Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista agosto 2013
Rapporto  

L'importanza trascurata dei ricevitori di vitamina D

Da Logan Bronwell

Riferimenti

  1. Disponibile a: http://www.sciencenews.org/view/generic/id/64101/description/
    Vitamin_D_is_essential_to_the_modern__indoor_lifestyle
    . 21 maggio 2013 raggiunto.
  2. Disponibile a: http://www.scientificamerican.com/article.cfm?id=vitamin-d-deficiency-united-states. 21 maggio 2013 raggiunto.
  3. Annweiler C, Llewellyn DJ, concentrazioni di vitamina D del siero di Beauchet O. Low nel morbo di Alzheimer: una rassegna e una meta-analisi sistematiche. J Alzheimers DIS. 2013;33(3):659-74.
  4. Huang Y, Li X, Wang m., et al. lipoproteina lipasi collega la vitamina D, l'insulino-resistenza ed il diabete di tipo 2: uno studio epidemiologico settoriale. Cardiovasc Diabetol. 2013;12:17.
  5. Wacker m., Holick MF. Vitamina D - effetti su salute scheletrica e extrascheletrica e sull'esigenza del completamento. Sostanze nutrienti. 10 gennaio 2013; 5(1): 111-48.
  6. Mitchell dm, mp di Henao, Finkelstein JS, Burnett-Bowie SA. Prevalenza e preannunciatori della carenza di vitamina D in adulti in buona salute. Endocr Pract. 2012 novembre-dicembre; 18(6): 914-23.
  7. Annweiler C, Rolland Y, Schott, Blain H, Vellas B, carenza di vitamina D di Beauchet O. Serum come preannunciatore delle demenze di non Alzheimer di incidente: uno studio longitudinale di sette anni. Geriatr demente Cogn Disord. 2011;32(4):273-8.
  8. Holick MF. Vitamina D: prospettive evolutive, fisiologiche e di salute. Obiettivi della droga di Curr. 2011 gennaio; 12(1): 4-18.
  9. Holick MF. Vitamina D: una soluzione d-lightful per salute. Med di J Investig. 2011 agosto; 59(6): 872-80.
  10. Pilz S, Tomaschitz A, Drechsler C, Dekker JM, carenza di vitamina D di Marz W. e malattie del miocardio. Mol Nutr Food Res. 2010 agosto; 54(8): 1103-13.
  11. Artaza JN, Norris KC. La vitamina D riduce l'espressione di collagene e dei fattori profibrotic di chiave inducendo un fenotipo antifibrotic in cellule multipotent mesenchimali. J Endocrinol. 2009 febbraio; 200(2): 207-21.
  12. Karakas m., Thorand B, Zierer A, et al. bassi livelli di hydroxyvitamin D del siero 25 è associato a un aumentato rischio di infarto miocardico, particolarmente in donne: risultati dallo studio del caso-gruppo di MONICA KORA Augsburg. J Clin Endocrinol Metab. 2013 gennaio; 98(1): 272-80.
  13. Wang L, canzone Y, Manson JE, et al. facente circolare 25 idrossilati
    vitamina D e rischio di malattia cardiovascolare: una meta-analisi degli studi prospettivi. Circ Cardiovasc Qual Outcomes. 2012 novembre; 5(6): 819-29.
  14. Il Sun Q, filtra A, Hu FB, Manson JE, Rexrode chilometro. livelli di 25-Hydroxyvitamin D ed il rischio di colpo: uno studio prospettivo e una meta-analisi. Colpo. 2012 giugno; 43(6): 1470-7.
  15. Shor R, Tirosh A, Shemesh L, et al. 25 livelli di hydroxyvitamin D in pazienti che subiscono cateterizzazione dell'arteria coronaria. Med dell'interno di EUR J. 2012 luglio; 23(5): 470-3.
  16. Pilz S, Tomaschitz A, Marz W, et al. vitamina D, malattia cardiovascolare e mortalità. Clin Endocrinol (Oxf). 2011 novembre; 75(5): 575-84.
  17. Pilz S, Kienreich K, Tomaschitz A, et al. vitamina D e malattia cardiovascolare: aggiornamento e prospettiva. Il laboratorio di Scand J Clin investe il supplemento. 2012 aprile; 243:83-91.
  18. Zittermann A, Gummert JF. Sun, vitamina D e malattia cardiovascolare. J Photochem Photobiol B. 2010 3 novembre; 101(2): 124-9.
  19. Disponibile a: http://www.health.harvard.edu/newsweek/vitamin-d-and-your-health.htm. 21 maggio 2013 raggiunto.
  20. Zittermann A, Frisch S, Berthold HK, et al. il completamento di vitamina D migliora gli effetti benefici di perdita di peso sugli indicatori di rischio della malattia cardiovascolare. J Clin Nutr. 2009 maggio; 89(5): 1321-7.
  21. Dong Y, Stallmann-Jorgensen È, Pollock NK, et al. Una settimana 16 ha randomizzato un test clinico dei 2000 completamenti quotidiani di vitamina D3 delle unità internazionali nella gioventù nera: 25-hydroxyvitamin D, adiposità e rigidezza arteriosa. J Clin Endocrinol Metab. 2010 ottobre; 95(10): 4584-91.
  22. Harris RA, J bianco Pedersen, DH di Guo, et al. il completamento di vitamina D3 per 16 settimane migliora la dilatazione flusso-mediata in adulti afroamericani di peso eccessivo. J Hypertens. 2011 maggio; 24(5): 557-62.
  23. MD di Witham, colomba FJ, Sugden JA, Doney COME, ANNUNCIO di Struthers. L'effetto della sostituzione di vitamina D sugli indicatori di salute vascolare nei pazienti del colpo - una prova controllata randomizzata. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2012 ottobre; 22(10): 864-70.
  24. Salehpour A, Shidfar F, Hosseinpanah F, et al. vitamina D3 ed il rischio di CVD in donne di peso eccessivo ed obese: una prova controllata randomizzata. Br J Nutr. 28 novembre 2012; 108(10): 1866-73.
  25. Chua GT, Chan YC, interruttore di Cheng. Stato di vitamina D e malattia arteriosa periferica: prova finora. Rischio sanitario Manag di Vasc. 2011;7:671-5.
  26. L'ANNUNCIO di legno, il Kr di Secombes, Thies la F, et al. il completamento di vitamina D3 non ha effetto sui fattori di rischio cardiovascolari convenzionali: un a gruppi paralleli, prova alla cieca, RCT controllato con placebo. J Clin Endocrinol Metab. 2012 ottobre; 97(10): 3557-68.
  27. Tran B, Armstrong BK, Carlin JB, et al. assunzione e
    risultati di una prova pilota del completamento di vitamina D nella popolazione in genere dell'Australia. J Clin Endocrinol Metab. 2012 dicembre; 97(12): 4473-80.
  28. Takiishi T, Gysemans C, brodo R, Mathieu C. Vitamin D e diabete. Nord di Endocrinol Metab Clin. 2010 giugno; 39(2): 419-46, indice.
  29. Wolden-Kirk H, Overbergh L, GH di Christesen, Brusgaard K,
    Mathieu C. Vitamin D e diabete: la sua importanza per la beta cellula e la funzione immune. Mol Cell Endocrinol. 5 dicembre 2011; 347 (1-2): 106-20.
  30. Oh J, Weng la S, Felton SK, et al. 1,25 (l'OH) 2 vitamine D inibisce la formazione delle cellule della schiuma e sopprime l'assorbimento del colesterolo del macrofago in pazienti con il diabete di tipo 2 mellito. Circolazione. 25 agosto 2009; 120(8): 687-98.
  31. Kumar pinta, Antony S, ms di Nandhu, Sadanandan J, Naijil G, CS di Paulose. I restauri di vitamina D3 hanno alterato colinergico e l'espressione del ricevitore dell'insulina nella corteccia cerebrale e l'espressione muscarinic del ricevitore M3 in isolotti pancreatici dello streptozotocin hanno indotto i ratti diabetici. Biochimica di J Nutr. 2011 maggio; 22(5): 418-25.
  32. Meerza D, Naseem I, Ahmed J. Effect di 1, 25 (l'OH) (2) vitamina D (3) su omeostasi del glucosio e su danno del DNA nel tipo - 2 topi diabetici. Complicazioni del diabete di J. 2012 settembre-ottobre; 26(5): 363-8.
  33. Siddiqui MP, Chang E, Li J, et al. l'intervento dietetico con la vitamina D, il calcio ed il proteina del siero hanno ridotto la massa del grasso ed hanno aumentato la massa magra in ratti. Ricerca di Nutr. 2008 novembre; 28(11): 783-90.
  34. Il CL di Roth, Elfers il CT, il DP di Figlewicz, et al. carenza di vitamina D in ratti obesi esacerba l'affezione epatica grassa analcolica ed aumenta il resistin epatico e l'attivazione del tipo di tributo del ricevitore. Epatologia. 2012 aprile; 55(4): 1103-11.
  35. Shab-Bidar S, Neyestani TR, Djazayery A, et al. miglioramento di stato di vitamina D ha provocato il miglioramento dei biomarcatori di infiammazione sistemica negli oggetti con il diabete di tipo 2. Rev. 2012 di ricerca di Metab del diabete luglio; 28(5): 424-30.
  36. Mitri J, Dawson-Hughes B, Hu FB, Pittas AG. Gli effetti della vitamina D e del completamento del calcio sulla beta cellula pancreatica funzionano, la sensibilità dell'insulina e glycemia in adulti ad ad alto rischio del diabete: il calcio e la vitamina D per il diabete mellito (CaDDM) hanno randomizzato la prova controllata. J Clin Nutr. 2011 agosto; 94(2): 486-94.
  37. Nikooyeh B, Neyestani TR, Farvid m., et al. il consumo quotidiano di d della vitamina o la vitamina D + bevanda calcio-fortificata del yogurt hanno migliorato il controllo glycemic in pazienti con il diabete di tipo 2: un test clinico randomizzato. J Clin Nutr. 2011 aprile; 93(4): 764-71.
  38. Bonakdaran S, Hami m., Hatefi A. Gli effetti del calcitriol su albuminuria in pazienti con il diabete di tipo 2 mellito. Rene saudita DIS Transpl di J. 2012 novembre; 23(6): 1215-20.
  39. Krairittichai U, Mahannopkul R, Bunnag S. Un'etichetta aperta, studio controllato randomizzato del calcitriol orale per il trattamento di proteinuria in pazienti con la malattia renale diabetica. J Med Assoc Thai. 2012 marzo; 95 supplementi 3: S41-7.
  40. Patel P, Poretsky L, Liao E. Lack di effetto del trattamento subtherapeutic di vitamina D sui parametri del lipido e glycemic in diabete di tipo 2: Una prova randomizzata futura pilota. Diabete di J. 2010 marzo; 2(1): 36-40.
  41. Eftekhari MH, Akbarzadeh m., Dabbaghmanesh MH, Hasanzadeh J. Impact del trattamento con il calcitriol orale sugli indici del glucosio nei pazienti melliti del diabete di tipo 2. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2011;20(4):521-6.
  42. Dickens AP, Lang IA, Langa chilometro, Kos K, Llewellyn DJ. Vitamina D, disfunzione conoscitiva e demenza in adulti più anziani. Droghe dello SNC. 2011 agosto; 25(8): 629-39.
  43. Annweiler C, Rolland Y, Schott, et al. ingestione dietetica di più alta vitamina D è associato con più a basso rischio della malattia di Alzheimer: seguito di sette anni. J Gerontol una biol Sci Med Sci. 2012 novembre; 67(11): 1205-11.
  44. Peterson AL, Mancini m., Horak FB. La relazione fra controllo di equilibrio e la vitamina D nello studio pilota della malattia-un di Parkinson. Movimenti Disord. 2 aprile 2013.
  45. Annweiler C, Fantino B, Parot-Schinkel E, Thiery S, Gautier J, morbo di Alzheimer di Beauchet O. --input della vitamina D con l'analisi di memantina (prova di AD-IDEA): protocollo di studio per una prova controllata randomizzata. Prove. 2011;12:230.
  46. Annweiler C, Herrmann franco, Fantino B, Brugg B, Beauchet O. Effectiveness della combinazione di memantina più la vitamina D su cognizione in pazienti con il morbo di Aalzheimer: uno studio pilota della pre-posta. Cogn Behav Neurol. 2012 settembre; 25(3): 121-7.
  47. Soni m., Kos K, Lang IA, Jones K, Melzer D, Llewellyn DJ. Vitamina D e funzione conoscitiva. Il laboratorio di Scand J Clin investe il supplemento. 2012 aprile; 243:79-82.
  48. GASCROMATOGRAFIA di Deluca, Kimball MP, Kolasinski J, Ramagopalan SV, GASCROMATOGRAFIA di Ebers. Il ruolo della vitamina D nella salute e nella malattia del sistema nervoso. Neuropathol Appl Neurobiol. 21 gennaio 2013.
  49. Masoumi A, Goldenson B, Ghirmai S, et al. 1alpha, 25-dihydroxyvitamin D3 interagisce con i curcuminoids per stimolare il amiloide-beta spazio dai macrofagi dei pazienti del morbo di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2009;17(3):703-17.
  50. Yu J, Gattoni-violoncelli m., Zhu H, et al. dieta della vitamina D3-enriched correla con una diminuzione delle placche dell'amiloide nel cervello dei topi transgenici di AbetaPP. J Alzheimers DIS. 2011;25(2):295-307.
  51. Briones TL, vitamina D di Darwish H. attenua il declino conoscitivo relativo all'età con la modulazione dello stato e della diminuzione pro-infiammatori nel carico dell'amiloide. J Neuroinflammation. 2012;9:244.
  52. Suzuki m., Yoshioka m., Hashimoto m., et al. randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo del completamento di vitamina D nel morbo di parkinson. J Clin Nutr. 2013 maggio; 97(5): 1004-13.
  53. Bilinski K, Boyages J. Association fra 25 concentrazione di hydroxyvitamin D ed il rischio di cancro al seno in una popolazione australiana: uno studio d'osservazione di caso-control. Ossequio di ricerca del cancro al seno. 2013 gennaio; 137(2): 599-607.
  54. Amaral AF, Mendez-Pertuz m., Munoz A, et al. hydroxyvitamin D del plasma 25 (3) e rischio di cancro alla vescica secondo la fase del tumore e lo stato FGFR3: ad uno studio epidemiologico basato a meccanismo. Cancro nazionale Inst di J. 19 dicembre 2012; 104(24): 1897-904.
  55. Roskies m., Dolev Y, Caglar D, et al. carenza di vitamina D come fattore di rischio potenzialmente modificabile per tumore della tiroide. Collo Surg della testa di J Otolaryngol. 1° giugno 2012; 41(3): 160-3.
  56. Hopkins MH, Owen J, Ahearn T, et al. effetti della vitamina D supplementare e calcio sui biomarcatori di infiammazione nei pazienti colorettali dell'adenoma: un test clinico randomizzato e controllato. Ricerca di Prev del Cancro (Phila). 2011 ottobre; 4(10): 1645-54.
  57. Dormoy V, Beraud C, Lindner V, et al. vitamina D3 avvia l'attività antitumorale through mirando alla segnalazione dell'istrice nel cancro del rene umano. Carcinogenesi. 2012 novembre; 33(11): 2084-93.
  58. Lingua gallese J. Cellular ed effetti molecolari della vitamina D su carcinogenesi. Biochimica Biophys dell'arco. 1° luglio 2012; 523(1): 107-14.
  59. Attività anticancro di Krishnan avoirdupois, dei swami S, di Feldman D. Equivalent della vitamina D dietetica e calcitriol in un modello animale di cancro al seno: Importanza di CYP27B1 mammario per il trattamento e la prevenzione. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 23 agosto 2012.
  60. Krishnan avoirdupois, swami S, Feldman D. I benefici terapeutici potenziali della vitamina D nel trattamento del cancro al seno del positivo del ricevitore dell'estrogeno. Steroidi. 2012 settembre; 77(11): 1107-12.
  61. Effetto di Chatterjee m., di Janarthan m., di Manivannan R, di Rana A. Combinatorial dell'olio di pesce (Maxepa) e 1alpha, 25-dihydroxyvitamin D (3) nel chemoprevention da di carcinogenesi mammaria indotta DMBA in ratti. Le bioe di Chem interagiscono. 6 ottobre 2010; 188(1): 102-10.
  62. Bolland MJ, Grey A, gioco GD, Reid IR. Supplementi di vitamina D e del calcio e risultati di salute: un rianalisi dell'insieme di dati ad accesso limitato di iniziativa della salute delle donne (WHI). J Clin Nutr. 2011 ottobre; 94(4): 1144-9.
  63. Brunner RL, Wactawski-Wende J, Caan BJ, et al. L'effetto di calcio più la vitamina D sul rischio per tumore invasivo: i risultati del calcio di iniziativa della salute delle donne (WHI) più la vitamina D hanno randomizzato il test clinico. Cancro di Nutr. 2011;63(6):827-41.
  64. Il distacco di Marshall, SJ selvaggio, Garrett-Mayer la E, et al. il completamento di vitamina D3 a 4000 unità internazionali al giorno per un anno provoca una diminuzione dei centri positivi alla biopsia di ripetizione negli oggetti con carcinoma della prostata a basso rischio nell'ambito di sorveglianza attiva. J Clin Endocrinol Metab. 2012 luglio; 97(7): 2315-24.
  65. Swami S, Krishnan avoirdupois, Wang JY, et al. vitamina D dietetica (dihydroxyvitamin 3) e 1,25 D (3) attività anticancro equivalente della mostra (di calcitriol) nei modelli dello xenotrapianto del topo del seno e del carcinoma della prostata. Endocrinologia. 2012 giugno; 153(6): 2576-87.
  66. Ahearn TU, Shaukat A, Fiandre WD, Rutherford CON RIFERIMENTO A, RM di Bostick. Un test clinico randomizzato degli effetti di calcio supplementare e del vitamina D3 sulla via di APC/beta-catenin nella mucosa normale dei pazienti colorettali dell'adenoma. Ricerca di Prev del Cancro (Phila). 2012 ottobre; 5(10): 1247-56.
  67. Brodo R, Carmeliet G, Verlinden L, et al. vitamina D e sanità: lezioni dai topi di posizione di segnale minimo del ricevitore di vitamina D. Rev. 2008 di Endocr ottobre; 29(6): 726-76.
  68. Supplemento di vitamina D nella prima infanzia e rischio per tipo diabete mellito (insulino-dipendente) di I. Il sottostudio di EURODIAB 2 gruppi di studio. Diabetologia. 1999 gennaio; 42(1): 51-4.
  69. Littorin B, Blom P, Scholin A, et al. livelli più bassi del hydroxyvitamin D del plasma 25 fra i giovani adulti alla diagnosi del diabete autoimmune di tipo 1 ha paragonato agli oggetti di controllo: i risultati dall'incidenza nazionale del diabete studiano in Svezia (DISS). Diabetologia. 2006 dicembre; 49(12): 2847-52.
  70. Brown SJ. Il ruolo della vitamina D nella sclerosi a placche. Ann Pharmacother. 2006 giugno; 40(6): 1158-61.
  71. Amital H, Szekanecz Z, Szucs G, et al. concentrazioni nel siero della vitamina D 25-OH in pazienti con i lupus eritematosi sistemici (SLE) è collegato inversamente con attività di malattia: è tempo di completare ordinariamente i pazienti con SLE con la vitamina D? Ann Rheum Dis. 2010 giugno; 69(6): 1155-7.
  72. Modificazione di Andjelkovic Z, di Vojinovic J, di Pejnovic N, et al. di malattia ed effetti immunomodulatori della dose elevata 1 alfa (l'OH) D3 nei pazienti di artrite reumatoide. Clin Exp Rheumatol. 1999 luglio-agosto; 17(4): 453-6.
  73. Birra forte e scura G, Prietl B, Mader JK, et al. L'effetto del completamento di vitamina D sulle cellule di T regolarici periferiche e la beta cellula funzionano in esseri umani in buona salute: una prova controllata randomizzata. Rev. 2011 di ricerca di Metab del diabete novembre; 27(8): 942-5.
  74. Li X, Liao L, Yan X, et al. gli effetti protettivi di 1 alfa-hydroxyvitamin D3 sulla funzione residua della cellula beta in pazienti con il diabete autoimmune latente di adulto-inizio (LADA). Rev. 2009 di ricerca di Metab del diabete luglio; 25(5): 411-6.
  75. La TA di Cantorna, Zhao J, Yang L. Vitamin D, cellule T naturali invariabili dell'uccisore e malattia autoimmune sperimentale. Soc di Proc Nutr. 2012 febbraio; 71(1): 62-6.
  76. Tokmak F, ciarlatano I, Schieren G, et al. colecalciferolo ad alta dose per correggere carenza di vitamina D nei pazienti di emodialisi. Trapianto del quadrante di Nephrol. 2008 dicembre; 23(12): 4016-20.
  77. SIG. di Maki KC, di Rubin, CD di Wong LG, di McManus JF, di Jensen, A. Effects senza legge del completamento di vitamina D 25 sul hydroxyvitamin D, colesterolo della lipoproteina ad alta densità ed altri indicatori di rischio della malattia cardiovascolare negli oggetti con la circonferenza elevata della vita. Alimento Sci Nutr di Int J. 2011 giugno; 62(4): 318-27.
  78. Salzer J, Hallmans G, Nystrom m., Stenlund H, Wadell G, vitamina D di Sundstrom P. come fattore protettivo nella sclerosi a placche. Neurologia. 20 novembre 2012; 79(21): 2140-5.
  79. Orgaz-Molina J, Buendia-Eisman A, Arrabal-polo mA, Ruiz JC, Aria-Santiago S. Deficiency di una concentrazione nel siero 25 del hydroxyvitamin D in pazienti psoriasici: uno studio di caso-control. J Acad Dermatol. 2012 novembre; 67(5): 931-8.
  80. GG di canzone, Sc di Bae, Lee YH. Associazione fra l'assunzione di vitamina D ed il rischio di artrite reumatoide: una meta-analisi. Clin Rheumatol. 2012 dicembre; 31(12): 1733-9.
  81. Ginde aa, Mansbach JM, Camargo CA, associazione del Jr. fra il livello di hydroxyvitamin D del siero 25 e l'infezione superiore delle vie respiratorie nella terza indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute. Med dell'interno dell'arco. 23 febbraio 2009; 169(4): 384-90.
  82. Canzone Y, Wang L, Pittas AG, et al. sangue 25 livelli di vitamina D e diabete di tipo 2 idrossilati di incidente: Una meta-analisi degli studi prospettivi. Cura del diabete. 2013 maggio; 36(5): 1422-8.
  83. Tsur A, Feldman BS, Feldhammer I, MB di Hoshen, Leibowitz G, Balicer RD. Lle concentrazioni in diminuzione nel siero del hydroxycholecalciferol 25 sono associate a un aumentato rischio della progressione a glucosio ed al diabete a digiuno alterati. Cura del diabete. 2013 maggio; 36(5): 1361-7.
  84. Kojima G, Bell C, Abbott RD, et al. vitamina D dietetica bassa predice il colpo di incidente di 34 anni: il programma del cuore di Honolulu. Colpo. 2012 agosto; 43(8): 2163-7.