Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine giugno del 1995

Manipolazione dietetica di invecchiamento

Può la restrizione di caloria rallentare il processo di invecchiamento ed estendere la durata della vita massima in scimmie?

Il solo metodo che è stato indicato coerente per estendere la durata massima e per rallentare il processo di invecchiamento in animali da laboratorio è stato la restrizione di caloria senza malnutrizione. La lunga storia della ricerca di caloria comincia con il lavoro del dietista Clive M. McCay di Cornell University negli anni 30.

McCay poteva estendere la durata della vita massima dei ratti più da di 50% dalla restrizione severa di caloria che comincia molto presto nella vita, subito dopo svezzare. Gli effetti collaterali del regime di McCay erano anche severi, compreso i frequenti sequestri, rinvio di maturazione sessuale e morte prematura. Coloro che ha sopravvissuto al regime più successivamente è stato commutato ad una dieta normale ed ha continuato a vivere più di lunghezza fino a due anni di controllano. La caloria il più lungamente viva ha limitato il ratto superstite a per i più di 1.800 giorni (l'equivalente di circa 200 anni in esseri umani) nel laboratorio di Morris H. Ross all'istituto per ricerca sul cancro in Filadelfia.

Ulteriore ricerca ha indicato che l'effetto d'estensione di durata della vita della restrizione di caloria si presenta in topi come pure in ratti e che rallenta molti degli effetti di invecchiamento. Roy Walford del centro medico del UCLA era il primo per indicare che la restrizione di caloria del delicato--moderato iniziata nell'età adulta (in topi) può anche rallentare l'invecchiamento ed estendere la durata della vita massima, sebbene in misura minore che in animali severamente limitati. Altri studi hanno indicato che la restrizione di caloria estende la durata della vita massima in pulci di acqua, in rotiferi, in ragni ed in pesce oltre ai roditori.

Implicazioni di ricerca di restrizione di caloria

I risultati di Walford che la restrizione di caloria “funziona„ in animali adulti lo ha condotto a proporre la restrizione di caloria al fine del rallentamento dell'invecchiamento e dell'estensione della durata della vita in esseri umani. Le idee di Walford cui considera come appropriate sulla caloria e sull'assunzione degli elementi nutritivi per una dieta del prolungamento della vita è trovata in suo libro la dieta 12O-Year: Come raddoppiare il vostro Vital Years (Simon e Schuster, 1986) ed in un programma ha progettato a questo fine.

Il mistero principale che rimane quando tenendo conto degli effetti di prolungamento della vita della caloria la restrizione è come e perché funziona! La restrizione di caloria è un modello potente della ricerca per le cause di invecchiamento. Una spiegazione scientifica dei meccanismi di azione in questione nella restrizione di caloria ha potuto permetterci di progettare le terapie sicure e semplici per rallentare l'invecchiamento ed estendere la durata della vita senza gli effetti collaterali della restrizione severa di caloria e dell'inconveniente della restrizione moderata di caloria.

Effetti sulla funzione neuroendocrina

Uno degli approcci di promessa alla ricerca i meccanismi di azione della restrizione di caloria è i suoi effetti sulla funzione neuroendocrina, che svolge un ruolo critico nella crescita, nello sviluppo, nella maturazione sessuale e nell'invecchiamento. Poiché la restrizione severa di caloria pospone la maturazione sessuale e ritarda lo sviluppo fisico, ha chiaramente un effetto profondo sugli organi endocrini quale l'ipofisi, che regola le funzioni vitali di vita quali la riproduzione, la temperatura corporea, la funzione sessuale, la pressione sanguigna e la coordinazione.

Verso la fine degli anni 70 e 80s, Paul Segall e Paola Timiras dell'università. di California a Berkeley, esplorato gli effetti neuroendocrini della restrizione del triptofano dell'aminoacido essenziale, un tipo di restrizione di caloria che inoltre produce gli effetti antinvecchiamento e d'estensioni. In un esperimento notevole, potevano convincere il triptofano ratti femminili sfavoriti, che erano stati messi su una dieta normale, per produrre la prole in buona salute all'età di 28 mesi dell'età, che sarebbero stati equivalenti ad una donna di 70 anni che dà alla luce ad un bambino in buona salute.

Segall e Timiras hanno scoperto i cambiamenti profondi nei livelli del neurotrasmettitore nei cervelli dei loro animali da esperimento, ma non potevano esplorare le implicazioni di questi cambiamenti riguardo ad invecchiamento perché il loro finanziamento si è esaurito. Nessun altro gruppo di ricerca ha perseguito adeguatamente questa linea di ricerca.

Radicali liberi, antiossidanti e restrizione di caloria

Ampiamente è stato speculato che i radicali liberi sono compresi nell'invecchiamento -- una teoria inizialmente proposta da Dott. Denham Harman dell'università di centro medico del Nebraska a Omaha. Gli esperimenti con gli antiossidanti d'inibizione libero radicali da Harman ed altri hanno indicato che antiossidanti quali il BHT, la BHA e l'aumento dell'etossichina la durata della vita media dei topi (particolarmente negli sforzi di breve durata (inclini l'inizio iniziale delle malattie letali), ma nella durata della vita non massima.

Il Dott. Harman ritiene che la ragione che gli antiossidanti dietetici non hanno potuti estendere la durata della vita massima negli esperimenti sia la loro omissione di entrare nei mitocondri sottocellulari, le centrali elettriche delle cellule, in cui l'energia è generata e l'attività del radicale libero è più intensa. Harman crede che gli antiossidanti specialmente progettati capaci efficacemente di inibizione dei radicali liberi eccessivi all'interno dei mitocondri abbiano prodotto gli importante crescite nella durata della vita massima.

Finora, il solo antiossidante conosciuto per avere effetti biologici all'interno dei mitocondri è Coenzyme-Q10, che è stato indicato per estendere la durata della vita massima in uno studio in topi e la durata della vita media in un altro studio in topi. In entrambi questi studi, gli animali che ricevono Coenzyme-Q10 sono rimanere straordinario giovanili e vigorosi durante la vecchiaia media e. Gli scienziati ora stanno esplorando la vista che gli effetti d'estensione di durata della vita della restrizione di caloria possono accadere perché la riduzione di dispendio energetico connessa con la restrizione di caloria riduce la generazione di radicali liberi ed amplifica l'attività dei sistemi di difesa antiossidanti interni.

Sostenendo questo punto di vista sia rapporti che le attività della catalasi antiossidante primaria degli enzimi del corpo (CAT), del glutatione perossidasi (GPX) e del superossido dismutasi (ZOLLA), che diminuiscono con l'età d'avanzamento, sono aumentate dalla restrizione di caloria in fegati del topo e del ratto; così come prova che “le orme„ metaboliche dei cambiamenti ossidativi in lipidi, proteine e DNA, che aumentano con l'età d'avanzamento, sono ridotte dalla restrizione di caloria in fegati del topo. Al contrario, nessun tali cambiamento è stato trovato nei fegati del ratto in un altro studio.

In uno studio più recente dagli scienziati all'università di Wisconsin a Madison, è stato trovato che la restrizione di caloria ha aumentato l'attività del CAT e di GPX, ma non ZOLLA in muscolo scheletrico del ratto. Un altro che trova in questo studio era che, in ratti normalmente alimentati, c'era una diminuzione di 48% in massa del muscolo (in loro arto posteriore superiore), che non si è presentata nei ratti limitati caloria!

Estensione del To Monkeys di modello

Recentemente, due progetti di installazione dei gruppi di ricerca determinare se le portate antinvecchiamento della restrizione di caloria in roditori possono essere estese fino le scimmie, che sono molta più vicino agli esseri umani sulla scala evolutiva. Se il modello risulta essere applicabile alle scimmie, i ricercatori cercheranno le cause degli effetti antinvecchiamento della restrizione di caloria. Concentreranno l'attenzione speciale sul ruolo dei meccanismi del radicale libero nell'invecchiamento, ma inoltre riuniranno la prova di altri meccanismi possibili di azione.

I problemi di valutazione dell'invecchiamento nelle scimmie sono ardui. Il problema principale è la lunghezza della loro durata della vita, che è misurata nelle decadi piuttosto che gli anni. Ciò lo rende poco pratico usare la durata della vita massima al fine della valutazione degli effetti antinvecchiamento potenziali. (Questo problema è, naturalmente, ancora peggiore in esseri umani.)

Un altro problema è la scarsità “dei biomarcatori non invadenti credibili di invecchiamento„ per fornire buone informazioni sull'età biologica delle scimmie. Tali biomarcatori sono necessari da tentare di valutare gli effetti antinvecchiamento possibili dei regimi specifici o delle terapie. Alcuni biomarcatori proposti di invecchiamento, quali i cambiamenti in chimica e struttura del cervello, possono essere misurati soltanto dopo che gli animali sono stati sacrificati. Ciò è ben più facile da fare in roditori, che sono relativamente economici e di breve durata confrontati alle scimmie.

L'università di studio di Wisconsin

Uno degli studi della restrizione di caloria in scimmie sta intraprendendo all'università di Wisconsin a Madison sotto la direzione di Richard Weindruch, che ha eseguito molti esperimenti della restrizione di caloria (con Roy Walford) al centro medico del UCLA a Los Angeles.

Lo studio di Wisconsin comprende 30 resi maschii, che avevano 8-14 anni (media 9.3-year) all'inizio dello studio nell'aprile 1989 e che avevano vissuto le loro intere vite al centro regionale del primate di Wisconsin, a seguito di un periodo di mese 3-6 quando i dati della linea di base sono stati ottenuti, 15 scimmie sono state assegnate ad un gruppo di controllo e ad un libero accesso dato ad una dieta semipurificata per 6-8 ore al giorno. Le altre 15 scimmie sono state alimentate la stessa dieta a 70% dei loro livelli dell'assunzione della linea di base.

Provando sia sulla caloria hanno limitato che i gruppi di controllo è stato condotto ad intervalli di 6 mesi. Fra le misure valutate nelle scimmie sono stati le dimensioni e la composizione del corpo, l'attività fisica, il consumo di ossigeno, i livelli e il glucoregulation dell'insulina, le funzioni oculari, la crescita del chiodo, le funzioni cardiovascolari e le funzioni ematologiche.

Metabolismo dei carboidrati migliore in scimmie

Finora, gli scienziati di Wisconsin hanno trovato che la restrizione di caloria sta producendo gli stessi effetti antinvecchiamento in scimmie di in roditori. Hanno trovato, per esempio, (dopo 30 mesi dello studio) le concentrazioni di digiuno in quel plasma di glucosio e di insulina erano significativamente più basse ed i livelli glicosilati di quell'emoglobina erano leggermente più bassi in scimmie limitate caloria che negli animali di controllo. (È provato che le donne con i livelli glicosilati elevati dell'emoglobina hanno un'più alta incidenza che-normale della malattia vascolare aterosclerotica.)

D'altra parte, la densità di globulo rosso, che aumenta normalmente con l'età d'avanzamento ed i livelli antiossidanti degli enzimi, che diminuiscono normalmente con l'età d'avanzamento, non sono stati alterati sensibilmente nelle scimmie limitate caloria contrariamente alle alterazioni significative in queste funzioni in topi ed in ratti limitati caloria. Può essere, tuttavia, che tali cambiamenti si presenteranno più successivamente nello studio quando gli animali sono stati sulla dieta a basso tenore di calorie per un periodo più lungo.

NIA Study

I secondi studi della restrizione di caloria in scimmie stanno intraprendendi dagli scienziati all'istituto nazionale su invecchiamento (NIA). È stato iniziato nel 1987 con 30 resi maschii, 1-5 anni e 30 scimmie scoiattolo maschii, 1-10 anni, sotto la direzione di Don Ingram del centro di ricerca della gerontologia di NIA a Baltimora. Gli animali alloggiati nel centro animale di NIH in Poolesville, Maryland, sono stati divisi nei gruppi di controllo e sperimentali.

Gli scienziati di NIA hanno formulato una dieta semisintetica basata sopra i fabbisogni alimentari stabiliti per le scimmie, completati con la vitamina e gli integratori minerali. Tutti gli animali sono stati dati il libero accesso ad alimento per un mese, al che gli animali da esperimento hanno cominciato a ricevere 1O% meno alimento per tre mesi consecutivi. C'è stato prova periodica di varie funzioni fisiologiche e biochimiche nel tentativo di valutare gli effetti della restrizione di caloria su invecchiamento negli animali da esperimento.

Nessun cambiamenti veduti finora

Gli scienziati di NIA hanno osservato molto attentamente parecchie funzioni di sistema immunitario, che diminuiscono con l'età d'avanzamento nelle scimmie di invecchiamento ed i livelli del glucosio e dell'insulina del plasma, che sono elevati nelle scimmie di invecchiamento. Finora, gli scienziati di NIA non sono riuscito a trovare alcuni cambiamenti significativi in questi parametri negli animali da esperimento, contrariamente agli effetti antinvecchiamento nel metabolismo dei carboidrati trovato dagli scienziati di Wisconsin nei loro animali limitati caloria e gli effetti antinvecchiamento generali trovati da molti scienziati in topi ed in ratti.

Gli scienziati di NIA hanno speculato circa il fatto che hanno ancora vedere tutti gli effetti antinvecchiamento nei loro animali dopo quattro anni di studio come segue:

“Quattro anni di restrizione dietetica riguardante la durata della scimmia è relativamente… soltanto un periodo di periodo ridotto e può richiedere la restrizione per tutta la vita o la restrizione su un maggior periodo di vita di vedere gli effetti nel primate. "
T scienziati di Wisconsin ulteriori crede che gli scienziati di NIA ancora non abbiano visto alcuni effetti antinvecchiamento nei loro animali a causa di un grado più basso di restrizione di caloria nello studio di NIA. Come lo hanno messo:
“nel nostro studio, ingestione di cibo è stato misurato durante il periodo esteso della linea di base e le assegnazioni dell'alimento per le scimmie successivamente sulla restrizione dietetica sono state calcolate dai loro diversi livelli della linea di base. Nell'altro studio, le assegnazioni dell'alimento per le scimmie limitate sono state basate sulle tavole delle assunzioni previste, che sembrano sopravvalutare i livelli di assunzione dagli animali adulti. Questa differenza nella progettazione ha provocato una più piccola riduzione reale dell'assunzione per le loro scimmie sulla restrizione dietetica che per i nostri. "

Lo studio Biosphere-2 in esseri umani

Il 26 settembre 1991, quattro uomini e quattro donne, 25-67 anni, (via la sacca d'aria) Biosphere-2 impostato, uno spazio incluso da 3,15 acri che contiene un ecosistema vicino a Tucson, Arizona. La grande struttura dell'vetro-e-acciaio alloggia sette biome: foresta pluviale, savanna, oceano, palude, deserto, terreno agricolo e un habitat per gli esseri umani e gli animali.
Biosphere-2 è “si apre„ a quella luce solare e la energia elettrica può entrare ed il calore può essere rimosso. Il trasferimento libero di informazioni elettroniche inoltre è permesso. Tuttavia, tutto il materiale organico, l'acqua e virtualmente tutta l'aria è riciclato e tutto l'alimento è alzato all'interno della recinzione.

Dopo che “il Biospherians„ era stato nel loro ecosistema speciale per un po', hanno rend contoere che avrebbero non potuti alzare tant'alimento come avuto anticipato, ma che la loro dieta era ricca in sostanze nutrienti. Poiché uno del Biospherians (il solo medico nel gruppo) era Roy Walford del centro medico del UCLA, un pioniere nella ricerca della restrizione di caloria che si contende che un ipocalorico, a bassa percentuale di grassi, alto-complesso-carboidrato, la dieta di alimento dell'basso animale dovrebbe rallentare l'invecchiamento ed estendere la durata della vita in esseri umani, è stato deciso che il Biospherians ha fornito ad un gruppo unico per verificare la teoria di Walford durante un semestre.

Che cosa il Biospherians ha consumato

Nel corso di questo studio, il Biospherians ha consumato una media di 1.780 calorie un il giorno ed ha realizzato circa 3-4 ore di lavoro pesante ogni giorno. La loro dieta era in gran parte vegetariana con un'assunzione di sei varietà di frutta (banana, fico, guaiava, limone, papaia e kumquat); cinque tipi di piselli secchi rotti del grano (avena, riso, sorgo, grano e cereale), di arachidi, di tre varietà di fagioli, di 19 verdure e di patate dolci bianche e di verde; e piccole quantità di latte di capra e yogurt, carne di capra, carne di maiale, pollo, pesce ed uova.

Per completare questa dieta, inoltre hanno preso la vitamina/integratori minerali quotidiani, che hanno incluso 100% degli importi “sicuri ed adeguati„ di vitamina A, della vitamina B-12, della vitamina C (500 mg), della vitamina la E (400 IU), della vitamina D e dell'acido folico. Un'ampia varietà di prove è stata eseguita sul Biospherians, compreso le analisi standard di urina e del sangue ed altre prove specializzate.

Le funzioni in relazione con l'invecchiamento migliorano

Il Dott. Walford, che era sia oggetto che ricercatore, ha trovato i cambiamenti fisiologici simili a quelli veduti in roditori limitati caloria, nel Biospherians limitato alimento. Fra i risultati nello studio oggetto-nell'aggiunta a perdita di peso--era un calo di 35% nei livelli di colesterolo nel siero, in una profonda diminuzione nei livelli del glucosio del siero e nei miglioramenti nella funzione del neutrofilo e del linfocita, le due misure della salute del sistema immunitario. La conclusione dello studio era che “… il radicale e possibilmente cambiamenti utili nei fattori di rischio fisiologici può essere prodotto in individui ricchi normali in paesi occidentali rapidamente e riproducibile tramite manipolazione dietetica. "

Andando sulla dieta di Walford

I membri che avrebbero voluto andare sulla dieta di Walford, o su una certa variazione di, lo troverebbero utile ottenere un programma unico e interattivo destinato dal Dott. Walford per aiutare la gente a trovare la loro dieta ottimale per salute e la longevità. Una nuova, versione aggiornata di questo programma sarà presto disponibile. Vi porteremo più informazioni circa questo programma in un'emissione futura della rivista del prolungamento della vita.

Poiché la dieta di Walford non è una misura temporanea destinata a perdita di peso a breve termine, ma è un programma per tutta la vita per regolare quanto dei tipi differenti di alimenti consumate, il fondamento del prolungamento della vita raccomanda l'alta sostanza nutriente, prodotti di sostituzione del pasto per quelle di voi che può ha bisogno dell'aiuto nel raggiungimento del tipo di restrizione di caloria proposto da Walford.

Il prodotto che di sostituzione più nutriente del pasto raccomandiamo è miscela di vita--una miscela unica molto delle piccole quantità di alimenti altamente nutrienti si è sviluppata dal dietista Lillian Grant, di cui i clienti includono il film e le stelle della TV. La miscela di vita può essere mista con quasi tutto il liquido--quali acqua, latte, o il succo di frutta--per produrre una bevanda deliziosa e nutriente dell'multi-alimento. La miscela di vita contiene molte degli stessi grani, verdure e frutta descritta nella dieta del Biospherian.