Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista aprile 2013
Come lo vediamo  

Scienza dall'agguato

Da William Faloon

I cardiologi parzialmente correggono soltanto i fattori di rischio di Atherogenic

La prescrizione del medicinale di statina è che cosa aggiusta tipicamente fa per impedire e trattare l'aterosclerosi coronaria. Il colesterolo e LDL, tuttavia, sono soltanto due giocatori nel processo di aterosclerosi.

Ora c'è olio di pesce due “droghe„ approvate da FDA per abbassare i trigliceridi. L'olio di pesce inoltre protegge da aterosclerosi riducendo l'infiammazione63-71 ed inibendo l'aggregazione anormale della piastrina.72-76 ma le droghe neppure dell'olio di pesce e di statina non stanno andando neutralizzare adeguatamente tutti i fattori in questione nella coronaropatia.

I cardiologi della corrente principale non riescono ad apprezzare che l'aterosclerosi coronaria sia un segno di disfunzione arteriosa sistemica che richiede la terapia aggressiva di correggere.

Per leggere più circa le misure che dovete prendere per ridurre le vostre probabilità di essere colpito con un disturbo vascolare, che riferisca agli articoli alle pagine 68 e 78 dell'edizione di questo mese.

Come vi proteggiamo

La vendita eccellente annuale dell'analisi del sangue del prolungamento della vita comincia 1° aprile 2013. La ragione sto avvisandovi che presto è permettergli di cominciare preparare per le vostre analisi del sangue complete annuali.

Assicuri, per esempio, che prendiate il vostri omega-3 e supplementi di vitamina D con il pasto più pesante del giorno. Queste sostanze nutrienti solubili nel grasso assorbono ben migliore una volta consumate con il pasto del giorno che contiene il più grasso. Un problema che temiamo si presenta negli studi clinici è che i partecipanti prendono le sostanze nutrienti solubili nel grasso sugli stomaci relativamente vuoti, che conduce ad assorbimento difficile e ad omissione successiva derivare i benefici.

Le estese sessioni che del gruppo di controllo abbiamo condotto rivelano il consumatore tipico non ha idea che cosa devono fare per proteggere dalle malattie degeneranti di invecchiamento.

Forniamo ai nostri membri l'ogni mezzi di supporto possibili, da accesso ai consulenti informati di salute ed all'analisi del sangue completa a basso costo, ai dati scientifici esattamente riferiti ed alla ricerca clinica in corso.

Il pubblico, d'altra parte, è lasciato per contare sui mezzi di informazione frenetici del breve discorso per i dati di salute, che comprendono spesso dileggiare un titolo medico spaventoso senza valutare la veridicità di una storia. Chiamo questa scienza dall'agguato perché lati ciechi un principio stabilito e nego un'opportunità per la controprova significativa!

Per vita più lunga,

Per vita più lunga

William Faloon

L'olio di pesce della Alto-dose fornisce i benefici del cuore
Omega 3

Una serie di studi hanno indicato che le dosi elevate dell'olio di pesce conduce agli effetti benefici nell'impedire gli eventi della malattia cardiovascolare o nella riduzione dei fattori di rischio. Per esempio:

Una prova randomizzata e controllata con placebo ha trovato che 1.800 mg di EPA combinato più DHA sono stati associati con un 10% più a tariffa ridotta degli eventi cardiaci, 12% più a tariffa ridotta degli infarti non fatali e quasi un 11% più a tariffa ridotta delle morti cardiache.5

In un grande studio di intervento, 18.000 pazienti sono stati randomizzati per ricevere o un farmaco di statina da solo o una statina più 1.800 mg di EPA-pesce lubrifica giornalmente. Dopo 5 anni, quelli con una storia della coronaropatia hanno avuti un 19% più a tariffa ridotta degli eventi coronari importanti nel gruppo statina più dell'olio del EPA-pesce confrontato al gruppo solo statina.6

Un randomizzato, la prova alla cieca, prova controllata con placebo con i pazienti di emodialisi cronici ha trovato che 1.700 mg di quotidiano degli acidi grassi omega-3 sono stati associati con un rapporto di riproduzione di 70% del rischio relativo di infarto miocardico.7

Una prova randomizzata e controllata facendo uso di 3.300 mg di EPA e DHA (e poi un dosaggio in diminuzione) hanno trovato una tendenza verso l'avvenimento cardiovascolare più basso di evento con il completamento dell'olio di pesce. Sette eventi cardiovascolari si sono presentati nel gruppo del placebo (non dato l'olio di pesce) mentre soltanto due eventi cardiovascolari si sono presentati nel gruppo petrolio-completato pesce durante lo studio.8

Una meta-analisi con una dose media dell'olio di pesce di 3.700 mg trovati ha abbassato la pressione sanguigna sistolica da 2,1 mmHg essere in media e diastolici da 1,6 mmHg.9

In una prova randomizzata con i pazienti periferici di malattia arteriosa, 2.000 mg di acidi grassi omega-3 hanno provocato giornalmente un miglioramento nella dilatazione flusso-mediata, un indicatore di 49% di salute endoteliale delle cellule.10

Contrariamente ai risultati della meta-analisi di JAMA, due studi importanti hanno dimostrato i benefici significativi con anche le dosi moderate dell'olio di pesce:

La prova controllato di studio di GISSI-Prevenzione (un grande, randomizzato,) ha trovato che 1.000 mg/giorno di EPA e di DHA in 11.323 pazienti con una storia di infarto miocardico recente hanno ridotto il rischio di mortalità totale di 20% e di morte improvvisa da 45%.11,12

Lo studio del DARDO — una prova randomizzata e controllata che ha esaminato gli effetti di consiglio dei 2.033 oggetti aumentare il pesce grasso dietetico — ha rivelato un rapporto di riproduzione di 29% della mortalità per tutte le cause rispetto a quelle non consigliate.13

Il giornale della meta-analisi di American Medical Association(JAMA ) inoltre è in conflitto con altri esami della ricerca dell'olio di pesce. Altre meta-analisi hanno dimostrato un rischio riduttore di risultati della malattia cardiovascolare in quelle completate con gli acidi grassi omega-3 dall'olio di pesce. Per esempio:

Una meta-analisi 2009 delle prove randomizzate e controllate ha trovato che il completamento dietetico con gli acidi grassi omega-3 ha ridotto l'incidenza della morte cardiaca improvvisa negli oggetti con infarto miocardico priore.14

Un'altra meta-analisi 2009 delle prove randomizzate e controllate ha trovato che il completamento dietetico con gli acidi grassi omega-3 ha ridotto il rischio di morte cardiovascolare, di morte cardiaca improvvisa, di mortalità per tutte le cause e di eventi cardiovascolari non fatali in pazienti con una storia di determinati eventi o fattori di rischio cardiovascolari.15

Una meta-analisi 2008 ha trovato una riduzione significativa della morte dalle cause cardiache con il completamento dell'olio di pesce.16

Una meta-analisi 2002 delle prove randomizzate e controllate ha concluso che gli acidi grassi omega-3 hanno ridotto la mortalità globale, la mortalità dovuto infarto miocardico e la morte improvvisa in pazienti con la coronaropatia.17

Riferimenti

  1. CE di Rizos, Ntzani EE, Bika E, ms di Kostapanos, sig.ra di Elisaf. Associazione fra il completamento dell'acido grasso omega-3 ed il rischio di eventi importanti della malattia cardiovascolare: una rassegna e una meta-analisi sistematiche. JAMA. 12 settembre 2012; 308(10): 1024-33.
  2. Disponibile a: http://www.clevelandclinicmeded.com/medicalpubs/diseasemanagement/cardiology/heart-disease-risk-reduction/.  15 gennaio 2013 raggiunto.
  3. Chang CY, KE DS, Chen JY. Acidi grassi e cervello umano essenziali. Acta Neurol Taiwan. 2009 dicembre; 18(4): 231-41.
  4. Disponibile a: http://www.usatoday.com/news/health/story/2012-09-11/heart-omega-3/57750182/1. 3 dicembre 2012 raggiunto.
  5. RB di Singh, Niaz mA, Sharma JP, et al. randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo dell'olio di pesce e dell'olio di senape in pazienti con infarto miocardico acuto sospettato: l'esperimento indiano della sopravvivenza di infarto. Cardiovasc droga Ther. 1997;11(3):485-91.
  6. Yokoyama m., Origasa H, Matsuzawa m., et al. effetti di acido eicosapentanoico sugli eventi coronari importanti in pazienti ipercolesterolemici (JELIS): un'aperto etichetta randomizzata, analisi accecata di punto finale. Lancetta. 2007;369(9567):1090-8.
  7. Svensson m., Schmidt eb, KA di Jørgensen, et al. acidi grassi N-3 come prevenzione secondaria contro gli eventi cardiovascolari in pazienti che subiscono l'emodialisi cronica: una prova randomizzata e controllata con placebo di intervento. Clin J Soc Nephrol. 2006 luglio; 1(4): 780-6.
  8. von Schacky C, Angerer P, Kothny W, et al. L'effetto degli acidi grassi dietetici omega-3 su aterosclerosi coronaria. Un randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo. Ann Intern Med. 1999;130(7):554-62.
  9. Geleijnse JM, Giltay EJ, Grobbee DE, et al. risposta di pressione sanguigna al completamento dell'olio di pesce: analisi di metaregression delle prove randomizzate. J Hypertens. 2002;20(8):1493-9.
  10. Schiano V, Laurenzano E, Brevetti G, et al. acido grasso poli-insaturo Omega-3 nella malattia arteriosa periferica: effetto sul modello del lipido, sulla severità di malattia, sul profilo di infiammazione e sulla funzione endoteliale. Clin Nutr. 2008 aprile; 27(2): 241-7.
  11. Marchioli R, Barzi F, Bomba E, et al. protezione iniziale contro morte improvvisa dagli acidi grassi polinsaturi n-3 dopo infarto miocardico: analisi di del tempo corso dei risultati del Gruppo Italiano per nell'Infarto Miocardico (GISSI) - Prevenzione di Sopravvivenza di della dello studio dello. Circolazione. 23 aprile 2002; 105(16): 1897-903.
  12. Disponibile a: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2909229/.  15 gennaio 2013 raggiunto.
  13. Sbavi il ml, Fehily, Gilbert JF, et al. gli effetti dei cambiamenti in grasso, il pesce e le assunzioni della fibra sulla morte e sul re-infarto del miocardio: prova di re-infarto e di dieta (DARDO). Lancetta. 30 settembre 1989; 2(8666): 757-61.
  14. Zhao YT, Chen Q, Sun YX, et al. prevenzione della morte cardiaca improvvisa con gli acidi grassi omega-3 in pazienti con la coronaropatia: una meta-analisi delle prove controllate randomizzate. Ann Med. 2009;41(4):301-10.
  15. Integratori alimentari del PE e di Varon J. Omega-3 di Marik ed il rischio di eventi cardiovascolari: una rassegna sistematica. Clin Cardiol. 2009;32(7):365-72.
  16. León H, Shibata MC, Sivakumaran S, et al. effetto dell'olio di pesce sulle aritmia e mortalità: rassegna sistematica. BMJ. 2008; 337: a2931.
  17. Bucher HC, Hengstler P, Schindler C, et al. acidi grassi polinsaturi N-3 nella coronaropatia: una meta-analisi delle prove controllate randomizzate. Med di J. 2002;112(4):298-304.
  18. Piechota W, Piechota W. Correlation di concentrazione di alto-sensibilità CRP con le dimensioni di aterosclerosi coronaria in uomini con i sintomi della malattia cardiaca ischemica. Pol Merkur Lekarski. 2005 maggio; 18(107): 511-5.
  19. Choi EY, Yan RT, Fernandes VR, et al. proteina C-reattiva di Alto-sensibilità come preannunciatore indipendente di deterioramento funzionale del miocardio progressivo:  lo studio multietnico su aterosclerosi. Cuore J. 2012 di agosto; 164(2): 251-8.
  20. Van Der Meer IM, De Maat MP, Hak EA, et al. proteina C-reattiva predice la progressione di aterosclerosi misurata ai vari siti nell'albero arterioso: lo studio di Rotterdam. Colpo. 2002 dicembre; 33(12): 2750-5.
  21. I livelli C-reattivi della proteina dell'alta sensibilità di Masood A, di Jafar ss, di Akram Z. Serum e la severità di aterosclerosi coronaria valutata dal gensini angiografico segnano. J Pak Med Assoc. 2011 aprile; 61(4): 325-7.
  22. Ridker PM, seppellente JE, Shih J, Matias m., Hennekens CH. Studio prospettivo della proteina reattiva di c ed il rischio di eventi cardiovascolari futuri fra le donne apparentemente in buona salute. Circolazione. 25 agosto 1998; 98(8): 731-3.
  23. Proteina di Ora J, di Berent R, di Lassnig E, di Eber B. e coronaropatia C-reattive. Cuore J. 2002 di Jpn novembre; 43(6): 607-19.
  24. Agmon Y, Khandheria BK, Meissner I, et al. proteina C-reattiva ed aterosclerosi dell'aorta toracica: uno studio ecocardiografico transesophageal basato sulla popolazione. Med dell'interno dell'arco. 13 settembre 2004; 164(16): 1781-7.
  25. Ridker PM, Stampfer MJ, fattori di rischio di Rifai N. Novel per aterosclerosi sistemica: un confronto di proteina C-reattiva, di fibrinogeno, di omocisteina, della lipoproteina (a) e della selezione standard del colesterolo come preannunciatori della malattia arteriosa periferica. JAMA. 16 maggio 2001; 285(19): 2481-5.
  26. Proteina di Jarosz A, di Nowicka G. ed omocisteina C-reattive come fattori di rischio di aterosclerosi. Lek di Przegl. 2008 65(6): 268-72.
  27. Bonora E, Kiechl S, Willeit J, et al. insulino-resistenza come stimato dalla valutazione del modello di omeostasi predice la malattia cardiovascolare sintomatica di incidente negli oggetti caucasici dalla popolazione in genere: lo studio di Brunico. Cura del diabete. 2007 febbraio; 30(2): 318-24.
  28. Sundell J, Luotolahti M. Association fra insulino-resistenza e il vasoreactivity coronario riduttore negli individui sani. Può J Cardiol. 15 maggio 2004; 20(7): 691-5.
  29. Stochmal E, Szurkowska m., Czarnecka D, et al. associazione di aterosclerosi coronaria con insulino-resistenza in pazienti con tolleranza al glucosio alterata. Acta Cardiol. 2005 giugno; 60(3): 325-31.
  30. Takahashi F, Hasebe N, Kawashima E, et al. Hyperinsulinemia è un preannunciatore indipendente per la lesione aterosclerotica complessa dell'aorta toracica in pazienti non-diabetico. Aterosclerosi. 2006 agosto; 187(2): 336-42.
  31. Birra di malto RW. La relazione tra insulina di circolazione anormale livella e aterosclerosi. Aterosclerosi. 1977 maggio; 27(1): 1-13.
  32. Chien chilolitro, Lee YT, cantato FC, Hsu HC, Unione Sovietica TC, Lin RS. Hyperinsulinemia e fattori di rischio aterosclerotici riferiti nella popolazione al rischio cardiovascolare: uno studio a livello comunitario. Clin chim. 1999 giugno; 45 (6 pinte 1): 838-46.
  33. Howes PS, Zacharski LR, Sullivan J, Chow B. Role di ferro immagazzinato nell'aterosclerosi. J Vasc Nurs. 2000 dicembre; 18(4): 109-14; quiz 115-6.
  34. Chau LY. Ferro ed aterosclerosi. Proc Sci nazionale Counc Repub Cina B.2000 ottobre; 24(4): 151-5.
  35. Kraml P, Potockova J, Koprivova H, et al. ferritina, sforzo ossidativo ed aterosclerosi coronaria. Lek di Vnitr. 2004 marzo; 50(3): 197-202.
  36. Minqin R, watt F, Huat BT, Halliwell B. Correlation di ferro e di zinco livella con profondità della lesione in lesioni aterosclerotiche formate di recente. Med libero di biol di Radic. 15 marzo 2003; 34(6): 746-52.
  37. Montalcini T, Gorgone G, Federico D, et al. associazione del colesterolo di LDL con aterosclerosi carotica in donne della menopausa colpite dalla sindrome metabolica. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2005 ottobre; 15(5): 368-72.
  38. Se di Nissen, EM di Tuzcu, Schoenhagen P, et al. effetto di intensivo rispetto alla terapia moderata di riduzione dei lipidi sulla progressione di aterosclerosi coronaria: una prova controllata randomizzata. JAMA. 3 marzo 2004; 291(9): 1071-80.
  39. Reed dm, forte JP, lipidi di Resch J, di Hayashi T. Serum e lipoproteine come preannunciatori di aterosclerosi. Uno studio di autopsia. Arteriosclerosi. 1989 luglio-agosto; 9(4): 560-4.
  40. WC di Cromwell, Otvos JD. Numero e rischio della particella della lipoproteina a bassa densità per la malattia cardiovascolare. Rappresentante di Curr Atheroscler. 2004 settembre; 6(5): 381-7.
  41. Teo KK, JUNIOR di Burton, Buller C, Plante S, Yokoyama S, Montague TJ. Spiegazione razionale e caratteristiche del progetto di un test clinico che esamina gli effetti di colesterolo che si abbassano e checonverte inibizione d'enzimi su aterosclerosi coronaria: Simvastatine/prova coronaria aterosclerosi di Enalapril (ESCREMENTI). Può J Cardiol. 1997 giugno; 13(6): 591.
  42. Ridker PM, Rifai N, Rosa L, seppellente JE, cuoco NR. Confronto dei livelli di colesterolo della lipoproteina a bassa densità e della proteina C-reattiva nella previsione dei primi eventi cardiovascolari. Med di N Inghilterra J. 14 novembre 2002; 347(20): 1557-65.
  43. Rasouli ml, Nasir K, Blumenthal RS, parco R, CC di Aziz, Budoff MJ. L'omocisteina del plasma predice la progressione di aterosclerosi. Aterosclerosi. 2005 luglio; 181(1): 159-65.
  44. Omocisteina di Montalescot G, di Ankri A, di Chadefaux-Vekemans B, et al. del plasma e le dimensioni di aterosclerosi in pazienti con la coronaropatia. Int J Cardiol. 8 agosto 1997; 60(3): 295-300.
  45. Fernández-Miranda C, Paz m., Aranda JL, et al. omocisteina e progressione di aterosclerosi carotica in pazienti con la malattia coronarica. Med Clin (Barc). 1° novembre 2003; 121(15): 561-4.
  46. I livelli dell'omocisteina di Cacciapuoti F. Lowering possono impedire i danni cardiovascolari? Comportamenti terapeutici possibili. Fibrinolisi di Coagul del sangue. 2012 dicembre; 23(8): 677-9
  47. Liu MIO, Dy di Hu. Il valore predittivo del siero ha avanzato il fibrinogeno e l'acido urico per il rischio coronario acuto di evento. Zhonghua Yi Xue Za Zhi. 14 marzo 2006; 86(10): 678-80.
  48. Wattanakit K, Folsom AR, Chambless LE, Nieto FJ. I fattori di rischio per la ricorrenza cardiovascolare di evento nel rischio di aterosclerosi nelle Comunità (ARIC) studiano. Cuore J. 2005 di aprile; 149(4): 606-12.
  49. Maresca G, Di Blasio A, Marchioli R, fibrinogeno di misurazione del plasma di Di Minno G. per predire colpo ed infarto miocardico: un aggiornamento. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1999 giugno; 19(6): 1368-77.
  50. Acevedo m., Foody JM, Pearce GL, Sprecher DL. Fibrinogeno: associazioni con gli eventi cardiovascolari in un ambulatorio. Cuore J. 2002di febbraio; 143(2): 277-82.
  51. I trigliceridi di Drexel H, di Amann FW, di Beran J, et al. del plasma e tre frazioni del colesterolo della lipoproteina sono preannunciatori indipendenti delle dimensioni di aterosclerosi coronaria. Circolazione. 1994 novembre; 90(5): 2230-5.
  52. Bansal S, seppellente JE, Rifai N, Mora S, licenzia FM, Ridker PM. Digiuno rispetto ai trigliceridi nonfasting ed al rischio di eventi cardiovascolari in donne. JAMA. 18 luglio 2007; 298(3): 309-16.
  53. Trigliceridi di Nordestgaard BG, di Benn m., di Schnohr P, di Tybjaerg-Hansen A. Nonfasting e rischio di infarto miocardico, malattia cardiaca ischemica e morte in uomini ed in donne. JAMA. 18 luglio 2007; 298(3): 299-308.
  54. JO di Toikka, Ahotupa la m., Viikari JS, et al. concentrazione costantemente bassa nel HDL-colesterolo riferisce a disfunzione endoteliale ed all'LDL-ossidazione in vivo aumentata nei giovani in buona salute. Aterosclerosi. 1° novembre 1999; 147(1): 133-8.
  55. Viles-Gonzalez JF, Fuster V, Corti R, Badimon JJ. Importanza emergente del colesterolo di HDL nello sviluppare le placche coronarie ad alto rischio nelle sindromi coronariche acute. Curr Opin Cardiol. 2003 luglio; 18(4): 286-94.
  56. Spieker LE, Sudano I, Hurlimann D, et al. lipoproteina ad alta densità ristabilisce la funzione endoteliale in uomini ipercolesterolemici. Circolazione. 26 marzo 2002; 105(12): 1399-402.
  57. Hak EA, Witteman JC, de Jong FH, Geerlings MI, Hofman A, politici ha. I bassi livelli di androgeni endogeni aumentano il rischio di aterosclerosi in uomini anziani: lo studio di Rotterdam. J Clin Endocrinol Metab. 2002 agosto; 87(8): 3632-9.
  58. I chilometri inglesi, Mandour la O, i destrieri il RP, et al. uomini con la coronaropatia hanno livelli più bassi degli androgeni che gli uomini con gli angiogrammi coronari normali. Cuore J. 2000 di EUR giugno; 21(11): 890-4.
  59. Tivesten A, Mellström D, Jutberger H, et al. il testosterone basso del siero e l'alto estradiolo del siero si associano con la malattia arteriosa periferica dell'estremità inferiore in uomini anziani. Lo studio di MrOS in Svezia. J Coll Cardiol. 11 settembre 2007; 50(11): 1070-6.
  60. Dunajska K, Milewicz A, Szymczak J, et al. valutazione dei livelli di ormone sessuale ed alcuni fattori metabolici in uomini con aterosclerosi coronaria. Maschio di invecchiamento. 2004 settembre; 7(3): 197-204.
  61. "phillips" GB, Pinkernell BH, Jing TY. L'associazione del hypotestosteronemia con la coronaropatia in uomini. Arterioscler Thromb. 1994 maggio; 14(5): 701-6.
  62. Jones RD, Nettleship JE, Kapoor D, GH di Jones, Channer KS. Testosterone ed aterosclerosi negli uomini di invecchiamento: associazione pretesa ed implicazioni cliniche. Droghe di J Cardiovasc. 2005;5(3): 141-54.
  63. Kiecolt-Glaser JK, Belury mA, Andridge R, WB di Malarkey, Hwang BS, il completamento di Glaser R. Omega-3 abbassa l'infiammazione in adulti di mezza età e più anziani in buona salute: una prova controllata randomizzata. Brain Behav Immun. 2012 agosto; 26(6): 988-95.
  64. Wu D, SN di Han, Meydani m., SN di Meydani. Effetto di consumo concomitante di olio di pesce e di vitamina E su produzione delle citochine infiammatorie in esseri umani anziani in buona salute. Ann NY Acad Sci. 2004 dicembre; 1031:422-4.
  65. Se di Pischon T, di Hankinson, Hotamisligil GS, et al. ingestione dietetica abituale di n-3 ed acidi grassi n-6 relativamente agli indicatori infiammatori fra gli uomini e le donne degli Stati Uniti. Circolazione. 15 luglio 2003; 108(2): 155-60.
  66. TUM di Mori, Beilin LJ. Acidi grassi Omega-3 ed infiammazione. Rappresentante di Curr Atheroscler. 2004 novembre; 6(6): 461-7.
  67. James MJ, Gibson RA, Cleland LG. Acidi grassi polinsaturi dietetici e produzione infiammatoria del mediatore. J Clin Nutr. 2000 gennaio; 71 (1 supplemento): 343S-8S.
  68. Adam O, Beringer C, Kless T, et al. effetti antinfiammatori di una dieta dell'acido arachidonico e di un olio di pesce bassi in pazienti con l'artrite reumatoide. Rheumatol Int. 2003 gennaio; 23(1): 27-36.
  69. Lopez-Garcia E, MB di Schulze, Manson JE, et al. consumo (n-3) degli acidi grassi è collegato con i biomarcatori del plasma di infiammazione e dell'attivazione endoteliale in donne. J Nutr. 2004 luglio; 134(7): 1806-11.
  70. Lorenz R, PC di Weber, Szimnau P, Heldwein W, Strasser T, Loeschke K. Supplementation con gli acidi grassi n-3 dall'olio di pesce nelle malattie intestinali infiammatorie croniche: Un randomizzato, controllato con placebo, prova dell'incrocio della prova alla cieca. Interno Med Suppl di J. 1989;225(731): 225-32.
  71. Foitzik T, Eibl G, Schneider P, Wenger FA, Jacobi CA, Buhr HJ. Il completamento dell'acido grasso Omega-3 aumenta le citochine anti--inflammato del relè ed attenua le conseguenze sistemiche di malattia in pancreatite sperimentale. J Parenter Nutr enterale. 2002 novembre-dicembre; 26(6): 351-6.
  72. Nomura S, Kanazawa S, Fukuhara S. Effects di acido eicosapentanoico sugli indicatori e sulle molecole di adesione cellulare di attivazione della piastrina in pazienti iperlipidici con il diabete di tipo 2 mellito. Complicazioni del diabete di J. 2003 maggio-giugno; 17(3): 153-9.
  73. I TUM di Mori, Beilin LJ, Burke V, Morris J, Ritchie J. Interactions fra grasso dietetico, pesce ed oli di pesce ed i loro effetti sulla piastrina funzionano negli uomini a rischio della malattia cardiovascolare. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1997 febbraio; 17(2): 279-86.
  74. Abeywardena MIO, RJ capo. Funzione a catena lunga degli acidi grassi polinsaturi n-3 e del vaso sanguigno. Ricerca di Cardiovasc. 2001 dicembre; 52(3): 361-71.
  75. Thorngren m., Gustafson A. Effects di 11 aumento di settimana in acido eicosapentanoico dietetico su tempo dell'emorragia, sui lipidi e sull'aggregazione della piastrina. Lancetta. 28 novembre 1981; 2(8257): 1190-3.
  76. Vanschoonbeek K, Feijge MAH, Paquay m., et al. effetto hypocoagulant variabile dell'assunzione dell'olio di pesce in esseri umani: modulazione del livello del fibrinogeno e della generazione della trombina. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2004 settembre; 24(9): 1734-40.