Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine luglio del 1997

OMOCISTEINA E ATTACCHI DI CUORE

Come SuperNutrients può proteggervi

Da Paul Frankel, dal Ph.D. e da Terri Mitchell

immagine

La malattia cardiaca è l'uccisore di no. 1 negli Stati Uniti, mortali più gente che il cancro, le malattie infettive e i homocides combinati.

Quasi un terzo di tutte le vittime non sopravvivrà al loro primo sintomo.

La metà di tutte le vittime non raggiungerà l'ospedale vivo.

Per le decadi ultime, il colesterolo è stato il demone della malattia cardiaca. La coscienza grassa ha preoccupazione dietetica favorita dell'America diventata, con le intere industrie che crescono intorno all'idea di riduzione il grasso dietetico e del colesterolo. Mentre il colesterolo è associato con la malattia cardiaca in alcuni studi e gli Americani mangiano troppo il grasso, sembra che il colesterolo possa avere di meno da fare con la malattia cardiaca che la maggior parte della gente pensa.

Un caso molto più forte è emerso per un aminoacido tossico chiamato omocisteina. L'omocisteina è un sottoprodotto naturalmente sintetizzato del metabolismo della metionina. Se i giusti cofattori sono presenti, finalmente convertirà in cisteina ed in altri composti utili. Se i cofattori stanno mancando di, aumenterà fino ai livelli tossici.

I dati da uno studio sui medici in buona salute degli Stati Uniti senza la storia priore della malattia cardiaca indicano che i livelli altamente elevati dell'omocisteina sono associati con un aumento più triplo nel rischio di attacco di cuore su un periodo quinquennale. Ciò che trova è stata pubblicata nel 1992 in JAMA come componente dello studio della salute dei medici. Lo studio ha incluso 14.916 medici maschii; è stesso quello che ha mostrato i benefici di aspirin. Lo studio del cuore di Framingham ed altri studi hanno confermato che l'omocisteina elevata è un fattore di rischio indipendente per la malattia cardiaca.

È particolarmente di importanza fondamentale per la gente con una storia della famiglia della malattia cardiovascolare da controllare i loro livelli dell'omocisteina. In uno studio, 37 uomini e donne con la malattia cardiaca familiare precoce hanno avuti livelli elevati di 29% di omocisteina che i comandi. Il Dott. Rene Malinow del centro di scienze di salute dell'Oregon ha concluso che alcune casse di omocisteina elevata potrebbero essere il risultato di un'anomalia ereditata. Ciò sarebbe una spiegazione per la coronaropatia prematura che funziona in famiglie. Principalmente, tuttavia, i livelli elevati dell'omocisteina possono essere rintracciati a nutrizione insufficiente o impropria.

Le forme differenti di malattia cardiaca

La malattia cardiovascolare si manifesta come la malattia periferica dell'arteria, la coronaropatia, l'infarto miocardico (attacco di cuore), il colpo, l'aneurisma, il tromboembolismo, l'arteria carotica extracranica e stenosi.

Mentre un'arteria (o vena) è malata, la parete arteriosa interna si trasforma in densamente - in una circostanza conosciuta come arteriosclerosi. Le cellule che allineano l'arteria proliferano e si combinano con proteina ed i lipidi in una massa chiamata una placca aterosclerotica. Le placche sono comunemente la prima indicazione della malattia cardiovascolare. Le placche cambiano con tempo, riunente il colesterolo e gli ateromi grassi e infine diventanti. Gli ateromi distorcono la parete dell'arteria, permettendo la calcificazione. Finalmente, l'interno delle arterie diventa così ruvido che se eseguite le vostre dita sopra loro, ritengono come i pezzi di vetro rotto.

Quando un ateroma blocca il sangue al cuore, si riferisce a come attacco di cuore. Quando blocca il sangue al cervello, è un colpo. Se l'arteria del pene è danneggiata o occlusa, l'impotenza risulta. Il bloccaggio parziale nel petto (che causa il dolore) si riferisce a come anginae le debolezze o rottura delle arterie o delle vene si riferisce a come aneurismi.

L'omocisteina è pensata per iniziare questi eventi irritando il rivestimento interno delle arterie e delle vene. Inoltre, recentemente è stato riferito nella circolazione del giornale che l'iperomocisteinemia (alta omocisteina) altera la capacità dei vasi sanguigni di dilatare, o si espande. Milioni di dollari sono spesi annualmente sulle droghe destinate per abbassare la pressione sanguigna dilatando i vasi sanguigni. È probabile che qualche gente, questo problema pericoloso potrebbe essere invertito dai supernutrients che abbassano l'omocisteina.

Colpo ed omocisteina

Secondo uno studio nel giornale europeo di ricerca clinica, 40% delle vittime del colpo hanno elevato l'omocisteina confrontata a soltanto 6% dei comandi. Lo studio trovato ha aumentato l'omocisteina nei colpi lacunar, emorragici e embolici. Uno studio pubblicato in lancetta nel 1996 ha indicato che anche dopo adeguamento per altri fattori di rischio, l'omocisteina era un fattore di rischio indipendente per il colpo e la trombosi arteriosa in pazienti con il lupus di malattia autoimmune.

Un altro studio pubblicato in lancetta è giunto alla stessa conclusione dopo lo studio dei 107 uomini britannici di mezza età che hanno partecipato ad una ricerca di due anni. Gli autori hanno concluso che “questi risultati suggeriscono che l'omocisteina fosse un forte e fattore di rischio indipendente per il colpo.„ Anche è stato riferito che il livello di omocisteina nel sangue correla con lo spessore delle arterie. Ed è stato riferito nel giornale di nutrizione gli uomini con i livelli di omocisteina superiore a 14 µmol/L che una probabilità più maggior di di 50% di stenosi in un'arteria carotica extracranica, mentre gli uomini con i livelli inferiore a 9,1 µmol/L hanno avuti soltanto un'incidenza di 27% di stenosi. (I dati per le donne erano leggermente differenti. Le donne con i livelli di omocisteina maggiori di 14,3 µmol/L hanno avute una probabilità di 39% di avere stenosi dell'arteria carotica: inferiore a 9,1 µmol/L, le loro probabilità erano circa anche con gli uomini).

Un nuovo demone emergeUn nuovo demone emerge

Nel 1982, Edward Gruber e Stephen Raymond del MIT hanno scritto in loro libro, oltre colesterolo: B6, arteriosclerosi ed il vostro cuore:

“L'omocisteina rapidamente induce gli stati iniziali di arteriosclerosi e gli effetti del colesterolo non sono evidenti.„

Un confronto dei dati su omocisteina con i dati su colesterolo illustra la forza della teoria dell'omocisteina. Ci sono molti problemi con la teoria che il colesterolo dietetico causa a malattia cardiaca. Per una cosa, il colesterolo non ossidato non è atherogenic in animali. Più ulteriormente, il colesterolo dietetico non causa la malattia vascolare in animali eccetto nelle circostanze estreme. Il cuore e la malattia vascolare possono essere osservati in assenza completa di colesterolo dietetico aggiunto in animali.

L'ipotesi del colesterolo predica che un gran numero di cose aumenta il rischio di attacco di cuore. La lista comprende i trigliceridi, la lipoproteina (a), il fibrinogeno, il fumo, la pressione sanguigna, l'inattività e la genetica del povero. Così approccio multiplo di fattore di rischio dovrebbe alzare una bandiera rossa. Il Dott. Lewis Thomas (ex presidente del centro commemorativo del Cancro di Sloan-Kettering) ha dichiarato che ogni malattia risulta avere un meccanismo centrale di azione. Il colesterolo ha troppi SFI (statistiche finanziarie internazionali), ands e buts da essere la causa della malattia cardiaca. I livelli di colesterolo nel sangue correlano con la malattia cardiaca. Tuttavia, il colesterolo non è più probabilmente la causa della malattia cardiaca.

Inoltre, uno studio recente dal Dott. Franziska Loehrer ed i colleghe all'ospedale universitario in Svizzera hanno indicato che il colesterolo ed i trigliceridi non sono riuscito a dimostrare una correlazione statisticamente significativa con la coronaropatia. L'omocisteina elevata, S-adenosylmethionine basso (SAM), l'età e l'indice di massa corporea hanno fatto. Secondo Dott. Loehrer:

“… gli alti livelli di omocisteina si presentano prima della malattia. L'individuazione degli indici simili dell'omocisteina in pazienti dopo che un intervallo (di approssimativamente) un anno sostiene l'idea che questo parametro [omocisteina] svolge un ruolo nel processo di malattia ed appena non è alterato dalla malattia stessa.„

L'omocisteina è un fattore di rischio chiaro-stabilito per la malattia cardiaca. Sulla base di grandi e studi su scala ridotta, è un migliore preannunciatore degli attacchi di cuore che il colesterolo.