Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine luglio del 1997

Noto per oltre due decadi

Come SuperNutrients può proteggervi

Da Paul Frankel, dal Ph.D. e da Terri Mitchell

Nessuno di questo Dott. Kilmer McCully dei suprises. Nel 1969, mentre effettuava la ricerca a Harvard, McCully ha notato che i bambini con i livelli elevati di omocisteina (in uno stato genetico conosciuto come l'omocistinuria) hanno mostrato la degenerazione vascolare simile a quella quale si presentano in gente di mezza età con la malattia cardiaca. I bambini con l'omocistinuria muoiono spesso di tromboembolismo. Poiché questa circostanza induce gli alti livelli di omocisteina a accumularsi, McCully ha teorizzato che l'omocisteina potrebbe essere un fattore causale nella malattia cardiaca. Poi è continuato a provare che la sua teoria era, infatti, corretta. Il suo lavoro non è stato incontrato applauso in comunità scientifica, che si è fusa in una mentalità del gregge intorno al concetto di colesterolo. McCully è stato negato il possesso e presto ha lasciato Harvard. Nel 1995, Meir Stampfer di Harvard ha ricordato per Tom Brokaw del NBC che McCully è andato da parte a parte per osare un'idea differente. Ora, quasi 30 anni dopo che ha fatto la sua scoperta, la comunità scientifica infine ha riconosciuto che l'omocisteina è un forte preannunciatore della malattia cardiaca. Oggi, McCully sta continuando la sua ricerca dell'omocisteina all'ospedale nella provvidenza, Rhode Island dell'amministrazione del veterano. La sua teoria di lunga durata infine è stata confermata e accettata dalla comunità medica.

Dott. Kilmer McCully Nel 1969, il Dott. Kilmer McCully ha esaminato le annotazioni dell'
Ragazzo di 8 anni che era morto di un colpo. Sconosciuto, le arterie del ragazzo hanno assomigliato alle arterie degli uomini sviluppati che muoiono degli attacchi di cuore. Il solo indizio a che cosa era andato male era che il ragazzo era stato diagnosticato con “l'omocistinuria„. L'omocistinuria è uno stato della carenza degli enzimi che permette che l'omocisteina si accumuli. L'omocisteina è un sottoprodotto del metabolismo della metionina, che diventa tossico se conceduto accumularsi. Mentre il caso ed altri del ragazzo dismised come singolarità mediche, McCully era abbastanza astuto rend contoere che l'omocisteina potrebbe essere collegata alla malattia cardiovascolare. Nel 1969, ha pubblicato la sua teoria nel giornale americano di patologia. Per verificare la sua teoria, McCully ha sperimentato con le cellule nella cultura-sua ipotesi ostacolata. Poi è andato agli animali. Entro 20 giorni di alimentazione dei ricchi di una dieta altamente proteica in metionina, gli animali hanno sviluppato la malattia cardiaca. La quantità di proteina era equivalente all'assunzione umana tipica della proteina. Dopo avere visto che omocisteina ha fatto nella coltura cellulare ed in animali, McCully è stato convinto che la malattia cardiaca potrebbe essere causata da omocisteina. Si penserebbe che quello che scopre che cosa potrebbe essere la causa di più grande problema sanitario in Nord America raccogliesse McCully un certo elogio. Per i suoi sforzi, McCully efficacemente è stato licenziato da Harvard. Successivamente è andato all'ospedale nella provvidenza, Rhode Island di VA ed ha continuato i suoi studi. È ancora là. Nel 1988, ha pubblicato una rappresentazione di studio quella uomini con i livelli soltanto 12% dell'omocisteina superiore alla media ha un rischio maggior 3,4 volte di avere un attacco di cuore. Quattro anni più successivamente, i ricercatori a Harvard hanno pubblicato i dati da un grande studio (lo studio della salute dei medici) che verifica che cosa McCully stava dicendo dal 1969. Oggi, McCully ha raffinato le sue teorie ed ha passato per studiare altri effetti di omocisteina nel corpo umano. Ha pubblicato le carte circa il ruolo dell'omocisteina nel cancro e nell'invecchiamento. Il suo nuovo libro, la rivoluzione dell'omocisteina: La medicina per il nuovo millennio, sarà liberata presto.