Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine gennaio 1998

immagine

Un'intervista con Dott. Denham Harman

I radicali liberi sono atomi o gruppi atomici che contengono gli elettroni spaiati. Poiché gli elettroni hanno una tendenza molto forte ad esistere in accoppiato piuttosto che uno stato spaiato, i radicali liberi prendono piuttosto indiscriminante gli elettroni da altri atomi, convertenti quegli altri atomi in radicali liberi secondari ed installanti così una reazione a catena che può causare il danno biologico sostanziale.

immagine Il Dott. Denham Harman, M.D., Ph.D., in primo luogo ha proposto una teoria di invecchiamento come la reattività chimica indiscriminante dei radicali liberi possibilmente che conducono al danno biologico casuale. La sua idea ha incontrato molto successo sperimentale ed ora è considerata una teoria importante di invecchiamento. La teoria implica che gli antiossidanti quali le vitamine E e C, che impediscono i radicali liberi (che rimuove gli elettroni da) le molecole biologiche sensibili d'ossidazione, rallentino il processo di invecchiamento. Il Dott. Harman ha lanciato la sua teoria mostrando, per la prima volta, quello che alimenta vari antiossidanti ai mammiferi poteva estendere le loro durate.

Nel 1970, ha fondato l'associazione americana di invecchiamento (ETÀ), un'organizzazione dei ricercatori biomedici piegati sulla comprensione e sul rallentamento del processo di invecchiamento. Il Dott. Harman è un ricercatore all'università di centro medico del Nebraska ed è inoltre un co-fondatore dell'associazione di theInternational di gerontologia biomedica.

Il Dott. Harman, intervistato per la rivista del prolungamento della vita da Greg Fahy, Ph.D., reminiscenze sugli inizi della sua ricerca e suggerisce i corsi dello studio futuri più completamente a capire il processo di invecchiamento. . . e come fermarlo.

Il pioniere antiossidante

Denham Harman, membro del consiglio di amministrazione consultivo scientifico della rivista del prolungamento della vita, è il creatore della teoria libero radicale di invecchiamento e della ricerca pionieristica a con gli antiossidanti. È un vero pioniere antinvecchiamento.

Prolungamento della vita: Potrebbero voi brevemente raccontare come avete deciso di iniziare l'associazione americana di invecchiamento (ETÀ) ed alcuni degli eventi iniziali nell'ETÀ di messa in opera?

Denham Harman: Un mazzo di noi stava sedendo intorno alla riunione nel 1969 dell'associazione internazionale di gerontologia. Abbiamo realizzato a quel tempo là eravamo meno di 300 persone nella società gerontologica che erano nella sezione di scienza biologica e meno di 100 stavano facendo tutto il lavoro. Quello era di preoccupazione immediata a noi. Inoltre stavamo lamentando il fatto che, se andaste e parlaste con la persona media di invecchiamento, ha pensato alla gente anziana. Non ha attraversato mai le loro menti come avete ottenuto vecchio, che era qualcos'altro.

A New York la seguente estate, c'erano forse cinque o sei riunioni quattro, tenute dove abbiamo deciso di fare qualcosa. Abbiamo mangiati il pranzo inaugurale all'hotel di Waldorf Astoria che cadono. La prima riunione è stata tenuta nel 1971, appena davanti alla riunione gerontologica della società a Houston.

È stato un'esperienza interessante. È molto difficile da convincere gli scienziati ad acconsentiree su qualche cosa, ma penserei che almeno potremmo acconsentiree in materia di soldi. Poiché se state andando dovere fare concorrenza ai sociologi e così via, state andando ottenere una frazione dei soldi. Stanno andando prendere la maggior parte. Non mi occuperei di quello, a meno che non stia facendo nulla in termini di cui realmente necessità di essere fatto. Uno dei sociologi stava lamentando il fatto che ha pensato che troppi soldi stessero dandi ai biologi!

LE: Capisco che abbiate voluto l'associazione americana di invecchiamento essere come il March of Dimes, ma per invecchiare invece per dei difetti di nascita.

DH: Oh, non so. L'idea era un forum in cui gli scienziati potrebbero riunirsi d'una sola voce e parlare ed ha un maggior impatto sul congresso per esempio ed inoltre prova ad istruire la gente circa la ricerca di invecchiamento ed istruisce i medici circa che cosa potrebbe essere fatto. Non c'è punto nel fare questo lavoro se non lo trasferite a medici e non lo trasferite a voi ed a me.

LE: Che cosa pensate la necessità più urgente siete in questo campo oggi?

DH: (Risate) abbiamo bisogno appena dell'aiuto tremendo. È assolutamente ridicolo. Avete visto il libro di cui sono venuto fuori alcuni anni fa-dall'accademia nazionale Medicina-in cui hanno sostenuto l'aumento del supporto per la ricerca invecchiante ad miliardo dollari l'annualmente? La maggior parte della ricerca stava andando a sostegno di più studi sociali. Ciò è uno dei miei pomi della discordia. Quando i gruppi come i membri della società gerontologica parlano della ricerca di invecchiamento, a loro la ricerca di invecchiamento è tutti i programmi che sociali vogliono le dimostrazioni per. Ma potreste costituire un fondo per ogni assistente sociale e non faranno un'ammaccatura su questo problema principale. Stanno prendendo, io indovinano, due terzi dei soldi dall'istituto nazionale su invecchiamento.

LE: Che cosa è la somma totale di soldi che realmente sono spesi sulla ricerca biomedica di invecchiamento?

DH: Calcolo che è $25 milione - $50 milioni. Probabilmente più vicino a $25 milioni.

LE: Quello sarebbe soltanto, che cosa, un ventesimo del bilancio di NIA?

DH: Qualunque, è una piccola frazione. Eppure non posso convincere gli scienziati ad attaccare insieme. Quella era una delle ragioni per la formazione dell'associazione americana di invecchiamento in primo luogo, in modo da avremmo un posto in cui gli scienziati potrebbero associarsi, per così dire, hanno una più grande voce. Ma invece di quello, abbiamo una goccia della sabbia qui, una goccia della sabbia là e nessuno che parla con una singola voce.

LE: Potreste raccontare per noi alcuni degli eventi che portano alla vostra idea che i radicali liberi potrebbero essere importanti nell'invecchiamento?

DH: Quando, ero un chimico della ricerca per Shell Development Co. , lavorando nel dipartimento di cinetica di reazione, che è chimica del radicale basicamente libero. Sono stato interessato nell'invecchiamento, ma non avevo reso ad alcun collegamento qualunque fra chimica del radicale libero e invecchiamento. Ho pensato ai radicali liberi soltanto in termini di chimica diritta. Stavo lavorando a quel tempo sulle reazioni radicali libere coinvolgere con ossigeno ed i composti organici, composti solforati, fosforosi composto-che specie della cosa. Era chimica interessante.

LE: Che cosa ha alzato il vostro interesse verticalmente nell'invecchiamento?

DH: Sono venuto a casa da lavoro una notte e la mia moglie mi ha mostrato un articolo di rivista da William Lawrence, che a quel tempo era un redattore di scienza per New York Times. È stato autorizzato, “domani voi può essere più giovane,„ ma era un articolo molto bene scritto sul lavoro del Dott. Bogomolets al centro di ricerca di gerontologia a Kiev, Russia. In ogni modo, era un articolo interessante. Non ho capito di che cosa stava parlando. Nemmeno ho conosciuto alcuno del vocabolario, ma era interessante.

LE: Che cosa era la sostanza generale di?

DH: Provando ad aumentare la durata, quella specie di cosa.

LE: Ciò sarebbe stata quando?

DH: Dicembre di 1945. Mentre a facoltà di medicina sono stato intrigato da alcune cose I imparato. Ho preso un corso di psicoanalizzare nel dipartimento della biochimica e del cancro ed inoltre ho diventare cosciente del lavoro dal carrel all'università di Rockefeller sulle cellule del pollo. [La nota del redattore: Ciò era una serie famosa di esperimenti che sono sembrato indicare che le cellule potrebbero dividersi senza limite nella cultura del tessuto; sono sembrato essere, in effetti, immortale.] ed ho ritenuto che sicuro c'fosse qualche cosa di haywire con quell'esperimento, perché l'esperienza umana è che tutto muore. Successivamente è stato indicato che realmente stavano trasferendo involontariamente le nuove cellule in quel vecchio mazzo.

In ogni modo, mi sono seduto ed ho fatto la domanda, che cosa è la causa di invecchiamento? Ho pensato, la madre natura trova qualcosa che funzioni e lo usa continuamente con le variazioni sul tema. Così ho pensato che poiché invecchiare era universale, poiché tutto è invecchiato e morto, là dovrebbe essere una causa comune che era modificabile dalla genetica e dall'ambiente. In modo che siano i locali su cui stavo esaminando questo problema.

È soltanto quando guardo indietro che ho realizzato che ero piuttosto dentro di una situazione unica. Ho avuto un B.S. e Ph.D. in chimica ed ho avuto circa 15 anni lavoro in laboratori, i sette anni ultimi sui miei propri. Avevo finito appena un corso superbo nella biologia alla facoltà di medicina e ad un internato. Ma era come cercare un ago in un pagliaio. Niente ha ingranato. Tutto che potrei pensare a è andato esattamente in nessun posto. Ero appena circa pronto a smettere nel complesso la cosa. Io ritenuto come stavo sprecando il mio tempo. Ma odiate darvi su-pensate che ci sia qualcosa là, ma non siete appena abbastanza intelligente vederlo.

Così comunque, stavo sedendo allo scrittorio nel mio ufficio una mattina ed ha albeggiato improvvisamente sui radicali senza me ha infiammato con la mia mente. Sapere che avete la risposta, ma non non sapere siete arrivato, ma quello era.

LE: Quando aveva luogo questo, quasi come potete calcolare?

DH: Ciò era la prima parte del novembre 1954. Avevo finito il mio internato alla fine di giugno. Nella prima parte di dicembre, ho vagato intorno alla città universitaria di Berkeley che parlo con gente per ottenere la loro reazione a questa idea. Hanno detto che è interessante, ma appena troppo semplice spiegare un problema complesso come invecchiamento. Ho provato a spiegare che la chimica del radicale libero è sembrato soltanto semplice, quello che era molto più complessa di quella. In ogni modo, non ho fatto molto progresso, ad eccezione di due genti. Erano entrambi i chimici organici che stavano facendo un certo lavoro-un biologico erano un virologo ed uno era un photosynthesist. Ed hanno detto, sì, forse là sono qualcosa là.

In primo luogo abbiamo cominciato esaminare la catalasi a causa del collegamento con la reazione di Fenton [una reazione ferro-catalizzata della generazione del radicale libero che non richiede i sistemi viventi di funzionare]. Qualcuno più al dipartimento di fisica aveva sviluppato un EPR [uno spettrometro di risonanza paramagnetica di elettrone, un dispositivo per la rilevazione dei radicali liberi], ma non potrei individuare i radicali liberi con quel sistema. Inoltre ho fatto una serie di studi che provano a modificare questo sistema e gli studi con attività della catalasi, ma niente è venuto di.

LE: Stavate provando appena a trovare i radicali liberi nei sistemi viventi a questo punto?

DH: Sì.

LE: Avete un'idea che i radicali liberi aumenterebbero con l'età o voi avete pensato che sia stato appena un assalto violento costante che finalmente sopraffarebbe l'organismo? Avete un'idea quanto a come i radicali liberi parteciperebbero all'invecchiamento?

DH: Ho saputo, per esempio, che in radiobiologia, se il livello del radicale libero fosse abbastanza su, potreste uccidere un animale. Abbiamo lavorato a parecchie cose allo stesso tempo. La maggior parte del lavoro era sugli studi della durata. Abbiamo usato i topi di C3H e di AJR, sforzi relativamente di breve durata, ma stavamo occupando molto di un sistema complesso. L'idea era che le reazioni libero radicali sono state comprese nell'invecchiamento e che se poteste fare diminuire il livello, potreste potere aumentare la durata. Date un antiossidante ad un animale, ha contenuto e distribuito ai tessuti. Dove nei tessuti va, a che parte della cellula, non abbiamo saputo.

LE: Che agenti avete scelto? Era quello lo studio 2-MEA [2-mercaptoethylamine]?

DH: 2-MEA è stato scelto perché quel composto è stato sintetizzato dalla Commissione di energia atomica come composto di radioprotezione. È un composto molto efficace.

LE: Come avete selezionato la vostra dose?

DH: Forse questo ha riguardato qualcosa in uno studio di radiazione. Non ricordo esattamente. Eravamo solo fortunati. In termini di durata, potremmo facilmente avere troppo o troppo poco. Sembra a me che quando abbiamo superato 1 per cento [nella dieta], ci siamo trovati nei guai. In ogni modo, abbiamo usato 2-MEA, abbiamo usato l'acido ascorbico, abbiamo usato la cisteina ed abbiamo utilizzato una volta l'idrossilammina in uno studio successivo. Conoscendo che cosa ora conosco, desidero che potrei ritornare e che faccio che l'idrossilammina studia ancora. Userei le concentrazioni differenti ed anche alcune molecole differenti dell'idrossilammina.

LE: Quando voi ha pubblicato la vostra prima rappresentazione di studio che il MEA potrebbe estendere la durata, quello improvvisamente ha cambiato il pensiero di molta gente? Avete fatto quell'drasticamente interesse di aumento in questa area o avete trovato che la gente ancora ha resistito alla vostra idea?

DH: Essenzialmente stavo parlando con me stesso per circa 10 anni. I biologi a quel tempo hanno conosciuto la chimica pochissima, certamente niente circa chimica del radicale libero, ma era vice versa con i chimici. Il primo studio della durata è stato presentato come estratto alla federazione americana della ricerca clinica. Penso che sia stato nel 1956 o 1957 in Carmel, California. C'era interesse graduale. Poi nel della metà del 1960 s che ha cominciato aumentare ulteriormente e quando l'affare della ZOLLA [la scoperta di superossido dismutasi, un enzima naturale che distrugge i radicali liberi del superossido nel corpo] è uscito nel 1969, è decollato.

Abbiamo accumulato gradualmente molti dati nel della metà del 1960 s che ci hanno mostrati, sì, hanno aumentato la speranza di vita media, che è che cosa ho pensato vedere. Ma non ho visto un tal aumento che potrei realmente essere sicuro, in termini di durata massima. Su quella base, la domanda è venuto su, è l'omissione di aumentare il massimo durata perché la teoria è sbagliata o perché dovrebbe essere modificata? Il genere I di conclusivo di dovrebbe essere modificato ed ho scritto una piccola carta che è stata pubblicata nell'edizione di aprile del giornale della società americana della geriatria nel 1972. Il titolo era, “l'orologio biologico: I mitocondri?„ Lo ho seguito su successivamente con una carta nel 1983, io penso, che è stato pubblicato nell'ETÀ, chiamato “la teoria del radicale libero di invecchiamento: le conseguenze di invecchiamento mitocondriale.„

C'è moltissimo lavoro che accende oggi in quell'area, ma a quel tempo, non ho conosciuto molto circa i mitocondri, di per sé. Ma non ha preso molta immaginazione per calcolare che il vostro DNA o le vostre membrane potrebbe essere conforme all'attacco del radicale libero. Così fondamentale, la carta ha suggerito che i radicali liberi generati dai mitocondri ci uccidessero, per così dire.

Ad ogni modo, ora, penso che cosa è importante, oltre alla storia passata, sono che c'è un consenso crescente che i cambiamenti di invecchiamento sono indotti dalle reazioni radicali libere, in gran parte iniziate dai mitocondri e che il tasso di danneggiamento dei mitocondri determina la nostra durata. Penso che è l'essenza. La gente ancora è in disaccordo con. Ma il punto è che la gente sta andando in tante direzioni differenti che molta gente non potrebbe essere applicata ad un oggetto. Penso che ora sta cambiando.

LE: Certamente, la teoria del radicale libero ha ispirato la più ricerca che qualunque altro concetto nell'invecchiamento, là non è domanda a tale proposito. Ci sono più dati relativi a quella teoria che su qualunque altro oggetto nell'invecchiamento. La maggior parte dei fatti sono coerenti con la teoria.

DH: Bene, penso che dobbiate realmente accettare che a un certo punto nel tempo stabiliate un fatto e forse ora stiamo raggiungendo quel punto. Probabilmente, siamo passato che indicano, o passato il punto quando qualcosa che sia chiamato una teoria si trasforma in in un fatto e voi lo prendono appena come tale.

LE: Una cosa che penso aiuterà è di stabilire come un livello dato di sforzo dell'ossidante governa la durata.

DH: Avete una conoscenza di con il lavoro sui piccioni che è stato fatto qui da Sohol ed anche da Barjillian a Madrid, Spagna? Ha indicato che i piccioni deviano una più piccola frazione dell'ossigeno che consumano al radicale del superossido. Suggeriscono e penso che questo sia corretto, che questa è la stessa cosa della restrizione dell'alimento. Da un lato, state riducendo i tassi di inizio del radicale libero geneticamente e d'altro canto state facendolo facendo diminuire il vostro consumo di substrato. Quasi certamente la gente che lavora al topo senescenza-accelerato ha indicato che la perossidazione è molto più alta in quel topo che nel topo lungo-vivo.

LE: Fin dove pensate potete noi andare? Che cosa è l'aspettativa quanto a fin dove noi può eliminare la durata tramite un approccio assolutamente ottimale ad occuparsi del danno del radicale libero?

DH: Chi sa? Le reazioni radicali libere sono quasi impossibli da fermarsi. Potete rallentarli su e quello dipende da quanto buon siete. Potete ridurre l'inizio dei radicali liberi dai mitocondri e poi usate alcuni antiossidanti per pulire il resto loro. Nessuno può rispondere alla vostra domanda.

Da un punto di vista pratico, penso che oggi stiamo raggiungendo un punto in cui possiamo realmente intervenire nel processo di invecchiamento ed aumentare la nostra durata funzionale e probabilmente anche la durata massima. E quello è dove penso che siamo oggi. Se voi ed io sono intorno tra 100 anni, possiamo dibattere che cosa facciamo da là, ma ora la cosa immediata è di provare a fare qualcosa circa dove siamo al momento.

LE: Inoltre siete stato un geriatra nei precedenti tutti questi anni, ma non sentiamo parlare mai di quello. Che cosa potete dirci circa la vostra propria pratica?

DH: Non posso ricordarmi esattamente quando questo era, ma prima o poi probabilmente negli anni 70 che hanno avuto bisogno di un certo aiuto più in Douglas County Hospital ed in modo dal presidente ha detto, “siete interessato nell'invecchiamento, abbiamo bisogno di qualcuno di andare là e fare un certo lavoro, in modo da siete.„ Molto crudamente, quello era a questo proposito. Così fino a quattro anni fa, stavo prendendo la cura dei pazienti geriatrici. Lo metterei gradisco questo: era interessante, ma anche piuttosto deprimere, perché molta questa gente era pazienti del morbo di Alzheimer e là non era molta che potreste fare.

LE: Che supplementi raccomandate?

DH: Raccomanderei che gli adulti prendessero un grammo ad un grammo e ad una metà di vitamina C un il giorno. Inoltre li raccomanderei prendo la vitamina E. Molti, molta gente stanno prendendo almeno 400 IU un il giorno.

LE: Pensate 400 IU alla vitamina E sareste la dose dell'obiettivo, il meglio?

DH: Non so. La cosa che dovete preoccuparti circa è che non fate alcun danno. La difficoltà è, abbiamo avuti esperienza di singole dosi delle cose come la vitamina E che sono state usate per anni ed anni, ma noi non conosce che che cosa è l'effetto a lungo termine di presa vari antiossidanti ai livelli che pensate individualmente sono benissimo. Ma alcuni possono essere troppo.

LE: Che cosa circa il ruolo del completamento del selenio?

DH: Bene, nessuno realmente sa ancora. Prendo 100 microgrammi un il giorno, in media e 25.000 IU ogni altro giorno del beta-carotene. Quando dico queste cose, realizzo perfettamente il pozzo che realmente non so di sicuro che questi sono l'optimum. Non conosco appena l'optimum. Almeno, penso che questi siano importi ragionevolmente sicuri da prendere. E prendo una certa vitamina b6 e prendo il magnesio.

LE: Delle differenze nell'esigenza degli antiossidanti fra gli uomini e le donne?

DH: Sono interessato nella prova di scoprire se ci sono dei dati sugli effetti degli antiossidanti sulla gravidanza. Vorrei vedere le donne, generalmente, ottengo molto più antiossidanti che stanno ottenendo. Potremmo potere ottenere indirettamente a questo dandolo alle donne che sono state diagnosticate come avendo sindrome di Down. Queste donne sovente vorranno tenere il bambino piuttosto che averlo ha abortito e forse potrebbero essere date un'opzione, se vogliono farla e vedono se prenderanno un aumento in antiossidanti: vitamina E, C e beta-carotene, per esempio.

I dati teorici stanno suggerendo che il fattore principale nel morbo di Alzheimer della manifestazione tardiva sporadica tipo-quello 90 - 95 per cento di Alzheimer caso-sia una mutazione nella vita più in anticipo che colpisce la funzione mitocondriale, una mutazione di DNA mitocondriale o di DNA nucleare che influenza la funzione mitocondriale. In pratica, guarda come se almeno questa grande categoria di casi del morbo di Alzheimer sia un disordine mitocondriale. Non è semplicemente nel cervello, è un disordine diffuso, comprendente le piastrine, i fibroblasti, ecc.

LE: I pazienti di un certo Alzheimer hanno differenze di lingua-uso nel loro 20s.

DH: Sì e questo indica che il problema ha avviato il ritorno. Se questo è il caso, quindi possiamo fare la discussione che le donne dovrebbero prendere più antiossidanti.

Il Dott. Steven B. Harris, M.D., ha assistito a questa intervista