HA VISTO IL PALMETTO



Indice
immagine Metabolismo del testosterone nelle culture primarie delle cellule epiteliali e dei fibroblasti della prostata umana
immagine L'inibizione dell'attività di 5alpha-reductase “di base„ (tipo 1) ha individuato in cellule del DU 145 ed espresso in cellule dell'insetto
immagine Inibizione di metabolismo e di grippaggio dell'androgeno da un estratto liposterolic “di repens B del Serenoa„ nei fibroblasti umani del prepuzio
immagine Ha visto il Palmetto, la prugna africana e l'ortica bruciante per l'iperplasia prostatica benigna (BPH)
immagine Fitoterapia nel trattamento dell'iperplasia prostatica benigna
immagine Il mercato dei rimedi di erbe in U.S.A. Sviluppo del mercato, utenti, legislazione ed organizzazione
immagine Acylglycerides biologicamente attivi dalle bacche del sega-palmetto (repens del Serenoa)
immagine L'estratto lipidosterolic dai repens del Serenoa interferisce con il segnale del ricevitore della prolattina
immagine Il posto di fitoterapia nel trattamento dell'iperplasia prostatica benigna
immagine Effetto dell'estratto lipidosterolic di repens del Serenoa (Permixon (r)) e di sue componenti importanti da su proliferazione indotta da fattore di crescita di base del fibroblasto delle culture delle biopsie umane della prostata
immagine Efficacia e sicurezza dell'estratto di repens del Serenoa nel trattamento dell'iperplasia prostatica benigna: Equivalenza terapeutica forme di dosaggio in mezzo due volte ed una volta quotidiane
immagine Effetto dell'estratto lipidosterolic del lipido di repens del Serenoa (Permixon (r)) sulla produzione dell'ionoforo A23187-stimulated di leucotriene B4 (LTB4) dai neutrofili polimorfonucleari umani
immagine Repens del Serenoa (Bartram) J.K. Small
immagine Acylglycerides biologicamente attivi dalle bacche del sega-palmetto (repens del Serenoa)
immagine Fitoterapia dell'iperplasia prostatica benigna (BPH) con il serrulata del Cucurbita, di hypoxis, di Pygeum, del Urtica e del Sabal (repens del Serenoa)
immagine Effetto dell'estratto dei repens del Serenoa (Permixon (r)) sull'estradiolo/dall'ingrandimento sperimentale indotto da testosterone della prostata nel ratto
immagine Repens del Serenoa (Permixon (r)). Una rassegna della sue farmacologia ed efficacia terapeutica in iperplasia prostatica benigna
immagine Effetti dell'estratto lipidosterolic di repens del Serenoa (Permixon (r)) sulle linee cellulari prostatiche umane
immagine Metabolismo del testosterone nelle culture primarie delle cellule epiteliali e dei fibroblasti della prostata umana
immagine Isoforme prostatiche umane dello steroide 5alpha-reductase - uno studio comparativo degli inibitori selettivi
immagine L'estratto lipidosterolic dai repens del Serenoa interferisce con il segnale del ricevitore della prolattina
immagine Biodisponibilità e farmacocinesi rettali in volontari sani formulazione dei repens del serenoa di nuova
immagine Prova controllata clinica sulla bioequivalenza e sulla tollerabilità terapeutiche di mg orale delle capsule 160 dei repens del Serenoa o di mg rettale delle capsule 640
immagine Prostaserene (r). Trattamento per BPH
immagine L'estratto di repens del serenoa nel trattamento dell'iperplasia prostatica benigna: Un multicentrato apre lo studio
immagine Combinazioni farmacologiche nel trattamento dell'ipertrofia prostatica benigna
immagine L'effetto di Permixon sui ricevitori dell'androgeno
immagine Legando del permixon, un nuovo trattamento per l'iperplasia benigna prostatica, al ricevitore citosolico dell'androgeno nella prostata del ratto
immagine Inibizione di metabolismo e di grippaggio dell'androgeno da un estratto liposterolic “di repens B del Serenoa„ nei fibroblasti umani del prepuzio
immagine Gli effetti dell'hanno visto il palmetto di erbe mescolare dentro gli uomini con l'iperplasia prostatica benigna sintomatica
immagine L'iperplasia prostatica benigna trattata con ha visto il palmetto: una ricerca di letteratura e uno studio finalizzato sperimentale

barra



Metabolismo del testosterone nelle culture primarie delle cellule epiteliali e dei fibroblasti della prostata umana

Delos S.; Carsol J. - L.; Ghazarossian E.; Raynaud J. - P.; Martin P. - m.
Laboratorio. de Cancerologie Experimentale, Faculte de Medecine Secteur Nord, BD Pierre Dramard, 13916 Marsiglia Cedex 20 Francia
Giornale di biochimica steroide e di biologia molecolare (Regno Unito), 1995, 55/3-4 (375-383)

Confrontiamo il metabolismo del testosterone (t) nelle culture primarie delle cellule epiteliali e dei fibroblasti separati dai tessuti benigni dell'ipertrofia (BPH) e del carcinoma della prostata della prostata. In tutte le culture, l'androstenedione (Delta4) costituito dall'ossidazione di T 17beta-hydroxysteroid dalla deidrogenasi (17beta-HSD) ha rappresentato 80% dei metaboliti recuperati. Gli importi di 5alpha-dihydrotestosterone (DHT), costituiti da riduzione di T da 5alpha-reductase (5alpha-R), erano piccoli: 5 e 2% (BPH) e 8 e 15% (adenocarcinoma) per le cellule epiteliali ed i fibroblasti, rispettivamente. L'analisi nordica della macchia di RNA totale dalle cellule epiteliali (BPH o adenocarcinoma) ha attribuito l'attività riduttrice all'isozima di tipo 1 5alpha-reductase e l'attività ossidativa al tipo 17beta-HSD - 2. Nei fibroblasti del cancro, soltanto poco tipo 17beta-HSD - 2 mRNA sono stati individuati. 5alpha-reductase gli inibitori, 4-MA (17beta- (N, N-etiliche) carbamoyl-4-methyl-4 - aza-5alpha-androstan-3-one) e finasteride, formazione inibita di DHT con un'azione preferenziale di 4-MA sulle cellule epiteliali (BPH o adenocarcinoma) e del finasteride sui fibroblasti dall'adenocarcinoma. Nessuno dei due inibitore ha agito su formazione Delta4. Nell'altra mano, l'estratto dello lipido-sterolo di repens del Serenoa (LSESr, Permixon (r)) ha inibito la formazione di tutti i metaboliti di T studiati (IC50 s = 40 e 200 microg/ml (BPH) e 90 e 70 microg/ml (adenocarcinoma) nelle cellule epiteliali ed in fibroblasti, rispettivamente). Questi risultati hanno implicazioni terapeutiche importanti quando seleziona le opzioni appropriate del trattamento per BPH.



L'inibizione dell'attività di 5alpha-reductase “di base„ (tipo 1) ha individuato in cellule del DU 145 ed espresso in cellule dell'insetto

Delos S.; Iehle C.; Martin P. - m.; Raynaud J. - P.
ARIBIO, 67 boulevard Suchet, 75016 Parigi Francia
J. BIOCHIMICA DELLO STEROIDE. Mol. Biol. (Regno Unito), 1994, 48/4 (347-352)

Lo scopo di questo studio era volta 2: (1) identificare gli isozimi 5alpha-reductase (5alpha-R) presenti in cellule del DU 145, una varietà di cellula umana della sensibilità bassa dell'androgeno sono derivato da una metastasi cerebrale di un carcinoma della prostata epiteliale; e (2) confrontare le potenze inibitorie di tre composti sull'isozima “di base„ 5alpha-R espresso in un sistema baculovirus-diretto delle cellule dell'insetto. La conversione di testosterone (t) in 5alpha-dihydrotestosterone (DHT) in cellule del DU 145 è stata misurata da HPLC coppia ad un rivelatore di radioattività di Flo-one HP. Le cellule del DU 145 hanno esibito 5alpha-R l'attività (21 proteina di pmol DHT/min/mg) a pH 7,4 che è scomparso a pH 5,5 che suggerisce che, dei due isozimi umani genomically distinti identificati finora, il tipo 1 5alpha-R fosse espresso in cellule del DU 145. Ciò è stata confermata tramite almeno due osservazioni: in primo luogo, l'attività 5alpha-R in cellule del DU 145 è stata inibita con la potenza molto più alta da 4-MA che dal finasteride che è conosciuto per essere un concorrente molto povero dell'enzima “di base„ (IC50s = 2,8 più o meno 0,2 e 264 più o meno 55 nanometro, rispettivamente). In secondo luogo, soltanto il cDNA e non il tipo di tipo 1 5alpha-R - il cDNA 2 5alpha-R ha ibridato con il RNA del DU 145. Un alto differenziale di potenza inoltre è stato registrato per l'inibizione di tipo 1 “di base„ 5alpha-R espresso in un sistema delle cellule dell'baculovirus-dirigere-insetto da questi due composti, 4-MA che è considerevolmente più attivo che il finasteride (K (i) = 8,4 più o meno 2,3 e 330 più o meno 9 nanometro, rispettivamente). Questa inibizione era competitiva. D'altra parte, l'inibizione da un lipido del n-esano/estratto dello sterolo di repens del Serenoa (LSESr) era non competitiva e, una volta espressa in termini di dosi terapeutiche raccomandate, era 3 volte maggior per LSESr che per il finasteride. Questi studi suggeriscono che LSESr potrebbe esercitare un'attività inibitoria regolatrice dovuto la sua composizione specifica sterolo/nel lipido.



Inibizione di metabolismo e di grippaggio dell'androgeno da un estratto liposterolic “di repens B del Serenoa„ nei fibroblasti umani del prepuzio

Sultano C.; Terraza A.; Devillier C.; et al.
INSERM U. 58, 34100 Montpellier FRANCIA
J. BIOCHIMICA DELLO STEROIDE. (L'INGHILTERRA), 1984, 20/1 (515-519)

Precedentemente abbiamo suggerito (steroidi 33, (1979) 3; Steroidi 37, (1981) 6) che i fibroblasti genitali coltivati della pelle dovrebbero risultare utile per la schermatura dei antiandrogens potenziali in essere umano e cellule bersaglio viventi. “L'estratto lipidico dei repens del Serenoa„ (S.R.E.) recentemente è stato riferito (Br. J. Pharmacol., in stampa) per inibire azione dell'androgeno in animali. La ricerca attuale è stata destinata per studiare il antiandrogenicity di questo composto in cellule umane; quindi abbiamo analizzato gli effetti di S.R.E sulla conversione intracellulare di testosterone (t) ai derivati 5alpha-reduced ed abbiamo studiato l'interazione di S.R.E con il complesso intracellulare del androgeno-ricevitore. Poiché la struttura chimica del componente attivo di S.R.E è ancora sconosciuta, i risultati sono espressi in U/ml (un'unità è definita mentre la quantità di S.R.E richiesto per inibire 50% del grippaggio specifico (ICsub 5sub 0) (sup 3H) di 1881 al cytosol della prostata del ratto). S.R.E. a U/ml di diluizioni (5,7 - 28,6) differente si aggiunge al terreno di coltura che contiene (sup 3H) T o (sup 3H) il diidrotestosterone (DHT) ed è incubato a 37degr. C con i fibroblasti coltivati. 28,6 U/ml S.R.E altera significativamente la formazione di DHT e forte inibisce una conversione mediata riduttasi di 3 ketosteroid di DHT a 5alpha-androstane-3alpha, 17beta-diol, caratterizzato radiochimico da cromatografia su strato sottile. S.R.E. è un buon concorrente per l'intero ricevitore dell'androgeno delle cellule: 7,1 U/ml S.R.E dà l'inibizione di 50% del grippaggio di 2 x 10sup - sup 9 m. (sup 3H) DHT al suo ricevitore. Analisi obbligatorie competitive dopo che il frazionamento delle cellule indica che S.R.E è meno potente in nucleare che in ricevitori del cytosol. La centrifugazione di pendenza del saccarosio del lysate radioattivo delle cellule del fibroblasto dimostra che 28,6 U/ml S.R.E aboliscono 70% del picco radioattivo ricevitore-complesso di 3,6 S. Gli studi presenti mostrano che S.R.E inibisce 5alpha-reductase, il legame della riduttasi di 3 ketosteroid e del ricevitore degli androgeni nei fibroblasti umani coltivati del prepuzio. Mentre la ricerca del antiandrogen ideale continua, S.R.E sembra essere un nuovo tipo di composto antiandrogenic come terapeutica per il trattamento dell'ipertrofia prostatica benigna, irsutismo e così via.



Ha visto il Palmetto, la prugna africana e l'ortica bruciante per l'iperplasia prostatica benigna (BPH)

Awang D.V.C.
Giornale farmaceutico canadese (Canada), 1997, 130/9 (37-44+62)

Non estratto.



Fitoterapia nel trattamento dell'iperplasia prostatica benigna

Bracher F.
La Germania
Urologe - Ausgabe A (Germania), 1997, 36/1 (10-17)

Gli agenti fitofarmaceutici sono stati utilizzati a lungo nel trattamento dell'iperplasia prostatica benigna sintomatica (BPH). Tuttavia, fino ad oggi, è stato dubitato che la fitoterapia fosse superiore ad un trattamento del placebo. In questo articolo, gli agenti fitofarmaceutici più ampiamente usati, come hanno visto gli estratti della bacca del palmetto, i semi di zucca degli estratti di urticae della base, gli estratti del polline ed i fitosteroli differenti, sono descritti. Inoltre, sia in vitro che in vivo gli studi sono discussi nel tentativo di spiegare un meccanismo possibile di azione. Ci sono parecchi nuovi studi clinici che dimostrano un beneficio significativo rispetto al trattamento del placebo. Sulla base di questi risultati, l'uso degli agenti fitofarmaceutici per il trattamento di delicato moderare BPH sintomatico sembra essere giustificato bene. Finora, nessun'inibizione significativa di ulteriore crescita della prostata è stata dimostrata. Per questo, seguito attento dei pazienti è necessario per non mancare un deterioramento e forse l'esigenza di un'operazione.



Il mercato dei rimedi di erbe in U.S.A. Sviluppo del mercato, utenti, legislazione ed organizzazione

Grunwald J.; Goldberg A.
Dott. J. Grunwald, consulto Gmbh, pelliccia Phytopharmaka, Olafstr di PhytoPharm di Institut. 6-10, D-13467 Berlin Germany
Pharmazeutische Industrie (Germania), 1997, 59/6 (485-490)

Durante gli anni scorsi il mercato americano dei rimedi di erbe sta sviluppandosi molto velocemente. Il lotal si girano sono stimati a 1,6 - 2,5 miliardo US-$ nei prezzi pubblici con una crescita annuale fra 15 e 20%. Le piante medicinali principali sono echinacea, aglio, goldenseal, ginseng e ginkgo ciascuno con una quota di mercato fra 5 e 10% del mercato totale dei rimedi di erbe. Parecchie società europee sono rappresentate sul mercato degli Stati Uniti con i loro prodotti e vari di loro stanno conducendo la loro categoria. Negli Stati Uniti parecchie piante medicinali sono coltivate e parzialmente inoltre sono esportate all'echinacea, al ginkgo ed alla menta piperita di Europa per esempio. Ha visto che il palmetto wildcrafted ed inoltre è esportato verso Europa. Il ginseng americano pricipalmente è esportato in Asia. dovuto una nuova situazione giuridica nel 1994 lo stato dei rimedi di erbe è stato definito poichè gli integratori alimentari e le possibilità per i reclami sono stabiliti nella Legge di salute e di istruzione dell'integratore alimentare (DSHEA). Secondo questi reclami di funzione di struttura di regolamenti relativi alle piante medicinali ed i reclami generali per quanto riguarda benessere sono permessi. Parecchi associazioni commerciali ed organismi di ricerca botanici sono stati indispensabili nel contribuire a fornire più informazioni al pubblico ed a migliorare la scienza dietro i prodotti botanici. C'è grande interesse nelle esperienze europee per quanto riguarda la registrazione e l'assicurazione di qualità dei phytomedicines, che sono regolati insufficientemente momentaneamente negli Stati Uniti.



Acylglycerides biologicamente attivi dalle bacche del sega-palmetto (repens del Serenoa)

Shimada H.; Tyler V.E.; McLaughlin J.L.
J.L. McLaughlin, DMCMP, Sch. della farmacia/delle scienze di Pharmacal, università di Purdue, Lafayette ad ovest, IN 47907 U.S.A.
Giornale dei prodotti naturali (U.S.A.), 1997, 60/4 (417-418)

Il gamberetto di salamoia mortalità-ha diretto il frazionamento dell'estratto di 95% EtOH delle bacche in polvere e secche dei repens del Serenoa (Bart.) Piccolo (sega-palmetto) (Palmae) ha condotto all'isolamento di due monoacylglycerides, 1 monolaurin (1) e 1 monomyristin (2). Attività biologiche moderate indicate dei composti 1 e 2 nella prova di mortalità del gamberetto di salamoia e contro (PACA-2) le cellule umane renali (A-498) e pancreatiche del tumore; la citotossicità limite è stata esibita contro le cellule prostatiche umane (PC-3). I frutti e gli estratti di sega-palmetto sono presi oralmente come medicina di erbe per impedire le iperplasie prostatiche.



L'estratto lipidosterolic dai repens del Serenoa interferisce con il segnale del ricevitore della prolattina

Vacher P.; Prevarskaya N.; Skryma R.; Audy M.C.; Vacher DI MATTINA; Odessa M.F.; Dufy B.
Laboratoire Neurophysiologie, il CNRS URA 1200, Universite de Bordeaux II, 146 Rue Leo-Saignat, F-33076 Bordeaux Cedex Francia
Giornale di scienza biomedica (Svizzera), 1995, 2/4 (357-365)

L'estratto lipidosterolic dal ha visto che repens del Serenoa del palmetto (LSESr) è comunemente usato per trattamento medico del hypertrophia prostatico benigno dovuto la sua capacità di inibire 5alpha-reductase che permette la conversione di testosterone al diidrotestosterone, l'androgeno attivo su proliferazione delle cellule della prostata. Tuttavia, il meccanismo completo di azione di LSESr è ancora sconosciuto. Parecchie linee di prova suggeriscono che, oltre ad inibizione di 5alpha-reductase, possa interferire con l'azione di prolattina (PRL). Quindi abbiamo studiato un'interferenza possibile di questo estratto della pianta con un altro ormone che controlla la crescita della ghiandola di prostata, PRL. Mentre il meccanismo di azione di PRL ora completamente è documentato in cellule cinesi dell'ovaia del criceto che esprimono il ricevitore di PRL, abbiamo eseguito i nostri esperimenti su queste cellule. In questo studio, facendo uso delle tecniche elettrofisiologiche (registrazione della intero-cellula e registrazione ad un solo canale), microspectrofluorimetric e biochimiche, indichiamo che LSESr (1-30 microg/ml) ha ridotto l'attività basale di un canale di K+ e della chinasi proteica la C (PKC) in cellule di CHO. Inoltre, il pretrattamento delle cellule con 1-10 microg/ml LSESr per 6-36 h ha abolito gli effetti di PRL (Ca2+) su (i), su conduttanza di K+ e su PKC. LSESr può bloccare dalla la crescita indotta PRL della prostata inibendo parecchi punti di trasduzione del segnale del ricevitore di PRL. LSESr può anche essere utile per le malattie che implicano PRL.



Il posto di fitoterapia nel trattamento dell'iperplasia prostatica benigna

Dreikorn K.; Schonhofer P.S.
Urologische Klinik, Zentralkrankenhaus St-Jurgen-Strasse, D-28205 Brema Germania
Urologe - Ausgabe A (Germania), 1995, 34/2 (119-129)

Le preparazioni di Phytotherapeutic sono ancora comunemente usate per il trattamento dell'iperplasia benigna sintomatica della prostata (BPH) in Germania; negli ultimi anni anche c'è stato un aumento nel loro uso, di modo che le vendite ora ammontano a più di DM 220 milioni all'anno. Le preparazioni il più delle volte usate sono gli estratti di rooperi di hypoxis, le radici dell'ortica bruciante, i frutti del hanno visto il palmetto, i semi di zucca ed il polline della segale. I meccanismi suggeriti di azione non sono stati documentati tramite l'osservazione scientifica. Ciò si applica particolarmente all'effetto di didascalia su 5alpha-reductase postulato con le dosi usate. Inoltre, un'analisi critica dei dati disponibili suggerisce che gli effetti di fitoterapia siano non migliori di quelli del trattamento del placebo. Ulteriori studi sono necessari urgentemente, per paragonare gli effetti di fitoterapia a quelli delle droghe chimicamente definite (antagonisti di alpha1-receptor, stampo 5alpha-reductase) che sembrano avere un'influenza utile sul pathomechanism BPH sintomatico di fondo.



Effetto dell'estratto lipidosterolic di repens del Serenoa (Permixon (r)) e di sue componenti importanti da su proliferazione indotta da fattore di crescita di base del fibroblasto delle culture delle biopsie umane della prostata

Paubert-Braquet M.; Cousse H.; Raynaud J. - P.; Mencia-Huerta J.M.; Braquet P.
M. Paubert-Braquet, bio--Inova laboratorio di ricerca di EuroLab., 48-52 ruta de la Gare, F-78380 Plaisir Francia
Urologia europea (Svizzera), 1998, 33/3 (340-347)

Obiettivo: per valutare l'effetto dell'estratto lipidosterolic di repens del Serenoa (LSESr) su proliferazione in vitro delle cellule nelle biopsie della prostata umana. Materiale e metodi: La proliferazione delle cellule è stata valutata dall'incorporazione di timidina (3H) seguita dal historadiography. Risultati: Il fattore di crescita di base del fibroblasto (b-FGF) ha indotto un considerevole aumento nella proliferazione umana delle cellule della prostata (+100 - +250%); l'epitelio ghiandolare pricipalmente è stato colpito, minimo identificando la registrazione nelle altre regioni della prostata. Risultati simili sono stati osservati con il fattore di crescita epidermico (EGF), sebbene l'aumento nella proliferazione delle cellule non fosse registrato in alcuni casi. Le lovastatine, un inibitore del coenzima A di hydroxymethylglutaryl, si sono contrapposte sia alla proliferazione basale che la crescita fattore-ha stimolato la proliferazione dell'epitelio umano della prostata (EGF, inibizione media simile 80-95%; b-FGF, inibizione media simile 40-90%). Geraniolo, un precursore sia del pirofosfato di farnesyl che del pirofosfato di geranylgeranyl e farnesol, il precursore del pirofosfato di farnesyl, proliferazione aumentata delle cellule soltanto in alcuni esemplari della prostata, questo effetto che si è contrapposto dalle lovastatine. LSESr non ha colpito la proliferazione basale delle cellule della prostata, ad eccezione di due esemplari della prostata in cui un'inibizione significativa di proliferazione basale è stata osservata con il più alta concentrazione di LSESr (30 microg/ml). Al contrario, LSESr ha inibito dalla la proliferazione indotta da b delle colture cellulari umane della prostata; questo effetto era significativo per il più alta concentrazione di LSESr (30 microg/ml). In alcuni campioni della prostata, una simile inibizione inoltre è stata notata con le concentrazioni più basse. Gli acidi grassi insaturi (UFA), nel ng/ml della gamma 1-30, non hanno colpito la proliferazione basale delle cellule della prostata, solo un leggero aumento nella proliferazione delle cellule è stato notato in 1 esemplare della prostata. UFA (1, 10 o 30microg/ml) contrassegnato ha inibito dalla la proliferazione indotta da b delle cellule giù al valore basale. Lupenone, il hexacosanol e la frazione unsaponified di LSESr contrassegnato hanno inibito dalla la proliferazione indotta da b delle cellule, mentre un effetto minimo su proliferazione della cellula basale è stato notato. Conclusioni: Malgrado la grande variabilità nella risposta dei campioni della prostata a b-FGF, questi risultati indicano che LSESr e le sue componenti colpiscono la risposta proliferativa delle cellule della prostata a b-FGF più della loro proliferazione basale.



Efficacia e sicurezza dell'estratto di repens del Serenoa nel trattamento dell'iperplasia prostatica benigna: Equivalenza terapeutica forme di dosaggio in mezzo due volte ed una volta quotidiane

Braeckman J.; Bruhwyler J.; Vandekerckhove K.; Geczy J.
J. Bruhwyler, ricerca S.A., Rue Van Ophem 110, 1180 Bruxelles Belgio di Therabel
Ricerca in fitoterapia (Regno Unito), 1997, 11/8 (558-563)

L'efficacia e la sicurezza di due forme di dosaggio (160 mg b.i.d. e 320 mg o.d.) dell'estratto di repens del Serenoa sono stati confrontati durante il trattamento di un anno in 132 pazienti che soffrono dall'iperplasia prostatica benigna (BPH). Entrambe le forme di dosaggio hanno indotto un miglioramento significativo nelle variabili di efficacia: spartito internazionale di sintomo della prostata (60% dopo 1 anno), spartito di qualità della vita (85% dei pazienti sono stati soddisfatti dopo 1 anno di trattamento), volume prostatico (12% dopo 1 anno), portata massima (22% dopo 1 anno), portata media (17% dopo 1 anno) e volume urinario residuo (16% dopo 1 anno). Nessuna differenza significativa è stata trovata fra le due forme di dosaggio. La percentuale dei pazienti o dei ricercatori che valutano che il trattamento ha avuto un medium o una cattiva tolleranza non era mai superiore a 4%. Diciannove effetti collaterali sono stati osservati in 16 pazienti (12,1%), 8 pazienti in ogni gruppo. La maggior parte di questi effetti collaterali (almeno 75%) è stata collegata con l'evoluzione naturale della malattia stessa piuttosto che al farmaco. Concludiamo che l'estratto di repens del Serenoa nelle sue due forme di dosaggio è un trattamento sicuro ed efficace per i problemi di mictional connessi con BPH. Di conseguenza, sembra offrire un'alternativa farmacologica potenziale capace del miglioramento dei sintomi di BPH in pazienti con la malattia delicata del -moderato.



Effetto dell'estratto lipidosterolic del lipido di repens del Serenoa (Permixon (r)) sulla produzione dell'ionoforo A23187-stimulated di leucotriene B4 (LTB4) dai neutrofili polimorfonucleari umani

Paubert-Braquet M.; Mencia Huerta J. - m.; Cousse H.; Braquet P.
Dott. M. Paubert-Braquet, bio--Inova, internazionale di scienze biologiche, 48-52 Rue de la Gare, F78370 Plaisir Francia
Leucotrieni delle prostaglandine ed acidi grassi essenziali (Regno Unito), 1997, 57/3 (299-304)

Sebbene l'estratto lipidico di repens del Serenoa (LESSr, Permixon (r), Sereprostat (r)) sia ampiamente usato in pazienti che soffrono dall'ipertrofia prostatica benigna (BPH), il suo meccanismo di azione completamente non è delucidato. È stato dimostrato che l'infiltrazione della prostata dalle cellule infiammatorie è uno dei fattori eziologici in questione nello sviluppo di BPH. Questi tipi infiammatori delle cellule, quali i neutrofili polimorfonucleari (PMNs), producono i mediatori chemiotattici e contribuiscono allo sviluppo della malattia. Fra i fattori chemiotattici generati dai tipi infiammatori delle cellule, i derivati di acido arachidonico sono stati studiati estesamente. Per esempio, il leucotriene (LT) B4 è uno dei fattori chemiotattici più potenti per PMNs ed inoltre esibisce una vasta gamma di attività biologiche. Per studiare l'azione potenziale di LESSr sul metabolismo dell'arachidonato e specialmente sulla sintesi di LTB4, l'effetto di questo estratto sulla sintesi in vitro di LT dall'essere umano PMNs stimolato con l'ionoforo A23187 del calcio è stato studiato. LESSr inibisce significativamente la produzione di 5 metaboliti della lipossigenasi (5-HETE, 20 - COOH LTB4, LTB4 e 20-OH LTB4) alle concentrazioni basse quanto 5 microg/ml. Un tal effetto di LESSr inoltre è stato osservato in presenza di acido arachidonico esogeno (20 microg/ml) e quando il fMLP è stato usato come l'agonista, suggerendo che l'inibizione di produzione LTB4 dall'estratto fosse indipendente dal blocco della fosfolipasi A2 e dall'indipendente dall'agente di stimolazione. La capacità di LESSr per contrapporrsi ad una produzione di 5 metaboliti della lipossigenasi può contribuire almeno parzialmente, alla comprensione della sua attività terapeutica sulla componente infiammatoria di BPH.



Repens del Serenoa (Bartram) J.K. Small

Bombardelli E.; Morazzoni P.
E. Bombardelli, INDENA S.p.A., dipartimento scientifico, Viale Ortles 12, 20139 Milan Italy
Fitoterapia (Italia), 1997, 68/2 (99-113)

S. i repens è un nativo arbustiva basso della palma alle regioni meridionali di Nord America. Le preparazioni dalla frutta sono state utilizzate nella medicina americana tradizionale nel trattamento delle irritazioni della vescica, dell'uretra e della prostata. Oggi, gli estratti lipofilici della frutta dei repens dello S. sono ampiamente usati nella terapia dei sintomi urologici connessi con BPH. L'efficacia clinica di questi gli estratti e la loro buona tollerabilità è stata dimostrata nei numerosi test clinici, compreso gli studi di prova alla cieca. L'inibizione di attività 5alpha-reductase, l'antagonismo del diidrotestosterone che legano ai ricevitori dell'androgeno, la doppia didascalia del cycloxygenase e le vie della lipossigenasi sono i meccanismi principali in questione nell'effetto antiprostatic degli estratti dei repens dello S.



Acylglycerides biologicamente attivi dalle bacche del sega-palmetto (repens del Serenoa)

Shimada H.; Tyler V.E.; McLaughlin J.L.
J.L. McLaughlin, DMCMP, Sch. della farmacia/delle scienze di Pharmacal, università di Purdue, Lafayette ad ovest, IN 47907 U.S.A.
Giornale dei prodotti naturali (U.S.A.), 1997, 60/4 (417-418)

Il gamberetto di salamoia mortalità-ha diretto il frazionamento dell'estratto di 95% EtOH delle bacche in polvere e secche dei repens del Serenoa (Bart.) Piccolo (sega-palmetto) (Palmae) ha condotto all'isolamento di due monoacylglycerides, 1 monolaurin (1) e 1 monomyristin (2). Attività biologiche moderate indicate dei composti 1 e 2 nella prova di mortalità del gamberetto di salamoia e contro (PACA-2) le cellule umane renali (A-498) e pancreatiche del tumore; la citotossicità limite è stata esibita contro le cellule prostatiche umane (PC-3). I frutti e gli estratti di sega-palmetto sono presi oralmente come medicina di erbe per impedire le iperplasie prostatiche.



Fitoterapia dell'iperplasia prostatica benigna (BPH) con il serrulata del Cucurbita, di hypoxis, di Pygeum, del Urtica e del Sabal (repens del Serenoa)

Odenthal K.P.
K.P. Odenthal, Dept. Exp. Biologia, farmacologia, MADAUS AG, Ostmerheimerstr. 198, D-51109 Colonia Germania
Ricerca in fitoterapia (Regno Unito), 1996, 10/SUPPL. 1 (S141-S143)

L'ingrandimento della prostata (BPH) è accompagnato dallo stimolo, dal flusso urinario riduttore e dal volume residuo aumentato dell'urina. L'eziologia non è ancora chiara, sebbene molti risultati parlino per lo squilibrio ormonale. Parecchie droghe di erbe si sono applicate tradizionalmente nella terapia di BPH, cioè, preparazioni del Cucurbita, il hypoxis, Pygeum, Urtica e dal serrulata del Sabal. Fra i meccanismi discussi, i fitosteroli sono considerati come attivo e sono stati trovati nelle indagini sperimentali come pure cliniche per interferire con riduzione di testosterone al diidrotestosterone, alla globulina obbligatoria dell'ormone sessuale, all'aromatizzazione di testosterone o ai fattori di crescita come EGF. Gli effetti supplementari sono stati documentati negli esperimenti che parlano per l'immunomodulazione e le qualità antinfiammatorie. Dimostriamo che la contrazione del muscolo liscio della condotta deferente del ratto, dell'ileo della cavia e della vescica è ridotta dall'estratto lipofilico di Sabal. Entrambe le da contrazioni indotte da noradrenalina della condotta deferente del ratto come pure le contrazioni suscitate da stimolazione elettrica hanno potuto essere l'aggiunta seguente riduttrice di concentrazione-dipendente inferiore o uguale a di 0,33 mg/ml dell'estratto lipofilico di serrulata del Sabal nel medium del bagno. Il dosaggio cumulativo inferiore o uguale a di 0,15 mg/ml dell'estratto del Sabal contrapposti a nel tessuto muscolare liscio dell'ileo e della vescica della cavia si è contratto nella soluzione salina del KCl. L'estratto del Sabal, nelle concentrazioni identiche a quelle pubblicate per i cosiddetti effetti anti-androgeni ed antinfiammatori, quindi è caratterizzato dall'alfa-adrenocettore antagonistico come pure dalle attività di didascalia del calcio. Ancora, questi risultati hanno potuto spiegare il sollievo sintomatico clinicamente dimostrato o il cosiddetto rilascio della componente dinamica di BPH.



Effetto dell'estratto dei repens del Serenoa (Permixon (r)) sull'estradiolo/dall'ingrandimento sperimentale indotto da testosterone della prostata nel ratto

Paubert-Braquet M.; Richardson F.O.; Servent-Saez N.; Gordon W.C.; Monge m. - C.; Bazan N.G.; Authie D.; Braquet P.
La Francia
Ricerca farmacologica (Regno Unito), 1996, 34/3-4 (171-179)

L'effetto dell'estratto lipidosterolic di repens del Serenoa (LSESR) sull'ingrandimento sperimentale della prostata è stato studiato in tre gruppi di ratti: le falsità hanno trattato con LSESR (ratti finti), hanno castrato gli animali trattati con l'estradiolo e testosterone (ratti castrati), animali castrati trattati con l'estradiolo/il testosterone e trattati con LSESR (ratti castrati e trattati). A seguito di tre mesi del trattamento ormonale continuo, il peso delle prostate in estradiolo/testosterone-ha trattato i ratti castrati significativamente è stato aumentato in confronto ai ratti falsità-azionati. Un tal aumento ha cominciato rapidamente, ha raggiunto un massimo entro i 30 giorni ed è rimanere ad un plateau o leggermente è diminuito da allora in poi. L'aumento del peso di totale della prostata indotto dalla cura ormonale è stato inibito tramite l'amministrazione di LSESR. Effettivamente, il peso era significativamente più basso al giorno 60 ed al giorno 90 per le regioni dorsali e laterali della prostata. Il peso della regione ventrale della prostata era significativamente più basso dopo il trattamento dei 30 e 60 giorni con LSESR. Questi risultati dimostrano quello che amministra LSESR ai ratti castrati ormone-trattati inibisce l'aumento nel peso bagnato della prostata. Questo effetto di LSESR può spiegare l'effetto benefico di questo estratto in ipertrofia prostatica benigna umana.



Repens del Serenoa (Permixon (r)). Una rassegna della sue farmacologia ed efficacia terapeutica in iperplasia prostatica benigna

Plosker G.L.; Brogden R.N.
Limitato internazionale delle DGC, azionamento di 41 Centorian, baia di Mairangi, Auckland 10 Nuova Zelanda
Droghe e invecchiamento (Nuova Zelanda), 1996, 9/5 (379-395)

I repens del Serenoa (Permixon (r)) è stato disponibili per parecchi anni per il trattamento degli uomini con l'iperplasia prostatica benigna (BPH). La droga è l'estratto lipidosterolic del n-esano della palma americana nana (anche conosciuta come i repens del Serenoa) ed è una miscela complessa di vari composti. Una serie di effetti farmacodinamici sono stati dimostrati con l'estratto lipidosterolic di repens del Serenoa (LSESR), suggerente i meccanismi multipli di azione compreso inibizione in vitro sia di tipo 1 che di tipo - 2 isoenzimi di 5alpha-reductase ed interferenza con legare del diidrotestosterone ai ricevitori citosolici dell'androgeno in cellule della prostata. Nei test clinici controllati negli uomini con BPH, la somministrazione orale di mg dei repens 160 del Serenoa due volte al giorno per 1 - 3 mesi era generalmente superiore a placebo nel miglioramento dei sintomi soggettivi, quale disuria come pure ai parametri obiettivi. La frequenza di nicturia è stata ridotta di 33 - 74%, mentre la frequenza urinaria durante il giorno è diminuito da 11 - da 43% e dalla portata urinaria del picco aumentata di 26 - 50% con i repens del Serenoa. I valori corrispondenti per placebo erano 13 - 39%, 1 - 29% e 2 - 35%. La sola grande prova comparativa condotta fin qui, in cui > 1000 uomini con il moderato BPH sono stati ripartiti con scelta casuale per ricevere due volte al giorno mg dei repens 160 del Serenoa o mg di finasteride 5 una volta giornalmente per 6 mesi, ha dimostrato la simile efficacia fra le due droghe. Nessuna differenza statisticamente significativa è stata dimostrata fra i gruppi del trattamento per gli spartiti auto-stimati di qualità della vita del ricoverato di miglioramento ed il punto finale primario dei sintomi obiettivi segna; Il punteggio internazionale di sintomo della prostata è migliorato da 37% con i repens del Serenoa rispetto a 39% con il finasteride. Nelle prove comparative molto più piccole, poche differenze significative sono state dimostrate fra i repens del Serenoa e gli antagonisti di alpha1-receptor e le più grandi prove randomizzate della durata adeguata sono richieste per confrontare meglio l'efficacia clinica di queste droghe. Il più delle volte gli eventi avversi riferiti nei test clinici con i repens del Serenoa sono stati problemi gastrointestinali secondari (per esempio nausea e dolore addominale). In conclusione, i repens del Serenoa bene è tollerato ed ha la maggior efficacia che il placebo e simile efficacia al finasteride nel miglioramento dei sintomi negli uomini con BPH. Sebbene ci sia un'esigenza di ulteriori studi comparativi, specialmente con gli antagonisti di alpha1-receptor, dati disponibili indichi che i repens del Serenoa è un'alternativa utile agli antagonisti e al finasteride di alpha1-receptor nel trattamento degli uomini con BPH.



Effetti dell'estratto lipidosterolic di repens del Serenoa (Permixon (r)) sulle linee cellulari prostatiche umane

Ravenna L.; Di Silverio F.; Russo M.A.; Salvatori L.; Morgante E.; Morrone S.; Cardillo M.R.; Russo A.; Frati L.; Gulino A.; Petrangeli E.
Istituto Tecnologie Biomediche, via G.B. Morgagni 30/E, 00161 Roma Italy
Prostata (U.S.A.), 1996, 29/4 (219-230)

FONDO. Permixon (r) è una droga utilizzata nel trattamento dell'iperplasia prostatica benigna. Abbiamo studiato i suoi effetti androgeni e antiandrogenic nella linea cellulare prostatica LNCaP e PC3, rispettivamente rispondente ed insensibile a stimolazione dell'androgeno. METODI. Abbiamo eseguito l'analisi di FACScan per studiare l'incorporazione della tossicità, della timidina 3H e della metionina 35S per determinare gli effetti antiproliferativi e metabolici, microscopia elettronica per studiare i cambiamenti e gli esperimenti ultrastrutturali di cotransfection per delucidare il ruolo di tipo selvaggio ricevitore dell'androgeno. RISULTATI. Nella linea cellulare di LNCaP, Permixon (r) ha indotto doppio effetto proliferativo/differentiative, non osservato in cellule PC3. In cellule PC3 cotransfected con i geni dei ricevitori dell'androgeno del tipo selvatico e del reporter del CAT sotto il controllo di un elemento rispondente dell'androgeno, la droga ha inibito dalla la trascrizione indotta da androgeno del CAT. CONCLUSIONI. I nostri dati indicano un ruolo del ricevitore dell'androgeno nella mediazione degli effetti di Permixon (r) in cellule di LNCaP. Gli esperimenti di Cotransfection in cellule PC3 sostengono una chiara azione antiandrogenic della droga.



Metabolismo del testosterone nelle culture primarie delle cellule epiteliali e dei fibroblasti della prostata umana

Delos S.; Carsol J. - L.; Ghazarossian E.; Raynaud J. - P.; Martin P. - m.
Laboratorio. de Cancerologie Experimentale, Faculte de Medecine Secteur Nord, BD Pierre Dramard, 13916 Marsiglia Cedex 20 Francia
Giornale di biochimica steroide e di biologia molecolare (Regno Unito), 1995, 55/3-4 (375-383)

Confrontiamo il metabolismo del testosterone (t) nelle culture primarie delle cellule epiteliali e dei fibroblasti separati dai tessuti benigni dell'ipertrofia (BPH) e del carcinoma della prostata della prostata. In tutte le culture, l'androstenedione (Delta4) costituito dall'ossidazione di T 17beta-hydroxysteroid dalla deidrogenasi (17beta-HSD) ha rappresentato 80% dei metaboliti recuperati. Gli importi di 5alpha-dihydrotestosterone (DHT), costituiti da riduzione di T da 5alpha-reductase (5alpha-R), erano piccoli: 5 e 2% (BPH) e 8 e 15% (adenocarcinoma) per le cellule epiteliali ed i fibroblasti, rispettivamente. L'analisi nordica della macchia di RNA totale dalle cellule epiteliali (BPH o adenocarcinoma) ha attribuito l'attività riduttrice all'isozima di tipo 1 5alpha-reductase e l'attività ossidativa al tipo 17beta-HSD - 2. Nei fibroblasti del cancro, soltanto poco tipo 17beta-HSD - 2 mRNA sono stati individuati. 5alpha-reductase gli inibitori, 4-MA (17beta- (N, N-etiliche) carbamoyl-4-methyl-4 - aza-5alpha-androstan-3-one) e finasteride, formazione inibita di DHT con un'azione preferenziale di 4-MA sulle cellule epiteliali (BPH o adenocarcinoma) e del finasteride sui fibroblasti dall'adenocarcinoma. Nessuno dei due inibitore ha agito su formazione Delta4. Nell'altra mano, l'estratto dello lipido-sterolo di repens del Serenoa (LSESr, Permixon (r)) ha inibito la formazione di tutti i metaboliti di T studiati (IC50 s = 40 e 200 microg/ml (BPH) e 90 e 70 microg/ml (adenocarcinoma) nelle cellule epiteliali ed in fibroblasti, rispettivamente). Questi risultati hanno implicazioni terapeutiche importanti quando seleziona le opzioni appropriate del trattamento per BPH.



Isoforme prostatiche umane dello steroide 5alpha-reductase - uno studio comparativo degli inibitori selettivi

Iehle C.; Delos S.; Guirou O.; Tate R.; Raynaud J. - P.; Martin P. - m.
Lab de Cancerologie Experimentale, Faculte de Medecine, Secteur Nord, BD Pierre Dramard, 13916 Marsiglia Cedex 20 Francia
Giornale di biochimica steroide e di biologia molecolare (Regno Unito), 1995, 54/5-6 (273-279)

Lo studio presente descrive l'espressione indipendente del tipo 1 e di 2 isoforme di 5alpha-reductase umano nel sistema baculovirus-diretto di espressione delle cellule dell'insetto e nella selettività della loro inibizione. Le proprietà catalitiche ed i parametri cinetici degli isozimi recombinanti erano coerenti con i dati pubblicati. L'isoforma di tipo 1 ha visualizzato (gamma 6-8) un optimum neutrale di pH ed il tipo - l'isoforma 2 (5-6) un optimum acido di pH. Il tipo - l'isoforma 2 ha avuta più alta affinità per testosterone dell'isoforma di tipo 1 (K (m) = microM 0,5 e 2,9, rispettivamente). Finasteride e il turosteride erano inibitori selettivi del tipo - 2 isoforma (K (i) (tipo - 2) = 7,3 e 21,7 nanometro hanno confrontato a K (i) (tipo 1) = 108 e 330 nanometro, rispettivamente). 4-MA e l'estratto dello lipido-sterolo di repens del Serenoa (LSESr) contrassegnato hanno inibito entrambi gli isozimi (K (i) (tipo 1) = 8,4 nanometri e 7,2 microg/ml, rispettivamente; K (i) (tipo - 2) = 7,4 nanometri e 4,9 microg/ml, rispettivamente). I tre azasteroids erano inibitori competitivi contro il substrato, mentre LSESr ha visualizzato l'inibizione non competitiva dell'isozima di tipo 1 e l'inibizione non competitiva del tipo - l'isozima 2. Queste osservazioni suggeriscono che il componente lipidico di LSESr potrebbe essere responsabile del suo effetto inibitorio modulando l'ambiente della membrana di 5alpha-reductase. L'attività recombinante parzialmente purificata di tipo 1 5alpha-reductase è stata conservata dalla presenza di lipidi che indicano che i lipidi possono esercitare gli effetti stimolatori o inibitori su 5alpha-reductase umano.



L'estratto lipidosterolic dai repens del Serenoa interferisce con il segnale del ricevitore della prolattina

Vacher P.; Prevarskaya N.; Skryma R.; Audy M.C.; Vacher DI MATTINA; Odessa M.F.; Dufy B.
Laboratoire Neurophysiologie, il CNRS URA 1200, Universite de Bordeaux II, 146 Rue Leo-Saignat, F-33076 Bordeaux Cedex Francia
Giornale di scienza biomedica (Svizzera), 1995, 2/4 (357-365)

L'estratto lipidosterolic dal ha visto che repens del Serenoa del palmetto (LSESr) è comunemente usato per trattamento medico del hypertrophia prostatico benigno dovuto la sua capacità di inibire 5alpha-reductase che permette la conversione di testosterone al diidrotestosterone, l'androgeno attivo su proliferazione delle cellule della prostata. Tuttavia, il meccanismo completo di azione di LSESr è ancora sconosciuto. Parecchie linee di prova suggeriscono che, oltre ad inibizione di 5alpha-reductase, possa interferire con l'azione di prolattina (PRL). Quindi abbiamo studiato un'interferenza possibile di questo estratto della pianta con un altro ormone che controlla la crescita della ghiandola di prostata, PRL. Mentre il meccanismo di azione di PRL ora completamente è documentato in cellule cinesi dell'ovaia del criceto che esprimono il ricevitore di PRL, abbiamo eseguito i nostri esperimenti su queste cellule. In questo studio, facendo uso delle tecniche elettrofisiologiche (registrazione della intero-cellula e registrazione ad un solo canale), microspectrofluorimetric e biochimiche, indichiamo che LSESr (1-30 microg/ml) ha ridotto l'attività basale di un canale di K+ e della chinasi proteica la C (PKC) in cellule di CHO. Inoltre, il pretrattamento delle cellule con 1-10 microg/ml LSESr per 6-36 h ha abolito gli effetti di PRL (Ca2+) su (i), su conduttanza di K+ e su PKC. LSESr può bloccare dalla la crescita indotta PRL della prostata inibendo parecchi punti di trasduzione del segnale del ricevitore di PRL. LSESr può anche essere utile per le malattie che implicano PRL.



Biodisponibilità e farmacocinesi rettali in volontari sani formulazione dei repens del serenoa di nuova

De Bernardi Di Valserra M.; Tripodi A.S.
Cattedra di Tossicologia II, Istituto di Farmacologia II, Di Pavia, Pavia Italia di Universita
Arch. MED. INTERNA (Italia), 1994, 46/2 (77-86)

La biodisponibilità ed il profilo farmacocinetico di nuova preparazione rettale sviluppata dell'estratto di 640 di mg repens del Serenoa sono stati determinati in 12 volontari maschii in buona salute. La droga è stata amministrata ad una dose di 640 mg, i campioni di sangue sono stati raccolti a 0,5-1-1,5-2-3-4-6-8 e 10 ore dopo e le concentrazioni nel plasma componente dei repens del Serenoa della seconda sono state quantificate da un HPLC-metodo. La concentrazione massima media di seconda componente in plasma di quasi 2,60 microg/ml circa 3 ore dopo l'assunzione della droga con valore medio per l'area sotto la curva AUC (0-inf) di 10microg*h/ml è stata osservata. La biodisponibilità ed il profilo farmacocinetico di una preparazione rettale dell'estratto di 640 di mg repens del Serenoa erano abbastanza simili a quelle osservate dopo amministrazione orale dei repens del Serenoa, solo T (massimo) ha accaduto circa 1 h più successivamente e concentrazione componente del plasma dei repens del Serenoa seconda 8 ore dopo che l'amministrazione della droga ancora è stata quantificata. La tollerabilità della droga era buona e nessun effetto contrario è stato osservato.



Prova controllata clinica sulla bioequivalenza e sulla tollerabilità terapeutiche di mg orale delle capsule 160 dei repens del Serenoa o di mg rettale delle capsule 640

Roveda S.; Colombo P.
Catt di Gastroenterologia Chirurgica, Ist di Clinica Chirurgica Generale, Di Pavia, Pavia Italia di Universita
Arch. MED. INTERNA (Italia), 1994, 46/2 (61-75)

Uno studio aperto, randomizzato, controllato è stato svolto in 60 pazienti prostatici benigni dell'ipertrofia. I pazienti sono stati randomizzati in due gruppi, i primi (30 casi) ricevendo le capsule orali dei repens del Serenoa (160 mg quattro volte un il giorno) per i 30 giorni e secondi (30 casi) ricevendo le capsule rettali dei repens del Serenoa (640 mg una volta al giorno) per i 30 giorni. L'efficacia clinica è stata valutata per mezzo di diminuzione dei punteggi assegnati a disuria, alla pollachiuria, alla dimensione della prostata ed al residuo di micturation. Nessuna differenza significativa è stata trovata fra i due gruppi e quindi la bioequivalenza terapeutica postulata fra le due terapie è stata dimostrata.



Prostaserene (r). Trattamento per BPH

Bruhwyler J.
Biostatistica di ricerca di Therabel, d'Alsemberg 1001, B-1180 Bruxelles Belgio di Chaussee
FUTURO delle DROGHE (Spagna), 1994, 19/5 (452-453)

L'estratto dei repens del Serenoa è un'alternativa terapeutica potenziale per il trattamento di delicato per moderare i sintomi dell'iperplasia prostatica benigna e sembra essere sicuro ed efficace nel trattamento dei problemi della minzione connessi con BPH.



L'estratto di repens del serenoa nel trattamento dell'iperplasia prostatica benigna: Un multicentrato apre lo studio

Braeckman J.
Dipartimento di urologia, AZ, VUB, Laarbeeklaam 101, 1090 Bruxelles Belgio
CURR. THER. Ricerca. CLIN. EXP. (U.S.A.), 1994, 55/7 (776-785)

Poiché l'ambulatorio prostatico non è il trattamento della scelta per la maggior parte dei pazienti con l'iperplasia prostatica benigna (BPH), l'effetto terapeutico di 160 mg, dose orale dell'estratto dei repens del Serenoa è stato studiato due volte al giorno durante la prova aperta di tre mesi in 505 pazienti con i sintomi delicati-tomoderate di BPH. L'efficacia del regime è stata valutata in 305 di questi pazienti. I parametri tradizionali per il prostatism di misura, quale lo spartito internazionale di sintomo della prostata, lo spartito di qualità della vita, le portate urinarie, volume urinario residuo e la dimensione della prostata, sono stati trovati per essere migliorati significativamente dopo i soltanto 45 giorni del trattamento. Dopo i 90 giorni del trattamento, una maggioranza dei pazienti (88%) ed i medici curante (88%) hanno considerato la terapia efficace. Inoltre, la concentrazione prostatico specifica nell'antigene del siero non è stata modificata dalla droga, così limitando il rischio di mascheramento dell'alcun sviluppo possibile di carcinoma della prostata durante il trattamento. L'incidenza degli effetti collaterali (5%) era bassa e paragona favorevole a quella riferita per le terapie mediche esistenti utilizzate nei pazienti di BPH. L'estratto di repens del Serenoa sembra essere un efficace ed agente farmacologico ben tollerato nel trattamento dei problemi di mictional che accompagnano BPH.



Combinazioni farmacologiche nel trattamento dell'ipertrofia prostatica benigna

Di Silverio F.; D'Eramo G.; G.P. di Flammia; Buscarini M.; Frascaro E.; Mariani M.; Sciarra A.
Dipartimento di urologia 'U. Bracci, università “La Sapienza„, V. Le Policlinico, 00161 Roma Italia
J. UROL. (La Francia), 1993, 99/6 (316-320)

Nello sviluppo della sintomatologia ostruttiva dell'ipertrofia prostatica benigna (BPH), due componenti possono essere identificate, meccaniche e dinamiche. Nella componente meccanica, l'interazione di un compartimento stromal ed epiteliale determina la crescita di massa prostatica. La componente dinamica comprende il tono muscolare regolare nella prostata e nell'uretra. La considerazione che la malattia prostatica è non solo epiteliale in origine, ma anche stromal, conduce all'associazione di un antiandrogen (che agisce sulla componente epiteliale) e un antiestrogen (attivo sulla componente stromal) nella terapia medica di BPH. Nel 1985 abbiamo effettuato uno studio randomizzato su 256 pazienti di BPH curati con l'acetato di Cyproterone (CPA) più il tamoxifene (TAM). Recentemente, abbiamo svolto un doppio studio multicentrato dei ciechi sui pazienti di BPH curati con l'associazione CPA più il Serenoa Repens. Una differenza statisticamente significativa nella riduzione del volume della prostata fra i gruppi curati con le combinazioni e quelli con le monoterapie è stata osservata. Lo sviluppo di nuovi composti, quali 5 alfa inibitori di aromatasi e della riduttasi, consensi per introdurre una terapia di associazione con meno effetti collaterali. Una seconda associazione farmacologica può essere ottenuta con i actings delle droghe sul meccanico e su altri che agiscono (sulla componente dinamica degli alfa stampi) di BPH. Questa combinazione può associare l'effetto sintomatico iniziale di alfa stampi con i risultati a lungo termine di un inibitore della riduttasi dell'alfa 5, di un antiestrogen o di un inibitore di aromatasi.



L'effetto di Permixon sui ricevitori dell'androgeno

EL-sceicco M.M.; Dakkak M.R.; Saddique A.
Dipartimento di Obsterics e di ginecologia, re Khalid University Hospital, Riyad Arabia Saudita
ACTA OBSTET. GYNECOL. SCAND. (La Svezia), 1988, 67/5 (397-399)

Permixon, l'estratto liposterolic del Serenoa Repens della pianta è una droga recentemente presentata per il trattamento dell'iperplasia prostatica benigna. L'effetto di Permixon sul diidrotestosterone e sul testosterone che legano da undici esemplari differenti del tessuto è stato provato. La droga ha ridotto l'assorbimento medio di entrambi gli ormoni di 40,9% e di 41,9% rispettivamente in tutti gli esemplari del tessuto. Dal irsutismo e dal virilismo sia tra altri problemi ginecologici ha causato o da eccessiva stimolazione dell'androgeno o risposta endorgan in eccesso, suggeriamo che Permixon potrebbe essere un trattamento utile in tali circostanze e raccomandare le indagini successive dei valori terapeutici possibili della droga nella pratica ginecologica.



Legando del permixon, un nuovo trattamento per l'iperplasia benigna prostatica, al ricevitore citosolico dell'androgeno nella prostata del ratto

Carilla E.; Briley M.; Fauran F.; et al.
Centre de Recherches Pierre Fabre, 81106 Castres Cedex FRANCIA
J. BIOCHIMICA DELLO STEROIDE. (L'INGHILTERRA), 1984, 20/1 (521-523)

L'iperplasia benigna della prostata è una manifestazione di invecchiamento, comprendente l'accumulazione all'interno della ghiandola, del diidrotestosterone, il mediatore probabile dell'iperplasia. Gli studi leganti sono stati svolti sul ricevitore androgeno citosolico della prostata del ratto facendo uso (sup 3H) del methyltrienolone come legante. Il grippaggio (sup 3H) del methyltrienolone a 5 nanometro, è stato inibito dalle varie droghe, quale l'acetato di cyproterone e di methyltrienolone. Permixon, un estratto liposterolic della pianta, Serenoa Repens B, inibisce in modo competitivo il grippaggio al ricevitore citosolico della prostata del ratto. Varia verdura ed oli minerali, lo steroide della pianta: beta-sitosterolo e la droga antiprostatic: Tadenan, era tutto trovato per essere inattivo. L'attività antiprostatic di Permixon indicata negli studi sugli animali e nei test clinici controllati, può derivare così da un'azione diretta al ricevitore citosolico.



Inibizione di metabolismo e di grippaggio dell'androgeno da un estratto liposterolic “di repens B del Serenoa„ nei fibroblasti umani del prepuzio

Sultano C.; Terraza A.; Devillier C.; et al.
INSERM U. 58, 34100 Montpellier FRANCIA
J. BIOCHIMICA DELLO STEROIDE. (L'INGHILTERRA), 1984, 20/1 (515-519)

Precedentemente abbiamo suggerito (steroidi 33, (1979) 3; Steroidi 37, (1981) 6) che i fibroblasti genitali coltivati della pelle dovrebbero risultare utile per la schermatura dei antiandrogens potenziali in essere umano e cellule bersaglio viventi. “L'estratto lipidico dei repens del Serenoa„ (S.R.E.) recentemente è stato riferito (Br. J. Pharmacol., in stampa) per inibire azione dell'androgeno in animali. La ricerca attuale è stata destinata per studiare il antiandrogenicity di questo composto in cellule umane; quindi abbiamo analizzato gli effetti di S.R.E sulla conversione intracellulare di testosterone (t) ai derivati 5alpha-reduced ed abbiamo studiato l'interazione di S.R.E con il complesso intracellulare del androgeno-ricevitore. Poiché la struttura chimica del componente attivo di S.R.E è ancora sconosciuta, i risultati sono espressi in U/ml (un'unità è definita mentre la quantità di S.R.E richiesto per inibire 50% del grippaggio specifico (ICsub 5sub 0) (sup 3H) di 1881 al cytosol della prostata del ratto). S.R.E. a U/ml di diluizioni (5,7 - 28,6) differente si aggiunge al terreno di coltura che contiene (sup 3H) T o (sup 3H) il diidrotestosterone (DHT) ed è incubato a 37degr. C con i fibroblasti coltivati. 28,6 U/ml S.R.E altera significativamente la formazione di DHT e forte inibisce una conversione mediata riduttasi di 3 ketosteroid di DHT a 5alpha-androstane-3alpha, 17beta-diol, caratterizzato radiochimico da cromatografia su strato sottile. S.R.E. è un buon concorrente per l'intero ricevitore dell'androgeno delle cellule: 7,1 U/ml S.R.E dà l'inibizione di 50% del grippaggio di 2 x 10sup - sup 9 m. (sup 3H) DHT al suo ricevitore. Analisi obbligatorie competitive dopo che il frazionamento delle cellule indica che S.R.E è meno potente in nucleare che in ricevitori del cytosol. La centrifugazione di pendenza del saccarosio del lysate radioattivo delle cellule del fibroblasto dimostra che 28,6 U/ml S.R.E aboliscono 70% del picco radioattivo ricevitore-complesso di 3,6 S. Gli studi presenti mostrano che S.R.E inibisce 5alpha-reductase, il legame della riduttasi di 3 ketosteroid e del ricevitore degli androgeni nei fibroblasti umani coltivati del prepuzio. Mentre la ricerca del antiandrogen ideale continua, S.R.E sembra essere un nuovo tipo di composto antiandrogenic come terapeutica per il trattamento dell'ipertrofia prostatica benigna, irsutismo e così via.



Gli effetti dell'hanno visto il palmetto di erbe mescolare dentro gli uomini con l'iperplasia prostatica benigna sintomatica

J Urol 2000 maggio; 163(5): 1451-6

SCOPO: Abbiamo verificato gli effetti dell'abbiamo visto il palmetto di erbe mescolare dentro gli uomini con l'iperplasia prostatica benigna sintomatica (BPH) via un randomizzato, prova controllata placebo. MATERIALI E METODI: Abbiamo randomizzato 44 anni degli uomini 45 - 80 con BPH sintomatico in una prova dell'abbiamo visto la miscela di erbe del palmetto contro placebo. Concluda il volume residuo post-minzionale dell'urina delle misure (punteggio di sintomo, uroflowmetry e) clinico sistematico incluso punti, gli studi di ematochimica (antigene specifico della prostata, ormoni sessuali ed analisi multiphasic), il volumetrics della prostata da imaging a risonanza magnetica e la biopsia della prostata per la morfometria di zona del tessuto e gli studi semiquantitativi dell'istologia. RISULTATI: Ha visto che gruppi di erbe di miscela e del placebo del palmetto aveva migliorato i parametri clinici con un leggero vantaggio in ha visto il gruppo del palmetto (non statisticamente significativo). Nè il volume specifico dell'antigene della prostata nè della prostata è cambiato dalla linea di base. La contrazione epiteliale della prostata è stata notata, particolarmente nella zona di transizione, di dove l'epitelio delle percentuali è diminuito da 17,8% alla linea di base a 10,7% dopo 6 mesi ha visto la miscela di erbe del palmetto (p <0.01). Gli esami istologici hanno indicato che le percentuali delle ghiandole atrofiche sono aumentato da 25. 2% - 40,9% dopo il trattamento con hanno visto la miscela di erbe del palmetto (p <0.01). Il meccanismo di azione è sembrato essere nonhormonal ma non è stato identificato dagli studi del tessuto sugli apoptosi, sulla proliferazione cellulare, sull'angiogenesi, sui fattori di crescita o sull'espressione del ricevitore dell'androgeno. Non abbiamo notato effetti contrari di abbiamo visto la miscela di erbe del palmetto. Quando lo studio più non è stato accecato, 41 uomo eletto per continuare terapia in un'estensione aperta dell'etichetta. CONCLUSIONI: Ha visto che miscela di erbe del palmetto sembra essere una cassaforte, opzione altamente desiderabile per gli uomini con BPH moderatamente sintomatico. Le misure secondarie di risultato di effetto clinico nel nostro studio erano soltanto leggermente migliori per hanno visto la miscela di erbe del palmetto che il placebo (non statisticamente significativo). Tuttavia, ha visto che terapia di erbe di miscela del palmetto è stato associato con la contrazione epiteliale, particolarmente nella zona di transizione (p <0.01), indicante un meccanismo possibile di azione che è alla base del significato clinico individuato in altri studi.



Insufficienza venosa cronica [effetti dell'estratto del seme dell'ippocastano su filtrazione transcapillary nell'insufficienza venosa cronica] (pubblicata in tedesco)

Osteologo Assoc 2000 di J febbraio; 100(2): 89-96

L'iperplasia prostatica benigna dell'ossequio europeo dei medici (BPH) con ha visto l'estratto del palmetto (SPE), mentre i medici americani trascurano generalmente SPE perché “la ricerca sta mancando di.„ Gli autori hanno studiato questa discrepanza con una ricerca di letteratura e un test clinico. La ricerca di letteratura ha cominciato con MEDLINE, quindi si è espanta alle basi di dati “alternative„, compreso AGRICOLA, EMBASE, IBIS e Cochrane, più una ricerca manuale delle pubblicazioni di erbe unindexed. Il test clinico era uno studio finalizzato sperimentale in cui un uomo di 67 anni con BPH sintomatico era a caso SPE amministrato (estratto standardizzato mg 160 due volte al giorno) o placebo. Le misure di risultato hanno compreso l'indice urologico americano di sintomo di associazione (AUASI), l'antigene prostatico specifico del siero ed il volume della prostata. La nostra ricerca di letteratura ampliata ha rivelato 58 test clinici, mentre MEDLINE ha reso soltanto 19 test clinici, o 33% del totale. Il nostro test clinico ha misurato un punteggio della linea di base AUASI di 20, che sono migliorato a 7 dopo amministrazione unblinded di SPE. Il placebo doppio accecato successivo ha prodotto uno spartito di 14 e l'assegnazione unico accecata finale di SPE ha prodotto uno spartito di 11. che l'antigene prostatico specifico era ng/ml 10,3 ng/ml alla linea di base e 10,7 alla conclusione della prova. Il volume prostatico della linea di base era di 92 ml ed il volume dell'estremità era di 75 ml. In conclusione, MEDLINE ha provato insufficiente come motore di ricerca autonomo per cercare le informazioni su una medicina di erbe. Il nostro studio finalizzato sperimentale, simile a N = 1 metodologia di ricerca, adatto provato a valutazione clinica di una medicina di erbe in un esercizio privato della professione rurale. SPE ha migliorato il BPH del paziente. Le erbe identiche di Unstandardized possono fungere da placebi non terapeutici e possono insidiare la fiducia del consumatore nella medicina di erbe.