Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Aggiornamento del prolungamento della vita

Articolo descritto prolungamento della vita

6 aprile 2010

L'assunzione riduttrice di vitamina K si è associata con la maggior mortalità del cancro

I livelli elevati di DHA correlano con la funzione conoscitiva migliore in uomini ed in donne invecchiati mezzo

Un articolo ha pubblicato online il 24 marzo 2010 nel giornale americano dei rapporti clinici di nutrizione l'individuazione dei ricercatori dal centro tedesco di ricerca sul cancro e dal centro di ricerca tedesco per la salute ambientale di un'associazione fra l'assunzione riduttrice della vitamina K2 e un rischio aumentato di morte dal cancro.

La ricerca corrente ha analizzato i dati da 24.340 partecipanti alla ricerca futura europea sullo studio prospettivo diNutrizione-Heidelberg e del Cancro (Epico-Heidelberg) che è stato invecchiato 35 - 64 sopra l'iscrizione fra 1994 e 1998. I partecipanti, che erano esenti da cancro all'inizio dello studio, sono stati seguiti fino al 2008. I questionari dietetici compilati sopra l'iscrizione sono stati analizzati per fillochinone (vitamina K1) e l'assunzione dei menaquinones (vitamina K2).

Durante il periodo di seguito, c'erano 1.755 casi di cancro, compreso 458 infortuni mortali. Mentre quelli di cui assunzione della vitamina K2 era fra i 25 per cento principali dei partecipanti hanno avuti una riduzione non significativa di 14 per cento dell'incidenza del cancro rispetto a quelle di cui l'assunzione era fra il quarto più basso, il gruppo con il più alta assunzione ha sperimentato i 28 per cento più a basso rischio della morte della malattia. Ulteriore analisi dei dati ha determinato che la riduzione dell'incidenza del cancro connessa con la vitamina K2 si è presentata negli uomini. Quando i cancri sono stati esaminati secondo causa, una riduzione di 62 per cento del rischio di cancro polmonare e i 35 per cento più a basso rischio di carcinoma della prostata sono stati osservati in quelli di cui assunzione della vitamina K2 era fra i 25 per cento principali. Sebbene l'esclusione della prostata e del cancro polmonare dall'analisi ancora trovi un'associazione inversa fra l'assunzione della vitamina K2 ed il rischio di cancro metastatico, i ricercatori non lo hanno considerato essere di importanza statistica. Nessun'associazione è stata trovata fra la vitamina K1 ed incidenza o la mortalità del cancro.

Gli autori spiegano la differenza negli effetti della vitamina K2 sugli uomini e sulle donne dal fatto che gli uomini nello studio hanno avuti siti del cancro (prostata, polmone) che erano più probabili essere influenzati dalla vitamina K2. Per quanto riguarda la maggior associazione inversa della vitamina K2 con la mortalità del cancro confrontata all'incidenza del cancro, gli autori rilevano che “questa osservazione è coerente con il presupposto che i fattori che colpiscono l'arresto del ciclo cellulare e degli apoptosi sono probabili svolgere più successivamente un ruolo nella carcinogenesi. Inoltre, gli studi sperimentali suggeriscono un ruolo inibitorio dei menaquinones nell'angiogenesi, che è collegata strettamente allo sviluppo della metastasi.„

“Questo studio ha mostrato le associazioni inverse fra l'ingestione dietetica dei menaquinones e sia l'incidenza globale che la mortalità del cancro,„ gli autori concludono. Suggeriscono gli studi supplementari facendo uso delle misure di biomarcatore di stato di vitamina K.

Stampatore Friendly Risparmi come PDF Invii con la posta elettronica questa pagina Archivio di vista Sottoscriva oggi
Preoccupazione di salute Punto culminante del prolungamento della vita

Terapia adiuvante del Cancro

Una forma novella di vitamina K che sembra estremamente promettente nel trattamento di cancro del fegato primario, un tipo resistente alla chemioterapia è stata scoperta notoriamente dagli scienziati all'università di istituto del Cancro di Pittsburgh (UPCI). La ricerca pubblicata nel giornale di chimica biologica ha descritto un approccio innovatore all'ossequio e possibilmente impedisce, cancro avviando gli apoptosi (Ni et al.1998).

Il gruppo di UPCI ha trovato che un analogo di vitamina K, il composto 5 (CPD5), cause uno squilibrio nell'attività normale degli enzimi che controlla l'aggiunta o la rimozione di piccole molecole (gruppi del fosfato) dalle proteine dentro le cellule. Specificamente, CPD5 blocca l'attività degli enzimi (fosfatasi della proteina-tirosina) che rimuovono normalmente i gruppi del fosfato dalle proteine selezionate dentro le cellule di cancro del fegato. CPD5, tuttavia, non interferisce con un altro gruppo di enzimi chiamati tirosina-chinasi della proteina, che aggiungono i gruppi del fosfato alle stesse proteine. Il risultato è un eccesso di proteine tirosina-fosforilate, che avvia varie attività all'interno delle cellule, compreso la interruzione e la morte successiva della cellula.

Può essere possibile rimuovere alcuni individui dalle liste di attesa del trapianto del fegato se CPD5 è efficace in esseri umani come è sperimentalmente. Tuttavia, il composto di vitamina K non è limitato ad uccidere il cancro del fegato; nella cultura del tessuto il composto era inoltre efficace contro il melanoma ed i cancri al seno. Sebbene la nuova vitamina K non sia nella prova clinica attualmente, i clienti ed i medici possono contattare le informazioni ed il sistema di riferimento del Cancro del UPCI (a 800) 237-4PCI (4724) o (412) a 624-1115 per gli aggiornamenti periodici per quanto riguarda il trattamento. Gli investigatori possono anche visitare il sito Web dell'università a http://www.upci.upmc.edu.

La vitamina K compone la produzione inibita IL-6 dai fibroblasti lipopolysaccharide-stimolati, che sono riconosciuti come fonti ricche di citochine (Reddi et al. 1995). Ciò che trova ha implicazioni anticancro significative perché la sovraespressione di IL-6 complesso è compresa nel processo infiammatorio, nel riassorbimento dell'osso, nell'attivazione del telomerase e nella proliferazione del cancro.

Prolungamento della vita Magazine® edizione aprile 2010 ora online

Prolungamento della vita rivista aprile 2010

Prodotti descritti

Losanghe avanzate della menta di igiene orale

aggiunga al carretto

L'igiene orale avanzata è un nuovo probiotico orale che fornisce ai batteri utili che possono contribuire a bloccare i batteri nocivi che in primo luogo si sviluppano nella bocca. Questa terapia probiotica orale specializzata permette gli organismi sani e naturali trovati nel corpo per entrare in competizione con batteri nocivi.

L'igiene orale avanzata contiene BLIS K12™ ed il bacillus coagulans, una miscela unica di due probiotici orali, che mirano a trionfare sopra molte delle minacce croniche contro la nostra salute causata dai microbi orali che possono posare il danno al corpo. BLIS K12™ (streptococco salivarius) e gli organismi di bacillus coagulans (GanedenBC30®) sopravvivono a naturalmente in tessuto umano, massimizzante la loro salute-promozione dell'aiuto potenziale e di fornitura con il regolamento di infiammazione e della distruzione delle cellule causate dai germi pericolosi che provengono dalla bocca.

Siero riparatore dei lipidi essenziali della pianta

aggiunga al carretto

Il dermatologo rinomato Gary Goldfaden, M.D., ha trovato le soluzioni novelle per i problemi di pelle più comuni incontrati maturando gli adulti.

Il siero riparatore dei lipidi essenziali della pianta è un complesso senza fragranza e senza conservanti dei lipidi pianta-derivati fortificati con gli estratti antiossidanti potenti del tè. Questo idratante riparatore eccellente è eccellente per pelle sensibile, gli individui allergia-inclini e la pelle estremamente asciutta. Inoltre è raccomandato per formazione di minimizzazione della cicatrice a partire dalle procedure chirurgiche e nel processo di guarigione di pelle in questione in bucce e nelle procedure del laser. È sicuro per frequente uso.

Archivio di notizie

Aggiornamento del prolungamento della vita

Che cosa è caldo

Prolungamento della vita Magazine®

Se avete domande o le osservazioni riguardo a questi emissioni di passato o dell'edizione di prolungamento della vita aggiornano, inviile a ddye@lifeextension.com o chiami 954 202 7716.

www.lef.org
Firmi su per l'aggiornamento del prolungamento della vita

Per permesso del copyright, riferisca prego alla politica del copyright del prolungamento della vita

Per servizio di assistenza al cliente le indagini soddisfanno inviano con la posta elettronica customerservice@lifeextension.com o chiamano 1 800 678 8989.