Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine agosto 1997

Melatonina della corrente principale

Lo scopo: per trovare i metodi pratici di ritardo del processo di invecchiamento

L'esame in New England Journal di medicina cita i benefici su sonno, sui tumori e su più New England Journal di Medicene

Nell'emissione del 16 gennaio 1997 di New England Journal di medicina (NEJM), c'è una recensione di 10 pagine su melatonina . . . la panoramica più estesa circa melatonina che è stata pubblicata mai in un giornale medico convenzionale.

L'articolo di NEJM esalta le molte virtù di melatonina, compreso i suoi effetti antiossidanti potenti, il suo beneficio potenziale nell'impedire e nel trattamento del cancro, le sue proprietà immuni di potenziamento, il suo potenziale rallentare l'invecchiamento e la sua capacità di promuovere il migliore sonno e di evitare il jet lag.

“Ora c'è prova,„ nota il NEJM, “che la melatonina può avere un ruolo nel regolamento biologico dei ritmi circadiani, del sonno, dell'umore e forse della riproduzione, della crescita del tumore e dell'invecchiamento. . . ."

La sola differenza reale fra gli articoli su melatonina che sono stato publicati nella rivista del prolungamento della vita e nell'articolo in New England Journal di medicina è le conclusioni. Il fondamento raccomanda la melatonina supplementare per la maggior parte della gente mentre l'articolo di NEJM, dopo la presentazione dei molti benefici di melatonina, conclude quello, “l'uso incontrollato di melatonina ottenere qualcuno di questi effetti [benefici] non è giustificato.„

Questa conclusione non dovrebbe essere sorprendente. Le pubblicazioni mediche sono quasi sempre estremamente conservatrici nelle loro raccomandazioni. L'edizione del 25 dicembre 1996 del giornale di American Medical Association (JAMA), per esempio, ha riferito che i supplementi del selenio hanno ridotto la mortalità del cancro da 50 per cento in esseri umani in una prova alla cieca a lungo termine, studio controllato. Eppure la conclusione dello studio di JAMA era, “è prematura da cambiare il singolo comportamento.„ Cioè non prenda i supplementi del selenio ancora!

Una contraddizione che compare nell'articolo di NEJM su melatonina era la sua critica della gente che ingerisce più di 300 - 500 mcg un la notte di melatonina, così aumentare il loro siero livella entro 10 - 100 volte che il livello normale ha trovato in un giovane. Tuttavia, in tutto l'articolo, gli stati dell'autore che questo mg delle dosi elevate (1 - 5 un la notte) sia necessario ottenere molte indennità-malattia hanno attribuito a melatonina.

Qui sono gli estratti alla lettera dall'articolo di NEJM:

Effetti su Cancro

“C'è prova dagli studi sperimentali che la melatonina influenza la crescita dei tumori spontanei ed indotti in animali. Pinealectomy migliora la crescita del tumore e l'amministrazione di melatonina inverte questo effetto o inibisce il tumorigenesis causato dagli agenti cancerogeni.

“I dati sulla relazione fra melatonina ed oncogenesi in esseri umani sono contrastanti, ma la maggior parte dei rapporti si dirige verso l'azione protettiva. Le concentrazioni basse nella melatonina del siero e l'escrezione urinaria bassa dei metaboliti della melatonina sono state riferite in donne con cancro al seno e gli uomini estrogeno-ricevitore-positivi con cancro prostatico.

“Il meccanismo da cui la melatonina può inibire la crescita del tumore è non noto. Una possibilità è che l'ormone ha attività antimitotica. Le concentrazioni fisiologiche e farmacologiche di melatonina inibiscono la proliferazione delle linee cellulari epiteliali coltivate del cancro al seno (specialmente MCF-7) e delle linee cellulari del melanoma maligno (M-6) in un modo dipendente dalla dose. Questo effetto può essere il risultato del giù-regolamento intranucleare di espressione genica o di inibizione del rilascio e dell'attività dei fattori di crescita stimolatori. La melatonina può anche modulare l'attività di vari ricevitori in cellule del tumore. immagine

“Per esempio, ha fatto diminuire significativamente sia l'attività estrogeno-legante che l'espressione dei ricevitori dell'estrogeno in un modo dose-specifico e dipendente dal tempo in cellule di cancro al seno MCF-7. Un'altra possibilità è che la melatonina ha attività immunomodulatoria. Negli studi in animali, la melatonina ha migliorato la risposta immunitaria aumentando la produzione delle citochine derivate dai linfociti T helper (interleuchina 2 e interleukin-4) e come celebre più presto, in melatonina dei topi protegge le cellule del midollo osseo dagli apoptosi migliorando la produzione del fattore distimolazione dai granulociti e dai macrofagi.

“Infine, come organismo saprofago potente del radicale libero, la melatonina può assicurare la protezione contro la crescita del tumore proteggendo le molecole, particolarmente DNA, da danno ossidativo. Tuttavia, gli effetti antiossidanti di melatonina si presentano soltanto molto alle alte concentrazioni.
(La nota del redattore: Il NEJM definisce le alte concentrazioni di melatonina come mg 1-5 alla notte.)

“Gli effetti di melatonina sono stati studiati in alcuni pazienti con cancro, la maggior parte di chi aveva avanzato la malattia. In questi studi, la melatonina era generalmente grande mg arreso delle dosi (20 - 40 al giorno oralmente) congiuntamente alla radioterapia o alla chemioterapia. In uno studio di 30 pazienti con i glioblastomas, i 16 pazienti hanno trattato con melatonina e la radioterapia ha vissuto più lungamente dei 14 pazienti curati con radiazione sola. In un altro studio dagli stessi ricercatori, l'aggiunta di melatonina al tamoxifene nel trattamento di 14 donne con cancro al seno metastatico è sembrato rallentare la progressione della malattia. In uno studio di 40 pazienti con il melanoma maligno avanzato trattato con le dosi elevate di melatonina (fino a 700 mg al giorno), 6 hanno avuti diminuzioni transitorie nella dimensione di alcune masse tumorali. È stato reclamato che l'aggiunta di melatonina alla chemioterapia o alla radioterapia attenua il danneggiamento dei globuli e così rende il trattamento più tollerabile. Tutti questi risultati preliminari devono essere confermati nei gruppi molto più grandi seguiti per i periodi più lunghi.„

(La nota del redattore: Le pubblicazioni mediche usano spesso il termine “la chemioterapia„ per [la terapia citotossica di avvelenamento delle cellule], o per le terapie dimiglioramento quali l'interleuchina 2 o l'interferone che sono molto tossiche.)

Radicale libero Scanvenging

“Entrambi gli studi in vitro e in vivo studi hanno indicato che la melatonina è un organismo saprofago potente del radicale ossidrile altamente tossico e di altri radicali ossigeno-centrati, suggerente che facesse non mediare le azioni dai ricevitori. In uno studio, la melatonina è sembrato essere più efficace di altri antiossidanti conosciuti (per esempio, mannitolo, glutatione e vitamina E) nella protezione dal danno ossidativo.

Di conseguenza, la melatonina può assicurare la protezione contro le malattie che causano i cambiamenti degeneranti o proliferativi proteggendo le macromolecole, specialmente DNA, da tali lesioni. Tuttavia, questi effetti antiossidanti richiedono le concentrazioni di melatonina che sono molto superiori alle concentrazioni di punta nel siero di notte. Quindi, gli effetti antiossidanti di melatonina in esseri umani probabilmente si presentano soltanto alle concentrazioni farmacologiche.„ (la nota del redattore: Il NEJM definisce le dosi farmacologiche di melatonina come mg 1-5 un la notte.)

Funzione immune

“La melatonina può esercitare determinati effetti biologici (quale l'inibizione di crescita del tumore e di controazione dell'immunodepressione indotta da stress) aumentando la risposta immunitaria. Gli studi in topi hanno indicato che la melatonina stimola la produzione di interleukin-4 in linfociti T helper del midollo osseo e del fattore distimolazione del granulocita-macrofago in cellule stromal come pure cellule proteggenti del midollo osseo dagli apoptosi hanno indotto dai composti citotossici. L'effetto preteso di melatonina sul sistema immunitario è sostenuto dall'individuazione (Kd, 0,27 nanometri) dei ricevitori ad alta affinità della melatonina in linfociti T umani (cellule CD4) ma non nei linfociti di B.„

Impatto su sonno

". . . L'ingestione di tendenza di sonno di influenze della melatonina (la velocità di caduta addormentata) come pure la durata e la qualità di sonno ed ha effetti ipnotici. In giovani adulti, una somministrazione orale di 5 mg di melatonina ha causato un importante crescita nella tendenza di sonno e la durata di sonno del rapida-occhio-movimento (rem). In altri studi, la tendenza di sonno è stata aumentata di oggetti normali dati le dosi molto più basse di mg della melatonina (0,1, 0,3, o 1), di giorno o nella sera e la sonnolenza di mattina non è stata aumentata. Il tempo all'effetto ipnotico massimo varia linearmente a partire da circa tre ore a mezzogiorno ad un'ora alle 9 di sera che l'amministrazione di melatonina per tre settimane sotto forma di compresse a rilascio prolungato (1 mg o 2 mg al giorno) può migliorare la qualità e la durata di sonno in persone anziane con insonnia.

“Questi risultati indicano che quello concentrazioni aumentare nella melatonina del siero (ai valori normali di notte o ai valori farmacologici) può avviare l'inizio di sonno, indipendentemente dal ritmo circadiano endogeno prevalente. L'effetto ipnotico di melatonina può così essere indipendente dalla sua influenza di sincronizzazione sul ritmo circadiano e può essere mediato da un abbassamento della temperatura corporea del centro. Questa possibilità è sostenuta tramite le osservazioni che il ciclo circadiano della temperatura corporea è collegato al ciclo di 24 ore della sonnolenza soggettiva ed inversamente è collegato con le concentrazioni nella melatonina del siero e che le dosi farmacologiche di melatonina possono indurre una diminuzione nella temperatura corporea. Tuttavia, fisiologico, sonno-promuovendo le dosi di melatonina non abbia alcun effetto sulla temperatura corporea. Alternativamente, la melatonina può modificare i livelli del cervello di neurotrasmettitori di monoammina, quindi inizianti una cascata degli eventi che culminano nell'attivazione dei meccanismi di sonno. . . .

“La melatonina esogena sembra così avere alcuni effetti benefici sui sintomi del jet lag, sebbene la dose e la sincronizzazione ottimali dell'ingestione abbiano ancora essere determinate. È inoltre poco chiaro se il beneficio di melatonina è derivato soprattutto da un effetto ipnotico o se realmente promuove una risincronizzazione del ritmo circadiano. . . .

“Le concentrazioni basse nella melatonina del siero di notte sono state riferite in pazienti con la depressione ed i pazienti con disordine affettivo stagionale fase-hanno ritardato la secrezione della melatonina.„

(La nota del redattore: Qualche gente che soffre da disordine affettivo stagionale [TRISTE] può volere ridurre o eliminare il completamento della melatonina durante i mesi scuri dell'anno.)

Un ruolo nell'invecchiamento

“La diminuzione nelle concentrazioni nella melatonina del siero di notte che si presenta con invecchiamento, insieme ai suoi effetti biologici multipli, ha condotto parecchi ricercatori a suggerire che la melatonina avesse un ruolo nell'invecchiamento e nelle malattie relative all'età. Gli studi in ratti ed in topi suggeriscono che la secrezione diminuita della melatonina possa essere associata con un'accelerazione del processo di invecchiamento. La melatonina può assicurare la protezione contro invecchiamento con attenuazione degli effetti di danno delle cellule indotti dai radicali liberi o con il immuno-potenziamento. Tuttavia, la riduzione relativa all'età della secrezione della melatonina di notte potrebbe bene essere una conseguenza del processo di invecchiamento piuttosto che la sua causa e non ci sono dati che sostengono un effetto antinvecchiamento di melatonina in esseri umani.„

Le conclusioni di NEJM

“Ora c'è prova per sostenere il conflitto che la melatonina ha un effetto ipnotico in esseri umani. Le sue concentrazioni di punta nel siero coincidono con sonno. immagineLa sua amministrazione nelle dosi che sollevano le concentrazioni nel siero ai livelli che accadono normalmente notturno può promuovere e sostenere il sonno. Le dosi elevate inoltre promuovono il sonno, possibilmente causando l'ipotermia relativa. La melatonina esogena può anche influenzare i ritmi circadiani, quindi alterando la sincronizzazione dell'affaticamento e del sonno. . . .

“Sta tentando di speculare che l'ormone inoltre ha effetti antigonadal o antiovulatory in esseri umani, come fa in alcuni selezionatori mammiferi di nonseasonal e stagionali, ma questa possibilità non è stata convalidata. Gli effetti antiproliferativi ed antinvecchiamento di melatonina sono ancor più problematici. L'uso incontrollato di melatonina ottenere qualcuno di questi effetti non è giustificato.„

(La nota del redattore: Le dosi elevate molto di melatonina [75 mg] stanno utilizzande come pillola in Europa.)

Le conclusioni del fondamento

La razza umana è afflitta con le malattie croniche e degeneranti ed il deterioramento inesorabile di invecchiamento. Se gli studi scientifici pubblicati indicano che un supplemento naturale dell'ormone può amplificare la funzione immune, pulisca i radicali liberi, combatti il cancro, induca i modelli di sonno giovanili e possibilmente l'invecchiamento lento, quindi pensiamo che la maggior parte della gente dovrebbe prendere questo ormone.

Il lettore medio della rivista del prolungamento della vita “è programmato„ di natura morire in 35 anni. Tutto il supplemento che può contribuire ad impedire le malattie letali, ad estendere la durata della vita media in animali ed a migliorare il sonno dovrebbe essere raccomandato per uso pubblico molto diffuso.