Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Prolungamento della vita rivista ottobre 2013
Rapporto  

Rischi letali comportati mediante i mezzi di informazione

Da William Faloon, Luke Huber, ND, MBA, Kira Schmid, ND, Blake Gossard, Scott Fogle, ND

Questo rapporto difettoso richiamerà un'epidemia di carcinoma della prostata?

Questo rapporto difettoso richiamerà un'epidemia di carcinoma della prostata?  

Purtroppo, il pubblico è servito male contando sui mezzi di informazione frenetici del breve discorso per i dati di salute, che comprendono spesso sfoggiare un titolo medico provocatorio senza una valutazione profonda e accurata della validità dello studio.

Questa “scienza dall'agguato„ nega un'opportunità per la controprova significativa, poiché i media non vogliono mai ammettere che l'articolo della settimana scorsa del titolo sia stato simulato.

La differenza media di percentuale (0,18%) degli acidi grassi a catena lunga omega-3 del plasma da una singola prova della linea di base rende lo studio che mette in discussione la sicurezza di omega-3s insignificante. Gli autori nemmeno sanno se i loro oggetti di studio stessero mangiando il pesce o stessero prendendo i supplementi dell'olio di pesce. A prolungamento della vita abbiamo criticato determinati studi che contano solamente sui questionari dell'alimento, ma questo attacco a omega-3s nemmeno ha tentato di accertare di se gli oggetti di studio stessero ingerendo la sostanza nutriente (omega-3s) in questione. Eppure i suoi autori avvertono presuntuoso dei rischi potenziali nel consumo del omega-3s supplementare!

La mancanza di rigore come pure strati multipli dei problemi e degli errori metodologici, benchè la mancanza completa di consistenza con la biologia conosciuta e affermata e la biochimica di carcinoma della prostata, dovrebbero richiamare l'oltraggio lo scientifico ed in comunità medica.

Il pericolo di questa analisi profondamente difettosa e compromessa è che gli uomini invecchianti che ottengono le informazioni di salute con i media della corrente principale cesseranno l'ingestione dell'acido grasso omega-3.

Le conseguenze possono essere malattia profonda se gli uomini evitano omega-3s un risultato di questo studio difettoso e seguono le sue raccomandazioni implicite consumare più grassi omega-6, che migliorano l'infiammazione e creano un migliore ambiente per carcinoma della prostata come pure cardiovascolare da fiorire.

Sebbene i ricercatori tentino di modellare statisticamente (con analisi di più variabili) e controllo per qualche (ma non tutto) critico, i fattori di rischio di confusione come storia della famiglia, le più alte letture di PSA della linea di base (che implicano più cancri di preesistenza) e la storia della famiglia positiva (parente maschio di primo grado con carcinoma della prostata) negli uomini che hanno continuato a svilupparsi l'aumento del carcinoma della prostata interessa per l'integrità dei risultati dell'analisi. Con questi fattori di confusione, la differenza marginale nei livelli del plasma omega-3 della linea di base di uomini che il carcinoma della prostata sviluppato successivo non può razionale implicare omega-3s come avendo un effetto causale o causativo. I livelli del plasma omega-3 di intero gruppo di studio hanno mostrato che il consumo di omega-3 da alimento era insufficiente e assunzione del completamento significativo dell'olio di pesce inesistente.

I consumatori istruiti dovrebbero continuare il consumo quotidiano di olio di pesce omega-3.

Se avete qualunque domande sul contenuto scientifico di questo articolo, chiami prego un consulentedi salute del ® del prolungamento della vita a 1-866-864-3027.

Riferimenti

  1. Brasky TM, Darke AK, canzone X, et al. acidi grassi del fosfolipide del plasma e rischio di carcinoma della prostata nella prova SCELTA. Giornale dell'istituto nazionale contro il cancro. 10 luglio 2013.
  2. Szymanski chilometro, CC del carraio, LA di Mucci. Consumo di pesce e rischio di carcinoma della prostata: una rassegna e una meta-analisi. Il giornale americano di nutrizione clinica. Novembre 2010; 92(5): 1223-1233.
  3. Leitzmann MF, Stampfer MJ, Michaud DS, et al. ingestione dietetica degli acidi grassi n-3 e n-6 ed il rischio di carcinoma della prostata. Il giornale americano di nutrizione clinica. Luglio 2004; 80(1): 204-216.
  4. Chavarro JE, Stampfer MJ, Li H, Campos H, Kurth T, mA J. Uno studio prospettivo di acido grasso poli-insaturo livella nel rischio di carcinoma della prostata e del sangue. Epidemiologia, biomarcatori & prevenzione del Cancro: una pubblicazione dell'Associazione per la ricerca sul cancro americana, patrocinata dalla società americana di oncologia preventiva. Luglio 2007; 16(7): 1364-1370.
  5. Bosire C, Stampfer MJ, Subar AF, et al. a modelli dietetici basati a indice ed il rischio di carcinoma della prostata nella dieta e nella salute di NIH-AARP studiano. Giornale americano di epidemiologia. 15 marzo 2013; 177(6): 504-513.
  6. LA di Epstein millimetro, di Kasperzyk JL, di Mucci, et al. assunzione dell'acido grasso e sopravvivenza dietetiche del carcinoma della prostata nella contea di Orebro, Svezia. Giornale americano di epidemiologia. 1° agosto 2012; 176(3): 240-252.
  7. CD di Williams, BM di Whitley, Hoyo C, et al. Un alto rapporto degli acidi grassi polinsaturi dietetici n-6/n-3 è associato a un aumentato rischio di carcinoma della prostata. Ricerca in nutrizione (New York, N.Y.). Gennaio 2011; 31(1): 1-8.
  8. Norrish EA, Skeaff cm, Arribas GL, Sharpe SJ, Jackson RT. Rischio di carcinoma della prostata e consumo di oli di pesce: ad uno studio basato a biomarcatore dietetico di caso-control. Giornale britannico di cancro. Dicembre 1999; 81(7): 1238-1242.
  9. Yang YJ, Lee SH, Hong SJ, Chung BC. Confronto dei profili dell'acido grasso nel siero dei pazienti con carcinoma della prostata e l'iperplasia prostatica benigna. Biochimica clinica. Agosto 1999; 32(6): 405-409.
  10. Astorg P. acidi grassi polinsaturi N-6 e N-3 di Dietary e rischio di carcinoma della prostata: una rassegna di prova epidemiologica e sperimentale. Cause & controllo del Cancro: Ccc. Maggio 2004; 15(4): 367-386.
  11. Augustsson K, Michaud DS, Rimm eb, et al. Uno studio prospettivo di assunzione del pesce ed acidi grassi e carcinoma della prostata marini. Epidemiologia, biomarcatori & prevenzione del Cancro: una pubblicazione dell'Associazione per la ricerca sul cancro americana, patrocinata dalla società americana di oncologia preventiva. Gennaio 2003; 12(1): 64-67.
  12. Aronson WJ, Kobayashi N, Barnard RJ, et al. prova randomizzata futura di fase II di una dieta a bassa percentuale di grassi con il completamento dell'olio di pesce in uomini che subiscono prostatectomia radicale. Ricerca di prevenzione del cancro (Filadelfia, PA.). Dicembre 2011; 4(12): 2062-2071.
  13. Cao J, KA di Schwichtenberg, Hanson NQ, Tsai MIO. Incorporazione e distanza degli acidi grassi omega-3 in membrane dell'eritrocito e fosfolipidi del plasma. Chimica clinica. Dicembre 2006; 52(12): 2265-2272.
  14. Gli effetti comparativi di Harris W. et al. di una dose acuta dell'olio di pesce su acido grasso omega-3 livella in globuli rossi contro plasma: Implicazioni per utilità clinica. Giornale di Lipidology clinico, 5/9/2013.
  15. Associazione del cancro americana. Disponibile a: http://www.cancer.org/cancer/prostatecancer/detailedguide/prostate-cancer-risk-factors. 7/15/2013 raggiunto.
  16. Centro medico dell'università del Maryland. Carcinoma della prostata. Disponibile a: http://umm.edu/health/medical/altmed/condition/prostate-cancer ha acceduto a 7/15/2013.
  17. Thomas JA, secondo, Gerber L, Banez LL, et al. rischio di carcinoma della prostata in uomini con storia della linea di base della coronaropatia: risultati dallo studio di RIDUZIONE. Epidemiologia, biomarcatori & prevenzione del Cancro: una pubblicazione dell'Associazione per la ricerca sul cancro americana, patrocinata dalla società americana di oncologia preventiva. Aprile 2012; 21(4): 576-581.
  18. Farhat G. et al. Il collegamento fra osteoporosi e la malattia cardiovascolare. Clin riveste il minatore Bone Metab. 2008 gennaio-aprile; 5(1): 19–34.
  19. Bruner DW, Moore D, Parlanti A, Dorgan J, rischio di Engstrom P. Relative di carcinoma della prostata per gli uomini con i parenti colpiti: rassegna e meta-analisi sistematiche. Giornale internazionale di cancro. Giornale international du cancer. 10 dicembre 2003; 107(5): 797-803.
  20. SR di Chinni, Li Y, Upadhyay S, Koppolu PK, Sarkar FH. Indole-3-carbinol (I3C) ha indotto l'arresto di inibizione della crescita, del ciclo cellulare G1 e apoptosi delle cellule in cellule di carcinoma della prostata. Oncogene. 24 maggio 2001; 20(23): 2927-2936.
  21. Cohen JH, Kristal AR, Stanford JL. Assunzioni della verdura e della frutta e rischio di carcinoma della prostata. Giornale dell'istituto nazionale contro il cancro. 5 gennaio 2000; 92(1): 61-68.
  22. Vita di Morgentaler A. Testosterone For. New York, NY: McGraw-Hill; 2008.
  23. Vijayakumar S, Mehta RR, Boerner PS, Packianathan S, Mehta RG. Test clinici che comprendono gli analoghi di vitamina D nel carcinoma della prostata. Giornale del Cancro (Sudbury, Massachusetts). Settembre-ottobre 2005; 11(5): 362-373.
  24. Lou anno, Qiao S, Talonpoika R, Syvala H, Tuohimaa P. Il ruolo del metabolismo di vitamina D3 nel carcinoma della prostata. Il giornale di biochimica steroide e di biologia molecolare. Novembre 2004; 92(4): 317-325.
  25. EM di John, GG di Schwartz, Koo J, Van Den Berg D, Ingles SA. Esponga al sole l'esposizione, i polimorfismi del gene del ricevitore di vitamina D ed il rischio di carcinoma della prostata avanzato. Ricerca sul cancro. 15 giugno 2005; 65(12): 5470-5479.
  26. Ben Sahra I, Laurent K, Giuliano S, et al. mirante al metabolismo della cellula tumorale: la combinazione di metformina e di deossiglucosio 2 induce gli apoptosi di p53-dependent in cellule di carcinoma della prostata. Ricerca sul cancro. 15 marzo 2010; 70(6): 2465-2475.
  27. Teiten MH, Gaascht F, Eifes S, Dicato m., potenziale di Diederich M. Chemopreventive di curcumina nel carcinoma della prostata. Geni & nutrizione. Marzo 2010; 5(1): 61-74.
  28. CB di Piantino, Salvadori FA, Ayres pp, et al. Una valutazione dell'attività antineoplastica di curcumina nelle linee cellulari del carcinoma della prostata. Urol internazionale del braz J: Gazzetta ufficiale della società brasiliana di urologia. Maggio-giugno 2009; 35(3): 354-360; discussione 361.
  29. Nuovo venuto LM, re IB, Wicklund chilogrammo, Stanford JL. L'associazione degli acidi grassi con il rischio di carcinoma della prostata. La prostata. 1° giugno 2001; 47(4): 262-268.
  30. Niclis C, Diaz Mdel P, Eynard AR, MD romano, abitudini di Vecchia C. Dietary della La e prevenzione di carcinoma della prostata: una rassegna degli studi d'osservazione mettendo a fuoco sul Sudamerica. Nutrizione e cancro. 2012;64(1):23-33.
  31. Hassan S, Carraway CON RIFERIMENTO A. Partecipazione di metabolismo dell'acido arachidonico e del ricevitore di EGF dalla nella crescita indotta neurotensin delle cellule del carcinoma della prostata PC3. Peptidi regolatori. 15 gennaio 2006; 133 (1-3): 105-114.
  32. Il RM di Moretti, Montagnani Marelli la m., Sala A, Motta la m., Limonta P. Activation del ricevitore nucleare orfano RORalpha neutralizza l'effetto proliferativo degli acidi grassi sulle cellule di carcinoma della prostata: un ruolo cruciale di lipossigenasi 5. Giornale internazionale di cancro. Giornale international du cancer. 20 ottobre 2004; 112(1): 87-93.
  33. Matsuyama m., Yoshimura R, Mitsuhashi m., et al. espressione di lipossigenasi nella riduzione umana di crescita e del carcinoma della prostata dai suoi inibitori. Giornale internazionale di oncologia. Aprile 2004; 24(4): 821-827.
  34. Gupta S, Srivastava m., Ahmad N, Sakamoto K, la DG di Bostwick, Mukhtar H. Lipoxygenase-5 overexpressed nell'adenocarcinoma della prostata. Cancro. 15 febbraio 2001; 91(4): 737-743.
  35. Ghosh J, CE di Myers. L'acido arachidonico stimola la crescita delle cellule di carcinoma della prostata: un ruolo critico di lipossigenasi 5. Comunicazioni biochimiche e biofisiche di ricerca. 18 giugno 1997; 235(2): 418-423.
  36. Gao X, Grignon DJ, Chbihi T, et al. elevato 12 componenti di espressione del mRNA della lipossigenasi con differenziazione avanzata del povero e della fase di carcinoma della prostata umano. Urologia. Agosto 1995; 46(2): 227-237.
  37. Sundaram S, Ghosh J. Expression del ricevitore 5-oxoETE in cellule di carcinoma della prostata: ruolo critico nella sopravvivenza. Comunicazioni biochimiche e biofisiche di ricerca. 6 gennaio 2006; 339(1): 93-98.
  38. CE di Myers, inibizione di Ghosh J. Lipoxygenase nel carcinoma della prostata. Urologia europea. 1999;35(5-6):395-398.
  39. Helgadottir A, Manolescu A, Thorleifsson G, et al. Il gene che codifica la proteina d'attivazione della lipossigenasi 5 conferisce rischio di infarto miocardico e di colpo. La genetica della natura. Marzo 2004; 36(3): 233-239.
  40. CD di Poff, Balazy M. Drugs che mira alle lipossigenasi ed ai leucotrieni come terapie emergenti per asma e cancro. Obiettivi correnti della droga. Infiammazione ed allergia. Marzo 2004; 3(1): 19-33.
  41. Interruttore dei truffatori, Bayley DL, collina SL, RA di Stockley. Infiammazione bronchiale nelle esacerbazioni batteriche acute della bronchite cronica: il ruolo di leucotriene B4. Il giornale respiratorio europeo. Febbraio 2000; 15(2): 274-280.
  42. Adam O, Beringer C, Kless T, et al. effetti antinfiammatori di una dieta dell'acido arachidonico e di un olio di pesce bassi in pazienti con l'artrite reumatoide. Internazionale di reumatologia. Gennaio 2003; 23(1): 27-36.
  43. KB di Kristal AR, di Arnold, Neuhouser ml, et al. dieta, uso di supplemento e rischio di carcinoma della prostata: risultati dalla prova di prevenzione di carcinoma della prostata. Giornale americano di epidemiologia. 1° settembre 2010; 172(5): 566-577.
  44. CR di Ritch, CB di Brendler, RL pallido, Pickett KE, Sokoloff MH. La relazione degli acidi grassi polinsaturi della membrana dell'eritrocito e dell'antigene prostatico specifico livella in uomini giamaicani. Internazionale di BJU. Giugno 2004; 93(9): 1211-1215.
  45. Mori m., Masumori N, Fukuta F, et al. giapponese tradizionale è a dieta e carcinoma della prostata. Nutrizione molecolare & ricerca alimentare. Febbraio 2009; 53(2): 191-200.
  46. Ferris-Tortajada J, Berbel-Tornero O, Garcia-Castell J, Ortega-Garcia JA, Lopez-Andreu JA. Fattori dietetici connessi con carcinoma della prostata: effetti protettivi della dieta Mediterranea. Espanolas di urologicas di Actas. Aprile 2012; 36(4): 239-245.
  47. RB di Singh, Niaz mA, Sharma JP, Kumar R, Rastogi V, Moshiri M. Randomized, prova alla cieca, prova controllata con placebo dell'olio di pesce e dell'olio di senape in pazienti con infarto miocardico acuto sospettato: l'esperimento indiano della sopravvivenza di infarto--4. Droghe cardiovascolari e terapia/promosso dalla società internazionale della farmacoterapia cardiovascolare. Luglio 1997; 11(3): 485-491.
  48. Yokoyama m., Origasa H, Matsuzaki m., et al. effetti di acido eicosapentanoico sugli eventi coronari importanti in pazienti ipercolesterolemici (JELIS): un'aperto etichetta randomizzata, analisi accecata di punto finale. Lancetta. 31 marzo 2007; 369(9567): 1090-1098.
  49. Svensson m., Schmidt eb, KA di Jorgensen, Christensen JH. Acidi grassi N-3 come prevenzione secondaria contro gli eventi cardiovascolari in pazienti che subiscono l'emodialisi cronica: una prova randomizzata e controllata con placebo di intervento. Giornale clinico della società americana di nefrologia: CJASN. Luglio 2006; 1(4): 780-786.
  50. von Schacky C, Angerer P, Kothny W, Theisen K, Mudra H. L'effetto degli acidi grassi dietetici omega-3 su aterosclerosi coronaria. Un randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo. Annali di medicina interna. 6 aprile 1999; 130(7): 554-562.
  51. Geleijnse JM, Giltay EJ, Grobbee DE, Donders AR, Kok FJ. Risposta di pressione sanguigna al completamento dell'olio di pesce: analisi di metaregression delle prove randomizzate. Giornale di ipertensione. Agosto 2002; 20(8): 1493-1499.
  52. Schiano V, Laurenzano E, Brevetti G, et al. acido grasso poli-insaturo Omega-3 nella malattia arteriosa periferica: effetto sul modello del lipido, sulla severità di malattia, sul profilo di infiammazione e sulla funzione endoteliale. Nutrizione clinica (Edimburgo, Scozia). Aprile 2008; 27(2): 241-247.
  53. Marchioli R, Barzi F, Bomba E, et al. protezione iniziale contro morte improvvisa dagli acidi grassi polinsaturi n-3 dopo infarto miocardico: analisi di del tempo corso dei risultati del Gruppo Italiano per nell'Infarto Miocardico (GISSI) - Prevenzione di Sopravvivenza di della dello studio dello. Circolazione. 23 aprile 2002; 105(16): 1897-1903.
  54. Efficacia degli acidi grassi polinsaturi n-3 e possibilità di ottimizzazione delle strategie preventive in pazienti all'alto rischio cardiovascolare: la spiegazione razionale, la progettazione e le caratteristiche della linea di base del Rischio e del Prevenzione studiano, una grande prova randomizzata nella medicina generale. Prove. 2010;11:68.
  55. Sbavi il ml, Fehily, Gilbert JF, et al. gli effetti dei cambiamenti in grasso, il pesce e le assunzioni della fibra sulla morte e sul re-infarto del miocardio: prova di re-infarto e di dieta (DARDO). Lancetta. 30 settembre 1989; 2(8666): 757-761.
  56. Zhao YT, Chen Q, Sun YX, et al. prevenzione della morte cardiaca improvvisa con gli acidi grassi omega-3 in pazienti con la coronaropatia: una meta-analisi delle prove controllate randomizzate. Annali di medicina. 2009;41(4):301-310.
  57. PE di Marik, integratori alimentari di Varon J. Omega-3 ed il rischio di eventi cardiovascolari: una rassegna sistematica. Cardiologia clinica. Luglio 2009; 32(7): 365-372.
  58. Leon H, Shibata MC, Sivakumaran S, Dorgan m., Chatterley T, Tsuyuki RT. Effetto dell'olio di pesce sulle aritmia e sulla mortalità: rassegna sistematica. BMJ (ed clinico di ricerca.). 2008; 337: a2931.
  59. Bucher HC, Hengstler P, Schindler C, acidi grassi polinsaturi di Meier G.N-3 nella coronaropatia: una meta-analisi delle prove controllate randomizzate. La rivista di medicina americana. Marzo 2002; 112(4): 298-304.