Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista luglio 2013
Chieda al medico  

Tre analisi del sangue per aiutarvi meglio a dirigere i rischi di alta glicemia

Da Scott Fogle, ND
Scott Fogle, ND

Scott Fogle, ND

Q: Ho notato che su un'analisi del sangue recente la mia glicemia a digiuno è di 105 mg/dL. Ultimo controllo era di 100 mg/dL. Il mio medico dice che è benissimo e non preoccuparsi ma tutto abbia letto mi dica che potrei essere sulla strada al diabete o avere qualcosa la sensibilità alterata chiamata dell'insulina (o insulino-resistenza). Potete suggerire alcune analisi del sangue che mi davrebbero una migliore immagine dei miei fattori di rischio, particolarmente sia dal diabete che dalle edizioni ricche in colesterolo fatti funzionare nella mia famiglia?

A: Quella è una grande domanda e siete saggio da sollevarla. Potete avere la circostanza citata come “tolleranza al glucosio alterata,„ anche conosciuto come “l'insulino-resistenza„ o “prediabetes.„ Cioè il vostro livello elevato del glucosio è effettivamente troppo se il vostro scopo è salute ottimale.

Ecco perché…

Sebbene la medicina della corrente principale tolleri una volta gli zuccheri di sangue alti quanto 140 mg/dL come “normale,„ ora riconosciamo il cardiovascolare sostanziale, colpo ed i rischi del cancro comportati dallo zucchero livella dovunque superiore a 85 mg/dL.1-4 sopra quel livello, i vostri tessuti sono esposti a glucosio alle concentrazioni che causano le reazioni chimiche con le proteine ed i grassi del vostro corpo chiamati glycation. Le proteine glicate ed i grassi avviano l'infiammazione e lo sforzo ossidativo, nemici importanti della longevità. Virtualmente tutte le malattie croniche di invecchiamento (e di invecchiamento stesso) sono accelerate dai livelli elevati del glucosio. Mentre la glicemia aumenta, il vostro rischio di morte anche va su da circa 40% quando il glucosio a digiuno cade coerente nell'ordine di 110-124 mg/dL. Il rischio di morte si raddoppia quando il glucosio a digiuno raggiunge la gamma di 126-138 mg/dL.5

Ma il glucosio fa parte soltanto della storia. Per tenere il vostro zucchero sotto controllo, il vostro corpo mette fuori sempre più un gran numero di insulina, l'ormone che dobbiamo prendere lo zucchero dalla circolazione sanguigna e guidarlo nelle cellule. E l'insulina, mentre estremamente importante per controllo acuto della glicemia, pone un problema a lungo termine.

L'insulina è un fattore di crescita, in modo da troppa insulina può predisporrvi a molti generi di cancro come pure alla malattia cardiaca, al colpo ed al processo dell'invecchiamento accelerato.6-18

Cioè il vostro corpo può mettere appena fuori le quantità elevate di insulina per tenere la vostra glicemia come “bassa„ come 100 - 105 mg/dL, ma non siete dal legno! Per ottenere una migliore idea del vostro rischio globale, dovrete conoscere più appena un livello della glicemia a digiuno. Dovrete conoscere i vostri livelli dell'insulina pure, specialmente quanta insulina prende per ottenere ai vostri livelli della glicemia sotto controllo dopo che mangiate ma la maggior parte dei medici non ritengono mai per ordinare quelle prove. Nel migliore dei casi, non dovrebbe prendere troppa insulina; se fa, quindi che è un segno di allarme immediato di insulino-resistenza.

Ci sono più. La glicemia a digiuno vi non fornisce informazioni su come il vostro corpo tratta il carico inevitabile del glucosio dopo un pasto. Gli studi indicano che il livello (postprandiale) di due ore del glucosio del dopo-pasto correla il più forte con i risultati catastrofici come la malattia cardiovascolare, in modo da ottenere lo zucchero di digiuno sotto il controllo è soltanto metà della battaglia.19 questi tutti vanno dire che vorrete ottenere una certa misura dei vostri livelli dell'insulina e del glucosio che seguono un carico standard del glucosio, per ottenere un'idea circa come il vostro proprio singolo corpo la dirige.

Tre prove per valutare sangue Sugar Management

Diamo un'occhiata ad un gruppo di tre prove che insieme vi danno la migliore immagine della vostra glicemia quando digiunare e dopo un pasto, la vostra insulina livella quando digiunano e dopo un pasto, la quantità di danno che in relazione con il glucosio le proteine del vostro corpo stanno subendo ed il modo il vostro profilo del lipido sta colpendo dalla vostra glicemia. Facendo uso dei risultati da queste prove può aiutare voi ed il vostro medico ad evitare il danno devastante causato da alta glicemia.

Test di tolleranza al glucosio con insulina

Test di tolleranza al glucosio con insulina  

Un test di tolleranza al glucosio con insulina fornisce al vostro corpo una singola, dose precisamente misurata di glucosio e poi misura le vostre risposte dell'insulina e della glicemia durante complessivamente tre ore. Digiunerete durante la notte (appena come per qualsiasi prova sistematica della glicemia a digiuno) e nella mattinata della prova caverete un livellato dell'insulina e della glicemia a digiuno per stabilire la vostra linea di base. Ciò inoltre vi dà una misura aggiornata del vostro glucosio a digiuno.

Poi sarete dato una bevanda che contiene 75 grammi di glucosio e sarete chiesti di aspettare. Ad uno, due e tre ore dopo che bevete questa dose “di sfida„ del glucosio, tecnici caveranno i livelli supplementari dell'insulina e della glicemia. (Non dimentichi di portare un libro, una compressa, o un computer portatile per tenersi occupato tranquillamente; la prova richiede che rimaniate messo all'area campione fino a finirla.)

I risultati di questa prova vi mostreranno che cosa il vostro corpo fa con un carico conosciuto del glucosio. Se siete in buona salute, avrete un glucosio a digiuno della linea di base di 70-85 mg/dLe un'insulina di digiuno bassa livellata (meno di 5 µIU/mL). Durante le prossime ore, vederete un aumento in glicemia come il vostro corpo la assorbe dal vostro intestino, ma quell'aumento dovrebbe essere temperato tramite un leggero aumento in insulina.

Entro due ore, il vostro glucosio non dovrebbe aumentare superiore a 140 mg/dL o idealmente non superiore a 125 mg/dL (o a più di 40 mg/dL sopra il vostro valore basale); i livelli elevati postprandiali di due ore del glucosio sono associati forte con una miriade di risultati pericolosi (tabella 1).20 ma — e qui è la maggior parte del aspetto importante — voi inoltre avrà una misura simultanea del vostro livello dell'insulina. Mentre è buono da avere livelli normali della glicemia del dopo-pasto e di digiuno, ancora avete un problema se i vostri livelli elevati corrispondenti dell'insulina sono troppo.

Se investirete appena tre o quattro ore del vostro tempo, il test di tolleranza al glucosio con insulina vi darà un'immagine più accurata di dove siete ora, in termini di digiuno e glucosio ed insulina del dopo-pasto. E quelle informazioni vi daranno gli indizi potenti ai vostri fattori di rischio, non solo per il diabete, ma anche per tutti i tipi di circostanze relative all'età. Se i vostri risultati sono anormali, avrete una chiara carta stradale di come rispondere e uno strumento di misura eccellente per seguire il vostro progresso.

TABELLA 1: I pericoli del sangue Sugar Elevations 20del Dopo-pasto
TABELLA 1: I pericoli del sangue Sugar Elevations del Dopo-pasto
  • Danneggiamento retinico dell'occhio
  • Bloccaggio arterioso
  • Sforzo ossidativo
  • Infiammazione aumentata
  • Disfunzione endoteliale
  • Flusso coronarico riduttore
  • Rischio di cancro aumentato

 

Emoglobina A1c

Il test di tolleranza al glucosio con insulina vi fornisce le grandi informazioni su dove il vostro corpo è ora, sul giorno della prova. Per complementare quelle informazioni, vorrete una certa misura da di danneggiamento indotto da zucchero più a lungo termine di glycation delle molecole della proteina e del lipido del vostro corpo. La prova standard per il quel è emoglobina A1c (HbA1c), una misura diretta di danneggiamento di glycation di emoglobina, una delle molecole più importanti nel vostro corpo ed una che è misurata prontamente con un'analisi del sangue semplice.

Se un glucosio del dopo-pasto o di digiuno è un'istantanea, pensi ad emoglobina A1c come registrazione della videocamera di sicurezza quella le piste in cui siete stato in questi ultimi 2-3 mesi.19 risultati dell'emoglobina A1c sono riferiti come le percentuali di emoglobina totale che è danneggiata dal glycation; un livello di meno di 5,7% è considerato buon, ma 5% è ancora migliore. Se il vostro livello è superiore a 5,7%, significa che il vostro corpo sta vedendo per troppo tempo troppo zucchero — e quel i mezzi i vostri livelli dell'insulina inoltre probabilmente saranno stati elevati mentre il vostro corpo prova a fare fronte, con le conseguenze potenzialmente disastrose. Gli studi indicano che il rischio di attacco di cuore, il colpo ed il cancro tutto vanno su con i livelli in aumento di emoglobina A1c.21-23 ed una di più forti correlazioni con la debolezza in adulti più anziani è un livello con insistenza elevato dell'emoglobina A1c.24,25

Prova di VAP™ per i lipidi

Sebbene non misuri il glucosio o l'insulina, la prova automatica verticale di profilo (VAP™ ) è particolarmente importante per la gente con il limite o la glicemia elevata. Quello è perché sia la tolleranza al glucosio alterata che il diabete completo sono associati con le perturbazioni del lipido del sangue che creano una malattia cardiovascolare e un rischio molto alti del colpo; uno dei rischi principali proviene dalle particelle piccolo-che-normali del colesterolo di densità bassa (LDL).26-29

A differenza dei profili standard del lipido, una singola prova di VAP™ direttamente misura tutte particelle in relazione con il colesterolo importanti che hanno conosciuto l'impatto su cuore e su salute del vaso sanguigno.30,31 questo comprendono le cosiddette “particelle del piccolo resto„, basicamente rimanenze dalle lipoproteine molto-basse di densità e di LDL- (VLDL) che sono indipendente associate a un aumentato rischio.

Perché conosca questi informazioni?

Perché conosca questi informazioni?  

Semplicemente perché, come con la situazione di un glucosio “normale„ ma di un'insulina elevata, potreste incontrare il vostro scopo di un LDL basso e di più alto HDL, ma ancora sia al rischio. Ciò è stata indicata in uno studio che ha esaminato la gente che aveva raggiunto i livelli “normali„ di colesterolo non-HDL. Secondo il loro rischio della linea di base, 63 - 88% di quella gente ancora sono risultato avere piccola dimensione delle particelle a bassa densità, significante che erano ancora al rischio significativamente sollevato per la malattia cardiovascolare.32 una diminuzione nella dimensione di LDL sono associati con un aumento di 28% nel rischio di attacco di cuore negli uomini e un aumento di 130% nel rischio fra le giovani donne.33,34 che questo perché piccolo, LDL denso può penetrare le cellule che allineano le vostre arterie LDL bouyant grande molto più facile, così sta conducendo a placca arteriosa più velocemente.

VAP™ che prova anche misura il LP importante delle lipoproteine (a) e B100 e le sottocategorie di colesterolo di HDL, di HDL-2 e di HDL-3. HDL-2 può offrire la più grande protezione cardiovascolare; la gente con colesterolo HDL-2 di meno di 25 mg/dL ha un rischio aumentato quadruplo di attacco di cuore rispetto a coloro che ha livelli elevati.35

Il LP (a) e le particelle B100 inoltre sono associati con il rischio cardiovascolare aumentato ed entrambi sono trovati in quantità anormalmente grande nella gente con il diabete o l'insulino-resistenza.36 persone con il LP elevato (a) hanno un aumento di 79% nel rischio del colpo, mentre quelle con una storia di fumo e del LP elevato (a) sono quattro volte più probabilmente avere malattie dei vasi sanguigni.37,38 APO B100 sono correlati al vostro numero della particella di LDL e più alto il numero maggior la probabilità i vostri LDL sta essendo ossidata e glicata, di cui tutt'e due contribuiscono a più placca in arterie.39

Riassunto

È una buona idea non trascurare un risultato della glicemia a digiuno “limite„, particolarmente alla luce delle raccomandazioni correnti tenere la glicemia a 85 mg/dL o più basso. Anche un livello marginale-elevato del glucosio può mascherare un livello elevato pericolosamente dell'insulina; le misure di digiuno del glucosio inoltre non forniscono informazioni sull'impulso del glucosio del dopo-pasto che fa gran parte del danno.

La gente responsabile circa il loro glucosio dovrebbe considerare tre prove: un test di tolleranza al glucosio con la misura dell'insulina, un'emoglobina A1c e un profilo del lipido di VAP™. I risultati di quelle prove vi daranno una valutazione su misura del vostro stato cardiovascolare di rischio.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulentedi salute del ® del prolungamento della vita a 1-866-864-3027.

Il Dott. Scott Fogle è il direttore di informazioni e di servizi di laboratorio clinici al ®del prolungamento della vita in cui sorveglia le informazioni scientifiche e mediche ed è incaricato dei suoi consulenti di salute come pure della sua divisione del laboratorio.

Riferimenti

  1. Il comitato di esperti per la diagnosi e la classificazione del diabete mellito. Rapporto del comitato di esperti per la diagnosi e la classificazione del diabete mellito. Cura del diabete. 2002 gennaio; 25(1): s5-s20.
  2. JV di Bjornholt, Erikssen G, Aaser E, et al. glicemia a digiuno: un fattore di rischio sottovalutato per la morte cardiovascolare. Risultati da seguito di 22 anni degli uomini nondiabetic in buona salute. Cura del diabete.1999 gennaio; 22(1): 45-9.
  3. Levitan eb, canzone Y, Ford es, iperglicemia nondiabetic di Liu S. Is un fattore di rischio per la malattia cardiovascolare? Una meta-analisi degli studi prospettivi. Med dell'interno dell'arco. 25 ottobre 2004; 164(19): 2147-55.
  4. Jee SH, Ohrr H, Sull JW, YUN JE, Ji m., Samet JM. Livello del glucosio del siero e rischio di cancro di digiuno in uomini ed in donne coreani. JAMA.12 gennaio 2005; 293(2): 194-202.
  5. CC di Sorkin JD, del Muller, relazione di Fleg JL, di Andres R. The di digiuno e 2 concentrazioni nel glucosio del plasma del postchallenge di h a mortalità: dati dallo studio longitudinale di Baltimora su invecchiamento con una recensione della letteratura. Cura del diabete.2005 novembre; 28(11): 2626-32.
  6. Bennet, Brismar K, Hallqvist J, Reuterwall C, De Faire U. Il rischio di infarto miocardico è aumentato da un'interazione sinergica fra l'insulina del siero e fumare. EUR J Endocrinol. 2002 novembre; 147(5): 641-7.
  7. LT di Chao, CF di Wu, cantato FY, et al. insulina, glucosio e rischio epatocellulare di carcinoma in trasportatori maschii di epatite B: risultati da seguito di 17 anni di un gruppo basato sulla popolazione. Carcinogenesi.2011 giugno; 32(6): 876-81.
  8. Dankner R, Shanik MH, Keinan-Boker L, Cohen C, Chetrit A. Effect di insulina basale elevata sull'incidenza e sulla mortalità del cancro nei pazienti di incidente del cancro: Israele GOH uno studio di approfondimento da 29 anni. Cura del diabete.2012 luglio; 35(7): 1538-43.
  9. Del Giudice ME, Fantus IG, Ezzat S, McKeown-Eyssen G, pagina D, Goodwin PJ. Insulina e fattori relativi nel rischio di cancro al seno premenopausa. Ossequio di ricerca del cancro al seno. 1998 gennaio; 47(2): 111-20.
  10. Farquharson AJ, Steele RJ, Carey FA, ha disegnato JE. Il metodo multiplo del romanzo per valutare il regolamento dell'insulina, di leptina e di adiponectin delle citochine infiammatorie si è associato con tumore del colon. Mol di rappresentante di biol. 2012 maggio; 39(5): 5727-36.
  11. Keku A, Lund PK, Galanko J, Simmons JG, Woosley JT, Sandler RS. Insulino-resistenza, apoptosi e rischio colorettale dell'adenoma. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2005 settembre; 14(9): 2076-81.
  12. 12. Rischio di cancro al seno di Kuhl H. nello studio di WHI: il problema di obesità. Maturitas.16 maggio 2005; 51(1): 83-97.
  13. Krentz A, Viljoen A, resistenza di Sinclair A. Insulin: un indicatore di rischio per la malattia e l'inabilità nella persona più anziana. Med di Diabet. 22 novembre 2012. doi: 10.1111/dme.12063. [Epub davanti alla stampa]
  14. MA J, Giovannucci E, Pollak m., et al. Uno studio prospettivo del peptide C del plasma e rischio di cancro colorettale in uomini. Cancro nazionale Inst di J. 7 aprile 2004; 96(7): 546-53.
  15. CS di Michaud DS, di Fuchs, WC di Liu S, di Willett, carico glycemic di Colditz GA, di Giovannucci E. Dietary, carboidrato, zucchero e rischio di cancro colorettale in uomini ed in donne. Biomarcatori Prev di Epidemiol del Cancro. 2005 gennaio; 14(1): 138-47.
  16. ANNUNCIO di Pradhan, Manson JE, Meigs JB, et al. insulina, proinsulin, proinsulin: rapporto dell'insulina ed il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 mellito in donne. Med di J. 15 aprile 2003; 114(6): 438-44.
  17. Troisi R, Potischman N, aspirapolvere Marina militare, Siiteri P, LA di Brinton. Insulina e cancro dell'endometrio. J Epidemiol.15 settembre 1997; 146(6): 476-82.
  18. I YUN SJ, min BD, Kang HW, et al. insulina elevata e insulino-resistenza sono associati con la fase patologica avanzata di carcinoma della prostata in popolazione coreana. Coreano Med Sci di J. 2012 settembre; 27(9): 1079-84.
  19. Woerle HJ, Neumann C, Zschau S, et al. impatto di digiuno e glycemia postprandiale su controllo glycemic globale nell'importanza del diabete di tipo 2 del glycemia postprandiale per raggiungere i livelli dell'obiettivo HbA1c. Ricerca Clin Pract del diabete.2007 agosto; 77(2): 280-5.
  20. Disponibile a: http://www.idf.org/sites/default/files/postmeal%20glucose%20guidelines.pdf. Accesed 29 gennaio 2013.
  21. Hsu YC, HM di Chiu, Liou JM, et al. emoglobina glicata A1c è superiore al glucosio a digiuno del plasma come fattore di rischio indipendente per neoplasia colorettale. Il Cancro causa il controllo. 2012 febbraio; 23(2): 321-8
  22. Oh il HG, Rhee EJ, Kim TW, et al. livello elevato glicato dell'emoglobina è associato a un aumentato rischio per il colpo ischemico in adulti maschii coreani non-diabetico. Diabete Metab J. 2011 ottobre; 35(5): 551-7.
  23. Il JUNIOR di Timmer, Hoekstra m., Nijsten Mw, et al. il valore prognostico dell'emoglobina glicosilata di ammissione ed il glucosio in pazienti nondiabetic con infarto miocardico di St-segmento-elevazione hanno trattato con intervento coronario percutaneo. Circolazione.9 agosto 2011; 124(6): 704-11.
  24. Kalyani RR, tian J, Xue QL, et al. iperglicemia ed incidenza delle limitazioni di mobilità dell'estremità inferiore e di debolezza in donne più anziane. Soc di J Geriatr. 2012 settembre; 60(9): 1701-7.
  25. CS di Blaum, Xue QL, tian J, Semba RD, LP fritto, Walston J. L'iperglicemia è associata con stato di debolezza in donne più anziane? Soc di J Geriatr. 2009 maggio; 57(5): 840-7.
  26. RM di Stoney, O'Dea K, Herbert KE, et al. insulino-resistenza come determinante importante del rischio aumentato della coronaropatia in donne postmenopausali con il diabete di tipo 2 mellito. Med di Diabet. 2001 giugno; 18(6): 476-82.
  27. PESO di Garvey, Kwon S, Zheng D, et al. effetti di insulino-resistenza e di diabete di tipo 2 sulla dimensione delle particelle della sottoclasse della lipoproteina e concentrazione determinata da a risonanza magnetica nucleare. Diabete.2003 febbraio; 52(2): 453-62.
  28. Festa A, Williams K, Hanley AJ, et al. le anomalie a risonanza magnetica nucleari della lipoproteina negli oggetti prediabetic nell'aterosclerosi di insulino-resistenza studia. Circolazione.28 giugno 2005; 111(25): 3465-72.
  29. CC di Goff, Jr., RB di D'Agostino, Jr., Haffner MP, Otvos JD. L'insulino-resistenza e l'adiposità influenzano le concentrazioni di dimensione e della sottoclasse della lipoproteina. Risultati dallo studio di aterosclerosi di insulino-resistenza. Metabolismo.2005 febbraio; 54(2): 264-70.
  30. Kr di Kulkarni. Misura di profilo del colesterolo con il metodo automatico verticale di profilo. Med del laboratorio di Clin. 2006 dicembre; 26(4): 787-802.
  31. Kr di Kulkarni, Marcovina MP, RM di Krauss, Garber DW, Glasscock, Segrest JP. Quantificazione di colesterolo HDL2 e HDL3 dalla metodologia automatica verticale di profilo-Ii (VAP-II). Ricerca del lipido di J. 1997 novembre; 38(11): 2353-64.
  32. Ruscello RD, Kansal m., bardo RL, Eagle K, Rubenfire M. Usefulness della misura di dimensione delle particelle della lipoproteina a bassa densità nella prevenzione della malattia cardiovascolare. Clin Cardiol. 2005 novembre; 28(11): 534-7.
  33. Austin mA, Rodriguez BL, McKnight B, et al. dimensione delle particelle della lipoproteina a bassa densità, trigliceridi e colesterolo della lipoproteina ad alta densità come fattori di rischio per la coronaropatia in uomini Giapponese-americani più anziani. J Cardiol.2000 15 agosto; 86(4): 412-6.
  34. Kamigaki COME, Siscovick DS, Schwartz MP, et al. dimensione delle particelle della lipoproteina di densità bassa e rischio di infarto miocardico ad esordio precoce in donne. J Epidemiol.15 maggio 2001; 153(10): 939-45.
  35. Salonen JT, Salonen R, Seppanen K, Rauramaa R, Tuomilehto subfractions HDL, HDL2 e HDL3 del J. ed il rischio di infarto miocardico acuto. Uno studio di popolazione futuro in uomini finlandesi orientali. Circolazione.1991 luglio; 84(1): 129-39.
  36. DD di Labudovic, SB di Toseska KN, di Alabakovska, et al. distribuzione di frequenza delle isoforme dell'apoproteina (a) in pazienti con i diabeti melliti ed individui sani. Med J. 2003 di croato agosto; 44(4): 435-40.
  37. Pantoni L, Sarti C, Pracucci G, Di Carlo A, livelli del siero di Vanni P, di Inzitari D. Lipoprotein (a) e malattie vascolari in un più vecchio gruppo caucasico della popolazione. Studio longitudinale italiano su invecchiamento (ILSA). Soc di J Geriatr. 2001 febbraio; 49(2): 117-25.
  38. Ohira T, Schreiner PJ, Morrisett JD, Chambless LE, Rosamond WD, Folsom AR. Lipoproteina (a) e colpo ischemico di incidente: il rischio di aterosclerosi nello studio delle Comunità (ARIC). Colpo. 2006 giugno; 37(6): 1407-12.
  39. Ito Y. Apolipoprotein B e piccolo, LDL-C denso. Rinsho Byori. 2012 aprile; 60(4): 336-42.