Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Aggiornamento del prolungamento della vita

Il più alta assunzione dell'acido grasso del marinaio omega-3 si è collegata con il rischio di cancro al seno più basso in donne postmenopausali

Il più alta assunzione dell'acido grasso del marinaio omega-3 si è collegata con il rischio di cancro al seno più basso in donne postmenopausali

Martedì 2 luglio 2013. I risultati di una meta-analisi pubblicata il 27 luglio 2013 in British Medical Journal aggiungono la prova ad un effetto protettivo per gli acidi grassi polinsaturi marini omega-3 contro il rischio di cancro al seno. Gli acidi grassi Omega-3, che includono l'acido eicosapentanoico (EPA), acido docosaesaenoico (DHA) e l'acido docosapentaenoic (DPA) hanno trovato in petroli marini e acido alfa-linoleico (ALA) che si presenta in piante, sono grassi polinsaturi che sono stati associati con un più a basso rischio di cancro e gli eventi cardiovascolari, tuttavia, la loro presenza è spesso più di meno di ottimali nella dieta occidentale standard.

Per la loro analisi, i ricercatori da Hangzhou, Cina hanno selezionato 26 articoli che hanno incluso complessivamente 883.585 donne dagli Stati Uniti, dall'Europa e dall'Asia, fra cui c'erano 20.905 casi di cancro al seno. Undici studi hanno esaminato l'associazione fra l'assunzione del pesce ed il rischio di cancro al seno, 17 hanno esaminato l'associazione fra gli acidi grassi marini omega-3 ed il rischio, 12 hanno valutato l'associazione dell'ala e 10 hanno analizzato l'associazione fra l'assunzione dell'acido grasso omega-3 ed il rischio totali della malattia. Per le donne di cui l'assunzione degli acidi grassi marini omega-3 era fra il più alto c'era un rapporto di riproduzione di 14% del rischio di cancro al seno in confronto a quelli di cui l'assunzione era più bassa. Il rischio era simile per gli acidi grassi marini omega-3 misurati come ingestione dietetica e per i biomarcatori del tessuto. I ricercatori hanno determinato che per ogni aumento di 100 milligrammi dell'assunzione marina dell'acido grasso omega-3, il rischio di cancro al seno è stato ridotto da 5%. Nessun'associazione significativa è stata trovata per il pesce o l'ALA.

Ulteriore analisi dei dati ha indicato che l'effetto protettivo era significativo per postmenopausale, ma donne non premenopausa, in grado di significare che l'esposizione a lungo termine è necessaria da derivare un beneficio. I meccanismi anticancro possibili per gli acidi grassi marini omega-3 comprendono il regolamento dei fattori in questione nella trasduzione del segnale della crescita delle cellule, o della partecipazione nella morte programmata delle cellule. C'è inoltre prova che gli acidi grassi potrebbero ridurre la produzione di estrogeno, che stimola la crescita delle malignità ricevitore-positive dell'estrogeno.

“Il nostro studio presente fornisce la prova solida e robusta che omega-3 marini PUFA sono associati inversamente con il rischio di cancro al seno,„ duo Li ed i colleghi concludono. “L'effetto protettivo del pesce o di diverso n-3 PUFA autorizza l'indagine successiva degli studi prospettivi.„

ombra
Che cosa è caldo Punto culminante

La vitamina E può contribuire ad impedire il cancro negli uomini ed in donne con malattia genetica

Che cosa è caldo

L'emissione del 15 settembre 2012 di ricerca sul cancro clinica ha pubblicato un articolo che descrive la ricerca condotta a Cleveland Clinic che suggerisce un effetto protettivo per la vitamina E in individui con la sindrome di Cowden, una malattia genetica che aumenta il rischio di sviluppare il cancro. I pazienti con la sindrome hanno un rischio di vita di 35 per cento di sviluppare il tumore della tiroide epiteliale e le donne hanno un rischio di 85 per cento di cancro al seno.

Le mutazioni nei geni del succinato deidrogenasi (SADH) (in questione nella produzione di energia) che può accadere nei pazienti di sindrome di Cowden possono essere dietro il rischio di cancro aumentato. Ying Ni e Charis Eng, PhD di MD hanno valutato la perossidazione lipidica in cellule umane che portano la mutazione ed hanno trovato un aumento in specie reattive dell'ossigeno, che provoca i livelli elevati di perossidazione. Questo aumento ha reso le cellule resistenti agli apoptosi (morte programmata delle cellule), che sono uno dei modi che il corpo elimina le cellule tumorali.

Quando la forma dell'alfa-tocoferolo di vitamina E è stata amministrata alle cellule, il danno ossidativo è stato impedito e le cellule non erano più resistenti agli apoptosi. “Questi risultati sostengono la nozione che la vitamina E può essere utile come aggiunta terapeutica anticancro o l'agente preventivo, particolarmente per i pazienti di sindrome di Cowden che harboring le mutazioni dell'SADH e le sue proprietà protettive dovrebbero più ulteriormente essere esplorati,„ il Dott. indicato Eng, che è il direttore dell'istituto genomica della medicina e direttore del suo centro per la sanità genetica personale a Lerner Research Institute del Cleveland Clinic.

Il Ni del DRS e gli inglesi suppongono che la solubilità del lipido dell'alfa-tocoferolo possa essere la ragione affinchè la sua capacità protegga le cellule da perossidazione lipidica in questo studio. “Il nostro studio sostiene la nozione che l'alfa-tocoferolo può essere utile come aggiunta terapeutica o l'agente preventivo, particolarmente per gli individui con le varianti/mutazioni di SDHx di germline,„ gli autori conclude.

Prolungamento della vita Magazine® edizione del luglio 2013 ora online!

Prolungamento della vita rivista luglio 2013 

Ultimi supplementi 


Controllo avanzato del lipido,
60 capsule vegetariane
Oggetto #01308

aggiunga al carretto

Per coloro che vuole mantenere i livelli salutari di lipidi nel sangue, il controllo avanzato del lipido contiene due sostanze nutrienti potenti che contribuiscono a proteggere gli aspetti chiave della funzione cardiovascolare. Il controllo avanzato del lipido contiene le teaflavine, che gli scienziati hanno scoperto forniscono i benefici multipli per salute arteriosa.

Un altro ingrediente nel controllo avanzato del lipido è AmlaMax®, un estratto brevettato di uva spina indiana. Contiene una diversa miscela dei composti fenolici che sono stati indicati clinicamente a sicuro contribuiscono a mantenere i livelli sani di tutti e tre i lipidi-LDL chiave del sangue, lipoproteina ad alta densità (HDL) e trigliceride-come buoni come indicatori di infiammazione quale proteina C-reattiva.

AmlaMax® è un marchio depositato di DolCas Biotech, LLC. ed è protetto da no. 7.780.996 di brevetto degli Stati Uniti. Questo prodotto contiene un estratto del tè nero che è conceduto una licenza a da Applied Food Sciences, Inc. ed è protetto da no. di brevetto degli Stati Uniti. 6.811.799 e 6.602.527.

Formula 102 dell'aglio di Kyolic®

Piradossale 5' - cappucci del fosfato,
100 mg, 60 capsule vegetariane

Oggetto #01217

aggiunga al carretto

La vitamina b6 (HCl della piridossina), trovata nei supplementi convenzionali, svolge un ruolo cruciale nei numerosi processi vitali. Piradossale 5' - il fosfato è l'intervento concreto metabolicamente della vitamina b6 che è stato indicato per proteggere i lipidi e le proteine viventi dalle reazioni di glycation. L'invecchiamento provoca la formazione di prodotti finiti avanzati di glycation (età) in tutto il corpo. Lo zucchero (glucosio) nel sangue può reagire con le proteine ed i lipidi nel corpo, specialmente quando i livelli ematici sono. Questa reazione indesiderata causa la formazione di età, che si accumulano con tempo e contribuiscono ad alcuni dei segni di invecchiamento.

Il prolungamento della vita precedentemente ha presentato le informazioni che il carnosine ad alta dose e il benfotiamine possono essere utili nella formazione d'inibizione dell'ETÀ. Le ultime informazioni indicano che piradossale 5' - il fosfato può anche essere di aiuto significativo nel blocco della formazione di queste molecole di invecchiamento.

ombra

Punto culminante 

Aggiornamento del prolungamento della vita Che cosa è caldo
L'elevamento del omega-3 riduce l'incidenza del cancro al seno nel modello animale Le donne che usano olio di pesce completa l'esperienza un più a basso rischio di cancro al seno
DHA riduce la crescita del tumore L'olio di pesce causa il suicidio della cellula tumorale
I bassi livelli di EPA aumentano il rischio della mortalità in popolazione più anziana I supplementi dell'olio di pesce possono tagliare il rischio di cancro al seno
Prolungamento della vita Magazine® Argomenti di salute
Metodi scientifici per ridurre rischio di carcinoma della prostata e del seno Cancro al seno
Nuove opzioni scientifiche per l'impedimento del cancro al seno: ricerchi l'aggiornamento sui composti per incorporare nel vostro programma di salute del seno Terapia adiuvante del Cancro
La vitamina E impedisce il cancro al seno? Terapie alternative complementari del cancro
       

ombra