Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista gennaio 2013
Come lo vediamo

State cucinando alla morte?

Da William Faloon

La produzione infiammatoria di citochina può essere soppressa con il completamento adeguato dell'olio di pesce, del boswellia 141-148curcumina, 149-152, di 153-156 DHEA, di 157.158 vitamine K159-161 e di altre sostanze nutrienti. Prendendo i punti a grasso addominale della tettoia e riducono la glicemia è del beneficio enorme nell'abbassamento della produzione delle citochine pro-infiammatorie nel corpo.162

Che cosa si mangia i giochi un ruolo principale nei processi infiammatori cronici. Il consumo degli alimenti glycemic bassi riduce l'impulso dell'insulina che contribuisce ai processi infiammatori cronici.

C'è prova coercitiva che mangiare troppo alimento cotto troppo causa un aumento in citochine infiammatorie. Dalla maggior parte dei alimenti “del ciarpame„ sono cucinati estremamente alle temperature elevate, ha significato evitare le patate fritte, gli hamburger, le patatine fritte, alimento fritto ed altro fa un spuntino. Questi alimenti non solo contengono i lotti dei glycotoxins, ma inoltre creano altri disordini metabolici che possono indurre la malattia degenerante.

Consumando almeno 1.000 mg un il giorno del carnosine,163.164 con il benfotiamine (50-500 mg/giorno),32.165 e pyridoxal-5-phosphate (100-200 mg/giorno)32.165 possono inibire le reazioni patologiche di glycation nel corpo.

La prevenzione degli alimenti cucinati a temperatura elevata non solo riduce i processi patologici di glycation, ma inoltre impedisce la formazione di tossine gene-subenti una mutazione che sono agenti cancerogeni conosciuti.

Quando l'alimento è cucinato alle temperature elevate, le tossine si formano che subiscono una mutazione i geni regolatori 9.166.167 chedelle cellule il risultato tragico sono rischio di cancro aumentato. Questo avvertimento è stato comunicato per molti anni ai lettori di questa pubblicazione.

Con prova in modo schiacciante che l'alimento surriscaldato è associato con l'invecchiamento accelerato ed il cancro, gli individui coscienti di salute hanno un incentivo ancora maggior per prestare attenzione a come preparano il loro alimento. L'omissione di rispettare questi avvertimenti indurrà invariabilmente la maggior parte degli esseri umani di invecchiamento “a cucinarsi alla morte."

Medici della corrente principale dovrebbero consigliare i pazienti sui modi più sicuri preparare il loro alimento, ma questo messaggio ancora non sta uscendo, malgrado il nostro avvertimento quasi dieci anni fa.

Come membro del ® del fondamentodel prolungamento della vita, imparate circa i metodi documentati di riduzione del rischio di malattia molto prima di grande pubblico.

Il momento di immagazzinare su sui supplementi di salvataggio

Una volta all'anno, scontiamo tutte le nostre formule avanzate in moda da potere immagazzinare i membri su ai prezzi supplemento-bassi. Speriamo che approfittiate della vendita eccellente di quest'anno per ottenere i supplementi del premio-grado per proteggere oggi la vostra salute, mentre contribuisca a sostenere la ricerca biomedica che può condurre alle estensioni senza precedenti delle nostre durate sane.

Per vita più lunga,
immagine
William Faloon

Riferimenti

1. Assunzione di Belin RJ, della Groenlandia P, di Martin L, et al. del pesce ed il rischio di infarto di incidente: l'iniziativa della salute delle donne. Circ Heart Fail. 2011 luglio; 4(4): 404-13.

2. Mozaffarian D, Gottdiener JS, Siscovick DS. Assunzione del tonno o pesce cotto alla griglia o al forno altro contro il pesce fritto e struttura, funzione ed emodinamica cardiache. J Cardiol. 15 gennaio 2006; 97(2): 216-22.

3. Vlassara H, Cai W, Crandall J, et al. mediatori infiammatori è indotto dai glycotoxins dietetici, un fattore di rischio importante per angiopatia diabetica. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 26 novembre 2002; 99(24): 15596-601.

4. CA di Deitz, polimorfismo genetico mA, et al. N-Acetyltransferase-2 di Zheng W, di Leff, assunzione ben fatto della carne e rischio di cancro al seno fra le donne postmenopausali. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2000 settembre; 9(9): 905-10.

5. Dott di Zheng W, di Gustafson, Sinha R, et al. assunzione ben fatto della carne ed il rischio di cancro al seno. Cancro nazionale Inst di J. 18 novembre 1998; 90(22): 1724-9.

6. Dott di Sinha R, di Gustafson, JUNIOR di Kulldorff m., di Wen WQ, di Cerhan, piridina di Zheng W. 2 amino-1-methyl-6-phenylimidazo [4,5-b], un agente cancerogeno in carne alto-temperatura-cucinata e rischio di cancro al seno. Cancro nazionale Inst di J. 2000 92:1352-54.

7. AJ trasversale, Peters U, Kirsh VA, et al. Uno studio prospettivo di carne e degli agenti mutageni della carne e del rischio di carcinoma della prostata. Ricerca sul cancro. 2005 65(24):11779–84.

8. BI di Sinha R, del parco Y, di Graubard, et al. carne e composti in relazione con la carne e rischio di carcinoma della prostata in un grande studio di gruppo futuro negli Stati Uniti. J Epidemiol. 2009 170(9):1165–77.

9. Jägerstad m., Skog K. Genotoxicity degli alimenti transformati dal calore. Ricerca di Mutat. 1° luglio 2005; 574 (1-2): 156-72.

10. L'Birlouez-Aragona I, Saavedra G, Tessier FJ, et al. Una dieta basata sugli alimenti alto-calore-trattati promuove i fattori di rischio per i diabeti melliti e le malattie cardiovascolari. J Clin Nutr. 2010 maggio; 91(5): 1220-6.

11. Disponibile a: http://www.cancer.gov/cancertopics/factsheet/Risk/cooked-meats. 11 ottobre 2012 raggiunto.

12. EM di John, MC severo, Sinha R, consumo di Koo J. Meat, cucinante le pratiche, gli agenti mutageni della carne e rischio di carcinoma della prostata. Cancro di Nutr. 2011 63(4):525-37.

13. Orso WL, Teel RW. Effetti dei flavonoidi dell'agrume sulla mutagenicità delle amine eterocicliche e su attività del citocromo P450 1A2. Ricerca anticancro. 2000 settembre-ottobre; 20 (5B): 3609-14.

14. Il Cai W, Ramdas m., Zhu L, Chen X, percussore GE, prodotti finiti di glycation avanzati Oral di Vlassara H. (età) promuove l'insulino-resistenza ed il diabete vuotando l'ETÀ antiossidante receptor-1 delle difese e il sirtuin 1. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 20 agosto 2012.

15. Uribarri J, Cai W, Sandu O, Peppa m., Goldberg T, prodotti finiti avanzati di glycation Dieta-derivati H. di Vlassara è contributori importanti allo stagno dell'ETÀ del corpo ed induce l'infiammazione negli individui sani. Ann N Y Acad Sci. 2005 giugno; 1043:461-6.

16. Invitti C. Obesity ed infiammazione sistemica di qualità inferiore. Minerva Endocrinol. 2002 settembre; 27(3): 209-14.

17. Engström G, Hedblad B, Stavenow L, Lind P, Janzon L, a proteine Infiammazione sensibili del plasma di Lindgärde F. è associato con obesità futura. Diabete. 2003 agosto; 52(8): 2097-101.

18. Xu H, Barnes GT, Yang Q, et al. infiammazione cronica in grasso svolge un ruolo cruciale nello sviluppo di insulino-resistenza in relazione con l'obesità. J Clin investe. 2003 dicembre; 112(12): 1821-30.

19. Fogarty aw, Glancy C, Jones S, Lewis SA, McKeever TM, JUNIOR di Britton. Uno studio prospettivo del cambiamento del peso ed infiammazione sistemica oltre 9 Y. J Clin Nutr. 2008 gennaio; 87(1): 30-5.

20. VP di Reddy, SIG. di Garrett, sidro di pere G, et al. Carnosine: un agente antiossidante e antiglycating versatile. La conoscenza di invecchiamento di Sci circonda. 4 maggio 2005; 2005(18): pe12.

21. Brownson C, Hipkiss AR. Carnosine reagisce con una proteina glicata. Med libero di biol di Radic. 2000 15 maggio; 28(10): 1564-70.

22. Hipkiss AR. Invecchiamento, proteotoxicity, mitocondri, glycation, NAD e carnosine: Correlazioni e risoluzione possibili del paradosso dell'ossigeno. Front Aging Neurosci. 18 marzo 2010; 2: 10.

23. Pietkiewicz J, Bronowicka-Szydełko A, Dzierzba K, Danielewicz R, Gamian A. Glycation del enolase muscolo-specifico dai carbonilico reattivi: effetto della temperatura ed il ruolo di protezione del carnosine, della piridossamina e della fosfatidilserina. Proteina J.2011 marzo; 30(3): 149-58.

24. Ms di Alhamdani, HF di Al-Azzawie, Abbas FK. Formazione in diminuzione di prodotti finiti avanzati di glycation in liquido peritoneale dal carnosine e dai peptidi relativi. Quadrante Int di Perit. 2007 gennaio-febbraio; 27(1): 86-9.

25. Ukeda H, Hasegawa Y, Harada Y, Sawamura M. Effect del carnosine e dei composti riferiti sull'inattivazione di Cu umano, della dismutasi del Zn-superossido tramite modifica di fruttosio e del glycolaldehyde. Biochimica di Biosci Biotechnol. 2002 gennaio; 66(1): 36-43.

26. Stirban A, Negrean m., Stratmann B, et al. Benfotiamine impedisce la macro e disfunzione endoteliale microvascolare e lo sforzo ossidativo ricchi seguenti di un pasto in prodotti finiti avanzati di glycation in individui con il diabete di tipo 2. Cura del diabete. 2006 settembre; 29(9): 2064-71.

27. Pomero F, min A, selva m., Allione A, GM di Molinatti, Porta M. Benfotiamine di Molinar della La è simile a tiamina nella correzione dei difetti endoteliali delle cellule indotti da alto glucosio. Acta Diabetol. 2001 38(3):135-8.

28. Katare RG, Caporali A, Oikawa A, Meloni m., Emanueli C, benfotiamine analogico di Madeddu P. Vitamin B1 impedisce da disfunzione e dall'l'infarto diastolici indotti da diabete con la via di sopravvivenza di Akt/Pim-1-mediated. Circ Heart Fail. 2010 marzo; 3(2): 294-305.

29. Hammes HP, Du X, Edelstein D, et al. Benfotiamine blocca tre vie importanti di danno hyperglycemic ed impedisce la retinopatia diabetica sperimentale. Nat Med. 2003 marzo; 9(3): 294-9.

30. Balakumar P, Rohilla A, Krishan P, Solairaj P, Thangathirupathi A. Il potenziale terapeutico complesso del benfotiamine. Ricerca di Pharmacol. 2010 giugno; 61(6): 482-8. Epub 2010 25 febbraio.

31. Kihm LP, Müller-Krebs S, Klein J, et al. Benfotiamine protegge da danno del rene e peritoneale nella dialisi peritoneale. J Soc Nephrol. 2011 maggio; 22(5): 914-26.

32. Glycation di Miyazawa T, di Nakagawa K, di Shimasaki S, di Nagai R. Lipid e glycation della proteina nel diabete e nell'aterosclerosi. Aminoacidi. 2012 aprile; 42(4): 1163-70. Epub 2010 19 ottobre.

33. Glycation di Higuchi O, di Nakagawa K, di Tsuzuki T, di Suzuki T, di Oikawa S, di Miyazawa T. Aminophospholipid ed il suo sistema di screening dell'inibitore: un nuovo ruolo del piradossale 5' - fosfato come l'inibitore. Ricerca del lipido di J. 2006 maggio; 47(5): 964-74.

34. PA di Voziyan, Metz A, Baynes JW, Hudson BG. Una piridossamina post--Amadori dell'inibitore inoltre inibisce la modifica chimica delle proteine pulendo i mediatori del carbonilico di degradazione del lipido e del carboidrato. Biol chim. di J. 1° febbraio 2002; 277(5): 3397-403.

35. Chetyrkin SV, Zhang W, Hudson BG, Serianni COME, PA di Voziyan. La piridossamina protegge le proteine da danno funzionale dal deoxyglucosone 3: meccanismo di azione della piridossamina. Biochimica. 22 gennaio 2008; 47(3): 997-1006.

36. Onorato JM, Jenkins AJ, SR di Thorpe, Baynes JW. La piridossamina, un inibitore delle reazioni avanzate di glycation, inoltre inibisce le reazioni avanzate di lipoxidation. Meccanismo di azione della piridossamina. Biol chim. di J. 2000 14 luglio; 275(28): 21177-84.

37. Disponibile a: http://www.sciencedaily.com/releases/2012/08/120820152102.htm. Ottobre 2012 raggiunto.

38. Brüünsgaard H, Pedersen BK. Citochine e malattia infiammatorie relative all'età. Nord di Clin di allergia di Immunol. 2003 febbraio; 23(1): 15-39.

39. Roubenoff R, TB di Harris, Abad LW, Wilson PW, Dallal GE, Dinarello CA. Produzione di citochina del monocito in una popolazione anziana: effetto dell'età e dell'infiammazione. J Gerontol una biol Sci Med Sci. 1998 gennaio; 53(1): M20-6.

40. Brennan FM, Maini Marina militare, espressione di Feldmann M. Cytokine nella malattia infiammatoria cronica. Br Med Bull. 1995 aprile; 51(2): 368-84.

41. Chung HY, Cesari m., Anton S, et al. infiammazione molecolare: sostegni di invecchiamento e delle malattie relative all'età. Rev. di ricerca di invecchiamento. 2009 gennaio; 8(1): 18-30.

42. Brod SA. L'infiammazione non regolata accorcia la longevità funzionale umana. Ricerca di Inflamm. 2000 novembre; 49(11): 561-70.

43. Lencel P, Magne D. Inflammaging: la forza motrice nell'osteoporosi? Med Hypotheses. 2011 marzo; 76(3): 317-21. Epub 2010 18 ottobre.

44. Kofler S, nichel T, Weis M. Role delle citochine nelle malattie cardiovascolari: un fuoco sulle risposte endoteliali ad infiammazione. Clin Sci (Lond). 2005 marzo; 108(3): 205-13.

45. Blasko I, Grubeck-Loebenstein B. Role del sistema immunitario nella patogenesi, nella prevenzione e nel trattamento del morbo di Alzheimer. Invecchiare delle droghe. 2003;20(2):101-13.

46. Akiyama H, Barger S, Barnum S, et al. infiammazione e morbo di Alzheimer. Invecchiamento di Neurobiol. 2000 maggio-giugno; 21(3): 383-421.

47. McGeer PL, McGeer PER ESEMPIO. Infiammazione e neurodegeneration nella malattia del Parkinson. Parkinsonismo Relat Disord. 2004 maggio; 10 supplementi 1: S3-7.

48. McGeer PL, McGeer PER ESEMPIO. Processi infiammatori nella sclerosi laterale amiotrofica. Nervo del muscolo. 2002 ottobre; 26(4): 459-70.

49. Frischer JM, Bramow S, dal-Bianco A, et al. La relazione fra infiammazione e il neurodegeneration nei cervelli di sclerosi a placche. Cervello. 2009 maggio; 132 (pinta 5): 1175-89.

50. Isomäki P, Punnonen citochine di J. Pro- ed antinfiammatorio nell'artrite reumatoide. Ann Med. 1997 dicembre; 29(6): 499-507.

51. McInnes IB, Schett G. Cytokines nella patogenesi dell'artrite reumatoide. Nat Rev Immunol. 2007 giugno; 7(6): 429-42.

52. Lin L, parco S, Lakatta PER ESEMPIO. Segnalazione di COLLERA nell'infiammazione e nell'invecchiamento arterioso. Front Biosci. 1° gennaio 2009; 14:1403-13.

53. Khan DA, Ansari WM, Khan FA. Pro/citochine antinfiammatorie nella patogenesi della coronaropatia prematura. Ricerca di citochina dell'interferone di J. 2011 luglio; 31(7): 561-7.

54. Tedgui A, Mallat Z. Cytokines nell'aterosclerosi: vie patogene e regolarici. Rev. di Physiol. 2006 aprile; 86(2): 515-81.

55. Kotur-Stevuljevic J, Memon L, Stefanovic A, et al. correlazione dei parametri ossidativi di sforzo ed indicatori infiammatori nei pazienti della coronaropatia. Biochimica di Clin. 2007 febbraio; 40 (3-4): 181-7.

56. Jaiswal m., LaRusso N-F, Burgart LJ, incorna GJ. Le citochine infiammatorie inducono il danno del DNA ed inibiscono la riparazione del DNA in cellule di colangiocarcinoma da un meccanismo ossido-dipendente nitrico. Ricerca del Cancro. 2000 1° gennaio; 60(1): 184-90.

57. Infiammazione di Bartsch H, di Nair J. Chronic e sforzo ossidativo nella genesi e nel perpetuarsi di cancro: Ruolo di perossidazione lipidica, di danno del DNA e della riparazione. Arco Surg di Langenbecks. 2006 391:499-510.

58. Infiammazione di Federico A, di Morgillo F, di Tuccillo C, di Ciardiello F, di Loguercio C. Chronic e sforzo ossidativo nella carcinogenesi umana. Cancro di Int J. 1° dicembre 2007; 121(11): 2381-6.

59. Meira libbra, Bugni JM, SL verde, et al. danno del DNA indotto tramite infiammazione cronica contribuisce a carcinogenesi dei due punti in topi. J Clin investe. 2008 luglio; 118(7): 2516-25.

60. Amantea D, Nappi G, Bernardi G, Bagetta G, la TA di Corasaniti lesione cerebrale Post-ischemica: patofisiologia e ruolo dei mediatori infiammatori. FEBS J.2009 gennaio; 276(1): 13-26.

61. Engelhart MJ, Geerlings MI, Meijer J, et al. proteine infiammatorie in plasma ed il rischio di demenza: lo studio di Rotterdam. Arco Neurol. 2004 maggio; 61(5): 668-72.

62. McGeer PL, McGeer PER ESEMPIO. Infiammazione, autotoxicity e morbo di Aalzheimer. Invecchiamento di Neurobiol. 2001 novembre-dicembre; 22(6): 799-809.

63. Rubio-Perez JM, Morillas-Ruiz JM. Una rassegna: processo infiammatorio nel morbo di Alzheimer, ruolo delle citochine. Giornale scientifico del mondo. 2012 2012:756357.

64. Caruso C, Lio D, Cavallone L, Franceschi C. Aging, longevità, infiammazione e cancro. Ann NY Acad Sci. 2004 dicembre; 1028:1-13.

65. Wiseman H, Halliwell B. Damage a DNA da ossigeno e dalle specie reattivi dell'azoto: ruolo nella malattia infiammatoria e progressione a cancro. Biochimica J.1996 1° gennaio; 313 (pinta 1) 17-29.

66. Azad N, Rojanasakul Y, Vallyathan V. Inflammation e cancro polmonare: ruoli delle specie reattive azoto/dell'ossigeno. J Toxicol circonda rev. di salute B Crit. 2008 11(1):1-15.

67. Risch ha, Howe gr. Malattia infiammatoria pelvica ed il rischio di cancro ovarico epiteliale. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 1995 luglio; 4(5): 447-51.

68. Chen Z, Malhotra PS, Thomas GR, et al. espressione delle citochine proinflammatory e proangiogenic in pazienti con il cancro di collo e capo. Ricerca del Cancro di Clin. 1999 giugno; 5(6): 1369-79.

69. Deeb ZE, LA di Fox, deFries UFF. L'associazione della malattia infiammatoria cronica in planus del lichene con cancro della cavità orale. J Otolaryngol. 1989 settembre; 10(5): 314-6

70. Tracy RP. Relazioni emergenti di infiammazione, della malattia cardiovascolare e delle malattie croniche di invecchiamento. Int J Obes Relat Metab Disord. 2003 27 (supplemento 3): S29-S34.

71. Libby P, Ridker PM, Maseri A. Inflammation ed aterosclerosi. Circolazione. 5 marzo 2002; 105(9): 1135-43.

72. Il Mach F. Inflammation è una caratteristica cruciale di aterosclerosi e di un obiettivo potenziale per ridurre gli eventi cardiovascolari. Handb Exp Pharmacol. 2005 (170):697-722.

73. Meccanismi di Alvaro-Gonzalez LC, del Freijo-Guerrero millimetro, diSadaba-Garay F. Inflammatory, arteriosclerosi e colpo ischemico: dati e prospettive clinici. Rev Neurol. 1° settembre 2002; 35(5): 452-62.

74. Prodotti finiti di glycation di Basta G, di Schmidt, del De Caterina R. Advanced ed infiammazione vascolare: implicazioni per aterosclerosi accelerata in diabete. Ricerca di Cardiovasc. 1° settembre 2004; 63(4): 582-92.

75. Negrean m., Stirban A, Stratmann B, et al. effetti dei pasti bassi ed alto-avanzati del prodotto finito di glycation sulla macro e funzione endoteliale microvascolare e sullo sforzo ossidativo in pazienti con il diabete di tipo 2 mellito. J Clin Nutr. 2007 maggio; 85(5): 1236-43.

76. Gao S, Roberts HK, la rete di tratto-via del tessuto di Wang X. Cross rivela l'importanza delle vie ossidative di infiammazione e di sforzo in da diabete indotto da obesità in topo. PLoS uno. 2012; 7(9): e44544. doi: 10.1371/journal.pone.0044544. Epub 2012 17 settembre.

77. Bastardo, il JP, Maachi m., Lagathu C, et al. avanzamenti recenti nella relazione fra obesità, infiammazione e insulino-resistenza. Citochina Netw di EUR. 2006 17(1):4–12.

78. Steiner navi di I, di Krbal L, di Dominik J. Blood e lymphatics nella stenosi aortica calcificante--a sostegno della sua patogenesi infiammatoria. Cesk Patol. 2010 aprile; 46(2): 33-6.

79. Mohty D, Pibarot P, Després JP, et al. associazione fra la dimensione delle particelle del plasma LDL, accumulazione valvolare di LDL ossidato ed infiammazione in pazienti con stenosi aortica. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2008 gennaio; 28(1): 187-93.

80. Mazzone A, Epistolato MC, Gianetti J, et al. caratteristiche biologiche (infiammazione e neoangiogenesis) e fattori di rischio aterosclerotici in placche carotiche e nella stenosi calcificata della valvola aortica: due siti differenti della stessa malattia? J Clin Pathol. 2006 ottobre; 126(4): 494-502.

81. Devaux B, Scholz D, Hirche A, Klövekorn WP, Schaper J. Upregulation delle molecole di adesione cellulare e la presenza di infiammazione della qualità inferiore in infarto cronico umano. Cuore J. 1997 di EUR marzo; 18(3): 470-9.

82. L'infiammazione di Manabe I. Chronic collega le malattie cardiovascolari, metaboliche e renali. Circ J.2011 75(12): 2739-48.

83. ANNUNCIO di Pradhan, Manson JE, Rossouw JE, et al. biomarcatori, terapia ormonale sostitutiva e coronaropatia infiammatori di incidente: analisi futura dallo studio d'osservazione di iniziativa della salute delle donne. JAMA. 28 agosto 2002; 288(8): 980-7.

84. Bahrami H, Bluemke DA, Kronmal R, et al. fattori di rischio metabolici novelli per l'infarto di incidente e la loro relazione con obesità: lo studio di MESA (studio Multi-etnico su aterosclerosi). J Coll Cardiol. 6 maggio 2008; 51(18): 1775-83.

85. Paganelli R, Di IA, Patricelli L, et al. citochine di Proinflammatory in sieri dei pazienti anziani con demenza: i livelli nella lesione vascolare sono superiori a quelli dei pazienti del morbo di Alzheimer del delicato-moderato. Exp Gerontol. 2002 gennaio; 37 (2-3): 257-63.

86. Profilo di citochine di Zuliani G, di Ranzini m., di Guerra G, et al. del plasma nei più vecchi oggetti con il morbo di Alzheimer di manifestazione tardiva o demenza vascolare. Ricerca di J Psychiatr. 2007 ottobre; 41(8): 686-93.

87. Azizi G, Mirshafiey A. Il ruolo potenziale delle citochine proinflammatory ed antinfiammatorie in patogenesi del morbo di Aalzheimer. Immunopharmacol Immunotoxicol. 13 settembre 2012. [Epub davanti alla stampa]

88. Akiyama H, Barger S, Barnum S, et al. infiammazione e morbo di Alzheimer. Invecchiamento di Neurobiol. 2000 maggio-giugno; 21(3): 383-421.

89. Guebre-Egziabher F, conseguenze di Fouque D. Metabolic di infiammazione in insufficienza renale. Nephrologie. 2003 24(7):383-6.

90. SG del de Vinuesa, Goicoechea m., Kanter J, et al. insulino-resistenza, biomarcatori infiammatori e adipokines in pazienti con la malattia renale cronica: effetti del blocco dell'angiotensina II. J Soc Nephrol. 2006 dicembre; 17 (12 supplementi 3): S206-12.

91. Glorieux G, Cohen G, Jankowski J, Vanholder R. Platelet/attivazione, infiammazione ed uremia del leucocita. Quadrante di Semin. 2009 22(4):423–7.

92. Santoro A, effetti di Mancini E. Cardiac di infiammazione cronica nei pazienti sottoposti a dialisi. Trapianto del quadrante di Nephrol. 2002 17 8:10 del supplemento - 5.

93. Galante A, Pietroiusti A, Vellini m., et al. proteina C-reattiva è aumentato di pazienti con stenosi valvolare aortica degenerante. J Coll Cardiol. 2001 ottobre; 38(4): 1078-82.

94. Stürmer T, Brennero H, Koenig W, Günther KP. Severità e dimensioni di infiammazione sistemica della qualità inferiore e di osteoartrite come valutate dall'alta proteina reattiva di sensibilità C. Ann Rheum Dis. 2004 febbraio; 63(2): 200-5.

95. Pasceri V, Willerson JT, Yeh ET. Diriga l'effetto proinflammatory di proteina C-reattiva sulle cellule endoteliali umane. Circolazione. 2000 31 ottobre; 102(18): 2165-8.

96. Jeppesen J, Hansen TW, Olsen MH, et al. proteina C-reattiva, insulino-resistenza e rischio di malattia cardiovascolare: uno studio basato sulla popolazione. EUR J Cardiovasc Prev Rehabil. 2008 ottobre; 15(5): 594-8.

97. Agmon Y, Khandheria BK, Meissner I, et al. proteina C-reattiva ed aterosclerosi dell'aorta toracica: uno studio ecocardiografico transesophageal basato sulla popolazione. Med dell'interno dell'arco. 13 settembre 2004; 164(16): 1781-7.

98. Seddon JM, Gensler G, Milton RC, Klein ml, Rifai N. Association fra proteina C-reattiva e degenerazione maculare senile. JAMA. 11 febbraio 2004; 291(6): 704-10.

99. Erlinger TP, Platz ea, Rifai N, Helzlsouer kJ. proteina C-reattiva ed il rischio di cancro colorettale di incidente. JAMA. 4 febbraio 2004; 291(5): 585-90.

100. Lohwasser C, Neureiter D, Weigle B, Kirchner T, Schuppan D. Il ricevitore per i prodotti finiti avanzati di glycation altamente è espresso nella pelle ed è aumentato dai prodotti finiti di glycation e dall'fattore-alfa avanzati di necrosi del tumore. J investe Dermatol. 2006 febbraio; 126(2): 291-9.

101. Wondrak GT, Roberts MJ, Jacobson Mk, Jacobson ELETTRICO. Inibizione della crescita fotosensibilizzata di cellule epiteliali umane coltivate: meccanismo e soppressione dello sforzo ossidativo da irradiamento solare delle proteine glicate. J investe Dermatol. 2002 agosto; 119(2): 489-98.

102. DG del tintoriale, Dunn JA, SR di Thorpe, et al. Accum. dei prodotti di reazione di Maillard in collagene della pelle nel diabete & nell'invecchiamento. J Clin investe. 1993 9:2463-9.

103. Dott di vendita, Kleinman NR, Monnier VM. La determinazione longitudinale dei tassi di glycation e di glycoxidation del collagene della pelle predice la morte prematura nei topi di C57BL/6NNIA. FASEB J.2000 gennaio; 14(1): 145-56.

104. I livelli di Genuth S, di Sun W, di Cleary P, et al. di Glycation e di carboxymethyllysine in collagene della pelle predicono il rischio di progressione di dieci anni futura di retinopatia diabetica e la nefropatia nel controllo del diabete e la prova di complicazioni e l'epidemiologia dei partecipanti di interventi e di complicazioni del diabete con il diabete di tipo 1. Diabete. 2005 novembre; 54(11): 3103-11.

105. Malik NS, muschio SJ, Ahmed N, Furth AJ, parete RS, chilometro docile. Invecchiamento dello stroma corneale umano: cambiamenti strutturali e biochimici. Acta di Biochim Biophys. 20 marzo 1992; 1138(3): 222-8.

106. Kaji Y, Usui T, Oshika T, et al. prodotti finiti avanzati di glycation in cornee diabetiche. Investa Ophthalmol Vis Sci. 2000 febbraio; 41(2): 362-8.

107. Kimura T, Takamatsu J, Ikeda K, Kondo A, Miyakawa T, Horiuchi S. Accumulation dei prodotti finiti avanzati di glycation della reazione di Maillard con l'età in neuroni hippocampal umani. Neurosci Lett. 12 aprile 1996; 208(1): 53-6.

108. Li JJ, Dickson D, Hof PR, Vlassara H. Receptors per i prodotti finiti avanzati della glicosilazione in cervello umano: ruolo nell'omeostasi del cervello. Mol Med. 1998 gennaio; 4(1): 46-60.

109. Prodotti finiti di glycation di Münch G, di Westcott B, di Menini T, di Gugliucci A. Advanced ed i loro ruoli patogeni nei disturbi neurologici. Aminoacidi 2012 42(4) 1221-36.

110. Dei R, Takeda A, Niwa H, et al. perossidazione lipidica e prodotti finiti avanzati di glycation nel cervello nell'invecchiamento normale e nel morbo di Alzheimer. Acta Neuropathol. 2002 agosto; 104(2): 113-22.

111. Prodotti finiti di glycation di Rahmadi A, di Steiner N, di Münch G. Advanced come gerontotoxins e biomarcatori per ai i processi degeneranti basati a carbonilica nel morbo di Alzheimer. Med del laboratorio di Clin Chem. 2011 marzo; 49(3): 385-91.

112. Shuvaev VV, Laffont I, Serot JM, Fujii J, Taniguchi N, glycation della proteina di Siest G. Increased in liquido cerebrospinale del morbo di Alzheimer. Invecchiamento di Neurobiol. 2001 maggio-giugno; 22(3): 397-402.

113. Livelli di Falcone C, di Emanuele E, di D'Angelo A, et al. del plasma di ricevitore solubile per i prodotti finiti avanzati di glycation e coronaropatia in uomini nondiabetic. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2005 25:1032-7.

114. Semba RD, Ferrucci L, il Sun K, et al. i prodotti finiti avanzati di glycation ed i loro ricevitori di circolazione predicono la mortalità della malattia cardiovascolare nelle donne più anziane dell'comunità-abitazione. Ricerca di Clin Exp di invecchiamento. 2009 aprile; 21(2): 182-90.

115. Kilhovd BK, iceberg TJ, Birkeland KI, Thorsby P, Hanssen KF. I livelli del siero di prodotti finiti avanzati di glycation sono aumentati di pazienti con il diabete di tipo 2 e la coronaropatia. Cura del diabete. 1999 settembre; 22(9): 1543-8.

116. Kanauchi m., Tsujimoto N, prodotti finiti di glycation di Hashimoto T. Advanced in pazienti nondiabetic con la coronaropatia. Cura del diabete. 2001 settembre; 24(9): 1620-3.

117. Uribarri J, Peppa m., Cai W, et al. la restrizione dei glycotoxins dietetici riduce gli eccessivi prodotti finiti avanzati di glycation nei pazienti dell'insufficienza renale. J AmSoc Nephrol. 2003;14:728–31.

118. Semba RD, Ferrucci L, Fink JC, et al. i prodotti finiti avanzati di glycation ed i loro ricevitori e livello di circolazione di rene funzionano nelle donne più anziane dell'comunità-abitazione. Rene DIS di J. 2009 gennaio; 53(1): 51-8.

119. Simm A, Casselmann C, Schubert A, Hofmann S, Reimann A, Silber CON RIFERIMENTO A. Cambiamenti associati età dell'espressione del Età-ricevitore: Il upregulation della COLLERA è associato con disfunzione umana del cuore. Exp Gerontol. 2004 marzo; 39(3): 407-13.

120. Prodotti finiti di glycation di Hyogo H, di Yamagishi S. Advanced (età) e la loro partecipazione all'affezione epatica. DES di Curr Pharm. 2008 14(10):969-72.

121. VP di Reddy, SIG. di Garrett, sidro di pere G, Smith mA. Carnosine: un agente antiossidante e antiglycating versatile. La conoscenza di invecchiamento di Sci circonda. 4 maggio 2005; 2005(18): pe12.

122. Lee YT, Hsu cc, Lin MH, Liu KS, Yin MC. L'istidina e il carnosine ritardano il deterioramento diabetico in topi e proteggono la lipoproteina umana di densità bassa dall'ossidazione e dal glycation. EUR J Pharmacol. 18 aprile 2005; 513 (1-2): 145-50.

123. Ukeda H, Hasegawa Y, Harada Y, Sawamura M. Effect del carnosine e dei composti riferiti sull'inattivazione di Cu umano, della dismutasi del Zn-superossido tramite modifica di fruttosio e del glycolaldehyde. Biochimica di Biosci Biotechnol. 2002 gennaio; 66(1): 36-43.

124. Pekcetin C, Kiray m., BU di Ergur, et al. Carnosine attenua lo sforzo ossidativo e gli apoptosi nell'ischemia cerebrale transitoria in ratti. Biol di acta appesa. 2009 giugno; 60(2): 137-48.

125. Hipkiss AR. Ha potuto il carnosine o le strutture relative sopprimere il morbo di Alzheimer? J Alzheimers DIS. 2007 maggio; 11(2): 229-40.

126. Prodotti finiti di glycation di McNulty m., di Mahmud A, di Feely J. Advanced e rigidezza arteriosa nell'ipertensione. J Hypertens. 2007 marzo; 20(3): 242-7.

127. Asif m., Egan J, Vasan S, et al. Un interruttore avanzato del legame incrociato del prodotto finito di glycation può invertire gli aumenti relativi all'età nella rigidezza del miocardio. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 2000 14 marzo; 97(6): 2809-13.

128. Pirro m., Schillaci G, Savarese G, et al. attenuazione di infiammazione con intervento dietetico a breve termine è associato con una riduzione di rigidezza arteriosa degli oggetti con ipercolesterolemia. EUR J Cardiovasc Prev Rehabil. 2004 dicembre; 11(6): 497-502.

129. Aronson D. Cross-linking di collagene glicato nella patogenesi di irrigidimento arterioso e del miocardio dell'invecchiamento e del diabete. J Hypertens. 2003 gennaio; 21(1): 3-12.

130. Ueno H, Koyama H, Tanaka S, et al. autofluorescence della pelle, un indicatore per accumulazione avanzata del prodotto finale di glycation, è associato con rigidezza arteriosa in pazienti con la malattia renale di stadio finale. Metabolismo. 2008 ottobre; 57(10): 1452-7.

131. Franke S, Dawczynski J, Strobel J, et al. livelli aumentati dei prodotti finiti avanzati di glycation in lenti cataractous umane. La cataratta di J rifrange Surg. 2003 maggio; 29(5): 998-1004.

132. Pokupec R, Kalauz m., Turco N, prodotti finiti di glycation di Turk Z. Advanced in lenti cataractous diabetiche e non-diabetico umane. Arco Clin Exp Ophthalmol di Graefes. 2003 maggio; 241(5): 378-84.

133. Gul A, Rahman mA, Salim A, Simjee Unione Sovietica. Prodotti finiti avanzati di glycation in pazienti diabetici e nondiabetic senili con la cataratta. Complicazioni del diabete di J. 2009 settembre-ottobre; 23(5): 343-8.

134. Prodotti finiti di glycation di Münch G, di Westcott B, di Menini T, di Gugliucci A. Advanced ed i loro ruoli patogeni nei disturbi neurologici. Aminoacidi. 2012 aprile; 42(4): 1221-36.

135. Takeuchi m., Bucala R, Suzuki T, Ohkubo T, Yamazaki m., Koike T, Kameda Y, Makita Z. Neurotoxicity dei prodotti finiti avanzati di glycation per i neuroni corticali coltivati. J Neuropathol Exp Neurol. 2000 dicembre; 59(12): 1094-105.

136. Dukic-Stefanovic S, Schinzel R, Riederer P, Münch G. INVECCHIA nell'invecchiamento del cervello: Età-inibitori come droghe neuroprotective ed antidemenziali? Biogerontology. 2001;2(1):19-34.

137. Eikelenboom P, Rozemuller AJ, Hoozemans JJ, Veerhuis R, van Gool WA. Neuroinflammation e morbo di Aalzheimer: implicazioni cliniche e terapeutiche. Alzheimer DIS Assoc Disord. 2000 14 supplementi 1: S54-61.

138. Sugimoto K, Yasujima m., Yagihashi S. Role dei prodotti finiti avanzati di glycation in neuropatia diabetica. DES di Curr Pharm. 2008 14(10):953-61.

139. Ne di Cameron, Gibson TM, SIG. di Nangle, chiavetta mA. Inibitori di formazione avanzata del prodotto finale di glycation e di disfunzione neurovascolare in diabete sperimentale. Ann N Y Acad Sci. 2005 giugno; 1043:784-92.

140. Uribarri J, Peppa m., Cai W, Goldberg T, et al. glycotoxins dietetici correla con i livelli avanzati di circolazione del prodotto finale di glycation nei pazienti dell'insufficienza renale. Rene DIS di J. 2003 settembre; 42(3): 532-8.

141. Kiecolt-Glaser JK, Belury mA, Andridge R, WB di Malarkey, Hwang BS, il completamento di Glaser R. Omega-3 abbassa l'infiammazione in adulti di mezza età e più anziani in buona salute: una prova controllata randomizzata. Brain Behav Immun. 2012 agosto; 26(6): 988-95.

142. Wu D, SN di Han, Meydani m., SN di Meydani. Effetto di consumo concomitante di olio di pesce e di vitamina E su produzione delle citochine infiammatorie in esseri umani anziani in buona salute. Ann NY Acad Sci. 2004 dicembre; 1031:422-4.

143. Se di Pischon T, di Hankinson, Hotamisligil GS, et al. ingestione dietetica abituale di n-3 ed acidi grassi n-6 relativamente agli indicatori infiammatori fra gli uomini e le donne degli Stati Uniti. Circolazione. 15 luglio 2003; 108(2): 155-60.

144. Kremer JM. supplementi dell'acido grasso n-3 nell'artrite reumatoide. J Clin Nutr 2000 gennaio; 71 (1 supplemento): 349S-51S.

145. Madsen T, Skou ha, Hansen VE, et al. proteina C-reattiva, acidi grassi dietetici n-3 e le dimensioni della coronaropatia. J Cardiol. 15 novembre 2001; 88(10): 1139-42.

146. Il moertl D, martella A, Steiner S, Hutuleac R, Vonbank K, effetti di Berger R. Dose-dependent degli acidi grassi di omega-3-polyunsaturated sulla funzione ventricolare sinistra sistolica, sulla funzione endoteliale e sugli indicatori di infiammazione in infarto cronico dell'origine nonischemic: una prova alla cieca, controllata con placebo, uno studio di 3 braccia. Cuore J. 2011di maggio; 161(5): 915 e1-9.

147. Kesavalu L, Bakthavatchalu V, Rahman millimetro, et al. acido grasso Omega-3 regola l'espressione infiammatoria del RNA messaggero mediatore/di citochina dalla nella malattia periodentale sperimentale indotta gingivalis di Porphyromonas. Microbiologia orale Immunol. 2007 agosto; 22(4): 232-9.

148. CA allegro, Muthukumar A, Avula il CP, Troyer la D, durata di Fernandes G. è prolungato (NZB x NZW) nella F autoimmune-incline alimento-limitata (1) i topi hanno alimentato una dieta arricchita con (n-3) gli acidi grassi. J Nutr. 2001 ottobre; 131(10): 2753-60.

149. Chainani-Wu N. Safety ed attività antinfiammatoria di curcumina: una componente di curcuma (curcuma longa). Med del complemento di J Altern. 2003 febbraio; 9(1): 161-8.

150. Satoskar RR, scià SJ, SG di Shenoy. Valutazione della proprietà antinfiammatoria di curcumina (metano di diferuloyl) in pazienti con infiammazione postoperatoria. Int J Clin Pharmacol Ther Toxicol. 1986 dicembre; 24(12): 651-4.

151. Ramsewak RS, DeWitt DL, Nair MG. Attività antiossidanti ed antinfiammatorie di citotossicità, dei curcumins I-III dal curcuma longa. Phytomedicine. 2000 luglio; 7(4): 303-8.

152. Pendurthi UR, Williams JT, Rao LV. Inibizione di attivazione del gene di fattore del tessuto in cellule endoteliali coltivate da curcumina. Soppressione dell'attivazione dei fattori di trascrizione Egr-1, AP-1 e N-F-kappa B. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1997 dicembre; 17(12): 3406-13.

153. Ammon HP. Acidi di Boswellic nelle malattie infiammatorie croniche. Med di Planta. 2006 ottobre; 72(12): 1100-16.

154. SIG. di Chevrier, Ryan EA, Dy di Lee, Zhongze m., Wu-Yan Z, via CS. L'estratto di carterii di Boswellia inibisce le citochine TH1 e promuove le citochine TH2 in vitro. Laboratorio Immunol di Clin Diagn. 2005 maggio; 12(5): 575-80.

155. Safayhi H, Sailer ER, Ammon HP. Un meccanismo di inibizione della lipossigenasi 5 dall'acido di acetyl-11-keto-beta-boswellic. Mol Pharmacol. 1995 giugno; 47(6): 1212-6.

156. Sailer ER, Subramanian LR, Rall B, Hoernlein rf, Ammon HP, cheto-beta-boswellic acido di Safayhi H. Acetyl- 1 (AKBA): strutturi i requisiti legare e di attività inibitoria della lipossigenasi 5. Br J Pharmacol. 1996 febbraio; 117(4): 615-8.

157. Il casson PR, Andersen Marina militare, HG di Herrod, et al. deidroepiandrosterone orale nelle dosi fisiologiche modula la funzione immune in donne postmenopausali. J Obstet Gynecol 1993 dicembre; 169(6): 1536-9.

158. Kipper-Galperin m., Galilly R, Danenberg HD, et al. deidroepiandrosterone inibisce selettivamente la produzione dell'alfa di fattore di necrosi tumorale e di interleukin-6 [correzione di interlukin-6] in astrocytes. Sviluppatore Neurosci di Int J. 1999 dicembre; 17(8): 765-75.

159. Karitè Mk, cabina SL, Massaro JM, et al. vitamina K e stato di vitamina D: le associazioni con gli indicatori infiammatori nella prole di Framingham studiano. J Epidemiol. 1° febbraio 2008; 167(3): 313-20.

160. Ozaki I, Zhang H, Mizuta T, et al. Menatetrenone, un analogo della vitamina K2, inibisce la crescita epatocellulare delle cellule di carcinoma sopprimendo l'espressione di cyclin D1 con inibizione di attivazione nucleare del kappaB di fattore. Ricerca del Cancro di Clin. 1° aprile 2007; 13(7): 2236-45.

161. Reddi K, Henderson B, Meghji S, et al. produzione di interleuchina 6 dai fibroblasti umani lipopolysaccharide-stimolati potente è inibito dal naphthoquinone (composti della vitamina K). Citochina. 1995 aprile; 7(3): 287-90.

162. Se di Shoelson, Herrero L, Naaz A. Obesity, infiammazione e insulino-resistenza. Gastroenterologia. 2007 maggio; 132(6): 2169-80.

163. Rajasekar P, cv di Anuradha. La L-carnitina inibisce il glycation della proteina in vitro e in vivo: prova per un ruolo in gestione diabetica. Acta Diabetol. 2007 giugno; 44(2): 83-90.

164. Swamy-Mruthinti S, Carter AL. Acetile L - la carnitina fa diminuire il glycation delle proteine della lente: studi in vitro. Ricerca dell'occhio di Exp. 1999 luglio; 69(1): 109-15.

165. Syngle A, Vohra K, Garg N, Kaur L, inibizione dei prodotti finiti di glycation di Chand P. Advanced migliora la disfunzione endoteliale nell'artrite reumatoide. Rheum DIS di Int J. 2012 febbraio; 15(1): 45-55.

166. Hindsø Landin H, Tareke E, Rydberg P, Olsson U, Törnqvist M. Heating di alimento e di emoglobina adduce dagli agenti cancerogeni: ruolo possibile del precursore del glycidol. Alimento Chem Toxicol. 2000 novembre; 38(11): 963-9.

167. Sugimura T, Wakabayashi K, Nakagama H, amine di Nagao M. Heterocyclic: Gli agenti mutageni/agenti cancerogeni hanno prodotto durante la cottura della carne e del pesce. Scienza del Cancro. 2004 95(4):290–9.

168. Peppa m., Goldberg T, Cai W, Rayfield E, Vlassara H. Glycotoxins: un anello mancante “nella relazione dell'assunzione della carne e del grasso dietetico relativamente al rischio di diabete di tipo 2 in uomini„. Cura del diabete. 2002 ottobre; 25(10): 1898-9.

169. Hegele J, Buetler T, delineamento di Delatour T. Comparative LC-MS/MS delle modifiche indotte glycation iniziali ed avanzate libere e legate alle proteine della lisina in prodotti lattier-caseario. Acta anale di Chim. 9 giugno 2008; 617 (1-2): 85-96. Epub 2008 3 gennaio.

170. Prodotti finiti e nutrizione della glicosilazione di Xanthis A, di Hatzitolios A, di Koliakos G, di Tatola V. Advanced--una relazione possibile con aterosclerosi diabetica e come impedirla. Alimento Sci di J. 2007 ottobre; 72(8): R125-9.

171. Dott di Zheng W, di Gustafson, Moore D, et al. assunzione ben fatto della carne ed il rischio di cancro al seno. Cancro nazionale Inst di J. 1998;90(22):1724-9.

172. GA lordo, Gruter A. Quantitation amine aromatiche eterocicliche mutagene/cancerogene in prodotti alimentari. J Chromatogr. 21 febbraio 1992; 592 (1-2): 271-8.

173. Guengerich FP, Shimada T, Bondon A, Macdonald TL. Ossidazioni del citocromo P-450 e la generazione di mediatori biologicamente reattivi. Adv Exp Med Biol. 1991;283:1-11.

174. Negishi T, rai H, attività di Hayatsu H. Antigenotoxic delle clorofille naturali. Ricerca di Mutat. 12 maggio 1997; 376 (1-2): 97-100.

175. ONG TM, Whong WZ, Stewart J, Brockman LUI. Chlorophyllin: un antimutagen potente contro le miscele complesse ambientali e dietetiche. Ricerca di Mutat. 1986 febbraio; 173(2): 111-5.

176. Hernaez J, Xu m., Dashwood R. Effects di tè e del chlorophyllin sulla mutagenicità di N-idrossilato-quoziente d'intelligenza: studi su inibizione d'enzimi, su formazione complessa molecolare e su degradazione/su lavaggio dei metaboliti attivi. Circondi Mol Mutagen. 1997;30(4):468-74.

177. Dashwood R, Yamane S, Larsen R. Study sulle forze dei complessi di stabilizzazione fra le clorofille e gli agenti mutageni eterociclici dell'amina. Circondi Mol Mutagen. 1996;27(3):211-8.

178. Grubbs CJ, Steele VE, Casebolt T, et al. Chemoprevention da di carcinogenesi mammaria indotta da chimica da indole-3-carbinol. Ricerca anticancro. 1995 maggio-giugno; 15(3): 709-16.

179. Lui YH, MD di Friesen, Ruch RJ, Schut ha. Indole-3-carbinol come agente chemopreventive nella carcinogenesi della piridina di 2 amino-1-methyl-6-phenylimidazo [4,5-b] (PhIP): inibizione di formazione del complesso PhIP-DNA, accelerazione del metabolismo di PhIP ed induzione del citocromo P450 in ratti femminili F344. Alimento Chem Toxicol. 2000 gennaio; 38(1): 15-23.

180. Telang NT, Katdare m., HL di Bradlow, mp di Osborne, Fishman J. Inhibition di proliferazione e di modulazione del metabolismo di estradiolo: meccanismi novelli per prevenzione di cancro al seno dal indole-3-carbinol fitochimico. Med di biol di Proc Soc Exp. 1997 novembre; 216(2): 246-52.