Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista maggio 2012
Nelle notizie

Omega-3, vitamina A rallentano la progressione della malattia dell'occhio devastante

La vitamina A di Omega 3 rallenta la progressione della malattia dell'occhio devastante

Un articolo pubblicato online negli archivi dell'oftalmologia descrive la scoperta dei ricercatori di Harvard di un beneficio per gli acidi grassi omega-3 congiuntamente a vitamina A per gli individui con retinite pigmentosa.*

Eliot L. Berson, MD, della facoltà di medicina di Harvard ed i suoi soci ha analizzato i dati da 357 adulti con le retinite pigmentose che hanno partecipato ad uno di tre test clinici randomizzati che sono stati condotti dal 1984 al 1991, 1996 - 2001 e 2003 - 2008. Tutti gli oggetti stavano ricevendo una vitamina A di 15.000 unità internazionali per quattro - sei anni. I questionari dietetici compilati sopra l'iscrizione e durante le visite annuali di seguito sono stati analizzati per l'assunzione degli acidi grassi omega-3.

Fra quelli di cui l'assunzione degli acidi grassi omega-3 è stata classificata come alta, un rapporto di riproduzione di 40% del tasso annuale medio di declino dell'acuità visiva di distanza è stato osservato in confronto a coloro che ha consumato i livelli più bassi.

La nota del redattore: La retinite pigmentosa è una malattia che comincia con cecità notturna nell'adolescenza e progredisce per parteggiare perdita della visione, la visione di tunnel e cecità finale in alcuni uomini e donne.

— D. Tintura

Riferimento

* Arco Opthalmol. 13 febbraio 2012.

Telomeri accorciati connessi con il maggior rischio di malattia cardiovascolare e di mortalità iniziale

Un'emissione recente di arteriosclerosi, di trombosi e di biologia vascolare riferisce l'individuazione dei ricercatori danesi di un collegamento fra i brevi telomeri e un rischio aumentato di malattia cardiaca e death.* iniziale

L'università di professore clinico di Copenhaghen dell'epidemiologia genetica Borge Nordestgaard e di suoi colleghi ha misurato la lunghezza bianca del telomero del globulo in campioni di sangue da 19.838 partecipanti allo studio del cuore della città di Copenhaghen ed allo studio popolazione in genere di Copenhaghen. Gli oggetti sono stati seguiti per fino a 19 anni, e nel frattempo 2.038 casi della malattia cardiaca ischemica, di 929 attacchi di cuore e di 4.342 morti hanno accaduto.

La lunghezza del telomero è stata trovata per diminuire con l'età sia in uomini che in donne. I telomeri accorciati sono stati individuati in 25% dei partecipanti e sono stati associati con un aumento di regolato di 49% nel rischio di attacco di cuore, in un rischio aumentato 24% di malattia cardiaca ed in un rischio maggior 25% di mortalità iniziale.

La nota del redattore: I telomeri ricoprono e proteggono l'estremità dei cromosomi ed accorciano col passar del tempo, che li rende utili come indicatore di invecchiamento cellulare. Mentre accelerata la riduzione del telomero è stata associata con fattori di fumo e ed altro dell'obesità; l'uso, l'esercizio e gli alti livelli del multivitaminico degli acidi grassi omega-3 sono stati trovati per avere un effetto protettivo sulla loro manutenzione.

— D. Tintura

Riferimento

* Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2012 marzo; 32:822-9.

Meccanismo trovato per TENUE nella riduzione della crescita ovarica della cellula tumorale

Nella medicina del giornale BMC, i ricercatori da Texas Tech University Health Sciences riferiscono la scoperta di un meccanismo per diindolylmethane (TENUE), un metabolita attivo di indole-3-carbinol trovato in verdure crocifere, per indurre morte programmata delle cellule (apoptosi) nel cancro ovarico coltivato cells.*

Lo studio corrente ha esplorato gli effetti di TENUE in parecchie linee del cancro ovarico. È stato trovato che TENUE induce gli apoptosi e che esercitano i suoi effetti bloccando la produzione e l'attivazione di STAT3, un fattore di trascrizione che è associato con la crescita e la sopravvivenza delle cellule che sovra-è espressa nei casi della resistenza al cisplatino della chemioterapia.

In ulteriore sperimentazione, i ricercatori hanno pretrattato le cellule tumorali ovariche con TENUE, seguito dall'amministrazione di cisplatino per 24 ore. La combinazione ha provocato una riduzione di 70% - di 50 della sopravvivenza delle cellule, contrariamente ad un rapporto di riproduzione di 28% in cellule trattate con cisplatino solo.

La nota del redattore: Ancora, i topi hanno trattato con solo TENUE o TENUE e cisplatino ha avvertito la crescita ritardata dei tumori ovarici impiantati confrontati ai topi o agli animali non trattati che hanno ricevuto il cisplatino da solo.

— D. Tintura

Riferimento

* Med di BMC. 26 gennaio 2012.

La fibra del lino sopprime l'appetito e l'ingestione di cibo

La fibra del lino sopprime l'appetito e l'ingestione di cibo

Un articolo ha pubblicato nei rapporti di appetito del giornale l'individuazione dei ricercatori dall'università di Copenhaghen di un effetto disoppressione per il seme di lino nei giovani in buona salute e in women.*

In uno studio dell'incrocio, 24 uomini e le donne hanno subito un veloce di notte dopo di che sono stati assegnati ad una bevanda che non contiene 2,5 grammi di fibre solubili del seme di lino o fibra. L'appetito è stato valutato ogni 30 minuti per due ore. Un pasto poi è stato servito ai partecipanti ed al consumo alimentare misurati. Un secondo studio dell'incrocio ha fatto partecipare 20 partecipanti ed ha paragonato gli effetti della stessa bevanda lino-contenente alle compresse della fibra del lino prese alla bevanda di controllo.

Mentre la bevanda del lino ha fatto diminuire la fame e l'ingestione di cibo in confronto alla bevanda di controllo, nessuna differenza significativa è stata osservata fra gli effetti della bevanda del lino e le compresse del lino. L'assunzione di caloria era 9% più di meno dopo il consumo della bevanda del lino in confronto a quella degli oggetti che hanno consumato la bevanda di controllo.

La nota del redattore: Mentre una dieta che contiene gli alimenti che sono naturalmente alti in fibra può aiutare l'appetito di controllo, “il vantaggio delle fibre del seme di lino sopra altre fibre dietetiche è che una dose di 2,5 grammi è sufficiente per urtare l'appetito,„ gli autori scrive. “Questa è una quantità considerevolmente più piccola che nella maggior parte degli altri studi, che hanno amministrato le dosi dietetiche della fibra che variano da 5 a 12 grammi.„

— D. Tintura

Riferimento

* Appetito. 11 gennaio 2012.

Completando una dieta Mediterranea con il coenzima Q10 abbassa l'infiammazione

Completando una dieta Mediterranea con il coenzima Q10 abbassa l'infiammazione

Uno studio ha descritto nelle pubblicazioni delle serie A di gerontologia ha rivelato che l'aggiunta del coenzima Q10 (CoQ10) ad una dieta Mediterranea abbassa una serie di indicatori di infiammazione in uomini più anziani e in women.*

I ricercatori spagnoli hanno iscritto dieci uomini e dieci donne che non stavano curandi per infiammazione o i lipidi elevati. I regimi hanno consistito di una dieta Mediterranea, di una dieta Mediterranea completata con 200 milligrammi al giorno del coenzima Q10 e di una dieta occidentale che contiene le quantità elevate di grasso saturo.

Il consumo della dieta Mediterranea è stato trovato per essere associato con una riduzione dell'espressione di una serie di geni in questione nel processo infiammatorio. L'aggiunta del coenzima Q10 alla dieta ulteriore ha ridotto l'espressione di tre geni significativi.

La nota del redattore: Jose Lopez-Miranda autori ed i colleghi scrivono che, “in esseri umani in buona salute, danno ossidativo del plasma può parzialmente essere impedito dal completamento CoQ10, che è stato ripiegato in altre popolazioni, come i pazienti della coronaropatia o di psoriasi.„

— D. Tintura

Riferimento

* J Gerontol una biol Sci Med Sci. 2012 gennaio; 67(1): 3-10.

Studi per analizzare i benefici della vitamina D, gli acidi grassi Omega-3 in uomini più anziani e le donne

Uno studio proposto dall'università di Zurigo valuterà gli effetti di un programma e/o di un completamento di esercizio con gli acidi grassi polinsaturi omega-3 o la vitamina D sul rischio di malattie relative all'età, compreso l'artrite, la malattia cardiovascolare, la demenza e l'osteoporosi, in un population.* senior

La prova di DO-HEALTH recluterà oltre 2.000 uomini e donne invecchiati 70 e più vecchio risiedere in cinque paesi europei che cominciano a maggio di questo anno. Il professor Heike Bischoff-Ferrari e lei soci valuterà la sicurezza e l'efficacia dei regimi sul rischio di circostanze relative all'età come pure sulla capacità di eseguire le attività della vita quotidiana. “DO-HEALTH spera di fornire la prova definitiva che i tre interventi, da solo o combinato, possano ridurre il numero delle fratture, il declino funzionale e conoscitivo, il rischio di ipertensione ed il rischio di infezioni nella popolazione senior,„ il Dott. Bischoff-Ferrari ha dichiarato.

La nota del redattore: “I vari studi hanno indicato che la vitamina D ed i programmi mirati a semplici di esercizio possono migliorare significativamente la mobilità funzionale e ridurre le cadute e le fratture in anziani, anche da fino a 30%,„ il Dott. Bischoff-Ferrari ha notato.

— D. Tintura

Riferimento

* Invecchiamento della vitamina D3-Omega 3-Home e prova Esercizio-sani di longevità (DO-HEALTH), Zurigo, Svizzera.

Gli aiuti del tè verde riducono il rischio di inabilità in individui più anziani

Gli aiuti del tè verde riducono il rischio di inabilità in individui più anziani

Un rapporto pubblicato nel giornale americano di nutrizione clinica rivela un'associazione fra più a basso rischio dell'inabilità funzionale di incidente, come quello causato da danno conoscitivo, osteoporosi e colpo ed ha aumentato l'assunzione di tè verde in uomini più anziani e in women.*

I ricercatori hanno analizzato i dati da 13.988 uomini giapponesi e le donne hanno invecchiato 65 ed il più vecchio. I questionari compilati sopra l'iscrizione sono stati analizzati per la frequenza di verde, di oolong e dell'assunzione del tè nero. Su un periodo triennale di seguito, l'inabilità funzionale di incidente è stata documentata in 1.316 uomini e donne.

Per gli oggetti che hanno consumato una - due tazze del tè verde al giorno, il rischio di handicappati diventanti era 10% più basso di coloro che ha riferito bere di meno che una tazza al giorno. La probabilità dell'inabilità è diminuito con il maggior consumo del tè verde ad un 33% più a basso rischio per quelli di cui l'assunzione era cinque tazze per giorno o più.

La nota del redattore: Gli studi precedenti hanno scoperto le associazioni fra il consumo del tè verde e un più a basso rischio del colpo, una demenza, la frattura e la depressione, che può contribuire all'inabilità. L'assunzione del polifenolo del tè verde inoltre è stata associata con forza migliore della gamba, quindi riducente la debolezza, un fattore di rischio importante di inabilità.

— D. Tintura

Riferimento

* J Clin Nutr. 25 gennaio 2012.

Crescita di digiuno del tumore dei ritardi

Un articolo pubblicato nella medicina di traduzione di scienza rivela la scoperta di una riduzione significativa della crescita dei tumori cancerogeni sottoposti ai brevi cicli di digiuno. Il regime è stato trovato per migliorare l'effetto della chemioterapia ma inoltre ha funzionato bene senza trattamento farmacologico nelle linee cellulari coltivate del cancro e in mice.*

I ricercatori inizialmente hanno determinato che il glucosio e la restrizione di fattore di crescita hanno sensibilizzato 15 di 17 linee cellulari del cancro alle droghe della chemioterapia. Negli studi con i topi in tensione che hanno ricevuto i tumori umani ed animali impiantati del cancro, gli animali che hanno avuti accesso a soltanto l'acqua per 48 - 60 ore hanno avvertito i benefici che, erano in alcuni casi comparabili alla chemioterapia. Tuttavia, i più notevoli benefici sono stati osservati in animali che hanno subito sia la chemioterapia che il digiuno. In due esperimenti con i topi iniettati con le cellule di neuroblastoma, circa 25 e 42% degli animali digiunati che hanno ricevuto la chemioterapia hanno raggiunto la sopravvivenza a lungo termine, contrariamente agli animali chemioterapia-trattati zero che hanno consumato una dieta normale.

La nota del redattore: Il meccanismo proposto dietro l'azione protettiva di digiuno verte l'assegnazione delle risorse energetiche cellulari. Nello stato di digiuno quando le sostanze nutrienti di energia disponibile sono basse, una cellula normale utilizza l'energia cellulare disponibile verso i suoi bisogni di base di manutenzione ed a partire dai processi di crescita e riproduttivi. Le cellule tumorali mancano di questa stessa capacità perché il loro blocchetto degli oncogeni (geni spesso mutati che causano la replica rapida delle cellule del tumore) questa risposta ed assegnando l'energia cellulare verso la replica, là abbastanza non è lasciato per sostenere i processi di base e la cellula muore.

— D. Tintura

Riferimento

* Med di Sci Translat. 8 febbraio 2012.

Maggior assunzione di calcio, vitamine connesse con il rischio di Cancro colorettale più basso

Maggior assunzione di calcio, vitamine connesse con il rischio di Cancro colorettale più basso

Un'emissione recente della ricerca anticancro riferisce un più a basso rischio per cancro colorettale in collaborazione con assunzione aumentata di calcio, di vitamina C, della vitamina D, della riboflavina e di folate.*

I ricercatori hanno abbinato 1.760 uomini e donne con cancro colorettale con 2.481 oggetto di controllo. Le risposte di questionario sono state usate per quantificare l'assunzione di calcio, di ferro, di folato e delle vitamine A, B1, B2, B6, B12, C, D ed E da alimento e dai supplementi.

Il gruppo ha osservato le probabilità di diminuzione di avere cancro colorettale in collaborazione con assunzione aumentata di calcio, di vitamina C, della vitamina D, della riboflavina e del folato dalle fonti dietetiche e supplementari. Quelli di cui l'assunzione di calcio dai supplementi e dall'alimento era fra l'un quinto principale dei partecipanti hanno avuti un rischio più basso 41% di regolato di cancro colorettale confrontato a quelli di cui l'assunzione era fra il quinto più basso e per riboflavina, il rischio erano 39% più in basso per gli oggetti nell'più alto quinti.

La nota del redattore: Una riduzione del rischio inoltre è stata osservata per consumo aumentato di queste sostanze nutrienti una volta derivata da alimento da solo, sebbene la diminuzione non fosse grande quanto quella osservata per alimento più le fonti supplementari.

— D. Tintura

Riferimento

* Ricerca anticancro. 2012 febbraio; 32(2): 687-96.

FDA avverte del ® falsificato di Avastindel farmaco anticancro

FDA recentemente ha annunciato che una versione falsificata del ® di Avastindel farmaco anticancro può essere acquistata ed utilizzata in una serie di facilità mediche negli Stati Uniti. * Diciannove pratiche mediche conosciute per avere farmaci unapproved acquistati del cancro sono state contattate per avvertirle circa uso della droga falsificata possibile. La versione falsa del ®di Avastin che sta vendendo manca dell'ingrediente chiave della medicina, bevacizumab, che può mettere in pericolo i pazienti che prendono la droga che lo crede per essere la cosa vera. Roche, che fabbrica il ®di Avastin, ha effettuato le prove di laboratorio che confermano la presenza della versione falsificata.

“Il prodotto falsificato non è sicuro o efficace e non dovrebbe essere usato,„ la società Genentech del membro di Roche ha detto in una dichiarazione redatta. Genentech è responsabile della commercializzazione del ®di Avastin. I farmaci-potenziale unapproved del cancro compreso la versione falsificata del ®di Avastin— sono stati acquistati da un fornitore straniero conosciuto come i prodotti di specialità di qualità, che possono anche essere conosciuti come Montana Health Care Solutions, secondo FDA. “Suona come il punto chiave con quella… è che le fiale falsificate non hanno etichette di Genentech loro,„ ha detto Donald Harvey, presidente dell'ematologia e dell'associazione dei farmacisti dell'oncologia.

— J. Finkel

Riferimento

* http://www.cnn.com/2012/02/15/health/fda-avastin-counterfeit/index.html. Acceduto a, il 21 febbraio 2012.

Brain Proteins May Be Key ad invecchiare

Maggior assunzione di calcio, vitamine connesse con il rischio di Cancro colorettale più basso

Gli scienziati all'istituto di Salk per gli studi biologici hanno riferito nella scienza del giornale che hanno scoperto che le proteine longeve (ELLPs) nei cervelli dei ratti possono persistere per più di un risultato di anno-un che suggerisce le proteine, inoltre ha trovato in cervelli umani, ultimo un intero lifetime.*

“La maggior parte delle cellule, ma non i neuroni, combattono il deterioramento funzionale delle loro componenti proteiche con il processo del volume d'affari della proteina, in cui le parti potenzialmente alterate delle proteine sono sostituite con le nuove copie funzionali,„ hanno detto Martin Hetzer senior autore, di Salk molecolare e del laboratorio di biologia cellulare, in una dichiarazione. “I nostri risultati inoltre indicano che il deterioramento nucleare del poro potrebbe essere un meccanismo generale di invecchiamento che conduce ai difetti relativi all'età nella funzione nucleare, quale la perdita di programmi giovanili di espressione genica.„

La speranza è quella oltre a fornire i dati sull'invecchiamento del cervello, le informazioni riunite possono dare la comprensione nello sviluppo delle malattie neurodegenerative come Parkinson ed Alzheimer.

— J. Finkel

Riferimento

* http://www.sciencemag.org/content/early/2012/02/01/science.1217421.abstract?sid=e3d8c684-357d-460b-8454-8539c5b90a2d. 21 febbraio 2012 raggiunto.