Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Estratti

Prolungamento della vita rivista giugno 2013
Estratti

Siero della gioventù

Sul ruolo dei thymopoietins nella proliferazione delle cellule. Prova immunochimica per i nuovi membri della famiglia umana di thymopoietin.

Thymopoietins (TMPOs) è un gruppo di proteine nucleari onnipresente espresse. Sono suggeriti per svolgere un ruolo importante nell'organizzazione della busta e nel controllo nucleari del ciclo cellulare, come è stato indicato per i polipeptidi lamina-collegati 2 alfa e beta, che sono gli omologhi del ratto dell'essere umano TMPOalpha e TMPObeta, rispettivamente. L'isolamento e la caratterizzazione recenti delle sette trascrizioni del topo TMPO mRNA nominate TMPO-alfa, beta, beta, gamma, delta epsilon e zeta, suggeriscono che più delle tre trascrizioni precedentemente riferite, l'alfa, forme di gamma e beta, possano esistere in esseri umani. Qui riferiamo sulla dimostrazione dell'essere umano presunto TMPOdelta e dell'epsilon dall'immunoblotting delle linee cellulari umane facendo uso di un antisiero policlonale recentemente pronto contro la regione comune del N-terminale di TMPO. Ancora, abbiamo preparato il primo antisiero policlonale vero TMPO-beta-specifico e affinità-purificato, facendo uso di una parte dell'analogo umano del dominio beta-specifico del topo TMPO 220-259 per immunizzazione. Abbiamo indicato che l'essere umano TMPObeta altamente è espresso in tutte le cellule cancerogene provate, mentre appena tutte le reattività crociate con altre proteine potrebbero essere individuate. Contrariamente all'alta espressione dell'essere umano TMPObeta nelle linee cellulari Cancro-derivate SK-N-MC e SMS-KAN di neuroblastoma, abbiamo trovato l'espressione molto bassa dell'essere umano TMPObeta in tessuto nervoso basso proliferativo. Questi dati ci hanno condotti al presupposto che l'espressione di TMPObeta può correlare con l'insorgere del cancro e quindi possono servire come nuovo marcatore tumorale, o persino da nuovo obiettivo per la terapia del cancro.

Biol chim. 1999 giugno; 380(6): 653-60

Biologia molecolare di differenziazione del keratinocyte.

I keratinocytes epidermici (cellule epiteliali) sono cellule epiteliali altamente specializzate destinate per eseguire una funzione molto specifica, la separazione dell'organismo dal suo ambiente. Per compire questa le cellule sintetizzano i precursori e li montano in due strutture distinte, nella busta cornified e nei filamenti del mediatore della cheratina. I filamenti intermedi sono montati dai monomeri della cheratina e la busta cornified è montata da una proteina chiamata involucrin e parecchie altre proteine. L'espressione del involucrin ed i geni delle cheratine sono regolati in funzione della fase di differenziazione del keratinocyte e dai vari agenti esterni quali calcio e vitamina A. Per studiare la funzione di queste strutture ed il regolamento di produzione del precursore abbiamo clonato il cDNA ed i cloni genomica che codificano il involucrin e quattro dei polipeptidi della cheratina. I retinoidi profondo alterano il modello di differenziazione dei keratinocytes epidermici umani, ma la base biochimica di fondo di questo cambiamento è non nota. In questo rapporto descriviamo i cambiamenti retinoide-promossi nell'espressione genica della cheratina che può, in parte, essere responsabile dell'alterazione nel fenotipo cellulare in presenza della vitamina. Inoltre descriviamo la struttura novella della cheratina del kD dell'essere umano 40, un membro della famiglia della cheratina che è retinoide rispondente ed è probabile essere importante durante lo sviluppo epidermico. Per concludere, descriviamo la struttura della proteina del precursore della busta, involucrin, come determinato a partire dalla sua sequenza del DNA e speculiamo sul suo ruolo nella formazione cornified della busta.

Circondi la salute Perspect. 1989 marzo; 80:109-16

Invecchiamento dell'epidermide umana: l'inversione di invecchiamento cambia fas le componenti con l'inversione dell'espressione e degli apoptosi del keratinocyte.

Lo scopo di questo studio era di determinare il ruolo degli apoptosi Fas-mediati nell'invecchiamento epidermico umano. Fas l'espressione epidermica e gli apoptosi sono aumentati di pelle umana invecchiata. I cambiamenti invecchianti dell'epidermide umana, compreso spessore e proliferazione epidermici in diminuzione, sono invertiti dopo l'innesto della pelle umana ai topi di SCID (immunodeficienza combinata severa). Pelle dai partecipanti invecchiati (n = 14; significhi 70,7 anni) ed i giovani partecipanti (n = 14; la media 23,4 anni) è stata innestata ai topi beige di SCID e lo spessore epidermico, la proliferazione (espressione Ki-67), gli apoptosi (reazione di TUNEL [estremità Tdt-mediata della scalfittura del dUTP che identifica] sotto lo strato granulare) e l'espressione di Fas e FasL sono stati determinati dall'istologia e dalla macchiatura immunochimica. La pelle invecchiata è stata associata Fas con l'assottigliamento dell'epidermide, della proliferazione epidermica in diminuzione, di un importante crescita in apoptosi sotto lo strato granulare e dell'espressione epidermica. L'innesto ha invertito significativamente questi cambiamenti di invecchiamento, compreso gli apoptosi e Fas l'espressione. La correlazione dell'inversione dei cambiamenti di invecchiamento, con Fas l'espressione epidermica in diminuzione e gli apoptosi, sostiene un ruolo per gli apoptosi Fas-mediati nell'invecchiamento dell'epidermide umana

J Gerontol una biol Sci Med Sci. 2004 maggio; 59(5): 411-5

Influenza del carrageenano sulla reologia e sulla permeazione della pelle delle formulazioni della microemulsione.

Tre microemulsioni differenti (corrente alternata) ed una preparazione semisolida D sono state studiate in termini di proprietà e permeazione viscoelastiche della pelle della fluorescina del sodio del composto di modello. L'influenza del carrageenano del polisaccaride su questi parametri è stata studiata. Il carrageenano frequentemente è usato come additivo alimentare ed ha proprietà molto interessanti come buona adesività su pelle che può essere un beneficio per l'applicazione topica. Le proprietà viscoelastiche delle preparazioni (A-D) e delle miscele con il carrageenano (A'-D) sono state caratterizzate dalle misure oscillatorie. Era possibile regolare le proprietà reologiche delle formulazioni ed aumentare la permeazione della fluorescina del sodio attraverso pelle porcina mescolandole con i gel del carrageenano. Di conseguenza, le formulazioni come pure le miscele presentate con il carrageenano hanno potuto promettere i sistemi di trasportatore alternativi della droga per farmaceutico attuale come pure i cosmetici.

J controlla il rilascio.5 marzo 2004; 95(2): 257-65

Vitamine dell'alga come nutraceuticals.

Le alghe sono una buona fonte di qualche acqua (B (1), B (2), B (12), C) e solubile nel grasso (β-carotene con attività della vitamina A, vitamine della vitamina E). Per assicurarsi che l'assunzione adeguata di tutte le vitamine sia ricevuta nella dieta, la gente (particolarmente la gente sulla dieta speciale, vegetariani rigorosi e vegani) può consumare gli alimenti arricchiti con le vitamine, per esempio, sotto forma di alimenti funzionali con le vitamine come nutraceuticals, estratti dalle fonti naturali quali le alghe. Le vitamine dell'alga sono non solo importante dovuto le loro funzioni biochimiche ed attività antiossidante ma anche dovuto altre indennità-malattia quali la diminuzione della pressione sanguigna (vitamina C), la prevenzione delle malattie cardiovascolari (β-carotene), o di riduzione del rischio di cancro (vitamine E e C, carotenoidi).

Adv Ricerca di Nutr dell'alimento. 2011;64:357-69

Il peptide YIGSR di Laminin induce la sintesi del collagene in fibroblasti cutanei umani Hs27.

Il ECM cutaneo è sintetizzato dai fibroblasti e soprattutto è compromesso di collagene fibrillare e di fibre elastiche, che sostengono la forza e la resilienza meccaniche di pelle, rispettivamente. Laminin, una glicoproteina importante situata nella membrana basale, promuove l'adesione delle cellule, la crescita delle cellule, la differenziazione e la migrazione. Il peptide dell'tirosina-isoleucina-glicina-serina-arginina del laminin (YIGSR), corrispondente alla sequenza 929-933 della catena β1, è conosciuto per essere un motivo funzionale con gli effetti sull'inibizione di metastasi del tumore, sul regolamento della risposta axonal sensoriale e sull'inibizione di angiogenesi con alta affinità al ricevitore del laminin 67kDa. In questo studio, abbiamo identificato una funzione novella del peptide di YIGSR per migliorare la sintesi del collagene in fibroblasti cutanei umani. Per delucidare questa funzione novella per quanto riguarda la sintesi del collagene, abbiamo trattato i fibroblasti cutanei umani con il peptide di YIGSR sia in un modo del tempo che dipendente dalla dose. Secondo gli esperimenti successivi, abbiamo trovato che il peptide di YIGSR ha migliorato forte la sintesi di tipo 1 del collagene senza proliferazione cambiante delle cellule o livello cellulare MMP-1. Questa sintesi di tipo 1 del collagene peptide-mediata YIGSR è stata modulata dall'inibitore di FAK e dall'inibitore di MEK. Questo studio rivela chiaramente che il peptide di YIGSR gioca una funzione novella sulla sintesi di tipo 1 del collagene dei fibroblasti cutanei ed inoltre suggerisce che YIGSR sia un forte peptide del candidato per il trattamento di invecchiamento e delle grinze della pelle.

Ricerca Commun di biochimica Biophys.23 novembre 2012; 428(3): 416-21

Vitamine attuali, minerali ed ingredienti botanici come modulatori di danno ambientale e cronologico della pelle.

La pelle di invecchiamento è caratterizzata dalle linee sottili, dalle grinze, dai lentigines, dal dyspigmentation e dalla ruvidezza aumentata. Le preparazioni attuali presunte per combattere questi cambiamenti abbondano nel mercato dei titoli non quotati in borsa. Alcuni degli ingredienti più popolari utilizzati in questi prodotti sono vitamine, minerali e gli estratti botanici. I meccanismi proposti per gli effetti antinvecchiamento su pelle variano dalle proprietà antiossidanti alla sintesi o alla protezione migliore del collagene dalla ripartizione del collagene. Malgrado l'attenzione di media e la popolarità del consumatore che questi ingredienti hanno generato, ci sono stati pochi studi scientifici per sostenere questi reclami. In questo rapporto, esaminiamo gli studi pubblicati recenti sul più comune di questi ingredienti per la fotoprotezione attuale ed il trattamento della pelle di invecchiamento.

Br J Dermatol.2003 ottobre; 149(4): 681-91

Attività antiossidante delle proteine e dei peptidi.

Le proteine possono inibire l'ossidazione del lipido dai meccanismi biologicamente progettati (per esempio enzimi antiossidanti e proteine di legare il ferro) o dai meccanismi non specifici. Entrambi tipi di proteine antiossidanti contribuiscono alla capacità antiossidante endogena degli alimenti. Le proteine inoltre hanno potenziale eccellente come additivi antiossidanti in alimenti perché possono inibire l'ossidazione del lipido con le vie multiple compreso inattivazione delle specie reattive dell'ossigeno, pulente i radicali liberi, la chelazione dei metalli di transizione prooxidative, la riduzione dei perossidi d'idrogeno e l'alterazione delle proprietà fisiche dei sistemi dell'alimento. L'attività antiossidante globale di una proteina può essere aumentata tramite rottura della sua struttura terziaria per aumentare l'accessibilità solvente dei residui dell'aminoacido che possono pulire i radicali liberi e chelatare i metalli prooxidative. La produzione dei peptidi con le reazioni idrolitiche sembra essere la tecnica di promessa per formare gli antiossidanti proteinici poiché i peptidi hanno attività antiossidante sostanzialmente più alta che le proteine intatte. Mentre le proteine ed i peptidi hanno potenziale eccellente come antiossidanti dell'alimento, edizioni quale allergenicità e gusti amari come pure la loro capacità alterare la struttura dell'alimento e la necessità di colore essere indirizzato.

Rev Food Sci Nutr di Crit. 2008 maggio; 48(5): 430-41

Involuzione timica nell'invecchiamento. Prospettive per la correzione.

Il timo produce parecchi ormoni timici presunti: alfa 1, thymulin e thymopoietin di thymosin, che sono stati riferiti per circolare ed agire sia sui prothymocytes che sulle cellule di T mature nella periferia, così mantenente il loro impegno al sistema a cellula T. Queste influenze endocrine diminuiscono con l'età e sono associate con “menopausa timica„ e la senescenza immune cellulare, che contribuiscono allo sviluppo delle malattie in invecchiato. L'endocrinologia del timo è caratterizzata dall'azione di molti ormoni e sostanze del tipo di ormone sulle componenti cellulari del timo, compreso i thymocytes, le cellule epiteliali timiche e le cellule stromal timiche. L'ambiente intrathymic è caratterizzato da una rete complessa dei segnali autocrini e ed endocrini di paracrine, che comprendono sia le interleuchine che i peptidi timici, che possono essere preveduti per funzionare in una rete sinergica per portare la cellula T evolventesi con il suo sviluppo graduale ad una cellula T matura. Le influenze di Extrathymic che regolano la funzione secretiva delle cellule epiteliali timiche e l'evoluzione graduale delle cellule di T possono essere attribuite alle interleuchine di circolazione, pricipalmente IL1 e IL2, derivati dall'attivazione e dalla secrezione dei leucociti nella periferia. Queste interleuchine agiscono ad un modo sinergico a tutti i livelli di sviluppo a cellula T tramite l'induzione dei ricevitori ad alta affinità IL2 e delle risposte proliferative risultanti di IL2-dependent. Per determinare se l'amministrazione esogena delle interleuchine avrebbe indotto lo sviluppo del linfocita T in topi invecchiati, chimicamente thymectomized i topi invecchiati con un ormone steroide e li abbiamo trattati con le interleuchine miste o gli ormoni timici quale il thymosin. Abbiamo trovato che interleuchine miste, ma non thymosin, peso e cellularity timico ristabilito e risposte migliorate del thymocyte alle interleuchine ed al mitogene. Thymosin ha rafforzato l'effetto.

Ann N Y Acad Sci. 26 dicembre 1992; 673:231-9

a metodo basato a proteolitica per l'identificazione dell'ormone umano della crescita.

L'ormone umano della crescita (HGH) è una proteina relativamente piccola che consiste di 191 aminoacidi ed ha una massa media del amu 22.125. L'analisi legale delle proteine quale HGH deve soddisfare le richieste analitiche di sufficienza del laboratorio e consiste di un approccio binario. Un campione sospettato è analizzato come l'intera proteina per la determinazione di tempo e della massa di conservazione facendo uso di cromatografia liquida a alta pressione fornita di una spettrometria di massa di matrice del fotodiodo e di cromatografia a fase mobile liquida. Ulteriore frammentazione della proteina facendo uso di un enzima proteolitico aggiunge un'altra dimensione alla specificità dell'analisi. La tripsina porcina digerisce le proteine in un modo molto prevedibile e rende i frammenti del peptide della proteina originale che può essere usata come mezzi per la presa delle impronte digitali a della biomolecola più grande. In silico, o teorico, la digestione di HGH da tripsina rende 21 peptide che varia nella dimensione da 1 a 23 aminoacidi di lunghezza. I più grandi frammenti che contengono gli più alti numeri di elasticità che di aminoacidi più specificità ad identificare una proteina ha basato su un frammento hanno prodotto tramite la digestione di tripsina. Qui, l'analisi di HGH facendo uso di un approccio proteolitico è presentata che incontra il gruppo di lavoro scientifico per l'analisi delle raccomandazioni delle droghe Seized (SWGDRUG) per l'identificazione delle sostanze sconosciute.

J Sci legale. 2009 gennaio; 54(1): 122-7