Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista febbraio 2013
Rapporto  

Il glucosio elevato aumenta l'incidenza di cancro al seno e di Brain Shrinkage

Da William Faloon, da Luke Huber, da ND e da Kira Schmid, ND
Un'analisi di 12 studi sui livelli del glucosio e sul rischio di cancro al seno
piatto delle olive verdi

Questa colonna rappresenta un riassunto dei risultati da 12 studi separati che valutano i livelli della glicemia ed il rischio di cancro al seno:

Studio #1: Muti P, Quattrin T, Grant BJB, et al. glucosio a digiuno è un fattore di rischio per cancro al seno: Uno studio prospettivo. Biomarcatori Prev di epidemiologia del Cancro. 2002;11(11):1361-8.

  • Fra 1987 e 1992, le 10.786 età delle donne 35-69 sono state reclutate in uno studio controllato caso futuro in Italia.
  • Ad assunzione, i campioni della glicemia a digiuno sono stati raccolti.
  • Dopo 5,5 anni, 144 casi del cancro al seno sono stati identificati fra i partecipanti del gruppo. Quattro comandi abbinati sono stati scelti per ogni caso del cancro al seno dai membri del gruppo che non ha sviluppato il cancro al seno durante il periodo di seguito.
  • In donne premenopausa, il glucosio è stato associato con il rischio di cancro al seno: l'età, l'indice di massa corporea ed il rischio relativo di regolato riproduttivo di variabile (RR) per il più alto quartile del glucosio del siero contro il più basso erano 2,8.
  • In donne premenopausa, quelli con una glicemia di >84 mg/dL hanno avuti aumento più di di 150% nell'incidenza del cancro al seno rispetto a quelle ai livelli più bassi.

La nota del redattore: Il glucosio a digiuno superiore a 84 mg/dL ha risultato dentro sopra un aumento di 150% nell'incidenza del cancro al seno rispetto a quelle ai livelli più bassi.

Studio #2: Livelli dell'insulina del visone PJ, di Shahar E, di Rosamond WD, et al. del siero e del glucosio ed incidenza del cancro al seno: Il rischio di aterosclerosi nello studio delle Comunità. J Epidemiol. 2002;156(4):349-52.

  • Gli autori hanno esaminato l'associazione dell'incidenza del cancro al seno con i livelli del siero di insulina ed il glucosio in un gruppo di 7.894 donne ha invecchiato 45-64 anni da quattro comunità degli Stati Uniti. I fattori antropometrici ed i livelli di digiuno di insulina e di glucosio sono stati misurati alla linea di base (1987-1989).
  • Su un periodo medio di seguito di 7,1 anni (1987-1995), 187 casi del cancro al seno sono stati accertati di.
  • Rispetto a quelli ad un glucosio a digiuno <100 il mg/dL, quelli con una glicemia di 100-125 mg/dL è stato associato con un rischio aumentato 23% di cancro al seno dopo analisi di più variabili.
  • Analisi di più variabili:
    • L'età, la corsa ed i rischi relativi di centro-regolato di cancro al seno erano 1,32 per i livelli di digiuno del glucosio di 100-125 mg/dL e 1,60 per le donne diabetiche in confronto al livello normale (<100 mg/dL).
    • Dopo adeguamento per l'età, la corsa ed il centro di studio il rischio relativo per l'associazione fra il diabete ed il cancro al seno ha fatto diminuire 1,60 - 1,48 dopo adeguamento supplementare per l'indice di massa corporea ed il rischio più ulteriormente è stato attenuato a 1,39.
    • Dopo gli adeguamenti per l'età, la corsa, il centro di studio, l'indice di massa corporea, l'età a menarca, l'età a menopausa, l'età al primo nato vivo, la storia della famiglia di cancro al seno in una madre o in una sorella, il numero delle sorelle, l'ingestione di alcol e gli pacchetto-anni di fumo del RR caduto a 1,23 nel gruppo della glicemia di 100-125 mg/dL.

La nota del redattore: Il glucosio a digiuno pari o al di sopra di 100 mg/dL è stato associato con un aumento di 23% nell'incidenza del cancro al seno rispetto a quelle ai livelli più bassi. Se la soglia fosse stata ridotta ai 86 mg/dL di sotto, la grandezza dell'aumento può essere molto maggior.

Studio #3: Sieri S, Muti P, Claudia A, et al. studio prospettivo sul ruolo del metabolismo del glucosio nell'avvenimento del cancro al seno. Cancro di Int J. 2011;130(4):921-9.

  • Uno studio di gruppo futuro di 10.633 donne dall'Italia (lo studio di ORDET) ha trovato le relazioni significative fra i livelli della glicemia ed il rischio di cancro al seno.
    •  Le donne con il più alto quartile del glucosio (mediana 96 mg/dL) hanno avute un rischio aumentato 63% per cancro al seno confrontato a quelli nel quartile più basso (mediana 73 mg/dL) dopo essere stato “completamente hanno registrato„ per ottenere le variabili multiple.
    • Le donne nell'più alto quartile di digiuno del glucosio del siero (mediana = 96 mg/dL) hanno avute un rischio significativamente maggior di cancro al seno che quelli nel quartile del glucosio più basso (mediana = 73 mg/dL). I risultati erano regolato per l'età, istruzione, l'età alla prima nascita, l'età a menarca, parità, storia della famiglia di cancro al seno, uso del contraccettivo orale, allattamento al seno, ingestione di alcol e fumare.

La nota del redattore: Una mediana di digiuno del glucosio di 96 mg/dL ha provocato l'aumento di 63% nell'incidenza del cancro al seno confrontata ad un glucosio a digiuno mediano di 73 mg/dL. Beneficio di manifestazioni di conservazione del glucosio alla gamma bassa “di normale„.

Studio #4: GASCROMATOGRAFIA di Kabat, Kim m., Caan BJ, et al. misure ripetute del glucosio del siero ed insulina relativamente a cancro al seno postmenopausale. Cancro .2009 di IntJ; 125:2704-10.

  • Studio longitudinale sul rischio di cancro al seno postmenopausale facendo uso del campione di 6% delle donne nella prova di iniziativa della salute delle donne di cui i campioni di sangue di digiuno forniti alla linea di base ed agli anni 1, 2 e 6 sono stati analizzati per glucosio ed insulina.
  • I livelli elevati medi del glucosio e dell'insulina del siero erano in casi del cancro al seno confrontati ai non casi alla linea di base ed agli anni 1 e 3, ma le differenze non erano statisticamente significative.
  • Sebbene ci sia piccolo a nessun'associazione fra glicemia ed il rischio di cancro al seno nella maggior parte dell'analisi dei dati, due aspetti dell'analisi hanno mostrato una relazione significativa:
    • In un'analisi “di tutte le misure disponibili (ma di esclusione delle misure effettuate entro 1 anno di diagnosi)„ c'era una relazione significativa quando esamina tutti i partecipanti. Rispetto ai partecipanti ad un glucosio di <89.5 mg/dL, quelli ai livelli del glucosio di 89.5-99.4 mg/dL hanno avuti 44% un rischio aumentato quelli di cancro al seno e con >99,5 mg/dL di aumento di 66% nel rischio di cancro al seno.
    • Le donne che erano utenti passati di terapia ormonale sostitutiva e che hanno mangiate una glicemia >di 89,5 hanno avute 3 volte il rischio di cancro al seno rispetto agli utenti passati di terapia ormonale sostitutiva ai livelli della glicemia <di 89,5. (Questo che trova indica che le droghe anche del artificiale---corpo dell'estrogeno e della progestina richiedono i livelli elevati del glucosio di indurre i tumori del seno)

La nota del redattore: Il glucosio a digiuno oltre 89,5 mg/dL ha avuto un aumento di 44% nell'incidenza del cancro al seno ed il glucosio a digiuno oltre 99,5 mg/dL ha avuto un rischio di cancro al seno aumentato 66% rispetto a quelli ai più bassi livelli di digiuno del glucosio.

Studio #5: Stattin P, Björ O, Ferrari P, et al. studio prospettivo del rischio di Cancro e di iperglicemia. Cura del diabete. 2007;30(3):561-7.

  • Il rischio relativo calcolato di cancro per glucosio a digiuno livella
  • Il glucosio e la posta di digiuno Examined caricano le concentrazioni nel glucosio per 33.293 donne e 31.304 uomini
  • Fra le donne, i rischi relativi di sviluppare il cancro (tutti i siti) sono stati aumentati statisticamente significativamente con le concentrazioni elevate nel glucosio del plasma con un rischio relativo di 1,26 e di 1,31 per la cima contro il quartile inferiore del glucosio del postload e di digiuno, rispettivamente.
  • Fra gli anni delle donne <49, il rischio relativo (RR) di cancro al seno di sviluppo è stato aumentato con glucosio a digiuno (RR 2,13), per la cima contro il fondo quartile.*
    • i punti del *Cut per i quartili di digiuno del glucosio non sono stati forniti nel testo integrale
  • Conclusione: “L'associazione dell'iperglicemia con il rischio di cancro totale in donne ed in uomini, indipendente dall'obesità, fornisce ulteriore prova per un'associazione fra il metabolismo del glucosio ed il cancro anormali.„

La nota del redattore: Il minorenne 49 delle donne con glucosio a digiuno superiore 113% più probabilmente per contrarre il cancro al seno ha paragonato a quelli ai più bassi livelli.

Studio #6: Bjorge T, Lukanova A, Jonsson H, et al. la sindrome ed il cancro al seno metabolici in Me-possono (sindrome e cancro metabolici) proiettare. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2010;19:1737-45.

  • Ha esaminato l'associazione fra i fattori di sindrome ed il rischio metabolici di incidenza e di mortalità del cancro al seno.
  • I dati su 288.834 (l'Austria, la Norvegia, la Svezia) donne europee iscritte durante il 1974-2005 sono stati esaminati. Il rischio relativo di cancro al seno è stato stimato per BMI, pressione sanguigna, i livelli del glucosio, il colesterolo ed i trigliceridi.
  • Lo stato degli autori:Malgrado l'associazione inversa della maggior parte delle componenti di Mets con cancro al seno prima dell'età 50, glucosio è stato associato positivamente con il rischio. In donne sopra l'età 60, la pressione sanguigna ed il glucosio erano associati a un aumentato rischio della mortalità del cancro al seno.„

La nota del redattore: Le donne sopra l'età 60 con glucosio superiore e pressione sanguigna erano più probabili morire da cancro al seno.

Studio #7: Garmendia ml, Pereira A, Alvarado ME, et al. relazione fra insulino-resistenza e cancro al seno fra le donne cilene. Ann Epidemiol. 2007;17(6):403-9.

  • 171 pre ed età cilene in post-menopausa delle donne 33-86.
  • L'insulino-resistenza è stato associato indipendente con cancro al seno in donne postmenopausali, ma non in donne premenopausa.
  • Fra tutte le donne, c'erano probabilità leggermente aumentate di cancro al seno con il livello elevato del glucosio del plasma.

La nota del redattore: Le donne postmenopausali con insulino-resistenza erano 170% più probabili contrarre il cancro al seno che quelli senza insulino-resistenza.

Studio #8: Rischio di Rapp K, di Schroeder J, di Klenk J, et al. della glicemia a digiuno e di cancro in un gruppo di più di 140.000 adulti in Austria. Diabetologia. 2006;49(5):945-52.

  • Ricerca fra glicemia a digiuno e l'incidenza di cancro. Un gruppo basato sulla popolazione di più di 140.000 adulti austriaci (63.585 uomini, 77.228 donne) è stato seguito sopra una media di 8,4 anni.
  • Non hanno trovato aumento nel rischio per cancro al seno finché la glicemia non fosse >di 126 mg/dL.

La nota del redattore: L'incidenza del cancro al seno non è aumentato finché il glucosio a digiuno raggiunto recentemente non definisse i livelli diabetici oltre di 126 mg/dL.

Studio #9: Manjer J, Kaaks R, Riboli E, et al. rischio di cancro al seno relativamente ad antropometria, pressione sanguigna, lipidi del sangue e metabolismo del glucosio: uno studio prospettivo all'interno del progetto di preventivo di Malmö. Cancro Prev di EUR J. 2001;10(1):33-42.

  • Ha studiato la relazione fra cancro al seno e l'obesità, ipertensione, dislipidemia e livelli del glucosio.
  • Glucosio a digiuno delle donne premenopausa e rischio relativo (RR) di cancro al seno dai quartili:
    • <79 mg/dL, RR 1,0
    • >79 - 85 mg/dL, RR 1,10
    • >85 – 90 mg/dL, RR 1,24
    • >90 mg/dL, RR 1,03
  • Nessuna differenza significativa nel rischio di cancro al seno è stata trovata per le donne dai quartili differenti dell'indice di massa corporea, della pressione sanguigna, dei trigliceridi di siero o dei livelli della glicemia.

La nota del redattore: Incidenza del cancro al seno relativamente inalterata da glucosio principalmente all'interno delle gamme normali.

Studio # 10: Jee SH, Ohrr H, Sull JW, et al. livello del glucosio del siero e rischio di cancro di digiuno in uomini ed in donne coreani. JAMA. 2005; 293(2): 194-202.

  • Ha esaminato la relazione fra il glucosio del siero ed il diabete a digiuno ed il rischio di tutti i cancri e di cancri specifici negli uomini ed in donne in Corea. Le misure principali di risultato erano morte da cancro e dal cancro registrazione-documentato di incidente o ricovero ospedaliero per cancro.
  • Uno studio di gruppo futuro di dieci anni di 1.298.385 Coreani (829.770 uomini e 468.615 donne) ha invecchiato 30 - 95 anni.
  • Il più alto glucosio a digiuno del siero (>140 mg/dL) ha avuto più alti tassi di mortalità da tutti i cancri combinati rispetto allo strato con il più a basso livello (<90 mg/dL).
  • Dal sito del cancro, l'associazione era più forte per cancro del pancreas, confrontando gli più alti e strati più bassi negli uomini ed in donne.
  • Le associazioni significative inoltre sono state trovate per i cancri dell'esofago, del fegato e del retto dei due punti negli uomini e del fegato e della cervice in donne e c'erano tendenze significative con il livello del glucosio per i cancri dell'esofago, del colon/retto, del fegato, del pancreas e del dotto biliare negli uomini e del fegato e del pancreas in donne.
    • Il tasso di mortalità adeguato all'età per 100.000 donne dovuto cancro al seno dal livello di digiuno in donne coreane, 1993-2002 del glucosio del siero è descritto qui sotto.
    • Glicemia <90 mg/dL, tasso di mortalità 6 per 100.000
    • Glicemia 90-109 mg/dL, tasso di mortalità 7,5 per 100.000
    • Glicemia 110-125 mg/dL, tasso di mortalità 5,2 per 100.000
    • Glicemia 126->140 mg/dL, tasso di mortalità 6,1 per 100.000
    Il tasso di incidenza adeguato all'età di cancro al seno per 100.000 donne nella relazione ai livelli della glicemia (1993-2002) è descritto qui sotto.
    • Glicemia <90 mg/dL, tasso di incidenza 60,2 per 100.000,
    • Glicemia 90-109 mg/dL, tasso di incidenza 63,8 per 100.000.
    • Glicemia 110-125 mg/dL, tasso di incidenza 68,7 per 100.000
    • Glicemia 126-139 mg/dL, tasso di incidenza 65,2 per 100.000
    • Glicemia >140 mg/dL, tasso di incidenza 55,4 per 100.000

La nota del redattore: Incidenza del cancro al seno inalterata da glucosio all'interno delle gamme normali. Il tasso riduttore del cancro al seno in donne nell'più alta categoria del glucosio può essere perché le donne diabetiche stavano prendendo la metformina, che è conosciuta per ridurre i tassi del cancro al seno da 25% in una meta-analisi recente una volta usata in 3 anni.25

Studio #11: Lawlor DA, Smith GD e Ebrahim S. Hyperinsulinaemia e rischio aumentato di cancro al seno: i risultati dal cuore e dalla salute delle donne britanniche studiano. Il Cancro causa il controllo. 2004;15(3):267-75.

  • Obiettivo: per valutare l'associazione fra i livelli dell'insulina ed il cancro al seno di digiuno.
  • Partecipanti: 3.868 donne di 60-79 anni.
  • C'era una tendenza verso un livello elevato della glicemia a digiuno in donne con cancro al seno (109,73 mg/dL) contro quelle senza cancro al seno (106,13 mg/dL).
  • Lo stato degli autori nella discussione: “… sebbene alcune stime fossero imprecise, il glucosio a digiuno, il punteggio di HOMA [una misura di insulino-resistenza], il diabete e la glicosuria gestazionale o il diabete inoltre sono stati associati positivamente con il rischio di cancro al seno, suggerente quell'esposizione precedente ai livelli elevati di circolazione dell'insulina come pure l'esposizione contemporanea, è collegata con il rischio aumentato di cancro al seno. C'era un'associazione lineare positiva attraverso la distribuzione di insulina e del diabete a digiuno con cancro al seno.„

La nota del redattore: L'incidenza del cancro al seno è aumentato con controllo glycemic difficile, possibilmente alti livelli di insulina e della sindrome di insulino-resistenza.

Studio #12: Osaki Y, Taniguchi S, Tahara A, et al. sindrome ed incidenza metaboliche di fegato e di cancri al seno nel Giappone. Cancro Epidemiol. 2012;36(2):141-7.

  • Ha valutato la relazione fra la presenza di sindrome metabolica e l'incidenza di cancro nella popolazione giapponese generale. Ciò era uno studio di gruppo retrospettivo fra 8.329 maschi e 15.386 femmine fra 1992 e 2000.
  • Un livello elevato del glucosio, piuttosto che la sindrome metabolica, era il fattore associato sopraelevazione ferroviaria del fi di signi per lo sviluppo globale del cancro del fegato e del cancro, mentre la sindrome metabolica era un fattore associato sopraelevazione ferroviaria del fi di signi per cancro al seno, anche dopo registrare per ottenere altre componenti.
  • Il cancro al seno non è stato associato con i livelli elevati del glucosio.

La nota del redattore: Lo studio ha trovato il più alto cancro al seno in donne con la sindrome metabolica, più alta incidenza globale del cancro connessa con glucosio a digiuno superiore, ma incidenza più bassa del cancro al seno connessa con glucosio superiore, possibilmente indicativo del cancro al seno che impedisce gli effetti di metformina prescritti a quelli con il più alto glucosio a digiuno.

Riferimenti

  1. Disponibile a: http://www.womenshealthresearch.org/site/News2?page=NewsArticle&id=5361&news_iv_ctrl=0&abbr=press_. 4 ottobre 2012 raggiunto.
  2. Availbale a: http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/2009/11/16/AR2009111602822.html. 4 ottobre 2012 raggiunto.
  3. DB di Kopans. Appena i fatti: la mammografia conserva le vite con piccolo se tutto il rischio di radiazione al seno maturo. Salute Phys. 2011;101(5):578-82.
  4. 4. Il Nelson HD, Tyne K, Kaik A, et al. schermante per il cancro al seno: un aggiornamento per l'unità operativa di servizi preventivi degli Stati Uniti. Ann Intern Med. 2009; 151(10): 727-37, W237-42.
  5. Disponibile a: http://www.cdc.gov/cancer/breast/statistics/. 4 ottobre 2012 raggiunto.
  6. Disponibile a: http://www.cancer.org/Cancer/BreastCancer/DetailedGuide/breast-cancer-key-statistics. 4 ottobre 2012 raggiunto.
  7. Muti P, Quattrin T, Grant BJB, et al. glucosio a digiuno è un fattore di rischio per cancro al seno: Uno studio prospettivo. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2002;11(11):1361-8.
  8. Livelli dell'insulina del visone PJ, di Shahar E, di Rosamond WD, et al. del siero e del glucosio ed incidenza del cancro al seno: Il rischio di aterosclerosi nello studio delle Comunità. J Epidemiol. 2002;156(4):349-52.
  9. Sieri S, Muti P, Claudia A, et al. studio prospettivo sul ruolo del metabolismo del glucosio nell'avvenimento del cancro al seno. Cancro di Int J. 2011;130(4):921-9.
  10. GASCROMATOGRAFIA di Kabat, Kim m., Caan BJ, et al. misure ripetute del glucosio del siero ed insulina relativamente a cancro al seno postmenopausale. Int. J. Cancro: 2009;125:2704–10.
  11. Stattin P, Björ O, Ferrari P, et al. studio prospettivo del rischio di cancro e di iperglicemia. Cura del diabete. 2007;30(3):561-7.
  12. Liao S, Li J, Wei W, et al. associazione fra il diabete mellito e rischio di cancro al seno: una meta-analisi della letteratura. Cancro asiatico Prev del Pac J. 2011;12(4):1061-5.
  13. Sc di Larsson, CS di Mantzuros, diabete mellito di Wolk A. e rischio di cancro al seno: Una meta-analisi. Cancro di Int J. 2007;121(4):856-62.
  14. KB di Xue F e di Michels. Diabete, sindrome metabolica e cancro al seno: una rassegna della prova corrente. J Clin Nutr. 2007; 86(4): s823-35.
  15. CE di Gezgen G, del triotto, Kizilarslanoglu MC, et al. sindrome e cancro al seno metabolici: una panoramica. J BUON. 2012; 17(2): 223-9.
  16. DP di Vona-Davis L, di Howard-McNatt m. e di Rosa. Adiposità, diabete di tipo 2 e la sindrome metabolica nel cancro al seno. Rev. di Obes. 2007;8(5):395-408.
  17. Bjorge T, Lukanova A, Jonsson H, et al. la sindrome ed il cancro al seno metabolici in Me-possono (sindrome e cancro metabolici) proiettare. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2010;19:1737-45.
  18. Garmendia ml, Pereira A, Alvarado ME, et al. relazione fra insulino-resistenza e cancro al seno fra le donne cilene. Ann Epidemiol. 2007;17(6):403-9.
  19. Rischio di Rapp K, di Schroeder J, di Klenk J, et al. della glicemia a digiuno e di cancro in un gruppo di più di 140.000 adulti in Austria. Diabetologia. 2006;49(5):945-52.
  20. Manjer J, Kaaks R, Riboli E, et al. rischio di cancro al seno relativamente ad antropometria, pressione sanguigna, lipidi del sangue e metabolismo del glucosio: uno studio prospettivo all'interno del progetto di preventivo di Malmö. Cancro Prev di EUR J. 2001;10(1):33-42.
  21. Jee SH, Ohrr H, Sull JW, et al. livello del glucosio del siero e rischio di cancro di digiuno in uomini ed in donne coreani. JAMA. 2005; 293(2): 194-202.
  22. Lawlor DA, Smith GD e Ebrahim S. Hyperinsulinaemia e rischio aumentato di cancro al seno: i risultati dal cuore e dalla salute delle donne britanniche studiano. Il Cancro causa il controllo. 2004;15(3):267-75.
  23. Osaki Y, Taniguchi S, Tahara A, et al. sindrome ed incidenza metaboliche di fegato e di cancri al seno nel Giappone. Cancro Epidemiol. 2012;36(2):141-7.
  24. Disponibile a: http://www.cbsnews.com/8301-18560_162-57407294/is-sugar-toxic/?tag=contentMain;contentBody. 4 ottobre 2012 raggiunto.
  25. Rischio del passo N-F, di Ochs L, di Springmann V, et al. della metformina e di cancro al seno: una meta-analisi e una revisione bibliografica critica. Ossequio di ricerca del cancro al seno. 2012 ottobre; 135(3): 639-46. Epub 2012 31 luglio.
  26. Nichols GA, TUM più collinosi, Brown JB. Glucosio a digiuno normale del plasma e rischio di diagnosi del diabete di tipo 2. Med di J. 2008 giugno; 121(6): 519-24.
  27. JV di Bjørnholt, Erikssen G, Aaser E, et al. glicemia a digiuno: un fattore di rischio sottovalutato per la morte cardiovascolare. Risultati da seguito di 22 anni degli uomini nondiabetic in buona salute. Cura del diabete. 1999 gennaio; 22(1): 45-9.
  28. Batty GD, Kivimäki m., Smith GD, marmotta MG, Shipley MJ. tassi di mortalità di concentrazione e del colpo nella glicemia di Post-sfida in uomini non-diabetico a Londra: seguito 38-year dello studio di gruppo futuro originale di Whitehall. Diabetologia. 2008 luglio; 51:1123-6.
  29. Bardini G, Dicembrini I, Cresci B, Rotella cm. Indicatori di infiammazione e caratteristiche metaboliche degli oggetti con i livelli di un'ora del glucosio del plasma. Cura del diabete. 2010 febbraio; 33(2): 411-3.
  30. Stattin P, Bjor O, Ferrari P, et al. studio prospettivo del rischio di cancro e di iperglicemia. Cura del diabete. 2007 marzo; 30(3): 561-7.
  31. Tolleranza al glucosio e malattia cardiovascolare di Ceriello A. Impaired: il ruolo possibile dell'iperglicemia postprandiale. Cuore J. 2004 di maggio; 147(5): 803-7.
  32. JUNIOR di unico nato, Smith AG, Bromberg, MB. Prevalenza aumentata di tolleranza al glucosio alterata in pazienti con neuropatia sensoriale dolorosa. Cura del diabete. 2001;24(8)1448-53.
  33. Beckley ET. Sessioni scientifiche del ADA: retinopatia trovata in pre-diabete. Documento News. 2005 agosto; 2(8): 1-10.
  34. ST di Polhill, Saad S, Poronnik SSP, Fulcher GR, Pollock CA. I picchi a breve termine in glucosio promuovono il fibrogenesis renale indipendentemente dall'esposizione totale del glucosio. J Physiol Physiol renale. 2004 agosto; 287(2): F268-73.
  35. Filtri WH, Cedres libbra, Liu K, et al. le relazioni del diabete clinico e la iperglicemia sintomatica al rischio di mortalità della coronaropatia negli uomini ed in donne. J Epidemiol. 1986 marzo; 123(3): 504-16.
  36. EL di Barrett-Connor, SEDERE di Cohn, Wingard DL, Edelstein SL. Perché è il diabete mellito un più forte fattore di rischio per la malattia cardiaca ischemica mortale in donne che negli uomini? Rancho Bernardo Study. JAMA.1991 6 febbraio; 265(5): 627-31.
  37. Relazione di Coutinho m., di Gerstein H, di Poque J, di Wang Y, di Yusuf S. The fra glucosio ed eventi cardiovascolari di incidente: un'analisi di metaregression dei dati pubblicati da 20 studi di 95.783 individui è seguito per 12,4 anni. Cura del diabete. 1999 febbraio; 22(2): 233-40.
  38. Wilson PWF, LA di Cupples, WB di Kannel. La iperglicemia è associata con la malattia cardiovascolare? Lo studio di Framingham. Cuore J. 1991di febbraio; 121 (2 pinte 1): 586-90.
  39. de Vegt F, Dekker JM, HG di Ruhe, et al. iperglicemia è associato con la mortalità per tutte le cause e cardiovascolare nella popolazione di Hoorn: lo studio di Hoorn. Diabetologia. 1999 agosto; 42(8): 926-31.
  40. 40. DECODIFICHI il gruppo di studio 2001, il gruppo europeo dell'epidemiologia del diabete. Tolleranza al glucosio e mortalità cardiovascolare: confronto del digiuno e dei criteri diagnostici di due ore. Med dell'interno dell'arco. 12 febbraio 2001; 161(3): 397-404.
  41. Saydah SH, Miret m., cantato J, Varas C, Gause D, Brancati FL. iperglicemia e mortalità di Post-sfida in un campione nazionale degli adulti degli Stati Uniti. Cura del diabete. 2001 agosto; 24(8): 1397-402.
  42. Matsuzaki T, Sasaki K, Tanizaki Y, et al. insulino-resistenza è associato con la patologia del morbo di Aalzheimer: lo studio di Hisayama. Neurologia. 31 agosto 2010; 75(9): 764-70.
  43. Kato m., Noda m., Suga H, et al. glucosio a digiuno del plasma ed incidenza dell'diabete-implicazione per la soglia per glucosio a digiuno alterato: risultati dallo studio di gruppo basato sulla popolazione di Omiya mA. J Atheroscler Thromb. 2009;16(6):857-61.
  44. Yamagata H, Kiyohara Y, Nakamura S, et al. impatto del glucosio a digiuno del plasma livella sull'incidenza gastrica del cancro in una popolazione giapponese generale: lo studio di Hisayama. Cura del diabete. 2005;28(4):789-94.
  45. Gerstein HC, Pais P, Pogue J, et al. la relazione tra glucosio e l'insulina livella e il rischio di infarto miocardico: uno studio di caso-control. J Coll Cardiol. 1999;33(3):612-9.
  46. Pereg D, Elis A, Neuman Y, et al. rischio cardiovascolare in pazienti con glicemia a digiuno livella all'interno di gamma normale. J Cardiol. 2010;106(11):1602-5.
  47. Cherbuin N, Sachdev P, Anstey kJ. Il glucosio a digiuno normale superiore del plasma è associato con atrofia hippocampal: Lo studio del PERCORSO. Neurologia. 4 settembre 2012; 79(10): 1019-26.
  48. Disponibile a: http://www.webmd.com/brain/news/20120904/normal-blood-sugar-levels-may-harm-brain. 4 ottobre 2012 raggiunto.
  49. Cyrus AR, struttura AJ, di Parikshak N, et al. del cervello noiosa ed obesità. Essere umano Brain Mapp. 2010;31(3):353-364.
  50. Heilbronn LK, de Jonge L, Frisard MI, et al. effetto della restrizione di 6 mesi di caloria sui biomarcatori della longevità, adattamento metabolico e sforzo ossidativo in individui di peso eccessivo: uno studio controllato randomizzato. JAMA. 2006; 295(13): 1539-48.
  51. Malandrucco I, Pasqualetti P, Giordani I, et al. dieta di Molto-basso-caloria: uno strumento terapeutico rapido per migliorare funzione delle cellule del β in pazienti morboso più obest con il diabete di tipo 2. J Clin Nutr. 2012;95(3):609-13.
  52. Disponibile a: http://www.lef.org/magazine/mag2001/dec2001_cover_spindler_01.html. 4 ottobre 2012 raggiunto.
  53. Disponibile a: glucosio di restrizione di http://www.lef.org/magazine/mag2011/jan2011_Glucose-The-Silent-Killer_01.htm?source=search&key=calorie. 4 ottobre 2012 raggiunto.
  54. Disponibile a: http://www.lef.org/magazine/mag95/95jun1.htm?. 4 ottobre 2012 raggiunto.
  55. Hundal RS, Se di Inzucchi. Metformina: nuove comprensioni, nuovi usi. Droghe. 2003;63(18):1879-94.
  56. Nagendran sistemi MV. Effetto dell'estratto verde del chicco di caffè (GCE), su in acidi clorogenici, sul metabolismo del glucosio. Numero di presentazione del manifesto: 45-LB-P. Obesità 2011, la ventinovesima riunione scientifica annuale della società di obesità. Orlando, Florida. Dal 1-5 ottobre 2011.
  57. Anderson RA. Cromo nella prevenzione e nel controllo di diabete. Diabete Metab. 2000;26(1):22-7.
  58. Kamenova P. Improvement della sensibilità dell'insulina in pazienti con il diabete di tipo 2 mellito dopo la somministrazione orale di acido alfa-lipoico. Ormoni (Atene). 2006;5(4):251-8.
  59. Venables MC, Hulston CJ, Cox ora, Jeukendrup EA. Ingestione dell'estratto del tè verde, ossidazione grassa e tolleranza al glucosio in esseri umani in buona salute. J Clin Nutr. 2008 marzo; 87(3): 778-84.
  60. 60. Hininger-Favier I, Benaraba R, baie S, Anderson RA, Roussel. L'estratto del tè verde fa diminuire lo sforzo ossidativo e migliora la sensibilità dell'insulina in un modello animale di insulino-resistenza, il ratto di fruttosio-federazione. J Coll Nutr. 2009 agosto; 28(4): 355-61.
  61. Il Ramadan G, EL-Beih nanometro, Abd El-Ghffar ea. Effetti di Modulatory dell'estratto acquoso del tè verde nero del V. su disfunzione di iperglicemia, di iperlipidemia e del fegato nei modelli diabetici ed obesi del ratto. Br J Nutr. 2009 dicembre; 102(11): 1611-9.
  62. Qin B, Polansky millimetro, Harry D, Anderson RA. I polifenoli del tè verde migliorano il muscolo cardiaco mRNA ed i livelli della proteina di vie del segnale relative ad insulina ed al metabolismo dei lipidi e di infiammazione in ratti insulina-resistenti. Mol Nutr Food Res. 2010 maggio; 54 supplementi 1: S14-23.
  63. Roghani m., Baluchnejadmojarad T. Hypoglycemic ed attività antiossidante ipolipidica e di effetto di epigallocatechin-gallato cronico in ratti streptozotocin-diabetici. Patofisiologia. 2010 febbraio; 17(1): 55-9.
  64. Medina MC, Souza LC, massa della cellula beta di aumenti di Caperuto LC, et al. del deidroepiandrosterone e migliora dalla la secrezione indotta da glucosio dell'insulina dagli isolotti pancreatici dai ratti invecchiati. FEBS Lett. 9 gennaio 2006; 580(1): 285-90.
  65. Dhatariya K, Bigelow ml, Nair KS. Effetto della sostituzione del deidroepiandrosterone sulla sensibilità dell'insulina e dei lipidi nelle donne di hypoadrenal. Diabete. 2005 marzo; 54(3): 765-9.
  66. Zhang Y, Lee ET, Cowan LD, Fabsitz RR, Howard BV. Consumo del caffè e l'incidenza di diabete di tipo 2 in uomini ed in donne con tolleranza al glucosio normale: Il forte studio del cuore. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2011 giugno; 21(6): 418-23.
  67. Disponibile a: http://diabetes.niddk.nih.gov/dm/pubs/stroke/#connection. 4 ottobre 2012 raggiunto.
  68. Ott A, Stoil RP, van Harskamp F, et al. diabete mellito ed il rischio di demenza. Neurologia. 1999;53(9):1937.
  69. Volkers N. Diabetes e cancro: Ricerca degli scienziati di un collegamento possibile. Cancro nazionale Inst di J. 2000;92(3):192-94.
  70. Walford RL, SB di Harris, Gunion Mw. La dieta sostanza-densa a bassa percentuale di grassi calorico limitata nella biosfera 2 abbassa significativamente la glicemia, il conteggio totale del leucocita, il colesterolo e la pressione sanguigna in esseri umani. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 1992; 89(23): 11533-7.
  71. Kikuchi S, Shinpo K, Takeuchi m., et al. tempter dolce di Glycation-a per la morte di un neurone. Brain Res Brain Res Rev. 2003 marzo; 41 (2-3): 306-23.
  72. Il EL-Assaad W, Buteau J, Peyot ml, et al. acidi grassi insaturi potenzia con glucosio elevato per causare la morte di cellula beta pancreatica. Endocrinologia. 2003 settembre; 144(9): 4154-63.
  73. Maedler K, Spinas GA, Lehmann R, et al. glucosio induce Fas gli apoptosi della cellula beta via il ulation del upreg- del ricevitore in isolotti umani. Diabete. 2001 agosto; 50(8): 1683-90.
  74. Aso Y, Inukai T, Tayama K, concentrazioni di Takemura Y. Serum dei prodotti finiti avanzati di glycation è associato con lo sviluppo ment di aterosclerosi come pure di microangiopathy diabetico in pazienti con tipo - 2 betes del diametro. Acta Diabetol. 2000;37(2):87-92.
  75. Levi B, Werman MJ. Il sumption a lungo termine di raggiro del fruttosio accelera il glycation e parecchie variabili relative all'età in ratti maschii. J Nutr. 1998 settembre; 128(9): 1442-9.
  76. Prodotti finiti ed aterosclerosi di glycation di Vlassara H. Advanced. Ann Med. 1996 ottobre; 28(5): 419-26. 28.
  77. Uribarri J, Cai W, Sandu O, Peppa m., Goldberg T, prodotti finiti avanzati di glycation Dieta-derivati H. di Vlassara è contributori importanti allo stagno dell'ETÀ del corpo ed induce l'infiammazione negli individui sani. Ann N Y Acad Sci. 2005 giugno; 1043:461-6
  78. Esposito K, Nappo F, Marfella R, concentrazioni infiammatorie di citochina di m. et al. acutamente è aumentato dall'iperglicemia in esseri umani: ruolo dello sforzo ossidativo. Circolazione. 15 ottobre 2002; 106(16):2067-2072.
  79. Quagliaro L, Piconi L, Assaloni R, Martinelli L, Motz E, alto glucosio di Ceriello A. Intermittent migliora gli apoptosi relativi allo sforzo ossidativo in cellule endoteliali umane della vena ombelicale: il ruolo dell'attivazione della chinasi proteica C e dell'H-ossidasi di NAD (P). Diabete. 2003 novembre; 52(11): 2795-804.
  80. Bansilal S, Farkouh ME, Fuster V. Role di insulino-resistenza e dell'iperglicemia nello sviluppo di aterosclerosi. J Cardiol. 19 febbraio 2007; 99 (4A): 6B-14B.
  81. Ms di Johnson RJ, di Segal, Sautin Y, et al. ruolo potenziale di zucchero (fruttosio) nell'epidemia di ipertensione, obesità e la sindrome, il diabete, la malattia renale e la malattia cardiovascolare metabolici. J Clin Nutr. 2007 ottobre; 86(4): 899-906.
  82. Teno S, Uto Y, Nagashima H, et al. associazione di ipertrigliceridemia postprandiale e spessore carotico di intima-media in pazienti con il diabete di tipo 2. Cura del diabete. 2000 settembre; 23(9): 1401-6.
  83. Il relè di Lin, Reis ED, Dore A, et al. abbassamento dei prodotti finiti avanzati dietetici di glycation (ETÀ) riduce la formazione neointimale dopo la lesione arteriosa geneticamente nei topi terolemic del hypercholes-. Aterosclerosi. 2002 agosto; 163(2): 303-11.
  84. Prodotti finiti di glycation di Basta G, di Schmidt, del De Caterina R. Advanced ed infiammazione vascolare: implicazioni per aterosclerosi accelerata in diabete. Ricerca di Cardiovasc. 1° settembre 2004; 63(4): 582-92.
  85. Toma L, CS di Stancu, GM di Botez, Sima avoirdupois, Simionescu M. Irreversibly LDL glicato induce lo stato ossidativo ed infiammatorio in cellule endoteliali umane; effetto aggiunto di alto glucosio. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 18 dicembre 2009; 390(3): 877-82.
  86. Bonnefont-Rousselot D. Glucose e specie reattive dell'ossigeno. Cura di Curr Opin Clin Nutr Metab. 2002 settembre; 5(5): 561-8.
  87. Marfella R, Quagliaro L, Nappo F, Ceriello A, iperglicemia di Giugliano D. Acute induce uno sforzo ossidativo negli individui sani. J Clin investe. 2001 agosto; 108(4):635-6.
  88. Ceriello A. Hyperglycaemia: il ponte fra il glycation non enzimatico e lo sforzo ossidativo nella patogenesi delle complicazioni diabetiche. Diabete Nutr Metab. 1999 febbraio; 12(1): 42-6.
  89. Hirsch IB, Brownlee M. Dovrebbe la variabilità minima della glicemia trasformarsi nella parità aurea di controllo glycemic? Complicazioni del diabete di J. 2005 maggio-giugno; 19(3): 178-81.
  90. Ceriello A, Motz E. È lo sforzo ossidativo l'insulino-resistenza di fondo, il diabete e la malattia cardiovascolare del meccanismo patogeno? L'ipotesi comune del suolo rivisitata. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2004 maggio; 24(5): 816-23.
  91. Shaye K, Amir T, Sholmo S, et al. livelli di digiuno del glucosio all'interno di alta gamma normale predice il risultato cardiovascolare. Cuore J. 2012di; 164(1): 111-6.