Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista ottobre 2012
Nelle notizie

Prenda la vostra vitamina D con il più grande pasto del giorno

Prenda la vostra vitamina D con il più grande pasto del giorno

La vitamina D è una sostanza nutriente solubile nel grasso che non assorbe bene su uno stomaco vuoto o con un piccolo pasto.

Uno studio ha valutato un piccolo gruppo di persone che hanno preso la vitamina D su uno stomaco vuoto o con un pasto leggero. Quando questa gente è stata incaricata invece di prendere la loro vitamina D con il più grande pasto del giorno, c'era un aumento notevole 56,7% nel sangue del siero (25-hydroxyvitamin D) livella dopo due - tre months.*

Questi studi, intrapresi a Cleveland Clinic Foundation Bone Clinic, dimostrano quanto le migliori sostanze nutrienti solubili nel grasso assorbono quando preso con un pasto che contiene un certo grasso, che è solitamente il pasto più pesante del giorno. Contribuisce a spiegare perché la gente che prende le dosi elevate della vitamina D a volte non riesce a raggiungere i livelli ematici ottimali di 25-hydroxyvitamin la D (oltre 50 ng/ml.)

Le sostanze nutrienti che dovrebbero essere prese con il pasto più pesante del giorno includono l'olio di pesce, licopene, luteina, zeaxantina, tocoferolo di gamma, astaxantinae naturalmente, vitamina D.

* Minatore Res dell'osso di J. 2010 aprile; 25(4): 928-30.

Abbassi i livelli di DHEA connessi con l'elevato rischio della malattia cardiovascolare

Abbassi i livelli di DHEA connessi con l'elevato rischio della malattia cardiovascolare

La riunione annuale della società endocrina era il sito di una presentazione dell'individuazione di un effetto protettivo per i livelli elevati del deidroepiandrosterone (DHEA) contro il rischio di eventi cardiovascolari in men.*

Asa Tivesten, il MD ed i colleghi hanno analizzato i dati da 2.416 uomini iscritti alle fratture osteoporotiche nello studio della Svezia degli uomini. I campioni di sangue ottenuti sopra l'iscrizione sono stati analizzati per il solfato di DHEA e di DHEA (DHEA-S).

Sopra seguito quinquennale, 485 casi degli eventi cardiovascolari mortali o non fatali sono stati documentati. Avendo un più alto siero DHEA è stato associato con un più a basso rischio degli eventi cardiovascolari, come stava avendo un di più alto livello di DHEA-S. Gli uomini di cui DHEA-S era fra l'un quarto dipartecipante più bassi hanno avuti un elevato rischio di 25% degli eventi confrontati al resto degli oggetti e quelli di cui i livelli sia di DHEA che di DHEA-S erano fra il quarto più basso hanno avuti un elevato rischio di 34% di tutto l'evento cardiovascolare principale.

La nota del redattore: DHEA, prodotto dalle ghiandole surrenali, funge da precursore all'estradiolo ed al testosterone degli ormoni. Mentre alcuni risultati della ricerca hanno suggerito un'associazione fra i livelli aumentati di DHEA e una riduzione della malattia cardiaca, la maggior parte degli studi che comprendono DHEA è stata piccola ed i risultati non sono stati sempre conclusivi.

— D. Tintura

* Riunione annuale endocrina della società novantaquattresima, il 23 giugno 2012 Houston.

La metformina mostra la promessa per il trattamento di cancro del pancreas

Al cancro del pancreas: La conferenza di sfide e di progresso, Christopher Heeschen, il MD, PhD, ha riferito che i risultati positivi per metformina negli esperimenti che comprendono le colture cellulari ed i topi del cancro del pancreas impiantati con il cancro del pancreas tumors.* gli aiuti della droga eliminano le cellule staminali di cancro, una popolazione delle cellule che sono resistenti alla chemioterapia e che possono essere responsabili dell'inizio e della ricorrenza della malattia.

Il pretrattamento delle cellule staminali duttali pancreatiche del cancro dell'adenocarcinoma con metformina ha provocato l'attivazione di AMPK, un enzima che gli aiuti regolano l'energia cellulare. Il trattamento con una combinazione di gemcitabina (la chemioterapia standard per cancro del pancreas) e di metformina ha sradicato le cellule staminali di cancro come pure altre cellule maligne. Quando il gruppo del Dott. Heeschen ha impiantato i topi immunocompromessi con i tumori del cancro del pancreas e li ha trattati con la gemcitabina e/o la metformina, gli animali che hanno ricevuto entrambe le droghe hanno avuti meno tumori e un'incidenza più bassa della ricaduta in confronto a quelle che hanno ricevuto qualsiasi droga da solo.

La nota del redattore: La metformina attualmente è prescritta ai pazienti diabetici ed ha indicato il potenziale come un preventivo e trattamento del cancro, oltre ad altri usi possibili.

— D. Tintura

* Cancro del pancreas americano dell'Associazione per la ricerca sul cancro: Progresso e sfide, 18-21 giugno 2012, il lago Tahoe, NV.

L'esercizio può essere necessario per i benefici dietetici della restrizione

L'esercizio può essere necessario per i benefici dietetici della restrizione

Nel metabolismo delle cellule del giornale, gli scienziati a Buck Institute per la ricerca su invecchiamento riferiscono il risultato degli esperimenti che suggeriscono che possa essere necessario da essere fisicamente attivo per derivare il massimo beneficio dalla restrizione dietetica (Dott). La restrizione significativa dell'assunzione di una sostanza nutriente particolare o delle calorie totali ha esteso la durata di numerose specie negli esperimenti del laboratorio; tuttavia, i ricercatori ancora stanno chiarendo i meccanismi coinvolgere nel technique.*

In uno studio che comprende le mosche della frutta, Pankaj Kapahi, il PhD ed i colleghi hanno osservato che gli insetti sono diventato più fisicamente attivi quando la loro fonte della proteina era limitata. L'attività fisica aumentata osservata nelle mosche dietetico-limitate è stata associata con la maggiori sintesi e ripartizione grasse. Quando la sintesi grassa nel tessuto del muscolo è stata bloccata, così era il beneficio d'estensione della restrizione dietetica. Ed in mosche di cui il moto era limitato, la portata duratura che deriva normalmente da una dieta ristretta non si è presentata.

La nota del redattore: I ricercatori hanno determinato ulteriormente quello in mosche geneticamente costruite ai overexpress l'ormone AKH (ormone adipocinetico), metabolismo ed i livelli di attività sono stati migliorati e la durata era estesa, anche senza restrizione dietetica. Gli autori suggeriscono che le molecole quale AKH potrebbero potenzialmente servire da restrizione dietetica mimetica.

— D. Tintura

* Cellula Metab. 3 luglio 2012; 16:97-103.

Vitamina D della dose elevata stata necessaria per la prevenzione di frattura

Vitamina D della dose elevata stata necessaria per la prevenzione di frattura

Un'analisi riunita di 11 test clinico riferito in un'emissione recente di New England Journal di medicina rivela un effetto protettivo per il completamento di vitamina D della dose elevata contro il rischio di frattura in uomini più anziani e women.* mentre 800 IU o più della vitamina sono stati associati con il rischio riduttore di frattura, dosi più basse non è sembrato essere efficace.

Gli scienziati hanno analizzato i dati dall'età 65 di 31.022 individui e più vecchio chi sono stati assegnati per ricevere la vitamina D orale o un placebo in uno di 11 ha randomizzato, ha controllato le prove. Fra quelli di cui la vitamina D era fra il 25% principale degli oggetti ad una dose mediana di 800 IU al giorno, c'era un rischio più basso 30% di regolato di frattura dell'anca e di 14% più a basso rischio delle fratture nonvertebral in confronto a quelli di cui l'assunzione di vitamina D era più bassa.

La nota del redattore: Lo studio non ha trovato beneficio frattura-preventivo per le dosi di 800 IU più bassi al giorno, indicante che le dosi elevate possono essere necessarie, specialmente fra quelli a rischio dell'osteoporosi e la frattura. Questo studio pubblica che cosa il prolungamento della vita già ha usato per confutare le raccomandazioni di governo contro la vitamina D.

— D. Tintura

* Med di N Inghilterra J. 5 luglio 2012; 367(1): 40-9.