Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista maggio 2012
Rapporto

“Il cocktail„ nutriente ritarda invecchiare ed estende la durata

Da Susan Machado
'L'invecchiamento nutriente di Cocktail'Delays ed estende la durata

Una coalizione internazionale dei ricercatori ha provato in laboratorio che “un cocktail„ completo dei supplementi nutrizionali ha aumentato significativamente la durata giovanile.1

Poiché invecchiare è un processo multifattoriale con le cause di sovrapposizione, gli scienziati hanno formulato una miscela nutriente di 30 ingredienti con i benefici di sovrapposizione destinati per fermare o rallentare le cause principali di invecchiamento.

La miscela nutriente, sviluppata da un gruppo degli scienziati di vita ha condotto dal Dott. il C. David Rollo del McMaster University nel Canada, mira a cinque meccanismi chiave di invecchiamento.1-3 i ricercatori hanno postulato che rallentando o invertendo questi cinque processi universali, potrebbero rallentare o invertire i fattori principali di invecchiamento.

Mentre questa ricerca inizialmente è stata condotta sugli animali, ogni delle 30 sostanze nutrienti è già nell'uso umano come supplemento. Tutti hanno stabilito le annotazioni della sicurezza e dell'efficacia alla promozione della salute e ad impedire i processi specifici di malattia. Molte delle sostanze nutrienti già sono conosciute per migliorare la cognizione, migliorare la mobilità, rallentare l'invecchiamento, o per estendere le durate. Altri hanno effetti benefici definiti su uno o più di cinque meccanismi chiave di invecchiamento, aggiungendo il valore alla combinazione complessivamente.

Le implicazioni che questo cocktail nutriente ha sulla longevità umana sono profonde.

Osserviamo ora queste cinque cause fondamentali di invecchiamento per capire i modi multipli che questa miscela nutriente li attacchi.

Ottimizzazione dei cinque meccanismi chiave di invecchiamento

Ottimizzazione dei cinque meccanismi chiave di invecchiamento

I ricercatori del Dott. Rollo hanno riconosciuto che, mentre invecchiare è un fenomeno complesso, la maggior parte delle sue manifestazioni potrebbero essere rintracciate ad un numero relativamente piccolo dei processi di base. Fra questi, ci sono cinque che rappresentano la maggior parte del tessuto, dell'organo e della disfunzione del sistema che produce la malattia cronica e la morte prematura. Questi cinque sono noti ai membridel ® del prolungamento della vita: sforzo ossidativo, infiammazione, disfunzione mitocondriale, insulino-resistenza ed integrità delle membrane.1-3

Nessun meccanismo da solo rappresenta tutto il un processo specifico di malattia. Invece, tutti e cinque i meccanismi interagiscono tra loro per produrre sia l'invecchiamento generale che le circostanze specifiche che limitano l'attività, la funzione conoscitiva ed infine la durata.

Nello sviluppare un funzionale, la formula antinvecchiamento della multi-sostanza nutriente, gruppo del Dott. Rollo ha mirato ai cinque meccanismi chiave di invecchiamento.

Gli scienziati hanno riconosciuto che questi meccanismi specifici hanno rappresentato la vasta maggioranza di relativo all'età, longevità-alterante condiziona. In questo modo, i ricercatori hanno fuso un'ampia rete per comprendere altrettanti stati di malattia di invecchiamento poichè potrebbero. Ulteriormente, hanno scelto i topi del laboratorio per studiare l'impatto delle sostanze nutrienti su invecchiamento a causa di breve portata della vita normale degli animali. Ciò aiuterebbe i ricercatori ad imparare il la maggior parte nel meno lasso di tempo. Un topo è considerato “vecchio„ dall'età 2 anni, fornendo una regolazione conveniente e realistica per lo studio sulle circostanze relative all'età.3 uno studio umano potrebbero richiedere le decadi prima che potrebbero trarre le conclusioni significative.

Dopo, i ricercatori hanno dovuto stabilire gli indicatori di invecchiamento progressivo. Hanno voluto sapere non solo quanto tempo gli animali hanno vissuto, ma anche come hanno funzionato mentre si sono sviluppati più vecchi. Per di più, hanno avuto bisogno delle misure che erano ugualmente applicabili ad entrambi i topi ed agli esseri umani. Sulla base del lavoro di altri, il gruppo di Rollo ha deciso che quei criteri potrebbero essere soddisfatti misurando quanto gli animali di invecchiamento si sono mossi e come la loro funzione conoscitiva è cambiato con tempo.

Invecchiamento, mobilità e cognizione

Tutti gli animali, dai vermi agli insetti agli esseri umani, cambiano di mode molto simili mentre soccombono ai cinque meccanismi chiave di invecchiamento. In particolare, i cambiamenti nella mobilità e la cognizione forniscono i modi affidabili misurare l'impatto di invecchiamento sulla funzione di un individuo.

Mentre si sviluppano più vecchi, tutte le specie animali si muovono circa sempre meno ogni giorno, spendendo sempre più il tempo a riposo o nel sonno.La mobilità riduttrice 3 è un indicatore eccellente di invecchiamento, perché è collegata molto attentamente al tasso metabolico globale, all'alimentazione, allo stoccaggio grasso, ai livelli del neurotrasmettitore del cervello, alla funzione mitocondriale ed ai sistemi di muscolo cardiovascolare e scheletrico.3 e perdita di mobilità in esseri umani è associato con lo spreco del muscolo, l'osso che si assottigliano ed altri cambiamenti che aumentano il rischio di altri risultati negativi quali le fratture, la polmonite e le infezioni della pelle.

La funzione conoscitiva inoltre diminuisce con l'età in tutte le popolazioni animali. I più giovani animali imparano tipicamente più velocemente, richiedendo meno ripetizioni di padroneggiare un compito. Possono anche allevare più velocemente e più esattamente le memorie importanti, permettendoli di trovare l'alimento, minacce di fuga e proteggono altri membri delle loro specie. Gli studi mostrano che quello che conserva la funzione conoscitiva nelle vecchiaia è associato con le durate più lunghe.2,4

Quindi, scegliendo di esaminare la mobilità e la funzione conoscitiva degli animali, oltre alla loro longevità, il gruppo di ricerca del Dott. Rollo poteva misurare come i loro topi stavano invecchiando nei modi che sono probabili essere applicabili agli esseri umani pure.

Vediamo come i topi hanno fatto.

Risultati dagli studi sugli animali

Dopo l'invenzione del loro cocktail nutriente di 30 ingredienti basato sui cinque meccanismi chiave di invecchiamento, il gruppo del Dott. Rollo ha inzuppato la miscela nei piccoli pezzi di bagel, che poi hanno alimentato ai topi; i topi di controllo sono stati alimentati soltanto i pezzi del bagel senza il supplemento.1-3

In primo luogo, hanno determinato l'effetto del supplemento sulla longevità. Hanno usato entrambi i topi normali e uno sforzo speciale che dimostra ha accelerato l'invecchiamento come conseguenza di eccessiva sensibilità a tutti e cinque i meccanismi invecchianti.1,5 rispetto agli animali di controllo, i topi completati dello sforzo invecchiante accelerato hanno vissuto 28% più lungo.1 ha completato i topi normali ha sopravvissuto a 11% più lungo dei loro comandi.1

I ricercatori di Rollo poi hanno rivolto la loro attenzione alla mobilità degli animali come una misura della loro funzione generale con invecchiamento. Hanno disposto i topi in un sistema delle camere trasparenti, in cui sono stati dati l'alimento, l'acqua e una ruota di esercizio. Poi hanno registrato il lasso di tempo ogni muoversi speso animale circa la recinzione su un periodo di 24 ore.

I topi normali e senza aggiunte hanno mostrato un declino progressivo nell'attività; entro 24 mesi la loro mobilità era approssimativamente metà quello di più giovani animali normali. Entro 24 mesi dell'età, i topi normali completati stavano muovendo approssimativamente tre ore di più al giorno degli animali senza aggiunte.3 nessun altro trattamento sono stati trovati mai che migliora la mobilità diminuente in questa misura.3

Il gruppo di Rollo inoltre ha misurato gli indicatori biochimici che potrebbero spiegare le differenze nella mobilità fra gli animali completati e senza aggiunte. I più vecchi topi completati hanno avuti:

  • Attività aumentata della dopamina del neurotrasmettitore; i livelli in diminuzione della dopamina sono associati con perdita di movimento negli esseri umani di invecchiamento ed in quelle con la malattia del Parkinson.3
  • Misure aumentate di attività mitocondriale, suggerenti che gli animali completati abbiano semplicemente più energia mentre sono invecchiato.3
  • Livelli in diminuzione di carbonilico della proteina, molecole alterate che riflettono l'impatto del glycation e dell'ossidazione sulle cellule e sui tessuti.3

Presi insieme, i risultati di questo studio hanno fornito la prova coercitiva che la miscela della multi-sostanza nutriente potrebbe rallentare e forse anche fermare molti cambiamenti relativi all'età che contribuiscono alla perdita pericolosa di mobilità così comune in individui più anziani.

Lo studio seguente di Rollo ha studiato gli effetti della miscela nutriente sul declino conoscitivo che inoltre minaccia sia la quantità che la qualità della vita mentre invecchiamo. Appena come nello studio precedente, i ricercatori hanno fornito la miscela nutriente inzuppata sui pezzi del bagel, danti i bagel degli animali di controllo semplicemente.2 seguente, hanno esaminato i topi “su un labirinto dell'acqua„ che ha richiesto gli animali di trovare e ricordare la posizione di una piattaforma sommersa appena sotto la superficie di uno stagno riempito di acqua. Questo esercizio semplice, che ha verificato le abilità d'apprendimento come pure la loro memoria degli animali, è stato ripetuto ogni giorno per i cinque giorni.

Mentre si potrebbe prevedere, il giorno 1 tutti topi hanno avuti difficoltà che trovano inizialmente la piattaforma, richiedendo una media di 81 secondo. Di giorno 5, giovani topi avevano imparato e ricordato abbastanza per trovare la piattaforma 43% più velocemente di sui più vecchi topi senza aggiunte del giorno 1., tuttavia, non ha mostrato miglioramento significativo nel tempo che li ha presi per trovare la piattaforma, indicando i danni relativi all'età nell'apprendimento e nella memoria.

Ma con il completamento, i vecchi topi hanno mostrato un livello di apprendimento quasi identico a quello dei topi giovani; in effetti il giorno 5 hanno richiesto ad una media di 46% meno tempo trovare la piattaforma che hanno fatto topi completati del giorno 1. cioè sui vecchi hanno mostrato la stessa capacità di imparare e ricordare le nuove mansioni di ha fatto animali giovani (si veda figura 1).

Come con il loro studio precedente, i ricercatori di Rollo inoltre hanno cercato le spiegazioni biochimiche e strutturali per i miglioramenti osservati nel comportamento degli animali completati. Hanno trovato quello:

  • L'attività mitocondriale del cervello è caduto costantemente con l'età nei topi non trattati, mentre gli animali completati hanno mostrato un aumento constante in questa misura importante dell'approvvigionamento di energia del cervello.2
  • Topi con attività mitocondriale dell'più alto cervello rivelata essere principianti significativamente migliori che quelli con attività mitocondriale più bassa.2
  • I pesi del cervello, che diminuiscono normalmente con l'età, erano più alti in di topo maschio completati da 7%ed in femmine da 11%, rispetto ai pesi del cervello degli animali di controllo.2

Insieme, i risultati di Rollo presentano un'immagine notevole della nostra capacità emergente di controllare non uno, ma cinque delle vie chiave ad un corpo di invecchiamento e la mente. In loro carte, i ricercatori ammettono liberamente che ancora non hanno conoscenza precisa di esattamente come ogni sostanza nutriente sta funzionando nel loro modello sperimentale.1-3,5 ma essi riconosca la grande importanza di indirizzo delle vie multiple ciascuna di invecchiamento attraverso i meccanismi multipli.

E non c'è scarsità di prova che ciascuna delle 30 sostanze nutrienti nella miscela ha potente e spesso multiplo, effetti sul processo di invecchiamento, secondo le indicazioni della sezione successiva.

Che cosa dovete conoscere: Ritardi invecchiare ed estenda la durata
Ritardi invecchiare ed estenda la durata
  • L'invecchiamento è un processo complesso e multifattoriale, ma cinque meccanismi importanti ora sono conosciuti per rappresentare interamente o in parte la maggior parte delle malattie relative all'età umane e per contribuire al processo stesso di invecchiamento.
  • Gli scienziati dal Canada e dalla Cina hanno inventato una miscela di supplemento di 30 elementi nutritivi destinata per attaccare tutti e cinque i meccanismi di invecchiamento dalle vie multiple.
  • Provato in topi, la miscela di supplemento estende la durata da fino a 28% mentre migliora la mobilità e la funzione conoscitiva degli animali invecchianti.
  • Tutte e 30 le sostanze nutrienti sono conosciute per essere sicure ed efficaci in esseri umani.
  • Se questa miscela, o una come, ha simile efficacia in esseri umani, si potrebbe invitare un 80enne per aggiungere quasi 9 anni di vita, con i livelli giovanili di attività e di cognizione.

Gli ingredienti potenziano per rallentare l'invecchiamento, migliorano la cognizione, amplificano la mobilità

Il gruppo di Rollo di ricercatori ha scelto le sostanze nutrienti con le capacità conosciute di attaccare cinque dei meccanismi chiave di invecchiamento. Secondo le indicazioni della Tabella degli ingredienti, la maggior parte degli ingredienti ha più di un modo di azione su più di una dei meccanismi principali di invecchiamento. Questo genere di attività multitargeted è un marchio di garanzia dei supplementi nutrizionali. Il fatto che la formula contiene molte sostanze nutrienti multitargeted con i meccanismi di sovrapposizione di azione può essere alla base dei suoi effetti drammatici. Tali caratteristiche stanno mancando di tipicamente in farmaci da vendere su ricetta medica, che mirano generalmente a soltanto un meccanismo e quando interagiscono sono spesso in una negazione, piuttosto che un modo sinergico.

Gli ingredienti della miscela nutriente sono stati indicati individualmente per avere malattia-combattimento potente, salute-promuovente gli effetti. Quegli effetti, come quei dimostrati in serie del Dott. Rollo di studi, promettono non solo di aumentare la longevità, ma anche di promuovere la mobilità sana e di conservare la funzione conoscitiva giovanile. Qui è un riassunto dell'impatto che questi effetti hanno su invecchiamento umano in vivo:

Le sostanze nutrienti antiossidanti proteggono le cellule cerebrali, rallentano l'invecchiamento del cervello e riducono il danno di memoria, mentre però riducendo i rischi cardiovascolari e metabolici di malattia, impedendo il cancro e migliorando la funzione immune.6-18

Gli ingredienti con le azioni antinfiammatorie proteggono dalle malattie neurodegenerative, migliorano la funzione cardiovascolare e endoteliale, impediscono l'affezione epatica grassa, migliorano la funzionalità del muscolo e combattono il cancro.14,19-33

Le sostanze nutrienti dimiglioramento migliorano la disponibilità di energia in molti tessuti, impedendo l'affezione epatica grassa, promuovendo la perdita di peso ed impedendo l'obesità, migliorando la funzionalità del muscolo cardiovascolare e scheletrica, migliorando la cognizione e proteggendo le cellule cerebrali dalla malattia del Parkinson.34-47

Sostanze nutrienti che sormontano ulteriore aiuto di insulino-resistenza nella normalizzazione dell'utilizzazione di energia, migliorando la funzione conoscitiva, impedendo la sindrome metabolica l'emergenza, migliorando le risposte dell'insulina e del glucosio durante l'esercizio, mentre naturalmente abbassando glicemia acuta e cronica, riducendo i livelli dell'emoglobina A1C e ritardando le complicazioni di diabete.48-59

Per concludere, le sostanze nutrienti che conservano l'integrità della membrana migliorano la segnalazione della cellula--cellula e proteggono il DNA cellulare, migliorante la cellula cerebrale e la funzionalità del muscolo, inducente la morte della cellula tumorale, proteggente dall'aterosclerosi e rallentante la progressione della malattia cardiovascolare, migliorante la salute del muscolo e proteggente le cellule di fegato.34,60-72

Come potete vedere, questa è una lista esauriente delle azioni preventive, molte di cui si sovrappongono. Quella, naturalmente, è una delle caratteristiche desiderabili di questa formulazione: l'invecchiamento è un processo complesso e multifattoriale con le cause di sovrapposizione, così impedente lo richiede un approccio multitargeted facendo uso dei meccanismi di sovrapposizione.

Figura 1: Miglioramenti nell'apprendimento e memoria in più vecchi topi completati


Tabella degli ingredienti nutrienti del cocktail
Sostanza nutriente
Meccanismi di invecchiamento colpiti
Sforzo dell'ossidante Infiammazione Funzione mitocondriale Insulino-resistenza Integrità della membrana
Vitamine di B (vitamine B1, B3 (niacina), B6, B12) e folato X124 X73 X125
Colleen Fitzpatrick X74
Vitamina D X75,76 X77,78
Acetile-L-carnitina X126 X45-47
acido Alfa-lipoico X128.130 X127 X44.131 X128-130
Acido acetilsalicilico (aspirin) X79
Beta-carotene X80 X65
Bioflavonoidi X13 X81
Picolinate del cromo X49,82,83
Aglio X132 X84 X85 X64,86
Estratto della radice dello zenzero X14,87 X14,58 X133 X57,88,89 X134
Ginkgo biloba X90-92
Ginseng X93 X59 X94-96 X94,95 X96
Estratto del tè verde X97 X21,98,99 X100.101
L-glutatione X102
Magnesio X103.104 X105-107
Manganese X108 X109.110
Melatonina X7 X111.112
Cisteina dell'N-acetile X113
Potassio X114 X114
Rutina X115 X116
Selenio X117 X118 X135 X51,52 X70
Vitamina E X74.119
Olio di fegato di merluzzo (omega-3) X120 X121
Coenzima Q10 X136 X137 X42
Olio del seme di lino X122 X123
TAVOLA: Complessivamente 30 sostanze nutrienti fornisce la copertura completa di tutti e cinque i meccanismi chiave di invecchiamento. Si noti che la maggior parte delle sostanze nutrienti hanno funzioni multiple e che tutti e cinque i meccanismi sono indirizzati dalle sostanze nutrienti multiple.

Riassunto

Le 30 sostanze nutrienti utilizzate in questo studio di longevità e di salute
  • Vitamina B1
  • Vitamina B3 (niacina)
  • Vitamina b6
  • Vitamina b12
  • Folico
  • Colleen Fitzpatrick
  • Vitamina D
  • Acetile-L-carnitina
  • acido Alfa-lipoico
  • Acido acetilsalicilico (aspirin)
  • Beta-carotene
  • Bioflavonoidi
  • Picolinate del cromo
  • Aglio
  • Estratto della radice dello zenzero
  • Ginkgo biloba
  • Ginseng
  • Estratto del tè verde
  • L-glutatione
  • Magnesio
  • Manganese
  • Melatonina
  • Cisteina dell'N-acetile
  • Potassio
  • Rutina
  • Selenio
  • Vitamina E
  • Olio di fegato di merluzzo (omega-3)
  • Coenzima Q10
  • Olio del seme di lino

La prova scientifica crescente collega la maggior parte delle malattie croniche e perfino la longevità stessa, con cinque meccanismi chiave di invecchiamento.

Inventando una formula di supplemento formata dalle sostanze nutrienti multiple che attaccano questi cinque meccanismi con le vie multiple, i ricercatori internazionali hanno allungato significativamente la durata degli animali da esperimento. Appena come d'importanza, la miscela nutriente contrassegnato migliora la mobilità globale e la cognizione degli animali, ristabilenti la funzione in quelle aree ai livelli giovanili.

I profondi benefici dimostrati in risposta a questo aiuto nutriente del cocktail di 30 ingredienti spiegano perché gli studi con i composti dell'unico agente non forniscono sempre i risultati dimiglioramento significativi.

Tutte diverse sostanze nutrienti nella miscela sono conosciute per essere sicure ed efficaci in esseri umani, sebbene chi vivrà vedrà se la combinazione specifica di tutti e trenta le proverà efficace in esseri umani come ha in topi. La preponderanza della prova, tuttavia, suggerisce che possa vivere fino alle aspettative.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulente di salute di Extension® di vita a 1-866-864-3027.

Riferimenti

1. Limone JA, Dott di Boreham, CD di Rollo. Un integratore alimentare complesso estende la longevità dei topi. J Gerontol una biol Sci Med Sci. 2005 marzo; 60(3): 275-9.

2. Aksenov V, J lungo, Liu J, et al. Un integratore alimentare complesso aumenta l'apprendimento spaziale, la massa del cervello e l'attività mitocondriale della catena di trasporto dell'elettrone nei topi di invecchiamento. Età (Dordr). 27 novembre 2011.

3. Aksenov V, J lungo, Lokuge S, JA adottivo, Liu J, CD di Rollo. Miglioramento dietetico di locomotore, del neurotrasmettitore e dell'invecchiamento mitocondriale. Med di biol di Exp (Maywood). 2010 gennaio; 235(1): 66-76.

4. Barzilai N, Atzmon G, derby CA, Bauman JM, RB di Lipton. Un genotipo della longevità eccezionale è associato con conservazione della funzione conoscitiva. Neurologia. 26 dicembre 2006; 67(12): 2170-5.

5. Limone JA, Dott di Boreham, CD di Rollo. Un integratore alimentare abolisce il declino conoscitivo relativo all'età in topi transgenici che esprimono i processi elevati del radicale libero. Med di biol di Exp (Maywood). 2003 luglio; 228(7): 800-10.

6. Khan millimetro, Ahmad A, Ishrat T, et al. rutina protegge il danno neurale indotto da ischemia focale transitoria in ratti. Brain Res. 6 ottobre 2009; 1292:123-35.

7. Dkhar P, Sharma R. Amelioration di aumento età-dipendente in carbonilico della proteina degli emisferi cerebrali dei topi da melatonina e da acido ascorbico. Neurochem Int. 2011 dicembre; 59(7): 996-1002.

8. Sanchez-Sanchez, Martino V, Garcia-Santos G, et al. redox intracellulari dichiara come determinante per melatonina antiproliferativa contro gli effetti citotossici in cellule tumorali. Ricerca libera di Radic. 2011 novembre; 45 (11-12): 1333-41.

9. Weinreb O, Mandel S, Amit T, MB di Youdim. Meccanismi neurologici dei polifenoli del tè verde in Alzheimer e nelle malattie del Parkinson. Biochimica di J Nutr. 2004 settembre; 15(9): 506-16.

10. Mahady GB. Ginkgo biloba per la prevenzione ed il trattamento della malattia cardiovascolare: una rassegna della letteratura. J Cardiovasc Nurs. 2002 luglio; 16(4): 21-32.

11. Ray T, PC di Maity, Banerjee S, et al. Colleen Fitzpatrick impedisce l'aterosclerosi indotta fumo della sigaretta nel modello della cavia. J Atheroscler Thromb. 31 agosto 2010; 17(8): 817-27.

12. Catalgol B, Ozer NK. Effetti protettivi della vitamina E contro dalle le malattie relative all'età indotte da ipercolesterolemia. Geni Nutr. 2012 gennaio; 7(1): 91-8.

13. Inami S, Takano m., Yamamoto m., et al. consumo della catechina del tè si riduce fare circolare la lipoproteina a bassa densità ossidata. Cuore J. 2007 di Int novembre; 48(6): 725-32.

14. Efficacia di Sahebkar A. Potential dello zenzero come supplemento naturale per l'affezione epatica grassa analcolica. Mondo J Gastroenterol. 14 gennaio 2011; 17(2): 271-2.

15. LA di Olatunji, Soladoye AO. Effetto dell'assunzione aumentata del magnesio sul colesterolo del plasma, sul trigliceride e sullo sforzo ossidativo in ratti allossana-diabetici. Afr J Med Med Sci. 2007 giugno; 36(2): 155-61.

16. SR del figlio EW, di Lee, Choi HS, et al. effetti del completamento con i livelli elevati di manganese e magnesio sulla funzione immune. Ricerca di Pharm dell'arco. 2007 giugno; 30(6): 743-9.

17. Hoffmann FW, CA di Hashimoto, LA di Shafer, Dow S, bacca MJ, Hoffmann PR. Il selenio dietetico modula l'attivazione e la differenziazione delle cellule di T di CD4+ in topi attraverso un meccanismo che comprende i tioli liberi cellulari. J Nutr. 2010 giugno; 140(6): 1155-61.

18. Abete I, Goyenechea E, Zulet mA, Martinez JA. Obesità e sindrome metabolica: beneficio potenziale dalle componenti nutrizionali specifiche. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2011 settembre; 21 supplemento 2: B1-15.

19. Panchal SK, Poudyal H, Arumugam TV, Brown L. Rutin attenua i cambiamenti metabolici, lo steatohepatitis analcolico ed il ritocco cardiovascolare in alto-carboidrato, ratti ad alta percentuale di grassi di dieta-federazione. J Nutr. 2011 giugno; 141(6): 1062-9.

20. Regina BL, Tollefsbol A. Polifenoli e invecchiamento. Curr che invecchia Sci. 2010 febbraio; 3(1): 34-42.

21. Ahn HY, Kim CH. Epigallocatechin-3-gallate regola l'espressione viscoelastica della sintasi dell'ossido di azoto in cellule endoteliali umane della vena ombelicale. Ricerca di Anim del laboratorio. 2011 giugno; 27(2): 85-90.

22. Catechine del tè di Babu PV, di Liu D. Green e salute cardiovascolare: un aggiornamento. Curr Med Chem. 2008;15(18):1840-50.

23. Chiang KC, Yeh CN, Chen MF, Chen TC. Carcinoma epatocellulare e vitamina D: una rassegna. J Gastroenterol Hepatol. 2011 novembre; 26(11): 1597-603.

24. Prasad K. Flaxseed e salute cardiovascolare. J Cardiovasc Pharmacol. 2009 novembre; 54(5): 369-77.

25. Il moertl D, martella A, Steiner S, Hutuleac R, Vonbank K, effetti di Berger R. Dose-dependent degli acidi grassi di omega-3-polyunsaturated sulla funzione ventricolare sinistra sistolica, sulla funzione endoteliale e sugli indicatori di infiammazione in infarto cronico dell'origine nonischemic: una prova alla cieca, controllata con placebo, uno studio di 3 braccia. Cuore J. 2011 di maggio; 161(5): 915 e1-9.

26. Chen YH, Lin SJ, Chen YL, Liu PL, Chen JW. Effetti antinfiammatori delle droghe/agenti differenti con la proprietà antiossidante sull'espressione endoteliale delle molecole di adesione. Obiettivi della droga di Cardiovasc Hematol Disord. 2006 dicembre; 6(4): 279-304.

27. Janakiram N.B.:, cv di Rao. Ruolo dei lipoxins e dei resolvins come mediatori antinfiammatori e proresolving nel tumore del colon. Curr Mol Med. 2009 giugno; 9(5): 565-79.

28. Kannappan R, Sc di Gupta, Kim JH, Reuter S, BB di Aggarwal. Neuroprotection dai nutraceuticals spezia-derivati: siete che cosa mangiate! Mol Neurobiol. 2011 ottobre; 44(2): 142-59.

29. AL di Colin-Gonzalez, Ortiz-Plata A, Villeda-Hernandez J, et al. l'estratto invecchiato dell'aglio attenua il danno e l'induzione cyclooxygenase-2 dopo ischemia e la riperfusione cerebrali in ratti. Ronzio Nutr degli alimenti vegetali. 2011 novembre; 66(4): 348-54.

30. Williams MJ, Sutherland WH, mp di McCormick, yeoman DJ, de Jong SA. L'estratto invecchiato dell'aglio migliora la funzione endoteliale negli uomini con la coronaropatia. Ricerca di Phytother. 2005 aprile; 19(4): 314-9.

31. Singhal NK, Srivastava G, Agrawal S, SK Jain, mp di Singh. Melatonina come agente neuroprotective nei modelli del roditore della malattia del Parkinson: È interamente ha messo alla traduzione clinica irrefutabile? Mol Neurobiol. 24 dicembre 2011.

32. Olcese JM, cao C, Mori T, et al. protezione contro i deficit conoscitivi ed indicatori del neurodegeneration tramite la somministrazione orale a lungo termine di melatonina in un modello transgenico del morbo di Aalzheimer. Ricerca pineale di J. 2009 agosto; 47(1): 82-96.

33. Nair MP, RM di Rahman, Clarkson, et al. induzione seguente del colpo di trattamento della melatonina modula il metabolismo dell'L-arginina. Ricerca pineale di J. 2011 ottobre; 51(3): 313-23.

34. CA di Cabral de Oliveira, CA di Perez, Prieto JG, identificazione di Duarte, Alvarez AI. Protezione del panax ginseng in muscoli danneggiati dopo l'esercizio eccentrico. J Ethnopharmacol. 28 febbraio 2005; 97(2): 211-4.

35. Li XT, Chen R, Jin LM, Chen HY. Regolamento sul metabolismo energetico e protezione sui mitocondri del polisaccaride di panax ginseng. J Chin Med. 2009;37(6):1139-52.

36. Zhao W, Zhang X, Wang W, studio di Zhang L. Experimental per l'effetto di anti-affaticamento dei ginsenosidi generali P.E. del ginseng in vivo. Wei Sheng Yan Jiu. 2009 marzo; 38(2): 184-7.

37. Wu Z, Luo JZ, ginseng di Luo L. American modula le beta attività pancreatiche delle cellule. Chin Med. 25 ottobre 2007; 2: 11.

38. Naidu MU, Kumar chilovolt, Mohan IK, Sundaram C, effetto di Singh S. Protective dell'estratto di biloba del Gingko contro dalla la cardiotossicità indotta da doxorubicina in topi. J indiano Exp Biol. 2002 agosto; 40(8): 894-900.

39. Mozet C, Martin R, guardolo K, effetto di Fitzl G. Cardioprotective di EGb 761 sull'ultrastruttura del miocardio di giovane e vecchio cuore del ratto e di stato antiossidante durante l'ipossia acuta. Ricerca di Clin Exp di invecchiamento. 2009 febbraio; 21(1): 14-21.

40. Muller NOI, Chatterjee ss. Effetti conoscitivi ed altri comportamentistici di EGb 761 nei modelli animali. Pharmacopsychiatry. 2003 giugno; 36 supplementi 1: S24-31.

41. Fu X, Ji R, effetto di J. Antifatigue della diga del coenzima Q10 in topi. J Med Food. 2010 febbraio; 13(1): 211-5.

42. DAI YL, TH di Luk, Yiu KH, et al. inversione di disfunzione mitocondriale dal supplemento del coenzima Q10 migliora la funzione endoteliale in pazienti con disfunzione sistolica ventricolare sinistra ischemica: una prova controllata randomizzata. Aterosclerosi. 2011 giugno; 216(2): 395-401.

43. Jia H, Liu Z, Li X, et al. attività sinergica di anti-parkinsonismo delle dosi elevate delle vitamine di B in un modello cellulare cronico. Invecchiamento di Neurobiol. 2010 aprile; 31(4): 636-46.

44. Potenziale d'ossido-riduzione del KOH, Lee WJ, Lee SA, et al. effetti di acido alfa-lipoico sul peso corporeo negli oggetti obesi. Med di J. 2011 gennaio; 124(1): 85 e1-8.

45. Pesce V, Fracasso F, Cassano P, Lezza, Cantatore P, MN di Gadaleta. il completamento della Acetile-L-carnitina ai vecchi ratti parzialmente ritorna il decadimento mitocondriale relativo all'età del muscolo soleo dalla biogenesi mitocondriale proliferatore-attivata peroxisome d'attivazione di gamma coactivator-1alpha-dependent del ricevitore. Ricerca di ringiovanimento. 2010 aprile-giugno; 13 (2-3): 148-51.

46. Zhang H, Jia H, Liu J, et al. l'acido e la acetile-L-carnitina R-alfa-lipoici combinati esercita gli effetti preventivi efficienti in un modello cellulare della malattia del Parkinson. Cellula Mol Med di J. 2010 gennaio; 14 (1-2): 215-25.

47. Xia LJ, metodologia di Folkers K. Improved per analizzare carnitina ed i livelli di carnitina libera e totale in plasma umano. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 15 maggio 1991; 176(3): 1617-23.

48. Keszthelyi Z, dopo T, Koltai K, Szabo L, ione di Mozsik G. Chromium (III) - migliora l'utilizzazione di glucosio in diabete di tipo 2 mellito. Orv Hetil. 19 ottobre 2003; 144(42): 2073-6.

49. PESO di Cefalu, rood J, Pinsonat P, et al. caratterizzazione della risposta metabolica e fisiologica al completamento del cromo negli oggetti con il diabete di tipo 2 mellito. Metabolismo. 2010 maggio; 59(5): 755-62.

50. Krikorian R, Eliassen JC, EL di Boespflug, TUM di Nash, MD di Shidler. Funzione conoscitivo-cerebrale migliore in adulti più anziani con il completamento del cromo. Nutr Neurosci. 2010 giugno; 13(3): 116-22.

51. Li YB, Han JY, Jiang W, Wang J. Selenium inibisce alto da cyclooxygenase-2 indotto da glucosio e l'espressione di P-selectin in cellule endoteliali vascolari. Mol Biol Rep. 2011 aprile; 38(4): 2301-6.

52. Iizuka Y, Ueda Y, Yagi Y, miglioramento di Sakurai E. Significant di insulino-resistenza dei ratti di GK dal trattamento con il seleniato del sodio. Biol Trace Elem Res. 2010 dicembre; 138 (1-3): 265-71.

53. Zulet mA, Puchau B, Hermsdorff HH, Navarro C, Martinez JA. L'assunzione dietetica del selenio è associata negativamente con l'acido sialico del siero e le caratteristiche metaboliche di sindrome in giovani adulti in buona salute. Ricerca di Nutr. 2009 gennaio; 29(1): 41-8.

54. Il Guerrero-Romero la F, Tamez-Perez, Gonzalez-Gonzalez G, et al. il completamento orale del magnesio migliora la sensibilità dell'insulina negli oggetti non-diabetico con insulino-resistenza. Una prova randomizzata controllata con placebo della prova alla cieca. Diabete Metab. 2004 giugno; 30(3): 253-8.

55. Mooren FC, Kruger K, Volker K, interruttore del golf, Wadepuhl m., il completamento del magnesio di Kraus A. Oral riduce l'insulino-resistenza negli oggetti non-diabetico - una prova alla cieca, prova controllata con placebo e randomizzata. Diabete Obes Metab. 2011 marzo; 13(3): 281-4.

56. L'assunzione di Teramoto T, di Kawamori R, di Miyazaki S, di Teramukai S. Sodium negli uomini e l'assunzione del potassio in donne determinano la prevalenza della sindrome metabolica in pazienti ipertesi giapponesi: Studio di OMEGA. Ricerca di Hypertens. 2011 agosto; 34(8): 957-62.

57. Saraswat m., Suryanarayana P, Reddy PY, Patil mA, Balakrishna N, Reddy GB. Potenziale di Antiglycating dello zingiber officinalis e ritardo della cataratta diabetica in ratti. Mol Vis. 2010;16:1525-37.

58. Li XH, McGrath KC, Nammi S, erica AK, Roufogalis BD. Attenuazione delle risposte pro-infiammatorie del fegato dallo zingiber officinale via inibizione di attivazione della N-F-kappa B nei ratti ad alta percentuale di grassi di dieta-federazione. Clin di base Pharmacol Toxicol. 8 settembre 2011.

59. HL, Kwak LUI, Kim ss, et al. effetti del completamento di panax ginseng su danno del muscolo ed infiammazione di Jung dopo funzionamento in salita della pedana mobile negli esseri umani. J Chin Med. 2011;39(3):441-50.

60. Lee HU, Bae ea, Han MJ, Kim NJ, DH di Kim. Effetto di Hepatoprotective del ginsenoside Rb1 e K composto dal sul disturbo al fegato indotto da perossido d'idrogeno tert-butilico. Fegato Int. 2005 ottobre; 25(5): 1069-73.

61. Hsu cc, MC noioso, Lin LC, Unione Sovietica B, Hsu MC. Il completamento del ginseng americano attenua il livello della chinasi della creatina indotto dall'esercizio submassimale in esseri umani. Mondo J Gastroenterol. 14 settembre 2005; 11(34): 5327-31.

62. Radad K, Moldzio R, Rausch WD. Ginsenosidi ed i loro obiettivi dello SNC. SNC Neurosci Ther. 2011 dicembre; 17(6): 761-8.

63. Ms di estremità, la TA del sultano, Iqbal J. Garlic: la protezione della natura contro le minacce fisiologiche. Rev Food Sci Nutr di Crit. 2009 giugno; 49(6): 538-51.

64. Benavides GA, Squadrito GL, mulini RW, et al. solfuro di idrogeno media il vasoactivity di aglio. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 13 novembre 2007; 104(46): 17977-82.

65. Machefer G, Groussard C, Vincent S, et al. il completamento Multivitaminico-minerale impedisce la perossidazione lipidica durante “i neri del DES di maratona.„ J Coll Nutr. 2007 aprile; 26(2): 111-20.

66. L'Unione Sovietica KP. Meccanismo biologico di effetto antidepressivo degli acidi grassi omega-3: come l'olio di pesce funge da “mente corpo collega„? Neurosignals. 2009;17(2):144-52.

67. Chiu cc, Unione Sovietica KP, Cheng TC, et al. Gli effetti di monoterapia degli acidi grassi omega-3 nel morbo di Alzheimer e nel danno conoscitivo delicato: uno studio controllato con placebo della prova alla cieca randomizzata preliminare. Psichiatria di biol di Prog Neuropsychopharmacol. 1° agosto 2008; 32(6): 1538-44.

68. Fiaccavento R, Carotenuto F, Vecchini A, et al. Una dieta acido-arricchita grassa omega-3 impedisce le lesioni del muscolo scheletrico in un modello del criceto della distrofia. J Pathol. 2010 novembre; 177(5): 2176-84.

69. PA di Corsetto, Montorfano G, Zava S, et al. effetti di n-3 PUFAs sulle cellule di cancro al seno con la loro incorporazione in membrana di plasma. Salute DIS dei lipidi. 2011;10:73.

70. Micke O, Schomburg L, Buentzel J, Kisters K, Muecke R. Selenium in oncologia: da chimica alle cliniche. Molecole. 2009;14(10):3975-88.

71. Steinbrenner H, Bilgic E, Alili L, Sies H, Brenneisen P. Selenoprotein P protegge le cellule endoteliali da danno ossidativo da stimolazione dell'espressione e dell'attività del glutatione perossidasi. Ricerca libera di Radic. 2006 settembre; 40(9): 936-43.

72. Composti di Soriano-Garcia M. Organoselenium come agenti terapeutici e chemopreventive potenziali: una rassegna. Curr Med Chem. 2004 giugno; 11(12): 1657-69.

73. BN di Ames. Ritardo del decadimento mitocondriale di invecchiamento. Ann N Y Acad Sci. 2004 giugno; 1019:406-11.

74. La combinazione di Kayan m., di Naziroglu m., di Celik O, di Yalman K, di Koylu il H. Colleen Fitzpatrick e di E modula indotto da stress ossidativo dai raggi x nel sangue dei tecnici della radiologia del non-fumatore e del fumatore. Biochimica Funct delle cellule. 2009 ottobre; 27(7): 424-9.

75. Choi B, Lee es, Sohn S. Vitamin D3 migliora l'infiammazione del tipo di malattia da Behcet indotto da virus del herpes simplex in un modello del topo con il giù-regolamento dei ricevitori del tipo di tributo. Clin Exp Rheumatol. 2011 luglio-agosto; 29 (4 supplementi 67): S13-9.

76. Adorini L, tolerogenicity delle cellule di G. Dendritic di penna: un meccanismo chiave in immunomodulazione dagli agonisti del ricevitore di vitamina D. Ronzio Immunol. 2009 maggio; 70(5): 345-52.

77. Mitri J, Dawson-Hughes B, Hu FB, Pittas AG. Gli effetti della vitamina D e del completamento del calcio sulla beta cellula pancreatica funzionano, la sensibilità dell'insulina e glycemia in adulti ad ad alto rischio del diabete: il calcio e la vitamina D per il diabete mellito (CaDDM) hanno randomizzato la prova controllata. J Clin Nutr. 2011 agosto; 94(2): 486-94.

78. Teegarden D, Donkin ss. Vitamina D: nuovi ruoli emergenti nella sensibilità dell'insulina. Rev. 2009 di ricerca di Nutr giugno; 22(1): 82-92.

79. Jung kJ, Kim JY, Zou Y, Kim YJ, Yu BP, Chung HY. Effetto del completamento a breve termine e basso di aspirin della dose sull'attivazione del N-F-kappaB pro-infiammatorio in ratti invecchiati. Sviluppatore invecchiante Mech. 2006 marzo; 127(3): 223-30.

80. Kameji H, Mochizuki K, Miyoshi N, accumulazione del beta-carotene di Goda T. nei adipocytes 3T3-L1 inibisce l'elevazione delle specie reattive dell'ossigeno e la soppressione dei geni relativi alla sensibilità dell'insulina indotta dall'fattore-alfa di necrosi del tumore. Nutrizione. 2010 novembre-dicembre; 26 (11-12): 1151-6.

81. Salminen A, Kauppinen A, Kaarniranta K. Phytochemicals sopprime la segnalazione nucleare di fattore-kappaB: urti sulla portata di salute e sul processo di invecchiamento. Cura di Curr Opin Clin Nutr Metab. 2012 gennaio; 15(1): 23-8.

82. Wang YQ, Dong Y, Yao MH. Il picolinate del cromo inibisce la secrezione di resistin nei adipocytes insulina-resistenti 3T3-L1 via l'attivazione della chinasi proteica amp-attivata. Clin Exp Pharmacol Physiol. 2009 agosto; 36(8): 843-9.

83. Wang YQ, Yao MH. Gli effetti del picolinate del cromo sull'assorbimento del glucosio nei adipocytes insulina-resistenti 3T3-L1 comprendono l'attivazione di p38 MAPK. Biochimica di J Nutr. 2009 dicembre; 20(12): 982-91.

84. Vazquez-Prieto mA, Rodriguez Lanzi C, Lembo C, CR di Galmarini, RM di Miatello. L'aglio e la cipolla attenua l'infiammazione vascolare e lo sforzo ossidativo nei ratti di fruttosio-federazione. J Nutr Metab. 2011;2011:475216.

85. Liu CT, Organo permanente per la salute e sicurezza H, Lii CK, Chen PS, Sheen LY. Effetti dell'olio dell'aglio e del trisulfide di diallyl su controllo glycemic in ratti diabetici. EUR J Pharmacol. 1° giugno 2005; 516(2): 165-73.

86. Nahdi A, Hammami I, Kouidhi W, et al. effetti protettivi di aglio grezzo riducendo sforzo ossidativo ferro-mediato, proliferazione e autophagy in ratti. J Mol Histol. 2010 ottobre; 41 (4-5): 233-45.

87. Jagetia G, Baliga m., Venkatesh P. Ginger (zingiber officinale Rosc.), un integratore alimentare, protegge i topi da mortalità indotta da radiazioni: meccanismo di azione. Cancro Biother Radiopharm. 2004 agosto; 19(4): 422-35.

88. Mp di mogli del ragià, Padmakumari KP, Sankarikutty B, Cherian OL, Nisha VM, Raghu chilogrammo. Il potenziale inibitorio degli estratti dello zenzero contro gli enzimi si è collegato al diabete di tipo 2, infiammazione ed ha indotto lo sforzo ossidativo. Alimento Sci Nutr di Int J. 2011 marzo; 62(2): 106-10.

89. Heimes K, Feistel B, Verspohl EJ. Impatto del sistema del canale del ricevitore 5-HT3 per la secrezione dell'insulina e dell'interazione degli estratti dello zenzero. EUR J Pharmacol. 10 dicembre 2009; 624 (1-3): 58-65.

90. PC di Chan, Xia Q, Fu pp. Estratto di permesso del ginkgo biloba: effetti biologici, medicinali e tossicologici. J circonda la salute C di Sci circonda Rev. 2007 di Carcinog Ecotoxicol luglio-settembre; 25(3): 211-44.

91. L'ANNUNCIO di Boveris, Galleano la m., il completamento di Puntarulo S. In-vivo con il ginkgo biloba protegge le membrane da perossidazione lipidica. Ricerca di Phytother. 2007 agosto; 21(8): 735-40.

92. Yao P, Liu LG, WB di Jia, et al. effetto dei flavonoidi del ginkgo biloba sul sistema di antiossidazione dei topi dopo amministrazione acuta dell'alcool. Wei Sheng Yan Jiu. 2005 maggio; 34(3): 303-6.

93. HG di Kim, SR di Yoo, parco HJ, et al. effetti antiossidanti del panax ginseng C.A. Meyer negli individui sani: un test clinico randomizzato e controllato con placebo. Alimento Chem Toxicol. 2011 settembre; 49(9): 2229-35.

94. Luo JZ, Luo L. Ginseng sull'iperglicemia: effetti e meccanismi. Evid ha basato il Med di Alternat del complemento. 2009 dicembre; 6(4): 423-7.

95. Luo JZ, ginseng di Luo L. American stimola la produzione dell'insulina ed impedisce gli apoptosi con il regolamento di disgiungere protein-2 in beta cellule coltivate. Evid ha basato il Med di Alternat del complemento. 2006 settembre; 3(3): 365-72.

96. I Voces J, CA di Cabral de Oliveira, Prieto JG, et al. amministrazione del ginseng protegge il muscolo scheletrico da indotto da stress ossidativo dall'esercizio acuto in ratti. Braz J Med Biol Res. 2004 dicembre; 37(12): 1863-71.

97. Effetto di Liu H, di Guo Z, di Xu L, di Hsu S. Protective dei polifenoli del tè verde da su danno ossidativo indotto tributyltin individuato da in vivo e modelli in vitro. Circondi Toxicol. 2008 febbraio; 23(1): 77-83.

98. Tsai PY, Ka MP, Chang JM, et al. Epigallocatechin-3-gallate impedisce lo sviluppo della nefrite di lupus in topi via il miglioramento della via antiossidante Nrf2 e l'inibizione dell'attivazione inflammasome NLRP3. Med libero di biol di Radic. 1° agosto 2011; 51(3): 744-54.

99. Ellis LZ, Liu W, Luo Y, et al. polifenolo epigallocatechin-3-gallate del tè verde sopprime la crescita del melanoma inibendo inflammasome e la secrezione di IL-1beta. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 28 ottobre 2011; 414(3): 551-6.

100. Serisier S, Leray V, Poudroux W, Magot T, Ouguerram K, Nguyen P. Effects di tè verde sulla sensibilità dell'insulina, profilo del lipido ed espressione di PPARalpha e PPARgamma ed i loro geni dell'obiettivo in cani obesi. Br J Nutr. 2008 giugno; 99(6): 1208-16.

101. Il cao H, Hininger-Favier I, Kelly mA, et al. l'estratto del polifenolo del tè verde regola l'espressione dei geni in questione nell'assorbimento del glucosio e la segnalazione dell'insulina nei ratti ha alimentato una dieta dell'isoglucosio. Alimento chim. di J Agric. 25 luglio 2007; 55(15): 6372-8.

102. Loguercio C, D'Argenio G, Delle Cave m., et al. il completamento del glutatione migliora il danno ossidativo nella colite sperimentale. Dig Liver Dis. 2003 settembre; 35(9): 635-41.

103. Bede O, Nagy D, Suranyi A, Horvath I, Szlavik m., Gyurkovits K. Effects del completamento del magnesio sul sistema redox del glutatione in bambini asmatici atopici. Ricerca di Inflamm. 2008 giugno; 57(6): 279-86.

104. Hans CP, DP di Chaudhary, DD di Bansal. Effetto del completamento del magnesio sullo sforzo ossidativo in ratti diabetici alloxanic. Ricerca di Magnes. 2003 marzo; 16(1): 13-9.

105. Il Guerrero-Romero F, Rodriguez-Moran M. Magnesium migliora la funzione della cellula beta per compensare la variazione della sensibilità dell'insulina: prova alla cieca, test clinico randomizzato. L'EUR J Clin investe. 2011 aprile; 41(4): 405-10.

106. Barbagallo m., Dominguez LJ. Metabolismo del magnesio nel diabete di tipo 2 mellito, nella sindrome e nell'insulino-resistenza metabolici. Biochimica Biophys dell'arco. 1° febbraio 2007; 458(1): 40-7.

107. Magnesio di Takaya J, di Higashino H, di Kobayashi Y. Intracellular e insulino-resistenza. Ricerca di Magnes. 2004 giugno; 17(2): 126-36.

108. Polimorfismo del superossido dismutasi del Tu HK, della pentola KF, di Zhang Y, et al. del manganese e rischio di lesioni gastriche ed i suoi effetti sul chemoprevention in una popolazione cinese. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2010 aprile; 19(4): 1089-97.

109. Manolopoulos KN, Klotz LO, Korsten P, SR di Bornstein, morbo di Alzheimer di Barthel A. Linking ad insulino-resistenza: la risposta di FoxO allo sforzo ossidativo. Mol Psychiatry. 2010 novembre; 15(11): 1046-52.

110. Houstis N, Rosen ED, Lander es. Le specie reattive dell'ossigeno hanno un ruolo causale nelle forme multiple di insulino-resistenza. Natura. 13 aprile 2006; 440(7086): 944-8.

111. Ochoa JJ, Diaz-Castro J, Kajarabille N, et al. il completamento della melatonina migliora lo sforzo ossidativo e la segnalazione infiammatoria indotti dall'esercizio gravoso in maschi umani adulti. Ricerca pineale di J. 2011 novembre; 51(4): 373-80.

112. Perreau VM, Sc di Bondy, Cotman CW, Sharman chilogrammo, potenziale d'ossido-riduzione di Sharman. Il trattamento della melatonina in vecchi topi permette ad una risposta più giovanile ai LPS nel cervello. J Neuroimmunol. 2007 gennaio; 182 (1-2): 22-31.

113. Santra A, Chowdhury A, Ghatak S, Biswas A, Dhali GK. L'arsenico induce gli apoptosi in topo che il fegato è mitocondri dipendenti e che è abrogato da N-acetilcisteina. Toxicol Appl Pharmacol. 15 aprile 2007; 220(2): 146-55.

114. Ando K, Matsui H, Fujita m., effetto di Fujita T. Protective di potassio dietetico contro danno cardiovascolare all'nell'ipertensione sale sensibile: ruolo possibile della sua azione antiossidante. Curr Vasc Pharmacol. 2010 gennaio; 8(1): 59-63.

115. Ghiasi m., Heravi millimetro. Studio meccanico di Quantum su abilità antiossidante e meccanismo antiossidante di rutina (vitamina P) in soluzione. Ricerca di Carbohydr. 1° maggio 2011; 346(6): 739-44.

116. Arjumand W, Seth A, Uva sultanina S. Rutin attenua l'infiammazione renale indotta cisplatino e gli apoptosi riducendo NFkappaB, l'TNF-alfa e l'espressione caspase-3 in ratti wistar. Alimento Chem Toxicol. 2011 settembre; 49(9): 2013-21.

117. Brozmanova J, Manikova D, Vlckova V, Chovanec M. Selenium: una spada a doppio taglio per difesa e l'offesa nel cancro. Arco Toxicol. 2010 dicembre; 84(12): 919-38.

118. Clarke C, Baghdadi H, Howie AF, muratore JI, interruttore del camminatore, Beckett GJ. Il completamento del selenio attenua la produzione procollagen-1 e interleukin-8 in cellule umane grasso-caricate di hepatoblastoma di C3A trattate con TGFbeta1. Acta di Biochim Biophys. 2010 giugno; 1800(6): 611-8.

119. Vina J, Lloret A, Giraldo E, Badia MC, MD di Alonso. Vie antiossidanti nel morbo di Alzheimer: possibilità di intervento. DES di Curr Pharm. 2011 dicembre; 17(35): 3861-4.

120. McDaniel JC, Ahijevych K, Belury M. Effect dei supplementi orali n-3 sul rapporto n-6/n-3 in giovani adulti. Ricerca ad ovest di J Nurs. 2010 febbraio; 32(1): 64-80.

121. Mabile L, Piolot A, Boulet L, et al. assunzione moderata degli acidi grassi n-3 è associato con la resistenza stabile dell'eritrocito allo sforzo ossidativo negli oggetti ipertrigliceridemici. J Clin Nutr. 2001 ottobre; 74(4): 449-56.

122. Barcelo-Coblijn G, Murphy EJ, Othman R, Moghadasian MH, Kashour T, Friel JK. Il consumo della capsula dell'olio di pesce e dell'olio di semi di lino altera la composizione di in acidi grassi umana del globulo rosso n-3: una prova didosaggio che confronta 2 fonti di acido grasso n-3. J Clin Nutr. 2008 settembre; 88(3): 801-9.

123. Mourvaki E, Cardinali R, Dal Bosco A, Corazzi L, Castellini C. Effects del completamento dietetico del seme di lino su qualità dello sperma e sulla composizione lipidica dei subfractions dello sperma e dei granelli prostatici in coniglio. Theriogenology. 15 marzo 2010; 73(5): 629-37.

124. Bîcu m., Moța m., Panduru nanometro, Grăunțeanu C, sforzo di Moța E. Oxidative nella malattia renale diabetica. Med dell'interno della ROM J. 2010;48(4):307-12.

125. CS di Gammon, von Hurst PR, Coad J, Kruger R, Stonehouse W. Vegetarianism, stato di vitamina b12 e insulino-resistenza in un gruppo donne asiatiche del sud principalmente di peso eccessivo/obese. Nutrizione. 2012 gennaio; 28(1): 20-4.

126. Annadurai T, Vigneshwari S, Thirukumaran R, PA di Thomas, Acetile-L-carnitina di Geraldine P. impedisce dallo lo sforzo ossidativo indotto da tetracloruro di carbonio in vari tessuti dei ratti di Wistar. Biochimica di J Physiol. 2011 dicembre; 67(4): 519-30.

127. Maczurek A, Hager K, Kenklies m., et al. acido lipoico come trattamento antinfiammatorio e neuroprotective per il morbo di Alzheimer. Rev. 2008 di Deliv della droga di adv ottobre-novembre; 60 (13-14): 1463-70.

128. Ansar H, Mazloom Z, Kazemi F, Hejazi N. Effect di acido alfa-lipoico su glicemia, su insulino-resistenza e su glutatione perossidasi di tipo - 2 pazienti diabetici. Med J. 2011 della saudita giugno; 32(6): 584-8.

129. Kamenova P. Improvement della sensibilità dell'insulina in pazienti con il diabete di tipo 2 mellito dopo la somministrazione orale di acido alfa-lipoico. Ormoni (Atene). 2006 ottobre-dicembre; 5(4): 251-8.

130. Evans JL, identificazione di Goldfine acido Alfa-lipoico: un antiossidante multifunzionale che migliora la sensibilità dell'insulina in pazienti con il diabete di tipo 2. Diabete Technol Ther. 2000 autunni; 2(3): 401-13.

131. Palacios HH, BB di Yendluri, Parvathaneni K, et al. antiossidanti Mitocondrio-specifici come trattamenti farmacologici per il morbo di Aalzheimer. Obiettivi della droga dello SNC Neurol Disord. 2011 marzo; 10(2): 149-62.

132. Vazquez-Prieto mA, Rodriguez Lanzi C, Lembo C, CR di Galmarini, RM di Miatello. L'aglio e la cipolla attenua l'infiammazione vascolare e lo sforzo ossidativo nei ratti di fruttosio-federazione. J Nutr Metab. 2011;2011:475216.

133. Ramudu SK, Korivi m., Kesireddy N, et al. effetti Nephro-protettivi di un estratto dello zenzero sugli enzimi citosolici e mitocondriali contro le complicazioni diabetiche indotte di streptozotocin (STZ) in ratti. Chin J Physiol. 30 aprile 2011; 54(2): 79-86.

134. Chung WY, Yow cm, Benzie SE. Valutazione di protezione della membrana dalle medicine di cinese tradizionale facendo uso di una tecnica cytometric di flusso: risultati preliminari. Rappresentante di redox. 2003;8(1):31-3.

135. Taskin E, Dursun N. La protezione di selenio da su danno mitocondriale indotto da adriamicina in ratto. Biol Trace Elem Res. 12 gennaio 2012. Epub davanti alla stampa.

136. Lee BJ, Huang YC, Chen SJ, Lin pinta. Il completamento del coenzima Q10 riduce lo sforzo ossidativo ed aumenta l'attività enzimatica antiossidante in pazienti con la coronaropatia. Nutrizione. 2012 marzo; 28(3): 250-5.

137. Schmelzer C, Kubo H, Mori m., et al. il completamento con la forma riduttrice di coenzima Q10 decelera le caratteristiche fenotipiche della senescenza ed induce una firma proliferatore-attivata peroxisome di espressione genica dell'ricevitore-alfa in topi SAMP1. Mol Nutr Food Res. 2010 giugno; 54(6): 805-15.