Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine agosto 1999


immagine



Antiossidanti e invecchiamento



Antiossidanti e invecchiamento

da Carmia Borek Ph. D


L'invecchiamento fa parte di vita. Ma intrattenga il corpo con una dieta e lo stile di vita che promuove la salute ed impedisce il danno delle cellule e voi possono ritardare invecchiare e prolungare una vita sana.

“Non potete contribuire ad ottenere più vecchio ma non dovete ottenere vecchio,„ ha detto George Burns, che ha vissuto facilmente per i suoi anni '90. Per essere sicure, le influenze genetiche ed ambientali multiple colpiscono l'invecchiamento.

I geni in nostre cellule determinano gli aspetti ereditari di vita, compreso suscettibilità alla malattia. I fattori ambientali, quali la dieta e lo stile di vita modificano i modelli genetici. Fra le molte teorie che provano a spiegare perché invecchiamo, la teoria del radicale libero di invecchiamento è conducente. Il suo concetto di base è che le sostanze tossiche hanno chiamato i radicali liberi che sono prodotti nel nostro corpo, possono danneggiare le componenti delle cellule nei modi che conducono col passare del tempo invecchiare ed alla malattia.


Che cosa sono radicali liberi?

I radicali liberi sono prodotti nel metabolismo normale quando l'ossigeno è usato per bruciare l'alimento per energia. I radicali liberi inoltre sono prodotti in determinati stati di malattia ed in risposta alle tossine ed al trauma. Un radicale libero è una molecola con un elettrone spaiato. Questa caratteristica rende un radicale libero instabile ed altamente reattivo, provando a catturare un elettrone che lo stabilizzerà. Catturando gli elettroni dalle molecole vicino, il radicale libero converte altre molecole in radicali liberi, quindi inizianti una reazione a catena distruttiva. Producendo il danno ossidativo in DNA, i radicali liberi possono produrre le mutazioni che, possono condurre col passare del tempo a cancro.

I cambiamenti ossidativi in grassi (lipidi) e proteine danneggiano le membrane cellulari, indeboliscono i vasi sanguigni, colpiscono le cellule immuni, modificano gli enzimi protettivi - tra l'altro - e danneggiano molte altre molecole. Queste lesioni alterano le funzioni delle cellule ed aumentano il rischio di malattiadella malattia cardiaca , del colpo , del cancro e di cervello. L'ossidazione di lipoproteina di densità bassa (LDL), “il cattivo„ colesterolo, lo induce ad attaccare più facilmente alle pareti del vaso sanguigno, facilitanti la formazione di placche in arterie, conducente all'aterosclerosi. Se le placche staccano come i grumi e viaggio nella circolazione che possono bloccare le navi nel cuore, causando un attacco di cuore, o nel cervello, causante colpo. Il danno vascolare ed altre forme di danneggiamento dell'ossidante delle cellule cerebrali sono associati con il morbo di Alzheimer. La lesione del radicale libero aumenta il rischio di grinze, di cataratte, di cecità e di artrite.

I radicali liberi più importanti fatti in cellule sono superossido, radicale ossidrile e ossido di azoto. Altre specie reattive dell'ossigeno che non sono radicali liberi sono ossigeno della maglietta giro collo - dai perossidi luminosi ultravioletti del lipido e dell'idrogeno e l'ozono dell'inquinante atmosferico che è alto in smog.

I livelli del radicale libero aumentano nel corpo durante l'esercizio rigoroso e dall'esposizione agli agenti inquinanti, alla radiazione, alla luce UV ed al fumo. Durante l'infezione e l'infiammazione cronica, le quantità enormi di radicali del superossido e dell'ossido di azoto si formano in cellule immuni per combattere i batteri ed i virus fuori d'invasione. Reso superiore, questi ossidanti possono nuocere a e combinarsi per formare un altro prodotto chimico tossico che produce ulteriore danno in DNA e cellule cerebrali.


La forza di difesa antiossidante

Gli antiossidanti sono sostanze chimiche che donano un elettrone al radicale libero e lo convertono in molecola inoffensiva. In questo modo, gli antiossidanti intercettano i radicali liberi e proteggono le cellule dal danno che ossidativo quello conduce invecchiare ed alla malattia. Gli antiossidanti evitano la lesione alle membrane del vaso sanguigno, contribuenti ad ottimizzare il flusso sanguigno al cuore ed il cervello, difendono contro danno cancerogeno del DNA ed aiutano più in basso il rischio di malattia cardiovascolare e di demenza, compreso il morbo di Alzheimer.

Alcuni antiossidanti sono fatti in nostre cellule ed includono gli enzimi ed il piccolo glutatione delle molecole, l'acido urico, il coenzima Q10 e l'acido lipoico. Altri antiossidanti essenziali quali vitamina C, la E ed il selenio devono essere ottenuti dalla nostra dieta. La frutta, le verdure ed i grani sono fonti ricche di vitamine, di minerali e di phytochemicals antiossidanti (botanicals).


Enzimi antiossidanti

I superossidi dismutasi degli enzimi (ZOLLA) converte i radicali del superossido in perossido di idrogeno, che è convertito in acqua dagli enzimi catalasi o glutatione perossidasi. I meccanismi di difesa contro i cambiamenti ossidativi nella perossidazione lipidica che danneggiano severamente le membrane dipendono molto da glutatione, un organismo saprofago efficiente del radicale libero e da glutatione perossidasi ed altre perossidasi che distruggono i perossidi.

Uno studio recentemente riferito in vermi suggerisce che la catalasi possa contribuire ad aumentare la longevità. Quando i vermi sono stati modificati geneticamente in laboratorio per perdere la funzione della catalasi i vermi sono morto presto di quelli con la catalasi normale. Il lavoro indica che la catalasi, che distrugge il perossido di idrogeno nel corpo e difende contro danno ossidativo, ha rallentato l'invecchiamento nei vermi ed ha prolungato le loro vite.


Vitamine e minerali antiossidanti

Le vitamine ed i minerali non possono essere prodotti dalle nostre cellule e sono ottenuti dall'alimento che mangiamo ed i supplementi prendiamo. Le vitamine E e C, la provitamina A (beta-carotene) ed il selenio sono la conduttura che antiossidante-sono necessari nelle quantità elevate durante gli aumenti del livello del radicale libero che si presentano, per esempio, durante l'esercizio vigoroso, l'esposizione a luce solare o il fumo. I fumatori richiedono due - tre volte più vitamina C raggiungere gli stessi livelli ematici quanto i non-fumatori. L'assunzione aumentata del beta-carotene aggiunge la protezione contro gli effetti nocivi di luce solare su pelle. In gente più anziana, l'assorbimento delle sostanze nutrienti dall'apparato digerente nella circolazione sanguigna rallenta e il più alta assunzione degli antiossidanti è necessaria. L'importanza delle vitamine e dei minerali nell'invecchiamento è inoltre dovuto le azioni che sono indipendenti da attività antiossidante. Per esempio, la vitamina C è essenziale per la produzione del collagene in ossa, in articolazioni ed in pelle. Il beta-carotene converte in vitamina A che è necessaria per molte funzioni, compreso la visione.

I minerali antiossidanti sono cofattori degli enzimi antiossidanti. Selenio per glutatione perossidasi; zinco e rame per ZOLLA in cellule; manganese per ZOLLA in mitocondri; ferro per la catalasi ed alcune perossidasi. Questi minerali hanno funzioni metaboliche supplementari.


Colleen Fitzpatrick

Colleen Fitzpatrick (acido ascorbico) è necessario per la maggior parte delle funzioni metaboliche corporee. È abbondante in frutta ed in verdure, particolarmente alte in agrume e nella famiglia del cavolo. All'infuori del prevenire danni ossidativo to DNA ed altre molecole, la vitamina C blocca la produzione delle nitrosamine cancerogene nello stomaco. Gli studi epidemiologici indicano che le diete ricche di frutta e di verdure hanno fatto diminuire l'incidenza di alcuni cancri, compreso tumore dello stomaco, dalla metà. La frutta e le verdure sono ricche in altri antiossidanti protettivi compreso i phytochemicals del flavonoide e del carotenoide, elementi che possono anche contribuire agli effetti anticancro osservati.

Gli studi sono stati intrapresi sul ruolo di vitamina C nell'aterosclerosi e nella malattia cardiaca ed alcuni dei loro risultati mostrano un effetto protettivo. Colleen Fitzpatrick è solubile in acqua e non è immagazzinato in cellule, richiedenti un'ingestione dietetica quotidiana di mantenere la protezione sufficiente nel corpo.


Vitamina E

Delle otto forme di vitamina E trovate in natura come i tocoferoli e tocotrienoli, l'alfa tocoferolo è l'organismo saprofago principale del radicale libero in tessuti adiposi e nella difesa principale contro l'ossidazione di lipidi. Contrariamente a vitamina C, la vitamina E è immagazzinata nel corpo, in membrane. Le fonti più ricche di vitamina E sono oli, dadi e grani. Poiché un'alta assunzione della vitamina E dalle fonti di tesi richiederebbe un'alta dieta calorica, che non è raccomandata, offerta di supplementi della vitamina E una buona alternativa.

La vitamina E è stata indicata a protegge dalla malattia cardiaca. Uno studio di 87.000 infermieri ha indicato che un'assunzione quotidiana di 200 IU della vitamina E, per più di due anni, ha ridotto la malattia cardiaca di 41%. Gli altri uomini di studio nel 2002 hanno trovato che quelli con la malattia cardiaca attuale che ha preso le UI/die 400-800 della vitamina E hanno ridotto il loro rischio di attacchi di cuore non fatali di 77%.

I supplementi della vitamina E possono aumentare alcune funzioni immuni negli anziani. Capace di distruggere l'ossigeno reattivo da luce solare e da inquinante atmosferici, la vitamina E ha un effetto protettivo sulla pelle e si difende dalle cataratte e dalla degenerazione maculare. Simile a vitamina C, la vitamina E blocca la formazione della nitrosamina. L'assunzione bassa della vitamina E correla con un rischio aumentato di polmone, di stomaco, di seno e di cancro cervicale. Nello studio delle donne dello Iowa, il completamento con la vitamina E ha ridotto il rischio di tumore del colon. Un grande test clinico di sei anni (la prova di ATBC) su 29.133 fumatori maschii finlandesi, che hanno inteso studiare gli effetti del beta-carotene e della vitamina a basse dosi la E (50IU/day) sul cancro polmonare, ha indicato che i supplementi non hanno ridotto il cancro polmonare in questi gruppi ad alto rischio, ma vitamina E ha ridotto il rischio di carcinoma della prostata di 34%.


Selenio

I livelli del selenio in piante dipendono dal contenuto del suolo. Il selenio può essere alto in aglio confrontato ad altre verdure. Altre fonti sono frutti di mare e carni.

Il selenio lungamente è stato conosciuto come sostanza nutriente anticancro nei modelli delle cellule e dell'animale. Il selenio alimentato alle cellule impedisce la loro conversione alle cellule tumorali tramite radiazione, poichè aumenta i livelli di catalasi e di glutatione perossidasi e distrugge i perossidi. La carenza del selenio in esseri umani correla con i tassi alti di cancro del colon, di seno, di ovaia, di prostata, di polmone, di vescica e di pelle. La prova della capacità di selenio di impedire il cancro in esseri umani è venuto da un test clinico, riferito dal centro del Cancro dell'Arizona. La prova quinquennale ha seguito 1312 genti più anziane, che ha avuta una volta cancro di pelle. Una volta dati quotidiano 200 microgrammi di selenio (circa cinque volte più superiore all'importo consumato dalla maggior parte dei Americani) e confrontati alla gente che prende un placebo, selenio hanno tagliato l'avvenimento di cancro globale da 42% ed hanno abbassato l'avvenimento del polmone, del colon e del carcinoma della prostata. Il selenio ha protetto dai cancri di pelle nella gente che ha avuta cancro di pelle nel passato. Ciò mostra l'importanza di selenio nell'impedire l'inizio della malattia. In un altro studio clinico di intervento su carcinoma della prostata, gli uomini che hanno ricevuto 200 microgrammi di selenio un giorno hanno avuti un terzo dell'avvenimento confrontato a placebo.


CoQ10

CoQ10, coenzima Q10 o ubiquinone, è trovato nei mitocondri delle cellule ed ha due funzioni conosciute. CoQ10 trasporta gli elettroni nella produzione di energia ed è inoltre un antiossidante che protegge dai radicali liberi formati durante il metabolismo.

CoQ10 diminuisce in alcuni tessuti, con l'età. Il cuore, il cervello ed i muscoli, che sono alti in mitocondri, possono essere più colpiti dai livelli di caduta di CoQ10. Negli studi sugli animali, le dosi supplementari di CoQ10 sono state introdotte nei cervelli di più vecchi animali e sono state aumentate agli stessi livelli trovati nei cervelli dei giovani. I risultati hanno indicato che il completamento CoQ10 ha prolungato la vita in animali che hanno avuti mitocondri difettosi ed altrimenti sarebbero morto. Questi risultati suggeriscono che il completamento CoQ10 possa ristabilire CoQ10 nei tessuti che hanno livelli più bassi.

Parecchi test clinici mostrano i benefici di CoQ10 per i pazienti con disturbi cardiaci. In uno studio, 73 pazienti, che avevano sofferto un attacco di cuore severo, sono stati dati 120mg CoQ10 al giorno per i 28 giorni, mentre 71 paziente ha servito da placebi. CoQ10 protetto il cuore dei pazienti che avevano sofferto un attacco di cuore dai sintomi supplementari. Inoltre, gli perossido-indicatori del lipido di ossidativo sforzo-sono stati ridotti nel sangue del gruppo CoQ10 e le vitamine antiossidanti E e C sono state aumentate. Lo studio ha concluso che se CoQ10 è dato i tre giorni dopo che l'inizio dei sintomi ai pazienti che precedentemente avevano avvertito un attacco di cuore, la protezione cardiaca rapida è raggiunto.


Acido lipoico

L'acido lipoico è necessario per la funzione mitocondriale ed è inoltre un antiossidante. È fatto in nostre cellule e partecipa come cofattore alla conversione dei carboidrati ad energia. Come acido antiossidante e lipoico è insolito perché è sia l'acqua che solubile nel grasso. Può eliminare i radicali liberi nel compartimento dell'acqua della cellula, simile a vitamina C e protegge l'ossidazione dei lipidi ancora, simile agli esperimenti sugli animali della vitamina E. indichi che l'acido lipoico protegge gli animali carenti in vitamina E e gli aiuti compensano i livelli riduttori di vitamina C in tessuti animali invecchianti.


Folato e vitamina b12

I livelli ematici di omocisteina, un aminoacido contenente zolfo, sono collegati alla malattia relativa all'età. L'omocisteina genera i radicali senza ossigeno che svolgono un ruolo in alcuni dei suoi effetti nocivi. Con l'aiuto del vitamina b12, del membro folico-un dell'omocisteina dei famiglia-convertiti della vitamina di B a metionina, di un aminoacido essenziale necessario per proteina e la sintesi del DNA. La carenza folica provoca omocisteina aumentata, il danno del DNA e un elevato rischio della malattia cardiaca, del colpo e del cancro, compreso tumore del colon. Uno studio di 16 anni di 88.818 donne ha indicato che le donne che hanno bevuto l'alcool (15 mg un il giorno, circa 6 once di vino) hanno ridotto il loro rischio di cancro al seno dalla metà quando hanno preso 600 microgrammi/giorno di folato.

La carenza di vitamina b12 e del folato è collegata a demenza, a perdita nella funzione conoscitiva ed alla depressione, particolarmente negli anziani. La carenza folica è una causa di contributo nel morbo di Alzheimer. Uno studio recente in 164 pazienti con il morbo di Alzheimer ha indicato che i pazienti hanno avuti un ad alto livello di omocisteina e di bassi livelli di folato, confrontati ai comandi.

I livelli elevati folici sono in legumi verdi, in fegato, in rene, nel germe di grano e nei fagioli. Per assicurare l'assunzione adeguata, i supplementi quotidiani di 400 microgrammi sono raccomandati. Il vitamina b12 è presente in alimento animale - i vegetariani devono ottenerlo nella forma supplementare.


Phytochemicals

Phytochemicals è prodotti chimici della pianta che sono nè vitamine nè minerali, eppure hanno salute-miglioramento degli effetti: i phytochemicals contribuiscono a proteggere da cancro, malattia cardiovascolare e demenza e l'aiuto nella prevenzione delle cataratte e della degenerazione maculare. Molti phytochemicals sono antiossidanti, compreso i carotenoidi ed i flavonoidi. Fra i flavonoidi, i isoflavonoids in soia ed altri legumi hanno effetti del tipo di estrogeno. Alcuni phytochemicals, quali i isothiocyanates nei composti solforati della famiglia del cavolo e di organo in aglio, bloccano l'azione cancerogena degli agenti cancerogeni chimici aiutando il corpo li eliminano.


Flavonoidi

I flavonoidi sono composti fenolici che danno le verdure, frutti, grani, semi, foglie, fiori e scortecciano i loro colori. L'uva, il succo d'uva ed il vino contengono un gran numero di flavonoidi compreso catechina, antociano ed i resveratroli. In animali, il resveratrolo funge da anti-agente cancerogeno e blocca la produzione delle sostanze infiammatorie.

Le catechine sono gli antiossidanti più attivi in tè verde e nero. L'alto consumo di tè verde può spiegare parzialmente perché gli uomini giapponesi che fumano di più uomini americani hanno tassi più bassi del cancro polmonare. Le catechine in tè proteggono da perossidazione lipidica in cellule e sopprimono la crescita di molti tipi di cancri prodotti tramite i prodotti chimici e la radiazione, compreso luce UV. Gli studi epidemiologici sugli effetti preventivi del cancro di tè in esseri umani non sono conclusivi. Un rapporto preliminare nel 1995 che indica che il cancro esofageo riduttore consumo quotidiano del tè da 50% ha ancora essere confermato.

La soia contiene gli isoflavoni che hanno attività- estrogene deboli il più attivamente studiate sono genisteina. Nel Giappone, i tassi di seno e di carcinoma della prostata sono più bassi di nell'ovest e sono probabilmente parzialmente dovuto l'alto consumo di prodotti della soia nel Giappone. Una serie di studi epidemiologici mostrano un'associazione fra un'alta assunzione di soia ed il rischio di cancro riduttore compreso cancro al seno.

L'aglio contiene i flavonoidi, una sostanza dello zolfo di organo con attività antiossidante che fa le proprietà e proteggere gli aiuti anti-cancerogeni dalla malattia cardiovascolare. Le osservazioni epidemiologiche in Italia ed in Cina hanno indicato un'associazione fra alto consumo di aglio e di cipolla ed i tassi bassi di tumore dello stomaco.

Il cavolo, i broccoli ed altre verdure crocifere sono alti nella vitamina C e nei flavonoidi antiossidanti e contengono gli indoli e gli isocianati che in animali bloccano l'attività carcinogena. Gli studi epidemiologici e sperimentali indicano coerente che il consumo di verdure crocifere protegge da parecchie forme di cancro, compreso tumore del colon.

Il ginkgo biloba è stato conosciuto in Cina per migliaia di anni ed i suoi estratti della foglia usati per migliorare la funzione del cervello. in Europa, è ampiamente usato migliorare la circolazione sanguigna. Il ginkgo contiene i flavonoidi compreso quercetina e ginkgolides che, come altri antiossidanti, proteggono da danno dell'ossidante.

Gli studi recenti hanno indicato che il ginkgo può contribuire a ristabilire alcune funzioni conoscitive nella gente con demenza. L'estratto del ginkgo biloba è stato dato a 202 pazienti con demenza severa, alcune con il morbo di Alzheimer, alle dosi quotidiane di 120 milligrammi, per 52 settimane. I pazienti che ricevono il ginkgo hanno migliorato la prestazione sociale confrontata agli effetti del placebo- che hanno durato sei mesi ad un anno sono probabilmente dovuto gli effetti antiossidanti del ginkgo.


Carotenoidi

I carotenoidi sono i colori solubili nel grasso in frutta ed in verdure e sono una famiglia di più di 600 antiossidanti. Il beta-carotene, che è ricco di carote ed altre verdure gialle/arancio e di frutta, converte in vitamina A quando il corpo manca di abbastanza della vitamina. L'alfa carotene è alto in carote ed i fagiolini, licopene, su in pomodori e luteina e zeaxantin è alti in spinaci ed in altri verdi di buio.

Simile alla vitamina la E, carotenoidi intrappoli le specie reattive dell'ossigeno da luce solare, liberi le reazioni a catena del radicale ed impedisca il danno ossidativo. Non c'è accordo sui benefici del beta-carotene nella protezione dalla malattia cardiaca. In esseri umani in buona salute, il consumo di frutta e le verdure che sono alti in beta-carotene ha indicato il rischio riduttore di cancro, di malattia cardiaca e di colpo, ma di test clinici non sono stati conclusivi nell'indicare che il beta-carotene stesso può impedire gli attacchi di cuore. Il completamento combinato ha protetto da certe forme di cancro. In uno studio di sei anni in Lixian, la Cina, 29.584 adulti dati i supplementi quotidiani di 50 microgrammi di selenio, di una vitamina la E (alfa tocoferolo) da 30 milligrammi e di un beta-carotene da 15 milligrammi ha avuta un rapporto di riproduzione di 21% del tumore dello stomaco e un rapporto di riproduzione di 42% del cancro esofageo.

Sebbene il beta-carotene sia il carotenoide studiato, è in nessun caso l'antiossidante più efficiente. Il licopene, trovato in abbondanza in pomodori e responsabile del loro colore rosso, è almeno dieci volte più efficace come antiossidante confrontato al beta-carotene. Una dieta alta in pomodori e nei prodotti del pomodoro protetti contro carcinoma della prostata. Luteine e lo zeaxantin, trovati in alti livelli in spinaci, proteggono l'occhio da degenerazione maculare del radicale libero che causa la cecità.


Fabbricazione del meglio di

Gli effetti protettivi di salute di una di una dieta a bassa percentuale di grassi e ricca d'antiossidante sono riconosciuti bene. Il danno dell'ossidante comincia alla nascita. È un fattore di rischio cumulativo per invecchiare e la malattia. Lo sforzo, le infezioni, l'infiammazione e l'esposizione agli agenti inquinanti ed alla luce solare, che producono i radicali liberi e vuotano gli antiossidanti protettivi nel corpo, aumentano il pericolo dello sforzo dell'ossidante e del danno delle cellule. Ancora, mentre la gente invecchia, le vitamine ed i minerali sono assorbiti di meno efficientemente nel corpo. Di conseguenza, gli antiossidanti del plasma diminuiscono con l'età, aprendo la strada per invecchiare e le malattie relative all'età.

Una dieta alta in frutta, in verdure ed in grano, che fornisce le vitamine, i minerali e i phytochemicals antiossidanti vari, è importante da continuare le difese. Le popolazioni che consumano le diete su in frutta, in verdure ed in grani tendono ad avere livelli elevati del plasma delle vitamine E, C, carotenoidi e determinati flavonoidi. Sono ad più a basso rischio di cancro e della malattia cardiovascolare di sviluppo. Una dieta quotidiana che contiene 29 flavonoidi-un di mg a livello ottenuti consumando le mele e le cipolle e bevendo vino-era più efficace nella riduzione della malattia cardiaca che la gente che prende mg 0-19 un il giorno.

Sebbene ciascuno antiossidante abbia sua azione protettiva specifica, una volta combinati aumentano la loro efficacia come rete protettiva migliorando le azioni di ciascuno. La vitamina E è sinergica con selenio. Il beta-carotene unisce le forze conservando lo stato antiossidante della vitamina E e la vitamina C fa lo stessi per il beta-carotene. Phytochemicals nella nostra dieta, molti di loro antiossidanti, aggiunge la protezione che complementa gli effetti delle vitamine e dei minerali.

La gente con i rischi più poco agiati tende a vivere più lungamente ed avere meno inabilità. Un aiuto sano di dieta e dello stile di vita estende la portata di salute per abbinare la durata della vita.



Riferimenti

  • Blocchi il G, Patterson B, Subar A. Fruit, le verdure e la prevenzione del cancro: Una rassegna della prova epidemiologica. Nutr. Cancro. 1992; 18: 1-29
  • Macchia, WJ et al. 1993. Prove di intervento di nutrizione in Linxian, Cina: Completamento con la vitamina specifica/le combinazioni, l'incidenza del cancro e specificmortality minerali di malattia nella popolazione in genere. 1993. J. Nazionale. Cancr Inst. 85:1483-1492
  • Antiossidanti di Borek C. Maximize Your Health-Span With, la guida del figlio del baby boom, nuovo Canaan, Connecticut, pubblicazione di Keats; 1995
  • Borek C. Antioxidants e Cancro. Scienza e medicina. 1997; 4: 51-61
  • Meccanismi di Borek C. Molecular nell'induzione e nella prevenzione del cancro. Circondi le prospettive 1993 di salute; 101: 237-245
  • RM di Bostick. Rischio riduttore di tumore del colon con alta assunzione della vitamina E: Lo studio della salute delle donne dello Iowa. Ricerca 1993 del Cancro; 53:4230-4237
  • Clark L et al. effetti del completamento del selenio per prevenzione del cancro in pazienti con carcinoma della pelle. JAMA 1996; 276: 1957-1963
  • Folato di Clarke R et al., vitamina b12 e livelli totali dell'omocisteina del siero nel morbo di Alzheimer confermato. Arco Neurol 1998; 55: 1445-1455
  • Gey KF. Retrospettiva di dieci anni sull'ipotesi antiossidante di aterosclerosi. Biochimica 1995 del dado di J; 6: 206-236
  • Effetti protettivi di Gillman m. et al. delle verdure sullo sviluppo del colpo in uomini. JAMA 1995; 1113-1116
  • Assunzione di Givannucci E et al. dei carotenoidi e del retinolo relativamente al rischio di carcinoma della prostata. J Nat Cancer Inst 1995; 87: 1767-1776
  • Halliwell B, Gutteridge JMC. Radicali liberi in terzo ed della medicina e di biologia. Università di Oxford. Premi, 1999
  • Partecipazione radicale di Harman D. Free all'invecchiamento. Patofisiologia ed implicazioni cliniche. Invecchiare delle droghe. 1993; 3: 60-80
  • Mancanza di Hennekens HH et al. di effetto del completamento a lungo termine con il beta-carotene sull'incidenza dei neoplasma maligni e della malattia cardiovascolare. Il nuovo inglese J del Med. 1996; 334:1145-1149
  • Flavonoidi dietetici degli antiossidanti di Hertog MGL et al. ed il rischio di coronaropatia: lo studio degli anziani di Zutphen. Lancetta 1993; 342: 1007-1011
  • Antiossidanti dietetici di Jama JW et al. e funzioni conoscitive in un campione basato sulla popolazione delle persone più anziane. J Epidemiol 1996; 144: 275-280
  • Le Bars PL et al. Una doppia prova randomizzata cieca controllata con placebo di un estratto di ginkgo biloba per demenza. JAMA 1997; 1327-1332
  • Declino Età-collegato di Lykkesfeld J et al. nella concentrazione, nel riciclaggio e nella biosintesi nell'acido ascorbico nell'epatocita-inversione del ratto con l'alfa completamento acido lipoico della R. FASEB J. 1998; 12: 1183-9
  • Completamento della vitamina E dello SN di Meydani et al. e risposta immunitaria in vivo negli individui sani. JAMA 1997; 227: 1380-1386
  • Richardson SJ. Radicali liberi nella genesi del morbo di Alzheimer. Annuncio. NY Acad. Sci 1993; 695: 73-76
  • Robertson J et al. Un ruolo possibile per le vitamine C ed E nella prevenzione della cataratta. Supplemento 1991 del dado di J Clin; 53: 346S-351S
  • RM di Russel, Suter PM. Requisiti della vitamina degli anziani. Un aggiornamento. J. Clin Nut. 1991; 1: 9-18
  • L'amministrazione del coenzima Q10 di Russel T et al. aumenta la concentrazione mitocondriale del cervello ed esercita gli effetti neuroprotective. Proc. Nazionale. Acad. Sci. 1998; 95: 8892-8897
  • Carotenoidi dietetici di Seddon m. et al., vitamine A, degenerazione maculare relativa all'età di C e di E &. Gruppo di studio di controllo di caso di malattia dell'occhio. JAMA 1994; 272: 1413-1420
  • Il RB di Singh et al. ha randomizzato la doppia prova controllata con placebo cieca del coenzima CoQ10 in pazienti con infarto miocardico acuto. Cardiovasc droga Ther 1998; 12:347-353
  • NG di Stephens, prova di controllo di A. Randomized dei pastori della vitamina E in pazienti con la malattia coronarica: Lancetta antiossidante 1996 di studio del cuore di Cambridge (CAOS); 374: 781-786
  • Taub J, Chalfie M. Una catalasi citosolica è necessaria estendere la durata nel dat-c dei elegans di C e in ckl-1mutants. Natura 1999; 399: 162-166
  • RB di Vita A, di Terry, Hubert H e fritture JF. Invecchiamento, rischio sanitario ed inabilità cumulativa. N Engl.J. Med 1998; 338: 1035- 41
  • Weisburger WH. Tè e salute: i meccanismi di fondo. Med 1999 di biol di Proc Soc Exp; 220:271-275
  • Wei Z, Lau BHS. L'aglio inibisce la generazione del radicale libero ed aumenta l'attività enzimatica antiossidante in cellule endoteliali vascolari. Nutr. Ricerca. 1998; 18: 61-70
  • Lo studio di Yoshikawa K et al. di selenio prediagnosed livella in unghie del piede e nel rischio di carcinoma della prostata avanzato. Cancro nazionale Inst 1998 di J; 90: 1219-24
  • Zhanf S et al. Uno studio prospettivo di assunzione folica ed il rischio di cancro al seno. JAMA 1999; 17:1632-1637