Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine febbraio 1998


Sul bordo di attacco

PIRAMIDI Studi nel mondo intero da quell'aiuto della latta vivete vite più lunghe e più sane.

Gli aggiornamentiedical di m. esaminano succinto gli studi che sono di importanza a quelli che cercano una durata della vita estesa. Gli estratti scientifici completi per questi studi sono disponibili come servizio speciale ai membri di fondamento del prolungamento della vita. Se leggete qui sui nuovi studi che volete imparare più circa o volere mostrare al vostro medico, invii una busta auto-indirizzata e timbrata al:



Indice
 



SUL BORDO DI ATTACCO

Studi nel mondo intero da quell'aiuto della latta vivete vite più lunghe e più sane.

Gli aggiornamenti medici esaminano succinto gli studi che sono di importanza a quelli che cercano una durata della vita estesa. Gli estratti scientifici completi per questi studi sono disponibili come servizio speciale ai membri di fondamento del prolungamento della vita. Se leggete qui sui nuovi studi che volete imparare più circa o volere mostrare al vostro medico, invii una busta auto-indirizzata e timbrata al fondamento del prolungamento della vita, P.O. Box 229120, Hollywood, Fla., 33022, U.S.A.

Accluda prego una piccola donazione (minimo $1, prego) per riguardare i costi di copiatura e di elaborazione. Immediatamente vi invieremo gli estratti scientifici reali, con i nomi dei ricercatori e l'indirizzo del centro di ricerca in modo da potete domandare circa una nuova tecnologia medica.

Clicchi qui per accedere agli estratti scientifici completi online.



CARCINOMA DELLA PROSTATA: DIAGNOSI E TRATTAMENTO
  1. Altrettanti poichè 80 per cento degli uomini di 80 anni sono stati indicati per avere cellule di carcinoma della prostata presenti all'autopsia, ma soltanto 10 per cento di loro vogliono l'ogni sono diagnosticati con e soltanto 3 per cento moriranno mai da.
    Cancer, 1997, volume 79, Iss 10, pp 1977-1986, CL ShraderBogen, JL Kjellberg, CP McPherson, CL Murray.
  2. L'estratto di africanum di Pygeum, venduto nell'ambito della denominazione commerciale Tadenan come droga in Europa, è usato per trattare i sintomi urinarii di BPH. Negli studi intrapresi in ratti, l'estratto di pygeum specificamente è stato indicato per inibire la proliferazione benigna delle cellule della prostata. Un meccanismo di soppressione della crescita delle cellule della prostata era l'inibizione di chinasi proteica la C, un enzima in questione sia nella sovra-proliferazione benigna che maligna delle cellule. La genisteina della soia è inoltre un inibitore potente della chinasi proteica C. Journal dell'Urology, 1997, il volume 157, il Iss 6, pp 2381-2387, la F Yablonsky, la V Nichols, JP Riffaud, la F Bellamy.
  3. Medici hanno riferito su un paziente di cui il carcinoma della prostata era diventato ormone-refrattario. Il ritiro di Flutamide, più l'aggiunta dell'idrocortisone, ha provocato un periodo di 46 mesi di remissione totale. Non c'è attualmente prova di carcinoma della prostata in questo paziente. Ripeti le biopsie che precedentemente avevano indicato che il positivo ora è negativo. I medici ritengono che questo un caso ed i risultati degli studi precedentemente pubblicati indichi che il ritiro di flutamide e la terapia dell'idrocortisone è un'opzione per la malattia refrattaria dell'ormone nel paziente di carcinoma della prostata dello avanzato-stato.
    Giornale britannico di Cancer, 1997, volume 75, Iss 8, pp 1111-1118, RR Tjandrawinata, R Dahiya, m. Hughes-fulford.
  4. Complessivamente 274 uomini, dopo la prostatectomia radicale e la radiazione esterna del fascio, hanno compilato i questionari circa la loro qualità della vita. Le conclusioni dai questionari hanno indicato che gli uomini che avevano subito queste terapie convenzionali radicali hanno incontrato lungamente la difficoltà dopo il trattamento. In questo studio, il gruppo della prostatectomia è andato peggio nelle funzioni sessuali ed urinarie, mentre il gruppo di radioterapia ha avvertito più disfunzione dell'intestino.
    Cancro e metastasi Reviews, 1997, volume 16, Iss 1-2, pp 29-66, en Lalani, ME Laniado, palladio Abel.
  5. Il carcinoma della prostata è stato individuato in 22 per cento degli uomini 50 anni o più vecchi di cui la lettura di PSA era fra 2,6 e 4. Tutti i cancri individuati sono stati localizzati clinicamente. Questo studio indica che le letture di PSA oltre 2,6 possono rappresentare un rischio di 22 per cento di carcinoma della prostata. L'uso di una prova libera di PSA contribuirebbe a determinare di questi uomini di cui le letture di PSA erano oltre 2,6 quale il carcinoma della prostata ed a ridurre così il numero delle biopsie inutili.
    Drugs & Aging, 1997, volume 10, Iss 6, pp 473-485, LR Wiseman, cm Spencer.
  6. Negli uomini con i livelli di PSA oltre 10 e/o punteggi di Gleason uguali a o più maggior di 7, i soltanto 60 - 84 per cento erano esenti dalla progressione PSA-misurata di malattia tre anni dopo la terapia convenzionale. Questo studio ha indicato l'esigenza delle terapie (d'assistenza) ausiliarie quale il blocco dell'ormone. Giornale di Oncology clinica, 1997, volume 15, Iss 4, pp 1465-1469, avoirdupois Damico, R Whittington, SB Malkowicz, D Schultz, JE Tomaszewski, un Wein.
  7. Su un periodo quinquennale, i pazienti di carcinoma della prostata di cui i membri della famiglia inoltre hanno avuti la malattia hanno fatti rispetto una sopravvivenza senza ricaduta di soltanto 29 per cento, ad una sopravvivenza senza ricaduta di 59 per cento nei pazienti di carcinoma della prostata similmente messi in scena di cui i membri della famiglia non hanno avuti carcinoma della prostata. Questi risultati indicano che il carcinoma della prostata familiare può essere più aggressivo delle forme non familiari e che le misure cliniche e patologiche standard non possono predire adeguatamente questo corso. Giornale di Oncology clinica, 1997, volume 15, Iss 4, pp 1478-1480, PA Kupelian, VA Kupelian, JS Witte, R Macklis, ea Klein.
  8. L'acido grasso digenerazione libero chiamato acido arachidonico è stato indicato per stimolare la crescita delle cellule di carcinoma della prostata. La via molecolare di stimolazione arachidonica ha compreso il lipo-ossigenasi infiammatorio degli enzimi 5. Il lipo-ossigenasi inoltre è compreso nella formazione di coaguli di sangue anormali (trombosi). Le sostanze nutrienti che specificamente inibiscono il lipo-ossigenasi 5 includono l'aglio. Le droghe che sono utili includono l'ibuprofene e aspirin. I supplementi dell'olio di pesce nelle dosi elevate sono stati indicati per sopprimere la formazione dell'acido arachidonico.
    Cancer, 1997, volume 80, iss 2, pp 237-241 J Nakashima, Mercato dell'informazione e innovazione di Y, m. Tachibana, babza di S, K Hiramatsu, m. Murai.
  9. Le prostaglandine sono sintetizzate da acido arachidonico dalla ciclossigenase degli enzimi. Una prostaglandina particolarmente pericolosa è PGE2, che è compreso in molte malattie infiammatorie croniche. L'amministrazione di PGE2 alle cellule della prostata, del seno e di tumore del colon ha provocato la proliferazione cellulare aumentata. Un derivato dell'ibuprofene chiamato flurbiprofen la crescita inibita delle cellule di carcinoma della prostata di PGE2-induced. Aspirin, l'ibuprofene e l'olio di pesce sono parecchi agenti disponibili che inibiscono la sintesi PGE2.
    Cancer, 1997, volume 79, Iss 10, pp 1964-1968, WD Figg, G Kroog, P Duray, millimetro Walther, N Patronas, O Sartor, E Reed.
  10. In avanzato, il carcinoma della prostata (resistente) ormone-refrattario, il mitoxantrone della droga della chemioterapia, congiuntamente ad un prednisone o ad un'idrocortisone, ha mostrato l'efficacia clinica in 35-40 per cento dei pazienti. I miglioramenti di qualità della vita sono stati notati, con la meno tossicità incontrata rispetto alle droghe tradizionali della chemioterapia. L'amministrazione del mitoxantrone, tuttavia, non ha provocato la sopravvivenza aumentata, rispetto alle droghe del corticosteroide che sono usando da solo.
    Giornale di American Medical Association, 1997, volume 277, Iss 18, pp 1452-1455, WJ Catalona, DS Smith, dk Ornstein.
  11. Negli uomini con carcinoma della prostata metastatico avanzato (fase D1 e D2) che era precedentemente non trattato, la terapia di associazione che utilizza Lupron, il flutamide e la suramina farmaceuticamente amministrata ha prodotto un tasso globale di risposta positiva di 67 per cento. C'erano tre risposte complete in questa prova di 48 pazienti. C'erano 18 morti riferite in questo gruppo. Research urologica, 1997, volume 25, supplemento. 2, pp S67-S71, mp Wirth, Se Froschermaier.
  12. Un nuovo termine, “antiandrogeno ritira la sindrome,„ è stato coniato per trattare con i pazienti di carcinoma della prostata che diventano refrattari (non rendendo al trattamento) al blocco dell'ormone. Compare quello sopra ritiro del flutamide, Casodex ed altre simili droghe, il livello di PSA va acutamente giù. I medici sostengono una prova della terapia antiandrogena di ritiro prima dell'inizio delle terapie tossiche.
    Giornale di Oncology clinica, 1997, volume 15, Iss 4, pp 1470-1477, Na Dawson, WD Figg, SIG. Cooper, O Sartor, RC Bergan, Senderowicz, Steinberg, B Weinberger, ea Sausville, E Reed, CE Myers.



CANCRO: STATISTICHE E TRATTAMENTO

  1. La cimetidina (Tagamet) data ai malati di cancro colorettali ha migliorato drammaticamente la risposta immunitaria locale una volta data una settimana prima di chirurgia. Una risposta immunitaria positiva è stata veduta in 21 per cento dei pazienti di referenza, mentre 56 per cento dei pazienti nel gruppo di Tagamet hanno avvertito una risposta immunitaria migliore del linfocita locale. L'istamina ha mostrato un effetto inibitorio su proliferazione dei linfociti e Tagamet si è contrapposto agli effetti disoppressione di istamina. Tagamet inoltre è stato indicato ad infiltrazione del linfocita di aumento nelle cellule tumorali colorettali quale ha correlato con una sopravvivenza triennale migliore.
    Cancer, 1997, volume 80, Iss 1, pp 15-21, WJ Adams, DL Morris.
  2. Un estratto dell'aglio è stato indicato per migliorare la differenziazione ed inibire la proliferazione in cellule di leucemia, del fegato e di cancro al seno inibendo l'incorporazione di timidina nel DNA di queste cellule tumorali. La timidina è un fattore di crescita importante che permette alle cellule tumorali di proliferare fuori controllo.
    Giornale internazionale di Oncology, 1997, volume 11, Iss 1, pp 181-185, mA Lea, Stati Uniti Ayyala.
  3. Il tè verde che i polifenoli sono stati indicati per inibire il filo del DNA irrompe le cellule del polmone esposte agli ossidanti. Questo meccanismo è stato identificato come uno dei modi che il tè verde può impedire il cancro polmonare.
    Radicale libero Biology e Medicine, 1997, volume 23, Iss 2, pp 235-242, P Leanderson, AO Faresjo, C Tagesson.
  4. L'associazione del cancro americana ha pubblicato una prevalenza aumentata rappresentazione di studio di tumore invasivo che accade in Connecticut, su 40 per cento in maschi e su 13 per cento in femmine dal 1982 alla fine di 1994. Facendo uso di questi dati, i 7,7 milione Americani stimati sono stati proiettati essere diagnosticati con cancro durante l'anno 2000 e 13,2 milione Americani nel 2030. L'associazione del cancro americana ha detto che queste tendenze di disturbo hanno indicato la necessità della prevenzione primaria di cancro e per gli studi di determinare come quelli diagnosticati con tumore invasivo sono diventato superstiti a lungo termine. (Questo studio ulteriore ha convalidato le previsioni torve del fondamento del prolungamento della vita rese agli anni fa circa dall'l'epidemia indotta da FDA crescente del cancro. È la posizione del fondamento che i regolamenti burocratici tengono i risultati di ricerca sul cancro dall'ottenere ai malati di cancro.)
    Cancer, 1997, volume 80, Iss 1, pp 136-141, AP Polednak.


La melatonina È STATA INDICATA A:
  1. Impedisca il DNA rotture del doppio filo ed uniche in risposta all'esposizione del campo magnetico. Le cellule cerebrali dei ratti sono state esaminate dopo l'esposizione ai campi magnetici, che hanno causato dalla la rottura indotta da radicale libera severa dei fili cellulari del DNA. La melatonina è stata indicata per bloccare il filo del DNA che si rompe in risposta ai campi magnetici. I ricercatori hanno commentato che l'effetto protettivo di melatonina potrebbe possibilmente impedire una vasta gamma di malattie neurologiche ed oncologiche.
    Giornale di Research pineale, 1997, volume 22, Iss 3, pp 152-162, H Lai, NP Singh.
  2. Sopprima l'effetto angiospastico del perossido di idrogeno all'arteria ombelicale. La capacità della melatonina di sopprimere lo spasmo arterioso è stata attribuita alla sua capacità di pulire il radicale ossidrile pericoloso. Lo spasmo di un'arteria coronaria può causare un attacco di cuore e lo spasmo di un'arteria cerebrale può causare un colpo.
    Giornale di Research pineale, 1997, volume 22, Iss 3, pp 152-162, H Lai, NP Singh.
  3. Allevii alcuno degli effetti acuti delle emicranie una volta amministrato alla notte sotto forma di infusione che ha prodotto i livelli ematici della melatonina leggermente sopra le gamme fisiologiche normali. Gli studi precedenti avevano indicato le incidenze ridutrici degli attacchi di emicrania quando la melatonina è stata richiesta oralmente ogni notte.
    Cephalalgia, 1997, volume 17, Iss 4, pp 511-517, B Claustrat, brun di J, m. Geoffriau, R Zaidan, C Mallo, G Chazot.
  4. Protegga le cellule hippocampal nel cervello dalla lesione ri-aspersione-ischemica una volta amministrato allora che il flusso sanguigno è stato tagliato.
    Brain Research, 1997, volume 755, Iss 2, pp 335-338, S Cho, TH Joh, HW Baik, C Dibinis, BT Volpe.
  5. Protegga da lesione cerebrale introdotta da ischemia (nessun flusso sanguigno) o da kainate (un radicale libero che genera enzima).
    Brain Research, 1997, volume 755, Iss 1, pp 91-100, C Cazevielle, NN Osborne.
  6. Protegga da ferite gastroduodenali provocate in ratti dall'assunzione orale dell'etanolo.
    Giornale britannico di Pharmacology, 1997, volume 121, Iss 2, pp 264-270, D Melchiorri, E Sewerynek, RJ Reiter, GG Ortiz, B Poeggeler, G Nistico.



DHEA È STATO INDICATO A:

  1. Potenzialmente tratti la dermatite atopica regolando determinate citochine che causano le reazioni autoimmuni.
    Archivi di Research dermatologica, 1997, volume 289, Iss 7, pp 410-414, N Tabata, H Tagami, T Terui.
  2. Riduca l'incidenza e la severità dall'dell'artrite indotta da collagene in topi. Arthritis e Rheumatism, 1997 volumi 40, Iss 5, pp 907-911, PJ Williams, RHV Jones, TW Rademacher.


DEPRENYL È STATO INDICATO A:
  1. Aumenti i livelli energetici della cellula cerebrale (campo) ed i neuroni di salvataggio da danno potenzialmente letale. Questo effetto sembra indipendente dal meccanismo ben noto dei deprenyl della cellula d'inibizione che nuoce a MAO B.
    Neuroreport, 1997, volume 8, Iss 9-10, pp 2165-2168, mA Riva, R Molteni, G Racagni.
  2. Protegga le cellule cerebrali dagli effetti dalla della tossicità indotta da glutammato. La glutamina di uso delle cellule cerebrali per produzione di energia, ma nel corso della produzione dell'energia, glutammato in eccesso può essere liberata che danneggia lentamente le cellule cerebrali. Oltre al deprenyl, la vitamina E inoltre è stata indicata per proteggere da citotossicità indotta glutammato.
    Radicale libero Biology e Medicine, 1997, volume 23, Iss 4, pp 637-647, CMF Pereira, CR Oliveira.
  3. Prolunghi il tempo di sopravvivenza fino a 200 per cento in topi immuno-soppressi, rispetto agli animali di controllo. Questo studio inoltre ha indicato che l'alfa acido lipoico ha aumentato il tempo di sopravvivenza di 50 per cento confrontati agli animali di controllo. (Nota: Chiunque che prende il deprenyl per gli scopi antinvecchiamento non dovrebbe prendere il mre che 15 mg un la settimana. Circa 10 mg un la settimana è considerato ideale.)
    Arzneimittel-Forschung/droga Research, 1997, Vol47, Iss 6, pp 776-780, HJ Freisleben, un Neeb, F Lehr, H Ackerman.


LA VITAMINA E È STATA INDICATA A:

  1. Ristabilisca la filtrazione ed il flusso urinarii ai ratti con la malattia renale severa sopprimendo i radicali liberi che provocano ferite tubulointerstitial. Medicine biochimica e molecolare, 1997, volume 61, Iss 1, pp82-86, N.B.: Kuemmerle, RB Brandt, W Chan, RJ Kreig, JCM Chan.

  2. Inibisca il pensiero di molti fattori per causare il tumore del colon. Questo studio ha sottolineato i meccanismi protettivi specifici relativi all'alfa tocoferolo trovato nella maggior parte di supplemento e del gamma-tocoferolo della vitamina.
    Radicale libero Research, 1997, volume 26, Iss 6, pp 565-583, a Diplock.

  3. Protegga da danno migliorato del radicale libero causato dalle lovastatine d'abbassamento della droga (Mevacor).
    FEBS Letters, 1997, volume 410, Iss 2-3, pp 254-258, un Palomaki, K Malmimiemi, T MetsaKetela.

  4. Protegga le cellule immuni dagli effetti dello stress termico. Lo stress termico è stato indicato per sopprimere la produzione e le funzioni delle cellule immuni e la vitamina E completamente ha abrogato gli effetti inibitori causati dalle temperature elevate., dal giornale di BR> dei regolatori biologici e da Agents omeostatico, 1996, il volume 10, il Iss, 2-3. pp 54-59, O Franci, F Ranfi, C Scaccini, un Amici, N Merendino, G Tommasi, E Piccolella.

  5. Protegga le cellule di muscolo umane da ferite di riperfusione e di ischemia provocate dalle procedure chirurgiche importanti. I medici hanno indicato che la vitamina E può essere un nuovo strumento importante per la protezione contro le interruzioni del flusso sanguigno che si presentano durante le operazioni importanti.
    Histology ed Histopathology, 1997, volume 12, Iss 3, pp 663-669, L Formigili, LI Manneschi, Atani, E Gandini, C Adembri, C Pratesi, GP, Novelli, SZ Orlandini.

  6. Inibisca significativamente la crescita delle cellule orali del carcinoma a cellule squamose quando il succinato della vitamina E si è combinato con le droghe della chemioterapia. Il succinato della vitamina E ha permesso che le concentrazioni più basse delle droghe fossero usate, riducenti il potenziale della tossicità.
    Leucotrieni della prostaglandina ed acidi grassi essenziali, 1997, volume 56, Iss 6, pp, 461-465, TMA ElAttar, COME Virji.

  7. Migliori i sintomi della discinesia tardiva. In una prova che fa partecipare 16 pazienti, le riduzioni significative del punteggio anormale dei movimenti involontari sono state trovate quando prende la vitamina E. Questa individuazione, che conferma gli studi precedenti, indica un ruolo possibile per la vitamina E nel trattamento della discinesia tardiva.
    Essere umano Psicofarmacologia-Clinico ed Experimental, 1997 volumi 12, Iss 3, pp 217-220, PN Dannon, E Lepkifker, I Iancu, R Ziv, N Horesh, m. Kotler.

  8. Migliori la risposta immunitaria ad influenza polmonare in topi. Le dosi elevate della vitamina E hanno migliorato significativamente i livelli dell'anticorpo in più vecchi topi esposti ad influenza. I più giovani animali non hanno avvertito un miglioramento immune significativo in risposta alle dosi elevate della vitamina E. Questo studio aggiunge un'altra prova all'importanza critica della vitamina supplementare E in invecchiata.
    Giornale della malattia infettiva, 1997, volume 176, Iss 1, pp 273-276, MG Hayek, SF Taylor, piegatrice delle BS, S.N. Had, m. Madden, DE Smith, S Eghtesada, S.N. Madden.

  9. “Migliori sostanzialmente la qualità di vita umana, specialmente per la gente degli anni d'avanzamento.„ Ciò era la conclusione di uno scienziato che ha scritto un'estesa panoramica circa gli effetti della vitamina E in esseri umani.
    Nutrition, 1997, volume 13, Iss 5, pp 450-460, P Weber, un Bendich, LJ Machlin.

  10. Protegga gli acidi grassi polinsaturi dall'ossidazione nel corpo, migliori la risposta immunitaria ed impedisca l'adesione anormale della piastrina che può contribuire ad aterosclerosi e causi un attacco di cuore o un colpo trombotico acuto.
    British Medical Journal, 1997, volume 314, Iss 7098, pp 1845-1846, un Gazis, pagina di S, J Cockcroft.




Di nuovo al forum della rivista