Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista luglio 2013
Rapporto  

Fermi dagli gli impulsi indotti da amido del glucosio

Da Scott Rackinow
Protegga il vostro corpo da insulina cronicamente elevata
Protegga il vostro corpo da insulina cronicamente elevata

Chiunque di cui la glicemia non sia sotto controllo ottimale è esposto ai pericoli dei livelli cronicamente elevati dell'insulina. Quello è perché il vostro corpo pomperà fuori l'insulina a condizione che i livelli della glicemia siano di cui sopra normale-e può provocare un livello dell'insulina che può essere elevato pericolosamente nel suo sforzo per tenere la glicemia ad un livello normale, rendentegli il pericolo vero nascosto.

L'insulina, naturalmente, è un ormone utile e necessario. È responsabile dell'azionamento della glicemia nelle cellule, in cui ha bruciato per energia. Senza importi di insulina correttamente regolati non potremmo sopravvivere a.

Ma l'insulina, come molti ormoni, ha funzioni multiple. “Il lato oscuro„ poco noto di insulina è che è un fattore di crescita potente.41 e nel corpo adulto sano, c'è utilità limitata per i fattori di crescita. L'eccessiva produzione di fattore di crescita avvia la replica delle cellule nei posti che non la vogliamo. L'insulina ed altri fattori di crescita sono implicati, per esempio, nel cancro, in cui la riproduzione cellulare non regolata produce le malignità micidiali.42e fattori di crescita squilibrati, compreso insulina, inoltre sono implicati nella risposta d'ispessimento e difficile delle cellule di muscolo liscio che allineano le pareti arteriose, contribuente alla malattia cardiovascolare.41

L'eccessiva produzione dell'insulina è il risultato di insulino-resistenza, che è un altro modo dire “i prediabetes.„ I livelli elevati dell'insulina sono associati con un aumento di 37% nel rischio di morte da Cancro-se o non avete diabete.40,43 medici infine stanno imparando prestare attenzione ai livelli dell'insulina come pure ai livelli della glicemia quando valuta i nuovi trattamenti e quando consiglia i loro pazienti. E stanno cominciando cercare le terapie che aumentano la sensibilità dell'insulina ed abbassano i livelli globali dell'insulina.44

La maggior parte delle droghe antidiabetiche mirano a guidare soltanto giù i livelli della glicemia ed a non avere effetto su insulina; altri realmente sono intesi per aumentare i vostri livelli dell'insulina nel tentativo di ridurre la glicemia. Ma il transglucosidase funziona in parte abbassando i livelli dell'insulina mentre la glicemia si normalizza.

Negli studi umani in cui gli individui sani con prova di insulino-resistenza hanno mangiato un pasto della prova di riso bianco (alto in amido), i destinatari del placebo hanno visto i loro livelli dell'insulina aumentare con i loro zuccheri di sangue del dopo-pasto (la risposta prevista), mentre quelli che ricevono il transglucosidase hanno avuti piccole diminuzioni in insulina durante lo stesso periodo di tempo.6 ed in pazienti con il diabete, che già aveva elevato i livelli dell'insulina, 12 settimane del completamento di transglucosidase hanno condotto ai cali significativi nel camice di concentrazione nell'insulina. Questi sono risultati notevoli, dato che questi oggetti non hanno fatto altri cambiamenti nelle loro diete o stili di vita.

Riduca l'impatto del diabete

Un altro studio clinico ha esaminato i pazienti che già hanno avuti diabete di tipo II ed i ricercatori hanno trovato che i benefici del transglucosidase sono altrettanto emozionanti per quelli con il diabete completo come sono per il prediabetics.22

I diabetici non solo hanno elevato la glicemia ed i livelli elevati spesso dell'insulina, ma inoltre hanno prova rilevabile dei prodotti finiti avanzati di glycation sotto forma di emoglobina A1c (HbA1c). Questa analisi del sangue è un'indicazione dei livelli totali della glicemia più dei due approssimativi al periodo di tre mesi.

I pazienti nello studio hanno ricevuto le dosi quotidiane totali di 900.000 unità del transglucosidase, di 2,7 milione unità del transglucosidase, o di un placebo.22 entrambe le dosi hanno prodotto le riduzioni rispettabili in emoglobina A1c, abbassante lo da un 0,18 e da un 0,21% essere in media, rispettivamente (le misure normali per questa prova non dovrebbero superare 5,5%).

Le concentrazioni nell'insulina dei pazienti sono caduto significativamente pure, da 2,79 e 3,59 UI/mldi m., rispettivamente.22 e mentre il transglucosidase non sostituisce la metformina se la sovrapproduzione interna di glucosio dal fegato è il colpevole dietro glucosio a digiuno elevato (>85 mg/dL) o HbA1C elevato (>5.5%), le sue riduzioni drammatiche dell'insulina è simile a quelli veduti con la metformina della droga, che può ridurre l'insulina di digiuno di circa 38% in gente obesa e insulina-resistente.39,40

Ma i benefici del transglucosidase per i diabetici non si concludono là. I pazienti che prendono il transglucosidase inoltre hanno avuti importante crescite in una citochina utile chiamata adiponectin e riduzioni significative di trigliceridi e della pressione sanguigna diastolica.22

D'altra parte, i pazienti di placebo hanno avvertito gli importante crescite nel loro indice di massa corporea (una misura di peso totale per altezza) ed inoltre hanno avuti aumenti in indicatori da di danni al fegato indotti da grassa. Nessuno dei due gruppo di pazienti che prendono il transglucosidase ha avuto tali cambiamenti.22

Se già avete diabete di tipo II, la disponibilità di questo enzima novello è notizie eccellenti. Significa che completando con gli aiuti di transglucosidase non solo protegga dalle reazioni pericolose di glycation che hanno luogo nei vostri tessuti (che causeranno il cuore, il rene, il nervo e la malattia dell'occhio, dati tempo), ma inoltre smussa gli eccessivi livelli dell'insulina (che sollevano il vostro rischio di cancro e di malattie cardiovascolari). Inoltre, può anche contribuire a proteggervi da ulteriore obesità e da altre misure di salute difficile. Ed interamente è fatto senza prendere una singola droga.

Dosaggio degli enzimi
Dosaggio degli enzimi

*Unlike molte altre sostanze nutrienti, enzimi sono dosate secondo la loro unità di attività. Un'unità enzimatica è la quantità di enzima stata necessaria per convertire una micromole (µmol) di una sostanza al minuto. Ciò non deve essere confusa con l'unità internazionale (IU), che è una misura indipendente di altre sostanze biologicamente attive come vitamina D.

Poiché il transglucosidase è un enzima, i dosaggi sono misurati “nelle unità dei milligrammi di attività enzimatica„ non o nelle unità internazionali (IU). Una dose di 450.000 unità è tipicamente l'importo trovato in una capsula.

Riassunto

I livelli cronicamente elevati dell'insulina e del glucosio, particolarmente quelli subito dopo di un pasto, dovrebbero essere una preoccupazione importante di affatto adulto-uguale se non avete storia conosciuta di alta glicemia. I livelli ematici del glucosio e dell'insulina sono almeno pericolosi come ricco in colesterolo quando si tratta del rischio aumentato di malattia cardiovascolare.

Inoltre, il glucosio e l'insulina cronicamente elevati elevano acutamente i tassi del cancro. Ecco perché è importante intraprendere tutte le azione possibili per impedire l'amido dietetico la conversione in calorie micidiali dello zucchero.

Transglucosidase è un supplemento approfondito che è il primo del suo genere. Il suo meccanismo doppio degli aiuti di azione dirige l'alte glicemia ed insulina di eccesso bloccando il rilascio dello zucchero nocivo da amido… che lo converte invece in fibra utile.

Ciò è un'innovazione medica capace dell'attenuazione del diabete crescente epidemia-e è un nuovo strumento critico nel nostro corredo per il controllo delle circostanze metaboliche pericolose.

Se il vostro glucosio a digiuno è oltre 85 mg/dL (che la maggior parte dei adulti sono), o avete altri indicatori di danno del glucosio quali emoglobina elevata A1c o insulina di digiuno elevata, prenda il transglucosidase prima dei vostri due pasti contenenti amido più pesanti del giorno.

I test clinici umani hanno stabilito il suo valore in individui in buona salute come pure diabetici. E quello traduce per ridurre i rischi per cancro, i problemi della visione e la malattia cardiaca.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulentedi salute del ® del prolungamento della vita a 1-866-864-3027.

Diabete del cagnolino
Diabete del cagnolino

Il diabete è comune in cani come pure nella gente. Fortunatamente, il transglucosidase può contribuire a dirigere i livelli del glucosio in cani come pure in esseri umani. Quando i ricercatori nel Giappone hanno studiato il transglucosidase in animali, hanno trovato che i risultati erano virtualmente identici con cui abbiamo visto negli studi umani.21

I cani non-diabetico sani di controllo che ricevono il transglucosidase hanno avvertito i più bassi livelli totali del glucosio e dell'insulina del dopo-pasto rispetto a quelli che ricevono la dieta di controllo da solo. E “la punta„ usuale nei livelli del glucosio del dopo-pasto virtualmente si è eliminata, permettendo che i cani mantengano le concentrazioni normali nel glucosio di 85 - 95 mg/dL.21

Riferimenti

  1. JB tedesco, Dillard CJ. Grassi saturi: che ingestione dietetica? J Clin Nutr. 2004 settembre; 80(3): 550-9.
  2. Disponibile a: http://www.health.gov/dietaryguidelines/dga2005/report/HTML/G5_History.htm. 3 aprile 2013 raggiunto.
  3. Daly ME, Vale C, camminatore m., Littlefield A, Alberti chilogrammo, Mathers JC. Gli effetti acuti sulla sensibilità dell'insulina e sui profili metabolici giornalieri di un alto-saccarosio hanno paragonato ad una dieta dell'alto-amido. J Clin Nutr. 1998 giugno; 67(6): 1186-96.
  4. Profili metabolici di Raben A, di Holst JJ, di Madsen J, di Astrup A. Diurnal dopo 14 d ad libitum di un alto-amido, alto-saccarosio, o dieta ad alta percentuale di grassi nelle donne mai-obese e postobese del normale-peso. J Clin Nutr. 2001 febbraio; 73(2): 177-89.
  5. Indice di Marca-Miller JC, di Stockmann K, di Atkinson F, di Petocz P, di Denyer G. Glycemic, glycemia postprandiale e la forma della curva negli individui sani: analisi di una base di dati di più di 1.000 alimenti. J Clin Nutr. 2009 gennaio; 89(1): 97-105.
  6. Sasaki m., Joh T, Koikeda S, et al. Una strategia novella nella produzione degli oligosaccaridi in apparato digerente: prevenzione dell'iperglicemia postprandiale e del hyperinsulinemia. Biochimica Nutr di J Clin.2007 novembre; 41(3): 191-6.
  7. Ao Z, Simsek S, Zhang G, Venkatachalam m., Reuhs BL, BR di Hamaker. L'amido con una proprietà lenta di digestione ha prodotto alterando la sue lunghezza a catena, densità del ramo e struttura cristallina. Alimento chim. di J Agric. 30 maggio 2007; 55(11): 4540-7.
  8. Disponibile a: >http://www.madsci.org/posts/archives/2000- 12/978293375.Bc.r.html. 26 febbraio 2013 raggiunto.
  9. Disponibile a: http://highered.mcgraw-hill.com/sites/dl/free/0072442123/65764/samplech05.pdf. 4 aprile 2013 raggiunto.
  10. HG di Liljeberg, Akerberg AK, Björck IM. Effetto dell'indice e del contenuto glycemic dei carboidrati indigeribili dei pasti a base di cereali della prima colazione su tolleranza al glucosio a pranzo negli individui sani. J Clin Nutr. 1999 aprile; 69(4): 647-55.
  11. Verzijl N, DeGroot J, Ben ZC, et al. unente con legami atomici incrociati dai prodotti finiti avanzati di glycation aumenta la rigidezza della rete del collagene in cartilagine articolare umana: un meccanismo possibile attraverso cui l'età è un fattore di rischio per l'osteoartrite. Rheum di artrite. 2002 gennaio; 46(1): 114-23.
  12. Del Turco S, Basta G. Un aggiornamento sui prodotti finiti avanzati e sull'aterosclerosi di glycation. Biofactors.2012 luglio-agosto; 38(4): 266-74.
  13. Dott di vendita, Monnier VM. Base molecolare di irrigidimento arterioso: ruolo di glycation- un mini-esame. Gerontologia.2012;58(3):227-37.
  14. Cerf ME. Beta dinamica delle cellule: beta riempimento delle cellule, beta compensazione delle cellule e diabete. Ghiandola endocrina.13 marzo 2013.
  15. Cerf ME. Beta disfunzione e insulino-resistenza delle cellule. Front Endocrinol (Losanna). 2013;4:37.
  16. Rischio di cancro al seno di Kuhl H. nello studio di WHI: il problema di obesità. Maturitas.16 maggio 2005; 51(1): 83-97.
  17. Moyad mA. Obesità, meccanismi correlati ed esposizioni e cancro del rene. Semin Urol Oncol. 2001 novembre; 19(4): 270-9.
  18. Se di Sandovici I, di Hammerle cm, di Ozanne, Constancia M. Developmental e programmazione epigenetica ambientale del pancreas endocrino: conseguenze per il diabete di tipo 2. Cellula Mol Life Sci. 6 marzo 2013.
  19. Abdelmoneim ss, Hagen ME, Mendrick E, et al. iperglicemia acuta riduce la riserva del miocardio del flusso sanguigno e la grandezza di riduzione è associata con insulino-resistenza: uno studio in esseri umani nondiabetic che usando l'ecocardiografia di contrasto. Navi del cuore.23 novembre 2012.
  20. Insulino-resistenza e coronaropatia di Reaven G. in individui nondiabetic. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2012 agosto; 32(8): 1754-9.
  21. Sako T, Mori A, Lee P, et al. completante transglucosidase con una dieta della alto-fibra per la prevenzione dell'iperglicemia postprandiale da in cani diabetici indotti streptozotocin. Ricerca Commun del veterinario. 2010 febbraio; 34(2): 161-72.
  22. Sasaki m., Imaeda K, Okayama N, et al. effetti del transglucosidase su diabete, fattori di rischio cardiovascolari e biomarcatori epatici in pazienti con il diabete di tipo 2: 12 una settimana, randomizzata, prova alla cieca, prova controllata con placebo. Diabete Obes Metab.2012 aprile; 14(4): 379-82.
  23. Ota m., Okamoto T, Wakabayashi H. Action del transglucosidase dall'aspergillus niger su maltoheptaose e [u (13) C] su maltosio. Ricerca di Carbohydr. 10 marzo 2009; 344(4): 460-5.
  24. Beerens K, Desmet T, Soetaert W. Enzymes per la produzione biocatalitica degli zuccheri rari. Microbiologia Biotechnol di J Ind.2012 giugno; 39(6): 823-34.
  25. Palladio di Cani. Diafonia fra il microbiota dell'intestino ed il sistema di endocannabinoide: urti sulla funzione della barriera dell'intestino e sul tessuto adiposo. La microbiologia di Clin infetta. 2012 luglio; 18 4:50 del supplemento - 3.
  26. Costa SB di GT, Guimaraes, Sampaio ha. effetti dell'Fructo-oligosaccaride su glicemia: una panoramica. Reggiseni del CIR di acta.2012 marzo; 27(3): 279-82.
  27. Di Bartolomeo F, Startek JB, Van den Ende W. Prebiotics per combattere le malattie: Realtà o romanzo? Ricerca di Phytother. 27 dicembre 2012.
  28. RH di Mallappa, Rokana N, Duary RK, Panwar H, Batish VK, Grover S. Management della sindrome metabolica con gli interventi probiotici e prebiotic. J indiano Endocrinol Metab.2012 gennaio; 16(1): 20-7.
  29. Molinaro F, Paschetta E, Cassader m., Gambino R, Musso G. Probiotics, prebiotics, bilancio energetico ed obesità: comprensioni meccanicistiche ed implicazioni terapeutiche. Nord di Gastroenterol Clin. 2012 dicembre; 41(4): 843-54.
  30. Kurimoto m., Nishimoto T, Nakada T, Chaen H, Fukuda S, Tsujisaka Y. Synthesis da un alfa-glucosidasi dei glicosilico-trealosi con un residuo di isomaltosyl. Biochimica di Biosci Biotechnol. 1997 aprile; 61(4): 699-703.
  31. Una dieta della alto-fibra può aiutarvi a vivere più lungamente. Mayo Clin Health Lett.2012 giugno; 30(6): 4.
  32. Marlett JA, McBurney MI, Slavin JL. Posizione dell'associazione dietetica americana: implicazioni di salute di fibra dietetica. Dieta Assoc di J. 2002 luglio; 102(7): 993-1000.
  33. Ajani uA, Ford es, Mokdad AH. Fibra dietetica e proteina C-reattiva: risultati dai dati nazionali di indagine dell'esame di nutrizione e di salute. J Nutr.2004 maggio; 134(5): 1181-5.
  34. Liu S, WC di Willett, Manson JE, Hu FB, Rosner B, Colditz G. Relation fra i cambiamenti nelle assunzioni di fibra e prodotti e cambiamenti dietetici del grano nel peso e nello sviluppo di obesità fra le donne di mezza età. J Clin Nutr.2003 novembre; 78(5): 920-7.
  35. Sluijs I, van der Schouw YT, van der AD, et al. la quantità del carboidrato e la qualità ed il rischio di diabete di tipo 2 nell'indagine futura europea su Cancro e sui Nutrizione-Paesi Bassi (EPIC-NL) studiano. J Clin Nutr.2010 ottobre; 92(4): 905-11.
  36. Silva FM, Steemburgo T, de Mello VD, Tonding SF, JL lordo, Azevedo MJ. L'alto indice glycemic dietetico ed il contenuto basso della fibra sono associati con la sindrome metabolica in pazienti con il diabete di tipo 2. J Coll Nutr. 2011 aprile; 30(2): 141-8.
  37. Transglucosidase migliora il profilo di microbiota dell'intestino dei pazienti melliti del diabete di tipo 2. Presentato alla settimana di malattia digestiva. 2013 18-21 maggio. Orlando, FL
  38. Kumar V, Sinha AK, Makkar HP, de Boeck G, ruoli di Becker K. Dietary dei polisaccaridi senza amido in alimentazione umana: una rassegna. Rev Food Sci Nutr di Crit.2012;52(10):899-935.
  39. Freemark m., Bursey D. Gli effetti di metformina sull'indice di massa corporea e sulla tolleranza al glucosio in adolescenti obesi con il hyperinsulinemia di digiuno e una storia della famiglia del diabete di tipo 2. Pediatria.2001 aprile; 107(4): E55.
  40. Jalving m., Gietema JA, Lefrandt JD, et al. metformina: portare via la caramella per cancro? Cancro di EUR J. 2010 settembre; 46(13): 2369-80.
  41. Breen dm, Giacca A. Effects di insulina sul sistema vascolare. Curr Vasc Pharmacol. 2011 maggio; 9(3): 321-32.
  42. Muhidin COSÌ, Magan aa, KA di Osman, Syed S, Ahmed MH. La relazione fra l'affezione epatica grassa analcolica ed il cancro colorettale: le sfide di futuro ed i risultati della sindrome metabolica. J Obes.2012;2012:637538.
  43. Dankner R, Shanik MH, Keinan-Boker L, Cohen C, Chetrit A. Effect di insulina basale elevata sull'incidenza e sulla mortalità del cancro nei pazienti di incidente del cancro: Israele GOH uno studio di approfondimento da 29 anni. Cura del diabete.2012 luglio; 35(7): 1538-43.
  44. Fierz Y, Novosyadlyy R, Vijayakumar A, Yakar S, terapia di LeRoith D. Insulin-sensitizing attenua il tipo - 2 diabete-hanno mediato la progressione mammaria del tumore. Diabete.2010 marzo; 59(3): 686-93.
  45. Holt SH, Miller JC, Petocz P. Un indice dell'insulina degli alimenti: il fabbisogno insulinico generato dalle porzioni 1000-kJ di alimenti comuni. J Clin Nutr.1997 novembre; 66(5): 1264-76.
  46. Holt SH, Miller JC, Petocz P, Farmakalidis E. Un indice di sazietà degli alimenti comuni. EUR J Clin Nutr. 1995 settembre; 49(9): 675-90.