Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista aprile 2013
Rapporto  

Idee sbagliate circa aterosclerosi

Da William Faloon
Impedimento delle arterie come invecchiamo

L'aterosclerosi è la causa fondamentale della maggior parte didi attacco di cuore e dei colpi, eppure medici rimangono confusi quanto a come questo processo di arteria-didascalia accade.

La maggior parte dei cardiologi trascurano i meccanismi specifici che infliggono il danneggiamento arterioso della parete e la progressione seguente della malattia aterosclerotica occlusiva. Il risultato è che soltanto alcuni dei fattori che accelerano il bloccaggio arterioso (quale LDL elevato) sono indirizzati nell'odierna regolazione clinica.

Medici ritengono ad una lesione aterosclerotica come “impedimento„ che consiste del grasso, del colesterolo e delle piastrine che si sono accumulate su una parete arteriosa interna. Di conseguenza, dicono i loro pazienti di mangiare meno grasso, prenda una droga di statina (se i livelli elevati del colesterolo sono) ed usi un bambino aspirin per impedire l'aggregazione arteriosa della piastrina. Il problema con questi approcci è che mentre possono posporre un attacco di cuore o un colpo, essi non riesce a correggere le patologie di fondo che inducono le lesioni aterosclerotiche a formarsi e progredire.

Se la gente deve vivere lunghe vite esenti dalle devastazioni di aterosclerosi, queste idee sbagliate letali devono essere riordinate. Altrimenti, ci sarà un'epidemia della gente di invecchiamento che riceve gli stent coronari, subente gli interventi di bypass e cascante morto dagli attacchi di cuore improvvisi.

Perché le arterie ostruiscono mentre invecchiamo

Il processo di invecchiamento danneggia i vasi sanguigni, anche quando i fattori di rischio convenzionali quali colesterolo e pressione sanguigna sono all'interno delle gamme normali.

Per oltre 40 anni, il trattamento standard per aterosclerosi coronaria è stato di escludere le arterie bloccate. Il ricupero da questa procedura può richiedere i mesi ed alcuni pazienti sono afflitti con i danni di vita quali infiammazione, perdita di memoria e la depressione croniche.1-11

Le arterie coronarie restrette aperte di Stenting è diventato prevalenti negli ultimi dieci anni, ma questa procedura non è una cura per essere alla base della disfunzione endoteliale sistemica e dell'aterosclerosi.

Un esame della letteratura scientifica rivela che l'aterosclerosi è associata con i livelli ematici di omocisteina,12-14 il fibrinogeno,15-18 la proteina C-reattiva,12,15,19-26 il glucosio,27,28 il colesterolo,29-32 l'insulina,33-36 il ferro,37-40 LDL,41-44 e trigliceridi,45-48 con i bassi livelli di HDL49-52 e testosterone (in uomini).53-58 i livelli ematici d'ottimizzazione di queste sostanze possono ridurre drammaticamente il rischio del colpo e di attacco di cuore.

Malgrado migliaia di studi convalidare quell'aterosclerosi è un processo multifattoriale, odierni medici prescrivono spesso un medicinale di statina come la sola terapia per impedire e trattare l'aterosclerosi coronaria. I cardiologi della corrente principale non riescono ad apprezzare che l'aterosclerosi coronaria sia un segno di disfunzione arteriosa sistemica che richiede la terapia aggressiva di correggere.

Anatomia dell'arteria

Anatomia dell'arteria

Le arterie sono i vasi sanguigni che sopportano la piena forza di ogni battito cardiaco. La maggior parte della gente pensa alle arterie come tubi flessibili di cui la sola funzione è di portare il sangue che scorre continuamente in tutto il corpo. Infatti, le arterie sono strutture muscolari dinamiche e di funzionamenti che, una volta sane, si espandono e contratto per facilitare la circolazione e mantenere la pressione sanguigna ottimale.

Lo strato esterno dell'arteria comprende principalmente il tessuto connettivo e fornisce il contenimento strutturale per i due strati sotto. L'area media comprende il muscolo liscio elastico che fornisce la forza contrattile per rendere possibile l'espansione e la contrazione dell'arteria con ogni battito cardiaco. Lo strato interno, conosciuto come l'endotelio, comprende un'area sottile le cellule endoteliali di cui l'integrità è cruciale se l'aterosclerosi deve essere impedita.

Le abitudini difficili di salute e l'invecchiamento normale provocano la disfunzione endoteliale, un processo in cui la frontiera dell'endotelio è rotta, la flessibilità arteriosa è diminuita, l'aggregazione anormale della piastrina accade e le lesioni aterosclerotiche si formano in risposta alle lesioni arteriose della parete (endotelio).

Come la maggior parte di attacco di cuore e dei colpi accadono?

I due fattori principali in questione nella malattia arteriosa occlusiva sono l'aggregazione anormale della piastrina e disfunzione endoteliale. Quando l'endotelio non sta funzionando correttamente, le nostre piastrine (cellule di coagulazione del sangue) sono sovra-attivate pericolosamente. Ciò può causare un coagulo di sangue arterioso improvviso, o contribuisca alla progressione di aterosclerosi stimolando l'infiammazione.

Un meccanismo primario in questione nella disfunzione endoteliale è lo svuotamento di ossido di azoto, causato spesso dall'ossidazione di LDL e di altre componenti del sangue. L'ossido di azoto è prodotto dalle cellule endoteliali. Regola l'elasticità vascolare, mantiene la contrazione cardiaca, evita la lesione della nave e gli aiuti proteggono da aterosclerosi.59-62

Mentre gli esseri umani invecchiano, la funzione endoteliale è alterata. dovuto vari insulti, uno svuotamento di ossido di azoto si presenta nell'endotelio. Una conseguenza di svuotamento dell'ossido di azoto è l'incapacità delle arterie di espandersi e contrarrsi con elasticità giovanile. L'irrigidimento e l'occlusione continui delle arterie invecchiate sono il rischio sanitario di numero uno che la gente nelle società occidentali affronta.63-68 per mantenere la dilatazione arteriosa sana, l'endotelio deve fabbricare abbastanza ossido di azoto. Il danno nel rilascio dell'ossido di azoto dall'endotelio di invecchiamento causa la disfunzione arteriosa.69,70

Le terapie usate dagli odierni cardiologi della corrente principale (aspirin, statina e determinate droghe ipotensive) le hanno un effetto benefico sull'endotelio, ma possono posporre soltanto un evento vascolare serio. Se una persona vive abbastanza a lungo, lo svuotamento cronico di ossido di azoto endoteliale provoca il danno della funzione e della restrizione arteriose del progressivo di flusso sanguigno alle parti del corpo vitali.

Che cosa dovete conoscere
Equipaggi il giornale della lettura, ascoltante le cuffie, mano il fronte, primo piano

Idee sbagliate di Against Lethal Medical della guardia

  • Medici ritengono ad una lesione aterosclerotica come “impedimento„ che consiste del grasso, del colesterolo e delle piastrine che si sono accumulate su una parete arteriosa interna.
  • Malgrado migliaia di studi convalidare quell'aterosclerosi è un processo multifattoriale, odierni medici prescrivono spesso un medicinale di statina come la sola terapia per impedire e trattare l'aterosclerosi coronaria.
  • Le arterie coronarie restrette aperte di Stenting è diventato prevalenti negli ultimi dieci anni, ma questa procedura non è una cura per essere alla base della disfunzione endoteliale sistemica e dell'aterosclerosi.
  • Il processo di invecchiamento danneggia i vasi sanguigni, anche quando i fattori di rischio convenzionali quali colesterolo e pressione sanguigna sono all'interno delle gamme normali.
  • Un esame della letteratura scientifica rivela che l'aterosclerosi è associata con i livelli ematici di omocisteina, di fibrinogeno, di proteina C-reattiva, di glucosio, di colesterolo, di insulina, di ferro, di LDL e di trigliceridi, con i bassi livelli di HDL e di testosterone (in uomini).
  • Le abitudini difficili di salute e l'invecchiamento normale provocano la disfunzione endoteliale, un processo in cui la frontiera dell'endotelio è rotta, la flessibilità arteriosa è diminuita, l'aggregazione anormale della piastrina accade e le lesioni aterosclerotiche si formano in risposta alle lesioni arteriose della parete (endotelio).
  • Un meccanismo primario in questione nella disfunzione endoteliale è lo svuotamento di ossido di azoto, causato spesso dall'ossidazione di LDL e di altre componenti del sangue.
  • L'analisi del sangue annuale è critica ad identificare i suoi diversi fattori di rischio.

Riassunto

Le cellule endoteliali allineano le arterie, le vene, le arteriole ed i capillari del sistema vascolare. Medici usati per osservare l'endotelio come struttura relativamente inerte che non ha svolto ruolo attivo nella funzione vascolare. Cominciando intorno 20 anni fa, la ricerca ha indicato che l'endotelio è dinamico e partecipa agli aspetti vitali della struttura e della funzione arteriose.74

Nel corso degli anni, il ®del prolungamento della vita ha riferito sugli avanzamenti relativi a proteggere l'endotelio contro deterioramento relativo all'età, quale la capacità notevole del melograno di invertire le misure cliniche di aterosclerosi sistemica (sia in arterie coronarie carotiche che).75-81

Un essere umano di 50 anni tipico può posporre un evento cardiovascolare importante quanto segue i punti relativamente semplici, come il cibo sano e presa della droga a basse dosi di statina se LDL è oltre 100 mg/dL. Come che la stessa persona invecchia, tuttavia, i processi multipli coinvolgere nella disfunzione endoteliale troppo spesso manifesta sotto forma di disordine in relazione con vascolare.

Le cellule endoteliali che allineano i vasi sanguigni sono determinanti per il mantenimento dell'integrità vascolare. La disfunzione endoteliale è un fattore critico nell'inizio e nella progressione della malattia cardiovascolare,82-84 eppure medici della corrente principale continuano a trascurare questa causa fondamentale dominante dell'occlusione arteriosa. Gli estratti del melograno proteggono da disfunzione endoteliale via parecchi meccanismi ben definiti, compreso la protezione di ossido di azoto endoteliale vitale.85-87

L'aterosclerosi rimane la causa della morte e l'inabilità di numero-un negli Stati Uniti.88 il grafico alla pagina seguente mostrano 17 fattori di rischio indipendenti di aterosclerosi, con i bassi livelli ematici di EPA/DHA che sono soltanto uno degli elementi che devono essere controllati se l'attacco di cuore ed il colpo ischemico devono essere evitati.

L'analisi del sangue annuale è critica ad identificare i suoi diversi fattori di rischio. l'olio di pesce della Modesto-dose da solo non invertirà la disfunzione endoteliale che esista negli esseri umani di invecchiamento con aterosclerosi di preesistenza.

Per leggere specificamente come gli iniziati di aterosclerosi e progredisce, si riferiscono all'articolo seguente.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulentedi salute del ® del prolungamento della vita a 1-866-864-3027.

Perché alcuni anziani hanno bisogno di più di una droga di statina
Placca aterosclerotica

Avete saputo che le droghe popolari “di statina„ usate per ridurre LDL ed il colesterolo perdono spesso la loro capacità di proteggere dalla malattia vascolare mentre la gente invecchia?71-73 la ragione è semplice. Le arterie di invecchiamento sono sottoposte alle forze più distruttive che i vasi sanguigni dei giovani.

Le statine hanno indicato gli effetti benefici all'endotelio oltre a ridurre il colesterolo e LDL. Mentre invecchiamo, tuttavia, dobbiamo andare oltre le terapie di base (quali le droghe di statina) che possono averci protetto durante i più giovani anni.

La prevenzione dell'epidemia del colpo e della malattia cardiaca negli anziani richiede che neutralizziamo aggressivamente le cause fondamentali di disfunzione endoteliale.

Qualche gente richiede la dose adeguata della droga di statina di controllare il colesterolo-LDL in eccesso, ma tutti gli esseri umani di invecchiamento devono prendere i provvedimenti assertivi per proteggere il loro endotelio prezioso dalle distorsioni funzionali e strutturali che conducono all'occlusione arteriosa.

 

17 pugnali della malattia arteriosa

Questa immagine descrive i pugnali ha puntato su un'arteria occlusa con placca aterosclerotica.  Qualunque di questi “pugnali„ può iniziare e propagare la malattia vascolare. Nel mondo reale, gli esseri umani invecchianti soffrono le piccole punture dal punto di questi pugnali sopra una vita. L'effetto cumulativo di questi dagger le punture (fattori di rischio) è occlusione arteriosa e, lontano troppo spesso, colpo o attacco di cuore acuto.

Riferimenti

  1. Suksompong S, Prakanratrana U, Chumpathong S, Sriyoschati S, alterazioni di Pornvilawan S. Neuropsychological dopo il bypass coronarico innesta la chirurgia. J Med Assoc Thai. 2002 settembre; 85 supplementi 3: S910-6.
  2. Strauss B, Paulsen G, Strenge H, Graetz S, Regensburger D, Speidel H. Preoperative e stato psicosociale postoperatorio recente dopo la chirurgia del bypass coronarico. Thorac Cardiovasc Surg. 1992 aprile; 40(2): 5964.
  3. Scholz m., Nowak P, Blaheta R, et al. Relocalization del betacatenin endoteliale delle cellule dopo il coculture con i neutrofili attivati dai pazienti che subiscono ambulatorio cardiaco con l'esclusione cardiopolmonare. Investa Surg. 2004 maggio-giugno; 17(3): 143-9.
  4. Dacey LJ, DeSimone J, Braxton JH, et al. conteggio di globulo bianco preoperatorio e mortalità e morbosità dopo l'innesto del bypass coronarico. Ann Thorac Surg. 2003 settembre; 76(3): 760-4.
  5. Wei m., Kuukasjarvi P, Laurikka J, et al. relazione delle citochine a vasodilatazione dopo l'innesto del bypass coronarico. Mondo J Surg. 2003 ottobre; 27(10): 1093-8.
  6. Bergh C, Backstrom m., Jonsson H, Havinder L, Johnsson P. Nell'occhio sia del paziente che del coniuge: la memoria è poveri 1 - 2 anni dopo il bypass coronarico e l'angioplastica. Ann Thorac Surg. 2002 settembre; 74(3): 689-93.
  7. Fearn SJ, Palo R, Wesnes K, Faragher eb, Hooper TL, CN di McCollum. Lesione cerebrale durante l'esclusione cardiopolmonare: gli emboli alterano la memoria. J Thorac Cardiovasc Surg. 2001 giugno; 121(6): 1150-60.
  8. Newman MF, Kirchner JL, "phillips"-Bute B, et al. valutazione longitudinale della funzione neurocognitiva dopo la chirurgia del bypass coronarico. Med di N Inghilterra J. 8 febbraio 2001; 344(6): 395-402.
  9. Phillips Bute B, Mathew J, Blumenthal JA, et al. genere femminile è associato con qualità della vita alterata 1 anno dopo la chirurgia del bypass coronarico. Med di Psychosom. 2003 novembre-dicembre; 65(6): 944-51.
  10. Rymaszewska J, Kiejna A. Depression ed ansia dopo l'innesto del bypass coronarico. Pol Merkuriusz Lek. 2003 agosto; 15(86): 193-5.
  11. Blumenthal JA, Lett HS, Babyak mA, et al. depressione come fattore di rischio per mortalità dopo la chirurgia del bypass coronarico. Lancetta. 23 agosto 2003; 362(9384): 604-9.
  12. Proteina di Jarosz A, di Nowicka G. ed omocisteina C-reattive come fattori di rischio di aterosclerosi. Lek di Przegl. 2008 65(6):268-72.
  13. Rasouli ml, Nasir K, Blumenthal RS, parco R, CC di Aziz, Budoff MJ. L'omocisteina del plasma predice la progressione di aterosclerosi. Aterosclerosi. 2005 luglio; 181(1): 159-65.
  14. Bots ml, Launer LJ, Lindemans J, Hofman A, Grobbee DE. Omocisteina, aterosclerosi e malattia cardiovascolare prevalente negli anziani: Lo studio di Rotterdam. Med dell'interno di J. 1997 ottobre; 242(4): 339-47.
  15. Ridker PM, Stampfer MJ, fattori di rischio di Rifai N. Novel per aterosclerosi sistemica: un confronto di proteina C-reattiva, di fibrinogeno, di omocisteina, della lipoproteina (a) e della selezione standard del colesterolo come preannunciatori della malattia arteriosa periferica. JAMA. 16 maggio 2001; 285(19): 2481-5.
  16. Maresca G, Di Blasio A, Marchioli R, fibrinogeno di misurazione del plasma di Di Minno G. per predire colpo ed infarto miocardico: un aggiornamento. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1999 giugno; 19(6): 1 368-77.
  17. Acevedo m., Foody JM, Pearce GL, Sprecher DL. Fibrinogeno: associazioni con gli eventi cardiovascolari in un ambulatorio. Cuore J. 2002di febbraio; 143(2): 277-82.
  18. SG di Thompson, Kienast J, deviazione standard di Pyke, Haverkate F, van de Loo JC. Fattori emostatici ed il rischio di infarto miocardico o di morte improvvisa in pazienti con l'angina pectoris. Med di N Inghilterra J. 9 marzo 1995; 332(10): 635-41.
  19. Van Der Meer IM, De Maat MP, Hak EA, et al. proteina C-reattiva predice la progressione di aterosclerosi misurata ai vari siti nell'albero arterioso: Lo studio di Rotterdam. Colpo. 2002 dicembre; 33(12): 2750-5.
  20. I livelli C-reattivi della proteina dell'alta sensibilità di Masood A, di Jafar ss, di Akram Z. Serum e la severità di aterosclerosi coronaria valutata dal gensini angiografico segnano. J Pak Med Assoc. 2011 aprile; 61(4): 325-7.
  21. Agmon Y, Khandheria BK, Meissner I, et al. proteina C-reattiva ed aterosclerosi dell'aorta toracica: uno studio ecocardiografico transesophageal basato sulla popolazione. Med dell'interno dell'arco. 13 settembre 2004; 164(16): 1781-7.
  22. Choi EY, Yan RT, Fernandes VR, et al. proteina C-reattiva di Alto-sensibilità come preannunciatore indipendente di deterioramento funzionale del miocardio progressivo:  lo studio multietnico su aterosclerosi. Cuore J. 2012di agosto; 164(2): 251-8.
  23. Piechota W, Piechota W. Correlation di concentrazione di alto-sensibilità CRP con le dimensioni di aterosclerosi coronaria in uomini con i sintomi della malattia cardiaca ischemica. Pol Merkur Lekarski. 2005 maggio; 18(107): 511-5.
  24. Mendall mA, DP di Strachan, Butland BK, et al. proteina C-reattiva: relazione per ammontare alla mortalità, alla mortalità cardiovascolare ed ai fattori di rischio cardiovascolari in uomini. Cuore J. 2000di EUR ottobre; 21(19): 1584-90. 
  25. Ridker PM, seppellente JE, Shih J, Matias m., Hennekens CH. Studio prospettivo della proteina reattiva di c ed il rischio di eventi cardiovascolari futuri fra le donne apparentemente in buona salute. Circolazione. 25 agosto 1998; 98(8): 731-3. 
  26. Pasceri V, Willerson JT, Yeh ET. Diriga l'effetto proinflammatory di proteina C-reattiva sulle cellule endoteliali umane. Circolazione. 2000 31 ottobre; 102(18): 2165-8.
  27. MacDonald-stoppini L, Gibson LZ, Godfrey dm, et al. LDL ossidato in diabete di tipo 2 recentemente diagnosticato mellito e tolleranza al glucosio alterata. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2004 13 (supplemento): S65.
  28. Tolleranza al glucosio e malattia cardiovascolare di Ceriello A. Impaired: il ruolo possibile dell'iperglicemia postprandiale. Cuore J. 2004 di maggio; 147(5): 803-7.
  29. Zulli A, Widdop CON RIFERIMENTO A, lepre DL, BF di Buxton, MJ nero. L'alta dieta del colesterolo e della metionina abolisce il rilassamento endoteliale. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1° agosto 2003; 23(8): 1358-63.
  30. Ridker PM, Rifai N, Rosa L, seppellente JE, cuoco NR. Confronto dei livelli di colesterolo della lipoproteina a bassa densità e della proteina C-reattiva nella previsione dei primi eventi cardiovascolari. Med di N Inghilterra J. 14 novembre 2002; 347(20): 1557-65.
  31. Guize L, Benetos A, Thomas F, Malmejac A, Ducimetiere P. Cholesterolemia e mortalità cardiovascolare e del cancro di totale. Studio di un gruppo di 220,000 persone. Med nazionale di Acad del toro. 1998 182(3):631-47.
  32. Kashyap ml. Colesterolo ed aterosclerosi: una prospettiva contemporanea. Ann Acad Med Singapore. 1997 luglio; 26(4):517-23.
  33. Birra di malto RW. La relazione tra insulina di circolazione anormale livella e aterosclerosi. Aterosclerosi. 1977 maggio; 27(1): 1-13.
  34. Bonora E, Kiechl S, Willeit J, et al. insulino-resistenza come stimato dalla valutazione del modello di omeostasi predice la malattia cardiovascolare sintomatica di incidente negli oggetti caucasici dalla popolazione in genere: lo studio di Brunico. Cura del diabete. 2007 febbraio; 30(2): 318-24.
  35. Takahashi F, Hasebe N, Kawashima E, et al. Hyperinsulinemia è un preannunciatore indipendente per la lesione aterosclerotica complessa dell'aorta toracica in pazienti non-diabetico. Aterosclerosi. 2006 agosto; 187(2): 336-42.
  36. Stochmal E, Szurkowska m., Czarnecka D, et al. associazione di aterosclerosi coronaria con insulino-resistenza in pazienti con tolleranza al glucosio alterata. Acta Cardiol. 2005 giugno; 60(3): 325-31.
  37. Scià SV, Alam MG. Ruolo di ferro nell'aterosclerosi. Rene DIS di J. 2003 marzo; 41 (3 supplementi 1): S80-3.
  38. Kraml P, Potockova J, Koprivova H, et al. ferritina, sforzo ossidativo ed aterosclerosi coronaria. Lek di Vnitr. 2004 marzo; 50(3): 197-202.
  39. Livelli della ferritina di Armaganijan D, di Batlouni M. Serum ed altri indicatori di ferro organico come fattori di rischio o di indicatori nella coronaropatia. Rev Port Cardiol. 2003 febbraio; 22(2): 185-95; discussione 197-201.
  40. Minqin R, watt F, Huat BT, Halliwell B. Correlation di ferro e di zinco livella con profondità della lesione in lesioni aterosclerotiche formate di recente. Med libero di biol di Radic. 15 marzo 2003; 34(6): 746-52.
  41. Se di Nissen, EM di Tuzcu, Schoenhagen P, et al. effetto di intensivo rispetto alla terapia moderata di riduzione dei lipidi sulla progressione di aterosclerosi coronaria: una prova controllata randomizzata. JAMA. 3 marzo 2004; 291(9): 1071-80.
  42. Reed dm, forte JP, lipidi di Resch J, di Hayashi T. Serum e lipoproteine come preannunciatori di aterosclerosi. Uno studio di autopsia. Arteriosclerosi. 1989 luglio-agosto; 9(4): 560-4.
  43. Ridker PM, Rifai N, Rosa L, seppellente JE, cuoco NR. Confronto dei livelli di colesterolo della lipoproteina a bassa densità e della proteina C-reattiva nella previsione dei primi eventi cardiovascolari. Med di N Inghilterra J. 14 novembre 2002; 347(20): 1557-65.
  44. Montalcini T, Gorgone G, Federico D, et al. associazione del colesterolo di LDL con aterosclerosi carotica in donne della menopausa colpite dalla sindrome metabolica. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2005 ottobre; 15(5): 368-72.
  45. Trigliceridi di Nordestgaard BG, di Benn m., di Schnohr P, di Tybjaerg-Hansen A. Nonfasting e rischio di infarto miocardico, malattia cardiaca ischemica e morte in uomini ed in donne. JAMA. 18 luglio 2007; 298(3): 299-308.
  46. Welin L, Eriksson H, Larsson B, ed altri trigliceridi, un fattore di rischio coronarico importante in uomini anziani. Uno studio degli uomini sopportati nel 1913. Cuore J. 1991di EUR giugno; 12(6): 700-4.
  47. LA di Carlson, Bottiger LE, PE di Ahfeldt. Fattori di rischio per infarto miocardico nello studio prospettivo di Stoccolma. Una messa a fuoco bassa-su del fol- da 14 anni sul ruolo dei trigliceridi e del colesterolo del plasma. Acta Med Scand. 1979 206(5):351-60.
  48. I trigliceridi di Drexel H, di Amann FW, di Beran J, et al. del plasma e tre frazioni del colesterolo della lipoproteina sono preannunciatori indipendenti delle dimensioni di aterosclerosi coronaria. Circolazione. 1994 novembre; 90(5): 2230-5
  49. Viles-Gonzalez JF, Fuster V, Corti R, Badimon JJ. Importanza emergente del colesterolo di HDL nello sviluppare le placche coronarie ad alto rischio nelle sindromi coronariche acute. Curr Opin Cardiol. 2003 luglio; 18(4): 286-94.
  50. Spieker LE, Sudano I, Hurlimann D, et al. lipoproteina ad alta densità ristabilisce la funzione endoteliale in uomini ipercolesterolemici. Circolazione. 26 marzo 2002; 105(12): 1399-402.
  51. "phillips" GB, Pinkernell BH, Jing TY. Sono i fattori di rischio importanti per infarto miocardico i preannunciatori principali del grado di coronaropatia negli uomini? Metabolismo. 2004 marzo; 53(3): 324-9.
  52. JO di Toikka, Ahotupa la m., Viikari JS, et al. concentrazione costantemente bassa nel HDL-colesterolo riferisce a disfunzione endoteliale ed all'LDL-ossidazione in vivo aumentata nei giovani in buona salute. Aterosclerosi. 1° novembre 1999; 147(1): 133-8.
  53. Dunajska K, Milewicz A, Szymczak J, et al. valutazione dei livelli di ormone sessuale ed alcuni fattori metabolici in uomini con aterosclerosi coronaria. Maschio di invecchiamento. 2004 settembre; 7(3): 197-204.
  54. Hak EA, Witteman JC, de Jong FH, Geerlings MI, Hofman A, politici ha. I bassi livelli di androgeni endogeni aumentano il rischio di aterosclerosi in uomini anziani: Lo studio di Rotterdam. J Clin Endocrinol Metab. 2002 agosto; 87(8): 3632-9.
  55. Channer KS, TH di Jones. Effetti cardiovascolari di testosterone: implicazioni “della menopausa maschio„? Cuore. 2003 febbraio; 89(2): 121-2.
  56. Chilometro inglese, destrieri RP, TH di Jones, operatore subacqueo MJ, Channer KS. La terapia transcutanea a basse dosi del testosterone migliora la soglia di angina negli uomini con angina stabile cronica: Un randomizzato, prova alla cieca, studio controllato con placebo. Circolazione. 2000 17 ottobre; 102(16): 1906-11.
  57. Jones RD, Nettleship JE, Kapoor D, GH di Jones, Channer KS. Testosterone ed aterosclerosi negli uomini di invecchiamento: associazione pretesa ed implicazioni cliniche. Droghe di J Cardiovasc. 2005 5(3):141-54.
  58. I chilometri inglesi, Mandour la O, i destrieri il RP, et al. uomini con la coronaropatia hanno livelli più bassi degli androgeni che gli uomini con gli angiogrammi coronari normali. Cuore J. 2000di EUR giugno; 21(11): 890-4.
  59. Rubio AR, Morales-Segura mA. Ossido di azoto, un iceberg in fisiologia cardiovascolare: molto al di là di controllo di tono della nave. Arco Med Res. 2004 gennaio-febbraio; 35(1): 1-11.
  60. Shaw CA, EL di Taylor, Megson IL, Rossi AG. Ossido di azoto e la risoluzione di infiammazione: implicazioni per aterosclerosi. Mem Inst Oswaldo Cruz. 2005 marzo; 100 1:67 del supplemento - 71.
  61. Shaul PW. Sintasi endoteliale dell'ossido di azoto, caveolae e lo sviluppo di aterosclerosi. J Physiol. 15 febbraio 2003; 547 (pinta 1): 21-33.
  62. Takimoto E, campione HC, Li m., Ren S, et al. sforzo dell'ossidante da ossido di azoto synthase-3 che disgiunge stimola il ritocco patologico cardiaco dal carico cronico di pressione. J Clin investe. 2005 maggio; 115(5): 1221-31.
  63. Aikawa K, Saitoh S, Muto m., et al. effetti degli antiossidanti sullo spasmo microvascolare coronario indotto dalla lesione endoteliale dell'epicardio dell'arteria coronaria in maiali. Arteria DIS di Coron. 2004 febbraio; 15(1): 21-30.
  64. Angdin m., Settergren G, Starkopf J, Zilmer m., Zilmer K, effetto di Vaage J. Protective degli antiossidanti sulla funzione endoteliale polmonare dopo l'esclusione cardiopolmonare. J Cardiothorac Vasc Anesth. 2003 giugno; 17(3): 314-20.
  65. Modulazione degli antiossidanti di Meydani M. Dietary di invecchiamento e di interazione immune-endoteliale delle cellule. Sviluppatore invecchiante Mech. 1999 novembre; 111 (2-3): 123-32.
  66. Schubert SY, Neeman I, Resnick N. Un meccanismo novello per l'inibizione di attivazione N-F-kappaB in cellule endoteliali vascolari dagli antiossidanti naturali. FASEB J.2002 dicembre; 16(14): 1931-3.
  67. Schulz E, Anter E, sforzo ossidativo del Jr. di Keaney JF, antiossidanti e funzione endoteliale. Curr Med Chem. 2004 maggio; 11(9): 1093-104.
  68. Taddei S, Virdis A, Ghiadoni L, et al. riduzione relativa all'età di NESSUNA disponibilità e sforzo ossidativo in esseri umani. Ipertensione. 2001 agosto; 38(2): 274-9.
  69. Rubio AR, Morales-Segura mA. Ossido di azoto, un iceberg in fisiologia cardiovascolare: molto al di là di controllo di tono della nave. Arco Med Res. 2004 gennaio-febbraio; 35(1): 1-11.
  70. Sugawara J, Komine H, Hayashi K, et al. effetto di inibizione sistemica della sintasi dell'ossido di azoto su rigidezza arteriosa in esseri umani. Ricerca di Hypertens. 2007 maggio; 30(5): 411-5.
  71. Mungall millimetro, terapia di Gaw A. Statin negli anziani. Curr Opin Lipidol. 2004 agosto; 15(4): 453-7.
  72. dieci diga VH, scatola FM, de Craen AJ, et al. mancanza di effetto delle pravastatine su flusso sanguigno cerebrale o su perdita parenchimatica del volume in anziani a rischio della malattia vascolare. Colpo. 2005 agosto; 36(8): 1633-6.
  73. Weverling-Rijnsburger aw, Blauw GJ, Meinders EA. Effetto delle atorvastatine sulla funzione vascolare alterata in uomini anziani in buona salute. J Clin Pharm Ther. 2004 aprile; 29(2): 157-64.
  74. GM di Rubanyi. Il ruolo di endotelio nell'omeostasi e nelle malattie cardiovascolari. J Cardiovasc Pharmacol. 1993 22 supplementi 4: S1-14.
  75. Aviram m., Rosenblat m., Gaitini D, et al. consumo del succo del melograno per 3 anni dai pazienti con stenosi dell'arteria carotica riduce lo spessore di intima-media di carotide comune, la pressione sanguigna e l'ossidazione di LDL. Clin Nutr. 2004 giugno; 23(3): 423-33.
  76. Kaplan m., Hayek T, Raz A, et al. il completamento del succo del melograno ai topi aterosclerotici riduce la perossidazione lipidica del macrofago, l'accumulazione cellulare del colesterolo e lo sviluppo di aterosclerosi. J Nutr. 2001 agosto; 131(8): 2082-9.
  77. MD di Sumner, Elliott-Eller m., Weidner G, et al. effetti del consumo del succo del melograno su aspersione del miocardio in pazienti con la coronaropatia. J Cardiol. 15 settembre 2005; 96(6): 810-4.
  78. Aviram m., Dornfeld L, Kaplan m., et al. flavonoidi del succo del melograno inibisce l'ossidazione e le malattie cardiovascolari della lipoproteina a bassa densità: studi in topi aterosclerotici ed in esseri umani. Ricerca di Exp Clin delle droghe. 2002 28(2-3):49-62.
  79. Rosenblat m., Volkova N, Coleman R, et al. amministrazione del sottoprodotto del melograno ai topi e-carenti dell'apolipoproteina attenua lo sviluppo di aterosclerosi come conseguenza dello sforzo ossidativo in diminuzione del macrofago e dell'assorbimento cellulare riduttore della lipoproteina a bassa densità ossidata. Alimento chim. di J Agric. 8 marzo 2006; 54(5): 1928-35.
  80. de Nigris F, Williams-Ignarro S, Sica V, et al. effetti di una frutta del melograno estrae i ricchi nel punicalagin ai sui geni ossidazione sensibili e nell'attività del eNOS ai siti della resistenza di taglio e del atherogenesis perturbati. Ricerca di Cardiovasc. 15 gennaio 2007; 73(2): 414-23.
  81. Aviram m., Hardak E, Vaya J, et al. i paraoxonases umani del siero (PON1) Q e le R fanno diminuire selettivamente i perossidi del lipido in lesioni aterosclerotiche coronarie e carotiche umane: Esterasi PON1 ed attività del tipo di perossidasi. Circolazione. 2000 30 maggio; 101(21): 2510-7.
  82. Ruilope LM, Redón J, riduzione di rischio di Schmieder R. Cardiovascular invertendo disfunzione endoteliale: ARBs, ACE-inibitore, o entrambi? Aspettative dal programma di prova di ONTARGET. Rischio sanitario Manag di Vasc. 2007;3(1):1-9.
  83. Kinlay S, Ganz P. Role di disfunzione endoteliale nella coronaropatia e delle implicazioni per la terapia. J Cardiol. 1997 novembre; 80 (9A): 11I-16I.
  84. Zeiher, Drexler H, Wollschlager H, et al. disfunzione endoteliale del microvasculature coronario è associato con il regolamento del flusso coronarico in pazienti con aterosclerosi iniziale.  Circulation.1991 novembre; 84(5): 1984-92.
  85. de Nigris F, Williams-Ignarro S, Botti C, Sica V, Ignarro LJ, succo di Napoli C. Pomegranate riduce il downregulation ossidato della lipoproteina a bassa densità della sintasi endoteliale dell'ossido di azoto in cellule endoteliali coronarie umane. Ossido di azoto. 2006 novembre; 15(3): 259-63.
  86. Ignarro LJ, Byrns CON RIFERIMENTO A, Sumi D, de Nigris F, succo di Napoli C. Pomegranate protegge l'ossido di azoto dalla distruzione ossidativa e migliora le azioni biologiche di ossido di azoto. Ossido di azoto. 2006 settembre; 15(2): 93-102.
  87. de Nigris F, Williams-Ignarro S, Lerman LO, et al. effetti benefici del succo del melograno ai sui geni ossidazione sensibili ed attività endoteliale della sintasi dell'ossido di azoto ai siti della resistenza di taglio perturbata. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 29 marzo 2005; 102(13): 4896-901.
  88. Disponibile a: http://www.cdc.gov/nchs/fastats/lcod.htm. 21 dicembre 2012 raggiunto.