Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Estratti

Prolungamento della vita rivista luglio 2013
Estratti  

Zafferano

Crocus sativus L. nel trattamento di delicato per moderare depressione: una prova randomizzato e controllato con placebo della prova alla cieca.

La depressione è un disordine serio nell'odierna società, con le stime di prevalenza di vita su quanto 21% della popolazione in genere in alcuni paesi sviluppati. Come pianta terapeutica, lo zafferano è considerato eccellente per i disturbi di stomaco e come un antispasmodico, di aiutare la digestione e di aumentare l'appetito. Inoltre è utilizzato per la depressione nella medicina tradizionale persiana. Il nostro obiettivo era di valutare l'efficacia dei marchi di infamia del crocus sativus (zafferano) nel trattamento di delicato per moderare la depressione in una prova controllata con placebo e randomizzata di sei settimane della prova alla cieca. Quaranta pazienti esterni adulti che hanno incontrato il sistema diagnostico ed il manuale statistico dei disturbi mentali, quarta edizione per la depressione principale basata sull'intervista clinica strutturata per DSM IV hanno partecipato alla prova. I pazienti hanno avuti una scala di valutazione di Hamilton della linea di base per il punteggio della depressione almeno di 18. In questa prova alla cieca, controllato con placebo, nel unico centro e nella prova randomizzata, pazienti sono stati assegnati a caso per ricevere una capsula del giorno di mg dello zafferano 30 [solenoide] (BD) (gruppo 1) o una capsula di placebo (BD) (gruppo 2) per uno studio di sei settimane. A 6 settimane, il crocus sativus ha prodotto un risultato significativamente migliore sulla scala di valutazione della depressione di Hamilton che il placebo (d.f. = 1, F = 18,89, p < 0,001). Non c'erano differenze significative nei due gruppi in termini di effetti collaterali osservati. I risultati di questo studio indicano l'efficacia del crocus sativus nel trattamento di delicato alla depressione moderata. Una prova su grande scala è giustificata.

Ricerca di Phytother. 2005 febbraio; 19(2): 148-51

Estratto idroalcolico di crocus sativus L. contro fluoxetina nel trattamento di delicato per moderare depressione: una prova alla cieca, prova pilota randomizzata.

I disturbi depressivi sono molto comuni nella pratica clinica, con circa 11,3 di tutti gli adulti afflitti durante il qualsiasi un anno. Lo zafferano è la spezia più costosa del mondo ed oltre al suo valore tradizionale come additivo alimentare, gli studi recenti indicano parecchi effetti terapeutici per zafferano. È utilizzato per la depressione nella medicina tradizionale persiana. Il nostro obiettivo era di paragonare l'efficacia dell'estratto idroalcolico di crocus sativus (marchio di infamia) a fluoxetina nel trattamento di delicato alla depressione moderata in una prova alla cieca di sei settimane, prova randomizzata. Quaranta pazienti esterni adulti che hanno incontrato il sistema diagnostico ed il manuale statistico dei disturbi mentali, quarta edizione per la depressione principale hanno basato sull'intervista clinica strutturata per DSM-IV e con delicato per moderare la depressione ha partecipato alla prova. In questa prova alla cieca, la prova del unico centro e la prova randomizzata, pazienti sono state assegnate a caso per ricevere le capsule di zafferano 30 mg/giorno (BD) (gruppo 1) e capsula di fluoxetina 20 mg/giorno (BD) (gruppo 2) per uno studio di sei settimane. Lo zafferano a questa dose è risultato efficace simile a fluoxetina nel trattamento di delicato per moderare la depressione (F = 0,13, d.f. = 1, P = 0,71). Non c'erano differenze significative nei due gruppi in termini di effetti collaterali osservati. I risultati di questo studio indicano l'efficacia del crocus sativus nel trattamento di delicato alla depressione moderata. Una prova su grande scala è giustificata.

J Ethnopharmacol. 28 febbraio 2005; 97(2): 281-4

Zafferano nel trattamento dei pazienti con delicato per moderare morbo di Alzheimer: prova randomizzata e controllata con placebo 16 di una settimana.

CHE COSA È CONOSCIUTO: Le medicine di erbe sono state utilizzate nel trattamento dei sintomi comportamentistici e psicologici di demenza ma con la risposta variabile. Il crocus sativus (zafferano) può inibire l'aggregazione ed il deposito del β dell'amiloide nel cervello umano e può quindi essere utile nel morbo di Alzheimer (ANNUNCIO). OBIETTIVO: Lo scopo di questo studio era di valutare l'efficacia di zafferano nel trattamento di delicato per moderare l'ANNUNCIO. METODI: Quarantasei pazienti con l'ANNUNCIO probabile sono stati schermati per i 16 la settimana, studio di prova alla cieca sui gruppi paralleli di pazienti con delicato all'ANNUNCIO moderato. Le misure psicometriche, che il subscale scala-conoscitivo di valutazione inclusa dell'ANNUNCIO (ADAS-dente) e scala-somme di valutazione di demenza clinica delle scatole, è stato eseguito per controllare i profili conoscitivi e clinici globali dei pazienti. I pazienti sono stati assegnati a caso per ricevere lo zafferano della capsula 30 mg/giorno (15 mg due volte al giorno) (raggruppi A) o placebo della capsula (due capsule al giorno) per uno studio di 16 settimane. RISULTATI: Dopo 16 settimane, lo zafferano ha prodotto un risultato significativamente migliore sulla funzione conoscitiva che il placebo (ADAS-dente: F=4·12, d.f.=1, P=0·04; CDR: F=4·12, d.f.=1, P=0·04). Non c'erano differenze significative nei due gruppi in termini di eventi avversi osservati. CHE COSA È NUOVO E CONCLUSIONE: Questa prova alla cieca, lo studio controllato con placebo suggerisce quello almeno a breve termine, zafferano è sia sicura che efficace in delicato da moderare l'ANNUNCIO. Le più grandi prove controllate randomizzate confermative sono richieste.

J Clin Pharm Ther. 2010 ottobre; 35(5): 581-8

22 una settimana, studio multicentrico, randomizzato, prova controllata prova alla cieca del crocus sativus nel trattamento del morbo di Alzheimer del delicato--moderato.

SPIEGAZIONE RAZIONALE: Sta aumentando la prova per suggerire l'efficacia possibile del crocus sativus (zafferano) in gestione del morbo di Alzheimer (ANNUNCIO). OBIETTIVO: Lo scopo della ricerca attuale era di valutare l'efficacia del C. sativus nel trattamento dei pazienti con l'ANNUNCIO del delicato--moderato. METODI: Cinquantaquattro adulti Persiano-parlanti 55 anni o più vecchi chi stavano vivendo nella comunità erano ammissibili partecipare ai 22 la settimana, studio di prova alla cieca sui gruppi paralleli di pazienti con l'ANNUNCIO. Le misure principali di efficacia erano il cambiamento nelle Scala-somme di valutazione di subscale Scala-conoscitivo di valutazione del morbo di Alzheimer e di demenza clinica dei punteggi delle scatole rispetto alla linea di base. Gli eventi avversi (AEs) sono stati registrati sistematicamente. I partecipanti sono stati assegnati a caso per ricevere uno zafferano della capsula 30 mg/giorno (15 mg due volte al giorno) o donepezil 10 mg/giorno (5 mg due volte al giorno). RISULTATI: Lo zafferano a questa dose è risultato efficace simile a donepezil nel trattamento dell'ANNUNCIO del delicato--moderato dopo 22 settimane. La frequenza di AEs era simile fra l'estratto dello zafferano ed i gruppi del donepezil ad eccezione del vomito, che si è presentato più frequentemente nel gruppo del donepezil. CONCLUSIONE: Questo studio di fase II fornisce la prova preliminare di un effetto terapeutico possibile dell'estratto dello zafferano nel trattamento dei pazienti il morbo di Alzheimer del delicato--moderato.

Psicofarmacologia (Berl). 2010 gennaio; 207(4): 637-43

Effetti dei costituenti attivi del crocus sativus L., crocine, in un modello animale di ansia.

Il crocus sativus L. è una pianta coltivata in varie parti del mondo. Le crocine sono fra i componente attivi del crocus sativus L. Lo studio presente è stato destinato per studiare nel ratto indipendentemente da fatto che le crocine possiedono le proprietà dell'ansiolitico. Per questo scopo, prova leggera/scura è stata selezionata. Qualsiasi crocine, ad una dose che non ha influenzato l'attività motoria degli animali (50mg/kg), o il diazepam (1,5 mg/kg), hanno aumentato significativamente la latenza per entrare nel compartimento scuro ed hanno prolungato il tempo passato nella camera accesa nei ratti. Per contro, le dosi più basse delle crocine (15-30 mg/kg) non hanno modificato sostanzialmente il comportamento degli animali. I risultati attuali indicano che il trattamento con questi costituenti attivi del crocus sativus L. induce gli effetti del tipo di ansiolitico nel ratto.

Phytomedicine. 2008 dicembre; 15(12): 1135-9

Ansiolitico ed effetto ipnotico dell'estratto acquoso di crocus sativus e dei suoi costituenti, crocina e safranal, in topi.

Il marchio di infamia dello zafferano (crocus sativus L.) è utilizzato per insonnia ed ansia nella medicina tradizionale. In questo studio, l'ansiolitico e gli effetti ipnotici dell'estratto acquoso dello zafferano e dei suoi costituenti, crocina e safranal, sono stati studiati in topi. Gli agenti sono stati amministrati intraperitonealmente in topi prima degli esperimenti per la valutazione di attività ipnotica (indotta dal pentobarbital del sodio, 30 mg/kg, i.p.), di attività dell'ansiolitico (elevata più la prova del labirinto), di attività locomotrice (prova in loco aperta) e di coordinazione motoria (prova di Rotarod). L'estratto acquoso ha ridotto la dose locomotrice di attività dipendente. Alle dosi basse, lo zafferano ha mostrato un importante crescita nel tempo sul a braccia aperte del labirinto. Nel usando il metodo di Rotarod, l'estratto acquoso ha mostrato il considerevole effetto su coordinazione motoria dei topi. Nella prova ipnotica, soltanto una dose di 0,56 g/kg di zafferano ha aumentato il sonno totale. La crocina non ha mostrato effetti dell'ansiolitico, dell'ipnotico o di myorelaxation. Safranal, 0,15 e 0,35 in mL/kg delle dosi elevate, indicati gli effetti dell'ansiolitico. Safranal ha aumentato la dose di tempo totale di sonno dipendente. Questo costituente alle dosi più basse (0,05 e 0,15 mL/kg) ha fatto diminuire alcuni parametri di attività di locomozione. Safranal non ha dimostrato effetti su coordinazione motoria. I risultati hanno indicato che l'estratto e il safranal acquosi dello zafferano hanno l'ansiolitico ed effetti ipnotici.

Ricerca di Phytother. 2009 giugno; 23(6): 768-74

Effetti dei costituenti attivi del crocus sativus L., crocine, in un modello animale di disordine ossessivo.

Le crocine sono fra i componente attivi del crocus sativus L.C. Sativus L. della pianta ed i suoi costituenti erano efficaci nei modelli differenti dei disturbi psichiatrici compreso ansia e la depressione. Il disordine ossessivo (disturbo ossessivo compulsivo) è un disturbo psichiatrico comune definito dalla presenza di pensieri ossessivi e di azioni compulsive ripetitive. Il mCPP non selettivo dell'agonista del ricevitore della serotonina (5-HT) è conosciuto per indurre il comportamento del tipo di disturbo ossessivo compulsivo (eccessivo auto-governare) in roditori e per esacerbare i sintomi in pazienti con il disturbo ossessivo compulsivo. Lo studio presente esaminatore indipendentemente da fatto che le crocine potevano neutralizzare eccessivo auto-governare indotto da mCPP (0,6 mg/kg, i.p.) in ratti. Le crocine (30 e 50 mg/kg, i.p.) hanno attenuato dall'l'eccessivo auto-governare indotto mCPP. I risultati attuali inoltre indicano che questi effetti delle crocine su un modello animale del disturbo ossessivo compulsivo non possono essere attribuiti ai cambiamenti nell'attività locomotrice. I nostri risultati suggeriscono che i costituenti attivi delle crocine di C. SativusL. potrebbero svolgere un ruolo nel comportamento compulsivo e sostenere un'interazione funzionale fra le crocine ed il sistema serotonergic.

Neurosci Lett. 18 ottobre 2012; 528(1): 27-30

Satiereal, un crocus sativus L l'estratto, si riduce fare un spuntino ed aumenta la sazietà in uno studio controllato con placebo randomizzato delle donne leggermente di peso eccessivo e in buona salute.

Fare un spuntino è un'abittudine alimentara incontrollata, predisponendo l'obesità e l'obesità. Soprattutto colpisce la popolazione femminile e frequentemente è associato con lo sforzo. Abbiamo supposto che il completamento orale con Satiereal (Inoreal srl, Plerin, la Francia), un estratto novello di marchio di infamia dello zafferano, potesse ridurrsi fare un spuntino e migliorare la sazietà con il suo effetto umore-migliorante suggerito e così contribuiamo a perdita di peso. Le donne in buona salute e leggermente di peso eccessivo (N = 60) hanno partecipato a questa randomizzata, controllato con placebo, studio di prova alla cieca che ha valutato l'efficacia del completamento di Satiereal sul peso corporeo passa un periodo di otto settimane. Facendo un spuntino la frequenza, la variabile secondaria principale, è stata valutata dalla auto-registrazione quotidiana degli episodi dagli oggetti in un diario di nutrizione. Due volte al giorno, gli oggetti iscritti hanno consumato 1 capsula di Satiereal (estratto di mg 176,5 per giorno (n = 31) o placebo di corrispondenza (n = 29). L'apporto calorico è stato lasciato senza restrizione durante lo studio. Alla linea di base, entrambi i gruppi erano omogenei per l'età, il peso corporeo e fare un spuntino la frequenza. Satiereal ha causato una perdita di peso significativamente maggior del corpo che il placebo dopo 8 settimane (P < .01). La frequenza facente un spuntino media è stata diminuita significativamente nel gruppo di Satiereal rispetto al gruppo del placebo (P < .05). Altre dimensioni e funzioni vitali antropometriche sono rimanere quasi immutate in entrambi i gruppi. Nessun ritiro tematico attribuibile ad un effetto del prodotto è stato riferito in tutto la prova, suggerente una buona tollerabilità a Satiereal. I nostri risultati indicano che il consumo di Satiereal produce una riduzione di fare un spuntino e crea un effetto saziante che potrebbe contribuire a perdita di peso del corpo. La combinazione di dieta adeguata con il completamento di Satiereal ha potuto aiutare gli oggetti impegnati in un programma di perdita di peso nel raggiungimento del loro obiettivo.

Ricerca di Nutr. 2010 maggio; 30(5): 305-13

Zafferano per il trattamento da di disfunzione sessuale indotta da fluoxetina in donne: studio controllato con placebo della prova alla cieca randomizzata.

OBIETTIVO: Lo zafferano (crocus sativus L.) ha indicato gli effetti afrodisiaci benefici in alcuni studi dell'essere umano ed animali. Lo scopo dello studio presente era di valutare la sicurezza e l'efficacia di zafferano da su disfunzione sessuale indotta da inibitore di ricaptazione selettiva della serotonina in donne. METODI: Ciò era uno studio controllato con placebo della prova alla cieca randomizzata. Trentotto donne con la depressione principale che sono state stabilizzate su fluoxetina 40 mg/giorno per un minimo di 6 settimane ed avevano avvertito la sensibilità soggettiva della disfunzione sessuale hanno entrato nello studio. I pazienti sono stati assegnati a caso a zafferano (30 mg/daily) o a placebo per 4 settimane. La misura è stata realizzata alla linea di base, alla settimana 2 ed alla settimana 4 facendo uso dell'indice sessuale femminile di funzione (FSFI). Gli effetti collaterali sono stati registrati sistematicamente. RISULTATI: Trentaquattro donne hanno avute almeno una misura della post-linea di base ed hanno terminato lo studio. L'analisi della misura della varianza ripetuta a due fattori ha mostrato l'effetto significativo di interazione del trattamento del × di tempo [serra-Geisser's corretta: F (1,580, 50,567) = 5,366, p = 0,012] e trattamento per il punteggio di totale di FSFI [F (1, 32) = 4,243, p = 0,048]. Alla conclusione della quarta settimana, i pazienti nel gruppo dello zafferano avevano avvertito significantly more miglioramento in FSFI totale (p < 0,001), nel risveglio (p = 0,028), nella lubrificazione (p = 0,035) e nei dominii di dolore (p = 0,016) di FSFI ma non nel desiderio (p = 0,196), nella soddisfazione (p = 0,206) e nei dominii di orgasmo (p = 0,354). La frequenza degli effetti collaterali era simile fra i due gruppi. CONCLUSIONI: Sembra che zafferano possa sicuro e efficacemente migliorare alcuni dai dei problemi sessuali indotti da fluoxetina compreso risveglio, lubrificazione e dolore.

Ronzio Psychopharmacol. 2013 gennaio; 28(1): 54-60

Valutazione del crocus sativus L.(zafferano) su disfunzione erettile maschio: uno studio pilota.

In questo studio, l'effetto del crocus sativus (zafferano) è stato studiato su disfunzione erettile maschio (ED). Venti pazienti maschii con ED sono stati seguiti per i dieci giorni in cui ogni mattina hanno preso una compressa che contiene 200mg di zafferano. I pazienti hanno subito la prova del pene notturna di tumescence (NPT) e l'indice internazionale del questionario erettile di funzione (IIEF-15) all'inizio del trattamento ed alla conclusione dei dieci giorni. Dopo i dieci giorni di presa dello zafferano c'era un miglioramento statisticamente significativo nella rigidità di rigidità di punta e di tumescence come pure della base di punta e nel tumescence della base. I punteggi di totale ILEF-15 erano significativamente più alti in pazienti dopo il trattamento dello zafferano (prima del trattamento 22.15+/-1.44; dopo il trattamento 39.20+/-1.90, p<0.001). Lo zafferano ha mostrato un effetto positivo sulla funzione sessuale con il numero e la durata aumentati degli eventi erettili veduti in pazienti con ED anche solo dopo la presa per i dieci giorni.

Phytomedicine. 2009 agosto; 16(8): 690-3

Proprietà chemopreventive e tumoricidal del Cancro di zafferano (crocus sativus L.).

Poiché il cancro è la maggior parte della causa comune della morte nella popolazione mondiale, la possibilità che le sostanze naturali disponibili facilmente dalle piante, dalle verdure, dalle erbe e dalle spezie possono essere utili nella prevenzione dell'esame più vicino delle garanzie del cancro. Lo zafferano in filamenti è le stimmate secche e rosso scuro del crocus sativus L. fiorisce ed è utilizzato come una spezia, il colorante di alimento e droga nella medicina. Un corpo crescente della ricerca ha dimostrato che l'estratto stesso dello zafferano ed i suoi costituenti principali, i carotenoidi, possiedono le proprietà chemopreventive contro cancro. Questo esame discute i dati recenti della letteratura ed i nostri risultati sulle attività chemopreventive del cancro di zafferano e dei suoi ingredienti principali.

Med di biol di Exp (Maywood). 2002 gennaio; 227(1): 20-5