Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista aprile 2013
Rapporto  

Alimenti che riducono sicuro la glicemia

Da Michael Downey
Uomo corrente

Mentre invecchiamo, una delle nostre priorità sta mantenendo i livelli ottimali del glucosio per evitare la malattia cardiaca, il cancro ed il diabete.1-5 

Fortunatamente, molti supplementi, ormoni e droghe di uso dei membri di Extension® di vita per migliorare la loro sensibilità dell'insulina, che facilita la rimozione più efficiente di glucosio dal sangue.6-12

Meno ben noto, tuttavia, è il fatto che ci sono determinati alimenti rivelati fare diminuire i livelli della glicemia!7,13-16 specificamente, l'orzo ed i fagioli neri sono stati studiati estesamente affinchè la loro capacità mantengano il controllo glycemic.

In questo articolo, imparerete come questi due alimenti sono stati indicati a glicemia più bassa ed inibirete il diabete ed altri problemi glycemic sforzo in relazione con quali la malattia cardiovascolare e l'obesità. 

Compreso questi due glucosio-abbassandosi alimenti come componente della vostra dieta normale possono contribuire a mantenere i migliori livelli della glicemia.

L'orzo abbassa i livelli dell'insulina e della glicemia

Gli eccessivi carboidrati dietetici, quali riso bianco e le patate, avviano gli impulsi in glicemia, un fattore chiave nell'epidemia mondiale del diabete di tipo II. 17,18 invecchiare aumenta questo effetto-inizio fin dall'età 20.17

Gli istituti nazionali dei dati di salute indicano che 35% degli Americani ha invecchiato 20 o più vecchio sappia la glicemia anormalmente alta livello-come prediabetes-come fanno 50% di quelli di 65 anni o più vecchi!17

Fortunatamente, la ricerca ha stabilito quel consumo di dietetico insolubile fibra-che è trovato in determinati interi grani, compreso orzo19— è associato con un rischio riduttore di diabete di tipo II.20

L'orzo è inoltre una fonte ricca di fibra solubile.19

Infatti, uno studio intrapreso sulle donne di peso eccessivo ha trovato le risposte significativamente più basse del glucosio e dell'insulina dopo ingestione dell'orzo, confrontata ad ingestione dell'avena.15 i ricercatori hanno concluso quella dimensione-farina della particella contro fiocco-fatto a poca differenza. L'effetto riduttore del glucosio è stato determinato per essere il risultato del contenuto più elevato della fibra solubile nell'orzo.15

Un altro studio ha trovato che, sopprimendo l'acido grasso libero livella nel sangue, intero orzo regola la glicemia meglio dell'altra grano-e per fino a 10 ore dopo consumo!21

I nostri corpi non possono digerire la fibra solubile viscosa in orzo, che lega con acqua per rallentare il passaggio dell'alimento tramite l'apparato digerente. Ciò tempera le risposte del glucosio e dell'insulina del corpo dopo un pasto.22,23

La ricerca sostanziale ha dimostrato che la fibra solubile in orzo abbassa il glucosio postprandiale e l'insulina.15,23-27 questo è stato dimostrato non solo negli studi più comuni della prova del unico pasto sulla durata limitata, ma anche in uno studio di 12 settimane che ha segnato gli effetti con esattezza più a lungo termine del consumo dell'orzo sugli individui non-diabetico su una dieta peso-neutrale.28

Questo futuro, randomizzato, placebo controllato, studio in doppio cieco ha valutato 50 individui sani senza diagnosi priore del diabete. Dopo 12 settimane, gli scienziati hanno trovato che l'ingestione quotidiana della fibra solubile dell'orzo ha ridotto significativamente i valori di digiuno dell'insulina del siero e, durante i test di tolleranza al glucosio orali, significativamente ha abbassato le risposte della glicemia.28

Il gruppo ha concluso che la fibra solubile dell'orzo “può rallentare il deterioramento della sensibilità dell'insulina per gli individui al rischio aumentato per il diabete mellito.„28

Effetti dell'orzo oltre glicemia

il raccolto della tenuta in mani

L'orzo migliora i fattori di rischio per la malattia cardiovascolare ed il colpo.

La fibra dell'orzo aumenta l'escrezione degli acidi biliari negli intestini. Poiché questi acidi sono compresi colesterolo ossidato, questo abbassa il colesterolo nel siero totale.29 studi hanno confermato che l'orzo abbassa il colesterolo,30 la lipoproteina a bassa densità (LDL),31,32 e pressione sanguigna.33

L'orzo è una fonte ricca di fibra-entrambi solubili ed insolubili di cui salute gastrointestinale del beneficio.

La fibra solubile in orzo lega con acqua, aggiungente la massa ai panchetti e promuovente i movimenti di intestino regolari.34 alcuna della fibra insolubile in orzo si digeriscono dai batteri colici per produrre gli acidi grassi a catena corta, che possono promuovere la salute 35dell'intestino ed accelerare la riparazione di mucosa colica in quelle con colite ulcerosa.35

Come altri di alimenti ricchi di fibra, l'orzo è associato con controllo del peso.

Alcune prove hanno suggerito che il maggior consumo dietetico della fibra aumentasse la sazietà e facesse diminuire l'apporto calorico.36-38 una dieta alta in proteina ed in fibra-entrambi trovati dentro orzo-è stata indicata per minimizzare l'ingestione quotidiana globale di caloria.39,40

I fagioli neri inoltre mirano alla glicemia!

Gli studi epidemiologici hanno mostrato una forte associazione fra consumo aumentato del fagiolo comune (phaseolus vulgaris)— quale comprende i fagioli neri, i pinti ed altro-e un rischio riduttore di malattie croniche, compreso il diabete di tipo II.41-44

In 2012, questo è stato confermato in due separati, prove randomizzate in cui i fagioli sono stati dimostrati alla risposta glycemic significativamente più bassa nel tipo diabetici di II.16,45

Gli scienziati ritengono che i composti nei fagioli possano rallentare l'attività degli enzimi dell'alfa amilasi che contribuiscono a ripartire l'amido nello zucchero. Ciò si ridurrebbe o rilascio lento dello zucchero.

Inoltre, i fagioli hanno un GI di minimo (indice glycemic), che per definizione i mezzi essi producono un aumento relativamente basso in glicemia dopo un pasto46-48— confrontato agli oggetti alto-glycemic di indice quale riso bianco, che elevano acutamente il glucosio postprandiale ed aumentano lo sforzo ossidativo.49-51

Gli effetti d'abbassamento dei fagioli hanno consumato da solo è stato ben documentati, sebbene almeno uno studio avesse misurato questo effetto quando i fagioli sono stati mangiati come componente di un pasto.16,41,48,52 tuttavia, un grande studio recentemente pubblicato nel giornale britannico di nutrizione ha trovato che i fagioli riducono significativamente la risposta glycemic anche quando combinato con gli più alti indice-alimenti glycemic altro-uguali.41

Inoltre, un esame e una meta-analisi che hanno esaminato 41 studio hanno trovato quel fagiolo consumo-solo, o come componente di un indice basso glycemic o di una dieta della alto-fibra migliora gli indicatori di controllo glycemic più a lungo termine in esseri umani.46

Specificamente, questo esame ha trovato che i fagioli hanno prodotto i miglioramenti in HbA1c (emoglobina glicata) e in fructosamine (proteine del siero glicate).46 entrambi sono indicatori per concentrazione più a lungo termine nel glucosio del plasma. Questi miglioramenti osservati indicano che i fagioli consegnano il controllo diabetico significativo su un periodo prolungato.46

Questi risultati dimostrano chiaramente che invecchiare individuo-entrambi quelli con e quelli a rischio di, tipo II diabete-possono ristabilire il controllo glycemic con i cambiamenti semplici di dieta che aumentano l'assunzione dei fagioli neri e dell'orzo.

Che cosa dovete conoscere
fagioli neri

Riduca la glicemia

  • L'invecchiamento promuove i livelli pericolosamente aumentati di glicemia.
  • Oltre alle sostanze nutrienti, ormoni e droghe, determinati alimenti migliorano il controllo glycemic.
  • L'orzo ed i fagioli neri sono entrambe le fonti eccellenti di fibra e possono non solo minimizzare la quantità di calorie consumate, ma possono migliorare le sensibilità di pienezza dopo i pasti pure.
  • L'orzo ed i fagioli neri sono stati indicati per migliorare i livelli dell'insulina e della glicemia.
  • La ricerca dimostra che questi prodotti alimentari contribuiscono ad impedire il diabete ed i disordini glycemic in relazione con quali la malattia cardiovascolare e l'obesità.

L'aiuto dei fagioli neri evita la devastazione del danno del DNA

Uno studio è stato destinato per valutare il tossicogeno (tossinogeno) contro effetto protettivo dei fagioli neri cucinati e disidratati sul midollo osseo e sui globuli periferici dei topi.

Notevolmente, questi scienziati hanno trovato che i fagioli neri hanno ridotto significativamente la frequenza di danno genetico indotta dagli agenti mutageni chimici in questi tipi di cellule!53

Sebbene non originalmente la parte dello studio, essi inoltre osservi che i fagioli neri hanno permesso i leucociti la stessa protezione contro danno indotto del DNA.53

I fagioli abbassano i fattori di rischio della malattia cardiovascolare

Bycicle dell'interno che cicla nella palestra

La ricerca ha indicato che i fagioli abbassano il colesterolo.44,54-56 questo effetto in gran parte è attribuito al loro alto beneficio del contenuto-un della solubile-fibra anche connesso con altri di alimenti ricchi di solubile.

Ma i fagioli consegnano altri effetti cardiovascolari che scorrono dalla loro capacità di colpire la glicemia.

Sia il glucosio elevato del dopo-pasto che l'iperglicemia cronica possono aumentare lo sforzo ossidativo, peggiorare la vasodilatazione dipendente dall'endotelio ed il sangue dell'aumento pressione-tutti fattori seri nella malattia cardiovascolare.50,57-59 tuttavia, controllando le risposte del glucosio del dopo-pasto e promuovendo il controllo diabetico prolungato, i fagioli possono contribuire ad impedire questi fattori di rischio cardiovascolari in relazione con il glucosio.16,28,46

Infatti, la ricerca ora ha confermato che gli alimenti glycemic bassi di indice quali i fagioli sono associati con un più a basso rischio per la malattia cardiovascolare, anche dopo i fattori di rischio conosciuti rappresentanti quali il fumo, il diabete, l'obesità e la storia della famiglia della malattia cardiaca.43-45,60

Una dieta del Alto-fagiolo migliora i biomarcatori per il rischio di Cancro

Gli scienziati hanno identificato i meccanismi da cui ha aumentato il rischio di cancro degli aumenti di risposta dell'insulina.61,62

Gli studi hanno trovato quell'più alta assunzione del fagiolo, riducendo l'insulina, indicatori infiammatori ed alterando le vie di segnalazione delle cellule, è associato con il rischio di cancro riduttore.63-65

I fagioli possono inibire l'obesità

Oltre prova di ingestione in diminuzione di caloria con le diete aumentate della fibra,36-40 studi d'osservazione e controllati indica che il consumo di fagioli migliora la sazietà e la perdita di peso a breve termine, una volta combinato con la restrizione di energia.66,67

I fagioli neri promuovono la funzione gastrointestinale sana

L'indigeribile frazione-che è una misura del livello di indigestibility della a alimento-nei fagioli neri è stato indicato per essere maggior della frazione indigeribile in alcuni altri fagioli quali le lenticchie ed i ceci.68 infatti, la frazione indigeribile dei fagioli neri fornisce ai batteri colici la miscela perfetta dei composti per generare l'acido butirrico, che è usato dalle cellule del due punti-rivestimento chiamate colonocytes per rifornire la loro attività di combustibile e per tenere l'apparato digerente più basso funzionare uniformemente. Colpisce la proliferazione, la differenziazione e gli apoptosi cellulari (morte programmata delle cellule) ed ha effetti antinfiammatori.69

Riassunto

La prova indica forte che l'orzo ed i fagioli neri forniscono le opzioni superiori dell'alimento per contribuire a ridurre i livelli della glicemia ed ad offrire la protezione dallo sforzo e dalle malattie croniche ossidativi. Possono essere sostituiti per gli alimenti non sani che sono diventato così prevalenti nelle diete occidentali.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulentedi salute del ® del prolungamento della vita a 1-866-864-3027.

Riferimenti

  1. Il glucosio ed il diabete di tipo 2 a digiuno del plasma del TH di Laukkanen JA, di Mäkikallio, di Ronkainen K, di Karppi J, di Kurl S. Impaired sono collegati con il rischio di morte cardiaca improvvisa dell'fuori de ospedale e di mortalità per tutte le cause. Cura del diabete. 17 dicembre 2012. [Epub davanti alla stampa]
  2. Capaldo B, Di Bonito P, Iaccarino m., et al. caratteristiche cardiovascolari negli oggetti con l'aumento dei livelli di regolamento anormale del glucosio: Il forte studio del cuore. Cura del diabete. 5 dicembre 2012. [Epub davanti alla stampa]
  3. Lindkvist B, Almquist m., Bjørge T, et al. studio di gruppo futuro sui fattori di rischio metabolici e rischio gastrico dell'adenocarcinoma nel progetto metabolico del Cancro e di sindrome (Me-possa). Il Cancro causa il controllo. 2013 gennaio; 24(1): 107-16.
  4. Hirakawa Y, Ninomiya T, Mukai N, et al. associazione fra il livello di tolleranza al glucosio e morte del cancro in una popolazione giapponese generale: lo studio di hisayama. J Epidemiol. 15 novembre 2012; 176(10): 856-64.
  5. Pazienti di Savill P. Identifying a rischio del diabete di tipo 2. Professionista. 2012 luglio-agosto; 256(1753): 25-7, 3.
  6. Kandeil mA, KA di Amin, KA di Hassanin, Ali chilometro, Mohammed ET. Ruolo di acido lipoico su insulino-resistenza e della leptina in ratti sperimentalmente diabetici. Complicazioni del diabete di J. 2011 gennaio-febbraio; 25(1): 31-8.
  7. Medjakovic S, Jungbauer A. Pomegranate: una frutta che migliora la sindrome metabolica. Alimento Funct. 19 gennaio 2013; 4(1): 19-39.
  8. Qin B, Nagasaki m., Ren m., Bajotto G, Oshida Y, l'estratto di Sato Y. Cinnamon impedisce l'insulino-resistenza indotto da una dieta ad alta percentuale di fruttosio. Ricerca di Horm Metab. 2004 febbraio; 36(2): 119-25.
  9. Distacco di Villareal, JO di Holloszy. Effetto di DHEA su azione addominale dell'insulina e del grasso in donne ed in uomini anziani: una prova controllata randomizzata. JAMA. 10 novembre 2004; 292(18): 2243-8.
  10. Maneschi E, Morelli A, Filippi S, et al. trattamento del testosterone di v migliora dalle le dismutazioni indotte da sindrome metaboliche del tessuto adiposo. J Endocrinol. 2012 dicembre; 215(3): 347-362. Epub 2012 8 ottobre.
  11. Bayrak A, Terbell H, Urwitz-vicolo R, MOR E, Stanczyk FZ, Paulson RJ. Gli effetti acuti della terapia della metformina comprendono il miglioramento di insulino-resistenza e della morfologia ovarica. Fertil Steril. 2007 aprile; 87(4): 870-5. Epub 2007 16 gennaio.
  12. Basturk T, Unsal A, Ulas T, et al. effetti del trattamento di rosiglitazione sui livelli dell'TNF-alfa e di insulino-resistenza in pazienti con la malattia renale cronica: uno studio prospettivo. Rev Med Pharmacol Sci di EUR. 2012 novembre; 16(11): 1519-24.
  13. Roopchand DE, Kuhn P, Rojo LE, Lila mA, farina di soia polifenolo-arricchita Blueberry di Raskin I. riduce l'iperglicemia, l'obesità del corpo ed il colesterolo nel siero in topi. Ricerca di Pharmacol. 4 dicembre 2012; 68(1): 59-67.
  14. Taniguchi A, Yamanaka-Okumura H, Nishida Y, Yamamoto H, Taketani Y, Takeda E. Natto e le verdure viscose in un pasto di stile giapponese sopprimono le risposte postprandiali dell'insulina e del glucosio. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2008;17(4):663-8.
  15. Behall chilometro, Scholfield DJ, Hallfrisch J. Comparison dell'ormone e risposte del glucosio delle donne di peso eccessivo ad orzo ed all'avena. J Coll Nutr. 2005 giugno; 24(3): 182-8.
  16. Thompson SV, Winham dm, Hutchins. I pasti del riso e del fagiolo riducono la risposta glycemic postprandiale in adulti con il diabete di tipo 2: uno studio dell'incrocio. Nutr J.2012; 11:23.
  17. Wylie-Rosett J, Segal-Isaacson CJ, Segal-Isaacson A. Carbohydrates ed aumenti nell'obesità: Il tipo di carboidrato fa una differenza? Ricerca di obesità. 2004 novembre; 12 (S): 124S-9S.
  18. Disponibile a: http://diabetes.niddk.nih.gov/DM/PUBS/statistics/#youngpeople. 1° dicembre 2012 raggiunto.
  19. Disponibile a: http://barleyworld.org/sites/default/files/what_barley_foods_can_do_you.pdf.  28 dicembre 2012 raggiunto.
  20. Weickert Mo, Pfeiffer AFH. Effetti metabolici del consumo dietetico della fibra e prevenzione di diabete. J Nutr. 2008 marzo; 138(3): 439-42.
  21. Nilsson A, Granfeldt Y, Ostman E, Preston T, Björck I. Effects del GI e del contenuto dei carboidrati indigeribili delle cene a base di cereali su tolleranza al glucosio ad una prima colazione standardizzata successiva. EUR J Clin Nutr. 2006 settembre; 60(9): 1092-9.
  22. Granfeldt Y, Liljeberg H, Drews A, Newman R, Björck I. Glucose e risposte dell'insulina ai prodotti dell'orzo: influenza del rapporto della struttura e dell'amilosio-amilopectina dell'alimento. J Clin Nutr. 1994 maggio; 59(5): 1075-82.
  23. Anderson JW, Baird P, RH di Davis, et al. indennità-malattia di fibra dietetica. Rev. di Nutr. 2009;67(4):188-205.
  24. Alminger m., prodotti a base di cereali di Eklund-Jonsson C. Whole-grain basati sulle risposte postprandiali del glucosio e dell'insulina di genotipo dell'avena o di un orzo ricco di fibre più in basso in esseri umani in buona salute. EUR J Nutr. 2008;47(6):294-300.
  25. Casiraghi MC, Garsetti m., Testolin G, risposte di Brighenti F. Post-prandial ai prodotti a base di cereali arricchiti con il beta-glucano dell'orzo. J Coll Nutr. 2006;25(4):313-20.
  26. Keogh JB, Lau CW, Noakes m., Bowen J, Clifton PM. Effetti dei pasti con alta fibra solubile, di alta variante dell'orzo dell'amilosio su glucosio, di insulina, di sazietà e di effetto termico di alimento in donne magre in buona salute. EUR J Clin Nutr. 2007;61(5):597-604.
  27. Kim H, Stote KS, Behall chilometro, Spears K, Vinyard B, Conway JM. Risposte dell'insulina e del glucosio alle intere prime colazioni del grano che variano nella fibra solubile, beta-glucano: uno studio di reazione al dosaggio in donne obese con il rischio aumentato per insulino-resistenza. EUR J Nutr. 2009;48(3):170-5.
  28. Baie H, Frestedt JL, beta-glucano dell'orzo di viscosità di Bell M. Reduced contro placebo: una prova controllata randomizzata degli effetti sulla sensibilità dell'insulina per gli individui a rischio dei diabeti melliti. Nutr Metab (Lond). 2011;8:58.
  29. Pedersen JI. Ossidazione di Peroxisomal della catena laterale steroide nella formazione dell'acido biliare. Biochimie. 1993;75(3-4):159-65.
  30. Behall chilometro, Hallfrisch JG. Effetti del consumo dell'orzo nei fattori di rischio di CVD. Mondo dell'alimento del cereale. 2006;51:12-5.
  31. AbuMweis ss, ebreo S, Ames NP. β-glucano da orzo e dalla sua capacità di riduzione dei lipidi: una meta-analisi delle prove randomizzate e controllate. EUR J Clin Nutr. 2010 dicembre; 64(12): 1472-80
  32. Keenan JM, Goulson m., Shamliyan T, et al. Gli effetti del beta-glucano concentrato dell'orzo sui lipidi del sangue in una popolazione degli uomini ipercolesterolemici e delle donne. Br J Nutr. 2007 giugno; 97(6): 1162-8.
  33. Hallfrisch JG, Scholfield DJ, Behall chilometro. La pressione sanguigna si è ridotta dall'intera dieta del grano che contiene l'orzo o grano intero e riso sbramato negli uomini moderatamente ipercolesterolemici. Ricerca di Nutr. 2003;23:1631-42.
  34. Chutkan R, Fahey G, Wright WL, McRorie J. Viscous contro fibra solubile nonviscous completa: meccanismi e prova per le indennità-malattia fibra-specifiche. Infermiere Pract di J Acad. 2012 agosto; 24(8): 476-87.
  35. Kanauchi O, Iwanaga T, Andoh A, et al. frazione dietetica della fibra delle derrate alimentari germinate dell'orzo ha attenuato il danno e la diarrea mucosi ed ha accelerato la riparazione della mucosa colica in una colite sperimentale. J Gastroenterol Hepatol. 2001 febbraio; 16(2): 160-8.
  36. Schroeder N, DD di Gallaher, Arndt ea, Marquart L. Influence di intero orzo del grano, di intero grano del grano e di alimenti a base di riso raffinati su sazietà e su apporto energetico a breve termine. Appetito. 2009 dicembre; 53(3): 363-9.
  37. Vitaglione P, RB di Lumaga, Stanzione A, Scalfi L, pane beta-Glucano-arricchito V. di Fogliano riduce l'apporto energetico e modifica le concentrazioni di YY di ghrelin e del peptide del plasma a breve termine. Appetito. 2009 dicembre; 53(3): 338-44. doi: 10.1016/j.appet.2009.07.013. Epub 2009 23 luglio.
  38. Vitaglione P, RB di Lumaga, Montagnese C, Messia MC, Marconi E, effetti di Scalfi L. Satiating di un orzo beta-glucano-arricchito fa un spuntino. J Coll Nutr. 2010;29(2):113-21.
  39. Samra RA, Anderson GH. La fibra insolubile del cereale riduce l'appetito e la risposta glycemic a breve termine dell'ingestione di cibo e ad alimento ha consumato più successivamente il min 75 dall'uomo in buona salute. J Clin Nutr. 2007 ottobre; 86(4): 972-9.
  40. Weigle DS, PA di Breen, Matthys cc, et al. Una dieta altamente proteica induce le riduzioni continue dell'appetito, ad libitum apporto calorico e peso corporeo malgrado i cambiamenti compensativi nelle concentrazioni giornaliere di leptina e di ghrelin del plasma. J Clin Nutr. 2005 luglio; 82(1): 41-8.
  41. Hutchins, Winham dm, Thompson SV. Fagioli del faseolo: urti sul rischio glicemico della malattia cronica e di risposta nei soggetti umani. Br J Nutr. 2012 agosto; 108 supplementi 1: S52-65.
  42. Darmadi-Blackberry I, Wahlqvist ml, Kouris-Blazos A, et al. legumi: il preannunciatore dietetico più importante della sopravvivenza in gente più anziana delle etnie differenti. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2004;13(2):217-20.
  43. LA di Bazzano, lui consumo di J, di Ogden LG, et al. del legume e rischio di coronaropatia negli uomini e nelle donne degli Stati Uniti. Med dell'interno dell'arco. 2001;161:2573-8.
  44. Zhu Z, Jiang W, Thompson HJ. Il consumo commestibile del fagiolo secco (phaseolus vulgaris L.) modula i fattori di rischio cardiovascolari e dall'l'obesità indotta da dieta in ratti ed in topi. Br J Nutr. 2012 agosto; 108 supplementi 1: S66-73.
  45. Jenkins DJ, Kendall CW, Augustin LS, et al. effetto dei legumi come componente di una dieta glycemic bassa di indice su controllo glycemic e fatti cardiovascolari di rischio in diabete di tipo 2 mellito: Una prova controllata randomizzata. Med dell'interno dell'arco. 22 ottobre 2012: 1-8.
  46. Sievenpiper JL, Kendall CW, Esfahani A, et al. effetto del non olio seme pulsa su controllo glicemico: una rassegna e una meta-analisi sistematiche delle prove sperimentali controllate randomizzate nella gente con e senza diabete. Diabetologia. 2009;52:1479-95.
  47. Marca-Miller J, Hayne S, Petocz P, indice Basso glycemic di Colagiuri S. è a dieta in gestione del diabete: una meta-analisi delle prove controllate randomizzate. Cura del diabete. 2003;26:2261-7.
  48. Interruttore di Bornet FRJ, di Costagliola D, di Rizkalla, et al. Insulinemic e gli indici glycemic di sei alimenti ricchi in amido presi da solo ed in un pasto misto da tipo - 2 diabetici. J Clin Nutr. 1987;45:588-95.
  49. Atkinson FS, Adottivo-Powell K, Marca-Miller JC. Tavole internazionali dell'indice glycemic e dei valori glycemic del carico: 2008. Cura del diabete. 2008;31:2281-3.
  50. O'Keefe JH, Bell DSH. L'iperglicemia postprandiale/iperlipidemia (dysmetabolism postprandiale) è un fattore di rischio cardiovascolare. J Cardiol. 2007;100:899-904.
  51. Lavi T, Karasik A, Koren-Morag N, et al. L'effetto acuto dei carboidrati dietetici di vario indice glycemic sulla funzione endoteliale nel sovrappeso nondiabetic e negli oggetti obesi. J Coll Cardiol. 2009;53:2283-7.
  52. Olmedilla-Alonso B, Pedrosa millimetro, Cuadrado C, Brito m., Asensio-S-Manzanera C, Asensio-Vegas C. Composition di due fagioli secci comuni dello Spagnolo (phaseolus vulgaris), “Almonga„ e “Curruquilla„ ed il loro effetto postprandiale nel tipo - 2 diabetici. Alimento Agric di J Sci. 30 agosto 2012. doi: 10.1002/jsfa.5852. [Epub davanti alla stampa]
  53. Azevedo L, Gomes JC, PC di Stringheta, et al. fagiolo nero (phaseolus vulgaris L.) come agente protettivo contro danno del DNA in topi. Alimento Chem Toxicol. 2003 dicembre; 41(12): 1671-6.
  54. Winham dm, Hutchins. Il consumo al forno del fagiolo riduce il colesterolo totale in uomini ed in donne leggermente ipercolesterolemici. Ricerca di Nutr. 2007;27:380-6.
  55. Winham dm, Hutchins, CS di Johnston. Il consumo del fagiolo di pinto riduce i biomarcatori per il rischio della malattia cardiaca. J Coll Nutr. 2007;26:243-9.
  56. DB di Anderson JW, di Gustafson NJ, di Spencer, et al. risposta del lipido del siero degli uomini ipercolesterolemici da scegliere e dosi divise dei fagioli inscatolati. J Clin Nutr. 1990;51:1013-9.
  57. Davignon J, Ganz P. Role di disfunzione endoteliale nell'aterosclerosi. Circolazione. 2004; 109: III-27-32.
  58. PE di Hu Y, del blocco G, di Norkus, et al. relazioni dell'indice glycemic e carico glycemic con gli indicatori ossidativi di sforzo del plasma. J Clin Nutr. 2006;84:70-6.
  59. Ceriello A, Esposito K, Piconi L, et al. glucosio “picco„ e glucosio “punta„: impatto sulla funzione endoteliale e sullo sforzo ossidativo. Ricerca Clin Pract del diabete. 2008;82:262-7.
  60. Hu FB, Rimm eb, Stampfer MJ, et al. studio prospettivo dei modelli dietetici importanti e rischio di coronaropatia in uomini. J Clin Nutr. 2000;72:912-21.
  61. SEDERE di Stoll. Nutrizione occidentale e la sindrome di insulino-resistenza: un collegamento a cancro al seno. EUR J Clin Nutr.1999; 53:83-7.
  62. Kaaks R. Nutrition, ormoni e cancro al seno: è l'insulina l'anello mancante? Controllo di causa del Cancro. 1996;7:605-25.
  63. Il MD di Thompson, Mensack il millimetro, Jiang W, et al. vie di segnalazione delle cellule si è associato con una riduzione del carico mammario del cancro dal fagiolo comune dietetico (phaseolus vulgaris L.). Carcinogenesi. 2012 gennaio; 33(1): 226-32.
  64. MD di Thompson, Thompson HJ. Effetti fisiologici del consumo del fagiolo( phaseolus vulgaris L.) sulla segnalazione cellulare nel cancro. Ciclo cellulare. 1° marzo 2012; 11(5): 835-6.
  65. Potischman N, Swanson CA, Coates RJ, et al. assunzione dei gruppi di alimento e micronutrienti collegati relativamente al rischio di cancro al seno della fase iniziale. Cancro di Int J. 1999;82:315-21.
  66. McCrory mA, BR di Hamaker, Lovejoy JC, et al. (2010) consumi di impulso, sazietà e gestione del peso. Adv Nutr. 2010;1:17-30.
  67. Leathwood P, Pollet P. Effects dei carboidrati ad emissione lenta sotto forma di fagiolo si sfalda sull'evoluzione di fame e di sazietà nell'uomo. Appetito. 1988 febbraio; 10(1): 1-11.
  68. Hernandez-Salazar m., Osorio-Diaz P, Loarca-Piña G, Reynoso-Camacho R, Tovar J, LA di Bello-Pérez. Fermentabilità in vitro e capacità antiossidante della frazione indigeribile dei fagioli neri cucinati (phaseolus vulgaris L.), delle lenticchie (lens culinaris L.) e dei ceci (cicer arietinum L.). Alimento Agric di J Sci. 2010 luglio; 90(9): 1417-22.
  69. Immerseel FV, Ducatelle R, De Vos M, et al. batteri anaerobici acidogeni butirrici come trattamento probiotico novello si avvicina a per le malattie intestinali infiammatorie. J Med Microbiol. 2010 febbraio; 59 (pinta 2): 141-3.