Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine luglio 1998

Estratti


Terapia per disfunzione erettile


La rivista del prolungamento della vita ristampa gli estratti sugli argomenti di longevità e di salute in ogni edizione, ricavata dalle pubblicazioni originalmente pubblicate in scienza e pubblicazioni mediche nel mondo intero.

Sildenafil [Viagra], un'efficace terapia orale innovatrice per disfunzione erettile maschio
Br J Urol (INGHILTERRA) agosto 1996, 78 (2) p257-61

Pazienti e metodi:Dodici pazienti (di 36-63 anni) con disfunzione erettile maschio di nessuna causa organica stabilita sono stati inseriti in una prova alla cieca, randomizzato, controllata con placebo, studi dell'incrocio che sono stati intrapresi in due fasi.

Nella prima fase (incrocio a quattro vie), l'efficacia del trattamento è stata valutata tramite le misure di rigidità del pene facendo uso di pletismografia del pene durante la stimolazione sessuale visiva alle dosi differenti di mg del sildenafil (10, 25 e 50 o di placebo). Nella seconda fase (incrocio bidirezionale), l'efficacia è stata valutata da un'annotazione del diario di attività erettile del pene dopo le singole dosi quotidiane di sildenafil (25 mg) o di placebo per i 7 giorni.

Risultati: (Intervallo di confidenza di 95%, ci) la durata media di rigidità > di 80% alla base del pene era di 1,3 millimetri (0.4-3.1) in pazienti su placebo, 3,5 millimetri (1.6-7.3; P = 0,009) su 10 mg, 8,0 millimetri (3.7-16.7; P = 0,003) su 25 mg e su 11,2 millimetri (5.6-22.3; P < 0,001) su 50 mg di sildenafil. (Di 95%) la durata media ci di rigidità > di 80% alla punta del pene era di 1,2 millimetri (0.4-2.7) su placebo e di 7,4 millimetri (2.4-8.5; P = 0,001) sul sildenafil di mg 50. Dall'annotazione del diario di attività erettile quotidiana, (di 95%) il numero totale medio ci delle costruzioni era significativamente più alto in pazienti che ricevono il sildenafil: 6,1 (3.2-11.4), rispetto a 1,3 (0.5-2.7) in quelli su placebo; 10 di 12 pazienti riferiti hanno migliorato l'attività erettile mentre ricevevano il sildenafil, rispetto a due di 12 su placebo (P 0,018). Sei pazienti sul trattamento attivo e cinque su placebo hanno riferito delicato ed il passeggero eventi avversi che hanno compreso l'emicrania, la dispepsia ed il dolore osteomuscolare pelvico.

Conclusione: Questi risultati indicano che il sildenafil è un pozzo tollerato ed efficace terapia orale per disfunzione erettile maschio senza causa organica stabilita e possono rappresentare una nuova classe di droga marginalmente agente per il trattamento di questa circostanza.


Viagra e disfunzione erettile

Sildenafil: un tipo oralmente attivo 5 inibitore GMP-specifico ciclico della fosfodiesterasi per il trattamento di disfunzione erettile del pene.
Ballard SA Gepi-Attee S Muirhead GJ Naylor Osterloh IH Gingell C. di Boolell m. Allen MJ. In: Int J Impot Res (1996 giugno) 8(2): 47-52

Sildenafil (Viagra, UK-92,480) è un agente orale novello in sviluppo per il trattamento di disfunzione erettile del pene. La costruzione dipende da ossido di azoto e dal suo secondo messaggero, guanosina monofosfato ciclica (cGMP). Tuttavia, l'importanza relativa degli isozimi della fosfodiesterasi (PDE) non è chiara. Abbiamo identificato sia le fosfodiesterasi monofosfato-specifiche che del cGMP- dell'adenosina ciclica (PDEs) in cavernosa umano dei corpus in vitro. L'attività principale di PDE in questo tessuto era dovuto PDE5, con PDE2 e 3 anche identificati. Sildenafil è un inibitore selettivo di PDE5 con un IC50 medio di 0,0039 microM. In volontari umani, abbiamo indicato il sildenafil per avere proprietà farmacocinetiche e farmacodinamiche adatte (assorbimento rapido, emivita relativamente breve, nessun effetto significativo sulla frequenza cardiaca e pressione sanguigna) affinchè un agente orale siamo presi, come richiesto, prima di attività sessuale. Inoltre, in uno studio clinico di 12 pazienti con disfunzione erettile senza una causa organica stabilita, abbiamo indicato il sildenafil per migliorare la risposta erettile (durata e rigidità della costruzione) a stimolazione sessuale visiva, così evidenziando il ruolo importante di PDE5 nella costruzione del pene umana. Le tenute di Sildenafil promettono come nuovo efficace trattamento orale per disfunzione erettile del pene.


Ossido di azoto, meccanismo erettile

Ruolo di ossido di azoto nel meccanismo erettile
Minerva Urol Nefrol (ITALIA) giugno 1993, 45 (2) p49-54, ISSN 0393-2249

L'ossido di azoto è stato identificato come fattore di rilassamento Endotelio-derivato (EDRF). I nervi colinergici non adrenergici-non sintetizzano e liberano l'ossido di azoto, così modulando il tono arterioso. La sintasi dell'ossido di azoto esiste l'uno o l'altro come enzima costitutivo in molti tipi delle cellule e come forma viscoelastica espressa nell'ambito di stimolazione immunologica. L'ossido di azoto inoltre è compreso nella neurotrasmissione che colinergica non adrenergica-non quello conduce a rilassamento del muscolo liscio nel corpo cavernoso. L'ossido di azoto induce similmente la riduzione di Ca++ libero citosolico come conseguenza dell'attivazione della forma solubile di ciclasi di guanylyl. Il VIP e l'ossido di azoto possono funzionare come co-trasmettitori. Il rilassamento del corpo cavernoso è bloccato dal blu di metilene che inibisce la sintesi ciclica di GMP; così, l'alto refrattario del priapismo di flusso ai trattamenti medici e chirurgici può essere diretto con successo dal blu di metilene intracavernous. Inoltre, è suggerito che l'alfa migliorata il 1 tono mediato adrenergico del restringitore e flaccidity del pene in uomini diabetici possa rispondere ai generatori esogeni di ossido di azoto. Postuliamo che rilassamento del corpo cavernoso, iniziato da ossido di azoto in risposta alla neurotrasmissione colinergica non adrenergica-non, potremmo essere amplificati e mantenuti da produzione dell'ossido di azoto come conseguenza dell'intrappolamento della piastrina nel corpo cavernoso durante la prima fase della costruzione del pene.


Sesso, risposte vasodilatatori

Differenze del sesso nella funzione endoteliale negli oggetti normali e ipercolesterolemici
Se Ritter JM di Brett di JUNIOR di watt GF Cockcroft di Chowienczyk PJ. In: Lancet (il 30 luglio 1994) 344(8918): 305-6

L'acetilcolina stimola la sintesi endoteliale di ossido di azoto da L-arginina. Per studiare l'influenza del sesso sulla funzione endoteliale, abbiamo misurato le risposte vasodilatatori all'amministrazione dell'arteria brachiale di acetilcolina in uomini e nelle donne di controllo e ipercolesterolemici. La risposta media ad acetilcolina è stata alterata (55% di quella nei comandi a 15 microgrammi/minuto) in uomini ipercolesterolemici ma non in donne ipercolesterolemiche. l'L-arginina ha normalizzato le risposte ad acetilcolina in uomini ipercolesterolemici, ma ha avuta simili effetti nelle donne di controllo e ipercolesterolemiche. Questi risultati indicano che le donne sono protette contro gli effetti contrari di ipercolesterolemia sulla via ossido di azoto/dell'L-arginina.


Ossido di azoto come mediatore

Ossido di azoto come mediatore di rilassamento del corpo cavernoso in risposta a neurotrasmissione nonadrenergic e noncholinergic.
N l'Inghilterra J Med (STATI UNITI) 9 gennaio 1992, 326 (2) p90-4, ISSN 0028-4793

Metodi: Abbiamo studiato le strisce del tessuto di corpo cavernoso ottenute da 21 uomo in cui le protesi del pene sono state inserite a causa dell'impotenza. Gli esemplari del liscio-muscolo di Smounted sono stati pretrattati con la guanetidina e l'atropina e submaximally sono stati contratti con fenilefrina. Poi abbiamo studiato le risposte del farmaco rilassante del liscio-muscolo a stimolazione da un campo elettrico e ad ossido di azoto.

Conclusioni: I risultati sostengono l'ipotesi che l'ossido di azoto è compreso nella neurotrasmissione che nonadrenergic e noncholinergic quello conduce al rilassamento del liscio-muscolo nel corpo cavernoso che permette la costruzione del pene. I difetti in questa via possono causare certe forme di impotenza.



Di nuovo al forum della rivista