Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista agosto 2013
Rapporto  

Nuovi risultati sui benefici cardiovascolari del caffè

Da Julia Pace

Riferimenti

  1. Patil H, Lavie CJ, O'Keefe JH. Cuppa Joe: amico o nemico? Effetti del consumo cronico del caffè su salute del cervello e cardiovascolare. Mo Med. 2011 novembre-dicembre; 108(6): 431-8.
  2. Siasos G, Oikonomou E, Chrysohoou C, et al. consumo di un tipo greco bollito di caffè è associato con la funzione endoteliale migliore: Lo studio di Ikaria. Med di Vasc. 18 marzo 2013.
  3. Kokubo Y, iso H, Saito I, et al. L'impatto del consumo del caffè e del tè verde sul rischio riduttore di incidenza del colpo in popolazione giapponese: Al il gruppo basato a centro di studio di salute pubblica del Giappone. Colpo. 14 marzo 2013.
  4. Disfunzione di Roquer J, di Segura T, di Serena J, di Castillo J. Endothelial, malattia vascolare e colpo: lo studio di ARTICO. Cerebrovasc DIS. 2009; 27 1:25 del supplemento - 37.
  5. Disponibile a: http://www.strokecenter.org/patients/about-stroke/stroke-statistics/. 11 aprile 2013 raggiunto.
  6. Consumo di Bidel S, di Hu G, di Qiao Q, di Jousilahti P, di Antikainen R, di Tuomilehto J. Coffee e rischio di mortalità totale e cardiovascolare fra i pazienti con il diabete di tipo 2. Diabetologia. 2006 novembre; 49(11): 2618-26.
  7. Ms di estremità, la TA del sultano Caffè ed il suo consumo: benefici e rischi. Rev Food Sci Nutr di Crit. 2011 aprile; 51(4): 363-73.
  8. Consumo di Lopez-Garcia E. Coffee, infarto miocardico e colpo: che cosa è l'associazione? La salute delle donne (Lond Inghilterra). 2011 maggio; 7(3): 265-7.
  9. Bauersachs J, disfunzione di Schäfer A. Endothelial in infarto: meccanismi e approcci terapeutici. Curr Vasc Pharmacol. 2004 aprile; 2(2): 115-24.
  10. Disfunzione di Heitzer T, di Schlinzig T, di Krohn K, di Meinertz T, di Münzel T. Endothelial, sforzo ossidativo e rischio di eventi cardiovascolari in pazienti con la coronaropatia. Circolazione. 27 novembre 2001; 104(22): 2673-8.
  11. Consumo di Wang Y, di Tuomilehto J, di Jousilahti P, et al. del caffè ed il rischio di infarto in uomini ed in donne finlandesi. Cuore. 2011 gennaio; 97(1): 44-8.
  12. Mostofsky E, ms del riso, Levitan eb, Mittleman mA. Consumo del caffè e rischio abituali di infarto: una meta-analisi di reazione al dosaggio. Circ Heart Fail. 1° luglio 2012; 5(4): 401-5.
  13. Lopez-Garcia E, van Dam RM, Li TY, Rodriguez-Artalejo F, Hu FB. La relazione del consumo del caffè con mortalità. Ann Intern Med. 17 giugno 2008; 148(12): 904-14.
  14. Richardson T, panettiere J, Thomas PW, Meckes C, Rozkovec A, prova di controllo di Kerr D. Randomized che studia l'influenza di caffè su variabilità di frequenza cardiaca in pazienti con infarto miocardico di elevazione di tratto ST. QJM. 2009 agosto; 102(8): 555-61.
  15. Sunbul m., Ozben B, Durmus E, et al. disfunzione endoteliale è un fattore di rischio indipendente per i pazienti del colpo indipendentemente dalla presenza di ovale dell'orifizio di brevetto. Herz. 16 febbraio 2013.
  16. Risparmio AG, McNeil JJ, Forbes A, Donnan GA. Fattori di rischio per l'emorragia cerebrale nell'era di ipertensione ben controllato. Gruppo di studio di fattore di rischio di Melbourne (MERFS). Colpo. 1996 novembre; 27(11): 2020-5.
  17. Disponibile a: http://www.strokecenter.org/patients/about-stroke/ischemic-stroke/. 16 aprile 2013 raggiunto.
  18. Lopez-Garcia E, Rodriguez-Artalejo F, Rexrode chilometro, Logroscino G, Hu FB, van Dam RM. Consumo del caffè e rischio di colpo in donne. Circolazione. 3 marzo 2009; 119(8): 1116-23.
  19. Toda E, Ishida H, Aoki T, et al. meccanismo possibile degli effetti preventivi dell'assunzione del caffè sulla formazione di trombosi occlusiva arteriosa. Med di Tokai J Exp Clin. 2010 dicembre; 35(4): 133-6.
  20. Kempf K, mandriano C, Erlund I, et al. effetti del consumo del caffè su infiammazione infraclinica ed altri fattori di rischio per il diabete di tipo 2: un test clinico. J Clin Nutr. 2010 aprile; 91(4): 950-7.
  21. Consumo di Floegel A, di Pischon T, di Bergmann millimetro, di Teucher B, di Kaaks R, di Boeing H. Coffee e rischio di malattia cronica nell'indagine futura europea sullo studio della Germania di nutrizione e del Cancro (EPICA) -. J Clin Nutr. 2012 aprile; 95(4): 901-8.
  22. Muley A, Muley P, scià M. Coffee per ridurre rischio di diabete di tipo 2?: una rassegna sistematica. Rev. 2012 del diabete di Curr maggio; 8(3): 162-8.
  23. 23 Doo T, assunzione di Morimoto Y, di Steinbrecher A, di Kolonel LN, di Maskarinec G. Coffee e rischio di diabete di tipo 2: il gruppo multietnico. Salute pubblica Nutr. 27 febbraio 2013: 1-9.
  24. Ohnaka K, Ikeda m., Maki T, et al. gli effetti di un consumo da 16 settimane di caffè istantaneo caffeinated e decaffeinato sul metabolismo del glucosio in una prova controllata randomizzata. J Nutr Metab. 2012;2012:207426.
  25. Lo SN di Bhupathiraju, filtra A, Malik CONTRO, et al. Caffeinated e bevande decaffeinate e rischio di diabete di tipo 2. J Clin Nutr. 2013 gennaio; 97(1): 155-66.
  26. Van Dijk EA, SIG. di Olthof, Meeuse JC, Seebus E, Heine RJ, van Dam RM. Effetti acuti di caffè decaffeinato e l'acido clorogenico e la trigonellina delle componenti importanti del caffè su tolleranza al glucosio. Cura del diabete. 2009 giugno; 32(6): 1023-5.
  27. Wedick nanometro, Brennan, Sun Q, Hu FB, CS di Mantzoros, van Dam RM. Effetti di caffè caffeinated e decaffeinato sui fattori di rischio biologici per il diabete di tipo 2: una prova controllata randomizzata. Nutr J. 2011; 10:93.
  28. BN di Ames, oro LS. Le cause e la prevenzione di cancro: guadagno della prospettiva. Circondi la salute Perspect. 1997 giugno; 105 supplementi 4:865-73.
  29. Isshiki m., Ohta H, Tamura H. Coffee riduce l'espressione SULT1E1 in cellule umane di carcinoma Caco-2 dei due punti. Toro di biol Pharm. 2013;36(2):299-304.
  30. Simonsson m., Soderlind V, Henningson m., et al. caffè impedisce gli eventi iniziali nei pazienti di cancro al seno tamoxifene-trattati e modula lo stato del recettore ormonale. Il Cancro causa il controllo. 15 febbraio 2013.
  31. Kotsopoulos J, Ghadirian P, EL-Sohemy A, et al. Il genotipo CYP1A2 modifica l'associazione fra il consumo del caffè ed il rischio di cancro al seno fra i trasportatori di mutazione BRCA1. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2007 maggio; 16(5): 912-6.
  32. Il caffè di Klug TL, di Bageman E, di Ingvar C, di Rosa C, di Jernstrom H. Moderate ed il consumo dell'alcool migliora il profilo del metabolita dell'estrogeno nei pazienti curati adiuvante del cancro al seno: uno studio pilota che confronta i livelli pre- e postoperatori. Mol Genet Metab. 2006 dicembre; 89(4): 381-9.
  33. Il consumo di Bageman E, di Ingvar C, di Rosa C, di Jernstrom H. Coffee ed il genotipo di CYP1A2*1F modificano l'età alla diagnosi del cancro al seno ed allo stato del ricevitore dell'estrogeno. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2008 aprile; 17(4): 895-901.
  34. La CE di Lowcock, Cotterchio la m., Anderson LN, le SEDERE di Boucher, assunzione di EL-Sohemy A. High Coffee, ma non caffeina, è associata con il rischio negativo e postmenopausale riduttore del ricevitore dell'estrogeno di cancro al seno senza modifica di effetto dal genotipo CYP1A2. Cancro di Nutr. 2013 aprile; 65(3): 398-409.
  35. Consumo di Shimazu T, di Inoue m., di Sasazuki S, et al. del caffè e rischio di cancro dell'endometrio: uno studio prospettivo nel Giappone. Cancro di Int J. 15 novembre 2008; 123(10): 2406-10.
  36. Giri A, SR dello storione, Luisi N, Bertone-Johnson E, Balasubramanian R, chilowatt di Reeves. Caffè di Caffeinated, caffè decaffeinato e rischio di cancro dell'endometrio: uno studio di gruppo futuro fra le donne postmenopausali degli Stati Uniti. Sostanze nutrienti. 2011 novembre; 3(11): 937-50.
  37. Ingestione di Chen YK, di Lee CH, di Wu IC, et al. di cibo e l'avvenimento di carcinoma a cellule squamose nelle sezioni differenti dell'esofago in uomini di Taiwan. Nutrizione. 2009 luglio-agosto; 25 (7-8): 753-61.
  38. Inoue m., Kurahashi N, Iwasaki m., et al. effetto del consumo del tè verde e del caffè sul rischio di cancro del fegato: analisi di gruppo da stato di infezione del virus dell'epatite. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2009 giugno; 18(6): 1746-53.
  39. Johnson S, KOH WP, Wang R, Govindarajan S, Yu MC, yuan JM. Consumo del caffè e rischio riduttore di carcinoma epatocellulare: risultati dallo studio cinese di salute di Singapore. Il Cancro causa il controllo. 2011 marzo; 22(3): 503-10.
  40. Discacciati A, Orsini N, Andersson COSÌ, et al. consumo del caffè e di carcinoma della prostata localizzato, avanzato e mortale di rischio: uno studio prospettivo basato sulla popolazione. Ann Oncol. 18 marzo 2013.
  41. MD di Hurd, Martorell P, Delavande A, Mullen kJ, Langa chilometro. Costi monetari di demenza negli Stati Uniti. Med di N Inghilterra J. 2013;368(14):1326-34.
  42. Lindsay J, Laurin D, Verreault R, et al. fattori di rischio per il morbo di Alzheimer: un'analisi futura dallo studio canadese su salute e su invecchiamento. J Epidemiol. 1° settembre 2002; 156(5): 445-53.
  43. Arendash GW, Cao C. Caffeine e caffè come terapeutica contro il morbo di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2010; 20 supplementi 1: S117-26.
  44. Noyce AJ, Bestwick JP, Silveira-Moriyama L, et al. meta-analisi delle caratteristiche in anticipo di nonmotor e fattori di rischio per il morbo di parkinson. Ann Neurol. 2012 dicembre; 72(6): 893-901.
  45. Saaksjarvi K, Knekt P, Rissanen H, Laaksonen mA, Reunanen A, studio prospettivo di Mannisto S. del consumo del caffè e rischio di malattia del Parkinson. EUR J Clin Nutr. 2008 luglio; 62(7): 908-15.
  46. Abitudini di Nicoletti A, di Pugliese P, di Nicoletti G, et al. del voluttuario e sottotipi clinici della malattia del Parkinson: lo studio di caso-control di FRAGAMP. Movimenti Disord. 30 ottobre 2010; 25(14): 2387-94.
  47. Assunzione di Santos C, della Costa J, di Santos J, di Vaz-Carneiro A, di Lunet N. Caffeine e demenza: rassegna e meta-analisi sistematiche. J Alzheimers DIS. 2010; 20 supplementi 1: S187-204.
  48. Santos C, Lunet N, Azevedo A, de Mendonca A, Ritchie K, assunzione di Barros H. Caffeine è associato con un più a basso rischio del declino conoscitivo: uno studio di gruppo dal Portogallo. J Alzheimers DIS. 2010; 20 supplementi 1: S175-85.
  49. Liu R, Guo assunzione di X, del parco Y, et al. della caffeina, fumare e rischio di morbo di parkinson in uomini ed in donne. J Epidemiol. 1° giugno 2012; 175(11): 1200-7.
  50. La L noiosa, Varghese la m., Wang J, et al. il completamento dietetico con caffè verde decaffeinato migliora dal il metabolismo energetico indotto da dieta del cervello e di insulino-resistenza in topi. Nutr Neurosci. 2012 gennaio; 15(1): 37-45.
  51. Arendash GW, Schleif W, Rezai-Zadeh K, et al. caffeina protegge i topi di Alzheimer da danno conoscitivo e riduce la produzione dell'beta-amiloide del cervello. Neuroscienza. 3 novembre 2006; 142(4): 941-52.
  52. Arendash GW, Mori T, cao C, et al. caffeina inverte il danno conoscitivo e fa diminuire i amiloide-beta livelli del cervello nei topi invecchiati del morbo di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2009;17(3):661-80.
  53. Il cao C, JUNIOR di Cirrito, Lin X, et al. caffeina sopprime i amiloide-beta livelli in plasma ed in cervello dei topi transgenici del morbo di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2009;17(3):681-97.
  54. Il cao C, Wang L, Lin X, et al. caffeina potenzia con un'altra componente del caffè per aumentare il plasma GCSF: legame ai benefici conoscitivi nei topi di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2011;25(2):323-35.
  55. CHU YF, Chang WH, RM nero, et al. caffeina grezza riduce il danno di memoria ed i beta (1-42) livelli dell'amiloide nel topo di un Alzheimer modellano. Alimento chim. 1° dicembre 2012; 135(3): 2095-102.
  56. Effetti SH, di Lee HK, di Kim JA, et al. di Neuroprotective di Kwon di acido clorogenico da su amnesia indotta da scopolamina via anti-acetilcolinesterasi ed attività antiossidanti in topi. EUR J Pharmacol. 15 dicembre 2010; 649 (1-3): 210-7.
  57. I chilowatt di Lee, Im JY, corteggiano la JM, et al. Neuroprotective e le proprietà antinfiammatorie di una componente del caffè nel modello di MPTP della malattia del Parkinson. Neurotherapeutics. 2013 gennaio; 10(1): 143-53.
  58. Takishima I, Nakamura T, Hirano m., et al. valore predittivo della valutazione di serie della funzione endoteliale in infarto cronico. Int J Cardiol. 26 luglio 2012; 158(3): 417-22.
  59. Akiyama E, Sugiyama S, Matsuzawa Y, et al. significato prognostico incrementale di disfunzione endoteliale periferica in pazienti con infarto con la frazione ventricolare sinistra normale di espulsione. J Coll Cardiol. 30 ottobre 2012; 60(18): 1778-86.
  60. Funzione di Lind L, di Berglund L, di Larsson A, di Sundstrom J. Endothelial nella resistenza e nelle arterie del condotto e rischio di cinque anni di malattia cardiovascolare. Circolazione. 12 aprile 2011; 123(14): 1545-51.
  61. Chen MP, TH di Tsai, CL di caduta, et al. disfunzione endoteliale in giovani pazienti con infarto miocardico di St-elevazione acuta. Navi del cuore. 2011 gennaio; 26(1): 2-9.
  62. Anderson TJ, Charbonneau F, titolo LM, et al. funzione microvascolare predice gli eventi cardiovascolari nella prevenzione primaria: i risultati di lungo termine dai pompieri e dal loro endotelio (DESTINO) studiano. Circolazione. 18 gennaio 2011; 123(2): 163-9.
  63. de Berrazueta JR, Guerra-Ruiz A, la TA di Garcia-Unzueta, et al. disfunzione endoteliale, misurata da iperemia reattiva facendo uso di pletismografia del sforzo-calibro, è un preannunciatore indipendente di risultato avverso in infarto. Venire a mancare del cuore di EUR J. 2010 maggio; 12(5): 477-83.
  64. Bohn SK, reparto NC, Hodgson JM, piccola fattoria KD. Effetti di tè e di caffè sul rischio della malattia cardiovascolare. Alimento Funct. 2012 giugno; 3(6): 575-91.
  65. Buscemi S, Batsis JA, Arcoleo G, Verga S. Coffee e funzione endoteliale: una battaglia fra caffeina e gli antiossidanti? EUR J Clin Nutr. 2010 ottobre; 64(10): 1242-3.
  66. Buscemi S, Verga S, Batsis JA, et al. effetti dipendenti dalla dose di caffè decaffeinato sulla funzione endoteliale negli individui sani. EUR J Clin Nutr. 2009 ottobre; 63(10): 1200-5.
  67. Lopez-Garcia E, van Dam RM, Qi L, Hu FB. Consumo del caffè ed indicatori di infiammazione e di disfunzione endoteliale in donne in buona salute e diabetiche. J Clin Nutr. 2006 ottobre; 84(4): 888-93.
  68. Umemura T, Ueda K, Nishioka K, et al. effetti dell'amministrazione acuta di caffeina sulla funzione vascolare. J Cardiol. 1° dicembre 2006; 98(11): 1538-41.
  69. Houston dk, Johnson mA, Poon LW, GM di Clayton. Diversi alimenti e modelli del gruppo di alimento di più vecchio vecchio. Anziano di J Nutr. 1994;13(4):5-23.
  70. Propri forti C, Forastiere F, Farchi S, Rapiti E, Pastori G, Perucci CA. Dieta e sopravvivenza globale in un gruppo molto degli anziani. Epidemiologia. 2000 luglio; 11(4): 440-5.
  71. Ikeda m., Suzuki C, Umegaki K, Saito K, Tabuchi m., effetti di Tomita T. Preventive delle catechine del tè verde sul colpo spontaneo in ratti. Med Sci Monit. 2007 febbraio; 13(2): BR40-5.
  72. Wu kJ, la TA di Hsieh, CR di Wu, GRUPPO DI LAVORO di legno, Chen YF. Tè verde
    l'estratto migliora i deficit di memoria e dell'apprendimento in ratti ischemici via il suo polifenolo epigallocatechin-3- del componente attivo
    gallato da modulazione dello sforzo e del neuroinflammation ossidativi. Evid ha basato il Med di Alternat del complemento. 2012;2012:163106.
  73. Disponibile a: http://ntp.niehs.nih.gov/ntp/htdocs/Chem_Background/ExSumPdf/ChlorogenicAcid.pdf. 17 aprile 2013 raggiunto.
  74. Disponibile a: http://www.google.com/patents/US20100183790?printsec=abstract#v=onepage&q&f=false. 17 aprile 2013 raggiunto.
  75. Wu JN, consumo noioso dello Sc, di Zhou C, et al. del caffè e rischio di coronaropatie: una meta-analisi di 21 studio di gruppo futuro. Int J Cardiol. 12 novembre 2009; 137(3): 216-25.
  76. Consumo di Mukamal kJ, di Hallqvist J, di Hammar N, et al. del caffè e mortalità dopo infarto miocardico acuto: il programma di epidemiologia del cuore di Stoccolma. Cuore J. 2009 di marzo; 157(3): 495-501.
  77. JUNIOR di Wilson chilometro, di Kasperzyk JL, del cavaliere, et al. consumo del caffè e rischio e progressione di carcinoma della prostata nello studio di approfondimento dei professionisti del settore medico-sanitario. Cancro nazionale Inst di J. 8 giugno 2011; 103(11): 876-84.
  78. Li J, Seibold P, Chang-Claude J, et al. consumo del caffè modifica il rischio di cancro al seno della negazione del estrogeno-ricevitore. Ricerca del cancro al seno. 2011; 13(3): R49.
  79. Inoue m., Yoshimi I, Sobue T, Tsugane S. Influence di caffè che beve sul rischio successivo di carcinoma epatocellulare: uno studio prospettivo nel Giappone. Cancro nazionale Inst di J. 16 febbraio 2005; 97(4): 293-300.
  80. Huxley R, Lee cm, Barzi F, et al. caffè, caffè decaffeinato e consumo del tè relativamente al diabete di tipo 2 di incidente mellito: una rassegna sistematica con la meta-analisi. Med dell'interno dell'arco. 14 dicembre 2009; 169(22): 2053-63.
  81. Rosengren A, Dotevall A, Wilhelmsen L, Thelle D, Johansson S. Coffee ed incidenza di diabete in donne svedesi: uno studio di approfondimento futuro da 18 anni. Med dell'interno di J. 2004 gennaio; 255(1): 89-95.
  82. Consumo di Tuomilehto J, di Hu G, di Bidel S, di Lindstrom J, di Jousilahti P. Coffee e rischio di diabete di tipo 2 mellito fra gli uomini e le donne finlandesi di mezza età. JAMA. 10 marzo 2004; 291(10): 1213-9.
  83. Corrao G, Zambon A, Bagnardi V, D'Amicis A, Klatsky A. Coffee, caffeina ed il rischio di cirrosi epatica. Ann Epidemiol. 2001 ottobre; 11(7): 458-65.
  84. AL di Klatsky, Morton C, Udaltsova N, Friedman GD. Caffè, cirrosi ed enzimi della transaminasi. Med dell'interno dell'arco. 12 giugno 2006; 166(11): 1190-5.
  85. Arendash GW, Cao C. Caffeine e caffè come terapeutica contro il morbo di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2010; 20 supplementi 1: S117-26.
  86. La maia L, de Mendonca A. fa l'assunzione della caffeina protegge dal morbo di Alzheimer? EUR J Neurol. 2002 luglio; 9(4): 377-82.
  87. Giggey pp, CR di Wendell, Zonderman ab, SR di Waldstein. La maggior assunzione del caffè negli uomini è associata con gli aumenti relativi all'età più ripidi nella pressione sanguigna. J Hypertens. 2011 marzo; 24(3): 310-5.