Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine novembre 1998

Rapporto
 

 

Olio del Perilla, ottenente al cuore della materiaOttenendo al cuore della materia

Il vostro cuore sa che non tutti i grassi sono cattivi. Gli acidi grassi Omega-3 in particolare sono associati spesso con salute cardiovascolare migliore, compreso evitare gli attacchi di cuore ed il colpo come pure molti altri benefici.

Il verdella O i 30 anni ultimi, il pubblico sempre più ha diventare cosciente che l'eccessivo consumo grasso è cattivo per la sua salute. Coloro che consuma troppo il grasso sono a rischio della malattia cardiovascolare, compreso gli attacchi di cuore ed il colpoe per sviluppare tali malattie degeneranti come il cancro, l'aterosclerosi, il diabete di adulto-inizio e le malattie infiammatorie croniche.

Tuttavia, i grassi non sono tutto il cattivi. La sfida si trova nel consumo del rapporto appropriato di omega-6 agli acidi grassi omega-3 ed il fatto è, Americani, in media, consuma 10 - 20 volte acidi grassi troppo omega-6. Per contro, la ragione per cui il lino e l'olio di pesce sono popolari è perché gli acidi grassi omega-3 trovati in questi oli impediscono e trattano una vasta gamma di malattie degeneranti favorevole influenzando il rapporto di omega-6 agli acidi grassi omega-3.

C'è un problema restante, per quanto: Il pesce ed il lino olio, fonti tradizionali di acidi grassi omega-3, possono causare gli effetti collaterali gastrointestinali.

Ma ci sono buone notizie da riferire. Una nuova fonte di acidi grassi essenziali, olio del perilla, sta mostrando le più notevoli indennità-malattia senza effetti collaterali gastrointestinali. La ricerca recente suggerisce che l'olio del perilla inibisca la coagulazione del sangue anormale, allevii l'infiammazione cronica, impedisca determinati tipi di aritmia, mantenga l'energia cardiaca delle cellule prodotta e conserva la struttura giovanile della membrana cellulare. Anche è stato indicato per allungare il tempo di sopravvivenza degli animali da laboratorio da 10 - 15 per cento, rispetto all'olio di cartamo, che è basso in acidi grassi omega-3.

Qui è un punto chiave, poiché le malattie del cuore sono ogni anno l'uccisore di numero-un degli Americani: Gli studi scientifici indicano che l'acido alfa-linoleico riduce l'incidenza del colpo e secondi attacchi di cuore come pure seno e tumore del colon. Uno studio ha mostrato una riduzione di 70 per cento dei secondi attacchi di cuore in quelle che consumano questo tipo di acido grasso. Inoltre, funziona velocemente.

L'olio del Perilla contiene un'abbondanza di acido-un alfa-linolenico omega-3 grasso acido-che gli esseri umani richiedono per sostenere la vita. Un esame della letteratura scientifica indica che quell' olio del perilla che viene dalla pianta di bistecca (perilla frutescens) ed è relativamente comune verso est in asiatico paese-può essere superiore ad altri oli ed è tollerabile da virtualmente ognuno.

La morte cardiaca improvvisa dovuto tachiaritmia ventricolare (ritmi cardiaci irregolari) è una causa della morte principale in paesi industrializzati e la sua prevenzione rimane un problema non risolto. I meccanismi che avviano queste aritmia completamente non sono capiti. Considerando che la farmacoterapia è riuscita in altre cause importanti della mortalità cardiovascolare, i farmaci antiaritmici hanno un'annotazione deludente nel trattamento delle aritmia.

La maggior parte dei adulti a rischio della morte cardiaca improvvisa nelle società industrializzate soffrono dal lipido livello-e dalla coronaropatia dislipidemia-anormali atherogenic. A differenza della terapia antiaritmica sintomo-soppressiva, gli interventi che mirano a meccanismi patogeni della dislipidemia possono impedire la generazione di cellule aritmogeniche.

Le dislipidemie di Atherogenic sono state indicate per essere associate con uno stato proinflammatory e pro-trombotico sistemico manifestato dai livelli elevati di globuli bianchi, l'attivazione della piastrina, un aumento delle citochine infiammatorie, i livelli aumentati di molecole di adesione (integrine, selectins) ed i fattori (di coagulazione) emostatici sollevati. Le azioni di questi effettori non specifici aumentati di infiammazione sono correlate. È stato suggerito che lo stato proinflammatory e pro-trombotico del termine generale di iperlipidemia-un per concentrazione elevata di qualsiasi dei lipidi in plasma-fosse indotto dai lipidi modificati o ossidati quali i fosfolipidi che agiscono attraverso i ricevitori, i leucotrieni e i oxysterols d'attivazione di fattore.

L'olio di pesce è stato popolare perché gli studi indicano che coloro che consuma il pesce con acqua fredda nelle loro diete hanno drammaticamente più in basso rischiano della coronaropatia. Inoltre, l'olio di pesce specificamente è stato indicato per inibire l'aggregazione anormale della piastrina nelle ricerche di laboratorio ed è da questo meccanismo che l'olio di pesce impedisce sia l'attacco di cuore che il colpo trombotico. Tuttavia, l'olio del perilla è stato indicato in uno studio recente per essere superiore all'olio di pesce nella riduzione dell'aggregazione della piastrina ed è stato indicato per non aumentare il rischio di colpo emorragico in ratti.

In quello studio, i ratti sono stati alimentati un'alta dieta linoleica dell'olio di cartamo, un'alta dieta alfa-linolenica dell'olio del perilla, un EPA (olio di pesce) - completato, o un DHA (olio di pesce) - dieta completata dell'olio di cartamo per quattro - cinque settimane. È stato riferito, “… i efficacies per ridurre la sintesi del leucotriene B4 in neutrofili ionoforo-stimolati calcio era il più alto nell'alta dieta dell'acido alfa-linoleico, seguita dalla dieta di EPA e poi dalla dieta di DHA. Una riduzione significativa della sintesi di fattore di attivazione di piastrina è stata osservata di alto gruppo dell'acido alfa-linoleico, ma non del EPA né dei gruppi di DHA, rispetto all'alto gruppo dell'acido linoleico.„ Limitando la sintesi di PAF e di LTB4, un livello di dieta in acido alfa-linoleico può contribuire a controllare lo stato proinflammatory e pro-trombotico connesso con i ritmi cardiaci irregolari e la morte cardiaca improvvisa.

C'è un consenso generale che il colesterolo nel siero è il fattore di rischio principale per lo sviluppo della coronaropatia, ma questo consenso non può essere corretto. Recentemente, i risultati dello studio di approfondimento da 25 anni sulla mortalità del colesterolo e della coronaropatia del plasma in sette paesi sono stati riassunti. In Europa settentrionale e negli Stati Uniti, la mortalità è aumentato con il colesterolo aumentato di totale del plasma, ma una tal relazione non era evidente nel Giappone. Una simile differenza è stata veduta confrontare i dati dall'area Mediterranea e l'Europa settentrionale a 250 mg/dL di colesterolo. C'era una differenza ottuplo nella mortalità della coronaropatia fra la Scozia e la Catalogna ad ovest in Spagna, senza differenze significative nella concentrazione nel colesterolo del sangue.

Queste osservazioni indicano chiaramente che, mentre il colesterolo del plasma è uno dei fattori di rischio per la coronaropatia, altri fattori possono essere più importanti. Ora sta trasformandosi in in grassi ovvi che le diete occidentali contengono troppi dei grassi saturi d'ostruzione e non abbastanza amichevoli che forniscono al corpo EPA e DHA.

Gli studi sperimentali suggeriscono che un'assunzione di 3 - 4 grammi al giorno di acido alfa-linoleico sia necessaria da ottenere l'effetto protettivo contro la coronaropatia.

Come gli acidi grassi funzionano

Gli interi manuali sono stati scritti per descrivere i meccanismi complessi da cui il corpo utilizza i grassi. Molta gente è intimidita dalla chimica organica del metabolismo dell'acido grasso e non riesce a capire perché il corpo richiede l'equilibrio adeguato dell'acido grasso. Qui è una spiegazione.

Le quattro famiglie poli-insature dell'acido grasso possono essere identificate dagli acidi grassi del precursore, da cui tutti gli altri acidi grassi polinsaturi in quella famiglia possono provenire, vale a dire, oleico, palmitoleico, linoleico derivati e acidi alfa-linoleici. I mammiferi non possono sintetizzare l'acido linoleico o l'acido alfa-linoleico. Poiché una mancanza di acidi grassi omega-6 o omega-3 provoca i vari problemi di salute, queste due famiglie poli-insature dell'acido grasso sono definite “essenziale,„ e devono essere derivate dalla dieta. Per esempio, gli oli di girasole e del mais sono ricchi in acido linoleico (omega-6), perilla che l'olio è ricco in acido alfa-linoleico (omega-3) ed i vari oli dell'origine marina inoltre sono ricchi in acidi grassi a catena lunga omega-3. Questi includono gli acidi eicosapentenoic (EPA) e docosahexanoic (DHA).

Sebbene gli acidi grassi essenziali siano creduti per proteggere da alcune malattie umane, quali i disordini del sistema nervoso centrale e cardiovascolari, le quantità elevate degli acidi grassi essenziali omega-6 sono state associate a un aumentato rischio del seno, del colon, del pancreas e del carcinoma della prostata. Per cancro al seno in particolare, gli esperimenti con gli animali da laboratorio hanno collegato l'acido linoleico all'incidenza, alla crescita ed alla metastasi aumentate del tumore, mentre gli acidi grassi omega-3 hanno un effetto protettivo contro la malattia.

Tenendo conto di diversi ruoli fisiologici degli acidi grassi essenziali come componenti delle membrane cellulari e precursori degli eicosanoidi biologicamente attivi (prostaglandine, leucotrieni, ecc. del tipo di ormone), insieme a loro variare le proprietà strutturali e fisiche e le suscettibilità a danno ossidativo, la loro partecipazione nella malattia umana è appena sorprendente.

l'acido Alfa-linoleico è una fonte ricca omega-3 di acidi grassi, EPA e DHA e ci sono letteralmente migliaia di articoli scientifici pubblicati che indicano che una carenza di questi acidi grassi induce la malattia degenerante. Gli oli astuti del libro è lungamente 207 pagine e si occupa soltanto dei benefici neurologici di EPA e di DHA. Un libro completo che collega tutti i benefici che sono stati indagati su EPA e su DHA consumerebbe sopra mille pagine. -

i ratti ipertesi Colpo-inclini sviluppano spontaneamente il più alta pressione sanguigna fra le razze disponibili del ratto e frequentemente muoiono delle emorragie intracraniche. Facendo uso di questo modello animale, recentemente è stato indicato che il tempo di sopravvivenza è significativamente più lungo nei gruppi alimentati l'olio di pesce o olio del perilla, rispetto ai gruppi ha alimentato l'olio del seme di ravizzone, della soia, del cartamo o dell'enagra.

In una carta recente, scienziati ha rivalutato gli effetti contrari possibili di eccessiva assunzione degli acidi grassi essenziali dietetici misurando nei ratti la proliferazione di determinati enti ricchi in enzimi chiamati peroxisomes come pure attività enzimatica mitocondriale e l'incidenza delle emorragie intracraniche. Quando gli animali sono stati alimentati le diete che contengono l'olio di pesce o l'olio del perilla, DHA si è accumulato in fosfolipidi del fegato e del cuore nel gruppo dell'olio di pesce, ma non nel gruppo dell'olio del perilla.

Inoltre, alimentare una dieta che contiene 15 per cento del peso dell'olio di pesce ha indotto una proliferazione significativa dei peroxisomes rispetto ad una dieta dell'olio di cartamo, ma l'attività di proliferazione dell'olio del perilla era molto di meno. E l'olio di pesce o l'olio del perilla non ha accelerato l'inizio di emorragia cerebrale nei ratti ipertesi colpo-inclini. La conclusione dello studio era che, sebbene proliferare l'attività dei peroxisomes da eccessiva assunzione degli oli di pesce dovrebbe essere notata, questi risultati forniscono la prova che gli oli arricchiti omega-3 sono sicuri nelle circostanze applicabili all'alimentazione umana. (Inoltre è conosciuto che gli antiossidanti come tè verde e la vitamina E possono proteggere dallo sforzo ossidativo causato dall'olio di pesce.)

Il corpo sano richiede un gran numero di acidi grassi EPA e DHA, che sono fatti da omega-3. Purtroppo, la dieta occidentale tipica fornisce un gran numero di acido linoleico (omega-6) che quello nelle quantità elevate contribuisce alla maggior parte delle forme di malattia degenerante. I cattivi acidi grassi insaturi ed i suoi metaboliti fanno concorrenza agli acidi grassi utili EPA e DHA ed i loro metaboliti.

Oltre ai loro effetti protettivi cardiovascolari, i giusti generi di acidi grassi hanno molto fare con la conservazione del vostro cervello funzionare sano. È interessante notare che 60 per cento del vostro cervello sono compresi i materiali grassi e che il tipo di grasso che mettiamo nelle nostre bocche ha un'influenza profonda sulla funzione neurologica. Affinchè i nervi si sviluppino, hanno bisogno degli acidi grassi essenziali come materia prima. Affinchè i nervi ed i neuroni funzionino, hanno bisogno degli acidi grassi essenziali di facilitare il ciclo dell'energia delle cellule. È stato indicato in animali che la regione del cervello connesso con la memoria può realmente coltivare le nuove cellule nervose, ma questa non può accadere se il corpo manca degli acidi grassi essenziali per fornire la materia prima strutturale.

I disturbi neurologici che possono essere causati dalle carenze dell'grasso-acido variano dalla depressione alla paralisi, alle difficoltà di apprendimento e quasi certamente alla senilità. Gli acidi grassi realmente starred in un film recente, l'olio di Lorenzo, dove il completamento con un acido grasso specifico ha conservato la vita di giovane ragazzo che ha affrontato determinata morte.

Nell'introduzione al suo libro 1997, i grassi astuti, il Dott. Jeffery Bland descrive i molti meccanismi da cui i grassi influenzano come il nostro cervello funziona. Gli stati dolci che grassi e lubrifica l'influenza: 1) apprendimento, memoria ed intelligenza mentale; 2) umore, comportamento ed intelligenza emozionale; e 3) movimento, sensazione ed intelligenza fisica (controllo motore-neurale).

While l'impatto di invecchiamento sul cervello è più evidente, il ruolo di infiammazione cronica nelle malattie in relazione con l'invecchiamento in generale sta diventando più evidente, come gli studi indicano che il morbo di Alzheimer , l'aterosclerosi, la malattia valvolare e perfino alcuni cancri sono mediati tramite i processi infiammatori. Invecchiare causa uno stato infiammatorio in tutto il corpo e gli acidi grassi essenziali sopprimono l'infiammazione cronica via i meccanismi ben definiti.

Coloro che prende un gran numero di farmaco anti-infiammatorio hanno i tassi più bassi di alcune malattie in relazione con l'invecchiamento, ma gli effetti collaterali pericolosi di queste droghe precludono il loro uso di ogni giorno. Gli acidi grassi essenziali possono assicurare la stessa protezione dei farmaco anti-infiammatorio senza gli effetti collaterali.

Le prostaglandine sono prodotti chimici del tipo di ormone formati nei nostri corpi che producono sia gli effetti benefici che nocivi. La prostaglandina E2 è formata da un eccesso di acido grasso insaturo e promuove i processi infiammatori. Il consumo dell'acido grasso essenziale trovato in olio del perilla, acido alfa-linoleico, promuove la produzione della prostaglandina E3, che neutralizza la produzione della prostaglandina pro-infiammatoria E2.

Le cellule del tumore arricchite con troppo di cattivi acidi grassi producono spesso i più grandi importi della prostaglandina E2 che, a loro volta, sopprimono il sistema immunitario ospite e che permettono che le cellule del tumore eludano il sistema di difesa di ospite. Il tipo di cellula tumorale detta se la produzione della prostaglandina E2 colpisce la proliferazione delle cellule del tumore.

Gli acidi grassi essenziali Omega-3 riducono la produzione della prostaglandina pericolosa E2 e questo in sé è un buon motivo affinchè ognuno mantenga l'equilibrio adeguato dell'acido grasso nel corpo.

La sovrapproduzione persistente dei prodotti infiammatori derivati dai cattivi grassi può stimolare la proliferazione delle cellule mutate, conducente ad un'incidenza aumentata di cancro. Recentemente è stato indicato che sia il tumorigenesis spontaneo del seno che la carcinogenesi del prodotto chimico nel seno, nei due punti, nel retto e nella prostata dei roditori sono soppressi meglio dall'olio di semi dietetico del perilla, rispetto all'olio di cartamo. L'olio di soia ha stimolato questi cancri nelle circostanze esaminate. Olio del Perilla- gli acidi grassi derivati inibiscono così la carcinogenesi, mentre l'acido linoleico in eccesso da grasso saturo è stimolatore.

I numerosi studi dell'essere umano confermano che gli acidi grassi essenziali omega-3 sono efficaci nel trattamento l'artrite reumatoide e delle altre malattie infiammatorie. Le malattie autoimmuni inoltre sono un colpevole nelle malattie neurologiche che comprendono la distruzione della guaina di mielina.

Tantissime pubblicazioni pari-esaminate intorno al mondo hanno stabilito l'utilità del completamento dietetico con gli acidi grassi omega-3 nel trattamento dei parecchi stati della malattia cronica. La chiave sta fornendo al corpo gli importi sufficienti di acido alfa-linoleico, come constatato nell'olio del perilla, che poi converte in acidi grassi utili di DHA e di EPA.


 



Di nuovo al forum della rivista