Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine luglio 1996
immagine

Sollievo dal dolore naturale per l'artrite ed altre malattie infiammatorie

L'approccio di FDA al trattamento dell'artrite

La medicina della corrente principale, che funziona attraverso l'amministrazione dell'alimento & della droga degli Stati Uniti (FDA), cura i pazienti di artrite con i corticosteroidi e gli anti-infiammatori non steroidei (NSAIDs), quali Motrin (Upjohn), Clinioril (Merck, Sharp & Dohme) e indometacina (Lederle). Mentre queste droghe possono essere del beneficio a breve termine, producono gli effetti collaterali seri quale l'ulcerazione gastrica con danno del rene e del fegato. Le stime sono che uccisione convenzionale delle droghe di artrite oltre 7.000 Americani e causano le 70.000 ospedalizzazioni all'anno! Il peggio di tutti, uso a lungo termine di molte di queste droghe provoca l'immobilizzazione unita completa, poichè queste droghe non riescono a trattare la causa fondamentale della maggior parte delle forme di artrite. Le droghe approvate dalla FDA esacerbano la ripartizione catabolica della cartilagine ed impediscono l'espressione della riparazione anabolica naturale.

Blocchetto di NSAIDS la produzione di determinate prostaglandine che contribuiscono al processo distruttivo di artrite. Le prostaglandine sono i prodotti della ripartizione degli acidi grassi polinsaturi ad acido arachidonico. Sebbene le prostaglandine possano promuovere l'infiammazione, possono anche inibirla e sono necessarie per molti processi vitali. Il problema con NSAIDs è che inibiscono le prostaglandine in tutto il corpo. Ciò può essere un problema nell'intestino, in cui le prostaglandine sono necessarie per l'integrità del mucoso; quindi, le circostanze ulcerose possono svilupparsi. Possono anche avere il fegato e tossicità renale.

Gli scienziati hanno osservato che, più alta la dose dei farmaco anti-infiammatorio approvati dalla FDA, più veloce la perdita di funzione unita!

In molti casi, i farmaci convenzionali di artrite forniscono il sollievo pochissimo, mentre i pazienti sono passati da un farmaco da vendere su ricetta medica costoso ad un altro in un tentativo disperato di alleviare il loro dolore ed infiammazione, o alleviare un effetto collaterale avverso che un farmaco particolare può causare.

Medici europei stanno usando terapie non tossiche e naturali per trattare per molti anni l'artrite con grande successo. Queste terapie naturali funzionano perché trattano il processo degenerante di fondo che colpisce i rivestimenti dei giunti e/o migliorano il disordine autoimmune che sta distruggendo i rivestimenti uniti.

Le cause dell'artrite

La cartilagine nei nostri giunti è vulnerabile a una vasta gamma di insulti che possono provocare la degenerazione della cartilagine, compreso l'infezione batterica, il danno del radicale libero e l'attacco autoimmune. L'attacco alla cartilagine nei nostri giunti intensifica mentre ci sviluppiamo più vecchi. In primo luogo il nostro sistema immunitario diventa così disfunzionale che accende il corpo che è stato destinato per proteggere. Dopo avremo la ripartizione relativa all'età dei nostri sistemi antiossidanti degli enzimi, che permette l'attività incontrollata del radicale libero di attaccare la cartilagine nei nostri giunti. Poi c'è la nostra suscettibilità aumentante all'infezione batterica (e virale) e la riduzione successiva della nostra capacità di combattere fuori queste infezioni. Per concludere, c'è il nostro declino relativo all'età nella nostra capacità di riparare la cartilagine nei nostri giunti.

Fra le ragioni comuni per il guasto artritico all'osso, la cartilagine ed il liquido sinoviale sono:

  1. Disturbi della fisioregolazione delle citochine proinflammatory (fenomeni autoimmuni).
  2. Radicali liberi generati dalle citochine e dal guasto ai sistemi di difesa antiossidanti.
  3. Infezioni batteriche e virali.
  4. Cattivo allineamento anatomico dei giunti.
  5. Lesione traumatica dagli incidenti.
  6. Aterosclerosi in vasi sanguigni della cartilagine.
  7. Uso a lungo termine dei farmaco anti-infiammatorio approvati dalla FDA.

Una causa e un risultato della lesione unita è la formazione di radicali liberi generati dalle citochine pro-infiammatorie che fisicamente attaccano e degradano la cartilagine e la lubrificazione del liquido sinoviale all'interno del giunto. Questi radicali liberi stimolano gli osteoclasti, cellule che ripartono l'osso. Possono avviare una cascata degli eventi autoimmuni che contribuisce alla perdita cronica di struttura e di funzione della cartilagine, che medici convenzionali accettano solitamente come la progressione in relazione con l'invecchiamento normale e irreversibile dell'artrite. La ricerca recentemente pubblicata indica che una carenza degli enzimi antiossidanti e di altri composti è spesso un fattore nello sviluppo dell'artrite. Mentre gli antiossidanti dietetici possono essere di aiuto ad alcuni pazienti di artrite della fase iniziale, più terapie dirette di anti-artrite sono richiesti per quelli di cui la degenerazione unita ha significativamente ulteriore progredito.

Proteggendosi dall'artrite

In modo che l'osteoartrite da trattare efficacemente, la cartilagine ed il liquido sinoviale nel giunto devono essere protetti contro ulteriore distruzione. Allo stesso tempo, è desiderabile stimolare il ripristino anabolico di cartilagine unita e di liquido sinoviale.

Gli agenti di Chondroprotective proteggono e ristabiliscono la cartilagine unita vicino:

  1. Sostenendo e migliorando sintesi anabolica del chondrocyte.
  2. Sostenendo o migliorando la sintesi di liquido sinoviale, che è richiesto per lubrificare il giunto.
  3. Enzimi d'inibizione del radicale libero e processi autoimmuni che degradano la cartilagine unita.
  4. Eliminazione dei bloccaggi in vasi sanguigni che conducono al giunto.

Gli agenti di Chondroprotective sono composti che il corpo fabbrica naturalmente per rigenerare la cartilagine e la funzione unita sana. L'invecchiamento ed il trauma interrompono la capacità del corpo di usare i suoi propri agenti chondroprotective, che ha condotto ad un'epidemia dell'artrite nel mondo intero.

agente numero Chondro-protettivo uno

Glucosamina

La glucosamina è utilizzata estesamente in Europa all'osteoartrite dell'ossequio. I numerosi studi pubblicati documentano la capacità della glucosamina di funzionare come agente chondroprotective.

La glucosamina fornisce la materia prima stata necessaria affinchè i chondrocytes rigeneri la cartilagine. Una carenza della glucosamina causata invecchiando e/o il trauma conduce all'osteoartrite. Il consumo orale di sali della glucosamina fornisce la materia prima stata necessaria per la sintesi e la riparazione unite della cartilagine.

In nove studi europei, la somministrazione orale della glucosamina ha prodotto le riduzioni importanti dei dolori articolari, della tenerezza unita e del gonfiamento del giunto. I miglioramenti nella funzione unita e nella prestazione fisica globale sono stati notati in questi studi confrontati a placebo e/o all'ibuprofene della droga. Mentre l'ibuprofene ha funzionato più velocemente della glucosamina nell'alleviamento del dolore, la glucosamina imtributed nella matrice unita della cartilagine.

Mentre gli studi indicano che la glucosamina richiede 4-10 settimane ai risultati notevoli dei prodotti, la nuova formula di artrite discussa in questo articolo sta producendo le riduzioni notevoli dell'infiammazione ed il dolore nella maggior parte dei pazienti di artrite in meno di due settimane! Questa nuova formula (brevetto in registrazione) comprende due forme di glucosamina, con gli acidi grassi essenziali di EPA, di DHA e di GLA.

numero due Chondro-protettivo dell'agente

I solfati della condroitina

I solfati della condroitina forniscono le componenti strutturali della cartilagine trovata nel giunto. Il solfato della condroitina è un costituente della cartilagine dello squalo, che contribuisce a spiegare gli effetti benefici che la cartilagine dello squalo produce nei pazienti di artrite.

I solfati della condroitina sono stati provati estesamente in esseri umani con successo eccezionale come agenti anti-aterosclerotici. FDA ha governato, tuttavia, quello, poiché ogni molecola del solfato della condroitina è differente che tutte le altre molecole, che lo rende impossible produrre un prodotto precisamente standardizzato, non può essere approvato come terapia. Tuttavia, gli studi della ricerca hanno fornito i dati molto utili sulla sicurezza e sull'efficacia dei solfati di chrondroitin nei pazienti di artrite.

Quando le iniezioni intramuscolari dei solfati della condroitina sono state fatte ai pazienti di artrite, c'erano riduzioni importanti dei dolori articolari ed aumenti nella funzione unita. I solfati della condroitina inibiscono i radicali liberi che degradano la cartilagine ed il collagene uniti. I solfati della condroitina inoltre migliorano la circolazione sanguigna ai giunti, che permette agli antiossidanti ed alla glucosamina di entrare nei giunti infiammati per stimolare il processo di riparazione richiesto per la regressione dell'osteoartrite.

Proteggendo dalla distruzione della cartilagine dall'infiammazione e dall'autoimmunità

Ora c'è prova solida del valore di cura dei pazienti di artrite reumatoide con gli acidi grassi essenziali omega-6 derivati dalle piante, quale il GLA (acido linolenico di gamma) trovato in olio dell'enagra, olio di borragine ed olio ed oli di semi del ribes nero ricchi di acidi grassi omega-3, di EPA (acido eicosapentanoico) e di DHA (acido docosaesaenoico). Questi acidi grassi essenziali sono precursori delle prostaglandine quale PG1, che hanno conosciuto gli effetti antinfiammatori ed anti-autoimmuni e fanno diminuire l'attività delle prostaglandine pro-infiammatorie quale PG2. Qui sono i risultati da alcuni di nuovi studi che documentano i benefici degli acidi grassi essenziali nel trattamento dell'artrite:

Negli annuali di medicina interna (1993 119/9), i risultati delle 24 settimane, prova alla cieca, prova controllata con placebo con GLA derivato da olio di borragine sono stati riferiti. I pazienti che ricevono l'olio di borragine hanno avvertito un rapporto di riproduzione di 36% del numero dei giunti teneri, un rapporto di riproduzione di 45% dello spartito unito tenero, un rapporto di riproduzione di 41% dello spartito unito gonfiato e un rapporto di riproduzione di 28% del conteggio unito gonfiato. Il gruppo del placebo non ha mostrato benefici.

Una carta nel giornale britannico di Rheumatology (1994 33/9) riferiscono i risultati delle 24 prove alla cieca di settimana, prova controllata con placebo nei pazienti di artrite reumatoide che utilizzano i ricchi dell'olio di semi del ribes nero nell'acido linolenico di gamma (GLA) e nell'acido alphalinolenic. I pazienti che ricevono l'olio di semi del ribes nero hanno mostrato le riduzioni dei segni e dei sintomi della malattia. Il gruppo del placebo non ha mostrato cambiamento nello stato di malattia. I ricercatori hanno concluso che il loro studio ha indicato che l'olio di semi del ribes nero è un trattamento potenzialmente efficace per l'artrite reumatoide attiva. Nessuna reazione avversa è stata osservata, sebbene qualche gente cadesse dalla prova a causa della dimensione e del numero delle capsule che sono state tenute a prendere.

Nei seminari in Arthritis ed in Rheumatism (1995 25/2), c'era un esame di tutta la letteratura pubblicata sull'uso dell'acido linolenico di gamma (GLA) per il trattamento dell'artrite reumatoide. GLA è stato indicato per ridurre gli effetti della malattia autoimmune sui rivestimenti uniti, sebbene la più ricerca sarebbe necessaria per determinare la dose ideale di GLA per l'artrite.

Uno studio nel giornale di Epidemiology clinica (1995 48/11), esaminato tutti gli studi pubblicati sull'uso dell'olio di pesce trattare artrite reumatoide. Hanno rivelato che, generalmente dopo tre mesi di uso, c'era una riduzione significativa della rigidezza unita tenera di mattina e di conteggio in pazienti che ricevono gli oli di pesce. I gruppi del placebo non hanno avvertito sollievo da dolore.

In uno studioin Arthritis ed in Rheumatism (1995 38/8), pazienti di artrite reumatoide hanno smesso di prendere gli anti-infiammatori non steroidei ed hanno commutato all'olio di pesce. Questo controllato con placebo, studio di prova alla cieca ha indicato che il gruppo che riceve l'olio di pesce ha avvertito le diminuzioni significative nel numero dei giunti teneri, nella durata di rigidezza di mattina, nei miglioramenti nei medici e nella valutazione dei pazienti di attività globale di artrite e la valutazione dei medici di dolore. I pazienti che ricevono l'olio di pesce hanno esibito il miglioramento nelle funzioni cliniche confrontate ai pazienti che ricevono il placebo. Alcuni pazienti potevano smettere di prendere le droghe convenzionali di artrite complessivamente.

Questi nuovi studi confermano i numerosi rapporti precedenti che mostrano i benefici dell'ampio spettro quando i pazienti di artrite prendono EPA/DHA dall'olio di pesce e GLA dall'olio di semi del ribes nero o della borragine.

immagine