Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista marzo 2013
Rapporto  

Strategie nutrizionali per combattere Alzheimer

Da Liam Hawkins
Strategie per combattere Alzheimer  

 Qualcuno in America sviluppa ogni 68 secondi di Alzheimer. Questo tasso è proiettato a più del doppio entro 2050, ad uno ogni 33 secondi.1

La ricerca di Alzheimer sta accelerando, ma non c'è ancora cura.

Una vasta matrice dei dati pubblicati, tuttavia, mostra quella che opera le scelte dietetiche sane, con l'uso adeguato delle sostanze nutrienti, ormoni e droghe può ridurre drammaticamente il suo rischio di sviluppare questo uccisore mente-distruggente.

Recentemente, una scansione del cervello innovatrice è stata rivelata che per la prima volta può diagnosticare esattamente le placche del cervello che sono caratteristiche di Alzheimer. Più di 300 ospedali e centri della rappresentazione hanno la capacità di eseguire questa ricerca.2

Il dilemma che affrontiamo oggi è che le cinque droghe approvate per il solo parzialmente ossequio di Alzheimer alcuni dei sintomi. Nessuno di loro possono rallentare o fermare la progressione della malattia stesso-ha lasciato l'inverso solo.3

Solo perché la medicina della corrente principale non ha soluzioni non significa che siete impotente contro Alzheimer.

Dozzine di composti hanno ampia ricerca loro che dimostrano la loro capacità di prendere puntano sui punti degeneranti multipli nello sviluppo di Alzheimer.4,5 questo possono non solo impedire la malattia svilupparsi, ma può anche modificare il corso dei deficit conoscitivi d'inversione di malattia, ristabilendo la memoria, ritardando la progressione della malattia e più.

La complessità di Alzheimer

I sintomi del morbo di Alzheimer, la forma più comune di demenza, cominciano con perdita insidiosa di memoria che progredisce per comprendere tutti gli aspetti di cognizione, compreso le oscillazioni di umore e di confusione.6,7 dopo una malattia dolorosa e prolungata, morte delle cause di Alzheimer; è la sesta causa della morte principale in Americani complessivi e la quinta fra quelli oltre 64.2

Medici sono in un dilemma scientifico e terapeutico con Alzheimer. Sappiamo molto circa i fattori di rischio della malattia, circa le mutazioni patologiche che si presentano nel cervello e circa la biochimica che le è alla base di. Possiamo predire con accuratezza il corso naturale della malattia, una volta che i suoi sintomi diventano evidenti.

Ma fin qui, la medicina convenzionale può non fare quasi niente rallentare o fermare la progressione della malattia, per non parlare di impedicala o inverta.3,7

La parte del problema è la complessità tremenda di Alzheimer. Piuttosto che avendo le singole o alcune cause definite che possono essere mirate a con le diverse medicine, una presentazione complessa delle anomalie correlate contribuisce al morbo di Alzheimer.4 che questi si sviluppano lentamente e la maggior parte sono già sul posto prima che il primo sintomo sorga.6 infine, la perdita di cellule cerebrali ed i loro miliardi di collegamenti conduce per atrofizzare, o il restringimento, del cervello stesso, particolarmente nell'ippocampo e la corteccia, aree del cervello responsabili della memoria, cognizione e personalità.6

la droga sintetica NO--mirata a può ancora indirizzare questi fattori multipli. Offerta di Nutraceuticals un approccio interamente differente. Piuttosto che un singolo obiettivo, la presa di questi prodotti naturali punta sui punti multipli nello sviluppo di Alzheimer.5

La lista dei nutraceuticals ricercati che offrono la speranza per la modificazione del corso del morbo di Alzheimer è lunga e crescere. Molte di queste sostanze nutrienti attaccano Alzheimer ai punti multipli dell'obiettivo.8-10

La lista è così lunga, infatti, che è facile da essere enorme e da domandarsi quali sostanze nutrienti hanno ragione affinchè tutto l'un individuo scelgano. Quella risposta, naturalmente, altamente è individualizzata.

Che cosa abbiamo fatto è meticoloso compila un elenco dei supplementi raggruppato dal genere di prova disponibile per sostenere il loro uso. Il primo gruppo include le sostanze nutrienti con buon supporto dai forti studi umani. Il secondo gruppo include quelli con estesa prova dagli studi epidemiologici che collegano l'assunzione (o i livelli ematici) al rischio di morbo di Alzheimer. Il terzo gruppo è compreso le sostanze nutrienti per cui abbiamo forte prova del laboratorio, ma per quali studi dell'essere umano sono ancora incompleti.  La scienza dietro le strategie nutrizionali per l'impedimento del Alzheimer continua a evolversi.  Qui è che cosa conosciamo a partire da oggi…

Sostanze nutrienti con prova ben fondata dagli studi umani

Acetile-L-carnitina

La Acetile-L-carnitina è una molecola acido-derivata amminica naturale che contribuisce a movimento degli acidi grassi e di altri combustibili vitali dalla cellula in mitochondria.11-13 come tale, contribuisce a salute e ad efficienza mitocondriali del cervello.12-15

Gli studi sugli animali indicano che il completamento della acetile-l-carnitina fa diminuire l'accumulazione di amiloide beta e di proteina taued accelera la degradazione di amiloide beta, contribuente al suo spazio rapido dalle cellule cerebrali.15-17 allo stesso tempo, la acetile-l-carnitina amplifica i livelli antiossidanti cellulari naturali.15 questi cambiamenti sono accompagnati dalla memoria, dalla cognizione e dal comportamento migliori, compreso il rallentamento del tasso di deterioramento.13,18

Confrontato ai pazienti di referenza, i pazienti di Alzheimer completati con acetile-l-carnitina alle dosi di 2 - 3 grammi/giorno per tre - sei mesi mostrano il declino più lento nelle funzioni conoscitive multiple, nei deficit di attenzione riduttori e nell'energia aumentata disponibile alle cellule come ATP, la molecola universale di stoccaggio di energia.19-23 la ricerca della Acetile-l-carnitina fornisce la prima dimostrazione che una terapia nutriente può modificare i parametri del sistema nervoso centrale e clinici del neurochemical della malattia, a differenza di tutte le droghe attuali, che influenzano soltanto i sintomi.3,20

i supplementi della Acetile-l-carnitina, come la maggior parte dei nutraceuticals, funzionano nelle fasi più iniziali del morbo di Alzheimer, sottolineanti l'importanza di iniziare il supplemento molto prima dell'inizio dei sintomi rilevabili.21,22 studi inoltre mostrano che quello che aggiunge la acetile-l-carnitina al donepezil dei farmaci da vendere su ricetta medica o rivastigmina in latta di Alzheimer delicato migliori il tasso di risposta a questi farmaci da 38% a 50%.11

Ginseng

Radici fresche dell'uomo del ginseng  

Il panax ginseng ed i suoi estratti sono utilizzati nella medicina di cinese tradizionale per migliorare la memoria e la cognizione. Questo prodotto vegetale naturale ha meccanismi multipli di azione, compreso la riduzione di beta formazione di placche dell'amiloide, il miglioramento di beta rimozione dell'amiloide e la riduzione della morte di cellula cerebrale.24-27 gli studi sugli animali indicano che il trattamento del ginseng inverte molte della memoria e le anomalie comportamentistiche hanno trovato nei modelli di Alzheimer.28

La buona efficacia di manifestazione umana di test clinici degli estratti del ginseng in termini di migliorare segna sulle scale di valutazione del Alzheimer standard.29 uno studio di ginseng, 4,5 grammi/giorno hanno indicato a miglioramenti che continuato fino ad interrompere il trattamento, dopo di che i punteggi sono diminuito a quelli del gruppo di controllo.30



Che cosa dovete conoscere
Fabbricazione di modello dell'uomo senior

Le sostanze nutrienti attaccano i meccanismi multipli del morbo di Alzheimer

  • Il morbo di Alzheimer ruba la gente — in primo luogo prende le loro memorie, poi le loro personalità ed infine le loro vite.
  • Qualcuno negli Stati Uniti ottiene Alzheimer quasi una volta che un minuto e quel tasso sta aumentando acutamente.
  • I farmaci convenzionali possono modificare soltanto i sintomi; sono interamente inefficaci a cambiare il corso della malattia.
  • I supplementi nutrizionali, di cui ciascuno ha meccanismi multipli di azione, sono più adatti per il combattimento del Alzheimer; molti supplementi differenti mostrano la promessa al rallentamento della malattia e ad invertire le anomalie biochimiche che la sono alla base.
  • Le combinazioni di supplementi possono offrire la protezione più completa contro il morbo di Alzheimer.
  • Indipendentemente dai quali supplementi scegliete, cominciare presto (prima che i sintomi compaiano) è probabile produrre gli effetti molto migliori che aspettando finché le azioni difurto della malattia non siano evidenti.

Huperzine

Huperzine A è una componente biochimica del serrata cinese di Huperzia del licopodio clavato. Lega reversibilmente all'enzima che distrugge l'acetilcolina del neurotrasmettitore, contribuente a mantenere la presenza della molecola di segnalazione nelle sinapsi, dove le cellule nervose comunicano.31,32 questo meccanismo sono simili a quello dell'oggi disponibile delle droghe la maggior parte del Alzheimer comune, ma Huperzine inoltre blocca i canali eccitanti di NMDA che cellule cerebrali del overstimulate, offrenti un percorso non solo al sollievo di sintomo ma anche a rallentare la malattia stessa.33 per concludere, il huperzine protegge i mitocondri dagli effetti distruttivi di amiloide beta ed avvia gli enzimi che degradano la proteina tossica.34,35

Gli studi umani di Huperzine alle dosi di 200 - 400 mcg hanno indicato due volte al giorno il miglioramento significativo,31,36-39 con alcuni studi che dimostrano i miglioramenti di 61%- 348%rispetto a placebo in punteggi che misurano la severità del morbo di Alzheimer e le attività della vita quotidiana.31,37 effetti collaterali secondari quali il gonfiamento e l'insonnia della caviglia sono stati riferiti in 3%dei pazienti che prendono il huperzine.37

Acido lipoico

L'acido lipoico è una piccola molecola che è essenziale per produzione di energia mitocondriale adeguata.40 amplifica i sistemi antiossidanti cellulari naturali.L'acido lipoico 40,41 protegge le cellule cerebrali dalla morte indotta da amiloide beta e da altre sostanze d'ossidazione.42 che inoltre lega strettamente agli ioni tossici del metallo, impedente li l'induzione dello sforzo dell'ossidante.L'acido lipoico 43 amplifica la produzione di acetilcolina nel cervello, mettente a disposizione più del neurotrasmettitore.40 nei modelli animali dei cervelli di invecchiamento, l'acido alfa-lipoico rallenta lo sviluppo di disfunzione e di perdita di memoria conoscitive ed impedisce la degenerazione delle cellule cerebrali.44-46

Negli studi umani, il completamento acido alfa-lipoico a 600 mg/giorno ha condotto a stabilizzazione o il rallentamento del declino conoscitivo, con il morbo di Alzheimer segna rimanere costante per 1 anno e la progressione estremamente lentamente in 4 anni.47,48 come con la maggior parte dei supplementi, gli effetti sono più pronunciati in pazienti con le fasi iniziali della malattia.48

La nota del redattore: l'acido Alfa-lipoico è una miscela di 50/50 di due forme chimiche differenti di acido lipoico, di formadella R„ e di formadi S„. Gli studi indicano che la formadella R„ è più biologicamente attiva e più bioavailable “della S„ forma-come tali, una dose più bassa di acido R-lipoico puro possono essere considerati.49

Contributo nutrizionale al cervello
  • Curcumina (come BMC95® assorbimento-migliorato): 400-800 mg quotidiano
  • Acido R-lipoico: 240-480 mg quotidiano
  • Acetile-L-carnitina: 1,000-3,000 mg quotidiano
  • Olio di pesce: fornendo 1.400 mg EPA e 1.000 quotidiano di mg DHA
  • Vinpocetine: 10-30 mg quotidiano
  • Chinone di Pyrroloquinoline (PQQ): 10-20 mg quotidiano
  • Fosfatidilserina: 100 mg quotidiani
  • Caffè (caffeinated) 3-5 tazze quotidiane, standardizzato idealmente per fornire più alta concentrazione di polifenoli.
  • Estratto del mirtillo: 150-750 mg quotidiano
  • Estratto del tè verde (standardizzato ai polifenoli di 98%): 725-1,450 mg quotidiano
  • Resveratroli: 250 mg quotidiani
  • Intero estratto dell'uva: 150 mg quotidiani
  • Magnesio: 140 mg quotidiani come magnesio-L-THREONATe ed almeno 100 mg quotidiani come citrato di magnesio
  • Vitamina b12: 1,000-5,000 mcg quotidiano
  • Vitamina B-6: 250 mg quotidiani
  • Folato (preferibilmente come L-methylfolate): 400-1,000 mcg quotidiano
  • Vitamina D: quotidiano 5.000 – 8.000 IU; i livelli ematici ottimali di 25-OH-vitamin D sono fra il ng/ml 50-80
  • Coenzima Q10 (preferibilmente ubiquinol): 100-300 mg quotidiano
  • N-acetilcisteina (NAC): 600-1,800 mg quotidiano
  • Estratto di Ashwagandha: 250 mg quotidiani
  • Alfa colina glicerilica di phosphoryl: 600 mg quotidiani
  • Huperzine A: 200-800 mcg quotidiano
  • Panax ginseng: 400-1,000 mg quotidiano
  • Vitamina E: Quotidiano 400 IU con almeno il tocoferolo di gamma di mg 200
  • Ginkgo biloba (estratto standardizzato): 120-240 mg quotidiano

N-acetilcisteina (NAC)

l'N-acetilcisteina (NAC) è un precursore dell'aminoacido del glutatione antiossidante cellulare.50 come tale, può amplificare la protezione intracellulare contro le devastazioni dello sforzo dell'ossidante. Il NAC è stato utilizzato con successo nel laboratorio per pulire le specie reattive dell'ossigeno e per migliorare i cambiamenti comportamentistici veduti in più vecchi animali ed in quelli con le caratteristiche di Alzheimer.41,51

L'isolamento sociale è conosciuto per aumentare il rischio di morbo di Alzheimer, con conseguente livelli di sforzo aumentati dell'ossidante e livelli elevati di amiloide beta. Uno studio intrigante in topi ha indicato che il completamento di NAC potrebbe attenuare dallo lo sforzo indotto da isolamento dell'ossidante e formazione dell'amiloide la beta.52

Gli studi umani, sebbene limitati di numero, abbiano dimostrato il rallentamento del deterioramento in quelli con Alzheimer completato con n-acetilcisteina (NAC), specialmente per le mansioni conoscitive.53

Acidi grassi Omega-3

Uomo che prende le pillole  

La gente con le alte assunzioni dell'olio di pesce, ricche in acidi grassi omega-3, ha livelli più bassi di tutti i tipi di demenza, compreso il morbo di Alzheimer. La gente con i livelli più bassi di assunzione omega-3 ha rischio di maggior Alzheimer.54-57

Omega-3 gli acidi grassi, particolarmente DHA e EPA, riducono l'infiammazione e formano le componenti importanti delle membrane di cellula cerebrale.

Gli studi umani sul completamento omega-3 sono incoraggianti, ma sembra che i benefici sorgano pricipalmente nella gente con Alzheimer molto in anticipo, o danno conoscitivo delicato, la fase che precede Alzheimer stesso.57-60 una volta che la malattia ha raggiunto il delicato alla fase moderata, nessun effetto benefico è visto.61


Vitamina D

La vitamina D è più nota per il suo ruolo nella salute del metabolismo e dell'osso del calcio, ma la decade passata ha rivelato il multiplo altri effetti cruciali della vitamina, che ha molecole del ricevitore in tutto il corpo, particolarmente in cellule cerebrali.62,63 vitamine D ora è considerata un neurormone, con gli effetti benefici multipli nel cervello.64

Gli adulti più anziani e particolarmente la gente con Alzheimer hanno livelli anormalmente bassi di vitamina D rispetto alla popolazione in buona salute.64-66 quelli con i più bassi livelli hanno tanto come 25 volte rischio di avere il predecessore del Alzheimer, danno conoscitivo delicato una volta rispetto a quelli ai livelli elevati di vitamina D.67

La causa specifica - e - relazione di effetto rimane oscura, ma è chiaro che la vitamina D ha molti mezzi differenti di protezione delle cellule cerebrali. Questi comprendono il regolamento dei canali del calcio della cellula cerebrale, fattore di crescita del nervo e la sintesi dell'ossido di azoto come pure meccanismi antiossidanti ed antinfiammatori.62,68-71 la vitamina D inoltre stimola la distanza di amiloide beta, un effetto che è amplificato da curcumina.63,64,72,73

Gli studi mostrano un miglioramento nella cognizione connessa con un miglioramento nello stato di vitamina D.64 vitamine D ha certa sovrapposizione nei meccanismi con la memantina della droga del Alzheimer e uno studio recente ha indicato che usando sia la droga che completa insieme ha fornito risultati superiori a usando l'uno o l'altro da solo.70,74

Ginkgo biloba

Ginkgo - Herb Series guarente  

Gli estratti di ginkgo biloba sono stati in uso in Europa per più di una decade come farmaco da vendere su ricetta medica trattare le demenze degeneranti compreso il morbo di Alzheimer.Il ginkgo 75 riduce la morte di cellula cerebrale e può migliorare la distanza del precursore alle beta proteine dell'amiloide.76,77

I test clinici negli Stati Uniti e l'Europa dimostrano che gli estratti del ginkgo migliorano la funzione conoscitiva,78-80 ma i risultati non sono stati coerenti.81,82 uno studio hanno mostrato che gli estratti del ginkgo può rallentare la progressione di Alzheimer in anticipo entro fino a 25 mesi, mentre però ritardando l'esigenza di dipendenza dai badante.79

Parecchi studi hanno paragonato il ginkgo a donepezil, una delle droghe standard per il trattamento di Alzheimer. Gli entrambi non evidenziati differenze rilevabili fra mg del donepezil 5-10 e mg del ginkgo 160-240 in termini di miglioramento conoscitivo ed uno hanno indicato che la combinazione di donepezil e di ginkgo, mentre non migliorava i risultati, ha ridotto gli effetti collaterali in relazione con donepezil.83,84

Gli estratti del ginkgo alla dose elevata di 240 mg/giorno sembrano mostrare ancora i benefici più impressionanti nelle prove randomizzate e controllate con placebo, in pazienti con delicato per moderare ancora Alzheimer,85-87 ma non tutto il beneficio umano di manifestazione di studi.81,82