Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista febbraio 2013
Come lo vediamo  

Preparazione del vostro corpo mangiare

Da William Faloon

Risultati dinamici di perdita di peso

essendo misurando  

Per determinare conclusivamente se l'estratto del chicco di caffè di verde ha un beneficio dell'anti-obesità, gli scienziati hanno installato un randomizzato, la prova alla cieca, la dose controllata con placebo e lineare, studio dell'incrocio sugli esseri umani.1

In uno studio dell'incrocio, i partecipanti sono ciclati con le fasi differenti di trattamento e di placebo. In questo caso, gli oggetti hanno preso una dose elevata dell'estratto verde del chicco di caffè per 6 settimane, di un estratto più basso del chicco di caffè di verde della dose per 6 settimane e di un placebo per 6 settimane in un randomizzato, modo della prova alla cieca. Fra le fasi, c'era un periodo di due settimane “di interruzione„, rendente all'intero studio 22 settimane di lunghezza.1

Gli studi dell'incrocio sono considerati sani, perché ogni persona nel gruppo di prova serve da suo proprio controllo. Ciò migliora le probabilità di ottenere un risultato accurato, perché elimina la possibilità del risultato che riflette una differenza fra l'attivo ed i gruppi di controllo. Per assicurare i risultati erano più rappresentativo, la ricerca ha arruolato sia gli uomini che le donne.

I partecipanti si sono limitati a coloro che è stato classificato come obesi o pre-obesi, perché la gente che ha queste circostanze è conforme agli effetti metabolici dell'obesità e trova la perdita di peso difficile raggiungere.

Per più ulteriormente assicurarsi che tutto l'effetto su peso, su grasso corporeo o su BMI potrebbe essere attribuito solamente all'estratto, là non era in qualunque momento cambiamenti significativi nelle calorie dietetiche o nelle percentuali dietetiche dei carboidrati, del grasso e delle proteine durante lo studio. Non c'erano inoltre cambiamenti significativi nell'esercizio. Le capsule di mg del quotidiano 350 dell'estratto verde del chicco di caffè erano il solo intervento, sebbene in una situazione di non studio, la perdita di peso di ricerca della gente combinerebbe idealmente l'estratto verde del chicco di caffè con consumo con poche calorie e maggior attività fisica per promuovere la perdita di peso massima.

Durante la fase ad alta dose, gli oggetti hanno preso giornalmente 350 mg di estratto , tre volte. La fase più bassa della dose ha incluso 350 mg di estratto, presi due volte al giorno.1 la fase del placebo ha compreso una dose di mg 350 un quotidiano di tre volte di una capsula inerte che contiene una sostanza inattiva.1

I risultati notevoli sono stati pubblicati nel gennaio 2012 .

Sopra la prova di 22 settimane, i ricercatori hanno trovato che tutto sottopone ha avvertito una riduzione in peso corporeo, BMI e grasso corporeo durante sia le fasi ad alta dose che a basse dosi dello studio, ma non nella fase del placebo!

Dopo 12 settimane di amministrazione dell'estratto verde del chicco di caffè di mg 350 tre volte un il giorno gli scienziati hanno trovato quello:1

  • Il peso è diminuito vicino oltre 17,6 libbre sopra medio-con alcuni oggetti che perdono più di 22,7 libbre!
  • BMI in diminuzione da una media di 2,92!
  • La percentuale del grasso corporeo è diminuito dai 4,44% essere in media, con alcuni oggetti che cadono la loro percentuale del grasso corporeo da 6,44%!
  • La frequenza cardiaca è diminuito da una media significativa di 2,56 battiti per minuto!

L'impatto sostanziale dell'anti-obesità è stato riflesso chiaramente nell'individuazione quello un 37% notevole dei partecipanti che sono stati valutati come avere pre-obesità (25-30 BMI) all'inizio dello studio ha avuto loro stato invertito alla gamma del normale-peso!1

Seguito di studio ha indicato che, contrapporre con la alimento-restrizione è a dieta, i 87,5% sorprendenti dei soggetti poteva mantenere la loro perdita di peso dopo avere terminato lo studio.1 nessun effetti collaterali è stato osservato.

Ciò ed altri studi dimostrano l'importanza “di preparazione del vostro corpo mangiare„ prendendo l'estratto verde del chicco di caffè prima di ogni pasto. Gli effetti doppi di riduzione del glucosio del dopo-pasto e dell'induzione della perdita di peso significativa gli rendono un supplemento che virtualmente ogni persona di invecchiamento dovrebbe prendere prima del cibo.

Impatto micidiale di obesità
Alimento

Secondo l'organizzazione mondiale della sanità circa 1,5 miliardo genti sono obese o di peso eccessivo.68

Ciascuno di questi individui obesi fatti funzionare fino all' tre volte ha aumentato il rischio di morte confrontato alla gente del normale-peso.69

L'obesità provoca riduzione della durata entro gli otto - 10 anni essere in media rispetto alla gente a peso normale. Per ogni 33 libbre extra, il rischio di morte prematura aumenta vicino intorno 30 per cento.70

I costi di sanità connessi con l'obesità stanno superando quelli connessi con il fumo! 71

Oltre appena apparire bello, spargere le libbre del supplemento è una strategia provata di salvataggio.

Approccio novello ad accumulazione grassa inversa

Primo piano dei chicchi di caffè verdi  

L'inversione dell'obesità richiede l'attacco su parecchie parti anteriori, compreso l'esercizio, la dieta e gli interventi novelli come aggressivamente abbassamento dei livelli ematici dell'insulina e del glucosio.

Le buone notizie sono che gli scienziati hanno confermato che l'estratto del chicco di caffè di verde può inibire determinati processi d'induzione. I composti del caffè possono ridurre il grasso corporeo ,64,66,72 migliorano i profili del lipido,73-75 riducono la glicemia,73,76 e possono fare diminuire l'assorbimento delle calorie!46,66 ci sono molti piani di dieta che la gente può essere coinvolgere con ora. Prendendo 350 mg di estratto verde del chicco di caffè prima di ogni pasto, gli effetti grassi di perdita possono essere aumentati.1

Nello studio che mostra una perdita di peso di 17,6 libbre dopo 12 settimane, i soggetti umani non sono stati detti per fare alcuni cambiamenti significativi nella composizione in caloria, nell'assunzione di caloria, o nelle abitudini di esercizio!1 è importante da capire, tuttavia, quella gente che richiedono tempo partecipare agli studi di perdita di peso vuole vedere i risultati e può tagliare istintivamente alcune calorie e diventare più attiva anche quando sono dette non a. 

Per ottimizzare questo approccio naturale, gli individui di peso eccessivo ed obesi dovrebbero prendere l'estratto verde del chicco di caffè ed altre sostanze nutrienti come l'estratto del tè verde e del cromo prima di ogni pasto.

Risparmi i soldi mentre sostengono la ricerca

Ogni volta che acquistate un prodotto di Extension® di vita, contribuite alla ricerca puntata su estendendo la portata sana di vita umana. La vita Extension® continua a costituire un fondo per un numero record dei progetti scientifici, mentre combatte i burocrati incompetenti che cercano di soffocare l'innovazione medica.

Durante la nostra vendita eccellente del ventiquattresimo inverno annuale, tutte le formule di Extension® di vita sono scontate in moda da potere ottenere i membri le versioni aggiornate ai prezzi più bassi dell'anno.

Fino al 31 gennaio 2013 , i membri approfittano degli sconti eccellenti di vendita per immagazzinare su sulle formule di avanguardia destinate per aggirare i meccanismi di fondo di invecchiamento… compreso lo stoccaggio micidiale in eccedenza delle libbre grasse.

Per vita più lunga,

Per vita più lunga 

William Faloon

Riferimenti

  1. Vinson JA, BR di Burnham, Nagendran sistemi MV. Randomizzato, prova alla cieca, dose controllata con placebo e lineare, studio dell'incrocio per valutare l'efficacia e la sicurezza di un estratto verde del chicco di caffè negli oggetti di peso eccessivo. Diabete Metab Syndr Obes. 2012;5:21-7.
  2. Benn m., Tybjaerg-Hansen A, McCarthy MI, Jensen GB, P grande, Nordestgaard BG. Glucosio di Nonfasting, malattia cardiaca ischemica ed infarto miocardico: uno studio mendeliano di casualizzazione. J Coll Cardiol. 19 giugno 2012; 59(25): 2356-65.
  3. JV di Bjornholt, Erikssen G, Aaser E, et al. glicemia a digiuno: un fattore di rischio sottovalutato per la morte cardiovascolare. Risultati da seguito di 22 anni degli uomini nondiabetic in buona salute. Cura del diabete. 1999 gennaio; 22(1): 45-9.
  4. Disponibile a: http://www.bls.gov/opub/uscs/1950.pdf.  31 ottobre 2012 raggiunto.
  5. Disponibile a: http://www.ers.usda.gov/data-products/food-expenditures.aspx.  31 ottobre 2012 raggiunto.
  6. Disponibile a: http://healthland.time.com/2011/11/17/are-smokers-today-more-addicted-than-in-the-past/. 31 ottobre 2012 raggiunto.
  7. Disponibile a:  http://www.gallup.com/poll/109048/us-smoking-rate-still-coming-down.aspx.  31 ottobre 2012 raggiunto.
  8. Disponibile a:  http://www.cdc.gov/nchs/fastats/overwt.htm.  31 ottobre 2012 raggiunto.
  9. Ceriello A. Mechanisms di danno di tessuto nello stato postprandiale. Supplemento di Int J Clin Pract. 2001 settembre; (123): 7-12. 
  10. Prodotti finiti ed aterosclerosi di glycation di Vlassara H. Advanced. Ann Med. 1996 ottobre; 28(5): 419-26.
  11. Tolleranza al glucosio e malattia cardiovascolare di Ceriello A. Impaired: il ruolo possibile dell'iperglicemia postprandiale. Cuore J. 2004di maggio; 147(5): 803-7.
  12. Il JUNIOR di Timmer, Hoekstra m., Nijsten Mw, et al. il valore prognostico dell'emoglobina glicosilata di ammissione ed il glucosio in pazienti nondiabetic con infarto miocardico di St-segmento-elevazione hanno trattato con intervento coronario percutaneo. Circolazione. 9 agosto 2011; 124(6): 704-11.
  13. Norhammar A, diabete di tipo 2 di Schenck-Gustafsson K. e malattia cardiovascolare in donne. Diabetologia. 4 settembre 2012. [Epub davanti alla stampa]
  14. Concentrazione nel glucosio di Donahue RP, di Abbott RD, di Reed dm, et al. di Postchallenge e coronaropatia in uomini di ascendenza giapponese. Programma del cuore di Honolulu. Diabete. 1987 giugno; 36(6): 689-92.
  15. JH più pieno, Shipley MJ, Rosa G, ed altri: Rischio della coronaropatia e tolleranza al glucosio alterata. Lo studio di Whitehall. Lancetta. 28 giugno 1980; 1(8183):1373-6.
  16. Haheim LL, Holme I, Hjermann I, ed altri: Glucosio del siero di Nonfasting ed il rischio di colpo mortale negli oggetti diabetici e nondiabetic. seguito 18-year dello studio di Oslo. Colpo. 1995 maggio; 26(5): 774-7.
  17. Benefici di Zeymer U. Cardiovascular di acarbose in tolleranza al glucosio e diabete di tipo 2 alterati. Int J Cardiol. 8 febbraio 2006; 107(1): 11-20.
  18. Minatoguchi S, Zhang Z, Bao N, et al. Acarbose riduce la dimensione di infarto del miocardio impedendo la produzione postprandiale del radicale ossidrile e di iperglicemia ed aprendo i canali mitocondriali di KATP in conigli. J Cardiovasc Pharmacol. 2009 luglio; 54(1): 25-30.
  19. Frantz S, Calvillo L, Tillmanns J, et al. iperglicemia postprandiale ripetitiva aumenta la lesione cardiaca riperfusione/di ischemia: prevenzione dal acarbose dell'inibitore dell'alfa-glucosidasi. FASEB J.2005 aprile; 19(6): 591-3.
  20. Parchi EJ, parchi EJ. Cambiamenti nella sintesi grassa influenzata dal contenuto macronutrient dietetico. Soc di Proc Nutr. 2002 maggio; 61(2): 281-6.
  21. Raffoul JJ; Guo Z; Soofi A; Heydari AR. Restrizione calorica e stabilità genomica. Invecchiamento di salute di J Nutr. 1999 3(2):102-10.
  22. Martins C, Morgan LM, MD di Robertson. Effetti di abittudine alimentara repressa sulla sensibilità dell'insulina negli individui del normale-peso. Physiol Behav. 23 marzo 2009; 96 (4-5): 703-8.
  23. Heilbronn LK, de Jonge L, Frisard MI, et al. effetto della restrizione di 6 mesi di caloria sui biomarcatori della longevità, adattamento metabolico e sforzo ossidativo in individui di peso eccessivo: una prova controllata randomizzata. JAMA. 5 aprile 2006; 295(13): 1539-48.
  24. Heller rf, Heller rf. Obesità di Hyperinsulinemic e dipendenza del carboidrato: l'anello mancante è il fattore di frequenza del carboidrato. Med Hypotheses. 1994 maggio; 42(5): 307-12.
  25. Zhang X, Zhang G, Zhang H, Karin m., Bai H, Cai D. Hypothalamic IKKbeta/NF-kappaB ed ER sollecita la sovranutrizione di collegamento allo squilibrio ed all'obesità di energia. Cellula. 3 ottobre 2008; 135(1): 61-73.
  26. Danielsson A, Fagerholm S, Ost A, et al. eccesso di cibo a breve termine induce l'insulino-resistenza in cellule grasse nei soggetti umani magri. Mol Med. 2009 luglio-agosto; 15 (7-8): 228-34.
  27. Basu R, Chandramouli V, Dicke B, il landò B, Rizza R. l'Obesity ed il diabete di tipo 2 alterano dalla la soppressione indotta da insulina di glicogenolisi come pure della gluconeogenesi. Diabete. 2005 luglio; 54(7): 1942-8.
  28. Il DH di Kim, Perdomo il G, Zhang T, et al. FoxO6 integra la segnalazione dell'insulina con la gluconeogenesi nel fegato. Diabete. 2011 novembre; 60(11): 2763-74.
  29. de Koning L, Malik CONTRO, MD di Kellogg, Rimm eb, WC di Willett, Hu FB. Consumo di bevande, coronaropatia di incidente e biomarcatori zuccherati di rischio in uomini. Circolazione. 10 aprile 2012; 125(14): 1735-41, S1.
  30. Gerstein HC, Pais P, Pogue J, Yusuf S. Relationship di glucosio e di insulina livella al rischio di infarto miocardico: uno studio di caso-control. J Coll Cardiol. 1999 marzo; 33(3): 612-9.
  31. D'Elia JN, Salyers aa.  Contributo di un neopullulanase, di una pullulanasi e di un alfa-glucosidasi a crescita del thetaiotaomicron del batterioide su amido. J Bacteriol. 1996 dicembre; 178(24): 7173-9.
  32. Oyama T, Saiki A, Endoh K, et al. effetto di acarbose, un inibitore dell'alfa-glucosidasi, sui livelli della massa della lipoproteina lipasi del siero e sullo spessore comune di intima-media dell'arteria carotica in mellito del diabete di tipo 2 trattato dalla sulfonilurea. J Atheroscler Thromb. 2008 giugno; 15(3): 154-9.
  33. Caton PW, Nayuni NK, Kieswich J, Khan NQ, Yaqoob millimetro, Corder R. Metformin sopprime la gluconeogenesi epatica con induzione di SIRT1 e di GCN5. J Endocrinol. 2010 aprile; 205(1): 97-106.
  34. Otto m., Breinholt J, Westergaard N. Metformin inibisce la sintesi e la gluconeogenesi del glicogeno negli epatociti coltivati del ratto. Diabete Obes Metab. 2003 maggio; 5(3): 189-94.
  35. Perriello G, Misericordia P, Volpi E, Santucci A, Santucci C, Ferrannini E, Ventura millimetro, Santeusanio F, Brunetti P, Bolli GB. Meccanismi antihyperglycemic acuti di metformina in NIDDM. Prova per soppressione di ossidazione del lipido e di produzione epatica del glucosio. Diabete. 1994 luglio; 43(7): 920-8.
  36. Saxena P, Prakash A, Nigam A. Effect della terapia della metformina sull'insulina del post-glucosio di 2 h livella in pazienti della sindrome ovarica policistica. Ronzio Reprod Sci di J. 2010 settembre; 3(3): 139-42.
  37. Verma S, Bhanot S, McNeill JH. La metformina fa diminuire i livelli dell'insulina del plasma e la pressione sanguigna sistolica in ratti spontaneamente ipertesi. J Physiol. 1994 ottobre; 267 (4 pinte 2): H1250-3.
  38. Isakovic A, Harhaji L, Stevanovic D, et al. azione doppia di antiglioma di metformina: arresto del ciclo cellulare e apoptosi mitocondrio-dipendenti. Cellula Mol Life Sci. 2007 maggio; 64(10): 1290-302.
  39. Xie Y, Wang YL, Yu L, et al. metformina promuove l'espressione del ricevitore del progesterone via inibizione di obiettivo mammifero della rapamicina (mTOR) in cellule tumorali dell'endometrio. Biochimica Mol Biol dello steroide di J. 2011 settembre; 126 (3-5): 113-20.
  40. Ben Sahra I, Regazzetti C, Robert G, et al. metformina, indipendente da AMPK, induce l'inibizione del mTOR e l'arresto del ciclo cellulare con REDD1. Ricerca del Cancro. 1° luglio 2011; 71(13): 4366-72.
  41. Micic D, Cvijovic G, Trajkovic V, LH di Duntas, Polovina S. Metformin: il suo ruolo emergente in oncologia. Ormoni (Atene). 2011 gennaio-marzo; 10(1): 5-15.
  42. Chilowatt della ONG, Hsu A, Tan BK. L'acido clorogenico stimola il trasporto del glucosio in muscolo scheletrico via l'attivazione di AMPK: un contributore agli effetti benefici di caffè su diabete. PLoS uno. 2012 7(3): e32718.
  43. La TA di Abidoff Rapporto clinico speciale sugli effetti di glucose-6-phosphatase sui soggetti umani. Ministero della sanità russo, Mosca, 1999. Studio non pubblicato.
  44. Nagendran sistemi MV. Effetto dell'estratto verde del chicco di caffè (GCE), su in acidi clorogenici, sul metabolismo del glucosio. Numero di presentazione del manifesto: 45-LB-P. Obesità 2011, la ventinovesima riunione scientifica annuale della società di obesità. Orlando, Florida. Dal 1-5 ottobre 2011.
  45. Ishikawa A, Yamashita H, Hiemori m., et al. caratterizzazione degli inibitori dell'iperglicemia postprandiale dalle foglie del indicum del Nerium. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo). 2007 aprile; 53(2): 166-73.
  46. Henry-Vitrac C, Ibarra A, rullo m., Merillon JM, Vitrac X. Contribution degli acidi clorogenici all'inibizione di attività epatica umana di glucose-6-phosphatase in vitro da Svetol, un estratto verde decaffeinato standardizzato del caffè. Alimento chim. di J Agric. 14 aprile 2010; 58(7): 4141-4.
  47. Andrade-Cetto A, Vazquez RC. Inibizione di gluconeogenesi e una composizione fitochimica di due specie di cecropia. J Ethnopharmacol. 6 luglio 2010; 130(1): 93-7.
  48. Anderson RA, Cheng N, Na di Bryden, et al. assunzioni elevate di cromo supplementare migliora le variabili dell'insulina e del glucosio in individui con il diabete di tipo 2. Diabete. 1997 novembre; 46(11): 1786-91.
  49. Lamson DW, plaza MP. La sicurezza e l'efficacia di cromo ad alta dose. Altern Med Rev. 2002 giugno; 7(3): 218-35.
  50. Bahijri MP. Effetto del completamento del cromo su tolleranza al glucosio e sul profilo del lipido. Med J. 2000della saudita gennaio; 21(1): 45-50.
  51. Tsuneki H, Ishizuka m., Terasawa m., Wu JB, Sasaoka T, Kimura I. Effect di tè verde sui livelli della glicemia e sui modelli proteomic del siero in topi diabetici (db/db) e sul metabolismo del glucosio in esseri umani in buona salute. BMC Pharmacol. 26 agosto 2004; 4:18.
  52. Venables MC, Hulston CJ, Cox ora, Jeukendrup EA. Ingestione dell'estratto del tè verde, ossidazione grassa e tolleranza al glucosio in esseri umani in buona salute. J Clin Nutr. 2008; 87(3) 778-84.
  53. Deng ZY, Tao VICINO, et al. effetto di tè verde e tè nero su glicemia, su trigliceridi e sugli antiossidanti in ratti invecchiati. Alimento chim. di J Agricult. 1998 46(10):3875-78.
  54. Collins QF, Liu HY, pi J, et al. Epigallocatechin-3-gallate (EGCG), un polifenolo del tè verde, sopprime la gluconeogenesi epatica con 5' - chinasi proteica Amp-attivata. Biol chim. di J. 12 ottobre 2007; 282(41): 30143-9.
  55. Il cao H, Hininger-Favier I, Kelly mA, et al. l'estratto del polifenolo del tè verde regola l'espressione dei geni in questione nell'assorbimento del glucosio e la segnalazione dell'insulina nei ratti ha alimentato una dieta dell'isoglucosio. Alimento chim. di J Agric. 25 luglio 2007; 55(15): 6372-8.
  56. Ngondi JL, Etoundi BC, CB di Nyangono, Mbofung cm, Oben JE. IGOB131, un estratto novello del seme dell'irvingia gabonensis dell'Africa Occidentale della pianta, riduce significativamente il peso corporeo e migliora i parametri metabolici in esseri umani di peso eccessivo in una ricerca controllata placebo randomizzato della prova alla cieca. Salute DIS dei lipidi. 2 marzo 2009; 8: 7.
  57. Ngondi JL, Fossouo E, Djiotsa EJ, le variazioni di Oben J. Glycaemic dopo amministrazione dell'irvingia gabonensis semina le frazioni in ratti normoglycemic. Camma Trad di Afr J. 2006; 3:94-101.
  58. Adamson I, Okafor C, Abu-Bakare A. Un supplemento di Dikanut (gabonesis di Irvingia) migliora il trattamento di tipo diabetici di II. Med ad ovest di Afr J. 1990 aprile-giugno; 9(2): 108-15.
  59. Zhang Y, Lee ET, Cowan LD, Fabsitz RR, Howard BV. Consumo del caffè e l'incidenza di diabete di tipo 2 in uomini ed in donne con tolleranza al glucosio normale: Il forte studio del cuore. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2011 giugno; 21(6): 418-23.
  60. Johnston chilolitro, MN di Clifford, Morgan LM. Il caffè acutamente modifica la secrezione e la tolleranza al glucosio gastrointestinali dell'ormone in esseri umani: effetti glycemic di acido e di caffeina clorogenici. J Clin Nutr. 2003 ottobre; 78(4): 728-33.
  61. Analisi cinetica di Narita Y, di Inouye K. e meccanismo sull'inibizione di acido clorogenico e di sue componenti contro gli isozimi porcini dell'alfa amilasi del pancreas I ed II. Alimento chim. di J Agric. 14 ottobre 2009; 57(19): 9218-25.
  62. Tunnicliffe JM, Eller LK, RA di Reimer, Hittel DS, acido di J. Chlorogenic della tagliatrice differenziale colpisce il glucosio postprandiale e la risposta insulinotropic glucosio-dipendente del polipeptide in ratti. Appl Physiol Nutr Metab. 2011 ottobre; 36(5): 650-9.
  63. Loopstra-padroni RC, ANNUNCIO di Liese, Haffner MP, Wagenknecht LE, Hanley AJ. Le associazioni fra l'assunzione di caffè caffeinated e decaffeinato e le misure della sensibilità dell'insulina e di beta cellula funzionano. Diabetologia. 2011 febbraio; 54(2): 320-8.
  64. Shimoda H, Seki E, effetto inibitorio di Aitani M. dell'estratto verde del chicco di caffè su obesità grassa del corpo e di accumulazione in topi. Med di Altern del complemento di BMC. 17 marzo 2006; 6: 9.
  65. Bakuradze T, Boehm N, Janzowski C, et al. di caffè ricco d'antiossidante riduce il danno del DNA, eleva lo stato del glutatione e contribuisce a controllo del peso: risultati da uno studio di intervento. Mol Nutr Food Res. 2011 maggio; 55(5): 793-7.
  66. Effetto di Thom E. The di caffè arricchito acido clorogenico su assorbimento del glucosio in volontari sani ed il suo effetto sulla massa del corpo quando lungo termine usato in gente di peso eccessivo ed obesa. J Int Med Res. 2007;35(6):900-8.
  67. Onakpoya I, Terry R, uso di Ernst E. The dell'estratto verde del caffè come supplemento di perdita di peso: una rassegna e una meta-analisi sistematiche dei test clinici randomizzati. Ricerca Pract di Gastroenterol. 2011; 2011. pii: 382852.
  68. Disponibile a: http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs311/en/. Acceduto a il 24 aprile 2012.
  69. TB di Adams KF, di Schatzkin A, di Harris, et al. sovrappeso, obesità e mortalità in un grande gruppo futuro degli anni delle persone 50 - 71. Med di N Inghilterra J. 24 agosto 2006; 355(8): 763-78.
  70. Disponibile a: http://www.oecd.org/dataoecd/1/61/49716427.pdf. 24 aprile 2012 raggiunto
  71. Moriarty J, Branda m., Olsen Kerry, et al. Gli effetti dei costi incrementali di fumo e di obesità sulle spese sanitarie fra gli adulti: Uno studio longitudinale di sette anni. J Occup circonda il Med. 2012 marzo; 54(3): 286-91.
  72. Murase T, Misawa K, Minegishi Y, Aoki m., Ominami H, Suzuki Y, Shibuya Y, polifenoli di Hase T. Coffee sopprime dall'l'accumulazione indotta da dieta del grasso corporeo downregulating SREBP-1c e le molecole relative nei topi di C57BL/6J. J Physiol Endocrinol Metab. 2011 gennaio; 300(1): E122-33.
  73. Li SY, qualità di stampa di Chang, mA FY, CL di Yu. Gli effetti di modulazione di acido clorogenico sui lipidi e sul metabolismo del glucosio e l'espressione dell'ricevitore-alfa proliferatore-attivata peroxisome epatica in criceti dorati si sono alimentati la dieta ad alta percentuale di grassi. Biomed circonda Sci. 2009 aprile; 22(2): 122-9.
  74. Superko ora, junior di Bortz W, Williams pinta, Albers JJ, palladio di legno. Caffeinated ed effetti del caffè decaffeinato sul colesterolo della lipoproteina del plasma, sulle apolipoproteine e sull'attività della lipasi: una prova controllata e randomizzata. J Clin Nutr. 1991 settembre; 54(3): 599-605.
  75. Cho COME, Jeon MP, Kim MJ, Yeo J, Seo KI, ms di Choi, Lee Mk. L'acido clorogenico presenta la proprietà dell'anti-obesità e migliora il metabolismo dei lipidi in topi dieta-indurre-obesi ad alta percentuale di grassi. Alimento Chem Toxicol. 2010 marzo; 48(3): 937-43.
  76. Bidel S, Hu G, Sundvall J, Kaprio J, Tuomilehto J. Effects del consumo del caffè su tolleranza al glucosio, sul glucosio del siero e sui livelli dell'insulina: un'analisi trasversale. Ricerca di Horm Metab. 2006;38(1):38-43.