità. Mol Aspects Med. 2011 agosto; 32 (4-6): 279-304.

8. Riedl E, Koeppel H, Pfister F, et al. N-glicosilazione del carnosinase influenza la secrezione e l'attività enzimatica della proteina: implicazioni per l'iperglicemia. Diabete. 2010 agosto; 59(8): 1984-90.

9. Gayova E, Kron I, Suchozova K, Pavlisak V, Fedurco m., Novakova B. Carnosine in pazienti con i diabeti melliti di tipo I. Bratisl Lek Listy. 1999 settembre; 100(9): 500-2.

10. McFarland GA, Holliday R. Retardation della senescenza dei fibroblasti diploidi umani coltivati dal carnosine. Ricerca delle cellule di Exp. 1994 giugno; 212(2): 167-75.

11. McFarland GA, prova di Holliday R. Further per gli effetti ringiovanire del dipeptide L-carnosine sui fibroblasti diploidi umani coltivati. Exp Gerontol. 1999 gennaio; 34(1): 35-45.

12. Snell TW, campi, Johnston RK. Gli antiossidanti possono estendere la durata della vita dei manjavacas di Brachionus (rotiferi), ma soltanto in alcune combinazioni. Biogerontology. 24 gennaio 2012.

13. Yuneva AO, GG di Kramarenko, Vetreshchak TV, S prode, Boldyrev aa. Effetto del carnosine sulla durata di drosophila melanogaster. Med di biol di Exp del toro. 2002 giugno; 133(6): 559-61.

14. Stvolinsky S, Antipin m., Meguro K, Sato T, Abe H, Boldyrev A. Effect del carnosine e dei suoi derivati Trolox-modificati sulla durata del drosophila melanogaster. Ricerca di ringiovanimento. 2010 agosto; 13(4): 453-7.

15. Boldyrev aa, Sc prode, Sukhich GT. Carnosine, il peptide protettivo e antinvecchiamento. Rappresentante di Biosci. 1999 dicembre; 19(6): 581-7.

16. S prode, Semyonova m., Yuneva M. Carnosine come droga potenziale di anti-senescenza. Biochimica (Mosc). 2000 luglio; 65(7): 866-8.

17. Dobrota D, Fedorova T, Stvolinsky S, et al. Carnosine protegge il cervello dei ratti e dei gerbilli del mongolian dalla lesione ischemica: dopo-colpo-effetto. Ricerca di Neurochem. 2005 ottobre; 30(10): 1283-8.

18. Rajanikant GK, Zemke D, Senut MC, et al. Carnosine è neuroprotective contro ischemia cerebrale focale permanente in topi. Colpo. 2007 novembre; 38(11): 3023-31.

19. Stvolinsky SL, attività Anti-ischemica di Dobrota D. del carnosine. Biochimica (Mosc). 2000 luglio; 65(7): 849-55.

20. LA di Bokeriya, Boldyrev aa, Movsesyan RR, et al. effetto di Cardioprotective di istidina-contenere i dipeptidi nella cardioplegia fredda farmacologica. Med di biol di Exp del toro. 2008 marzo; 145(3): 323-7.

21. Hipkiss AR, Preston JE, distacco di Himswoth, Worthington VC, abbot NJ. Effetti protettivi del carnosine contro da tossicità indotta da malondialdeide verso le cellule endoteliali coltivate del cervello del ratto. Neurosci Lett. 5 dicembre 1997; 238(3): 135-8.

22. Bai J, "chi" G, Zhang J, et al. effetto protettivo del carnosine sulla lesione delle cellule endoteliali vascolari del ratto indotte da ipossia. Zhongguo Ying Yong Sheng Li Xue Za Zhi. 2010 febbraio; 26(1): 30-2.

23. Rashid I, van Reyk DM, Davies MJ. Carnosine ed i suoi costituenti inibiscono il glycation delle lipoproteine a bassa densità che promuove la formazione delle cellule della schiuma in vitro. FEBS Lett. 6 marzo 2007; 581(5): 1067-70.

24. DG di Ririe, Roberts PR, MN di Shouse, GP di Zaloga. Azioni vasodilatatori del carnosine dietetico del peptide. Nutrizione. 2000 marzo; 16(3): 168-72.

25. Takahashi S, Nakashima Y, Toda K. Carnosine facilita la produzione dell'ossido di azoto in cellule endoteliali F2. Toro di biol Pharm. 2009 novembre; 32(11): 1836-9.

26. GP di Zaloga, Roberts PR, Nelson TE. Carnosine: un regolatore novello del peptide di calcio intracellulare e di contrattilità in muscolo cardiaco. Nuovo orizzontale. 1996 febbraio; 4(1): 26-35.

27. Roberts PR, GP di Zaloga. Effetti cardiovascolari del carnosine. Biochimica (Mosc). 2000 luglio; 65(7): 856-61.

28. Wu CH, Huang MP, Lin JA, GASCROMATOGRAFIA di Yen. Inibizione di formazione avanzata del prodotto finito di glycation dalle derrate alimentari. Alimento Funct. 2011 maggio; 2(5): 224-34.

29. Jakus V. Il ruolo del glycation e dell'glyco-ossidazione non enzimatici nello sviluppo delle complicazioni vascolari diabetiche. Cesk Fysiol. 2003 maggio; 52(2): 51-65.

30. Hipkiss AR. Glycation, invecchiamento e carnosine: sono le diete carnivore utili? Sviluppatore invecchiante Mech. 2005 ottobre; 126(10): 1034-9.

31. Nagai K, Niijima A, Yamano T, et al. ruolo possibile di L-carnosine nel regolamento di glicemia through controllando i nervi autonomi. Med di biol di Exp (Maywood). 2003 novembre; 228(10): 1138-45.

32. Hipkiss AR, Brownson C, trasportatore MJ. Carnosine, il dipeptide antinvecchiamento e antiossidante, può reagire con i gruppi carbonilici della proteina. Sviluppatore invecchiante Mech. 15 settembre 2001; 122(13): 1431-45.

33. RM di Aldini G, di Facino, Beretta G, Carini M. Carnosine e dipeptidi relativi come quenchers delle specie reattive del carbonilico: dagli studi strutturali alle prospettive terapeutiche. Biofactors. 2005;24(1-4):77-87.

34. Janssen B, Hohenadel D, Brinkkoetter P, et al. Carnosine come fattore protettivo in nefropatia diabetica: associazione con una ripetizione della leucina del gene CNDP1 di carnosinase. Diabete. 2005 agosto; 54(8): 2320-7.

35. Sauerhofer S, yuan G, Braun GS, et al. L-carnosine, un substrato di carnosinase-1, influenza il metabolismo del glucosio. Diabete. 2007 ottobre; 56(10): 2425-32.

36. Riedl E, Pfister F, Braunagel m., et al. Carnosine impedisce gli apoptosi delle cellule e della perdita glomerulari del podocyte nei ratti del diabetico di STZ. Biochimica di Physiol delle cellule. 2011;28(2):279-88.

37. Lee YT, Hsu cc, Lin MH, Liu KS, Yin MC. L'istidina e il carnosine ritardano il deterioramento diabetico in topi e proteggono la lipoproteina umana di densità bassa dall'ossidazione e dal glycation. EUR J Pharmacol. 18 aprile 2005; 513 (1-2): 145-50.

38. Yan H, Harding JJ. Carnosine protegge dall'inattivazione dell'esterasi indotta dal glycation e da uno steroide. Acta di Biochim Biophys. 30 giugno 2005; 1741 (1-2): 120-6.

39. Yan H, Guo Y, Zhang J, Ding Z, ha W, Harding JJ. Effetto del carnosine, del aminoguanidine e delle gocce di aspirin sulla prevenzione delle cataratte in ratti diabetici. Mol Vis. 2008;14:2282-91.

40. Pfister F, Riedl E, Wang Q, et al. il completamento orale di carnosine impedisce il danno vascolare nella retinopatia diabetica sperimentale. Biochimica di Physiol delle cellule. 2011;28(1):125-36.

41. Kamei J, Ohsawa m., Miyata S, effetto di Tanaka S. Preventive di L-carnosine sui cambiamenti nella soglia nocicettiva termica da in topi diabetici indotti streptozotocin. EUR J Pharmacol. 14 dicembre 2008; 600 (1-3): 83-6.

42. Shen Y, Hu WW, Chen Z. Carnosine e malattie del sistema nervoso centrale. Zhejiang Da Xue Xue Bao Yi Xue Ban. 2007 marzo; 36(2): 199-203.

43. Fonteh, Harrington RJ, Tsai A, Liao P, Harrington MG. Cambiamenti del dipeptide e dell'aminoacido nei liquidi organici dagli oggetti del morbo di Alzheimer. Aminoacidi. 2007 febbraio; 32(2): 213-24.

44. Hipkiss AR. Ha potuto il carnosine o le strutture relative sopprimere il morbo di Alzheimer? J Alzheimers DIS. 2007 maggio; 11(2): 229-40.

45. Matsukura T, Tanaka H. Applicability del complesso dello zinco di L-carnosine per uso medico. Biochimica (Mosc). 2000 luglio; 65(7): 817-23.

46. Wang, mA C, Xie ZH, Shen F. Use del carnosine come droga naturale di anti-senescenza per gli esseri umani. Biochimica (Mosc). 2000 luglio; 65(7): 869-71.

47. Corona C, Frazzini V, Silvestri E, et al. effetti del completamento dietetico del carnosine su disfunzione mitocondriale, patologia dell'amiloide e deficit conoscitivi in topi 3xTg-AD. PLoS uno. 2011; 6(3): e17971.

48. CD di Acosta S, di Jernberg J, di Sanberg, et al. NT-020, un approccio terapeutico naturale per ottimizzare prestazione spaziale di memoria e per aumentare proliferazione delle cellule del progenitore ed infiammazione neurali di diminuzione nel ratto invecchiato. Ricerca di ringiovanimento. 2010 ottobre; 13(5): 581-8.

49 Tsai SJ, Kuo WW, Liu WH, Yin MC. Protezione antiossidante ed antinfiammatoria dal carnosine nel corpo striato dei topi MPTP-trattati. Alimento chim. di J Agric. 6 ottobre 2010.

50. Yasuhara T, Hara K, Maki m., et al. il completamento dietetico esercita gli effetti neuroprotective nel modello ischemico del colpo. Ricerca di ringiovanimento. 2008 febbraio; 11(1): 201-14.

51. Pekcetin C, Kiray m., BU di Ergur, et al. Carnosine attenua lo sforzo ossidativo e gli apoptosi nell'ischemia cerebrale transitoria in ratti. Biol di acta appesa. 2009 giugno; 60(2): 137-48.

52. Shen Y, P, il fan il YY, et al. Carnosine protegge da ischemia cerebrale permanente nei topi di knock-out della decarbossilasi dell'istidina riducendo il excitotoxicity del glutammato. Med libero di biol di Radic. 1° marzo 2010; 48(5): 727-35.

53. Khama-Murad A, Mokrushin aa, Pavlinova LI. Le proprietà di Neuroprotective del l-carnosine nelle fette del cervello hanno esposto a autoblood nel modello emorragico del colpo in vitro. Regul Pept. 25 febbraio 2011; 167(1): 65-9.

54. Begum G, Cunliffe A, ruolo di Leveritt M. Physiological del carnosine in muscolo di contratto. Sport Nutr Exerc Metab di Int J. 2005 ottobre; 15(5): 493-514.

55. Il Baguet A, Koppo K, Pottier A, il completamento dell'Beta-alanina di Derave W. riduce l'acidosi ma non la risposta di consumo d'ossigeno durante l'esercizio di riciclaggio ad alta intensità. EUR J Appl Physiol. 2010 febbraio; 108(3): 495-503.

56. Vendita C, Saunders B, Harris RC. Effetto del completamento dell'beta-alanina sulle concentrazioni di carnosine del muscolo e sulla prestazione di esercizio. Aminoacidi. 2010 luglio; 39(2): 321-33.

57. Tallon MJ, Harris RC, LH di Boobis, Fallowfield JL, JA saggio. Il contenuto di carnosine dei lateralis vastus è elevato in culturisti resistenza-preparati. Ricerca di Cond di forza di J. 2005 novembre; 19(4): 725-9.

58. Giannini Artioli G, Gualano B, Smith A, birra di malto J, Herbert Lancha AJ. Il ruolo del completamento dell'beta-alanina sul carnosine del muscolo e sulla prestazione di esercizio. Med Sci Sports Exerc. 9 dicembre 2009.

59. Metabolismo di carnosine di A. Muscle di Derave W, di Everaert I, di Beeckman S, di Baguet e completamento dell'beta-alanina relativamente all'esercizio ed all'addestramento. Med di sport. 1° marzo 2010; 40(3): 247-63.

60. RM di Hobson, Saunders B, palla G, Harris RC, vendita C. Effects del completamento dell'beta-alanina sulla prestazione di esercizio: una meta-analisi. Aminoacidi. 24 gennaio 2012.

61. JUNIOR corpulento, tombe BS, Smith EA, et al. L'effetto del completamento dell'beta-alanina su affaticamento neuromuscolare in anziani (55-92 anni): uno studio randomizzato prova alla cieca. Sport Nutr di J Int Soc. 2008;5:21.

62. Hyland P, Duggan O, Hipkiss A, Barnett C, effetti di Barnett Y. The del carnosine su DNA ossidativo danneggia i livelli e la durata in vitro nei cloni di cellula T di CD4+ derivati sangue periferico umano. Sviluppatore invecchiante Mech. 2000 20 dicembre; 121 (1-3): 203-15.

63. Del Favero S, Roschel H, Solis MIO, et al. completamento dell'Beta-alanina (Carnosyn) negli oggetti anziani (60-80 anni): effetti su capacità contenta e fisica di carnosine del muscolo. Aminoacidi. 6 dicembre 2011.

64. Shao L, Li QH, Tan Z.L-carnosine riduce il danno del telomero ed il tasso della riduzione in fibroblasti normali coltivati. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 12 novembre 2004; 324(2): 931-6.67.

65. Hipkiss AR, Brownson C, Bertani MF, Ruiz E, ferro A. Reaction del carnosine con le proteine invecchiate: un altro processo protettivo? Ann N Y Acad Sci. 2002 aprile; 959:285-94.

66. Hipkiss AR, Preston JE, distacco di Himsworth, et al. effetti protettivi di Pluripotent del carnosine, un dipeptide naturale. Ann N Y Acad Sci. 20 novembre 1998; 854:37-53.

67. VP di Reddy, SIG. di Garrett, sidro di pere G, Smith mA. Carnosine: un agente antiossidante e antiglycating versatile. La conoscenza di invecchiamento di Sci circonda. 4 maggio 2005; 2005(18): pe12.

68. Hipkiss AR, Michaelis J, glicosilazione di Syrris P. Non-enzymatic del dipeptide L-carnosine, un agente dicollegamento potenziale. FEBS Lett. 28 agosto 1995; 371(1): 81-5.

69. Kang JH. Gli effetti protettivi del carnosine e del homocarnosine sulla ferritina e sull'idrogeno perossido-hanno mediato il danno del DNA. Rappresentante di BMB. 2010 ottobre; 43(10): 683-7.

70. Hipkiss AR. Sull'enigma delle azioni antinvecchiamento dei carnosine. Exp Gerontol. 2009 aprile; 44(4): 237-42.

71. Hipkiss AR. Carnosine ed i suoi ruoli possibili nella nutrizione e nella salute. Ricerca di Nutr dell'alimento di adv. 2009;57:87-154.

72. Boldyrev aa, Stvolinsky SL, Fedorova TN, Suslina ZA. Carnosine come un antiossidante e geroprotector naturali: dai meccanismi molecolari ai test clinici. Ricerca di ringiovanimento. 2010 aprile-giugno; 13 (2-3): 156-8.

73. Cheng J, Wang F, Yu DF, Wu PF, Chen JG. Il meccanismo citotossico della malondialdeide ed effetto protettivo del carnosine via reticolazione della proteina/disfunzione mitocondriale/via reattiva dell'ossigeno species/MAPK in neuroni. EUR J Pharmacol. 10 gennaio 2011; 650(1): 184-94.

74. Hipkiss AR. Invecchiamento, proteotoxicity, mitocondri, Glycation, NAD e Carnosine: Correlazioni e risoluzione possibili del paradosso dell'ossigeno. Front Aging Neurosci. 2010;2:10.