Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine maggio 1996
immagine

Terapie d'amplificazione immuni europee

Isoprinosine è approvato da quasi ogni agenzia regolatrice nel mondo eccetto l'amministrazione dell'alimento & della droga degli Stati Uniti (FDA).

Il 21 giugno 1990, la Nuova Inghilterra Journtal di medicina ha pubblicato i risultati che il isoprinosine rallenta la progressione di infezione HIV! Questo rapporto era una delle centinaia di studi pubblicati che indicano che il isoprinosine amplifica la funzione immune in malati di cancro, in persone infettate con il HIV ed in gente in buona salute.

Nel 1985, il fondamento ha raccomandato che isoprinosine della presa infettato HIV della gente per rallentare il declino nella funzione che immune quello conduce all'AIDS completo. Isoprinosine può essere acquistato dai vari “compratori bastona„ i pazienti e la gente affetta da HIV di quel Alzheimer del rifornimento con le droghe che ancora non sono state approvate da FDA.

Le droghe d'amplificazione immuni funzionano il più bene una volta intraprese un programma di dosaggio alternativo, cioè il isoprinosine funziona il più bene una volta occors due mesi sopra, due mesi fuori.

Qui è un programma amplificare immune affinchè i pazienti compromessi in buona salute ed immuni consideri:

Terapia di Isoprinosine: Prenda 2.000 mg. a 3.000 mg. quotidiano per due mesi. Ripeti ogni altri due mesi.

Dopo il completamento dei due mesi della terapia di isoprinosine prenda un giro di:

  • Terapia di Biostim: Programma di dosaggio di tre mesi come segue:
  • 2 compresse quotidiane per otto giorni. Poi fermi per tre settimane.
  • 1 compressa quotidiana per otto giorni. Poi fermi per tre settimane.
  • 1 compressa quotidiana per otto giorni. Poi fermi per nove mesi.

Dopo il completamento della terapia di Biostim, suggeriamo un regime di due mesi di:



I fattori immuni timici produce i meccanismi del potenziamento immune simili al isoprinosine. Per manutenzione immune ottimale, suggeriamo che il isoprinosine sia preso per due mesi, quindi per prendere una rottura di due mesi e per iniziare un corso di due mesi dei fattori immuni timici. Dopo che un'altra rottura di due mesi, inizia un altro corso di due mesi del isoprinosine.

TRATTAMENTO FARMACOLOGICO ANTIVIRALE

FDA ha approvato quattro droghe antivirali tossiche per rallentare la progressione di infezione HIV. Queste droghe sono AZT, ddI, ddC e 3TC. Ci sono droghe che antivirali citotossiche supplementari FDA approverà presto.

C'è entusiasmo in alcune parti della comunità dell'AIDS che le varie combinazioni di queste droghe antivirali potrebbero permettere a quelle con infezione HIV e gli AIUTI clinicamente diagnosticati di mantenere le remissioni a lungo termine. Gli studi recentemente pubblicati stanno indicando che le varie combinazioni di queste droghe antivirali funzionano meglio di AZT da solo.

Studi recenti

I due studi più recenti indicano che una combinazione di AZT e di 3TC, con uno di nuovi inibitori della proteasi relativamente non tossici può essere la combinazione ideale affinchè i malati di AIDS provi in primo luogo.

Da un punto di vista tecnico, la credenza che queste combinazioni antivirali potranno mettere le infezioni HIV nella remissione a lungo termine sembra quasi troppo bello per essere vero. Infatti, c'è una rassomiglianza di Erie qui all'eccitazione generata negli anni 60 e negli anni 70 circa la possibilità delle combinazioni di chemioterapia e di droghe che curano il cancro.

Il fatto è HIV fa il suo più grande danneggiamento del sistema sangue-immune e quello queste droghe antivirali danneggia il midollo osseo in cui orginate delle cellule immuni e del sangue. Sebbene a breve termine, le droghe riducano l'attività virale, possono aggiungere l'insulto ad un sistema immunitario a lungo termine già nocivo.

In parecchi studi pubblicati nel 1994, AZT è stato confrontato ad un placebo, senza la differenza nei tassi di sopravvivenza globali. In alcuni casi, AZT ha causato un aumento nella mortalità.

Riconoscendo che la monoterapia di AZT non è chiaramente la soluzione all'AIDS, alcuni dei gruppi di appoggio dell'AIDS ora stanno suggerendo che le combinazioni aggressive di quasi ogni droga antivirale disponibile siano provate in malati di AIDS. Una proposta è di stimolare la replica delle cellule immuni, di modo che più copie del virus di HIV saranno prodotte nella speranza che le droghe uccideranno più virus e cellule più immuni (sia cellule sane che HIV infettate).

Uccisione del sistema immunitario

Il problema con tali terapie di associazione è quello--a breve termine--ci molto bene potrebbe essere una riduzione significativa della PCR (una prova per i livelli virali di HIV) e perfino di un aumento temporaneo in CD4 (linfociti T helper). Le analisi del sangue regolari sono necessarie controllare la tossicità delle droghe antivirali per determinare quando passare da una combinazione di droghe ad un altro.

È interessante notare quello nei due studi più recenti che documentano quella combinazione che la terapia farmacologica antivirale è superiore a monoterapia di AZT, coloro che non aveva preso mai una droga antivirale ha avuto più alti tassi di sopravvivenza che coloro che precedentemente aveva preso AZT. Una ragione per il migliore effetto su questi “vergini antivirali„ era che tanta farmacoresistenza si era sviluppata in loro alle droghe antivirali. L'uso di AZT provoca lo sviluppo degli sforzi resistenti alla droga del HIV che è formato in un - due anni.

Un altro ragionano “i vergini antivirali„ hanno migliorato sono che i loro sistemi immunitari non possono precedentemente essere danneggiati dalle droghe antivirali citotossiche quali AZT e ddI.

In primo luogo segua il nostro protocollo non tossico

Poiché il HIV è una malattia di progressione lenta e poiché le analisi del sangue gli permettono di controllare l'efficacia del nostro nuovo TIPO di TERAPIA di HIV, la maggior parte dei individui HIV positivi che non hanno sviluppato l'AIDS dovrebbero considerare dopo il nostro protocollo non tossico in primo luogo prima di contare sulla terapia farmacologica antivirale di combinazione.